Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 19 gennaio 2006 - Strasburgo Edizione GU

Dichiarazioni di voto
MPphoto
 
 

Testo presentato : A6-0414/2005

  Philip Claeys (NI).(NL) Signor Presidente, trascorsi sei mesi dal “no” francese e olandese, vediamo il Parlamento europeo buttare nel cestino della carta straccia la volontà democraticamente espressa dalla maggioranza. Pare che la Costituzione debba assolutamente entrare in vigore nel corso del 2009, accada quel che accada. E’ assurdo che, tra le ragioni elencate nella relazione a sostegno della necessità di una Costituzione europea, figuri l’impossibilità di ulteriori allargamenti dopo l’adesione di Bulgaria e Romania sulla base del Trattato di Nizza attualmente in vigore.

Tutti sanno, infatti, che l’opposizione a ulteriori allargamenti, e sicuramente all’eventuale adesione della Turchia, è stata una delle ragioni più importanti del rifiuto della Costituzione. Oggi l’Aula dimostra ancora una volta quanto sia grande la distanza che la separa dai cittadini che nondimeno pretende di rappresentare.

 
Note legali - Informativa sulla privacy