Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2010/0004(COD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A7-0190/2010

Testi presentati :

A7-0190/2010

Discussioni :

Votazioni :

PV 15/06/2010 - 7.7
CRE 15/06/2010 - 7.7
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P7_TA(2010)0202

Discussioni
Martedì 15 giugno 2010 - Strasburgo Edizione GU

7.7. Contributi finanziari della dell'Unione europea al Fondo internazionale per l’Irlanda (2007-2010) (A7-0190/2010, Seán Kelly) (votazione)
PV
  

Prima della votazione:

 
  
MPphoto
 

  Seán Kelly, relatore – (EN) Signor Presidente, so che i colleghi non gradiscono che si intervenga in questo particolare momento, ma chiedo la loro indulgenza per pochi minuti.

In primo luogo – poiché di ciò non si è discusso in Aula – è importante dire qualcosa al proposito, in particolare a causa del ruolo svolto dal Fondo internazionale dell'Unione europea per l'Irlanda. In secondo luogo, molte persone in Irlanda – e al di là dell’Irlanda – ritengono che questo fondo sia stato finanziato in gran parte dagli Stati Uniti. Naturalmente gli Stati Uniti hanno svolto un ruolo enorme – e vorrei ringraziarli per questo – al pari di quanto hanno fatto Canada, Australia e Nuova Zelanda. Ma è importante sottolineare che in realtà, nel periodo dal 2006 in poi, l'Unione europea ha finanziato il 57 per cento del Fondo. Questo non lo sanno tutti e, naturalmente, non averlo discusso qui in Parlamento significava tenerlo segreto. Vorrei quindi sottolineare il ruolo svolto dall'Unione europea nel contribuire a creare contatti, dialogo e riconciliazione in Irlanda del Nord, in un processo di pace che per fortuna, anche se rimane fragile, è ancora in corso.

Vorrei rendere omaggio oggi a tutti coloro che hanno contribuito alla pace nell'Irlanda del Nord – ve ne sono molti – e in particolare, suppongo, agli estremi. Partiti come quello di Ian Paisley – che è stato membro di questa Assemblea per molti anni – e quello di Gerry Adams, che 20 anni fa non avrebbero mai potuto dialogare l’uno con l’altro, si sono riuniti nel processo di pace e di condivisione del potere. L'Unione europea deve prendersene il merito – almeno la propria quota di merito – e oggi voglio sottolinearlo. Vorrei rendere omaggio a tutti coloro che si sono assunti rischi per la pace in Irlanda del Nord e mi auguro che la pace continui.

(GA) Mi auguro che questa risoluzione sia approvata all'unanimità e mi congratulo con ogni persona coinvolta per il ruolo svolto nel processo di pace nel mio paese.

 
  
MPphoto
 

  Francesco Enrico Speroni (EFD). – Signor Presidente, ho notato che tra la votazione per il vicepresidente e queste ultime votazioni centocinquanta colleghi sono spariti. Non so se è un attacco di colite oppure un malfunzionamento dell'aria condizionata. Forse sarebbe opportuno indagare.

 
  
MPphoto
 

  Presidente. – No, non sono scomparsi. Vi daremo una spiegazione molto chiara di quello che è successo nella votazione per il reverendo Tőkés, ma non si è trattato di un intervento divino.

 
Note legali - Informativa sulla privacy