Procedura : 2016/2933(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : B8-1255/2016

Testi presentati :

B8-1255/2016

Discussioni :

Votazioni :

PV 24/11/2016 - 8.6
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :


PROPOSTA DI RISOLUZIONE
PDF 172kWORD 72k
21.11.2016
PE593.689v01-00
 
B8-1255/2016

presentata a seguito di una dichiarazione del vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza

a norma dell'articolo 123, paragrafo 2, del regolamento


sulla situazione in Siria (2016/2933(RSP))


Javier Couso Permuy, João Pimenta Lopes, João Ferreira, Miguel Viegas a nome del gruppo GUE/NGL

Risoluzione del Parlamento europeo sulla situazione in Siria (2016/2933(RSP))  
B8-1255/2016

Il Parlamento europeo,

–  viste le sue precedenti risoluzioni sulla situazione in Siria e l'offensiva dell'ISIS, in particolare quelle dell'11 giugno 2015 sulla Siria: la situazione a Palmira e il caso di Mazen Darwish(1), del 30 aprile 2015 sulla situazione nel campo profughi di Yarmouk in Siria(2) e del 12 febbraio 2015 sulla crisi umanitaria in Iraq e in Siria, in particolare nel contesto dello Stato islamico (IS)(3),

–  viste le pertinenti risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite,

–  vista la Carta delle Nazioni Unite,

–  vista la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo,

–  viste le convenzioni di Ginevra sui rifugiati,

–  visto l'articolo 123, paragrafo 2, del suo regolamento,

A.  considerando che il conflitto in Siria è degenerato in una guerra sanguinosa in seguito all'interferenza di alcune potenze estere che hanno favorito, armato e finanziato i gruppi estremisti;

B.  considerando che la Siria sta attraversando attualmente il quinto anno di una guerra che ha causato 470 000 vittime, ha costretto 860 000 persone a vivere sotto assedio e ha provocato lo sfollamento di metà della popolazione siriana, con quasi 4,8 milioni di rifugiati; che la guerra in Siria è all'origine della più vasta e complessa crisi umanitaria del nostro tempo e che la situazione è in continuo peggioramento; che Aleppo rimane l'epicentro della crisi siriana, ma che i combattimenti continuano anche ad Hama, Idlib, nella parte nordoccidentale della Siria, nelle periferie di Damasco e a Deir ez-Zor;

C.  considerando che l'accordo stipulato il 26 settembre 2016 tra la Russia e gli Stati Uniti, i due paesi che detengono la copresidenza del gruppo internazionale di sostegno alla Siria, al fine di stabilire un cessate il fuoco nel paese non ha condotto al necessario allentamento della tensione sul campo; che la Russia ha annunciato una sospensione unilaterale delle ostilità per diversi giorni per consentire l'assistenza umanitaria ai civili nel settore di Aleppo sotto assedio;

D.  considerando che, conformemente al comunicato di Ginevra e alle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, è opportuno ricordare a tutte le parti la necessità che il conflitto in Siria sia risolto tramite un processo politico a guida siriana che porti a un accordo di pace in grado di soddisfare le legittime aspirazioni del popolo siriano;

E.  considerando che l'Unione europea e gli Stati Uniti stanno applicando sanzioni economiche e diplomatiche i cui effetti si ripercuotono principalmente sulla popolazione siriana;

F.  considerando che gli sforzi del governo siriano al fine di pervenire a una pace giusta mediante il dialogo si sono tradotti nella creazione della Commissione per la riconciliazione nazionale, nella riforma della Costituzione e nella convocazione di elezioni parlamentari libere lo scorso aprile;

1.  condanna con forza tutti i crimini commessi contro la popolazione civile in Siria; condanna nel modo più assoluto le sistematiche violazioni dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario risultanti dagli atti terroristici perpetrati dal cosiddetto Stato islamico (ISIL) e da altri gruppi armati radicali contro la popolazione siriana, che possono costituire crimini di guerra e crimini contro l'umanità;

2.  condanna fermamente il fatto che l'esercito statunitense abbia violato il cessate il fuoco stipulato tra il ministro degli Affari esteri russo Sergey Lavrov e il segretario di Stato degli USA John Kerry, sferrando un attacco che ha causato la morte di quasi 100 soldati siriani impegnati nella difesa della citta di Deir ez-Zor, accerchiata dall'ISIL, un attacco che John Kerry ha definito un "errore";

3.  è profondamente allarmato per il continuo peggioramento della disastrosa situazione umanitaria in Siria, dove oltre 13,5 milioni di persone hanno attualmente bisogno di assistenza umanitaria, circa 6,1 milioni di persone sono sfollati interni (oltre al mezzo milione di rifugiati palestinesi che si sono stabiliti in Siria) e diverse centinaia di migliaia di persone soffrono nelle zone sotto assedio;

4.  chiede a tutte le parti del conflitto di adottare le misure appropriate per proteggere i civili, conformemente al diritto internazionale, in particolare ponendo fine agli attacchi contro le strutture civili, quali centri medici, scuole e stazioni idriche, demilitarizzando immediatamente tali strutture, cercando di evitare di stabilire posizioni militari nelle aree densamente popolate e consentendo l'evacuazione dei feriti e di tutti i civili che desiderano lasciare le zone sotto assedio;

5.  ribadisce il suo appello a tutte le parti del conflitto di consentire immediatamente un intervento umanitario sotto l'egida delle Nazione Unite, di concedere un accesso rapido, sicuro e senza ostacoli in tutta la Siria tramite i percorsi più diretti che consentano di fornire l'assistenza umanitaria d'urgenza a tutte le persone in difficoltà, soprattutto in tutte le aree sotto assedio e nelle zone difficili da raggiungere, e di conformarsi immediatamente ai loro obblighi previsti dal diritto internazionale, compreso il diritto internazionale umanitario e il diritto internazionale in materia di diritti umani, ove applicabile;

6.  si oppone senza riserve all'idea che una soluzione a lungo termine del conflitto siriano possa essere trovata sulla base di azioni militari;

7.  sollecita con urgenza un cessate il fuoco sostenibile e duraturo, che è essenziale per pervenire a una soluzione politica del conflitto nella Repubblica araba di Siria e per porre fine ai gravi, sistematici e diffusi abusi e violazioni dei diritti umani e alle violazioni del diritto umanitario;

8.  sottolinea che la situazione umanitaria in Siria continuerà a deteriorarsi in assenza di una soluzione politica della crisi; sostiene con fermezza un dialogo politico pacifico e afferma la necessità di un processo a guida siriana che risponda alle aspirazioni legittime e alla volontà della popolazione siriana, compreso il diritto alla democrazia, alla sovranità e all'integrità territoriale della Siria; deplora il ritardo considerevole del processo politico pansiriano e chiede che non si verifichi nessun ulteriore rinvio dei negoziati inclusivi;

9.  condanna fermamente tutti i crimini commessi contro la popolazione civile in Siria, che possono costituire crimini di guerra e crimini contro l'umanità; manifesta preoccupazione per l'utilizzo di scudi umani da parte dell'ISIL nella città di Aleppo; constata con profonda preoccupazione e condanna fermamente l'aumento degli attacchi terroristici, compresi gli attacchi chimici e la repressione delle proteste civili contro tali gruppi terroristici, che hanno causato numerose vittime e ingenti danni per mano dell'ISIL (chiamato anche Daesh), del Fronte Al Nusra e di tutti gli altri individui, gruppi, imprese e entità associati con Al Qaeda, l'ISIL o altri gruppi terroristi;

10.  sottolinea che, nell'ambito di un dialogo credibile e inclusivo, il popolo siriano dovrebbe determinare il processo e i meccanismi appropriati per pervenire alla giustizia, alla riconciliazione, alla verità e alla definizione delle responsabilità in merito a gravi abusi e violazioni del diritto internazionale, nonché per stabilire risarcimenti e mezzi di ricorso efficaci per le vittime;

11.  sottolinea che il conflitto è stato esacerbato dal commercio e dalla fornitura di armi; condanna fortemente il ruolo che i vari interventi occidentali degli ultimi anni hanno svolto nel fomentare la radicalizzazione dei singoli, soprattutto in Medio Oriente e nei paesi del vicinato meridionale; evidenzia come tali politiche non stiano contrastando, bensì incentivando il terrorismo e dovrebbero pertanto essere abbandonate;

12.  condanna fermamente il sostegno diretto o indiretto (in termini di risorse finanziarie, armi, formazione, ecc.) che gli USA, l'UE, la Turchia e le monarchie della regione del Golfo forniscono ai gruppi terroristici; chiede, in particolare, agli Stati Uniti, agli Stati membri dell'UE e agli attori regionali, in particolare all'Arabia Saudita e alla Turchia, di smettere di finanziare qualsiasi milizia e segnatamente di interrompere l'acquisto di petrolio prodotto in giacimenti controllati dall'ISIL e trasportato su camion attraverso la Turchia, ritiene che siano necessari meccanismi per porre fine al finanziamento del terrorismo mediante entità estere a cui partecipano Stati e istituzioni finanziarie nonché al traffico di armi e alla compravendita di risorse energetiche e di materie prime a beneficio dei gruppi terroristici;

13.  sottolinea che la lotta al terrorismo non dovrebbe rappresentare un pretesto per esercitare violenza contro la popolazione civile e che le violazioni del diritto internazionale umanitario, ad esempio gli attacchi contro i civili e le infrastrutture civili o le limitazioni dell'accesso agli aiuti umanitari messe in atto da gruppi estremisti nei confronti delle persone siriane in difficoltà, sono inaccettabili; ribadisce che il terrorismo può essere eliminato solamente affrontandone le cause profonde, ovvero povertà, sfruttamento e incapacità della società di rispendere alle esigenze delle persone; ritiene che il pieno rispetto dell'indipendenza, della sovranità e dell'integrità territoriale di Stati quali la Siria, nonché il rispetto del carattere multiculturale delle loro società e dei principi democratici ivi presenti, costituiscano gli unici mezzi per evitare la diffusione dell'ISIL e ulteriori sofferenze tra la loro popolazione;

14.  esprime profonda preoccupazione per il numero crescente di rifugiati e di sfollati interni in fuga dalla violenza nella Repubblica araba siriana; accoglie con favore gli sforzi profusi dai paesi vicini per accogliere i rifugiati siriani e riconosce le conseguenze socioeconomiche derivanti dalla presenza di popolazioni di rifugiati molto numerose in tali paesi; incoraggia altri Stati al di fuori della regione, in particolare gli Stati membri dell'UE, a valutare a loro volta la possibilità di attuare misure e politiche simili, al fine di fornire protezione e assistenza umanitaria ai rifugiati siriani;

15.  osserva le necessità finanziarie in aumento e la mancanza persistente di finanziamenti per quanto concerne l'assistenza umanitaria fornita ai paesi vicini della Siria; invita gli Stati membri dell'UE a rispettare i loro impegni e a fornire il sostegno necessario alle Nazioni Unite, alle loro agenzie specializzate e ad altri attori umanitari, al fine di fornire assistenza umanitaria ai milioni di siriani sfollati sia all'interno del paese che nei paesi e nelle comunità ospitanti;

16.  invita le ambasciate e gli uffici consolari dell'UE a rilasciare immediatamente visti umanitari ai richiedenti asilo siriani e chiede all'l'UE e ai suoi Stati membri di dare applicazione agli impegni presi in materia di migrazione, in particolare tramite programmi di reinsediamento a livello dell'UE; sollecita la piena cooperazione da parte di tutti gli Stati membri dell'UE che partecipano a tali programmi;

17.  esorta l'UE a interrompere immediatamente le sanzioni economiche e diplomatiche contro la Repubblica araba siriana e a promuovere il processo politico inclusivo a guida siriana al fine di pervenire a una soluzione giusta e pacifica del conflitto;

18.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al presidente del Consiglio europeo, al presidente della Commissione, al vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, ai presidenti dei parlamenti degli Stati membri, al governo e al parlamento della Repubblica araba siriana, al Segretario generale delle Nazioni Unite, al Segretario generale dell'Unione per il Mediterraneo e alla Lega degli Stati arabi.

(1)

Testi approvati, P8_TA(2015)0229.

(2)

Testi approvati, P8_TA(2015)0187.

(3)

Testi approvati, P8_TA(2015)0040.

Avvertenza legale - Informativa sulla privacy