Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 16 dicembre 2010 - Strasburgo Edizione GU

Dichiarazioni di voto
MPphoto
 
 

Testo presentato : B7-0707/2010

  Maria do Céu Patrão Neves (PPE), per iscritto. (PT) La presente risoluzione è motivata dalla grave crisi politica e istituzionale che si sta verificando in Costa d’Avorio a seguito del secondo turno delle elezioni presidenziali tenutosi il 28 novembre 2010.

Le elezioni, che sono state monitorate dalle Nazioni Unite (UN) e dall’Unione europea, si sono svolte nell’insieme in modo soddisfacente. Tuttavia, i risultati presentati dalla commissione elettorale indipendente della Costa d’Avorio che annunciavano la vittoria del leader dell’opposizione Ouattara, sono stati respinti dalla Corte costituzionale del paese, la quale ha capovolto l’esito adducendo casi di frode in alcune aree e dichiarando vincitore l’attuale Presidente Gbagbo.

Considerando che l’unica fonte di legittimità democratica è rappresentata dal suffragio universale, i cui risultati sono stati certificati dalle Nazioni Unite, il Parlamento europeo adotta la presente risoluzione (per la quale voto a favore) allo scopo di esortare il Presidente uscente Gbagbo a ritirarsi e a cedere il potere all’ex Primo ministro Ouattara, nonché per condannare fermamente gli atti di intimidazione indirizzati agli osservatori dell’Unione europea. Con la risoluzione, il Parlamento accoglie con favore la decisione del Consiglio europeo di impiegare misure specifiche verso quanti ostacolano il processo di pace e di riconciliazione nazionale e sostiene la decisione dell’Unione di applicare sanzioni nei confronti del Presidente uscente Gbagbo.

 
Note legali - Informativa sulla privacy