Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2006/0156(CNS)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A6-0477/2006

Testi presentati :

A6-0477/2006

Discussioni :

PV 31/01/2007 - 25
CRE 31/01/2007 - 25

Votazioni :

PV 01/02/2007 - 7.7
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P6_TA(2007)0017

Discussioni
Mercoledì 31 gennaio 2007 - Bruxelles Edizione GU

25. Accordo di partenariato CE/Gabon nel settore della pesca (discussione)
PV
MPphoto
 
 

  Presidente. – L’ordine del giorno reca in discussione la relazione presentata dall’on. Stavros Arnaoutakis, a nome della commissione per la pesca, sulla proposta di regolamento del Consiglio relativo alla conclusione di un accordo di partenariato nel settore della pesca tra la Comunità europea e la Repubblica del Gabon [COM(2006)0454 – C6-0303/2006 – 2006/0156(CNS)] (A6-0477/2006).

 
  
MPphoto
 
 

  Ján Figel’, Membro della Commissione. − (EN) Signor Presidente, il 28 ottobre 2005 la Comunità europea e la Repubblica del Gabon hanno negoziato e siglato un accordo di partenariato nel settore della pesca per un periodo di sei anni. Per decisione del Consiglio, il nuovo protocollo è applicato in via provvisoria dal dicembre 2005. Al momento della sua entrata in vigore, tale accordo abrogherà e sostituirà il precedente accordo tra Comunità economica europea e Repubblica del Gabon sulla pesca al largo delle coste gabonesi, entrato in vigore nel dicembre 1998.

Il corrispettivo finanziario è fissato a 860 000 euro l’anno, e il sessanta per cento di tale contributo sarà destinato al sostegno finanziario annuale per lo sviluppo e l’attuazione della politica settoriale della pesca nel Gabon, finalizzata all’introduzione di un’attività di pesca responsabile e sostenibile.

Il nuovo protocollo prevede possibilità di pesca per ventiquattro tonniere con reti a circuizione e sedici pescherecci con palangari di superficie, con un quantitativo di riferimento di 11 000 tonnellate annue.

L’accordo fa parte di un’importante rete di accordi comunitari per la pesca del tonno al largo delle coste occidentali dell’Africa.

La Commissione ritiene che l’accordo garantirà alla Comunità europea e al Gabon un quadro giuridico e politico adeguato, che permetterà di monitorare e controllare l’attività della flotta comunitaria nell’area di pesca del Gabon. Consentirà inoltre alla Comunità di sostenere lo sviluppo del settore in questo paese, a reciproco vantaggio delle parti.

 
  
MPphoto
 
 

  Stavros Arnaoutakis (PSE). − (EL) Signor Presidente, il 28 ottobre 2005 l’Unione europea e la Repubblica del Gabon hanno negoziato e siglato un accordo di partenariato pluriennale nel settore della pesca relativo alle relazioni tra la Comunità europea e la Repubblica gabonese in questo comparto. L’accordo di partenariato, corredato di un protocollo, è stato concluso per un periodo di sei anni, mentre le condizioni tecniche e finanziarie relative alla gestione delle attività di pesca sono entrate in vigore il 3 dicembre 2005.

L’obiettivo principale dell’accordo di partenariato, che supera il ristretto quadro commerciale del precedente accordo bilaterale, è quello di sviluppare, per mezzo della cooperazione generale in ambito economico e scientifico, una politica di pesca sostenibile, caratterizzata dallo sfruttamento responsabile delle risorse alieutiche, dal sostegno alle popolazioni costiere e dalla creazione di piccole industrie locali di congelamento e trasformazione. Un importante passo avanti è rappresentato dal controllo satellitare dei pescherecci, al fine di sradicare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata.

Come ha rilevato il Commissario Borg, responsabile per la pesca, questo nuovo accordo apre un nuovo capitolo nella cooperazione tra l’Unione europea e la Repubblica del Gabon, poiché incrementerà gli sforzi di questo paese per salvaguardare il futuro della pesca nelle sue acque. Occorre sottolineare che accordi come questo sono molto importanti anche perché promuovono lo sviluppo economico e la cooperazione con paesi terzi.

L’accordo siglato con il Gabon nel settore della pesca costituisce un ulteriore strumento di sviluppo con cui l’Unione europea intende ribadire la sua solidarietà e la sua volontà di continuare a cooperare con paesi terzi in via di sviluppo. Ritengo pertanto necessario che il Parlamento europeo, in quanto Istituzione eletta direttamente dai cittadini, venga informato con ampio anticipo, e non consultato a un anno di distanza al solo scopo di ratificare le decisioni prese.

 
  
MPphoto
 
 

  Carmen Fraga Estévez, a nome del gruppo PPE-DE. − (ES) Signor Presidente, vorrei protestare, per l’ennesima volta, contro il modo reticente e oscuro con cui si è soliti affrontare il tema della pesca. E’ ciò che si sta verificando anche oggi.

Ringrazio l’onorevole Arnaoutakis per la sua eccellente relazione. Data l’ora tarda, sarò concisa e mi limiterò a sottolineare tre aspetti che ritengo importanti riguardo al Gabon e agli accordi di pesca in generale.

In primo luogo sono costretta a rilevare, ancora una volta, il ritardo con cui la Commissione ha presentato questo tema al Parlamento europeo, e a sottolineare che l’Unione europea pagherà con un ritardo di almeno sei mesi la prima parte della compensazione finanziaria al Gabon. Ciò è inaccettabile e l’Unione non può provocare simili ritardi, soprattutto quando sono coinvolti paesi terzi dalle economie tanto fragili. Penso che si sia trovato un accordo con il Commissario Borg e mi auguro che in futuro simili ritardi non si ripetano.

In secondo luogo vorrei mettere in evidenza gli aspetti finanziari degli accordi di pesca in generale, di cui questo caso specifico costituisce un esempio disdicevole. A questo riguardo molti lamentano il fatto – e mi rincresce che siano assenti proprio coloro che più criticano gli accordi di pesca – che il settore della pesca non collabora, o contribuisce a malapena, al finanziamento di questi accordi. Di fatto, nel caso dell’accordo con il Gabon, il settore della pesca verserà quasi il venti per cento in più di ciò che stanzierà l’Unione europea dal bilancio comunitario. Questo dovrebbe rassicurare chi sostiene che il settore della pesca non contribuisce al finanziamento degli accordi.

Infine, signor Presidente, vorrei anche presentare alla Commissione una richiesta relativa agli accordi già avanzata più volte dalla commissione per la pesca: al fine di conseguire una maggior trasparenza, chiediamo che i deputati di questo Parlamento possano partecipare, in qualità di osservatori, alle commissioni miste incaricate di controllare l’attuazione degli accordi di pesca, obiettivo peraltro già raggiunto per le organizzazioni regionali di pesca. Poter prendere parte, in futuro, alle commissioni miste sarebbe un passo avanti importante. L’istanza è stata già avanzata l’altro giorno alla Presidenza in carica del Consiglio e spero che il Commissario Figel’ la trasmetta alla Commissione europea, in modo che sia possibile conseguire, tra le tre Istituzioni, una maggior partecipazione dei deputati. Credo che, anche solo per l’ora tarda a cui lavoriamo, meritiamo di partecipare come osservatori alle commissioni miste.

 
  
MPphoto
 
 

  Presidente. – On. Fraga Estévez, condivido il suo giudizio e trasmetterò alla Presidenza la sua preoccupazione circa la discriminazione operata tra argomenti. Forse è più giusto un principio di rotazione.

La discussione è chiusa.

La votazione si terrà giovedì, alle 11.30

 
Note legali - Informativa sulla privacy