Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2008/2126(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A6-0446/2008

Testi presentati :

A6-0446/2008

Discussioni :

PV 15/12/2008 - 22
CRE 15/12/2008 - 22

Votazioni :

PV 16/12/2008 - 3.25
CRE 16/12/2008 - 3.25
Dichiarazioni di voto
Dichiarazioni di voto
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P6_TA(2008)0608

Discussioni
Lunedì 15 dicembre 2008 - Strasburgo Edizione GU

22. Pratiche sleali delle società di compilazione degli annuari (breve presentazione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 
 

  Presidente. L’ordine del giorno reca una breve presentazione della relazione (A6-0446/2008), presentata dall’onorevole Busuttil a nome della commissione per le petizioni, sulla relazione inerente alle pratiche sleali delle società di compilazione degli annuari (petizioni 0045/2006, 1476/2006, 0079/2003, 0819/2003, 1010/2005, 0052/2007, 0306/2007, 0444/2007, 0562/2007 e altre) [2008/2126(INI)].

 
  
MPphoto
 

  Simon Busuttil, relatore. − (MT) Questa relazione è stata stilata perché il Parlamento europeo ha ricevuto oltre 400 petizioni dai suoi cittadini, in specie da piccole imprese che sono rimaste vittima di pubblicità ingannevole dopo essere state inserite, senza averlo richiesto, in annuari commerciali. Le vittime ricevevano un modulo come questo, con la richiesta di compilarlo, ed erano anche indotte a pensare che in tal modo chiedevano l’inserimento gratuito in un annuario. Successivamente, però, ricevevano una lettera dalla quale apprendevano che, senza saperlo, avevano sottoscritto un contratto che le obbligava al pagamento di un migliaio di euro per tre anni. Ecco cosa è successo alle vittime di queste pratiche, che noi riteniamo siano fraudolente. Vorrei aggiungere che la società proprietaria dell’annuario European City Guide è quella citata più spesso nelle petizioni. Vale la pena osservare che detta società ha anche esercitato notevoli pressioni sui deputati al Parlamento europeo per cercare di bloccare o contrastare l’approvazione delle relazioni di cui ci stiamo occupando. Per fortuna, però, non c’è riuscita, nonostante non ci abbia sempre fornito informazioni corrette. Quali sono stati i risultati della relazione? Abbiamo scoperto che esiste un problema molto concreto, che è diffuso e riscontrabile in tutta l’Unione europea. E’ emerso inoltre che questo problema riguarda numerose piccole imprese nonché professionisti e altre persone che non necessariamente possiedono una società. Abbiamo accertato che esso investe società a livello transnazionale e che ha non soltanto un forte impatto finanziario ma anche pesanti conseguenze psicologiche sulle vittime di questi raggiri, le quali, dopo essere state imbrogliate e convinte a firmare questo modulo, vengono perseguitate dalla società autrice della truffa affinché paghino. Cosa proponiamo con la relazione? Primo, abbiamo elencato una serie di misure per innalzare il livello di consapevolezza e quindi ridurre il numero delle persone che finiscono in questa trappola. Secondo, dobbiamo assicurare che la legislazione europea vigente sia applicata in maniera debita. In merito va rilevato che ogni volta che la questione è stata posta all’attenzione della Commissione, questa ha risposto dicendo che spetta agli Stati membri decidere, a loro discrezione, se dare esecuzione a livello nazionale alle norme comunitarie. Siamo consapevoli di tale potere discrezionale; vorrei tuttavia ricordare alla Commissione che è compito della Commissione europea garantire che la normativa comunitaria sia attuata efficacemente negli Stati membri. Proponiamo altresì di emendare le disposizioni europee per poter affrontare meglio questo particolare problema. Abbiamo scoperto, per esempio, che il modello austriaco è esemplare perché l’Austria ha modificato le proprie norme nazionali in modo che possano essere applicate specificamente in casi come questo, di annuari commerciali fraudolenti. La mia ultima osservazione riguarda la necessità di aiutare le vittime consigliando loro di non effettuare pagamenti alle società che pubblicano annuari commerciali prima di essersi informate adeguatamente. In conclusione vorrei ringraziare la commissione per le petizioni, che ha approvato la relazione all’unanimità, e tutti i miei collaboratori. Il mio caloroso ringraziamento va altresì al segretario della commissione, signor Lowe. Adottando la relazione potremo lanciare due messaggi chiari: innanzi tutto alle vittime, perché dimostreremo loro che comprendiamo la situazione in cui si trovano e le sosteniamo pienamente; in secondo luogo, alle società truffaldine che compilano annuari commerciali, alle quali faremo sapere che le teniamo sotto stretta osservazione e manderemo l’avvertimento di porre fine immediatamente ai loro imbrogli.

 
  
MPphoto
 

  Vladimír Špidla, membro della Commissione. (FR) Signor Presidente, la Commissione apprezza gli sforzi profusi dal Parlamento europeo per stilare questa relazione, di cui esaminerà con attenzione le conclusioni.

Vorrei sottolineare, come segnala chiaramente la relazione stessa, che, nella misura in cui il problema in esame concerne le relazioni tra imprese, non è possibile applicare gran parte della legislazione comunitaria sulla protezione dei consumatori, compresi la direttiva 2005/29 relativa alle pratiche commerciali sleali tra imprese e consumatori e il regolamento (CE) n. 2006/2004 sulla cooperazione nel campo della tutela dei consumatori.

Una certa forma di tutela è tuttavia garantita dalla direttiva 2006/114/CE sulla pubblicità comparativa e fuorviante. In conformità di queste direttive, spetta alle pubbliche autorità responsabili della vigilanza sull’esecuzione della normativa e/o ai tribunali competenti degli Stati membri dai quali tali imprese svolgono le loro attività stabilire, su base individuale, se una comunicazione commerciale sia fuorviante, nonché adottare idonee azioni coercitive.

Desidero sottolineare che, per esempio, diverse autorità e diversi tribunali competenti della Spagna e del Belgio hanno già adottato misure coercitive contro simili pratiche, ottenendo una serie di risultati positivi.

La direttiva relativa alle pratiche commerciali sleali non copre le operazioni commerciali tra imprese perché mancano argomenti a sostegno di una completa armonizzazione delle norme nazionali sulla concorrenza sleale. Una direttiva completamente armonizzata sulle pratiche sleali tra imprese e consumatori era già di per sé una proposta molto ambiziosa e sarebbe fallita se il suo ambito di applicazione fosse stato ampliato alle pratiche di concorrenza sleale tra imprese.

La consultazione che sta alla base della proposta e il lavoro svolto all’interno del Consiglio hanno rivelato che mancava quasi del tutto il sostegno a un’estensione dell’ambito di applicazione della direttiva alle pratiche commerciali sleali tra imprese. Mentre alcuni Stati membri erano favorevoli all’estensione dell’ambito di applicazione della direttiva alla concorrenza sleale, altri si sono espressi a favore della protezione dei consumatori ma contro l’introduzione a livello comunitario di un sistema armonizzato aggiuntivo di norme sulla concorrenza sleale.

Sebbene la Commissione non possa agire contro le imprese coinvolte in queste pratiche, è riuscita a rendere sensibilizzare le potenziali vittime su tale problema portandolo all’attenzione di varie organizzazioni professionali europee. Esso è stato sollevato nello specifico all’interno della Business Support Network; allo stesso tempo, la direttiva sulle piccole imprese chiama gli Stati membri a tutelare le loro piccole e medie imprese da pratiche inique. La Commissione continuerà a valutare altri modi per sensibilizzare ancora di più le imprese, ove lo reputi opportuno.

Inoltre, la Commissione ha contattato le competenti autorità degli Stati membri interessati – Spagna, Austria e Germania – invitandole a occuparsi della situazione in atto e chiedendo loro ulteriori informazioni. Le risposte ricevute hanno dimostrato con chiarezza che le autorità nazionali sono al corrente del problema e dispongono di norme idonee ad affrontarlo; laddove necessario, hanno già attuato le misure previste.

 
  
MPphoto
 

  Presidente. La discussione è chiusa.

La votazione si svolgerà martedì, 16 dicembre 2008.

Dichiarazioni scritte (articolo 142 del regolamento)

 
  
MPphoto
 
 

  Richard Corbett (PSE), per iscritto. (EN) Avendo condotto per anni una campagna contro queste organizzazioni truffaldine, sono molto lieto di dare il mio appoggio alla relazione.

Si tratta di un problema di portata transfrontaliera. Ogni anno, migliaia di imprese, associazioni benefiche e gruppi di volontariato in tutta Europa vengono indotti con l’imbroglio a firmare ciò che sembra una richiesta del tutto innocente di registrazione in un annuario. In realtà, si tratta di un raggiro a causa del quale diventano loro malgrado parte firmataria di un contratto complesso e subiscono poi aggressive sollecitazioni di pagamento, senza alcuna possibilità di disdire il contratto.

E’ essenziale colmare le lacune giuridiche che consentono a quelle imprese di compiere le loro fraudolente attività. In particolare, invito la Commissione a seguire la raccomandazione principale formulata nella relazione e a proporre al Parlamento un ampliamento dell’ambito di applicazione della direttiva relativa alle pratiche commerciali sleali, al fine di vietare specificamente le registrazioni a fini pubblicitari in questi annuari, a meno che il relativo annuncio non informi chiaramente i potenziali clienti che quello che viene loro offerto è un contratto a pagamento.

Tali raccomandazioni sono ovvie dal punto di vista giuridico, e l’Austria ha già aggiornato la sua trasposizione della direttiva relativa alle pratiche commerciali sleali per includere proprio queste disposizioni; nondimeno, la loro formulazione esplicita garantirebbe una maggiore tutela delle imprese e di altre organizzazioni che finiscono vittima di simili raggiri e farebbe capire chiaramente a chi li compie che ha i giorni contati.

 
Note legali - Informativa sulla privacy