Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 18 novembre 2008 - Strasburgo Edizione GU

Dichiarazioni di voto
MPphoto
 
 

Testo presentato : A6-0391/2008

  John Attard-Montalto (PSE), per iscritto. − (EN) Nell’Unione europea si consuma troppo poca frutta e verdura rispetto alle raccomandazioni dell’OMS che prevedono almeno 400 grammi al giorno. Tra i bambini si registra un’obesità dilagante, fenomeno particolarmente grave a Malta.

Un consumo elevato di frutta e verdura riduce il rischio di contrarre un gran numero di malattie e previene il sovrappeso.

Nel 2007 l’organizzazione del mercato della frutta e della verdura è stata oggetto di una radicale riforma verso un maggiore orientamento del mercato. Ora frutta e verdura sono pienamente integrati nel sistema di pagamento unico.

Un peso eccessivo comporta un maggior rischio di patologie cardiovascolari, diabete, ipertensione e alcune forme tumorali. Il nostro obiettivo sarebbe un consumo giornaliero di 600 grammi a partire dagli 11 anni di età.

La Commissione propone uno stanziamento di 90 milioni di euro sul bilancio comunitario, che corrisponde a un frutto una volta alla settimana per 30 settimane all’anno coprendo i bambini in età dai 6 ai 10 anni.

Per ottenere tutti gli effetti positivi dell’introduzione del programma a favore del consumo di frutta nelle scuole, occorre incrementare i fondi. Un siffatto programma dovrebbe distribuire una porzione di frutta al giorno per alunno e non limitarsi unicamente ai bambini della fascia di età dai 6 ai 10 anni.

 
Note legali - Informativa sulla privacy