Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2006/2058(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A6-0249/2006

Testi presentati :

A6-0249/2006

Discussioni :

PV 05/09/2006 - 18
CRE 05/09/2006 - 18

Votazioni :

PV 06/09/2006 - 7.6
CRE 06/09/2006 - 7.6
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P6_TA(2006)0341

Resoconto integrale delle discussioni
Mercoledì 6 settembre 2006 - Strasburgo Edizione GU

7.6. Migliorare la salute mentale della popolazione – Verso una strategia sulla salute mentale per l’Unione europea (votazione)
PV
  

– Prima della votazione sull’emendamento n. 48

 
  
MPphoto
 
 

  Zbigniew Zaleski (PPE-DE).(EN) Signor Presidente, nell’Unione europea non ci sono solo persone con gravi disturbi psicotici, ma anche persone con vari disturbi psicologici. Vorrei pertanto presentare il seguente emendamento orale al paragrafo 48 in modo che reciti “ritiene che il termine “trattamento” vada inteso in senso lato, comprendendo la psicoterapia effettuata da specialisti pienamente qualificati…”. Questa modifica non cambia molto, ma aggiunge qualcosa che riflette la situazione che affrontiamo nelle nostre società.

 
  
MPphoto
 
 

  John Bowis (PPE-DE), relatore. – (EN) Signor Presidente, questa proposta è accettabile.

 
  
  

(Il Parlamento respinge l’emendamento orale)

– Prima della votazione sugli emendamenti nn. 11 e 12

 
  
MPphoto
 
 

  Marios Matsakis (ALDE).(EN) Signor Presidente, vorrei solo presentare un breve emendamento orale agli emendamenti nn. 11 e 12. In entrambi gli emendamenti prima delle parole “nuovi Stati membri” si dovrebbero inserire le parole “alcuni dei”, cosicché il testo reciti: “in alcuni dei nuovi Stati membri”. L’obiettivo è di essere realmente corretti, giacché il contenuto dei due emendamenti non interessa tutti gli Stati membri, ma solo alcuni di essi.

 
  
MPphoto
 
 

  John Bowis (PPE-DE), relatore. – (EN) Signor Presidente, anche questa modifica è accettabile.

 
  
  

(Il Parlamento approva l’emendamento orale)

 
Note legali - Informativa sulla privacy