Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 15 novembre 2005 - Strasburgo Edizione GU

8. Comunicazione della Presidenza: vedasi processo verbale
MPphoto
 
 

  Lissy Gröner (PSE).(DE) Signor Presidente, sono appena arrivata e in questo momento sono fuori di me; nel corridoio che conduce qui dall’edificio Winston Churchill – da me appena attraversato – è stata infatti organizzata una mostra in cui viene dato contemporaneamente spazio all’aborto e ai campi di concentramento. Sono sdegnata che per l’ennesima volta si permetta il verificarsi di una cosa simile all’interno del Parlamento europeo.

(Applausi)

Benché questa mostra sia stata autorizzata, chiedo che venga immediatamente sospesa. Alcune foto sono infamanti per le donne e ne chiedo l’immediata rimozione.

(Applausi)

 
  
MPphoto
 
 

  Presidente. – Onorevole Gröner, la ringrazio e le prometto che, per quanto di competenza dell’Ufficio di Presidenza, trasmetteremo immediatamente questa segnalazione all’ufficio dei Questori, per verificare innanzi tutto se l’iniziativa fosse effettivamente autorizzata e per accertare se, in relazione ai suoi contenuti, esistano le condizioni per chiederne l’immediata sospensione.

 
  
MPphoto
 
 

  Geoffrey Van Orden (PPE-DE).(EN) Signor Presidente, chiedo l’indulgenza dell’Assemblea nel portare alla sua attenzione gli ultimi spaventosi sviluppi verificatisi nel caso delle infermiere bulgare detenute in Libia. Stamani la Corte suprema libica ha deferito al gennaio 2006 una decisione sul loro caso. I colleghi sapranno che si tratta di una vicenda davvero sconvolgente. Le infermiere sono in carcere ormai da più di sei anni e sono state condannate a morte da un anno. E’ vergognoso che il loro caso si stia trascinando in questo modo.

Chiedo quindi al Consiglio e alla Commissione di fare tutto il possibile per esercitare pressioni e influenza sulle autorità libiche in modo che questa vicenda possa giungere a una conclusione soddisfacente e sia possibile garantire il rilascio delle infermiere bulgare, nonché del medico palestinese.

(Vivi applausi)

 
  
MPphoto
 
 

  Presidente. – Accogliamo la mozione ai sensi dal Regolamento.

 
  
MPphoto
 
 

  Hannes Swoboda (PSE).(DE) Signor Presidente, sarò molto breve. Poiché la situazione descritta dall’onorevole Van Orden interessa in ugual misura tutti i gruppi, desidero accordargli il mio incondizionato sostegno e chiedere non solo alla Commissione, ma anche al Presidente di quest’Assemblea, di agire immediatamente per garantire finalmente il ritorno alla libertà delle infermiere e del medico palestinese.

(Applausi)

 
  
MPphoto
 
 

  Bernd Posselt (PPE-DE).(DE) Signor Presidente, ricollegandomi alle affermazioni dell’onorevole Gröner, vorrei chiedere all’Ufficio di presidenza di non esercitare alcun tipo di censura, ma piuttosto di permetterci di dare un’occhiata alla mostra – di cui non sono a conoscenza – per poi prendere una decisione a maggioranza domani, come avviene di consueto in una democrazia.

(Applausi)

 
  
MPphoto
 
 

  Presidente. – Per quanto riguarda l’ultimo intervento, garantisco all’onorevole Posselt che l’Ufficio di presidenza non intende assolutamente esercitare alcuna forma di censura. Abbiamo soltanto il dovere di verificare, tramite i Questori, se la prassi e la procedura per le autorizzazioni siano state effettivamente rispettate e se poi, nei contenuti, nelle forme e nelle immagini, l’iniziativa e la mostra siano conformi alle regole del Parlamento e alla prassi che seguiamo in ogni occasione del genere, verifica che immagino sarà sollecitamente svolta dall’ufficio dei Questori, senza che questi ultimi si trasformino in censori.

 
Note legali - Informativa sulla privacy