Go back to the Europarl portal

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (Selected)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
This document is not available in your language. Please choose another language version from the language bar.

 Index 
 Full text 
Discussioni
Mercoledì 6 ottobre 2010 - Bruxelles Edizione GU

Giornata mondiale contro la pena di morte (discussione)
MPphoto
 

  Presidente. − L'ordine del giorno reca la dichiarazione del Consiglio, per il Vicepresidente della Commissione/Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, sulla Giornata mondiale contro la pena di morte.

Prima di dare la parola al sig. Chastel, do lettura di uno stralcio di lettera indirizzata ai deputati europei dai figli di Sakineh, pervenutami per il tramite dell'AKI International in concomitanza, appunto, con il dibattito sulla Giornata mondiale contro la pena di morte.

Leggo lo stralcio: "Ringraziandovi per il vostro impegno e per la vostra attenzione dimostrati per il caso di nostra madre Sakineh, chiediamo in primis il vostro sostegno morale. La nostra unica speranza resta la Comunità internazionale e per questo motivo chiediamo al Parlamento europeo di intervenire, in modo deciso, con tutti gli strumenti a disposizione al fine di aiutare nostra madre. Vi supplichiamo di non abbandonarci e di accogliere la nostra richiesta di aiuto. Infine, con la speranza che tali punizioni primitive, come la lapidazione e l'impiccagione, vengano eliminate per sempre in tutto il mondo, vi poniamo i nostri più cari saluti".

 
Legal notice - Privacy policy