Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2010/2075(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A7-0326/2010

Testi presentati :

A7-0326/2010

Discussioni :

PV 13/12/2010 - 22
CRE 13/12/2010 - 22

Votazioni :

PV 14/12/2010 - 9.14
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P7_TA(2010)0466

Resoconto integrale delle discussioni
Lunedì 13 dicembre 2010 - Strasburgo Edizione GU

22. Regolamentazione della negoziazione di strumenti finanziari - "dark pool", ecc. (breve presentazione)
Video degli interventi
Processo verbale
MPphoto
 

  Presidente. – L’ordine del giorno reca la relazione (A7-0326/2010), presentata dall’onorevole Swinburne a nome della commissione per i problemi economici e monetari, sulla regolamentazione della negoziazione di strumenti finanziari – “dark pool”, eccetera [2010/2075 (INI)].

 
  
MPphoto
 

  Kay Swinburne, relatore.(EN) Signor Presidente, mi riesce difficile spiegare a chi non è avvezzo al linguaggio finanziario di cosa si occupi esattamente la mia relazione sui dark pool. Dal punto di vista formale, la relazione riguarda la negoziazione di strumenti finanziari, compresi i dark pool, che sono operazioni finanziarie e azionarie eseguite senza la trasparenza pre-negoziazione, altrimenti dette transazioni opache. Più in generale, la relazione presenta una valutazione dell’applicazione della direttiva relativa ai mercati degli strumenti finanziari (MiFID) del 2007 in riferimento alle azioni e cerca di affrontare questioni strutturali attualmente presenti sui mercati azionari.

La relazione è altamente tecnica, ma sono confortata dal livello elevato della discussione che abbiamo avuto in commissione. Mi fa piacere che, grazie al duro lavoro dei colleghi, sia stato possibile creare un’ampia base di consenso trasversale a tutti i gruppi, cosicché 194 emendamenti sono diventati 26 compromessi ai quali hanno potuto dare la loro adesione la maggior parte dei gruppi.

Considerata la tempistica di questa relazione d’iniziativa, la cui procedura culminerà nella votazione in Plenaria di questa settimana, credo altresì che il Parlamento europeo abbia offerto un significativo contributo alla consultazione pubblicata di recente sulla revisione della MiFID II, che prende in esame molte delle questioni sollevate durante le deliberazioni svoltesi in commissione. Con questa relazione, il Parlamento europeo ha chiesto che siano eseguite una serie di inchieste sulle diverse piattaforme di negoziazione attualmente regolamentate dalla MiFID e chiede inoltre un’analisi più attenta per garantire che le piattaforme di negoziazione che forniscono servizi equivalenti siano regolamentate a un livello equivalente.

Credo che, nel suo documento di consultazione, la Commissione avrebbe potuto compiere un passo ulteriore e ampliare la propria definizione delle piattaforme di negoziazione organizzate, includendovi tutti i siti in cui si incontrano venditori e compratori. Ciò vuol dire che si può eliminare una possibilità di eludere le norme. Nondimeno, questa soluzione garantisce il mantenimento della proporzionalità laddove consente una significativa differenziazione all’interno delle categorie dei mercati regolamentati, MTF, SI, BCN e piattaforme per gli strumenti derivati.

Gli investitori dovrebbero accogliere positivamente il nuovo livello di vigilanza che viene proposto per gli operatori di dark pool perché costoro, pur garantendo attualmente una protezione dal mercato più ampio, possono – quanto meno potenzialmente – compiere abusi. Concedere alle autorità di regolamentazione pieno accesso ai modelli operativi significherebbe mettere questi operatori in condizione di continuare ad agire come piattaforma per lo scambio discrezionale degli ordini dei clienti, senza però autorizzarli a espandersi e assumere dimensioni tali da compromettere la pubblicità del prezzo o da fornire copertura ad abusi di mercato.

Per quanto riguarda le deroghe previste dalla MiFID, il Parlamento europeo e la Commissione concordano sulla necessità di ridefinirle e assicurarne un’applicazione omogenea nell’intera Unione europea. A differenza di adesso, in futuro non dovrebbe essere più possibile ricorrere all’arbitraggio normativo in tutti gli Stati membri per trovare la migliore interpretazione di una data norma. Durante la preparazione di questa relazione e dei suoi emendamenti è emerso con chiarezza che il problema più grave nell’applicazione della MiFID è stata la mancanza di una versione di mercato di un sistema europeo di nastro consolidato. Per gli investitori statunitensi è incomprensibile che nell’Unione europea si possa operare senza disporre di un simile strumento. Il settore interessato e specialmente i gruppi di investitori hanno generalmente riconosciuto la necessità di tale strumento, ma nei tre anni dall’inizio dell’applicazione della MiFID gli operatori di mercato non sono riusciti a trovare un accordo per creare un sistema europeo di nastro consolidato. Al pari della Commissione europea, anche la commissione per i problemi economici e monetari è riluttante a fare di più che imporre i meccanismi di pubblicazione autorizzati, ma se non si troverà una soluzione di mercato, sarà necessario appoggiare la legislazione.

Gli attuali aspetti micro-strutturali del mercato azionario sono stati oggetto di un’accesa discussione in seno alla commissione. È stato concordato che pratiche come il flash order, lo spoofing e il pinging sono quanto meno sleali, ove non illecite. Invece, la commissione ha avuto molte più difficoltà nel trovare un accordo sul ruolo di certi operatori di mercato, con particolare riguardo agli eventuali vantaggi delle strategie di negoziazione ad alta frequenza. In mancanza di dati chiari, è difficile trarre conclusioni fondate quanto al loro ruolo – sia esso positivo o negativo – e pertanto, prima di proporre azioni legislative, dobbiamo essere certi di disporre di informazioni, per evitare di imporre norme che possano nuocere all’effettivo funzionamento dei mercati europei.

Fondamentalmente, dobbiamo garantire l’integrità dei nostri mercati finanziari. La funzione dei mercati finanziari non è quella di permettere agli intermediari e agli operatori illegali di interagire tra loro, bensì quella di offrire uno spazio agli investitori attraverso il quale far affluire capitali alle imprese e alle società che operano nell’economia reale. Nel portare avanti la procedura legislativa per la MiFID II, dobbiamo avere tutti ben chiara in mente questa funzione fondamentale dei mercati.

 
  
MPphoto
 

  Philippe Juvin (PPE).(FR) Signor Presidente, onorevoli colleghi, onorevole Swinburne, certo, questo testo è estremamente complesso, ma, in sostanza, di cosa si occupa? Ancora una volta, bisogna trarre dalla crisi le debite conseguenze. Non possiamo continuare a comportarci come abbiamo fatto prima della crisi; dobbiamo invece cambiare le regole del gioco e riportare un po’ d’ordine nel sistema.

Nei paesi dell’Unione europea ci sono persone che sfruttano la crisi e le paure della gente per addossare tutta la colpa all’Europa. Dappertutto si sente dire che è a causa dell’Europa o a causa dell’euro se le cose non vanno bene, e che allora la soluzione è uscire dall’Europa e farla finita con l’euro. A tutti coloro che la pensano così dobbiamo continuare a ripetere che, in realtà, abbiamo bisogno di regole comuni; dobbiamo continuare a dire che, se i paesi europei non fossero uniti, se fossero isolati, adesso sarebbero finiti. Sì, abbiamo bisogno di norme, di una politica comune e di regole comuni, ma dobbiamo anche rivedere le nostre regole e migliorare il funzionamento del sistema.

Onorevoli colleghi, a ben guardare, la questione è molto semplice: insieme siamo forti, da soli siamo finiti!

 
  
MPphoto
 

  Csanád Szegedi (NI).(HU) Signor Presidente, la ringrazio per aver assegnato i tempi di parola così generosamente. D’ora in avanti verificherò con particolare attenzione quali sedute saranno presiedute da lei e cercherò di essere sempre presente. La relazione dell’onorevole Swinburne è molto importante perché ci permette finalmente di discutere della regolamentazione delle negoziazioni di strumenti finanziari. Il primo e più rilevante errore di questa relazione è il fatto che tanto la relazione quanto la richiesta di altre norme arrivano in ritardo. In secondo luogo, se finora il quadro normativo è stato poco chiaro, dobbiamo fare un’analisi retrospettiva e approfondita di tutto ciò che è successo. Credo che non abbia senso e sia sicuramente un errore escludere gli investimenti più consistenti dall’applicazione delle norme di vigilanza più severe. È necessario valutare non soltanto la natura delle negoziazioni ma anche i derivati emessi; inoltre, alle nuove emissioni si devono applicare regole più rigide.

È un fatto che l’inflazione è alimentata dai prodotti finanziari derivati. A pagare per l’inflazione sono i cittadini, mentre a incassare i profitti sono vari soggetti giuridici internazionali di cui spesso si sa ben poco. Peraltro, non sarebbe vantaggioso reinvestire nell’economia reale i profitti realizzati in questo modo, perché l’intero pianeta potrebbe diventare un po’ alla volta di proprietà dei più ricchi.

 
  
MPphoto
 

  Elena Băsescu (PPE).(RO) Signor Presidente, al centro della relazione dell’onorevole Swinburne sta la necessità di garantire parità di condizioni tra le varie piattaforme di negoziazione multilaterali. Penso che sia altrettanto importante sottoporle allo stesso livello di vigilanza. Voglio sottolineare l’esigenza di adottare norme più idonee al fine di ridurre il rischio sistemico e garantire una concorrenza leale sul mercato.

Attualmente c’è una preoccupante mancanza di informazioni sulle strategie di negoziazione. L’unico modo per consentire alle autorità di regolamentazione di comprendere veramente se il mercato sta funzionando a dovere è disporre di informazioni sufficienti. L’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati dovrebbe elaborare norme e formati comuni di notifica validi per tutti i dati, sia per le piattaforme di negoziazione organizzate sia per le OTC.

Penso che sarebbe utile analizzare gli effetti della fissazione di una consistenza minima degli ordini per tutte le transazioni opache. Si potrebbe così accertare se viene mantenuto un flusso adeguato di negoziazioni.

 
  
MPphoto
 

  Johannes Hahn, membro della Commissione.(EN) Signor Presidente, a nome della Commissione e in particolare del Commissario Barnier risponderò dicendo che migliorare la trasparenza dei mercati finanziari e garantire che tutti i partecipanti al mercato siano sottoposti ad adeguati livelli di regolamentazione sono obiettivi chiave della Commissione europea e del G20.

Mi congratulo con l’onorevole Swinburne e la commissione per i problemi economici e monetari per la relazione sulle negoziazioni di strumenti finanziari, dark pool, eccetera. La relazione rappresenta un passo importante nel contesto dell’attuale revisione della direttiva relativa ai mercati degli strumenti finanziari, la MiFID. La Commissione sta integrando attentamente le sue raccomandazioni nelle proprie riflessioni sulle modifiche da apportare nel 2011 alla direttiva vigente. La revisione della MiFID è un elemento importante del programma di lavoro della Commissione in vista di un sistema finanziario più stabile e trasparente che vada a vantaggio sia della società sia dell’economia nel suo complesso. Molti tasselli sono già stati collocati al loro posto, tra cui l’istituzione il mese prossimo di una nuova autorità comune di vigilanza.

La Commissione si è impegnata a presentare proposte sugli altri punti entro l’estate 2011. Contiamo sul sostegno del Parlamento europeo affinché si adottino prontamente le riforme necessarie ad assicurarne un’applicazione quanto più rapida possibile.

Come sapete, la MiFID è la pietra angolare del quadro legislativo comunitario per i mercati finanziari. Esso è precedente alla crisi finanziaria, ma, nel complesso, ha dimostrato di funzionare bene, anche nei momenti difficili e turbolenti degli ultimi anni.

Naturalmente sono emerse alcune carenze. A seguito del progresso tecnologico e dei rapidi cambiamenti sui mercati finanziari, gli strumenti di regolamentazione che ancora pochi anni fa rappresentavano lo stato dell’arte oggi sono diventati decisamente obsoleti.

L’8 dicembre la Commissione ha pubblicato proposte di consultazione. Vogliamo avere un approccio ambizioso e globale a tutte le sfide. Pur riconoscendo che gli obiettivi originari della MiFID sono tuttora validi, le questioni in gioco riguardano aspetti problematici del funzionamento dei nostri mercati finanziari, il loro grado di apertura e trasparenza e le modalità di accesso degli investitori agli strumenti finanziari e alle opportunità di investimento.

Come si evince dalla relazione della commissione per i problemi economici e monetari, anche noi abbiamo avvertito l’esigenza di migliorare la regolamentazione di nuovi tipi di piattaforme e di metodi di negoziazione. In tale contesto, occorre tenere nel debito conto la natura delle operazioni, al fine di garantire parità di condizioni tra i partecipanti al mercato, e un’adeguata protezione degli investitori, nonché la tutela da pratiche di mercato dirompenti.

Concordiamo anche sulla necessità di migliorare le norme sulla trasparenza applicabili alle negoziazioni di azioni e di introdurre nuovi requisiti per la negoziazione di altri strumenti. Un altro punto importante affrontato nella relazione Swinburne è il miglioramento del funzionamento e della regolamentazione dei mercati dei prodotti derivati in conformità dei principi del G20.

Inoltre, vogliamo migliorare in modo mirato le norme vigenti in materia di protezione degli investitori. Garantire che tutti i prodotti e tutte le pratiche di vendita sono adeguatamente coperti da norme uguali è un fattore vitale per riconquistare la fiducia dei consumatori.

Infine, questa revisione rafforzerà la vigilanza e l’applicazione delle norme su tutti i mercati finanziari. In tale contesto, un ruolo chiave sarà svolto dall’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati. Nel portare avanti il proprio lavoro, la Commissione sta operando in stretta intesa con i partner internazionali, in particolare con le autorità di regolamentazione competenti degli Stati Uniti, che si stanno occupando di queste stesse questioni, con l’intento di giungere a una convergenza internazionale ed evitare qualsiasi rischio di arbitraggio normativo.

La relazione dell’onorevole Swinburne arriva in un momento importante del processo di riforma normativa. Ci sentiamo incoraggiati dall’impegno dimostrato dagli onorevoli deputati e dal fatto che le vostre analisi e raccomandazioni in gran parte coincidono con le nostre. Questa relazione rafforza la base per il nostro lavoro futuro.

 
  
MPphoto
 

  Presidente. – La discussione è chiusa.

La votazione si svolgerà domani alle 12.00.

La prossima seduta si svolgerà domani, giovedì 14 dicembre 2010, dalle 9.00 alle 13.00, dalle 15.00 alle 20.30 e dalle 21.00 alle 24.00.

L’ordine del giorno è stato pubblicato ed è disponibile sul sito del Parlamento europeo.

La seduta è chiusa.

 
Note legali - Informativa sulla privacy