Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2008/2633(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

RC-B6-0523/2008

Discussioni :

PV 08/10/2008 - 25
CRE 08/10/2008 - 25

Votazioni :

PV 09/10/2008 - 7.12
CRE 09/10/2008 - 7.12
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P6_TA(2008)0474

Discussioni
Mercoledì 8 ottobre 2008 - Bruxelles Edizione GU

25. Governance artica in un mondo globalizzato (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 
 

  Presidente . − L'ordine del giorno reca la discussione sull'interrogazione orale alla Commissione presentata dagli onorevoli Wallis, Raeva e Lebech, a nome del gruppo dell'Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa sulla governance artica in un mondo globalizzato (O-0084/2008 – B6-0467/2008).

 
  
MPphoto
 

  Diana Wallis, autore. (EN) Signor Presidente, la regione artica è stata definita l'ultima frontiera dell'immaginario. Per molte persone rappresenta un luogo speciale. Ci troviamo a metà dell'Anno internazionale per i Poli: in occasione dell'ultima ricorrenza di questo tipo è stata redatta la Carta per l'Antartico.

La situazione dell'Artico è diversa: nella regione sono presenti popoli e nazioni, ed è interessata dai cambiamenti climatici, con tutti i rischi, le sfide e le opportunità che essi comportano. Da tempo sostengo la necessità di una politica per l'Artico – magari attraverso il meccanismo per la dimensione settentrionale – e un mese fa ho avuto il piacere di partecipare a una conferenza in Groenlandia, a nome del nostro presidente, alla quale erano presenti oltre una decina di funzionari della Commissione di diverse direzioni generali. Finalmente si è compreso che si tratta di una questione importante.

Siamo ansiosi di conoscere la prossima comunicazione della Commissione, ma questa risoluzione ha lo scopo di dare a lei, signor Commissario, il coraggio di osare e dimostrare quanto quest'Aula abbia a cuore la questione. Indubbiamente, dobbiamo tutelare la fragilità dell'ambiente artico. È sicuramente necessario individuare strategie sostenibili per sviluppare le risorse presenti nel continente artico, in particolare quelle di tipo energetico. Senza dubbio, dobbiamo analizzare i modi per sfruttare in sicurezza eventuali vie marittime emergenti.

E l'elenco delle cose da fare potrebbe continuare ancora. Vorrei esprimere la mia gratitudine ai colleghi per aver collaborato a questa importantissima risoluzione. Quando il nostro continente superò il periodo della Guerra fredda, Gorbačëv affermò che l'Artico sarebbe dovuto diventare una zona di pace e cooperazione internazionale. Ritengo che l'Unione europea abbia il dovere di assicurare la concreta realizzazione di questo progetto, sia per i paesi artici membri dell'UE sia per i paesi confinanti. Vi invito quindi a dimostrare coraggio nella comunicazione.

 
  
MPphoto
 

  Vladimír Špidla, membro della Commissione. (FR) Signor Presidente, onorevoli deputati, questa discussione si tiene in un momento particolarmente propizio. Nella sua comunicazione dell'ottobre 2007 sulla politica marittima integrata per l'Unione europea, la Commissione aveva annunciato la revisione degli interessi comunitari nella regione artica entro la fine del 2008. Al momento sta apportando gli ultimi ritocchi alla revisione sotto forma di una comunicazione intitolata "L'Unione europea e la regione artica", che prevediamo di adottare a metà novembre. L'Artico riveste un'importanza sempre maggiore per il mondo e l'Unione europea vi è indissolubilmente legata. Le politiche comunitarie su questioni quali cambiamenti climatici, energia, trasporto e pesca hanno un effetto diretto sulla regione artica.

Il territorio di tre Stati membri si estende infatti in quest’area. Le aree marittime e terrestri di questa regione sono vulnerabili e costituiscono una delle componenti essenziali dell'ecosistema terrestre. Le conseguenze dei cambiamenti climatici si stanno manifestando più rapidamente e con maggiore incidenza nell'Artico rispetto a qualsiasi altra zona della Terra. Dall'inizio del secolo, la nostra azione esterna a favore del Nord è stata guidata con successo dalla politica per la dimensione settentrionale. Nel documento orientativo del 2006 sulla dimensione settentrionale - adottato in collaborazione con Russia, Norvegia e Islanda - viene riconosciuto l'Artico, compresa la regione del Mare di Barents come area strategica

Ciononostante, la politica sulla dimensione settentrionale si è sempre concentrata maggiormente sull'Europa, e in particolare sulla Russia nordoccidentale. La futura comunicazione, che sarà esaustiva, intende proporre per l'Unione europea un ruolo più dinamico e coordinato rispetto all'Artico e un'azione articolata intorno a tre obiettivi principali: tutela e conservazione dell'Artico in collaborazione con i suoi abitanti; promozione dello sfruttamento sostenibile delle risorse della regione; e miglioramento della governance multilaterale dell'area.

I cambiamenti climatici sono il risultato di un processo a livello globale e l'Unione europea deve continuare a mantenere un ruolo di primo piano nell'affrontarli. La comunicazione attribuirà priorità assoluta alla tutela e alla conservazione ambientale, pur senza escludere lo sfruttamento sostenibile delle risorse presenti nell'Artico.

La Commissione – in stretta collaborazione con i paesi della ragione – prevede inoltre di incrementare il contributo comunitario all'Artico e soprattutto alla relativa governance, come indicato nella dichiarazione di Ilulissat annunciata dai cinque paesi artici nel maggio 2008. Pare che non sussistano ancora le condizioni per un quadro giuridico vincolante specifico per la regione e bisogna quindi applicare l'ampia base giuridica stabilita dalla Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto marittimo e altre convenzioni interventistiche.

E’ tuttavia evidente la necessità di applicare pienamente il quadro giuridico esistente e assicurare che venga rispettato, mentre si procede al suo completamento e adattamento alle nuove realtà. Il nostro obiettivo è contribuire a un sistema fondato sulla cooperazione che assicuri la crescita di questa regione, nonché libertà e pari opportunità in termini di accesso. È essenziale migliorare il coordinamento e fornire orientamenti di maggiore rilevanza strategica.

La Commissione presenterà una serie di proposte rivolte in particolare all'ampliamento della finestra artica prevista dalla politica della dimensione settentrionale. Auspichiamo che la comunicazione possa ispirare una riflessione dettagliata sulle varie questioni affrontate e getti le basi della futura politica comunitaria per l'Artico. La comunicazione incoraggerà l'adozione di un approccio maggiormente coordinato alla regione artica e sarà seguita da una profonda analisi delle varie tematiche, gettando quindi le basi per una politica comunitaria globale sulla regione.

Non vi è dubbio che una politica più forte per quest'area fungerà da punto di partenza per le future discussioni sul destino dell'Artico e consentirà all'Unione europea di dare un contributo importante fin da subito.

 
  
MPphoto
 

  Tunne Kelam, a nome del gruppo PPE-DE. – (EN) Signor Presidente, vorrei ringraziare l'onorevole Wallis per aver dato vita a questa discussione e alla risoluzione e lo faccio per molti motivi: innanzi tutto, alla regione artica mancano ancora norme e disposizioni legislative multilaterali. In particolare, il traffico marittimo non è regolamentato da norme di sicurezza internazionali e ciò pone seri rischi per il prossimo futuro.

In secondo luogo, nella regione è in atto un profondo cambiamento climatico contro cui dobbiamo intervenire.

Terzo, l'Artico assume crescente rilevanza economica, poiché potrebbe ospitare circa un quinto dei giacimenti di petrolio e gas del mondo ancora inesplorati. In effetti diversi paesi interessati sono già interessati per assicurarsi l'accesso e il controllo di tali risorse: il fatto che lo scorso anno sia stata piantata una bandiera russa sotto il Polo Nord è un segnale di interesse.

Invitiamo pertanto la Commissione a presentare una comunicazione sulla regione artica, rilevando le principali problematiche e proponendo procedure operative. In particolare, ci aspettiamo che la Commissione metta all'ordine del giorno la politica energetica e di sicurezza di quest'area.

L'Unione europea deve elaborare politiche proprie sull'Artico, che coinvolgano due paesi a noi molto vicini: Islanda e Norvegia. La dimensione settentrionale dell'UE copre in parte i problemi dell'Artico, ma è chiaro che serve una politica comunitaria complessiva per affrontare l'ampio e rilevante contesto delle questioni legate alla regione. Invitiamo infine la Commissione ad avviare negoziati internazionali per concludere finalmente un trattato internazionale per la tutela dell'Artico.

 
  
MPphoto
 

  Michel Rocard, a nome del gruppo PSE. – (FR) Signor Presidente, signor Commissario, molti in quest'Aula hanno appena avuto il piacere di sentirla elencare una serie di sviluppi positivi mai citati prima d'ora, che senza dubbio compariranno nella comunicazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio, che attendiamo di conoscere. Dalla sua risposta desumo tuttavia che non ci sia piena consapevolezza del fatto che gli eventi si stanno susseguendo molto rapidamente.

Innanzi tutto, il gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici – che gode di un consenso scientifico ormai condiviso – ci ha riferito che l'Artico deve affrontare sfide ben più serie di quanto non si ipotizzasse soltanto quattro o cinque anni fa. Le condizioni di vita del popolo Inuit sono in pericolo, così come la biodiversità e molte specie animali, tra cui gli orsi polari.

In secondo luogo, quest'estate, per la prima volta dopo molti millenni, è stato possibile percorrere la via marittima dell'Artico da est a ovest, un evento davvero eccezionale. Di recente sono stati inoltre resi noti danni alla regione legati alla presenza di chiazze di petrolio e alla degassificazione.

In terzo luogo, l'onorevole collega del PPE ha appena ricordato che è stata piantata la bandiera russa al Polo Nord, raggiunto dai russi grazie a un sottomarino. Che cosa significa questo gesto? La Russia sta dichiarando l’intenzione di ampliare le proprie acque territoriali fino a includere l'intera piattaforma continentale, ovvero il 38 per cento della superficie complessiva dell'Artico. Si tratta di una premessa preoccupante, che preannuncia la militarizzazione della regione artica. L'unico modo, signor Commissario, di fermare questo processo – oggetto di esame da parte delle Commissione delle Nazioni Unite sui limiti della piattaforma continentale – è avviare le trattative finalizzate per un trattato di protezione internazionale, un'opzione mai menzionata prima d'ora.

Con la Groenlandia e la Danimarca, l'Unione europea annovera un paese che confina con la regione artica e altri due situati nel territorio dell'Artico. Intratteniamo intensi legami con l'Islanda e l'UE ha l'autorità per chiedere – e credo ce ne sia urgente bisogno, nell'interesse sia della sicurezza sia della politica per il trasporto marittimo e la conservazione climatica – a questo paese di portare avanti iniziative in grado di produrre un surplus energetico.

Dobbiamo avviare subito i negoziati per un trattato a tutela dell'Artico, sull'esempio di quello antartico. Posso affermarlo perché ero tra i promotori di tali negoziati, ed è con questo obiettivo in mente che propongo di intraprendere un'azione in tempi rapidi: non c'è tempo per rimandare. È necessario agire prima che la commissione ONU completi l'analisi delle pretese avanzate dalla Russia.

 
  
MPphoto
 

  Danutė Budreikaitė a nome del gruppo ALDE.(LT) Soltanto di recente, l'Artico è stato oggetto delle politiche di sicurezza nazionale e di indagini di ricerca da parte dei paesi di questa regione. Oggi, alla luce dei cambiamenti climatici e dello scioglimento dei ghiacciai, altri aspetti come la tutela ambientale, le risorse energetiche e la salute umana stanno acquisendo importanza prioritaria. Purtroppo, il principale interesse pare essere quello economico, relativo in particolare alle fonti energetiche e all'introduzione di nuove rotte marittime per il trasporto di merci e passeggeri. Secondo i dati scientifici, nell'Artico si trova il 30 per cento delle riserve di gas mondiali ancora inesplorate, il 20 per cento dei giacimenti di gas liquido e il 13 per cento del petrolio. Negli ultimi anni, attraverso determinate iniziative e una posizione perentoria, i paesi della regione artica e molti altri hanno manifestato piuttosto chiaramente l'intenzione di sfruttare in maniera preponderante le risorse dell'Artico. Questi paesi non concordano peraltro sulla divisione delle relative sfere d’influenza nella regione. Accolgo con favore le proposte della dichiarazione per l'elaborazione di una politica UE-Artico che includa questioni economiche e ambientali, nonché l'adattamento delle popolazioni locali a taluni aspetti dei cambiamenti climatici. Quanto all'energia, la questione della regione artica dovrebbe rientrare nella politica energetica comunitaria: è ora di passare dalle parole ai fatti.

 
  
MPphoto
 

  Satu Hassi, a nome del gruppo Verts/ALE. – (FI) Signor Presidente, onorevoli deputati, un sentito ringraziamento all'onorevole Wallis e agli altri deputati che hanno sollevato la questione. Dallo spazio, si vede che la temperatura sul pianeta Terra sta aumentando e lo possiamo constatare quando in estate il ghiaccio intorno al Polo Nord si fa sempre più sottile, un processo che dovrebbe allarmarci e spingerci a intraprendere azioni più incisive per tutelare il clima. E’ invece servito solamente a far scattare la corsa allo sfruttamento delle riserve di petrolio e gas dell'Artico. La contraddizione è evidente.

Un trattato internazionale sulla gestione della regione artica è indubbiamente necessario, ma il punto di partenza e l'obiettivo principale dell’iniziativa deve essere la tutela della regione sotto forma di moratoria, come è stato per l'Antartico. Se la nostra risposta allo scioglimento dei ghiacci del Nord è semplicemente incrementare lo sfruttamento delle risorse di combustibile fossile, non faremo altro che aggravare il problema dei cambiamenti climatici.

 
  
MPphoto
 

  Avril Doyle (PPE-DE). - (EN) Signor Presidente, l'Artico riveste un ruolo geostrategico sempre più rilevante nel mondo e in seguito ai cambiamenti climatici globali si stanno aprendo vie marittime finora impraticabili.

La cosa non dovrebbe tuttavia sorprenderci, visto che l'Artico ha registrato un riscaldamento molto più rapido, con un incremento della temperatura di 2°C negli ultimi cento anni rispetto a un aumento medio di 0,6°C nel resto del mondo. Questo ecosistema fragile e vulnerabile subisce una pressione sempre maggiore da parte di paesi alla ricerca di risorse, intenzionati a sfruttarne il potenziale. In assenza di una governance multilaterale, nulla garantisce che tali paesi tengano nella dovuta considerazione lo stile di vita sostenibile delle popolazioni indigene e la fondamentale importanza dell'Artico come elemento stabilizzatore del clima mondiale.

L'Artico è fondamentale per la stabilità delle condizioni climatiche globali e invito la Commissione a sincerarsi che questo impegno venga incluso nella prossima comunicazione sulla politica per l'Artico, insieme – naturalmente – alla questione dell'energia e della sicurezza.

Come si legge al paragrafo 9 della nostra risoluzione, "dati il suo impatto sul clima mondiale e il suo particolare ambiente naturale, [l'Artico] merita di essere oggetto di una considerazione particolare in sede di definizione della posizione dell’Unione europea in vista della conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico COP 15, in programma nel 2009 a Copenhagen", e nella discussione di un quadro per la governance multilaterale di quest'area unica nel suo genere.

 
  
MPphoto
 

  Libor Rouček (PSE) . – (CS) Onorevoli deputati, l'Artico è l'unica regione al mondo non ancora disciplinata da regolamenti e norme multilaterali. Tuttavia, da qualche tempo l'interesse verso quest'area e la sua importanza geopolitica e strategica sono cresciuti in maniera sorprendente. Il traffico marittimo nell'Artico, sia di tipo commerciale che turistico, è in aumento, così come l'interesse per le risorse minerarie dell'area. I cambiamenti climatici influiscono negativamente sulle condizioni di vita della popolazione autoctona e sulla biodiversità. Per tutte queste ragioni, la questione dell'Artico deve essere affrontata a livello internazionale, allo scopo di concludere un trattato per la tutela dell'area, sul modello del Protocollo di Madrid nel contesto del trattato antartico del 1993. Poiché tre paesi artici sono Stati membri dell'Unione europea e altri due fanno parte dello Spazio economico comune, l'Unione europea dovrebbe rappresentare uno dei principali attori nelle future trattative internazionali sull'Artico.

Come abbiamo sentito, la Commissione europea attualmente sta lavorando a una comunicazione sulla propria politica relativa all'area artica. Nella nostra proposta di risoluzione comune invitiamo la Commissione a tenere in considerazione tutti gli aspetti sopra esposti. Riteniamo essenziale assicurare che l'Artico e l'Oceano artico rimangano liberi da forze militari e armi nucleari, come auspicato poc'anzi dall'onorevole Wallis. Vorremmo inoltre invitare la Commissione a riflettere sull'opportunità di stabilire una sezione specializzata per l'area artica, finalizzata a conseguire tali obiettivi e affrontare le relative problematiche.

 
  
MPphoto
 

  Richard Seeber, relatore. (DE) Signor Presidente, come sicuramente tutti sappiamo, sebbene disponiamo di alcune informazioni sull'Artico, in generale si tratta ancora di una terra inesplorata, nel verso senso della parola, per quanto riguarda il diritto internazionale. L'onorevole Kelam accennava al vuoto legislativo in materia di traffico marittimo.

Per quanto riguarda le risorse naturali – si stima infatti che il 22 per cento delle riserve mondiali di petrolio e gas si trovino nella regione artica – quest'area riveste una enorme importanza per il futuro dell'Europa. Presentare questa risoluzione sotto la guida dell'onorevole Wallis assume pertanto particolare rilievo.

Ora spetta in gran parte alla Commissione presentare un piano, una strategia che preveda obiettivi e iniziative specifiche. A mio parere, è questo che ancora manca. Seppure si è cominciato a occuparsi del problema, manca ancora un orientamento strategico. Questa volta non vogliamo arrivare per secondi! Alcuni paesi al confine con l'Artico, soprattutto la Russia, stanno già tentando di passare ai fatti, ed è difficile mettere reagire in modo appropriate alle mosse di una grande potenza come la Russia, se per farlo ci si impiega tanto tempo.

L'Europa nel suo complesso non deve lasciarsi assoggettare agli Stati membri. La regione riveste per noi grande interesse ed è inaccettabile accordare un vantaggio a certi Stati membri a causa del malfunzionamento della PESC. L'interesse comune di tutta l'Europa è troppo importante.

Rinnovo pertanto il mio appello alla Commissione perché presenti quanto prima una strategia specifica e precisa, al fine di poterla discutere in quest'Aula. La posta in gioco è troppo alta per concedersi incertezze.

 
  
MPphoto
 

  Vladimír Špidla, membro della Commissione. (CS) Signor Presidente, onorevoli deputati, credo che la discussione dimostri chiaramente che si tratta di un problema che tocca interessi strategici fondamentali, che lo si consideri dal punto di vista della tutela ambientale o da quello geopolitico. Dimostra altresì che non rimane più molto tempo e che vi sono chiare motivazioni perché l'Unione europea delinei la propria politica. Tuttavia, è chiaro che alcune soluzioni sono complesse, come lo è la situazione generale dell'Artico, dal punto di vista sia del diritto comunitario che internazionale. Dobbiamo ricordare, per esempio, che i principali paesi, come Norvegia, Islanda, Groenlandia e la Federazione russa, non sono membri dell'Unione europea e, pertanto, la nostra strategia non può basarsi sull'esercizio di diritti costieri o territoriali.

Rimane tuttavia la necessità di elaborare una strategia. In ogni caso, la Commissione sta ora lavorando a questa strategia e la relativa comunicazione sarà presentata a breve, proprio nelle prossime settimane. Onorevoli deputati, non c'è tempo sufficiente per rispondere a tutte le vostre osservazioni, ma ho preso nota e la Commissione ne terrà conto. Come ho brevemente tentato di spiegare, alcune questioni sono estremamente complicate e complesse.

 
  
MPphoto
 

  Presidente . − Comunico di aver ricevuto tre proposte di risoluzione ai sensi dell'articolo 108, paragrafo 5, del regolamento.

La discussione è chiusa.

La votazione si svolgerà domani.

Dichiarazioni scritte (articolo 142 del regolamento)

 
  
MPphoto
 
 

  András Gyürk (PPE-DE), per iscritto. – (HU) Negli ultimi anni, il Polo Nord è diventato uno dei simboli del cambiamento climatico. A causa delle sue risorse naturali intatte, questa regione potrebbe ben presto trasformarsi nell'epicentro di un conflitto internazionale. Si prevede quindi una costante rivalutazione della regione, per comprendere se vi siano Stati seriamente intenzionati ad avanzare pretese sul territorio.

Seppure non spetti al Parlamento europeo entrare nel merito di discussioni geografiche sulla corretta collocazione della regione, vorrei portare alla vostra attenzione una serie di punti.

In primo luogo, se vi sono questioni irrisolte, le soluzioni andrebbero ricercate attraverso i canali giuridici e diplomatici, anziché piantando una bandiera nella regione. Ritengo che il diritto internazionale vigente – seppure tutt'altro che perfetto – possa fornire un quadro di riferimento per la composizione delle controversie attraverso lo strumento della diplomazia.

D'altro canto, se si considera la crescente domanda dell'Europa, le risorse intatte del Polo Nord potrebbero contribuire alla sicurezza dell'approvvigionamento energetico europeo. Dobbiamo quindi dichiarare che lo sfruttamento non deve stravolgere l'equilibrio biologico della regione: le considerazioni di ordine ambientale devono essere rispettate in ogni caso. A mio parere, in questo caso la legislazione internazionale vigente non è di aiuto.

Credo sia importante sottolineare che lo sfruttamento delle risorse della regione artica rivestirebbe soltanto un ruolo supplementare all'approvvigionamento energetico europeo, né l'esistenza, di per sé, di tali risorse limiterebbe il ricorso alle fonti di energia rinnovabile e il costante sforzo per aumentare l'efficienza energetica.

 
Note legali - Informativa sulla privacy