Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Resoconto integrale delle discussioni
Lunedì 19 aprile 2010 - Strasburgo Edizione GU

15. Interventi di un minuto su questioni di rilevanza politica
Video degli interventi
Processo verbale
MPphoto
 

  Presidente. – L’ordine del giorno reca gli interventi di un minuto su questioni di rilevanza politica.

 
  
MPphoto
 

  John Bufton (EFD).(EN) Signor Presidente, la ringrazio per avermi nuovamente dato la parola. Alla luce di quanto è stato affermato e del preavviso estremamente limitato, la invito ancora una volta a riconsiderare la questione delle votazioni durante la prossima tornata del 5 e 6 maggio.

E’ alquanto probabile che la maggior parte dei colleghi del Regno Unito non sarà presente perché proprio il 6 maggio si terranno le elezioni politiche nel nostro paese. Sarà assente l’intero paese e si discuteranno argomenti per i quali il Regno Unito non verrà rappresentato. La invito a considerare l’opzione del 4 maggio – anticipando di un paio di giorni – perché negare questo voto equivale a negare al Regno Unito la possibilità di opporsi o sostenere misure...

(Il Presidente interrompe l’oratore)

 
  
MPphoto
 

  Presidente - Mi permetta di risponderle: tratterò con estrema serietà quanto lei ha affermato, ma abbiamo due giorni, il 5 e il 6 maggio. Decideremo come procedere con le votazioni previste e come suddividerle.

 
  
MPphoto
 

  Presidente – Prima di iniziare, vorrei fare un annuncio. Come tutti sappiamo, l’articolo 150 del regolamento prevede gli interventi di un minuto. L’esperienza ci insegna che le richieste di intervento sono più del doppio rispetto a quante se ne possano accettare in considerazione del tempo disponibile. Il disappunto espresso dai colleghi che intendevano prendere la parola e che non ne hanno avuto l’opportunità è inevitabile. Per sgombrare il campo da ulteriori incertezze e rimpianti, in futuro applicherò la seguente procedura per gli interventi di un minuto. Ai sensi dell’articolo 150 del regolamento, verrà redatto un elenco di 30 oratori, scelti in modo da mantenere l’equilibrio in termini di rappresentanza geografica e politica. La priorità sarà accordata ai deputati che non hanno avuto l’opportunità di tenere un intervento di un minuto durante le due tornate precedenti. A tutti i colleghi che hanno chiesto la possibilità di parlare sarà comunicato preventivamente se sono stati selezionati o meno. I deputati scelti per prendere la parola dovranno essere presenti in Aula al momento del loro turno.

 
  
MPphoto
 

  Jolanta Emilia Hibner (PPE).(PL) Signor Presidente, vorrei attirare l’attenzione dell’Aula sulla questione degli alimenti geneticamente modificati. La Commissione europea sta elaborando una proposta di modifica alla normativa UE, per accordare agli Stati membri maggiore libertà rispetto all’autorizzazione degli organismi geneticamente modificati, poiché attualmente la normativa non consente di introdurre un divieto sugli OGM negli Stati membri.

La Commissione europea proporrà, a breve, la possibilità per gli Stati membri di decidere individualmente in merito alla coltivazione di piante geneticamente modificate; le decisioni sull’importazione e la trasformazione di semi OGM rimarrebbero tuttavia di competenza comunitaria. Alla luce di questo, dobbiamo considerare se introdurre un’etichetta speciale per i prodotti privi di OGM. Questa etichetta deve essere chiara e universalmente riconoscibile, affinché i consumatori europei sappiano che il prodotto che stanno acquistando non deriva da animali nutriti con mangimi geneticamente modificati. Dobbiamo, pertanto, pensare a un design specifico per l’etichetta.

 
  
MPphoto
 

  Traian Ungureanu (PPE).(EN) Signor Presidente, vorrei ricordare all’Aula che, un anno fa, una serie di abusi perpetrati da comunisti ha scatenato una rivolta popolare nella Repubblica di Moldova. Dalla protesta è salita al potere una coalizione filoeuropea e, un anno dopo, il nuovo governo ha dato prova delle proprie posizioni europeiste. Il governo moldovo necessita del sostegno immediato dell’Unione europea e sono tre i modi in cui possiamo aiutare la Moldova: assistenza finanziaria rapida, abolizione del regime dei visti e conclusione di un accordo di associazione.

In questo contesto mi preme menzionare anche il caso di Ernest Vardanian, un giornalista arrestato, tenuto in isolamento e condannato per alto tradimento dalle cosiddette autorità in Transnistria. Si tratta di una grave violazione dei diritti umani. Chiedo all’alto rappresentante per gli affari esteri e al capo delegazione dell’UE in Moldova di intervenire urgentemente per ottenere il rilascio immediato del giornalista detenuto.

 
  
MPphoto
 

  Anna Záborská (PPE). (SK) Signor Presidente, Segretario generale, signor Commissario, dovrei tenere il discorso che avevo preparato, ma sono sopraggiunte circostanze eccezionali. Sappiamo tutti che le condizioni meteorologiche non agevolano la nostra riunione qui a Strasburgo e causano difficoltà, il che è stato fonte di ansia e stress per molti onorevoli colleghi e funzionari.

Vorrei cogliere quest’opportunità per ringraziare lei, signor Presidente, e anche il segretariato generale sotto la guida di Klaus Welle, per non aver lasciato nulla al caso e averci fornito le migliori condizioni di lavoro possibili.

Dal primo giorno in cui si sono presentati problemi nel settore dell’aviazione, il Parlamento ha lavorato alla riorganizzazione degli spostamenti verso Strasburgo, pertanto vorrei esprimere i miei più sinceri ringraziamenti a nome di quanti non possono essere qui oggi. Grazie molte.

 
  
MPphoto
 

  Hans-Peter Martin (NI).(DE) Signor Presidente, ho cercato di attirare la sua attenzione poco fa, quando stava parlando delle nuove regole per gli interventi di un minuto. Essendo originario della Polonia, saprà benissimo che cosa significa avere diverse classi di persone e parlamentari. Chiederei, però, che anche i colleghi delle file posteriori siano presi in considerazione per quanto riguarda i richiami al regolamento.

Vorrei porre alcune domande specifiche. In primo luogo, potrebbe chiarire se con “le due prossime tornate” intende quelle previste per Strasburgo o se include anche Bruxelles?

In secondo luogo, come si comporterà se – come è appena successo – alcuni deputati non saranno presenti per diverse ragioni, anche se avevano chiesto di intervenire? Ci saranno forse ancora alcuni minuti dedicati alla procedura catch the eye?

Infine, terza domanda, ai sensi di questa nuova lodevole efficienza potrebbe iniziare subito leggendo i nomi dei 30 oratori previsti per oggi?

 
  
MPphoto
 

  Presidente. – La ringrazio per il suo secondo commento. L’applicazione delle nuove regole inizierà con la riunione di Bruxelles. La tornata di Bruxelles sarà la prima disciplinata dalle nuove norme.

 
  
MPphoto
 

  Jörg Leichtfried (S&D).(DE) Signor Presidente, il problema dei cani randagi in Romania è tornato nuovamente d’attualità, in seguito al progetto di abrogazione del divieto di abbattimento in vigore dal 15 gennaio 2008. Ho notato con soddisfazione che la Romania non ha proseguito con l’attuazione di questi piani; si è invece scelto di ospitare i cani in canili di grandi dimensioni, decisione che però non rappresenta una soluzione al problema. L’unico approccio ragionevole è attuare un programma di castrazione, ma la Romania si è rifiutata di farlo. Quando si affronta questo tema – come anche qualsiasi questione relativa alla tutela degli animali – l’Unione Europea dovrebbe agire senza ulteriori indugi.

Signor Presidente, questo è quanto per il mio intervento di un minuto. Volevo utilizzare il tempo rimanente per spiegarle ancora una volta quanto volevo dire prima.

 
  
MPphoto
 

  George Sabin Cutaş (S&D).(RO) Signor Presidente, quando Simon Kuznets, l’inventore del concetto di “prodotto nazionale lordo”, riconobbe la difficoltà di misurare il benessere di una nazione basandosi soltanto sull’ammontare del reddito nazionale, non credo immaginasse che sarebbero dovuti passare tre quarti di secolo prima che cinque premi Nobel iniziassero a lavorare su un insieme di proposte volte a fornire una valutazione più accurata della performance economica e sociale rispetto a quella offerta dal PIL. Questo indicatore macroeconomico non prende in considerazione la qualità dei prodotti, non è in grado di quantificare la crescita economica sostenibile ed esclude altri fattori quali la sussistenza, le economie suburbane, le attività domestiche e quelle su base volontaria.

Sulla base dei risultati del lavoro eseguito da questo comitato, sintetizzato nella relazione Stiglitz, è stata redatta una proposta volta a migliorare il sistema nazionale di statistica, definire la qualità della vita in maniera più accurata e includere lo sviluppo sostenibile nel calcolo dell’indice di progresso economico e sociale.

In questo contesto, credo che in tutta l’Unione Europea dovremmo avere un sistema coordinato per quantificare la qualità della vita, la sostenibilità della crescita economica e, infine, le diseguaglianze sociali. Questo passo in avanti significherebbe che abbiamo imparato la lezione della recessione, che sta avendo un così grande impatto su tutti noi.

 
  
  

PRESIDENZA DELL’ON. KOCH-MEHRIN
Vicepresidente

 
  
MPphoto
 

  Izaskun Bilbao Barandica (ALDE) . – (ES) Signora Presidente, la settimana scorsa un tribunale ha stabilito che la chiusura del quotidiano di lingua basca Egunkaria, su cui ero intervenuta alcune settimane fa in questa sede, costituisce un provvedimento illecito, illegale e arbitrario.

La sentenza afferma che né la Costituzione spagnola, né il codice penale consentono la chiusura di un giornale e che l’intera accusa si fondava sul presupposto – assurdo – che difendere la cultura basca equivalga a collaborare con l’ETA; afferma inoltre che gli accusati sono del tutto innocenti e non appartengono all’ETA, e che il quotidiano non ha finanziato l’ETA, né l’ETA ha finanziato il quotidiano. La sentenza rileva inoltre che le persone arrestate sono state trattenute in isolamento, senza un adeguato controllo giudiziario, circostanza che rende credibili le denunce di maltrattamenti e torture formulate dagli arrestati.

Desidero quindi fare due richieste: vorrei che prendessimo atto delle conseguenze che la demagogia e la manipolazione degli umori dell’opinione pubblica e la legislazione di emergenza producono in una democrazia, e del fatto che in Spagna i media più importanti e i principali partiti hanno accusato di connivenza con l’ETA tutti coloro che, tra noi, si sono opposti a quest’ingiustizia. Vorrei anche invitare a collaborare per rendere giustizia alle vittime di questa vicenda e giungere a un’equa conclusione del caso.

 
  
MPphoto
 

  Michail Tremopoulos (Verts/ALE) . – (EL) Signora Presidente, nel febbraio scorso è stata presentata al nostro Parlamento la relazione della Commissione europea sui mercati delle droghe illecite a livello mondiale dal 1998 a oggi, pubblicata da Reuter e Trautmann. Tale relazione offre una preziosa base di dati e le sue conclusioni corroborano alcune valutazioni, formulate fino a oggi, che sottolineano l’inefficacia delle politiche in materia di droghe adottate sia nell’Unione europea che a livello globale.

La conclusione fondamentale è che le politiche attuali non hanno raggiunto il loro obiettivo essenziale, cioè quello di ridurre la domanda e l’offerta di sostanze illecite; esse sono state anzi uno dei fattori principali che hanno peggiorato la situazione dei singoli utilizzatori, del loro ambiente, dell’economia e della società.

Nel 2004 il Parlamento europeo ha approvato un pacchetto di raccomandazioni, tra cui la relazione Catania. Chiediamo perciò che questo problema venga riesaminato in un contesto più ampio, per non danneggiare gli utilizzatori.

 
  
MPphoto
 

  Ryszard Czarnecki (ECR) . – (PL) Signora Presidente, una terribile tragedia si è abbattuta sul mio paese: sono rimasti uccisi il presidente, il direttore della banca centrale e i più alti ufficiali delle forze armate. I funerali del presidente e di sua moglie si sono svolti ieri. Desidero esprimere i miei ringraziamenti per solidarietà che ci è stata offerta da moltissimi Stati membri dell’Unione europea; l’idea della solidarietà europea si è dimostrata importantissima per noi polacchi. Alle esequie hanno partecipato i presidenti di Repubblica ceca, Slovacchia, Ungheria, Germania, Lituania, Lettonia, Romania e Slovenia, nonché il primo ministro dell’Estonia. Mi rammarico per l’assenza del presidente del Consiglio e del presidente della Commissione europea; essi non hanno potuto partecipare, ma ciò è stato possibile, per esempio, ai primi ministri di Azerbaigian, Armenia e Georgia, che hanno dovuto affrontare un viaggio più lungo. Desidero ringraziare tutti gli intervenuti per la solidarietà che ci hanno manifestato.

 
  
MPphoto
 

  Andreas Mölzer (NI) . – (DE) Signora Presidente, mi permetta di formulare, in un minuto, alcune osservazioni sulla Serbia. L’ambizione di aderire all’Unione europea sembra aver messo le ali ai piedi a quel paese. In ogni caso, la Serbia si è recentemente scusata per il genocidio perpetrato a Srebrenica, mentre altrettanto non si può certo dire per la Turchia, questo paese candidato così controverso, ove si minacciano sanzioni contro quei paesi che osino solamente discutere il tema del genocidio degli armeni.

A mio avviso, accusare Belgrado di non collaborare con il Tribunale internazionale dell’Aia per i crimini di guerra e allo stesso tempo considerare prive di importanza le violazioni dei diritti umani commesse da Ankara significa interpretare in maniera arbitraria i criteri di Copenaghen.

Tuttavia, non è certo una novità il fatto che l’Unione europea usi due pesi e due misure. In Bosnia, numerosi gruppi etnici vengono riuniti a forza in uno Stato multiculturale, mentre in Kosovo diventa improvvisamente legittimo che un gruppo etnico si separi da uno Stato esistente.

All’opposto della Turchia, la Serbia fa parte dell’Europa dal punto di vista storico, spirituale e culturale, ed è inoltre uno Stato cruciale per la sicurezza dei Balcani. Ovviamente, non dobbiamo ripetere gli sbagli commessi in occasione dell’affrettata adesione di Bulgaria e Romania. E’ certamente necessario rispettare tutti i criteri di adesione, ma la Serbia è un paese europeo e deve entrare a far parte dell’Unione.

 
  
MPphoto
 

  Georgios Papanikolaou (PPE) . – (EL) Signora Presidente, il recente smantellamento di una importante cellula terroristica in Grecia ci rammenta che la violenza e la minaccia alle istituzioni democratiche non conoscono confini e non fanno distinzioni.

E’ importante ricordare che l’attuale crisi economica e il pessimismo che essa genera nei cittadini costituiscono un focolaio di aggressività da cui germoglia la violenza. Nessuno nega che la violenza sia da condannare, qualsiasi forma prenda e qualunque origine abbia; ma il punto su cui dobbiamo convenire e insistere è l’importanza della prevenzione, che è da preferire alla cura. Per questo dobbiamo porre fra le priorità del nostro programma di lavoro le questioni relative a SWIFT, al PNR e al rafforzamento di Europol ed Eurojust.

Fatta questa premessa, è però essenziale aggredire le croniche patologie sociali da cui nasce la violenza; dobbiamo colpire la povertà e la disoccupazione. Non è più possibile rimanere inerti. Nell’ultima occasione in cui i leader europei indietreggiarono di fronte alle sfide sociali poste da un periodo di difficoltà economiche, il nostro continente sprofondò negli abissi dell’odio e del totalitarismo.

 
  
MPphoto
 

  Jens Geier (S&D) . – (DE) Signora Presidente, onorevoli colleghi, vorrei richiamare l’attenzione della Commissione europea e della nostra Assemblea sul preoccupante andamento dei prezzi delle materie prime. Il mio collegio elettorale è Duisburg, sede delle più grandi acciaierie europee; qui, come negli altri distretti siderurgici dell’Unione europea, i lavoratori nutrono forti preoccupazioni per la sicurezza del proprio posto di lavoro, poiché i tre maggiori fornitori di minerali di ferro impongono all’industria siderurgica aumenti di prezzo del 100 per cento. In futuro i prezzi dei minerali di ferro verranno contrattati presso la Borsa londinese dei metalli e la sicurezza dei prezzi non sarà più garantita, come in passato, da contratti di fornitura a lungo termine. Forza lavoro e sindacati temono che ciò si traduca in un brusco rincaro dei prezzi del materiale di base, l’acciaio. E tutto questo avviene proprio nel momento in cui si sono completamente esaurite le potenziali vie di risparmio tramite programmi di taglio dei costi e riduzioni della forza lavoro, in particolare dopo le recentissime ristrutturazioni avvenute nel settore siderurgico. Per richiamare l’attenzione su questo stato di cose i consigli di fabbrica e il sindacato dei lavoratori siderurgici tedeschi hanno rivolto un appello per Duisburg al cancelliere signora Merkel e al presidente della Commissione Barroso. Chiedo alla Commissione di rispondere a tale appello.

 
  
MPphoto
 

  Pat the Cope Gallagher (ALDE) . – (EN) Signora Presidente, i viaggiatori i cui progetti per le vacanze sono stati sepolti dalla cenere vulcanica si trovano di fronte a una situazione estremamente confusa per quanto riguarda le assicurazioni.

Anche se, ai sensi della direttiva sui diritti dei passeggeri, le compagnie aeree dovranno rimborsare i biglietti o spostare le prenotazioni, molti passeggeri si sono dovuti sobbarcare i costi dell’albergo, del noleggio di un’automobile o magari di un volo alternativo; alcune polizze di assicurazione, però, dovrebbero ora rifondere le perdite.

Altre affermano che in questo caso ci troviamo di fronte a un atto di Dio, ma vorrei invitare queste compagnie di assicurazioni a un ragionevole pragmatismo e a riesaminare la loro decisione, tenendo conto che anch’io, come molti colleghi, ho numerosi elettori che si trovano in questo momento negli aeroporti dei quattro angoli del mondo, costretti a spendere denaro che non hanno.

Mi risulta che la direttiva sui viaggi “tutto compreso” sia in corso di revisione: è un compito da portare a termine al più presto.

In conclusione, è essenziale che questa direttiva preveda un insieme di norme standard da applicare a situazioni di tal genere. Anche in questa fase, chiedo alla Commissione di esaminare il problema.

 
  
MPphoto
 

  Claudio Morganti (EFD) . – (IT) Signor Presidente, onorevoli colleghi, vorrei in questa sede, il cuore democratico delle istituzioni europee, proporre una breve riflessione sull'impatto finale che gli interventi europei hanno sulle comunità, sui territori e sugli uomini.

Credo si debba scegliere se portare avanti una visione universalistica e globalizzante o preservare, invece, il contributo e l'identità di ogni singolo uomo. Io ritengo sia da prediligere la seconda opzione, una visione ampia nella quale anche le dimensioni più particolari derivanti da specifiche vocazioni e tradizioni hanno spazio e dignità.

Consideriamo ad esempio gli effetti della direttiva servizi del 2006, la cosiddetta Bolkenstein, nel settore balneare italiano. Non credo si debbano sacrificare, a favore di una presunta maggiore efficienza del sistema globale, la cultura e la tradizione dell'ospitalità che caratterizza da sempre le comunità locali.

Credo che le piccole imprese rappresentino a livello economico l'espressione più genuina dell'identità culturale delle comunità locali e che debbano pertanto essere sempre salvaguardate.

 
  
MPphoto
 

  Hans-Peter Martin (NI) . – (DE) Signora Presidente, di questi tempi non è facile essere ferventi europeisti. Vorrei comunque soffermarmi sulla questione di Eurostat. E’ emerso che Eurostat conosceva la reale situazione della Grecia assai meglio di quanto generalmente si pensava. Esistono relazioni, pubblicate solo in parte, che avevano rivelato casi di frode già nel 2002, e poi naturalmente c’è l’importante relazione del 2008. Non è però chiaro quale sia la destinazione di queste relazioni, quali siano i loro effetti e chi ne debba portare le responsabilità, in questo caso, la responsabilità di non aver agito in base ad esse.

Suggerisco quindi, a questo punto, di affrontare la questione di Eurostat con spirito costruttivo, senza considerare unicamente le pratiche più scandalose, che ovviamente non erano ignote in passato. Propongo dunque che la Commissione agisca per garantire l’indipendenza di Eurostat e fornire ai cittadini le informazioni di cui abbiamo così urgente bisogno per rivoluzionare la nostra democrazia.

 
  
MPphoto
 

  Maria Da Graça Carvalho (PPE) . – (PT) Oggi ci troviamo di fronte a una calamità naturale dalle conseguenze imprevedibili. La scienza ci consente di calcolare con ragionevole precisione gli effetti che le particelle presenti nell’atmosfera producono sui motori degli aerei e sui sistemi aviatori; e con altrettanta precisione la scienza ci permette di calcolare il movimento di tali particelle nell’atmosfera. Oggi i ministri dei Trasporti dell’Unione europea si riuniscono per decidere i metodi con cui affrontare la situazione del trasporto aereo; le conclusioni di questa riunione dovranno basarsi sulle conoscenze scientifiche e sul principio di precauzione. L’economia non può prevalere sulla sicurezza dei cittadini, e l’Europa deve porsi sempre come baluardo della sicurezza e della qualità della vita. Ci attendiamo comunque soluzioni rapide e pragmatiche in materia di sistemi di trasporto alternativi terrestri e marittimi.

Negli ultimi dodici mesi abbiamo dovuto affrontare una serie di crisi e di calamità naturali, e persino un’epidemia. Alla luce di tutto questo ...

(Il Presidente interrompe l’oratore)

 
  
MPphoto
 

  Ioan Enciu (S&D) . – (RO) Signora Presidente, per la fine di quest’anno è prevista l’entrata in vigore della terza direttiva postale, che porterà alla completa deregolamentazione di questo mercato. Tutti conosciamo le ripercussioni della crisi economica e finanziaria, anche per quel che riguarda il mercato postale.

Gli effetti della crisi si sono moltiplicati in seguito all’attuazione della direttiva negli Stati membri, ove il mercato postale ha subito una completa deregolamentazione. In questo settore, sia il livello dei licenziamenti sia la riduzione del reddito del personale rimasto sono più pesanti della media. Si è registrato pure un calo del numero delle transazioni, insieme al rincaro delle tariffe postali, senza parlare del fatto che i cittadini residenti in località e zone difficili da raggiungere sono stati privati dell’accesso a un mezzo di comunicazione e a un servizio universale.

Giudico necessario valutare le conseguenze sociali dell’attuazione di questa direttiva. Abbiamo il dovere di impedire il dumping sociale. Esorto le istituzioni europee responsabili a esaminare la possibilità di applicare una moratoria minima biennale sulle scadenze previste per l’attuazione di questa direttiva, con alcune variazioni in ciascuno degli Stati membri rimanenti.

 
  
MPphoto
 

  Cristian Dan Preda (PPE) . – (RO) Oggi desidero parlarvi della delicatissima situazione in cui si trova un giornalista di nome Ernest Vardanian. Egli è stato arrestato dal regime di Igor Smirnov nell’autoproclamata Repubblica di Transnistria.

Ernest Vardanian è accusato di spionaggio e alto tradimento – cosa non solo assurda, ma totalmente ridicola. Egli non ha ottenuto la libertà su cauzione, e le condizioni della sua prigionia sono terribili. Osservo che quest’iniziativa viene utilizzata dalle autorità di Tiraspol come mezzo di intimidazione su Chişinău, nel momento in cui il nuovo governo, entrato in carica dopo le elezioni dello scorso anno, vorrebbe avvicinarsi all’Unione europea e insieme risolvere il conflitto della Transnistria.

Chiedo che il giornalista Ernest Vardanian venga rilasciato immediatamente e senza condizioni, ed esorto le autorità dell’autoproclamata Repubblica di Transnistria a compiere un avvicinamento nei confronti di Chişinău per risolvere il conflitto in quella regione.

 
  
MPphoto
 

  Czesław Adam Siekierski (PPE) . – (PL) La crisi economica e finanziaria ha colpito nel modo più violento le fasce di popolazione più povere. Per soddisfarne le necessità, l’Unione europea ha indetto per il 2010 l’Anno europeo per la lotta contro la povertà e l’esclusione sociale. Si stima che in Europa oltre 40 milioni di persone vivano in povertà, e che per quasi altrettante la povertà costituisca una minaccia incombente. E’ particolarmente grave che un quarto di tutti costoro – 20 milioni – siano bambini. I problemi che li affliggono non riguardano solo la scarsità di alimenti, assistenza medica e vestiario ma, soprattutto, l’assenza di qualsiasi prospettiva di miglioramento della propria situazione e di una via di uscita dalla povertà. L’offerta di un elevato livello di istruzione è la misura più importante cui ricorrere per spezzare questa tragica situazione; è un’esigenza che si può rilevare nella maniera più nitida nelle piccole località e nelle zone rurali distanti dai centri accademici. A mio avviso, quindi, una soluzione chiave per il problema del cambiamento può essere quella di aumentare i finanziamenti per i programmi di borse di studio a favore dei giovani di origine disagiata.

 
  
MPphoto
 

  Derek Vaughan (S&D) . – (EN) Signor Presidente, accolgo con soddisfazione il dibattito di domani sulla crisi dei trasporti aerei, poiché dobbiamo ricordare che tale crisi non incide soltanto sul nostro Parlamento, ma anche sui cittadini e le imprese di tutta Europa. In questo momento l’Europa – o gran parte di essa – sta uscendo da una grave recessione; anche il Regno Unito, come molti altri paesi – non tutti – sta uscendo dalla recessione, e il merito va al governo che è intervenuto nel momento del collasso del mercato, e non è rimasto inerte come avrebbe auspicato qualcuno.

Nelle prossime settimane numerosi dati economici verranno pubblicati nel Regno Unito, e sono convinto che in gran parte saranno positivi. Questo dipende dal fatto che il governo è intervenuto, e a mio parere è importante che anche le istituzioni dell’Unione europea intervengano in un periodo di difficoltà economiche. In futuro tutte le istituzioni comunitarie dovrebbero vigilare affinché i nostri bilanci siano concepiti per aiutare cittadini e imprese a superare i periodi di difficoltà economiche e a programmare la ripresa.

 
  
MPphoto
 

  Diogo Feio (PPE) . – (PT) La questione che desidero sollevare oggi in sessione plenaria è la posizione di bilancio dei vari Stati membri; mi soffermo su questo problema ora che si è concluso il periodo per la presentazione dei programmi di stabilità e di crescita. Tali programmi prevedono le posizioni di medio e lungo termine degli Stati membri; nel caso del mio paese, il Portogallo, la Commissione ha osservato che il programma presentato comporta dei rischi. E’ un segnale preoccupante per i mercati, ma essenzialmente il segnale riguarda il fatto che ci si è preoccupati soprattutto della stabilità e del buono stato dei conti pubblici, mentre non è meno importante considerare il problema della crescita. Anche in questo caso i dati presentati dal mio paese non sono soddisfacenti, e purtroppo non si presta ancora sufficiente attenzione a temi quali la semplificazione a favore delle imprese e la competitività fiscale.

 
  
MPphoto
 

  William (The Earl of) Dartmouth (EFD).(EN) Signora Presidente, in realtà mi riferisco al penultimo intervento: vorrei chiedere al collega che invocava l’intervento dell’Unione europea che cosa, a suo giudizio, può fare l’Unione per combattere le ceneri vulcaniche.

 
  
MPphoto
 

  Presidente . Le domande supplementari formulate ricorrendo al cartellino blu non sono consentite in occasione degli interventi di un minuto; non si è trattato quindi di un richiamo al regolamento. Il collega può forse risponderle personalmente, ma in ogni caso non nel corso della discussione in Assemblea plenaria.

 
  
MPphoto
 

  Malika Benarab-Attou (Verts/ALE) . – (FR) Signora Presidente, avrei desiderato che, nel concedere la parola, lei tenesse conto di un equilibrio di genere, mentre invece ha concesso la parola a cinque uomini di fila.

 
  
MPphoto
 

  Presidente . La ringrazio molto. Come lei può immaginare, in qualità di presidente del gruppo di alto livello sull’uguaglianza di genere e la diversità, considero l’uguaglianza un problema importantissimo. Abbiamo un elenco di oratori e abbiamo cercato di mantenerne l’equilibrio. A chi poi tocchi effettivamente la possibilità di intervenire nella discussione dipende, com’ovvio, anche da chi è realmente presente in Aula.

La discussione su questo punto è chiusa.

 
Note legali - Informativa sulla privacy