Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2009/0162(COD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A7-0058/2010

Testi presentati :

A7-0058/2010

Discussioni :

Votazioni :

PV 18/05/2010 - 8.13
CRE 18/05/2010 - 8.13
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P7_TA(2010)0169

Discussioni
Martedì 18 maggio 2010 - Strasburgo Edizione GU

8.13. Assistenza macrofinanziaria all’Ucraina (A7-0058/2010, Vital Moreira) (votazione)
PV
  

Prima della votazione:

 
  
MPphoto
 

  Vital Moreira, relatore. – (EN) Signora Presidente, fornisco solo una breve spiegazione su quanto ci accingiamo a votare.

Nel novembre dello scorso anno qui a Strasburgo, quando discutevamo l’approvazione di quattro precedenti proposte di assistenza macrofinanziaria per altri paesi, la Commissione ci ha promesso che, secondo il trattato di Lisbona e fino all’adozione di un regolamento quadro per l’assistenza macrofinanziaria, tutte le future proposte individuali di contributo sarebbero state soggette alla procedura di codecisione del Parlamento e del Consiglio. Ora, solo sei mesi più tardi vi trovate davanti non solo una proposta di decisione in base alla codecisione, ma anche un accordo in prima lettura con il Consiglio. Nel tentativo di raggiungere tale accordo abbiamo operato con un calendario molto serrato. Desidero pertanto esprimere il mio riconoscimento e la mia gratitudine alla Presidenza spagnola, al Consiglio e alla Commissione, nonché ai relatori ombra della commissione commercio internazionale e a tutte le persone coinvolte per l’approccio positivo e costruttivo.

Secondo la proposta di decisione, l’Ucraina potrebbe ottenere un prestito di 500 milioni di euro per finanziare il deficit della propria bilancia dei pagamenti e per soddisfare le esigenze di finanziamento esterno. Il prestito integrerebbe il sostegno proveniente dal Fondo monetario internazionale e l’aiuto dell’Unione europea di 110 milioni di euro già approvato nel 2002 ma ancora non erogato.

Durante i nostri negoziati informali trilaterali, il Parlamento ha insistito per mantenere i riferimenti ad alcune condizioni di esborso che secondo noi sono importanti, quali l’efficienza, la trasparenza e la rendicontazione degli interventi di assistenza. Abbiamo anche insistito sull’importanza che il Parlamento sia debitamente informato circa l’effettiva attuazione degli interventi.

(Applausi)

Nel proteggere le nostre prerogative istituzionali, abbiamo resistito anche alle richieste di introdurre una procedura del comitato di gestione per i provvedimenti di attuazione in modo che finalmente un comitato consultivo…

(Il Presidente interrompe l’oratore)

 
Note legali - Informativa sulla privacy