Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2007/0803(CNS)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A6-0507/2007

Testi presentati :

A6-0507/2007

Discussioni :

PV 31/01/2008 - 5
CRE 31/01/2008 - 5

Votazioni :

PV 31/01/2008 - 8.5
Dichiarazioni di voto
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P6_TA(2008)0028

Resoconto integrale delle discussioni
Giovedì 31 gennaio 2008 - Bruxelles Edizione GU

5. Cooperazione tra le unità speciali d’intervento degli Stati membri (discussione)
Processo verbale
MPphoto
 
 

  Presidente. − L’ordine del giorno reca la relazione presentata dall’onorevole Armando França a nome della commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni, sull’iniziativa della Repubblica d’Austria in vista dell’adozione di una decisione del Consiglio relativa al miglioramento della cooperazione tra le unità speciali d’intervento degli Stati membri dell’Unione europea in situazioni di crisi [15437/2006 – C6-0058/2007 – 2007/0803(CNS)] (A6-0507/2007).

 
  
MPphoto
 
 

  Armando França, relatore. – (PT) Il volto della vecchia Europa è cambiato. Oggi l’Unione europea, con 27 Stati membri e quasi 500 milioni di abitanti, si trova ad affrontare sfide complesse e stimolanti al contempo, ci impone di adottare una visione del mondo sempre più ampia nonché un approccio molto attento nei confronti di questioni quali il mantenimento della pace, la sicurezza, la stabilità, la libertà e l’esercizio della democrazia. Come saggiamente immortalata da Victor Hugo, esige che sappiamo quanta parte del futuro si possa introdurre nel presente, quale segreto dell’arte del buon governo. È, pertanto, la dimensione e la grande sfida della relazione in questione – la sfida della sicurezza di persone e proprietà nello spazio dell’UE – ed è un aspetto presente nelle vite quotidiane degli europei. Sto parlando di sicurezza, nello specifico, oggi e domani, ogni giorno, nelle strade, sul posto di lavoro, nel tempo libero e a casa, sulla terraferma, nel mare, nell’aria. È la sicurezza del nostro spazio comune che, senza essere imposta, garantisce e sostiene la libertà in una società equilibrata.

La libertà è una pietra miliare, un valore fondamentale dell’Unione; la sicurezza è uno strumento al servizio del benessere, offre stabilità e protegge la libertà. La libertà quale valore e la sicurezza in quanto strumento sono essenziali al progetto europeo. L’iniziativa dell’Austria, ripresa dalla Presidenza portoghese e da cui è scaturita la decisione del Consiglio, offre una cooperazione migliore tra le unità speciali d’intervento dell’Unione europea nelle situazioni di crisi. È quindi un’iniziativa valida e necessaria. Integra inoltre la Decisione di Prüm, dal momento che il Trattato prevede forme di assistenza solo in caso di disastri naturali o incidenti gravi. La relazione da me elaborata ha presentato 11 emendamenti alla proposta di decisione che definisce anche un minimo quadro generale per l’eventuale cooperazione in crisi provocate dall’uomo, dirottamenti aerei, attacchi terroristici ed eventi simili, ossia situazioni di crisi generate dall’uomo che rappresentino una seria minaccia fisica diretta per persone, proprietà, infrastrutture o istituzioni.

Nella proposta è prevista la cooperazione, cui è sempre possibile ricorrere, in termini di formazione, esercitazioni ed azioni organizzate dalle unità speciali d’intervento e gli Stati membri possono o meno richiederla, indicando di quale tipo di assistenza necessitano. L’efficacia e la prontezza d’intervento dipenderà sempre dal grado di preparazione, coordinamento, collegamento e dall’esistenza di metodi uniformi nel modus operandi delle unità d’intervento. Propongo, in primo luogo, di prevedere la possibilità di aderire a corsi di formazione ed esercitazioni e, in secondo luogo, che tali corsi ed esercitazioni siano finanziati a titolo del bilancio dell’Unione europea, in conformità degli articoli 30, 32 e 34 del Trattato sull’Unione europea. Vorrei inoltre puntualizzare che, secondo noi, le disposizioni in materia di responsabilità civile e penale applicabili nel caso di operazioni congiunte devono essere le stesse di quelle della Decisione di Prüm.

Signor Presidente, onorevoli colleghi, questa decisione del Consiglio è di estrema importanza. È una soluzione comune a questioni e minacce comuni a tutti gli Stati membri. È una soluzione che valorizza la cooperazione essenziale nella preparazione e nella reazione alle crisi provocate dall’uomo, che sono, sì, impreviste ma sempre possibili. Infine, desidero rivolgere un particolare ringraziamento per la cooperazione tecnica e istituzionale offertami e richiamare l’attenzione sugli emendamenti proposta dagli onorevoli Díaz de Mera, Demetriou e dall’onorevole Iotova che hanno migliorato e arricchito il mio progetto di relazione.

 
  
MPphoto
 
 

  Franco Frattini, Vicepresidente della Commissione. − (EN) Signor Presidente, ho sostenuto la presente iniziativa dell’Austria, cui la Presidenza portoghese ha impresso nuovo impulso, sin dall’inizio.

Sono fermamente convinto che la cooperazione pratica e operativa tra le unità speciali d’intervento nell’Unione europea sia di estrema importanza al fine di affrontare le situazioni che rappresentano una minaccia.

Innanzi tutto desidero ringraziare il relatore, onorevole França, per l’eccellente lavoro svolto in merito al presente fascicolo, nonché la commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni nel suo insieme per gli emendamenti molto validi presenti nella relazione.

Accolgo con favore gli emendamenti suggeriti dal Parlamento che mirano a migliorare l’iniziativa. Vorrei solo menzionare gli emendamenti per assicurarmi che non ci siano sovrapposizioni con la Decisione di Prüm, né questioni relative alla messa a punto di disposizioni in materia di responsabilità, alla ridefinizione o alla formulazione chiara e inequivocabile di “situazioni di crisi”, o un emendamento che riguardi la possibilità di ottenere finanziamenti per progetti comuni.

È opportuno sottolineare che le unità speciali d’intervento operano attualmente nel quadro della rete ATLAS. Organizzano corsi di formazioni ed esercitazioni comuni, progetti che noi finanziamo. Le dotazioni a favore di queste attività sono erogate dal 2006 a titolo del nostro bilancio; la mia proposta è di aumentare per il 2008 l’importo destinato ad ATLAS a 900 000 euro.

In conclusione, ribadisco il mio appoggio alla presente relazione e auspico fortemente che questo fascicolo registri rapidi progressi e che il Consiglio lo adotti quanto prima.

 
  
MPphoto
 
 

  Mihael Brejc, a nome del gruppo PPE-DE. – (SL) La decisione in questione relativa alla cooperazione tra le unità speciali d’intervento degli Stati membri nelle situazioni di crisi è uno dei tanti documenti che dovrebbero migliorare la prontezza e la capacità degli Stati membri a rispondere in modo adeguato alle situazioni di crisi, ad esempio gli atti di terrorismo. L’intervento nelle situazioni di crisi e nella lotta al terrorismo è un compito complesso che richiede una valida cooperazione tra tutti gli Stati membri.

Finora sono stati intrapresi non pochi sforzi per definire le basi politiche e giuridiche e adottare misure pratiche di prevenzione. Tuttavia, non abbiamo affrontato a dovere il problema delle cause e delle radici del terrorismo. Per questo motivo invito nuovamente la Commissione e il Consiglio a prestarvi maggiore attenzione. Anche il primo passo compiuto nel settore dello scambio di informazioni è stato una scelta positiva, ma non sufficiente. Le difficoltà finora incontrate sono imputabili ai concreti ostacoli formali che sorgerebbero qualora uno Stato membro in una situazione di crisi, diciamo un attacco terroristico, chiedesse aiuto a un altro Stato membro.

Al fine di intervenire con maggiore efficacia in situazioni di crisi, occorre che le autorità degli Stati membri cooperino tra loro. È necessario in particolare che le rispettive unità speciali si conoscano a fondo e instaurino una reciproca collaborazione. Questa decisione amplia la portata della cooperazione nel caso degli atti terroristici più gravi, vale a dire nelle reali situazioni di crisi. Consente a uno Stato, se richiesto, di fornire assistenza tramite le proprie unità speciali. Quest’ultimo non rappresenterà in alcun modo una minaccia alla sovranità dell’altro Stato, gli presterà semplicemente aiuto. Ciò è importante non solo a causa delle circostanze pratiche, ma anche perché consolida uno dei valori fondamentali dell’Unione europea, la solidarietà. Il mio gruppo appoggia la decisione in questione e auspichiamo che riceva un enorme consenso da parte di quest’Aula. Desidero ringraziare il relatore, l’onorevole França, per il suo prezioso lavoro.

 
  
MPphoto
 
 

  Bogusław Rogalski, a nome del gruppo UEN. (PL) Signor Presidente, nel discutere il progetto di risoluzione sull’iniziativa della Repubblica d’Austria in vista dell’adozione di una decisione del Consiglio relativa al miglioramento della cooperazione tra le unità speciali d’intervento degli Stati membri dell’Unione europea in situazioni di crisi, si deve tenere ben presente che nessun singolo Stato membro dispone di tutti i mezzi, di tutte le risorse e della competenza necessari per affrontare con efficacia tutte le possibili forme di minaccia su larga scala o di situazioni di crisi che richiedono un intervento speciale. È pertanto di importanza cruciale che ogni Stato membro possa chiedere l’assistenza di un altro Stato membro. Tale possibilità assume la massima rilevanza nel caso della lotta al terrorismo, alla criminalità organizzata e alla criminalità transfrontaliera, nonché nel caso di disastri e incidenti gravi.

Auspico altresì, e occorre tenerne conto, che l’emendamento presentato dal Parlamento introduca una un’esplicita garanzia concreta contro l’estensione non autorizzata, “per analogia”, di queste norme semplificate di cooperazione alle interazioni con i servizi di paesi terzi, al fine di evitare abusi, ad esempio, in interventi dubbi e affinché tali interventi non avvengano in violazione dei diritti degli Stati membri.

 
  
MPphoto
 
 

  Athanasios Pafilis, a nome del gruppo GUE/NGL. (EL) Signor Presidente, l’iniziativa austriaca e la relazione della Commissione si propongono di rafforzare ulteriormente la cooperazione tra le unità speciali d’intervento degli Stati membri dell’UE, e di migliorare l’organizzazione delle operazioni congiunte in ogni Stato membro, presumibilmente per contrastare gli attacchi terroristici. Tali operazioni sono già contemplate nella Decisione di Prüm, in virtù della quale le forze di polizia saranno completamente libere di intervenire e di condurre azioni sul territorio di uno Stato membro, anche con l’impiego delle armi.

Da alcuni anni a questa parte l’Unione europea è terreno fertile per l’“isterismo del terrore”, l’insicurezza e la paura di un nemico invisibile. I diritti umani fondamentali e le libertà democratiche sono oggetto di drastiche limitazioni, il tutto allo scopo di una presunta lotta contro questo nemico.

Ma chi è di fatto il nemico dell’Unione europea? Sentiamo parlare di terrorismo da molti anni; in realtà, l’Unione europea sta cercando di salvaguardare le sue politiche e di proteggere il sistema economico e politico dall’opposizione dei lavoratori. La stessa relazione lo ammette. Qualsiasi affermazione formuli riguardo al terrorismo e a fenomeni analoghi è teorica: legalizza l’intervento e le operazioni congiunte di polizia anche, questo sostiene, in casi in cui c’è solo il sospetto che siano stati commessi crimini, o di una minaccia alla proprietà facente parte delle infrastrutture dello Stato o di organizzazioni pubbliche, o, ancora, di reati non meglio specificati. È proprio questa formulazione deliberatamente ambigua che può essere utilizzata per giustificare eventuali interventi; può persino sopprimere forme classiche di mobilitazione popolare o protesta, quali, ad esempio, l’occupazione simbolica di strade ed edifici pubblici, gli scioperi su larga scala e l’organizzazione di raduni.

Questo, pensiamo, sia l’obiettivo della relazione e questo è il motivo per cui non siamo d’accordo. Ci opponiamo. Non voteremo a favore dell’iniziativa e della relazione e invitiamo i cittadini a tutelare i loro diritti individuali e democratici.

 
  
MPphoto
 
 

  Andreas Mölzer (NI). (DE) Signor Presidente, gli esperti in grado di svolgere compiti che presentano un elevato rischio di pericolo apportano senz’altro un prezioso contributo alla sicurezza – su cui siamo d’accordo –, esattamente come la cooperazione rafforzata e programmata è un vantaggio nel caso di una minaccia terroristica. Gli attuali sviluppi sono in qualche modo allarmanti, proprio a causa del crescente tasso di criminalità. Le stazioni di polizia vengono smantellate e le unità speciali ridotte di numero proprio quando dobbiamo intensificare la lotta per contrastare bande criminali sempre più prive di scrupoli che si fregano le mani per la contentezza ogni volta che si abbatte un’altra frontiera. Date queste premesse, l’UE vuole ancora rendere quanto più possibile difficile per i cittadini responsabili proteggersi con le armi e ha contribuito, con queste errate visioni multiculturali, a una società multicriminale con zone proibite (no-go-areas) e la propensione della violenza ad aumentare.

È ovviamente importante che la preparazione ad affrontare un atto terroristico non sia a scapito della lotta contro la criminalità. Sono dell’avviso che dovremmo porre termine a questa pratica insensata di recuperare funzionari di polizia per le unità antiterrorismo e chiudere unità speciali funzionanti solo allo scopo di creare nuove unità speciali, contro bande giovanili, per esempio.

 
  
MPphoto
 
 

  Hubert Pirker (PPE-DE). (DE) Signor Presidente, signor Commissario, a differenza degli oratori che mi hanno preceduto, accolgo con favore l’iniziativa in questione e la introdurrei affermando “le cose buone richiedono tempo”. Per questa ragione l’iniziativa austriaca risale a un’iniziativa dei capi di Stato e di governo del 2004 e affronta il problema di come ogni Stato membro possa essere assistito al meglio da unità speciali nel caso di un attacco terroristico. Non ha quindi nulla a che vedere con la questione evocata nel precedente intervento né comprendo il gruppo confederale della Sinistra unitaria europea/Sinistra verde nordica che semplicemente scarta questo tipo di iniziativa di reciproco aiuto attraverso l’impiego di unità speciali.

Sappiamo che nessuno Stato membro può essere costantemente protetto contro qualsiasi eventualità. Pertanto, con questa iniziativa il Parlamento si sforza anche di trovare le soluzioni per fornire l’assistenza transfrontaliera nel miglior modo possibile, ma soprattutto con la massima rapidità, in una circostanza speciale di questo genere, e in particolare nel caso di attacchi terroristici, cattura di ostaggi e dirottamenti aerei.

Siamo estremamente favorevoli alle proposte aggiuntive del Parlamento, in quanto rendono più semplice stabilire chi, ad esempio, in ultima analisi debba farsi carico dei costi, segnatamente lo Stato membro che chiede l’assistenza, o decidere quali norme applicare se i funzionari sono operativi in un altro Stato membro, tra cui le norme sulla responsabilità. Approvo che siano previsti anche corsi di formazione comuni affinché le unità speciali combinino le rispettive esperienze e che sarebbero necessari anche per migliorarle sotto il profilo operativo. Mi congratulo con il relatore. Il gruppo del Partito popolare europeo (Democratici cristiani) e dei Democratici europei appoggerà questa iniziativa.

 
  
MPphoto
 
 

  Presidente. − Posso concedere la parola solo con la procedura “catch the eye” agli onorevoli colleghi che non siano intervenuti prima nel dibattito e non mi sembra che nessuno di coloro che non hanno parlato mi chieda di prendere la parola.

Inoltre, mi è stato comunicato, che il Vicepresidente Frattini non ha intenzione di intervenire a nome della Commissione. Concedo pertanto la parola per due minuti al relatore, onorevole França, in modo che possa chiudere questa discussione.

 
  
MPphoto
 
 

  Armando França, relatore. (PT) Desidero innanzi tutto ringraziare per le parole espresse nei confronti del lavoro che ho svolto, della relazione e dei colleghi della commissione di cui sono membro. Ringrazio inoltre il Commissario Frattini e gli altri deputati che si sono pronunciati a favore della relazione e dell’iniziativa dell’Austria, nonché il Consiglio e la Presidenza portoghese per aver deciso di darvi seguito.

Vorrei sottolineare un aspetto che reputo molto importante. In quest’area, la sicurezza, ribadisco, la sicurezza è uno strumento, non un valore; è uno strumento al servizio della libertà e al servizio dell’esercizio reale e concreto dei diritti fondamentali specificatamente dei cittadini dell’UE. Un altro aspetto che non mi sembra meno rilevante è che la presente decisione non favorirà alcun intervento, come è stato detto in quest’Aula; la decisione promuoverà un elemento essenziale dell’integrazione dell’UE, vale a dire la cooperazione tra gli Stati membri, e incentiverà anche la cooperazione nell’ambito di corsi di formazioni ed esercitazioni comuni, e di conseguenza la prevenzione. Solo quando uno Stato membro si rivolgerà a un altro ci sarà la possibilità di intervenire in specifiche situazioni di crisi, e questo sarà ovviamente un elemento che dovrà essere valutato dagli Stati membri interessati.

Ho anche proposto di prevedere un finanziamento a titolo del bilancio dell’UE principalmente per stimolare e consolidare la cooperazione in questo ambito, nonché per fornire un sostegno finanziario agli Stati membri che ne hanno bisogno.

Infine, vorrei aggiungere che è importante attuare, eseguire e accelerare questo testo perché le situazioni di crisi che minacciano la sicurezza e, di conseguenza, la nostra libertà in uno Stato membro dell’UE, possono emergere in qualsiasi momento, un giorno o l’altro e indebolire la fiducia di tutti i 500 milioni di cittadini dell’Unione.

 
  
MPphoto
 
 

  Presidente. − Onorevole França, congratulazioni per la sua eccellente relazione.

La discussione è chiusa

La votazione si svolgerà alle 11.00.

Dichiarazioni scritte (articolo 142)

 
  
MPphoto
 
 

  Marianne Mikko (PSE), per iscritto. (EN) Lavoriamo a stretto contatto per conseguire l’obiettivo di ridurre al minimo l’esigenza di unità speciali d’intervento. Per quanto valide siano le unità e la loro cooperazione, un grammo di prevenzione è sempre meglio che un chilo di cura.

Ritengo che la certezza di una risposta coordinata e vigorosa farà sì che qualsiasi sequestratore, terrorista o criminale senza scrupoli rifletta due volte prima di agire.

Questo significa che non dovrebbero frapporsi inutili ostacoli, che non devono essere previsti incentivi che compromettano la nostra sicurezza a favore di regole procedurali.

Credo che la rete attualmente proposta di accordi bilaterali risponderà perfettamente alle nostre esigenze. Solo i vicini possono garantire una reazione rapida, che il più delle volte viaggia a braccetto con la necessità di un intervento speciale.

D’altro canto, nell’ipotesi che più Stati membri vengano attaccati contemporaneamente, come potrebbe avvenire nel caso di ciberattacchi, abbiamo bisogno di trasparenza e di una determinata coerenza di accordi in seno all’Unione europea.

La presente relazione fa parte di una complessa equazione, il cui risultato potrebbe cambiare non appena subentrano dati nuovi. Non dobbiamo interpretare l’attuale accordo come un’intesa permanente. Dobbiamo essere pronti a sviluppare questa cooperazione in una politica comunitaria.

I miei complimenti al relatore.

 
  
  

(La seduta, sospesa alle 10.50, riprende alle 11.00)

 
  
  

PRESIDENZA DELL’ON. PÖTTERING
Presidente

 
  
MPphoto
 
 

  Presidente. − Onorevoli colleghi, ieri il collega Martin Schulz ha formulato un’osservazione in quest’Aula rivolta a un altro membro di quest’Assemblea, il cui contenuto era molto specifico. Il Presidente non può accogliere la sostanza di tale dichiarazione. Io, pertanto, respingo e censuro il contenuto della dichiarazione.

 
Note legali - Informativa sulla privacy