Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 25 settembre 2007 - Strasburgo Edizione GU

Verso una politica estera comune dell'Europa in materia di energia (discussione)
MPphoto
 
 

  Gay Mitchell (PPE-DE), per iscritto. – (EN) E’ vitale garantire che i principi e gli obiettivi della politica di sviluppo dell’UE siano rispettati e promossi tramite le misure previste in materia di energia e di politica estera. L’accesso all’energia è un fattore essenziale per la crescita economica e per garantire le condizioni di vita di base di tutti gli esseri umani.

Gli Stati membri dell’UE e le società europee dell’energia cooperano ampiamente con i paesi in via di sviluppo nel campo dell’energia, eppure non sempre è chiaro fino a che punto i cittadini godano effettivamente di tali risorse. Per questo motivo sono favorevole a ogni misura tesa a promuovere la trasparenza, lo Stato di diritto e una migliore governance nel settore dell’energia.

Sviluppo economico non deve voler dire ricalcare le pratiche inquinanti dei paesi industrializzati. Molti paesi in via di sviluppo sono pesantemente dipendenti da fonti energetiche che emettono un alto tasso di anidride carbonica. Questi paesi hanno bisogno di assistenza per essere messi nelle condizioni di diversificare le loro fonti energetiche e raggiungere un mix più sostenibile. Deploro il diffuso utilizzo di centrali alimentate a carbone in Cina. Dovremmo fare il possibile per incoraggiare il passaggio a tecnologie pulite, costruendo una capacità energetica sostenibile e facilitando l’adozione di tecnologie pulite.

 
Note legali - Informativa sulla privacy