Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 15 dicembre 2010 - Strasburgo Edizione GU

8. Consegna del Premio Sacharov (seduta solenne)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Presidente . Signor Presidente in carica Chastel, Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza/Vicepresidente della Commissione, signora Ashton, onorevoli deputati,

 
  
 

(PL) Il Premio Sacharov rappresenta il Parlamento europeo nella sua lotta a favore del rispetto dei diritti umani nel mondo. La sedia vuota al centro dell’Aula testimonia la necessità di questa lotta, nonché il bisogno di prestare attenzione agli esempi più eclatanti delle persone che oggi, in giro per il mondo, lottano per la libertà di espressione. Ho scritto al Presidente di Cuba, chiedendogli di permettere al signor Fariñas di raggiungerci a Strasburgo ma, purtroppo, non è servito a raggiungere il risultato sperato. Anche a Oslo, venerdì, c’era una sedia vuota, riservata al dissidente cinese vincitore del premio Nobel per la pace, ora in carcere, Liu Xiaobo. In precedenti occasioni, altri vincitori del Premio Sacharov– il cinese Hu Jia e le cubane “Damas de blanco” – non hanno avuto la possibilità di ritirare il premio di persona. Oleg Orlov, che ha ricevuto il Premio Sacharov l’anno scorso a nome di Memorial, non è presente qui oggi, nonostante fosse stato invitato alla cerimonia.

Onorevoli deputati, il premio è stato assegnato a Guillermo Fariñas per la sua lotta volta a ripristinare la libertà di espressione a Cuba. Per anni, si è opposto attivamente alla censura ha rischiato la vita e la salute, ricorrendo 23 volte allo sciopero della fame e ha trascorso 11 anni in prigione. Recentemente, durante uno sciopero della fame, ha quasi rischiato la morte, ma solo allora sono stati liberati alcuni membri dell’opposizione e alcuni prigionieri di coscienza a Cuba. Gran parte del merito va, in questo caso, alla Chiesa cattolica. Come succedeva un tempo nel mio paese, la Chiesa sta svolgendo il ruolo delle istituzioni della società civile per la popolazione di Cuba. Purtroppo, 11 persone sono ancora detenute in carcere e, tra queste, vi sono i mariti di alcune delle “Damas de blanco”. Qui e ora, a nome di tutti noi, lancio un appello per il loro immediato rilascio.

(Vivi e prolungati applausi)

Riprendo le parole della risoluzione che abbiamo adottato in marzo, in cui richiediamo all’Alto rappresentante e al vicepresidente della commissione per gli affari esteri e la politica di sicurezza e al Commissario per la cooperazione internazionale di organizzare immediatamente un dialogo con la società civile cubana e con coloro che sostengono una transizione pacifica a Cuba. Oggi dobbiamo affrontare un dibattito sulla relazione Andrikienė sui diritti umani nel mondo 2009 e la relativa politica europea. Riusciremo, quindi, a capire quali sono i piani della baronessa Ashton per irrobustire la politica per i diritti dell’uomo dell’Unione.

Onorevoli parlamentari, nonostante persone come Guillermo Fariñas siano ancora perseguitate e imprigionate, le loro voci non possono essere messe a tacere. Il ruolo del Parlamento europeo e il ruolo di tutti noi è di dare forza a quelle voci. Pertanto,, sono estremamente lieto di informarvi che tra poco ascolteremo un breve messaggio registrato dal vincitore del Premio Sacharov di quest’anno, Guillermo Fariñas, al momento della consegna del certificato al vincitore. Purtroppo, sarò costretto a porre il certificato su una sedia vuota, ma mi auguro che mi permettiate, a nome di tutti noi, di augurare al vincitore molta forza e salute, di avere successo nella sua lotta per la libertà e, infine, di potersi recare qui, al Parlamento europeo, in futuro per ricevere personalmente questo certificato e il premio. Molte grazie.

(Vivi e prolungati applausi)

 
  
MPphoto
 

  Guillermo Fariñas (PPE) . – (ES) Messaggio al Parlamento europeo, Santa Clara, 14 dicembre 2010.

Signor Presidente del Parlamento europeo, signor Buzek,

vicepresidenti e onorevoli membri di questo foro multinazionale e democratico,

purtroppo, per amore di quella tolleranza, tanto necessaria su questo nostro pianeta tormentato, non posso essere presente tra voi in qualità di rappresentante del popolo cubano in rivolta e dei cittadini cubani che non hanno più paura del governo totalitario che ci reprime ignobilmente da 52 anni e la cui vittima più recente è il martire Orlando Zapata Tamayo.

Sfortunatamente per i cattivi governanti della nostra terra natale, il fatto che io non possa lasciare o far ritorno volontariamente nell’isola in cui sono nato è di per sé la prova inconfutabile che, purtroppo, niente è cambiato nel sistema autocratico che governa il mio paese.

Nelle menti degli attuali governanti cubani, noi cittadini cubani siamo come gli schiavi da cui io discendo, rapiti dall’Africa e portati nelle Americhe con la forza. Affinché io, o un qualsiasi altro cittadino, possa viaggiare all’estero, ho bisogno della Carta de Libertad, ovvero la carta della libertà, proprio come gli schiavi: solo che oggi si chiama Carta Blanca, ovvero carta bianca.

Mi auguro vivamente che voi non vi lasciate ingannare dal canto delle sirene di un regime crudele, che pratica una forma di “comunismo selvaggio”, la cui unica aspirazione, oltre a fingere di apportare apparenti cambiamenti economici, è che l’Unione europea e il Parlamento europeo revochino la posizione comune e che permettano al regime di tratte beneficio dai prestiti e dagli investimenti utilizzati per aiutare i paesi del Terzo mondo, in conformità con gli accordi di Cotonou.

Tra di voi saranno sicuramente seduti degli ex prigionieri politici o di coscienza recentemente rilasciati dal “comunismo selvaggio”. Sarebbe un errore pensare che siano stati liberati, poiché loro e le rispettive famiglie subiscono un “esilio psicologico”, dato che i loro cari sono stati ricattati dal governo neostalinista cubano.

Noi oppositori pacifici residenti a Cuba affrontiamo con stoicismo e razionalità le difficoltà materiali e spirituali cui siamo sottoposti, oltre a rischiare di perdere la nostra libertà e persino le nostre vite, facendo parte della fascia più svantaggiata della popolazione. Qui, a Cuba, soffriamo tutti, ma non ci lamentiamo. Per questo ci auguriamo di poter contare sul vostro sostegno.

Onorevoli membri del Parlamento europeo, vi chiedo di non cedere alle richieste dell’élite cubana al potere, a meno che non vengano rispettati le seguenti cinque condizioni:

Primo: continuare a liberare, senza poi esiliare, tutti i prigionieri politici e di coscienza e impegnarsi pubblicamente a non incarcerare mai gli oppositori politici non violenti.

Secondo: porre fine immediatamente alle violenze e alle minacce cui sono sottoposti gli oppositori pacifici all’interno del paese, perpetrate dai seguaci militari e paramilitari del regime.

Terzo: annunciare che saranno vagliate e abrogate tutte le leggi cubane che contravvengono alla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo.

Quarto: fornire i mezzi, su base quotidiana, per la formazione di partiti politici di opposizione, mezzi di comunicazione non subordinati al sistema socialista statale, sindacati indipendenti e altri organismi sociali pacifici.

Quinto: accettare pubblicamente che tutti i cubani che vivono nella diaspora abbiano il diritto di prendere parte alla vita culturale, economica, politica e sociale di Cuba.

In questo momento cruciale per la storia del mio paese, voi e tutti gli uomini di buona volontà del mondo dovete prestare attenzione alle rivolte sociali e alle proteste scoppiate all’interno del paese a causa della frustrazione di fronte alla prepotenza di un governo che potrebbe dare l’ordine di assassinare i miei compatrioti.

Prego Dio affinché non scoppi un’inutile guerra civile tra cubani, dovuta a un cieco rifiuto ad accettare che il modello politico del socialismo di Stato sia già fallito in passato e continui a essere un fallimento in qualsiasi luogo in cui si sia tentato di introdurlo, come riconosciuto di fronte alla stampa straniera dallo storico leader di quella che è stata definita erroneamente la rivoluzione cubana.

Gli anziani governanti di Cuba, nel disprezzare quotidianamente chi governano, si rifiutano si capire che dovrebbero essere al servizio dei cittadini funzionari e che, in virtù di questo ruolo, dovrebbero offrire ai loro compatrioti la possibilità di sostituirli o di sostenerli. Nessun governante dovrebbe cercare di farsi servire da coloro che governa, come avviene a Cuba.

Insieme alle mie sorelle e ai miei fratelli di lotta che condividono gli stessi ideali democratici, insieme a coloro che sono ancora in carcere, a coloro che sembrano godere di una libertà apparente per le strade e a coloro che sono partiti per affrontare un duro esilio, continuerò la nostra lotta ad armi impari e non violenta contro gli oppressori castristi e, con l’aiuto di Dio, vinceremo la battaglia senza spargimenti di sangue.

Io ed i miei compagni dissidenti eliminiamo sempre dalla nostra anima qualsiasi rancore nei confronti dei nostri avversari politici. Durante questa lotta ho imparato a lasciarmi guidare dalle parole del primo dissidente conosciuto, Gesù Cristo: “Amate i vostri nemici”, e questo mi rende un essere umano migliore e pronto ad affrontare il compito di ricostruire il mio paese.

Ringrazio il Parlamento europeo per non aver abbandonato il popolo cubano nella sua lotta cinquantenaria per la democrazia. Accetto il Premio Andrei Sacharov 2010 per la libertà di coscienza che mi è stato assegnato, perché mi sento di rappresentare una piccola parte dello spirito ribelle che anima il popolo al quale sono orgoglioso di appartenere.

Ringrazio di cuore voi, onorevoli membri del Parlamento europeo, perché con questo gesto dimostrate di non aver dimenticato la nostra sofferenza e avvicinate la luce della libertà al mio paese.

Voglia Dio che presto Cuba veda la riconciliazione tra i Suoi figli e che il paese sia benedetto con la democrazia.

Guillermo Fariñas Hernández

Laureato in psicologia

Bibliotecario e giornalista indipendente, per tre volte prigioniero politico

(Applausi)

 
  
  

PRESIDENZA DELL’ON. LAMBRINIDIS
Vicepresidente

 
Note legali - Informativa sulla privacy