Procedura : 2020/2896(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : B9-0404/2020

Testi presentati :

B9-0404/2020

Discussioni :

PV 16/12/2020 - 14
CRE 16/12/2020 - 14

Votazioni :

PV 17/12/2020 - 15

Testi approvati :


<Date>{09/12/2020}9.12.2020</Date>
<NoDocSe>B9-0404/2020</NoDocSe>
PDF 130kWORD 42k

<TitreType>PROPOSTA DI RISOLUZIONE</TitreType>

<TitreSuite>presentata a seguito di dichiarazioni del Consiglio e della Commissione</TitreSuite>

<TitreRecueil>a norma dell'articolo 132, paragrafo 2, del regolamento</TitreRecueil>


<Titre>sulla necessità di una configurazione del Consiglio dedicata alla parità di genere</Titre>

<DocRef>(2020/2896(RSP))</DocRef>


<RepeatBlock-By><Depute>Jadwiga Wiśniewska, Margarita de la Pisa Carrión, Dominik Tarczyński, Bogdan Rzońca, Elżbieta Kruk, Derk Jan Eppink, Kosma Złotowski, Joachim Stanisław Brudziński, Andżelika Anna Możdżanowska, Ryszard Antoni Legutko, Beata Kempa, Zbigniew Kuźmiuk, Anna Zalewska, Grzegorz Tobiszowski</Depute>

<Commission>{ECR}a nome del gruppo ECR</Commission>

</RepeatBlock-By>


B9-0404/2020

Risoluzione del Parlamento europeo sulla necessità di una configurazione del Consiglio dedicata alla parità di genere

(2020/2896(RSP))

Il Parlamento europeo,

 visto l'articolo 8 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE),

 visto l'articolo 223, paragrafo 2, TFUE,

 visto l'articolo 240, paragrafo 3, TFUE,

 vista l'interrogazione al Consiglio sulla necessità di una configurazione del Consiglio dedicata alla parità di genere (O-000054/2020 – B9-0025/2020),

 visto l'articolo 132, paragrafo 2, del suo regolamento,

A. considerando che, secondo le disposizioni del TFUE, sia il Parlamento che il Consiglio hanno la responsabilità primaria della propria organizzazione lavorativa interna;

B. considerando che la parità tra uomini e donne è uno dei valori fondamentali dell'Unione europea e, di conseguenza, dovrebbe diventare un principio orizzontale che l'UE persegue in tutte le sue attività;

1. osserva che, poiché il TFUE stabilisce che l'Unione è tenuta a eliminare le disuguaglianze tra uomini e donne in tutte le sue attività, tutte le configurazioni di lavoro del Consiglio dedicate alle politiche settoriali devono attenersi al principio orizzontale summenzionato;

2. sottolinea che le configurazioni del Consiglio sono molto ampie e sono istituite in modo onnicomprensivo per consentire a tutti gli Stati membri di adattare universalmente le loro strutture governative interne alle configurazioni del Consiglio;

3. sottolinea che la mancanza di una configurazione formale e di un forum di discussione dedicato esclusivamente al conseguimento della parità tra uomini e donne non significa automaticamente una mancanza di impegno in tale ambito; osserva, in tale contesto, che il Consiglio e gli Stati membri non possono essere costretti ad allineare le proprie strutture organizzative a quelle della Commissione e del Parlamento, dal momento che tali organismi differiscono quanto alla loro natura fondamentale e alla finalità del loro funzionamento;

4. è del parere che il Consiglio, insieme ai rappresentanti degli Stati membri, debba essere indipendente e libero di decidere in merito alla propria struttura organizzativa e alle proprie configurazioni di lavoro dedicate alle varie politiche;

5. incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio e alla Commissione.

Ultimo aggiornamento: 14 dicembre 2020Note legali - Informativa sulla privacy