Indice 
Discussioni
PDF 4776k
Mercoledì 19 gennaio 2011 - Strasburgo Edizione GU
1. Apertura della seduta
 2. Adozione internazionale nell'Unione europea (proposte di risoluzione presentate): vedasi processo verbale
 3. Misure di attuazione (articolo 88 del regolamento): vedasi processo verbale
 4. Conclusioni del Consiglio europeo del 16 e 17 dicembre (discussione)
 5. Programma di attività della presidenza ungherese del Consiglio (discussione)
 6. Turno di votazioni
  6.1. Diritti dei pazienti relativi all'assistenza sanitaria transfrontaliera (A7-0307/2010, Françoise Grossetête) (votazione)
  6.2. Accordi volontari di partenariato FLEGT (votazione)
  6.3. Accordo UE-Camerun sulle normative nel settore forestale (A7-0371/2010, Yannick Jadot) (votazione)
  6.4. Accordo UE-Repubblica del Congo sulle normative nel settore forestale (A7-0370/2010, Yannick Jadot) (votazione)
  6.5. Accordo di partenariato interinale tra la CE e gli Stati del Pacifico (votazione)
  6.6. Accordo di partenariato interinale CE/Stati del Pacifico (A7-0365/2010, David Martin) (votazione)
  6.7. Adozione internazionale nell'Unione europea (votazione)
  6.8. Accordo di stabilizzazione e di associazione tra la CE e la Serbia (B7-0021/2011) (votazione)
  6.9. Accordo di stabilizzazione e associazione CE-Serbia (A7-0362/2010, Jelko Kacin) (votazione)
  6.10. Iniziativa europea sulla malattia di Alzheimer e le altre forme di demenza (A7-0366/2010, Marisa Matias) (votazione)
  6.11. Inalatori per l'asma (votazione)
  6.12. Situazione a Haiti un anno dopo il terremoto: aiuto umanitario e ricostruzione (B7-0023/2011) (votazione)
  6.13. Violazione della libertà di espressione e discriminazione sulla base dell’orientamento sessuale in Lituania (votazione)
 7. Dichiarazioni di voto
 8. Correzioni e intenzioni di voto: vedasi processo verbale
 9. Approvazione del processo verbale della seduta precedente: vedasi processo verbale
 10. Situazione dei cristiani nel contesto della libertà religiosa (discussione)
 11. Situazione della sicurezza nella regione del Sahel (discussione)
 12. Situazione in Bielorussia
 13. Accordo quadro UE-Libia
 14. Costo dell'esame delle richieste di asilo negli Stati membri (discussione)
 15. Ordine del giorno della prossima seduta: vedasi processo verbale
 16. Chiusura della seduta


  

PRESIDENZA DELL’ON. BUZEK
Presidente

 
1. Apertura della seduta
Video degli interventi
  

(La seduta inizia alle 09.05)

 

2. Adozione internazionale nell'Unione europea (proposte di risoluzione presentate): vedasi processo verbale

3. Misure di attuazione (articolo 88 del regolamento): vedasi processo verbale

4. Conclusioni del Consiglio europeo del 16 e 17 dicembre (discussione)
Video degli interventi
MPphoto
 

  Presidente. – L’ordine del giorno reca le dichiarazioni del Consiglio europeo e della Commissione europea sulle conclusioni della riunione del Consiglio europeo del 16 e 17 dicembre. Conformemente al trattato, il Presidente del Consiglio europeo Van Rompuy terrà una presentazione della relazione.

 
  
MPphoto
 

  Herman Van Rompuy, Presidente del Consiglio europeo.(EN) Innanzitutto, desidero farvi gli auguri di buon anno! Tutto qui: lo auguro a voi personalmente e lo auguro all’Unione, in questo periodo difficile. Dal momento che dall’ultimo Consiglio europeo è già passato un mese, desidero ricordarvi che ogni volta, poche ore dopo ogni riunione, presento alla vostra Conferenza dei presidenti un resoconto completo dei risultati del Consiglio europeo.

Durante il Consiglio europeo di dicembre, il primo giorno ci siamo concentrati su questioni economiche e il secondo sulla politica estera. Per quanto riguarda la politica economica abbiamo raggiunto importanti conclusioni. Innanzitutto, abbiamo preso una decisione sulla proposta di un emendamento limitato del trattato, necessario per istituire un meccanismo permanente a tutela della stabilità finanziaria della zona euro nel suo insieme. In seguito al nostro accordo di principio, nella riunione di ottobre, circa la necessità di tale modifica, avevo consultato i membri del Consiglio europeo per discutere della possibile formulazione e del contenuto. Sono riuscito a ottenere consenso su un testo che consiste di due frasi, da aggiungere all’articolo 136 del trattato. Le cito:

“Gli Stati membri la cui moneta è l'euro possono istituire un meccanismo di stabilità da attivare ove indispensabile per salvaguardare la stabilità della zona euro nel suo insieme. La concessione di qualsiasi assistenza finanziaria necessaria nell'ambito del meccanismo sarà soggetta a una rigorosa condizionalità”.

Si tratta di un passo fondamentale nei nostri sforzi volti a rendere l’Europa maggiormente a prova di crisi. È importante non solo in termini di certezza giuridica, ma anche di credibilità di mercato. Siccome questo emendamento non aumenterà le competenze dell’Unione, tutti i membri del Consiglio europeo si sono detti d’accordo sull’opportunità di ricorrere a una procedura di revisione semplificata. Ciò rende ora necessario un parere del Parlamento, nonché della Commissione europea e della Banca centrale. Speriamo di ottenere il vostro consenso. Non serve che io vi ricordi l’importanza di procedere su questo tema nel modo più celere e appropriato in un periodo in cui la volatilità dei mercati continua a essere una preoccupazione.

So che voi, e le vostre commissioni competenti, avete seguito con attenzione la questione, non da ultimo durante l’attività della task force sulla governance economica che ho presieduto e che ha dato origine a riunioni tra me e i sette presidenti delle commissioni parlamentari più coinvolte. Vorrei ringraziare il Presidente Buzek per il suo contributo in proposito durante il Consiglio europeo e per averci informato della disponibilità del Parlamento a procedere rapidamente nel considerare la questione.

Grazie al vostro parere, il Consiglio europeo sarà in grado di tradurre questo progetto di decisione in una decisione vera e propria durante la sua riunione di marzo. In seguito, l’emendamento al trattato dovrà essere approvato in ogni Stato membro con l’obiettivo che l’emendamento entri in vigore il 1° gennaio 2013 al più tardi e che il meccanismo permanente possa essere operativo nel giugno 2013.

Il Consiglio europeo ha, inoltre, esaminato quelle che potrebbero essere le caratteristiche chiave del meccanismo futuro. Già a ottobre avevamo chiesto alla Commissione di avviare le attività preparatorie, il che ha portato a una dichiarazione dei ministri delle Finanze dell’Eurogruppo il 28 novembre, sostenuta appieno durante la riunione del Consiglio europeo. La dichiarazione prevede che il futuro meccanismo europeo di stabilità venga progettato sulla base di quello esistente, previsto prevedendo dunque il coinvolgimento del FMI. L’UE continuerà ad aderire con rigore alle pratiche del FMI e agli standard internazionali. Per quanto riguarda il ruolo del settore privato, le decisioni saranno prese caso per caso: il coinvolgimento del settore privato, pertanto, non costituirà un requisito preventivo per l’assistenza nell’ambito del meccanismo di stabilità futuro.

Infine, il Consiglio europeo ha anche condotto un ottimo e approfondito scambio di pareri sui recenti sviluppi economici e sulle modalità, per tutte le economie europee, di affrontare le sfide a breve e a lungo termine. Era presente anche il presidente della Banca centrale e il Consiglio europeo ha accolto con favore una dichiarazione dei capi di Stato o governo della zona euro e delle istituzioni UE presenti. La discussione ha confermato il senso di determinazione e unità tra gli Stati membri e le istituzioni. Tutti i presenti condividevano l’analisi fondamentale. Insisto: tutti e 27 sono d’accordo, anche se l’analisi si concentra particolarmente sugli attuali 17 paesi dell’euro. Disponiamo, quindi, di una volontà comune per rendere le nostre economie più resistenti alle crisi e per incoraggiare la crescita economica strutturale in Europa.

Vorrei citare gli elementi di tale approccio congiunto, che si rispecchiano nella dichiarazione adottata. Tre punti riguardano il lavoro che spetterà ai governi nazionali: in primo luogo, la responsabilità fiscale; secondariamente, stimolare la crescita; da terzo, i due paesi che godono di programmi di sostegno stanno introducendo con vigore le misure necessarie: noi tutti accogliamo con favore gli sforzi di questi due governi, la Grecia e l’Irlanda, e popolazioni dei loro cittadini.

Due altri punti riguardano il lavoro che spetta agli Stati membri insieme alle istituzioni dell’Unione europea. Innanzitutto, il Consiglio europeo chiede alle altre istituzioni, non da ultimo al Parlamento, di garantire che gli accordi raggiunti a ottobre relativamente al patto di stabilità e alla vigilanza macroeconomica, sulla base dell’attività della task force che ho presieduto, siano attuati entro l’estate. È dovere di tutti noi ottemperare a tale richiesta. Secondariamente, abbiamo convenuto di eseguire nuovi stress test nel settore delle banche per garantire una piena trasparenza nel contesto più ampio dell’esercizio annuale dell’Unione.

La nostra determinazione è chiara. I capi di Stato e di governo della zona euro e le istituzioni dell’UE sono “pronti a fare tutto il necessario per assicurare la stabilità dell'intera zona euro”. I lavori tesi a sviluppare gli elementi di quest’approccio generale sono in corso.

Durante il secondo giorno di riunione, ci siamo concentrati sulle relazioni con i nostri partner strategici. Cathy Ashton ha presentato relazioni in itinere sul modo in cui relazionarci con i partner strategici ed io ho informato i colleghi circa l’esito positivo di tre vertici recenti, vale a dire il vertice con il Presidente Obama, nel quale abbiamo inaugurato nuove possibilità di cooperazione transatlantica in materia di crescita, occupazione e sicurezza, come la crescita verde e la cibersicurezza; il vertice con il Presidente Medvedev, durante il quale abbiamo stipulato l’accordo bilaterale sull’adesione della Russia all’OMC, una conquista di enorme portata; e il vertice con il Primo ministro indiano Singh, che ha portato a buoni progressi verso un accordo di libero scambio ambizioso ed equilibrato, spero con un risultato concreto nel primo semestre di quest’anno, e che ha anche portato a una dichiarazione congiunta sul terrorismo internazionale.

Tutte queste riunioni hanno mostrato che per i nostri partner l’Unione europea non è solo un’unione economica e un blocco commerciale, ma anche un partner geopolitico.

Il Consiglio europeo ha anche deciso di conferire al Montenegro lo status di paese candidato, sottolineando in tal modo la convinzione in seno al Consiglio europeo che i paesi dei Balcani occidentali hanno una vocazione europea.

Infine, ci siamo anche accordati sulla posizione sulla Costa d’Avorio, conformemente a quanto deciso pochi giorni prima dai ministri per gli affari esteri, mandando un chiaro segnale sulla necessità di rispettare i risultati di elezioni democratiche.

Come sapete, il 4 febbraio il Consiglio europeo si occuperà principalmente della nostra agenda per la crescita. L’innovazione e l’energia – particolarmente la sicurezza energetica – sono fondamentali in quest’ambito. A marzo si terrà il primo esercizio di ciò che chiamiamo semestre europeo. Non deve trattarsi di un processo burocratico ma di un’occasione reale per tenere una discussione approfondita sulla situazione della nostra economia e sulle azioni da adottare.

Colleghi, ovviamente sappiamo che è necessario consolidare e approfondire il coordinamento economico e la convergenza in seno alla zona euro. Lavoreremo il più possibile in un quadro di ampia portata e sono convinto che troveremo il consenso necessario.

 
  
MPphoto
 

  José Manuel Barroso, Presidente della Commissione.(EN) Signor Presidente, lo scorso anno, l’Unione europea si è trovata ad affrontare una serie di dure prove e il Consiglio europeo di dicembre ha mostrato tutta la nostra determinazione nel prendere qualsiasi decisione necessaria per difendere le nostre conquiste. In particolare, con il consenso per l’istituzione di un meccanismo europeo di stabilità e per la necessaria modifica al trattato, abbiamo dimostrato il nostro impegno totale a favore del sostegno della zona euro e degli Stati membri che la utilizzano, a beneficio dell’intera Unione.

La Commissione adotterà il proprio parere formale sul testo dell’emendamento al trattato prima del Consiglio europeo di primavera. Senza dubbio svolgeremo il nostro ruolo nello spiegare ai cittadini europei perché questo cambiamento limitato merita di essere sostenuto. L’accordo ci consente di imprimere un’accelerazione e la Commissione coopererà strettamente con i ministri per le finanze per delineare i dettagli del meccanismo permanente di stabilità prima del Consiglio europeo di primavera. Sebbene si tratterà di un meccanismo intergovernativo, l’unica opzione che gli Stati membri potevano prendere in considerazione, è importante che esso sia istituito in modo pienamente coerente con il trattato e che consolidi le nostre norme in materia di stabilità, conformemente ai principi e agli strumenti della vigilanza di bilancio.

Queste decisioni sono collegate con la serie di misure più generali che stiamo adottando nell’ambito del nostro approccio volto ad affrontare sia la crisi economica e le sue conseguenze che la necessità di generare crescita attraverso l’occupazione. Il Consiglio europeo l’ha riconosciuto. I capi di Stato e di governo della zona euro e le istituzioni europee in particolare hanno chiarito di essere pronti a fare tutto il necessario per assicurare la stabilità dell'intera zona euro. In particolare, i capi di Stato e di governo hanno chiesto di agire con determinazione per garantire la disponibilità di sostegno finanziario adeguato attraverso il Fondo europeo di stabilità finanziaria, nell’attesa dell’entrata in vigore del meccanismo permanente. Sono state queste le conclusioni dell’ultimo Consiglio europeo.

Il Consiglio europeo ha anche invitato ad accelerare l’adozione entro giugno delle proposte della Commissione in materia di governance economica risalenti allo scorso settembre. Ha riconosciuto l’importante ruolo che la strategia Europa 2020 svolgerà nel far tornare l’Europa a una crescita sostenibile. Il semestre europeo, che abbiamo avviato la scorsa settimana con l’analisi annuale della crescita, riunisce tutte queste tendenze. Ritengo che apra nuove strade, migliorando in maniera decisiva il modo in cui a livello europeo gestiamo e coordiniamo le nostre economie interdipendenti. portando Stiamo arrivando a una vera governance economica europea. La nostra nuova governance economica è in atto; essa dovrebbe fornire una risposta esaustiva alla crisi.

La Commissione l’ha segnalato molto chiaramente nell’analisi annuale della crescita. Vorrei concentrarmi su questo aspetto perché ritengo che, sulla base anche delle importanti conclusioni del Consiglio europeo di dicembre, ora come non mai sia importante guardare ai prossimi passi. Credo stia emergendo una nuova realtà. Le politiche in materia di governance economica e coordinamento economico si sono modificate, non soltanto perché i cosiddetti federalisti lo desideravano. I mercati lo vogliono. I nostri partner internazionali lo vogliono. Si tratta di una semplice questione di buon senso, in cui stiamo avendo risultati e continueremo a farlo.

Il nuovo semestre europeo combina regole fiscali più rigorose grazie al rafforzamento del patto di stabilità e crescita con un coordinamento economico efficace. Offre un coordinamento ex-ante, il che significa che discuteremo delle politiche reciproche, sia economiche che fiscali, prima che vengano adottate. Non guardiamo più al passato per apportare correzioni, ma al futuro per fornire orientamenti.

Tale approccio ex-ante è al centro di ciò che rende questo un passo storico per l’Unione europea. In effetti, stiamo introducendo nelle politiche nazionali economiche e di bilancio una vera dimensione europea. D’ora in poi, forniremo la nostra assistenza nella definizione delle politiche fin dall’inizio, invece di valutarle e cercare di correggerle in seguito.

Le decisioni finali in materia di bilanci nazionali, ovviamente, saranno di responsabilità dei parlamenti nazionali. Ciò è corretto e opportuno, ma questa nuova forma di governance economica riflette semplicemente una risposta nazionale a una nuova realtà. Alla luce del livello di interdipendenza nella zona euro e nell’insieme dell’Unione europea, un paese dovrebbe essere in grado di prendere decisioni conoscendo le intenzioni dei propri vicini. Questa condivisione delle informazioni emancipa e rafforza i parlamenti nazionali e non ne mina l’autorità.

L’analisi annuale della crescita dà il via a questo processo, e i suoi messaggi chiave sono chiari: ripristinare la stabilità, non ritardare ulteriormente le riforme strutturali e velocizzare le misure a sostegno della crescita. In primo luogo, dobbiamo ripristinare la stabilità consolidando le finanze pubbliche. A meno che non riequilibriamo i conti, non ripristineremo la fiducia nelle economie europee. Senza fiducia rischieremo la stagnazione economica e tutte le conseguenze sociali negative che ne derivano, in particolare per l’occupazione.

Ciononostante, dobbiamo dare prova di sobrietà e ponderazione. Consolidamento fiscale non significa ridurre il debito adottando un approccio di abbattimento sfrenato delle spese. Si tratta più soprattutto di una questione di priorità e gerarchizzazione e alcuni settori – innovazione, istruzione, nuove forme d’energia – sono buoni candidati per tale trattamento prioritario.

Il secondo messaggio chiave dell’analisi annuale della crescita è di proseguire con le riforme strutturali per poter creare nuove opportunità occupazionali. La scelta è semplice: vogliamo una crescita senza occupazione o una crescita con nuovi posti di lavoro? Se propendiamo per quest’ultima opzione, allora vi saranno un paio di cose di cui ci dovremo occupare. Dobbiamo esortare gli Stati membri a concentrarsi quest’anno sulle riforme del mercato del lavoro, affinché sia possibile rimuovere gli ostacoli che ci impediscono di ottenere livelli occupazionali più elevati. Dobbiamo aiutare i cittadini a tornare sul mercato del lavoro o trovare nuovi posti rendendo il lavoro più appetibile. Dobbiamo riformare il sistema pensionistico e garantire che i disoccupati non si trovino in una situazione peggiore una volta che trovano un’occupazione.

Voglio essere piuttosto chiaro: riforme strutturali non significa ridurre il nostro livello di protezione sociale, ma far rientrare nel mercato del lavoro chi al momento ne è escluso, in particolare i giovani. I livelli di disoccupazione giovanile in alcuni Stati membri, anche in periodi positivi, sono uno scandalo. Chiunque tenga veramente all’Europa sociale sa che non è possibile continuare così. Di fronte alla concorrenza internazionale in aumento, possiamo sostenere la nostra economia sociale di mercato esclusivamente se ci adattiamo.

Il terzo messaggio chiave dell’analisi annuale della crescita è di anticipare e velocizzare le misure a sostegno della crescita. Il nostro programma Europa 2020 è fondamentale in quest’ambito. È necessario concentrarsi su misure che portino a chiari vantaggi economici nel breve e medio termine e che si prestino a un’adozione relativamente rapida, il che significa investire in aree che portano alla crescita, liberare il pieno potenziale del mercato interno, aumentare gli investimenti nell’energia, trasporti e infrastrutture informatiche – in parte attraverso finanziamenti innovativi incluse, a nostro parere, le obbligazioni europee di finanziamento di progetti – e continuare a esercitare pressioni per concludere le tornate di Doha, progredendo anche con accordi di libero scambio con i principali partner. Tutto rispecchiato ciò deve trovare riscontro nella prossima proposta di quadro finanziario pluriennale. Il prossimo bilancio dell’Europa deve alla stimolare la crescita.

Onorevoli deputati, le nostre economie incominciano a muoversi nella direzione giusta. La ripresa ha preso piede e al momento sta raggiungendo l’economia reale. Quest’anno dovremmo assistere a una crescita del PIL di circa l’1,5 per cento che dovrebbero salire al 2 per cento nel 2012. Il settore manifatturiero europeo ha registrato notevoli miglioramenti negli ultimi mesi. Dovremmo anche assistere a un costante miglioramento delle prospettive occupazionali mentre iniziamo a rilevare la diminuzione dei deficit pubblici, in primo luogo grazie alle misure di consolidamento già adottate, sostenute in alcuni casi da una ripresa della crescita. Nell’Unione europea, ci si aspetta che il deficit governativo scenda in media dal 6,8 per cento del PIL di quest’anno al 4,2 per cento nel 2012.

Ciononostante, tirare un sospiro di sollievo e riprecipitarsi nelle vecchie abitudini sarebbe un grave errore. Il mondo è cambiato. Non possiamo tornare ai modi di operare di una volta. Se non agiamo ora, di fronte alla più grande crisi dall’inizio dell’integrazione europea, quando saranno pronti gli Stati membri a compiere passi concreti verso politiche economiche coerenti con gli obiettivi che loro stessi si sono dati? Se non saremo noi a livello europeo a incoraggiarli, chi li stimolerà a prendere queste decisioni, chi lo farà? Soltanto risolvendo i nostri problemi di debito e stabilizzando le finanze potremo passare dalla gestione della crisi alla promozione della crescita – ovviamente non una crescita qualunque, ma sostenibile e inclusiva.

Tutto ciò comporta riforme strutturali, molte delle quali le chiediamo da diversi anni, riforme che mettono in discussione tutte le strutture, ma lo fanno per ridurre i prezzi e aumentare le possibilità di nuovi posti di lavoro e modi innovativi di operare. Ritengo veramente che nei confronti dei nostri cittadini abbiamo una responsabilità di scegliere un percorso di crescita e occupazione. L’analisi annuale della crescita ci indica la direzione.

Ora, impegniamoci seriamente per un coordinamento adeguato delle politiche economiche e un’effettiva governance economica europea per tutti i cittadini. Vi ringrazio per l’attenzione.

(Applausi)

 
  
MPphoto
 

  Joseph Daul, a nome del gruppo PPE.(FR) Signor Presidente, Presidente Van Rompuy, Presidente Barroso, l’ultimo Consiglio europeo ha mostrato con chiarezza che l’euro è un pilastro vitale dell’integrazione europea. È necessario fare tutto il possibile per stabilizzarlo e consolidarlo.

I nostri capi di Stato e di governo hanno confermato, da allora, il loro profondo attaccamento alla moneta europea e il fatto che l’Estonia all’inizio di quest’anno sia entrata a far parte della zona euro è un altro segnale in questa direzione; per i grandi paesi che non rispettano i criteri, ciò rappresenta un ottimo esempio di come invece sia possibile farlo.

Detto questo, nessuno sminuisce la gravità del periodo che l’Europa sta attraversando dal punto di vista economico e sociale in seno alla zona euro. Nel 2011 è necessario fare tutto il possibile per superare i problemi e rassicurare i mercati, non superficialmente ma strutturalmente, in altri termini creando le giuste condizioni per la crescita e l’occupazione a lungo termine. Credo che su questa questione parliamo la stessa lingua.

Innanzitutto, ciò significa che le finanze pubbliche nazionali vanno risanate. Spingete a fondo per questo progetto, non molliamo! In secondo luogo, significa che gli Stati membri devono far convergere maggiormente le loro politiche in materia di bilancio, ma anche quelle sociali e fiscali.

Significa, inoltre, che dobbiamo raggiungere rapidamente un accordo sul fondo di salvataggio della zona euro e che tale fondo ha un senso esclusivamente se accompagnato da un’applicazione rigorosa della bilancio normativa finanziaria. I nostri cittadini devono sapere che i paesi in difficoltà che essi sostengono gestiscono con molto rigore i conti pubblici, altrimenti non acconsentiranno più, scusate l’espressione, a scucire i soldi.

Infine, come ho affermato, è necessario creare le condizioni per la crescita e l’occupazione. Ciò implica anche il completamento del mercato interno europeo, maggiori investimenti nella ricerca e nell’innovazione, nonché nell’apprendimento permanente e nella formazione. Il mio gruppo vuole che in questi settori sia favorito l’approccio dell’Unione rispetto a quello intergovernativo, semplicemente perché è molto più efficace e sostenibile.

Presidente Van Rompuy, mi appello a lei affinché garantisca che la riforma del trattato, confermata all’ultimo Consiglio europeo, sia conclusa rapidamente quanto prima e nel modo più celere.

Il dibattito sul bilancio è appena iniziato. Il mio gruppo continuerà a insistere su un attento riesame delle finanze pubbliche europee nei prossimi anni con l’obiettivo di ricreare le condizioni per la crescita e l’occupazione in Europa.

Presidente Barroso, analizziamo ogni opzione, non abbiamo paura e, come ho già ripetuto diverse volte, prendiamo due o tre esempi di bilanci: come possiamo far uscire l’Europa dalla sua situazione attuale con, ad esempio, l’1, il 2 o il 5 per cento? Non riusciremo a farlo riducendo le risorse. Se vogliamo creare posti di lavoro, abbiamo bisogno di maggiori risorse europee, e ciò non significa che gli Stati membri devono spendere di più.

Non dobbiamo avere paura, Presidente Van Rompuy e Presidente Barroso. Presentateci queste proposte e noi, capi di Stato e di governo e Parlamento europeo, saremo obbligati a trovare la soluzione giusta, ma almeno forniteci una serie di opzioni tra le quali scegliere.

 
  
MPphoto
 

  Stephen Hughes, a nome del gruppo S&D.(EN) Signor Presidente, il Consiglio europeo di dicembre ci ha fornito quanto meno il consenso politico su un meccanismo permanente di risoluzione delle crisi ma – alla luce della reazione dei mercati dopo Natale, con nuovi timori circa la solvibilità di Portogallo, Spagna e Belgio – dobbiamo chiederci veramente se non abbiamo fatto troppo poco e troppo tardi. La stessa proposta di meccanismo europeo di stabilizzazione fa emergere nuovi quesiti sui mercati finanziari e il meccanismo di stabilità finanziaria esistente è ora considerato insufficiente. Ci siamo nuovamente lasciati sfuggire diverse opportunità.

A dicembre, il Parlamento ha inviato un chiaro segnale al Consiglio sugli Eurobond, ma non vi è stata alcuna risposta costruttiva né dalla Commissione né dal Consiglio. Sin dal 2008 continuiamo ad assistere a ripetuti episodi di esitazione e dispute interne tra gli Stati membri e le istituzioni; ogni volta dobbiamo penare per ottenere una risposta e, quando questa arriva, giunge tardi ed è al di sotto delle aspettative.

L’esemplificazione più chiara del problema è il fatto che, di fronte alle sfide economiche e monetarie odierne, non disponiamo affatto degli strumenti di cui abbiamo bisogno. Sono inadeguati o non esistenti. Il nostro processo decisionale istituzionale è complesso e carente dal punto di vista della democrazia, e la nostra strategia in materia di politica economica è frammentaria e inefficace.

I mercati finanziari non mantengono la propria pressione su di noi esclusivamente a causa degli elevati livelli di indebitamento e deficit, Presidente Barroso: lo fanno anche perché vogliono un’indennità per aver prestato denaro a un progetto che sembra incapace di raggiungere la propria maturità o di realizzare il proprio destino.

Ciò che sta tenendo insieme la zona euro di oggi non è tanto il sogno dei padri fondatori ma piuttosto, semplicemente, l’incubo dell’alternativa: il collasso totale del sistema. Il disonorevole fallimento nell’affrontare la crisi sta portando il progetto europeo allo stallo politico. Che probabilità ha oggi il trattato revisionato di far emergere un insieme di istituzioni più forte e più democratico?

Appelli intelligenti a favore di una maggiore integrazione politica, come quello della scorsa settimana da parte del governatore della banca federale tedesca, non hanno alcuna possibilità di successo. In questo contesto, sono molto turbato, Presidente Barroso, dall’attacco frontale della Commissione all’Europa sociale e dall’interferenza con i mercati del lavoro nazionali, come nel caso dell’Irlanda. L’analisi annuale della crescita costituisce senza dubbio un attacco frontale a diritti dei lavoratori affermati da tempo ed essenziali dal punto di vista sociale ed economico, e al concetto stesso di contrattazione collettiva.

Se il Consiglio europeo convaliderà tutto ciò, si tratterà, a mio parere, della peggiore strategia immaginabile nella situazione attuale. Non soltanto smascherata risulterà evidente la sua follia economica, ma sarà anche estremamente dannosa per il progetto europeo.

Le grandi idee possono fallire, signor Presidente, ed io nutro grandi timori per questo progetto europeo. Come ci insegna la storia, l’eventualità del fallimento è negata fino all’ultimo. Riconosciamo, invece, la possibilità che si possa fallire.

L’onorevole Farage annuisce. Il fallimento nell’agire, Presidente Van Rompuy, Presidente Barroso, fornisce munizioni all’onorevole Farage e ai suoi alleati. Facciamo qualcosa, per amor del cielo!

 
  
MPphoto
 

  Sylvie Goulard, a nome del gruppo ALDE.(FR) Signor Presidente, Presidente Van Rompuy, Presidente Barroso, vorrei condividere due commenti sulle conclusioni del Consiglio europeo dello scorso dicembre.

In primo luogo desidero rammentarvi che la crisi sta avendo un impatto particolare sull’Unione per una semplice ragione: sin dall’inizio siamo una comunità giuridica e, in una comunità giuridica, il diritto è particolarmente importante. Non si tratta di sminuire la legalità, ma nell’affrontare una crisi così grave – come ci ricorda l’analisi annuale della crescita che avete appena pubblicato, signor Presidente – è giunta l’ora di agire, non quella della stretta aderenza alla legge.

Lei ci dice che questa revisione dei trattati è essenziale per rassicurare i mercati. Innanzitutto, se mi consente di essere un po’ impertinente, mi sembra che i mercati non siano stati particolarmente rassicurati dopo la conclusione del Consiglio europeo di ottobre. State attenti se veramente volete rassicurare i mercati. Pensate a ciò che succederebbe potrebbe succedere in caso di fallimento della revisione.

Vengo da un paese che ha vissuto il trauma di un referendum negativo senza un piano B. Lei, Presidente Barroso, era già qui. Talvolta dobbiamo pensare a quello che può accadere quando diciamo ai mercati che dobbiamo modificare i trattati e che tutto dovrà essere completato entro una determinata data, e poi speriamo di farcela. Chiaramente, quindi, state scegliendo la procedura semplificata nella speranza che passi. Se così sarà, comunque, forse avrete rassicurato i mercati, ma di certo non la popolazione.

E ora la mia seconda osservazione: tanto rumore per nulla. State emendando i trattati per una questione giuridica e non per fornire ai cittadini le risposte che si attendono. Sono qui presenti i sei relatori, me compresa, che lavorano sul pacchetto di governance economica elaborato dalla Commissione senza che fosse necessario emendare i trattati. Abbiamo deciso di lavorare senza modificare i trattati e poi, in corso d’opera, abbiamo deciso di modificarli. Sembra che stiamo dicendo ai cittadini che siamo in grado di modificare i trattati, che nonostante la burocrazia giuridica ce la faremo, ma che alla fin fine il risultato sarà che la strategia 2020 non sarà presa sul serio e loro, i cittadini, non avranno né posti di lavoro né crescita.

Inoltre, il Consiglio europeo di dicembre ci chiede di velocizzare i nostri lavori. Benissimo, acceleriamo! Ma io vorrei che il Consiglio accelerasse, Presidente Van Rompuy. Il Parlamento ha già presentato le proprie relazioni. C’è un modo molto semplice per progredire più velocemente: avvicinatevi alle nostre posizioni e smettiamo di considerare la codecisione come una procedura nella quale il Consiglio decide e il Parlamento si adatta.

 
  
MPphoto
 

  Rebecca Harms, a nome del gruppo Verts/ALE.(DE) Signor Presidente, Presidente Van Rompuy, il mio ricordo principale dell’ultima riunione del Consiglio non è stato rispecchiato nel suo resoconto, pertanto vorrei sintetizzare il vertice in modo diverso. Dalla prospettiva odierna, la cosa più importante che ricordo è che durante il vertice dei capi di Stato e di governo a Bruxelles, l’agenzia di rating Moody’s ha declassato il rating del credito dell’Irlanda.

Questo è stato il momento in cui noi tutti ci siamo resi conto della portata del nostro fallimento nella gestione della crisi, di cui dobbiamo ancora occuparci oggi. Chiunque raffronti i dati fondamentali della crisi del debito in diversi paesi non potrà far altro che sorprendersi dell’efficacia della speculazione contro l’euro. Nel frattempo, un paese che ha problemi di gran lunga maggiori di Spagna e Portogallo, vale a dire gli Stati Uniti, rimane del tutto estraneo alla guerra che gli speculatori stanno muovendo contro l’euro. Questa è la situazione attuale.

È iniziato un nuovo anno, e abbiamo nuovi problemi da affrontare. Dovremmo occuparci qui e ora dei problemi che abbiamo previsto durante la riunione, vale a dire che le nostre decisioni non sarebbero state sufficienti. Ritengo che noi tutti ormai ci siamo resi conto che molti paesi europei si trovano in difficoltà. Hanno a che fare con un indebitamento enorme, non solo privato, ma anche con un livello non più sostenibile del debito pubblico. Molti degli Stati membri dell’Unione europea non saranno in grado, autonomamente, di risolvere i loro problemi.

Quale dovrebbe essere il nostro prossimo passo? Riteniamo che ridurre semplicemente il debito nazionale, come iniziano a fare molti paesi, con l’incoraggiamento dell’Unione europea e delle sue risoluzioni congiunte, non sia di per sé sufficiente, e che tali paesi siano spinti al limite dell’accettabile. È necessario raggiungere un nuovo accordo sul modo in cui ciò può funzionare in maniera veramente accettabile. Ritengo che sviluppi come quelli verificatisi in Ungheria, ad esempio, rappresentino un campanello d’allarme circa ciò che succede quando la distribuzione della ricchezza nei paesi dell’Unione europea è ingiusta e i divari sono troppo ampi. Durante il processo di riduzione del debito pubblico, dobbiamo prestare molta più attenzione alla giustizia rispetto a quanto non si è fatto finora.

Riteniamo, inoltre, e vorrei essere estremamente chiara, che il settore bancario vada ristrutturato. Non crediamo che sia possibile giustificare un ulteriore aumento dell’indebitamento per salvare ciò che non può più essere salvato. Desidero esprimere il mio pieno sostegno nei confronti di quanto affermato dall’onorevole Goulard. Necessitiamo di un approccio che ci permetta di preparare gli europei al futuro nel contesto di un Green New Deal e di prendere decisioni nuove in questa crisi. Vorrei sottolineare nuovamente che l’Europa è un luogo fantastico in cui vivere e abbiamo molto da fare per garantire che rimanga tale.

 
  
MPphoto
 

  Timothy Kirkhope, a nome del gruppo ECR.(EN) Signor Presidente, il Consiglio europeo ha preso importanti decisioni circa la futura gestione delle crisi, ma sono d’accordo con il Presidente Barroso quando afferma che il problema alla base continua a sussistere: la necessità di tornare alla disciplina fiscale e la riluttanza di alcuni Stati membri a procedere seriamente con le riforme economiche.

Ci è stato detto che con una moneta unica gli Stati membri non sarebbero più stati in grado di svalutare per superare i problemi, e avrebbero, invece, dovuto riformare le proprie economie per renderle più competitive. Sebbene sembrasse una proposta superficialmente appetibile, molti di noi hanno fatto bene a non bersela, dal momento che si è dimostrata una prospettiva falsa. Alcuni Stati membri sono stati in grado di trovare altre soluzioni per sostenere artificialmente le proprie economie: sovrastimando il valore delle loro voci attive, grazie a tassi di interesse inopportunamente bassi e al rifiuto di adottare azioni correttive con altri mezzi; oppure iniettando fondi pubblici presi a prestito su scala insostenibile e, in alcuni casi, nascondendo la portata del deficit fiscale risultante.

Se è logicamente necessario trovare soluzioni per affrontare le conseguenze immediate di queste politiche e l’austerità di bilancio risulta fondamentale, dobbiamo altresì impegnarci nelle riforme economiche: incrementare la flessibilità del mercato del lavoro per creare occupazione, aprire i mercati, rimuovere le barriere al commercio e stimolare gli investimenti privati affinché sia possibile colmare il vuoto lasciato dalla diminuzione della spesa pubblica.

La crisi economica e finanziaria ha reso inevitabile l’intervento governativo su larga scala nell’economia ma non dobbiamo confondere il palliativo con la cura. La soluzione a lungo termine non ancora vuol dire più governo, ma significa crescita economica generata da imprese e imprenditori di successo, che operano in mercati competitivi, in grado di fornire valore ai consumatori e creare occupazione per i cittadini.

Ecco perché la strategia Europa 2020, l’atto per il mercato unico e l’Unione dell’innovazione sono così fondamentali e devono ricevere l’attenzione che meritano. La posta in gioco è considerevole. Mentre abbiamo affrontato questa crisi immediata, altri paesi del mondo – alcuni con valori politici che sembrano molto diversi dai nostri – hanno continuato a progredire. Se non usciamo dalla crisi con un percorso progressivo di riforme, saremo condannati a un inesorabile declino relativo, con le conseguenze più gravi per la promozione dei nostri valori e per il futuro del pianeta.

 
  
MPphoto
 

  Joe Higgins, a nome del gruppo GUE/NGL.(EN) Signor Presidente, il meccanismo permanente di stabilità finanziaria, in pratica, non è nient’altro che un altro strumento che tutela le principali banche europee dalle conseguenze della loro sconsiderata speculazione sui mercati finanziari. A causa di questo meccanismo i cittadini della classe lavoratrice si sobbarcheranno i costi della crisi di un sistema finanziario in pessimo stato e di un capitalismo europeo oppresso dalla crisi.

Presidente Barroso e Presidente Van Rompuy, ditemi questa mattina – perché non l’avete ancora fatto – se è morale trasferire decine di miliardi di euro di debiti privati di speculatori e banchieri che hanno giocato senza freni sul mercato immobiliare irlandese e accollare tali debiti sulle spalle del popolo irlandese, che non ha alcuna responsabilità in merito. Più che essere un salvataggio, il vostro intervento FMI-UE in Irlanda è un meccanismo che rende i contribuenti irlandesi schiavi delle banche europee. State distruggendo i nostri servizi e lo standard di vita del nostro popolo. Affermate di essere democratici, ma rendete i lavoratori europei schiavi dei mercati, dei mercati finanziari, che vi hanno in pugno.

Il vostro meccanismo di stabilità finanziaria è un’arma pericolosa imposta dai mercati e positivo innocua solo in apparenza. Noi della sinistra irlandese insisteremo affinché prima della sua approvazione si organizzi un referendum del popolo irlandese.

 
  
MPphoto
 

  Nigel Farage, a nome del gruppo EFD.(EN) Signor Presidente, qual è il termine associato a euro utilizzato con la maggiore frequenza? No, non è “fallimento”, anche se potrebbe esserlo. È “stabilità”, o mi sbaglio? Una decina di anni fa, tutti affermavano che una volta che avremmo avuto l’euro, ciò ci avrebbe portato stabilità. Beh, dieci anni più tardi, direi che ciò che ha portato è caos, discordia e povertà per milioni di persone, eppure questa mattina si è continuato a usare la parola “stabilità”. L’ha usata Il Presidente Barroso, l’ha usata il Presidente Van Rompuy: “stabilità”.

In realtà, ci congratuliamo gli uni con gli altri perché le aste di obbligazioni della scorsa settimana in Portogallo sono andate bene, mentre la realtà è che la Banca centrale europea si è servita del denaro dei contribuenti per acquistare il loro stesso debito. Le vostre rassicurazioni che tutto va bene non funzionano.

Chi ritiene di prendere in giro, Presidente Van Rompuy? La rendita delle obbligazioni in Portogallo ieri è aumentata fino a quasi il 7 per cento. L’opinione pubblica in tutta l’Unione non sostiene più la moneta, e la battaglia per la Spagna non è nemmeno cominciata. Il modello stesso sta fallendo, eppure lei vuole raddoppiare le dimensioni del fondo di salvataggio. Vuole anche ampliare la portata del fondo di salvataggio, affinché, insieme alla BCE, anche lei possa andare ad acquistare ancora più del suo stesso debito.

State utilizzando la crisi come un enorme strumento di potere per portarci a un’unione fiscale. Se ci riusciste, allora dovremmo cambiare il nome, liberandoci di “Unione europea” e chiamandola “Unione del debito”. Se ci riusciste, imprigionereste i paesi meridionali in un carcere economico, nel quale le sofferenze degli individui sarebbero incalcolabili, mentre i paesi del nord si troverebbero a dover pagare, per sempre, un conto molto salato e tassi d’interessi di gran lunga troppo alti per le loro economie. Abbiamo ormai raggiunto un punto in cui in realtà non importa più ciò che ciascuno di voi dirà. Nessuno vi crede. Il pubblico non vi sostiene. Spero e prego che i mercati si liberino di voi.

 
  
MPphoto
 

  Barry Madlener (NI).(NL) Signor Presidente, onorevoli deputati, da tutte le belle e vuote parole del Presidente Barroso, sono stato in grado di trarre un solo punto reale, vale a dire che spetta agli Stati membri ricchi pagare per quelli poveri, perché è questa la realtà della questione. Sembra che questa situazione proseguirà ancora per un bel po’. Continuiamo a sentirci dire che dobbiamo aiutare gli altri Paesi, ma nessuno ha menzionato come dobbiamo farlo in realtà. fondamentalmente Per farla breve, i cittadini dei Paesi Bassi dovranno metter mano al portafogli e pagare il conto per gli Stati membri deboli, alcuni dei quali hanno aderito all’euro con mezzi fraudolenti.

Il Presidente Barroso afferma: “Scegliete la crescita sostenibile”. Parole vuote prive di significato perché non ci ha detto come dovremmo farlo. Che cosa succede se non funziona? Perché non elaboriamo uno scenario che permetta a paesi come la Grecia di reintrodurre la propria moneta? Sembra che ciò non sia possibile e che voi non siate pronti a elaborare scenari analoghi, anche se molti economisti ritengono che in realtà essi potrebbero funzionare molto bene e che potrebbero rappresentare la nostra opzione migliore.

Passiamo poi alla creazione delle condizioni per la crescita e l’occupazione. Come dovremmo farlo? A quanto sento dire, lo si dovrebbe fare riducendo la spesa pubblica, che è proprio quanto abbiamo fatto nei Paesi Bassi. Quindi, che cosa fa l’Unione europea? Premia i Paesi Bassi spendendo ancora di più. Vi ricordate la richiesta di un aumento del bilancio dell’UE del 6 per cento? Ovviamente, erano principalmente i cittadini dei Paesi Bassi a dover pagare quel conto; anche in quest’ambito, pertanto, non godete di grande credibilità.

Per riassumere: i Paesi Bassi stanno pagando per i paesi poveri con un declino della crescita economica interna. I cittadini sono esposti a un rischio di 27 miliardi di euro, importo che sembra aumentare lievitare in continuazione. Ogni anno paghiamo 4,5 miliardi di euro netti all’UE, la maggior parte dei quali è convogliata verso gli Stati membri deboli; le spese dell’Unione sono in aumento, mentre noi dobbiamo introdurre tagli e mentre il valore dell’euro continua a scendere, con conseguente aumento dei costi per i cittadini dei Paesi Bassi. Signor Presidente, l’Unione europea non è affidabile.

 
  
MPphoto
 

  Olle Schmidt (ALDE).(Interrogazione presentata con la procedura del cartellino blu ai sensi dell’articolo 149, paragrafo 8, del regolamento, all’onorevole Farage) (EN) Signor Presidente, è sempre divertente ascoltare l’onorevole Farage, o per lo meno talvolta lo è, perché conosce tutte le risposte e si fa da solo tutte le domande.

Eppure, onorevole Farage, sarebbe stata preferibile l’alternativa di 16, 17 o forse addirittura 20 monete diverse, come avevamo negli anni ’90 quando la sterlina è collassata? Avrebbe migliorato l’attuale situazione in Europa? Nessun economista sarebbe d’accordo con lei su questo punto, onorevole Farage. Non può semplicemente dire che viviamo nel passato. Stiamo affrontando questioni che riguardano l’Europa di oggi. Non risponde mai alla domanda sul modo in cui affrontare la situazione attuale e quella futura. Lei è un populista, ed è troppo semplice per lei rispondere a tutte le sue domande.

 
  
MPphoto
 

  Nigel Farage (EFD).(EN) Signor Presidente, dieci anni fa ho affermato che non si potevano mettere la Grecia e la Germania insieme nella stessa unione monetaria e che ciò non avrebbe funzionato. Se ripercorriamo la storia, vediamo che quando i popoli sono riuniti in false unioni monetarie, quando i governi credono di saperla più lunga dei mercati, i governi perdono sempre.

Mi chiede qual è la mia soluzione per la situazione odierna. È assolutamente evidente. La Grecia, il Portogallo e l’Irlanda non sono compatibili con l’euro. Ciò che dovremmo fare, ciò che il Presidente Van Rompuy dovrebbe fare per avere una leadership reale, sarebbe introdurre un piano B e permettere a questi paesi di tornare alla loro moneta, permettere loro di svalutare per tornare concorrenziali e crearsi una possibilità, perché con questa politica non facciamo altro che distruggerli.

 
  
MPphoto
 

  José Manuel García-Margallo y Marfil (PPE).(ES) Signor Presidente, chiunque legga i giornali di oggi noterà due cose: ci troviamo in un momento cruciale della crisi del debito sovrano e la risposta europea è una successione di disposizioni isolate senza alcuna coerenza interna.

Proprio in questo momento abbiamo sul tavolo il semestre europeo, il pacchetto di governance economica, la strategia di salvataggio temporanea e permanente, i cosiddetti Eurobond per coprire la parte di debito sovrano considerata sicura, più un piano d’azione basato sulla Banca europea per gli investimenti e le obbligazioni per specifici progetti, che è contenuto nella proposta che la Commissione ci ha inviato in materia di mercato interno.

La prima cosa che i relatori stanno cercando di fare è combinare il tutto e creare un progetto completo, un’immagine definitiva da mostrare al pubblico. In secondo luogo, questo progetto deve essere un disegno europeo che non divida l’Europa in due – non cadiamo in un’Europa a due velocità – e che persegua con la medesima intensità due obiettivi: la disciplina di bilancio, il più necessario, e la crescita economica, per farci uscire dalla crisi in cui ci troviamo.

Ho un’osservazione sul meccanismo di salvataggio cui il Presidente del Consiglio in carica ha fatto riferimento. Nella sua prima dichiarazione, egli ha affermato che gli investitori privati parteciperebbero ai piani di salvataggio, creando scalpore e portando a una protesta del Presidente della Banca centrale europea. Fu spiegato, come ha appena fatto in questa sede il Presidente Van Rompuy, che innanzitutto si procederebbe caso per caso – ma chi prende le decisioni e sulla base di quali criteri? – e in secondo luogo che si rispetterebbero i criteri e le politiche del Fondo monetario internazionale. L’unico caso in cui il Fondo monetario internazionale ha fatto ricorso a questo tipo di piano di salvataggio è stato in Argentina nel 2003; quell’intervento fece precipitare il paese in un caos dal quale ancora non si è emerso ancora ripreso, e i detentori privati di obbligazioni non sono ancora stati risarciti.

Per quanto riguarda gli Eurobond, oggi in questa sede sono state esposte molte problematiche. Vorrei aggiungerne due: queste obbligazioni creerebbero un mercato liquido come quello degli Stati Uniti, e darebbero un impulso all’euro come moneta di riserva, permettendo alle banche centrali e ai fondi sovrani di investire qui da noi le loro riserve.

Il mio commento finale è che siffatte operazioni, per dare una risposta alla crescita, devono essere affiancate dalla Banca europea per gli investimenti e da obbligazioni specifiche.

 
  
MPphoto
 

  Pervenche Berès (S&D).(FR) Signor Presidente, Presidente Van Rompuy, lei ha consentito a presiedere definito quello che viene definito un gruppo di saggi. Tale organo si componeva di ministri delle finanze minacciati da un declassamento del loro debito sovrano. Potevano costituire un gruppo di saggi? La cacofonia che pervade il dibattito attuale fra il signor Trichet, il Presidente Barroso e il Cancelliere Merkel, proprio come le turbolenze sul mercato, ci dice che non si è trattato di un gruppo di saggi.

Vi è stato chiesto di gestire la crisi dell’euro. Dobbiamo gestire l’euro a vantaggio dei cittadini europei, non degli speculatori. Per farlo, avete convenuto una revisione del trattato per ragioni di convenienza, anche se la nostra Conferenza dei presidenti aveva sottolineato che si trattava di una revisione superflua, come confermato dal Presidente dell’Eurogruppo.

Ciononostante, signor Presidente, Presidente Van Rompuy, voi rischiate di indirizzarci su un cammino che ci potrebbe portare sulla via del “troppo poco e troppo tardi”. Effettivamente, verrà il giorno in cui avrete bisogno della saggezza del Parlamento, di una convenzione per revisionare il trattato affinché in futuro sia possibile avere armonizzazione fiscale, un tesoro a livello europeo, prestiti per la gestione reciproca del debito e per porre nuovamente l’occupazione al centro delle nostre politiche economiche.

Se non volete la revisione del trattato, prendete il toro per le corna e introducete una cooperazione rafforzata nella zona euro per gestire i problemi e le responsabilità dei suoi Stati membri, invece di lasciarla alla mercé dei mercati.

 
  
MPphoto
 

  Martin Callanan (ECR).(EN) Signor Presidente, dal momento che si tratta di una questione così importante per l’economia europea nel suo insieme, sebbene il mio paese (per fortuna) non faccia parte della zona euro, accolgo con favore per lo meno alcune delle misure convenute durante il Consiglio della zona euro, in particolare il fatto che gli stessi paesi che vi aderiscono devono essere responsabili per la risoluzione dei loro problemi.

Accolgo inoltre con favore il riconoscimento, seppur tardivo, del Consiglio secondo cui l’articolo 122 del trattato è del tutto inadeguato a sostenere il meccanismo di salvataggio. Non si tratta di catastrofi naturali né si trattava di qualcosa che esulava dal controllo degli Stati membri coinvolti. Ciononostante, nel predisporre le basi per l’entrata in vigore del meccanismo prevista forse nel 2013, non dobbiamo dimenticarci che anche adesso continuiamo a trovarci in un periodo di crisi.

La situazione è ancora estremamente disperata in diversi Stati membri: il Portogallo quasi sicuramente si troverà ad attraversare difficoltà, forse anche la Spagna e il Belgio. Tuttavia, ciò che mi preoccupa maggiormente è l’effetto sulla democrazia naturale in tali paesi. Essi, in effetti, stanno diventando dei protettorati economici guidati da Barroso, Van Rompuy e altri. Le decisioni prese dagli elettorati nazionali di questi paesi circa le priorità di spesa da adottare e le politiche economiche da perseguire hanno ora un effetto molto limitato. Sono sotto il controllo di Bruxelles e delle istituzioni finanziarie internazionali.

Una volta che avremo superato la crisi, dovremmo veramente concentrarci sul ripristino della democrazia in tali paesi e sul ripristino della volontà degli elettorati nazionali di avere il controllo delle proprie politiche economiche nazionali.

 
  
MPphoto
 

  Miguel Portas (GUE/NGL).(PT) Signor Presidente, nella politica vi sono misure ragionevoli, misure erronee e misure sconvenienti. È ragionevole che l’Europa emetta un debito pubblico europeo, anche se il Cancelliere Merkel non approva. È ragionevole che l’Europa possa mutualizzare parte del proprio debito sovrano, anche se il Cancelliere Merkel non approva. Quello che è sconveniente è la notizia, diventata di pubblico dominio, secondo la quale il meccanismo europeo di stabilità e il Fondo monetario internazionale potrebbero finire per mutualizzare parte del debito sovrano accumulato dalle banche private a un interesse del 6 o 7 per cento, nel caso del Portogallo, dopo che le stesse banche si sono finanziate con un interesse dell’1 per cento con la Banca centrale europea.

Presidente Van Rompuy, il mio quesito è il seguente: per quanto tempo ancora continueremo ad aspettarci dall’Europa che faccia miracoli nel settore del capitale finanziario? Per quanto tempo ancora continueremo a trasformare il debito privato in debito pubblico? Per quanto tempo ancora obbligheremo i contribuenti europei, i lavoratori e i pensionati a ripagare debiti generati dal settore delle banche private, le stesse che ci attaccano?

È questa la vera posta in gioco di oggi.

 
  
MPphoto
 

  Mario Borghezio (EFD). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, negli Stati Uniti una legge ha imposto alla FED di dettagliare quanto, e a quali banche, sono andati i 3 300 miliardi di dollari del salvataggio.

Mi domando se sia sovversivo chiedervi di adottare questi stessi criteri di trasparenza, a meno che non lo impedisca la super lobby del potere finanziario e bancario. Riflettiamo: quale futuro per questa Unione forzata di paesi liberi, basata sulla detenzione del debito dei paesi più deboli da parte dei paesi più forti?

Tecnicamente, vogliamo riconoscere una realtà, che l'euro è una moneta in una situazione quasi fallimentare? Come pensare di far obbligo di usarla a paesi con un'economia debole? È una politica accettabile una politica monetaria accentrata, per Stati che hanno tassi di interesse così decisamente diversificati?

Lo stesso Trichet, che esorcizza il pericolo di insolvenza della BCE, ammette però che una delle motivazioni all'aumento di capitale è far fronte al rischio di credito, cioè all'insolvenza dei titoli acquisiti. È inoltre ora di nuovi stress test sulle maggiori banche, di dare maggior peso al dato degli indebitamenti bancari a rischio, come ha chiesto il ministro dell'economia.

(Il Presidente interrompe l'oratore)

 
  
MPphoto
 

  Ioannis Kasoulides (PPE).(EN) Signor Presidente, il messaggio politico delle ultime decisioni del Consiglio rivolte agli speculatori, ai mezzi di comunicazione e ai mercati è che gli Stati membri sono pronti a fare tutto il necessario per salvaguardare la zona euro e difendere l’euro. Indipendentemente dalle discussioni interne in corso, nessuno Stato membro esclude determinate idee, come ad esempio il raddoppiamento del capitale del fondo finanziario, il diritto di acquistare obbligazioni, l’inclusione del trimming nel meccanismo di stabilità finanziaria dopo il 2013 o l’ordine di vendere Eurobond. Solo le tempistiche sono oggetto di discussione: se e quando sarà necessario, e come. Non illudiamo i mezzi di comunicazione e gli analisti. L’Unione europea farà tutto il necessario, quando sarà necessario.

Per quanto riguarda il meccanismo di stabilità finanziaria, la decisione del Consiglio afferma che il meccanismo è “da attivare ove indispensabile per salvaguardare la stabilità della zona euro nel suo insieme”. In qualità di deputato proveniente da uno Stato membro di piccole dimensioni, vorrei chiedere rassicurazioni circa il fatto che membri come Malta, Cipro, l’Estonia o la Slovenia verranno inclusi perché se attraverseranno delle difficoltà potrebbero non essere indispensabili per la stabilità dell’insieme.

 
  
MPphoto
 

  Anni Podimata (S&D).(EL) Signor Presidente, è necessario riconoscere che, sebbene del tutto impreparata dal punto di vista istituzionale e politico, sin dall’inizio l’Europa ha compiuto passi seri per affrontare la crisi. Dall’applicazione del pacchetto di sostegno alla Grecia quasi un anno fa, fino alle decisioni prese dall’ultimo Consiglio europeo di istituire un meccanismo permanente di stabilità, si sono compiuti importanti passi in avanti. Ciononostante, la continua e crescente pressione dei mercati, che non viene più esercitata solo sulle economie più vulnerabili della zona euro, dimostrano che le nostre decisioni sono frammentarie e inadeguate in termini di risposta integrata alla crisi.

Necessitiamo, pertanto, di una risposta europea integrata alla crisi che non sostituirà né trascurerà la responsabilità degli Stati membri di mantenere la propria parola e ristrutturare le proprie finanze pubbliche, ma che proteggerà queste economie dagli attacchi dei mercati e contribuirà a garantire che i loro sforzi siano coronati dal successo.

Signor Presidente, alcuni giorni fa il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che invita la Commissione europea ad avviare uno studio di fattibilità sulla questione degli Eurobond senza ulteriore indugio.

(Il Presidente interrompe l'oratore)

 
  
MPphoto
 

  Ilda Figueiredo (GUE/NGL).(PT) Signor Presidente, abbiamo raggiunto la fine dell’anno europeo della lotta contro la povertà e l’esclusione sociale. Il Consiglio ha forse elaborato un bilancio dei risultati? No.

Se l’avesse fatto, avrebbe concluso che la povertà non ha mai registrato un aumento così pronunciato, che il numero di persone che vivono in povertà in questa ricca Europa ha ormai superato i 100 milioni e che le decisioni prese non faranno altro che continuare a far aumentare disoccupazione, disuguaglianza ed esclusione sociale. Ciononostante, gli utili dei gruppi economici e finanziari proliferano, come anche i profitti speculativi sul debito sovrano, sostenuti dagli orientamenti della Banca centrale europea e dalle politiche del Consiglio e della Commissione.

È questo l’obiettivo della zona euro?

I paesi con le economie più fragili continuano a essere oggetto di pressioni e minacce, e i governi, di fronte alle proteste e alle lotte dei lavoratori, fanno ricorso alla repressione e alla violenza su sindacati e lavoratori, come si è verificato ieri in Portogallo.

La ragione della nostra protesta, della nostra indignazione e della nostra ferma convinzione è che vogliamo una tipologia diversa d’Europa: un’Europa basata sul progresso sociale, che rispetti chi lavora e lotti per i loro diritti. Credetemi, saremo a fianco dei lavoratori nella loro lotta per rompere con le vostre politiche.

 
  
MPphoto
 

  Tunne Kelam (PPE).(EN) Signor Presidente, mi fa piacere poter affermare che sono passati diciannove giorni dall’adesione dell’Estonia alla zona euro, ma l’Estonia vi si preparava sin dal momento della sua adesione. Persino il disegno sulla moneta dell’euro estone era già stato deciso con un referendum sei anni fa. Ciononostante, aderire alla zona euro non è semplicemente una questione di scelta individuale ma riguarda anche la solidarietà, assumersi la responsabilità comune e contribuire attivamente alla stabilità del continente nel suo insieme.

In un periodo di crisi economica, i valori morali ed etici hanno acquisito maggiore importanza. Possiamo riscontrare che il potenziale economico di per sé non è sufficiente. L’aspetto cruciale è se un paese può godere di fiducia per quanto riguarda la propria capacità e volontà di rispettare i propri obblighi in tempo e impegnarsi in serie riforme strutturali.

Ho accolto con favore il fatto che il Consiglio sia stato in grado di accordarsi su un meccanismo europeo di stabilità, ma il modo pratico per raggiungere crescita economica e stabilità è costituito, in primo luogo, dal completamento del mercato unico, e in particolare del mercato unico europeo del digitale. Quest’ultimo va integrato nel ruolino di marcia del mercato unico europeo, nonché nell’agenda europea per il digitale.

Potrebbe essere un’opportunità reale per promuovere la competitività europea nel mondo. I cittadini europei si aspettano che noi facilitiamo gli affari nella sfera digitale, dove operazioni come i pagamenti elettronici e la e-identificazione dovrebbero essere coerenti e comprensibili. Un mercato unico del digitale necessita, inoltre, di risoluti sforzi volti a sviluppare un mercato dei servizi.

 
  
MPphoto
 

  Jean-Pierre Audy (PPE).(FR) Signor Presidente, Presidente Van Rompuy, Presidente Barroso, vorrei condividere con voi due riflessioni.

La prima riguarda la portata del meccanismo permanente di gestione della crisi. Gli Stati non membri della zona euro si suddividono, in realtà, in due categorie: Regno Unito e Svezia, che non sono obbligati ad adottare l’euro, e gli altri paesi che, insieme ai membri, rappresentano 25 Stati. Proporrei che gli Stati che utilizzano l’euro beneficino di un trattamento speciale nell’ambito del meccanismo, cosa che al momento non è prevista.

In secondo luogo, vorrei richiamare la vostra attenzione sui parlamenti nazionali che non sono coinvolti nella procedura semplificata, ad eccezione delle procedure di ratifica. Propongo che i parlamenti nazionali vengano inclusi nel processo di consultazione su base volontaria, poiché emerge la questione di chi garantirà il controllo politico del meccanismo futuro. Lo farà il Parlamento europeo o i parlamenti nazionali? Dal momento che, però, non vi è una dimensione parlamentare nella zona euro, non sappiamo come saremo in grado di garantire un controllo politico del meccanismo. È una questione che vi sottopongo.

 
  
MPphoto
 

  Roberto Gualtieri (S&D). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, Signor Presidente del Consiglio europeo, vedo due grandi problemi rispetto alla proposta modifica dell'articolo 136, uno istituzionale e uno politico.

Quello istituzionale: l'articolo 3 del trattato sul funzionamento definisce la politica monetaria dei paesi la cui moneta è l'euro una competenza esclusiva dell'Unione, ma l'articolo 2 prevede che una competenza esclusiva può essere esercitata dagli Stati membri se autorizzati dall'Unione. Risulta difficile da capire perché l'applicazione di una norma chiaramente definita dal trattato richieda invece una riforma dello stesso.

C'è poi un problema politico, invece: la scelta della procedura di una riforma del trattato, invece di utilizzare l'articolo 2 o gli articoli 352 più 136, mette l'ESM, e quindi il futuro dell'euro, nelle mani di 27 processi di ratifica.

C'è la consapevolezza che se uno solo di questi 27 processi di ratifica non andasse bene sarebbe difficile a questo punto trovare un piano B per l'euro? È consapevole il Consiglio europeo che la scelta di questa procedura mette il futuro dell'euro fortemente a rischio?

 
  
MPphoto
 

  Ildikó Gáll-Pelcz (PPE).(HU) Signor Presidente, Presidente Van Rompuy, Presidente Barroso, la stabilità dell’euro e l’istituzione di un meccanismo di gestione della crisi sono i nostri compiti operativi più importanti nell’avviare la crescita che creerà nuovi posti di lavoro e che, nel contempo, ridurrà il debito pubblico degli Stati membri; su questo concordano tutti gli Stati membri. Ciononostante, l'esecuzione di questi compiti non deve forzarci a posticipare altre problematiche e la discussione di questioni strategiche come l’innovazione, che si è già tenuta a dicembre. Il prossimo vertice a febbraio sarà il momento adeguato per prendere decisioni strategiche su questioni importanti come l’energia. La Presidenza ungherese ha iniziato i lavori preparatori per il vertice sull’energia. Le regole più importanti sono già state stabilite lo scorso anno. Il regolamento sulla sicurezza dell’approvvigionamento di gas naturale è entrato in vigore. Signor Presidente, le chiedo di rassicurarmi che le preoccupazioni relative alla stabilità della zona euro non saranno più prioritarie rispetto alle questioni del vertice sull’energia.

 
  
MPphoto
 

  Nikolaos Salavrakos (EFD).(EL) Signor Presidente, come saprà, il governo statunitense è stato obbligato, per la seconda volta durante l’attuale crisi del debito, a intervenire drasticamente per sostenere due grandi banche sull’orlo del baratro e l’organizzazione assicurativa ING. Ha, pertanto, pompato 700 miliardi di euro nel proprio sistema bancario, come aiuti finanziari. Nonostante tali misure, l’economia statunitense continuava ad aver bisogno di maggiore assistenza e, senza badare alla parsimonia, il governo ha recentemente utilizzato altri 600 miliardi di dollari per far uscire l’economia dalla recessione. Ovviamente, gli Stati Uniti d’America stanno stampando moneta.

A differenza delle imprese statunitensi, la zona euro si è attenuta al principio della disciplina di bilancio e di una politica monetaria rigorosamente controllata, lasciando così un certo margine di manovra a diverse imprese speculative che hanno potuto speculare a spese dei paesi meno resistenti alle pressioni. Signor Presidente, proporrei di considerare l’alleggerimento quantitativo nella zona euro; potrebbe dimostrarsi un uovo di Colombo.

 
  
MPphoto
 

  Liisa Jaakonsaari (S&D).(FI) Signor Presidente, non vi sono dubbi che una spada di Damocle a doppio taglio incomba sull’Europa, vale a dire la crisi economica e un aumento del nazionalismo, che hanno unito le forze.

A nome del gruppo dell’Alleanza progressista di Socialisti e Democratici al Parlamento europeo, l’onorevole Hughes ha chiesto se oggi sono i sogni dei padri fondatori a tenere unita l’Europa, o piuttosto l’incubo del suo collasso. Purtroppo, l’incubo del collasso è ormai la tendenza generale. Spererei, pertanto, che la Commissione desse prova di maggiore forza per quanto concerne le questioni relative a un’Europa sociale. È molto strano che debba mostrare debolezza su tali aspetti. Non si tratta nemmeno di capire se le decisioni siano dominate dai mercati o dalla politica: la politica sta scendendo nelle strade, passa alle manifestazioni e si consegna nelle mani di diversi gruppi estremisti e dell’estrema destra. La Commissione, pertanto, dovrebbe stabilire delle priorità in ordine all’Europa sociale. Purtroppo, però, nulla di tutto ciò si sta verificando.

 
  
MPphoto
 

  Seán Kelly (PPE).(EN) Signor Presidente, a differenza di molti colleghi, vorrei fare i miei complimenti ai Presidenti Van Rompuy e Barroso per essere stati per lo meno proattivi durante l’attuale crisi e aver introdotto misure che spero in futuro abbiano successo. Se questo avverrà, al momento non lo possiamo sapere. Se avranno successo, essi saranno considerati degli eroi; altrimenti, probabilmente saranno considerati come personalità malvagie, ma diamo loro credito, dove questo è dovuto. Spero che l’architettura di vigilanza garantirà che molti dei difetti che hanno portato alla situazione attuale non si riproporranno più in futuro.

Per quanto riguarda il mio paese, purtroppo abbiamo dovuto avvalerci di un salvataggio, principalmente a causa della sconsideratezza delle nostre banche e della governance scadente. Fra pochi mesi avremo un nuovo governo, che spero porti stabilità politica, ma vorrei fare un appello ai Presidenti Van Rompuy e Barroso di cercare di ridurre l’attuale tasso d’interesse nel salvataggio, perché è troppo elevato e potrebbe paralizzare il paese.

 
  
MPphoto
 

  José Manuel Barroso, Presidente della Commissione.(EN) Signor Presidente, inizialmente, questa discussione ha mostrato la complessità della crisi e la complessità delle risposte. Voglio dirvi una cosa – chiaramente c’è una stragrande maggioranza che condivide gli ideali europei e necessita di una risposta europea – cioè che non dobbiamo essere divisi da alcune differenze che non sono d’importanza capitale.

Come hanno affermato alcuni di voi, oggi siamo effettivamente di fronte a una vera sfida, una minaccia, a volte, all’integrazione europea. Abbiamo visto tale minaccia nella discussione odierna. Ho ascoltato alcuni commenti, commenti nazionalistici, prevenuti, che, onestamente, non sono abituato a sentire al Parlamento europeo.

Si è trattato di una minoranza, ma sono comunque commenti che sono stati espressi, con l’obiettivo di ampliare le divisioni tra gli europei, tra i cosiddetti europei ricchi e gli europei poveri. E a coloro che hanno espresso tali commenti – che mi hanno lasciato sgomento – contro la solidarietà europea, cercando di ampliare il divario tra ricchi e poveri, io rispondo dicendo: dove eravate quando l’Europa finanziava i vostri agricoltori dopo la guerra, per poter sfamare il vostro stesso popolo? Dove eravate quando l’Europa finanziava le vostre infrastrutture per lo sviluppo e la competitività dei vostri paesi? Dove eravate quando l’Europa metteva a disposizione il mercato interno per vendere i vostri prodotti e i vostri servizi? Dove eravate quando l’Europa era la base della prosperità e della crescita dei vostri paesi dopo la guerra?

Soltanto opinioni egoiste, miopi e concentrate sul breve termine possono sostenere questo tipo di affermazioni contro l’unità europea. Ritengo si tratti di un grave problema, che molti di voi hanno sottolineato. Il mio appello a tutti coloro che condividono l’ideale europeo è che dobbiamo essere uniti nel tentativo di fornire una risposta globale a una questione che, a essere seri, richiede la creazione di consenso, dobbiamo ammetterlo. A volte ciò non è semplice in un’Unione europea a 27 Stati membri, con la zona euro che ora conta 17 Stati membri – e do il benvenuto all’Estonia, nuovo membro – e con un processo decisionale che non è sempre il più semplice anche perché si basa sul principio della democrazia. Non abbiamo soltanto le istituzioni europee, abbiamo 27 democrazie.

Il compito che ci troviamo di fronte è estremamente complicato. Ecco perché voglio fare appello a tutti coloro che condividono l’ideale europeo: non lasciamoci distrarre da quelle che possono essere alcune differenze di orientamento politico.

Onorevole Hughes, nutro un profondo rispetto per la sua preoccupazione per l’Europa sociale, ma siamo del tutto onesti su questo punto. Qual è il modo migliore per sostenere governi come quello greco, quello spagnolo, quello portoghese, che sono guidati da illustri appartenenti alla nostra famiglia politica? È forse quello di sostenere le riforme che stanno introducendo con grande coraggio, o dire semplicemente che tali riforme vanno contro i valori europei?

L’Europa necessita di riforme strutturali, anche nel settore del lavoro. È questa la realtà. Se chiediamo al Primo ministro Papandreou, al Primo ministro Zapatero, al Primo ministro Sócrates, è esattamente questo ciò che stanno facendo, e magari intendono spingersi ancora più in profondità con le riforme. Ritengo che il modo migliore per sostenere i coraggiosi sforzi che ciascuno di noi, a velocità differenti, sta compiendo in Europa sia quello di adottare il linguaggio della verità.

Nell’attuale mondo della concorrenza, messo sotto pressione da alcune economie forti e attualmente emergenti, o ci adattiamo o metteremo a rischio la nostra economia sociale di mercato. Ne abbiamo bisogno. Lo faremo, credo, senza mettere in dubbio i diritti dei lavoratori. Voglio nuovamente ribadire – le risponderò fra un minuto, non mi sono dimenticato della sua domanda – che ritengo estremamente importante rispettare i principi del dialogo sociale. L’ho affermato ieri, lo ribadisco oggi. Ciononostante, se non mettiamo mano effettivamente a questo tipo di consolidamento fiscale e di riforme sociali, non avremo fiducia, e senza fiducia non avremo crescita, e senza crescita non saremo in grado di garantire occupazione ai nostri cittadini.

All’onorevole deputato di questo Parlamento che viene dall’Irlanda e ha posto una domanda, suggerendo che i problemi dell’Irlanda sono stati creati in Europa, vorrei dire: i problemi dell’Irlanda sono stati causati da un comportamento finanziario irresponsabile da parte di alcune istituzioni irlandesi e dalla mancanza di vigilanza sul mercato irlandese. L’Europa ora fa parte della soluzione, sta cercando di sostenere l’Irlanda. Ma non è stata l’Europa ad aver creato questa situazione fiscale e questo comportamento finanziario irresponsabili.

L’Europa sta cercando di sostenere l’Irlanda perché è importante sapere di chi è la responsabilità. Ecco perché chi tra noi crede negli ideali europei – e si tratta chiaramente della maggioranza – deve essere in grado di fornire una risposta quanto più possibile comune.

Un altro punto sollevato da alcuni di voi è stato: qual è il livello di ambizione? Nuovamente, permettetemi di chiarire la posizione della Commissione. Sosteniamo la posizione più ambiziosa in termini di risposta integrata. Ecco perché la Commissione sarà pronta a sostenere alcune delle misure che alcuni di voi hanno proposto. In periodi di crisi e di instabilità di mercato quali quelli che ci troviamo ad affrontare attualmente, però, è fondamentale, a mio avviso, contribuire alla costruzione di un consenso tra gli Stati membri proprio perché vi sono state effettivamente alcune divergenze sul modo in cui affrontare la crisi.

Per quanto concerne la revisione del trattato, conoscete la posizione della Commissione. Sin dall’inizio abbiamo affermato che ritenevamo fosse possibile istituire un meccanismo permanente senza modificare il trattato. Ciononostante vi è stato quanto meno uno Stato membro dell’Unione europea – ed è necessaria l’unanimità per queste questioni – che ha insistito chiarezza molto chiaramente sulla necessità di una revisione del trattato. Dal momento che riteniamo importante disporre di un meccanismo permanente di stabilità, la Commissione ha svolto un ruolo costruttivo a sostegno di tale emendamento limitato al trattato. Ritengo, pertanto, che ora sarebbe un grave errore essere divisi in materia; poiché vogliamo rafforzare la stabilità, credo sia importante che vi sia consenso su questa limitata revisione del trattato.

Alcuni di noi vorrebbero spingersi oltre. Personalmente, vorrei spingermi oltre in termini di struttura e approfondimento dell’approccio comunitario. Dobbiamo, in ogni caso, dar prova di responsabilità in questo specifico momento che stiamo attraversando e cercare di avere il massimo comune denominatore più ambizioso, e non un minimo comune denominatore. Ecco perché desidero ribadire che alcune delle proposte avanzate sono di per sé interessanti, ma non sono in grado, al momento, di generare il consenso necessario; la Commissione deve prestare la massima attenzione al contributo che apporta alla definizione di tale consenso.

Infine, ritengo che ognuno debba apportare il proprio contributo. Non mi piacciono le divisioni tra ricchi e poveri, vecchi e nuovi, o centro e periferia. In Europa, tutti gli Stati godono esattamente della stessa dignità e le idee improntate a una discriminazione tra Stati membri sono estremamente pericolose per il progetto europeo. Come procedere dunque? Dovremmo chiedere a tutti gli Stati membri che si trovano in una posizione più vulnerabile di fare tutto il necessario per ripristinare la fiducia nelle loro economie attraverso l’opportuna stabilità macroeconomica, il consolidamento fiscale, le riforme strutturali; ciò è essenziale in questo momento. Non aiutiamo tali paesi se suggeriamo loro che è possibile eludere questo percorso; non li aiutiamo davvero.

Nel contempo, i paesi che ora godono di una situazione migliore dovrebbero dar prova di solidarietà con gli altri. Ritengo sia fondamentale avere una risposta forte per quanto concerne la stabilità della zona euro; dobbiamo dire che non siamo, come si è verificato in passato, dietro la curva ma già oltre la curva; che forniamo una risposta articolata volta a ripristinare la fiducia nella determinazione della zona euro e dell’Unione europea nel suo insieme. E dobbiamo farlo non solo con le parole ma con i fatti. Si tratta di un aspetto importante, ne va della nostra credibilità. Le dichiarazioni sono importanti ma non sufficienti; è importante agire e che noi tutti ci impegniamo per una governance più forte nella zona euro e nell’Unione europea. qualcosa Questo è quello che i mercati ci chiedono.

Vi è un problema di percezione circa il modo in cui possiamo prendere le decisioni e poi metterle in atto. Necessitiamo, pertanto, di una maggiore governance nella zona euro, di un maggiore coordinamento delle politiche economiche nell’Unione europea nel suo insieme e fondamentalmente dovremmo, tutti noi, impegnarci per i principi di solidarietà e responsabilità. Non è soltanto una questione di responsabilità; è una questione di solidarietà. Non è soltanto una questione di solidarietà; è anche una questione di responsabilità. Solo così potremmo raggiungere la stabilità, che costituisce la base per la nostra prosperità futura.

 
  
MPphoto
 

  Herman Van Rompuy, Presidente del Consiglio europeo.(FR) Signor Presidente, onorevoli deputati, innanzitutto comincerò con alcuni fatti positivi. Mi scuso se a volte mi mostro positivo.

In primo luogo, la crescita economica è oggi molto più forte di quanto non ritenessimo alcune settimane o mesi fa. La disoccupazione è in declino in alcuni paesi. Chi l’avrebbe immaginato nel 2008 o nel 2009? Per quanto riguarda l’Unione europea in generale, nel suo insieme, a partire dal 2010-2011 l’occupazione nuovamente riprenderà quota dopo la più grave crisi degli ultimi 70 anni. Lo ripeto: alcuni mesi fa non ce lo aspettavamo, eppure si sta verificando.

In secondo luogo, certamente c’è una crisi, ma la nostra moneta comune – la moneta comune, in ogni caso, di 17 paesi – è stabile, nella misura in cui il tasso di cambio con il dollaro statunitense è oggi a 1,30. In passato era a 0,85. All’epoca nessuno diceva che l’euro era a rischio. Rispetto ad altri continenti e altre grandi monete, abbiamo una bilancia dei pagamenti stabile e, rispetto ad altri grandi paesi, un deficit di bilancio che praticamente è la metà del loro. Ciò, pertanto, spiega perché, nonostante tutti i nostri problemi, l’euro è una moneta stabile. Volevo sottolinearlo prima di passare ad altri aspetti.

Chiaramente, siamo del tutto consapevoli della necessità di andare avanti, ma dobbiamo davvero ricordarci, come ho affermato l’ultima volta che sono stato qui, che siamo entrati in questa crisi nella zona euro – è più una crisi della zona euro che dell’euro – senza gli strumenti adeguati. Abbiamo praticamente dovuto crearli sul momento. Si tratta di una responsabilità condivisa, il che spiega anche perché non abbiamo proceduto tanto rapidamente quanto pensavamo all’inizio, o quanto richiesto dalle circostanze.

Eppure non avevamo niente. C’era un patto di stabilità e crescita che non veniva rispettato. Non c’era vigilanza macroeconomica. Non c’era alcun meccanismo di crisi, né temporaneo né permanente, né vi erano istituzioni forti che garantissero la vigilanza finanziaria. Abbiamo dovuto creare tutto ciò sul momento, nel bel mezzo della crisi, il che costituisce una responsabilità condivisa. Alcuni di voi hanno affermato che è “troppo poco, troppo tardi”. Beh, il fatto che disponevano di pochi o nessuno strumento spiega perché non ci troviamo in quella situazione ma in una situazione di progressi costanti. Si tratta di una spiegazione valida.

In secondo luogo, alcuni di voi hanno osservato che la crisi non è sotto controllo, basti guardare agli sviluppi sui mercati. Esattamente nello stesso momento, altri – a volte esattamente le stesse persone – affermano che nel prendere decisioni non ci si può lasciar condizionare dai mercati. A tutti vorrei ribadire che delle due, o è l’una o l’altra, altrimenti si pecca di coerenza.

Per quanto riguarda le misure adottate, ovviamente, vi sono riforme da introdurre negli Stati membri, non solamente in quelli che hanno problemi, ma in tutti: riforme per liberare il potenziale occupazionale e di crescita. Chiaramente, spesso le riforme sono dolorose. Chiaramente, c’è moltissimo da fare per suddividere in maniera equa quanto si chiede alle persone.

Vi ricordo, ciononostante, che alcuni grandi paesi che stanno ora uscendo dalla crisi economica con maggiore rapidità hanno adottato misure quattro, cinque o addirittura sei anni fa, misure interne molto dure che, all’epoca, si sono scontrate con una grande resistenza sociale. Eppure, sono state efficaci in termini di crescita e incremento dell’occupazione. Dobbiamo attraversare periodi difficili, ma dobbiamo lavorare maggiormente affinché il carico sia suddiviso equamente. Vi sono molti esempi nella nostra Unione che provano che questo approccio è quello giusto.

Le riforme sono necessarie a livello degli Stati membri e, ovviamente, a livello dell’Unione stessa, e della zona euro in particolare. Ecco perché è estremamente importante istituire il prima possibile la governance economica decisa dalla task force, di cui si è discusso sulla base di sei proposte presentate dalla Commissione al Parlamento, e trovare un accordo tra tutti coloro che sono coinvolti nel processo di codecisione. È estremamente urgente.

Lo si deve fare se vogliamo progredire ancora con la convergenza della crescita economica e con le politiche economiche in seno alla zona euro. Se è possibile farlo grazie ad accordi tra i paesi della zona euro, allora non dobbiamo solo pensare, ma anche agire per giungere a una conclusione nelle prossime settimane e mesi. Forse, nella zona euro dovremo addirittura spingerci più in là di quanto deciso dalla task force prevista nelle proposte della Commissione perché, in realtà, quando si dispone di una moneta comune emerge una maggiore necessità di una politica economica comune e di sviluppo economico parallelo tra tutti i membri della zona euro.

Ci siamo dimenticati della crescita economica strutturale? No! Ecco perché, proprio nel bel mezzo della crisi, a marzo, abbiamo deciso la strategia Europa 2020. Ecco perché, fra pochi giorni, durante il Consiglio di febbraio, discuteremo della politica in materia di innovazione ed energia. Tra tutti i problemi che la crisi ci costringe ad affrontare, non dobbiamo tralasciare le prospettive a lungo termine, le prospettive strutturali per la crescita e l’occupazione. Inoltre, nel brevissimo termine, stiamo preparando un approccio globale volto a migliorare gli strumenti creati nel 2010 per superare la crisi.

C’è un’agenda – un’agenda chiara. Possiamo avanzare più velocemente? Sì! Come ho detto, vi sono due ostacoli. Il primo è scaturito dal fatto che abbiamo dovuto creare tutto sul momento e il secondo– dal momento che viviamo in una democrazia – riguarda la necessità di trovare un consenso tra i nostri 27 Stati membri, le nostre 27 democrazie.

Onorevoli deputati, i sostenitori del progetto europeo rappresentano la stragrande maggioranza del Parlamento europeo. Non perdiamoci in una gara al rilancio per stabilire chi è il più europeo. Ritengo che il divario tra chi sostiene il progetto europeo e chi non lo fa si stia ampliando ma, nonostante tutti i nostri problemi, la cosa importante è mantenere la rotta, mantenere la nostra direzione e rimanere concentrati. È molto più importante del progresso fatto autonomamente. Ciò che conta è la volontà comune di lavorare verso la stessa direzione in termini di progetto europeo, com’è stato più volte ribadito durante il Consiglio europeo di dicembre.

È con questo approccio graduale, progressivo che ce la faremo. Sono convinto che ci stiamo muovendo nella direzione giusta. Sono convinto che vi sia una volontà comune. Sono convinto che alla fine ci riusciremo.

(Applausi)

 
  
MPphoto
 

  Presidente. – La ringrazio per la sua relazione, Presidente. La prossima riunione del Consiglio europeo si terrà il 4 febbraio e, in seguito, il Presidente Van Rompuy terrà la prossima relazione.

La discussione è chiusa.

Dichiarazioni scritte (articolo 149 del regolamento)

 
  
MPphoto
 
 

  Bastiaan Belder (EFD), per iscritto.(NL) Signor Presidente, il Consiglio europeo istituirà un fondo d’emergenza permanente per la zona euro che potrebbe essere necessario se vogliamo riconquistare la fiducia dei mercati finanziari nelle obbligazioni governative emesse dai paesi deboli dell’euro. Ciononostante, vengono anche sollevate questioni circa le basi della nostra unione economica e monetaria. Chi ha ricevuto il compito di istituire il fondo non sembra essere fiducioso che gli Stati membri stiano gestendo le proprie finanze in maniera prudente o rispettando le regole del patto di stabilità e crescita. Mi sarebbe piaciuto che il Consiglio avesse parlato più diffusamente delle considerevoli disparità in seno alla zona euro, incluse le diverse posizioni degli Stati membri in termini di competitività.

La diversità nell’unione monetaria è forse così marcata da impedire un tasso d’interesse uniforme? O si possono invece trovare soluzioni adeguate alle differenze in tema di competitività, di strutture sociali, economiche e di bilancio dei diversi Stati membri?

A questo fine, ogni garanzia ulteriore per il fondo d’emergenza temporaneo dovrebbe essere accompagnata da impegni concreti e da progressi nei tagli e nelle riforme strutturali dei paesi deboli della zona euro. Auguro agli Stati membri del Consiglio di disporre della saggezza necessaria per decidere della questione! Dobbiamo mirare a rispettare gli accordi e a garantire che non permetteremo nuovamente che le cose si spingano troppo in là. Pertanto, sia gli Stati membri che la Commissione europea hanno una grande responsabilità.

 
  
MPphoto
 
 

  João Ferreira (GUE/NGL), per iscritto.(PT) Signor Presidente, la natura e gli obiettivi del processo d’integrazione capitalista europea stanno diventando sempre più evidenti, mentre gli effetti della crisi del capitalismo nell’UE si intensificano, con il conseguente inasprimento della situazione economica e sociale in numerosi Stati membri e l’aggravio degli squilibri come chiaramente dimostrato dall’ultimo Consiglio europeo. Non una parola è stata spesa per la situazione sociale nell’Unione, per la disoccupazione, la povertà e l’esclusione sociale, che sono aumentati in tutto il 2010, dichiarato anno europeo della lotta contro la povertà e l’esclusione sociale. Non una parola è stata spesa sulle cause di tutto questo. Non una parola è stata spesa circa la tassazione delle transazioni finanziarie o la fine dei paradisi fiscali. Si propongono, ora, modifiche al trattato che sarebbe dovuto durare una generazione, con un processo semplificato, come chiesto dai signori dell’UE, per creare un meccanismo che ritengono essere “pienamente compatibile con le politiche [del Fondo monetario internazionale]”. In futuro vogliono stringere ancora di più la camicia di forza su paesi come il Portogallo, rendendoli il bersaglio di pressioni umilianti, ricatti e minacce sul capitale finanziario, con la complicità attiva dell’UE. Tutto ciò avviene contestualmente all’inasprimento di misure antidemocratiche e antisociali legate alla cosiddetta governance economica e alla richiesta di “riforme strutturali”.

 
  
MPphoto
 
 

  Niki Tzavela (EFD), per iscritto. (EL) Signor Presidente, nel suo recente libro, l’ex Primo ministro del Regno Unito, Gordon Brown, afferma che in seguito a ritardi da parte dell’UE nell’adottare decisioni sulla crisi economica in Grecia, la quantità di denaro che la Grecia ha dovuto prendere in prestito è aumentata di 90 miliardi. L’ostruzionismo tedesco in termini di velocizzazione della procedura di aumento e ristrutturazione del fondo di prestito sta avendo un effetto economico a catena sulla Grecia e l’Irlanda. Chiedo alla Commissione: come possono venire ricompensati i membri dell’Unione danneggiati da decisioni tardive da parte del Consiglio? La Commissione sosterrà la Grecia nel suo impegno volto a stabilire perché il suo debito è aumentato dal momento in cui la crisi greca è stata annunciata?

 
  
  

(La seduta è sospesa per alcuni minuti)

 

5. Programma di attività della presidenza ungherese del Consiglio (discussione)
Video degli interventi
MPphoto
 

  Presidente . – L’ordine del giorno reca le dichiarazioni del Consiglio e della Commissione sul programma di attività della Presidenza ungherese del Consiglio.

A rotazione, un altro paese giunge ora alla Presidenza; l’Ungheria detiene la Presidenza per la prima volta nella sua storia, circostanza che rappresenta sempre un avvenimento importante per l’Unione europea. Nel corso della Presidenza belga abbiamo elaborato modalità innovative di collaborazione con la Presidenza e il Consiglio, con riunioni a livello amministrativo, di Commissione, ministeriale e presidenziale: in altre parole, tra la Presidenza e il Presidente del Parlamento europeo. Tali forme di cooperazione proseguiranno anche durante la Presidenza ungherese, come ho già stabilito d’accordo con il Primo ministro Orbán. Oggi discuteremo il programma di attività della Presidenza ungherese. Desidero dare il benvenuto al Parlamento europeo al Primo ministro Orbán; siamo lieti di poter avviare un’approfondita discussione sulle numerose questioni relative a questo semestre e alla nostra cooperazione.

 
  
MPphoto
 

  Viktor Orbán, Presidente in carica del Consiglio.(HU) Signor Presidente, onorevoli deputati, mi rallegro che la nostra presenza abbia destato un’attenzione così viva in seno al Parlamento europeo… (Il Presidente prende la parola).

 
  
MPphoto
 

  Presidente . – Onorevoli colleghi, comprendiamo che si tratta di una dimostrazione e avete esposto le vostre ragioni, ma ora devo chiedervi di smettere. Dobbiamo continuare la discussione.

 
  
MPphoto
 

  Viktor Orbán, Presidente in carica del Consiglio.(HU) Signor Presidente, sono lieto di constatare che le sedute del Parlamento europeo sono altrettanto animate e vivaci di quelle del Parlamento ungherese; sento veramente aria di casa.

Vi ringrazio di cuore per l’invito. Estendo un rispettoso saluto ai deputati al Parlamento, al Presidente della Commissione Barroso e al Presidente del Parlamento europeo, mio caro amico di lunga data.

Onorevoli deputati, in primo luogo tengo a dichiarare che per me è un onore intervenire oggi in Parlamento in qualità di Presidente in carica del Consiglio. Per voi, naturalmente si tratta di una consuetudine semestrale: ogni sei mesi un Primo ministro si presenta qui per illustrare il programma della Presidenza del proprio paese. Dal nostro punto di vista invece – dal punto di vista degli ungheresi – si tratta di un avvenimento ben più significativo di una consuetudine semestrale; per noi, la nostra presenza qui oggi è un atto di giustizia storica. Vi ricordo che è stata proprio l’Ungheria il paese che, dopo la Seconda guerra mondiale, ha offerto il più alto tributo di vite umane e di sangue alla causa della libertà e della democrazia, sia nel corso della rivoluzione del 1956 che durante la repressione successiva. Siamo stati noi a vibrare il primo colpo contro il regime comunista, siamo stati noi i primi a impugnare le armi contro l’impero sovietico e a dimostrare al mondo che la dottrina comunista non è un’ideologia innocua, bensì un’insidiosa minaccia per la civiltà occidentale. Noi abbiamo tolto il primo mattone dalla muraglia del comunismo, e dalla breccia che avevamo aperto si è fatto strada il vento impetuoso che ha spazzato via l’intero sistema comunista.

Per questo motivo, onorevoli deputati, ritengo che noi ungheresi possiamo a buon diritto affermare di aver recato un notevole contributo alla riunificazione d’Europa. Per gli ungheresi è quindi una questione di giustizia storica il fatto che il Primo ministro d’Ungheria possa parlare oggi, in questa sede, in qualità di Presidente in carica del Consiglio. Vi assicuro che stiamo seguendo la strada additata dai rivoluzionari del 1956, e che intendiamo servire la causa dell’unità europea nel nome dei loro ideali e della loro fede.

Onorevoli deputati, i popoli dell’Europa centrale, compresi noi ungheresi, hanno sempre avuto a cuore l’idea dell’Europa unita, e tale convinzione permane immutata ancor oggi. Creare e conservare l’unità europea è però un compito che esige anche forza. Vent’anni fa, l’Europa è riuscita a raccogliere la forza necessaria per superare le divisioni e unificarsi: ha compreso allora di trovarsi in un momento storico che era necessario cogliere per riunificare l’Europa stessa. A questa forza fa appello il motto della Presidenza ungherese: “Un’Europa forte”.

Onorevoli deputati, oggi ci troviamo di fronte a una sfida di gravità analoga a quella di vent’anni fa, e quindi non è esagerato affermare che l’Unione europea deve affrontare il momento più critico degli ultimi vent’anni. Oggi dobbiamo superare le bufere della crisi globale e individuare la collocazione più adatta per l’Europa, in un’economia globale che subisce un radicale processo di trasformazione e ricomposizione. Ritengo che, per mantenere la propria posizione, l’Europa debba rimanere unita, e anche oggi unità significa forza. Sono convinto che tutti gli Stati membri dell’Unione europea – compreso il mio paese – possano acquisire forza e raggiungere risultati positivi solo se l’Unione europea stessa sarà forte. Un’Europa forte può rispondere alle sfide della competitività globale e a quelle che ci attendono in materia di demografia, ambiente, clima e sicurezza. L’unico interrogativo riguarda la fonte da cui l’Europa può trarre tale forza. A quest’interrogativo potremo rispondere solo formulandone un altro: qual è il fattore che oggi indebolisce l’Europa? Cosa soffoca oggi la competitività della nostra civiltà nel suo complesso? Ovviamente nessun altro continente ci minaccia, né incombe su di noi lo spettro di un’ideologia straniera. All’opposto: il nostro vero problema è di natura essenzialmente pratica. Esiste una parola breve e semplice per indicarlo, e questa parola è debito. Oggi la forza dell’Europa è fiaccata ed erosa da un debito colossale. Nella nuova concorrenza che si apre nel mondo dopo la crisi, il debito rappresenterà l’ostacolo più arduo e la minaccia più grave per il mondo occidentale, Europa compresa.

Onorevoli deputati, la Presidenza ungherese è persuasa che vi sia un solo metodo per combattere il debito: questo metodo è il lavoro. Noi ungheresi lo sappiamo anche troppo bene, poiché i mali che affliggono l’economia del nostro paese sono provocati da un tasso di occupazione che è il più basso di tutta Europa e di tutta l’Unione europea. Mi vergogno di dichiararlo ad alta voce, ma è il 55 per cento appena; e dove non c’è occupazione, dove non ci sono posti di lavoro, non c’è neppure denaro e ne derivano il debito e la necessità di contrarre prestiti. Ebbene, onorevoli deputati, la nostra risorsa più autentica per il futuro risiede nella tradizionale mentalità europea, che apprezza e valorizza il lavoro; proprio la tendenza europea a valorizzare il lavoro ha reso possibili i successi della nostra civiltà. Abbiamo un codice di condotta europeo, una delle cui basi è, da secoli, il principio della prudenza economica, per cui non possiamo spendere più di quanto siamo capaci di produrre. Un altro fondamentale valore europeo è la consapevolezza che non dobbiamo scaricare i nostri debiti su figli e nipoti. Il rispetto per il lavoro, ne sono convinto, comprende l’idea e la mentalità che possiamo acquisire un bene solo se prima abbiamo lavorato per ottenerlo. Se si riesce ad acquisire in anticipo tutto quello che avrebbe dovuto costituire il frutto di anni di lavoro, ne viene messo in questione il significato stesso del nostro lavoro; tale significato si riduce gradualmente alla necessità di ripagare un debito che si accumula senza sosta, snaturando così il nostro atteggiamento complessivo nei confronti del lavoro. È questa la crisi che abbiamo di fronte.

Onorevoli deputati, tutti concordano sulla diagnosi del debito. Per noi, per la classe politica europea impegnata in questo dibattito, è paragonabile a una malattia: tutti concordano sulla diagnosi, ma ferve un ampio dibattito in merito alla terapia. La malattia però è grave e il tempo a nostra disposizione limitato. A mio parere, dunque, non resta molto tempo per discutere, e tanto meno per chiedersi se sia opportuno respingere automaticamente alcuni rimedi insoliti o nuovi, per l’unico motivo che sono appunto insoliti o nuovi. Per superare le crisi provocate dai debiti, ai governi e ai parlamenti dei singoli Stati nazionali occorrono coraggio e apertura mentale; peraltro, sono convinto che proprio questo i cittadini europei si attendono da noi. Si attendono occupazione, crescita e sicurezza e perciò, onorevoli deputati, al centro dell’attenzione della Presidenza ungherese – la cui esatta e sistematica trascrizione potete reperire in quest’opuscolo – al centro dell’attenzione della Presidenza ungherese vi saranno i problemi economici, e ai primi posti dell’elenco delle priorità della nostra Presidenza vi saranno precisamente le questioni connesse alla crisi economica e del debito.

Onorevoli deputati, la Presidenza ungherese ritiene che la direzione indicata dal Consiglio, cioè quella della gestione della crisi, sia la direzione giusta; occorreranno però sforzi ulteriori, e siamo di conseguenza persuasi della necessità di modificare il trattato e di elaborare una base giuridica per sostituire, dal 2013 in poi, l’attuale meccanismo provvisorio di gestione della crisi con un meccanismo di stabilità permanente. La Presidenza ungherese farà ogni sforzo per realizzare tale obiettivo; inoltre, al centro delle nostre riflessioni stanno il rafforzamento del coordinamento della politica economica nonché la promozione della crescita economica, in particolare di quella sostenibile per la creazione di posti di lavoro. La nostra Presidenza si propone dunque lo scopo specifico – e al riguardo chiedo la vostra cooperazione – di varare sei provvedimenti legislativi che agevolino la realizzazione di tale progetto, ossia il coordinamento della politica economica; chiedo a tale proposito la vostra convinta collaborazione. La Presidenza ungherese adotterà un atteggiamento aperto e amichevole nei confronti del Parlamento europeo, e perciò vi chiedo di fare ogni sforzo, in cooperazione con noi, per garantire che questi sei provvedimenti si possano adottare il prima possibile.

La Presidenza ungherese è convinta che le riforme strutturali degli Stati membri vadano attuate in maniera più coerente e più coordinata di quanto sia avvenuto finora. Il semestre europeo è appena iniziato, e si tratta di un’esperienza nuova per tutti; non solo per noi ungheresi ma anche per voi, in quanto costituisce un programma dell’Unione europea completamente nuovo. Il semestre ha avuto inizio con l’analisi annuale della Commissione sulla crescita macroeconomica, e mi congratulo con il Presidente Barroso per questo eccellente documento, che è uno strumento adeguato per la prima fase e indica piste di lavoro e temi che forniranno la base alle discussioni delle varie configurazioni del Consiglio nel corso della nostra Presidenza.

Onorevoli deputati, la credibilità nazionale è naturalmente anch’essa un requisito importante per chi vuol proporre all’Europa una politica economica comune. Desidero informarvi che il mio paese – da lungo tempo additato al pubblico ludibrio dall’Unione europea a causa della procedura per deficit eccessivo avviata nei suoi confronti – ha ora la concreta possibilità di uscire da tale situazione. Nel 2011 il deficit di bilancio dell’Ungheria si collocherà al di sotto del 3 per cento e saremo anzi uno dei due Stati membri dell’Unione il cui debito nazionale diminuirà nel 2011. Sarà questo un fattore cruciale per la credibilità del programma della nostra Presidenza.

Onorevoli deputati, la Presidenza ungherese annette importanza particolare al rafforzamento del mercato unico, processo che a nostro avviso costituirà una potenziale fonte di crescita economica. Intendiamo eliminare le barriere esistenti, attuare la deregolamentazione ed estendere il mercato unico a nuovi settori, come quello digitale. Siamo desiderosi di creare un ambiente economico favorevole alle piccole e medie imprese.

Fra i temi prioritari della Presidenza ungherese figurano l’innovazione e la politica energetica, che discuteremo il 4 febbraio, in occasione di un vertice comune. Vorrei farvi presente che l’Ungheria stima essenziale eliminare qualsiasi residua barriera normativa esistente nel settore della politica energetica, nonché mettere a punto i collegamenti infrastrutturali ancora mancanti per creare finalmente in Europa un mercato dell’energia concreto e interoperativo. Per la Presidenza ungherese, un obiettivo altrettanto importante è quello di garantire all’Europa linee di approvvigionamento diversificate in campo energetico. La politica energetica europea si trova a un punto di svolta: gli Stati membri hanno firmato gli accordi – io firmerò la settimana prossima l’accordo slovacco-ungherese con il Primo ministro di Slovacchia – che consentiranno alla prima rete di distribuzione del gas da nord a sud – ossia dal Mar Baltico all’Adriatico e al Mar Nero attraverso la Romania – di cominciare a funzionare, istituendo così un interconnettore completo. Dal momento che per quarant’anni abbiamo pensato in termini di est e ovest, un collegamento nord-sud è sempre mancato, e proprio per questo motivo, a mio avviso, i trattati che ci accingiamo a firmare costituiscono un punto di svolta.

Onorevoli deputati, la strategia riguardante i rom è un tema prioritario della Presidenza ungherese, poiché un’Europa intelligente non serve a nulla se non ha un cuore; ma l’Europa potrà avere un cuore solo se riuscirà a creare opportunità di inclusione sociale per i gruppi più svantaggiati. Non è questo il momento di discutere la strategia sui rom; mi limito a far notare – nella mia qualità di leader di un paese coinvolto in questo problema – che stiamo tutti giocando col fuoco. Se non sapremo elaborare una strategia sui rom a livello europeo, le comunità rom già stabilite – e in qualche misura integrate – ritorneranno a uno stile di vita nomade in ambito europeo, e il problema si propagherà dai paesi ora interessati ad altri. Ecco i motivi per cui è opportuno fornire una risposta strategica europea alla questione dei rom, che per il resto rientra nelle competenze nazionali; personalmente sarei assai orgoglioso se insieme riuscissimo ad adottare una strategia europea comune sui rom entro la fine della Presidenza ungherese in giugno.

Onorevoli deputati, devo accennare anche al problema dell’allargamento, pur rendendomi conto benissimo anch’io che tale argomento suscita in Europa comprensibili timori. Riusciamo a malapena a far fronte ai nostri problemi interni; in tali circostanze, presentare ripetutamente nuovi progetti di allargamento è estremamente azzardato. Nondimeno, la Presidenza ungherese accoglierebbe con favore il ritorno, in Europa, a un approccio ottimistico nei confronti dell’allargamento. Saremmo lieti se l’Unione europea comprendesse che ci troviamo di fronte a un’impresa incompiuta, in quanto non tutte le nazioni europee che potrebbero integrarsi nella Comunità europea fanno attualmente parte dell’Unione. Personalmente, inoltre, giudico ingiusto che un paese come la Croazia, il quale negli ultimi anni ha fatto registrare prestazioni migliori dell’Ungheria, che è uno Stato membro dell’Unione, sia ancora escluso e non venga ammesso nel circolo degli Stati membri. La Presidenza ungherese vedrebbe perciò con grande soddisfazione i negoziati per l’adesione della Croazia giungere alla firma del trattato, cioè alla conclusione.

So bene che l’estensione dell’area di Schengen è un nodo controverso. In questo caso i paesi interessati sono Romania e Bulgaria; ma io – che conosco bene la regione e vivo in un paese che con essa confina – so con certezza che questi paesi sono pronti. So anche che la Presidenza ungherese dovrà attendersi aspre discussioni, ma per quanto mi riguarda sosterrò sempre l’ingresso della Bulgaria e della Romania nello spazio di Schengen, che dovrà avvenire senza indugio, il più presto possibile.

Onorevoli deputati, nei programmi della Presidenza ungherese rientra anche la strategia per la regione del Danubio, insieme alla convinzione che l’Unione europea debba continuare a svolgere un ruolo d’avanguardia nella lotta globale contro il cambiamento climatico; per tale motivo, saremmo felici se i risultati del Vertice che si terrà a Cancún nel dicembre 2010 potessero giungere alla fase di attuazione, in modo da continuare i negoziati per adottare decisioni giuridicamente vincolanti entro la fine del 2011.

Onorevoli deputati, poiché la durata del mio intervento sta toccando i limiti della scortesia, mi limiterò a ricordare brevemente che i temi della Presidenza ungherese comprendono pure la politica per la famiglia e la situazione demografica; sarei lieto se l’Ungheria – senza provocare dibattiti interistituzionali – potesse contribuire a elaborare una posizione netta e decisa dell’Unione europea sulla libertà di religione, nonché a un’azione contro la persecuzione dei cristiani, questione che assumerà grande importanza nei prossimi sei mesi.

Onorevoli deputati, non ignoro affatto – vorrei sottolineare questo punto – che tutti noi, presenti in quest’Aula, siamo esponenti politici. Abbiamo tutti le nostre convinzioni, i nostri principi, i nostri compagni di fede politica, anche i nostri interessi. Pur riconoscendo tutto questo, vorrei rispettosamente suggerirvi – quali che siano le vostre opinioni sulla politica interna ungherese – di non giudicare il prossimo semestre di Presidenza ungherese dell’Unione europea alla luce delle critiche e delle iniziative che potreste avanzare in merito alla politica interna ungherese. Se doveste sovrapporre le due questioni, io naturalmente sarò pronto a lottare; in tal caso, però, non sarà l’Ungheria a perdere, bensì – soprattutto – l’intera compagine dell’Unione europea. Vi chiedo perciò, per il bene dell’Unione e dei difficili compiti che ci attendono, di operare tale distinzione ogniqualvolta ciò sia possibile. L’ultimo dibattito è stato riportato sui binari della ragione e della razionalità dall’Ungheria, allorché io ho concordato con il Presidente Barroso che avremmo consentito senza difficoltà all’Unione europea di indagare sulla tanto criticata legge sui media, che avremmo partecipato alle discussioni in corso sulle osservazioni avanzate, e che se fossero state individuate e accertate carenze, saremmo stati ovviamente pronti a modificare la legge. Per noi non si tratta di una questione di prestigio, né di vanità o di una dimostrazione di forza. Per inciso, chiunque desideri battersi per la libertà di stampa in Europa può contare sul governo ungherese, che ha una grande esperienza di lotta contro il comunismo.

Onorevoli deputati, sappiamo che l’Europa deve affrontare sei mesi estremamente difficili; nutro però ottimismo, e ritengo che l’Europa sarà all’altezza del compito. Dopo la Seconda guerra mondiale, l’Europa è riuscita a costruire la cooperazione tra i popoli del continente, pure in un panorama di odio e rovine. Nel 1989 e nel 1990 è riuscita a riunificarsi, e quindi ho motivo di credere che sarà capace di raccogliere l’analoga sfida storica che incombe ora su di noi. Ciò significa che – durante e dopo la Presidenza ungherese – avremo bisogno di qualcosa di più di una ambiziosa amministrazione. Dobbiamo guardare al di là dei dossier che si accumulano sul nostro tavolo, pensando a un orizzonte più vasto di quello dei problemi che si possono risolvere nel giro di sei mesi o di un paio d’anni. La Presidenza ungherese è persuasa che una comunità possa rinsaldarsi solo nel quadro di obiettivi e valori condivisi; e obiettivi condivisi possono fondarsi solo su valori condivisi. La Presidenza ungherese svolgerà il proprio lavoro quotidiano nello spirito di questo grande obiettivo europeo di vasto respiro, avrà il dovuto rispetto per ciascuno di noi e darà prova di massima umiltà nei confronti della causa. Vi ringrazio per avermi onorato della vostra attenzione.

 
  
MPphoto
 

  Presidente . – Signor Primo ministro, la ringrazio per il suo intervento e per averci presentato il programma di attività della Presidenza ungherese del Consiglio.

 
  
MPphoto
 

  José Manuel Barroso, Presidente della Commissione.(EN) Signor Presidente, l’inizio del 2011 è un momento storico per l’Ungheria, che per la prima volta prende il timone del Consiglio dell’Unione europea, ma è pure un momento critico per l’intera Unione. La Presidenza ungherese giunge in un periodo che esige particolare senso di responsabilità per i compiti che attendono l’Europa.

Assai opportunamente, la Presidenza ungherese ha scelto per motto “Un’Europa forte”. L’Europa raggiunge il massimo della forza e dell’efficacia quando noi rimaniamo uniti e riusciamo ad agire in maniera coordinata con l’aiuto di istituzioni robuste, quando diamo prova della volontà comune di tenere la rotta in un mare tempestoso e dimostriamo che il nostro lavoro comune può risolvere anche i problemi più gravi e urgenti.

È importante ricordare quest’aspetto, poiché per noi la nottata non è ancora finita. Non possiamo far marcia indietro, né tornare a un’attività normale. Dobbiamo attuare senza indugio le riforme ed elaborare le politiche innovative indispensabili per trasformare in realtà la visione di Europa 2020. Sono quindi ansioso di lavorare insieme al Primo ministro Orbán e alla Presidenza ungherese per giungere al successo. Consentitemi di dichiarare, qui e ora, al Primo ministro Orbán che egli può contare, a tal proposito, sul pieno sostegno della Commissione.

Allo stesso modo, la Commissione confida vivamente di poter contare sul sostegno della Presidenza ungherese. Un partenariato proficuo sarà importante soprattutto nei settori dei servizi finanziari, della governance economica, dell’attuazione della strategia Europa 2020, dell’energia e del mercato interno. Sono lieto quindi che le priorità della Presidenza riflettano pienamente questo quadro.

Anche un robusto partenariato con il Parlamento europeo è essenziale, così come, in alcuni casi, una procedura accelerata di approvazione delle proposte. Per esempio, ci occorrono al più presto nuovi strumenti per rafforzare la governance economica. Il Consiglio europeo ha indicato in merito una chiara scadenza per il giugno 2011. Il ritmo di lavoro già fissato dalla Presidenza ungherese e le osservazioni che abbiamo udito ora dal Primo Ministro sono, a tal proposito, incoraggianti.

Mentre questa Presidenza prende il via, un programma complessivo dell’Unione europea e adeguati strumenti di governance sono già a punto. Il semestre europeo, la strategia Europa 2020 con le sue iniziative faro e l’Atto per il mercato unico: tutte queste cruciali iniziative sono state discusse e approvate dalle istituzioni dell’Unione. Naturalmente, però, è necessario intensificare gli sforzi e agire con decisione per attuare un programma vasto ed esauriente.

Il semestre europeo è il nocciolo della strategia economica riformata dell’Unione; attuarlo in maniera adeguata sarà uno dei compiti più importanti dei prossimi mesi. La Commissione ha avviato il semestre la settimana scorsa, con l’adozione dell’analisi annuale della crescita. Dopo le discussioni che si terranno in diverse configurazioni del Consiglio, il processo sfocerà nel Consiglio europeo di marzo, che fornirà agli Stati membri una guida politica di base, la quale dovrà riflettersi nei programmi di stabilità e convergenza nonché nei programmi nazionali di riforma, previsti gli uni e gli altri per aprile.

Trattandosi di temi che abbiamo discusso nel dibattito precedente, non entrerò nei dettagli; naturalmente le priorità sono la stabilità macroeconomica, il consolidamento fiscale, la riforma strutturale e naturalmente l’accelerazione della crescita economica, mentre l’occupazione rimane, com’è ovvio, il tema che più ci sta a cuore.

Un accordo definitivo in merito al meccanismo europeo di gestione e soluzione delle crisi sarà un altro cruciale provvedimento da varare durante la Presidenza ungherese. Tale Presidenza svolgerà inoltre un importante ruolo di guida per la nostra opera di rilancio del mercato unico. Sulla scia della consultazione pubblica varata dalla Commissione sull’Atto per il mercato unico, chiederemo alle istituzioni dell’Unione di concordare un piano d’azione definitivo da realizzarsi entro il 2012.

L’energia, a sua volta, costituirà un settore essenziale nei prossimi mesi, e anzi già in occasione della riunione del Consiglio europeo del 4 febbraio. La Commissione ha già approntato una serie di importanti iniziative energetiche, destinate ad alimentare il Consiglio europeo di febbraio. Tra queste ricordo l’agenda energetica 2020, la nostra comunicazione sulle priorità energetiche infrastrutturali. Tra breve adotteremo l’iniziativa faro “Un’Europa efficiente nell’impiego delle risorse”, in cui l’energia avrà una parte preminente.

La Commissione intende sviluppare il proprio lavoro attorno ai cinque assi seguenti: una forte politica energetica come leva di una crescita competitiva e sostenibile e della sicurezza energetica; il mercato interno dell’energia come risorsa; la costruzione della nuova infrastruttura energetica dell’Unione europea; un decisivo passo in avanti nel campo dell’efficienza energetica; e infine l’elaborazione di un nuovo approccio efficace e unitario alla politica energetica esterna.

Il sostegno della Presidenza e del Parlamento europeo sarà anch’esso cruciale per consentire di giungere a un accordo su un brevetto dell’Unione europea. Su richiesta di numerosi Stati membri, il 14 dicembre la Commissione ha adottato una proposta per rafforzare la cooperazione in questo campo. La Commissione apprezza l’impegno dell’Ungheria a proseguire, durante la sua Presidenza, il lavoro sul brevetto dell’Unione europea.

I negoziati con la Croazia sono giunti ora alla fase finale. L’obiettivo di concludere i negoziati durante la Presidenza ungherese è ambizioso, soprattutto se si considerano i requisiti che la Croazia deve ancora soddisfare; da parte della Croazia sarà dunque necessario uno sforzo ampio e possente.

Son lieto che la Presidenza ungherese ponga l’integrazione sociale ed economica dei rom fra le proprie priorità. La Commissione ha formato una task force per i rom, con il compito di analizzare le modalità di utilizzo e l’efficacia dei fondi nazionali e comunitari stanziati in tutti gli Stati membri per l’inclusione dei rom. Sulla base di questo lavoro, in aprile la Commissione presenterà il quadro dell’Unione europea per le strategie nazionali di integrazione dei rom.

La nuova Presidenza punterà anche i riflettori sulla nostra strategia per la regione del Danubio; si tratta di una regione dal potenziale ricchissimo, che però non è stato ancora adeguatamente sfruttato per la scarsa efficienza della cooperazione. L’obiettivo è quello di sviluppare un approccio maggiormente coordinato e recare in questa regione un valore aggiunto europeo. La Commissione apprezza l’impegno della Presidenza nei confronti di questa strategia, alla cui preparazione l’Ungheria ha già offerto un contributo significativo, tra l’altro con la stesura di documenti politici e l’organizzazione di una conferenza a Budapest cui ho avuto il piacere di partecipare. L’Ungheria, inoltre, avrà il compito di condurre la strategia per la regione del Danubio attraverso il Consiglio, varandone l’attuazione.

Infine, il dibattito sulla politica di coesione si intensificherà nei mesi prossimi. La Commissione accoglie con soddisfazione l’intenzione della Presidenza di discutere le proposte contenute nella quinta relazione sulla coesione. Nella prossima estate presenteremo alcune proposte legislative concernenti la futura politica di coesione, sulla scia delle proposte per il prossimo quadro finanziario. Il quinto forum sulla coesione, che si svolgerà a Bruxelles alla fine di gennaio, darà spazio a una vasta discussione tra le parti interessate, ed è un segnale incoraggiante che lo stesso Primo ministro Orbán intenda parteciparvi. L’efficacia e il valore aggiunto europeo devono costituire i principi guida della riforma; la Commissione è convinta che la politica di coesione debba innervare in maniera più decisa e robusta le priorità politiche e il calendario delle riforme di Europa 2020. Per tale opera conto sul sostegno della Presidenza; è interesse e responsabilità comune rendere più efficaci i finanziamenti, in quanto solo in tal modo potremo conservare alla politica di coesione un bilancio ambizioso.

Poiché non ignoro che la questione suscita preoccupazioni politiche, consentitemi di aggiungere un’ultima osservazione in merito alla legge ungherese sui media. Nell’Unione europea il principio della libertà di stampa è sacro: lo ho affermato a Bruxelles e anche a Budapest, quando, in quella città, ho avuto l’onore di essere ricevuto dal Primo ministro Orbán. La Commissione ha esaminato la legge e questa settimana scriverà alle autorità ungheresi per chiedere chiarimenti su alcuni aspetti che potrebbero provocare problemi giuridici e hanno suscitato determinati timori. Sulla base delle risposte fornite dalle autorità ungheresi procederemo a un’ulteriore valutazione. Il Primo ministro ha già dichiarato esplicitamente che verranno effettuati degli adattamenti qualora, dopo la valutazione giuridica, la Commissione giudichi necessario introdurre modifiche.

Il Primo ministro Orbán ha appena dichiarato di essere un uomo politico. Sono certo che il suo impegno politico è forte e sincero, e converrete, penso, che – tralasciando le questioni giuridiche, che verranno esaminate con imparziale obiettività, poiché tratteremo l’Ungheria esattamente come qualsiasi altro Stato membro –dobbiamo preoccuparci anche degli aspetti politici. L’Ungheria, come ogni Stato membro che assuma a rotazione la Presidenza, ha bisogno del pieno sostegno degli altri Stati membri e delle istituzioni europee, per condurre la Presidenza a esito positivo; mi auguro che il Primo ministro Orbán tenga presente questo aspetto.

Non ho dubbi che questa Presidenza – giungendo in un momento tanto critico per l’Unione europea – debba assolutamente giungere al successo. Lasciamo quindi che le procedure del caso seguano il loro corso, e contemporaneamente sosteniamo senza riserve l’Ungheria nel momento in cui si assume questa gravosa responsabilità. Durante la mia recente visita in Ungheria, ho ricevuto messaggi di giovani che si dicevano orgogliosi del fatto che il loro paese avesse, per la prima volta, la responsabilità di guidare il Consiglio dell’Unione europea. Cerchiamo di avvicinare l’Ungheria all’Europa e l’Europa all’Ungheria.

Il lavoro da compiere è vastissimo; nel portare avanti le proprie priorità, la Presidenza ungherese può contare sul più pieno ausilio della Commissione europea. Solo realizzando insieme questi obiettivi potremo costruire un’Europa forte, un’Europa che produca crescita e occupazione, che conservi e riaffermi i nostri valori – in particolare i sacri valori della libertà e della giustizia – e che consenta alle nostre società di prosperare in un mondo mutevole.

(Applausi)

 
  
MPphoto
 

  Joseph Daul, a nome del gruppo PPE.(FR) Signor Presidente, Primo ministro Orbán, Presidente Barroso, onorevoli colleghi, raramente la Presidenza del Consiglio dei ministri ha dovuto affrontare un così folto numero di sfide: la sfida dell’euro, che dobbiamo stabilizzare; la sfida dell’occupazione, che comporta una crescita più robusta e quindi un’economia più efficiente; la sfida dell’indipendenza energetica e della sicurezza alimentare, con l’allarmante lievitare dei prezzi delle materie prime. Non dubito che la Presidenza ungherese sarà capace di raccogliere tali sfide, insieme alla Commissione, al Consiglio e al Parlamento.

Primo ministro Orbán, lei si è guadagnato la fiducia dell’elettorato ungherese. Il suo partito, Fiatal Demokraták Szövetsége (FIDESZ), si basa su un’idea, su un ideale, su un valore: quello della libertà e della democrazia. Dal momento della sua elezione lei, insieme al parlamento ungherese, ha intrapreso un’ampia serie di riforme che il suo popolo ha richiesto, conferendole democraticamente una vasta maggioranza.

Oggi, una di tali riforme – quella riguardante i media – è sottoposta all’esame giuridico della Commissione europea, custode dei trattati. Lei stesso ha dichiarato la settimana scorsa – e di questo la ringrazio – nel corso dei suoi colloqui con il Presidente Barroso e in seguito, che, qualora tale legge risultasse incompatibile con il diritto europeo, lei la presenterebbe al parlamento ungherese per apportarvi le necessarie modifiche. Nutro completa fiducia nella sua parola; inoltre – come lei – nutro fiducia nella Commissione europea, che svolge la funzione di custode dei trattati, e nutro altresì fiducia che lei rispetterà la lettera e lo spirito delle norme europee.

Primo ministro Orbán, ci conosciamo da molto tempo e la considero un grande europeo. Da parte mia, non ho motivo di dubitare che lei rispetterà la parola data per quanto riguarda la legge sui media e le altre priorità della sua Presidenza.

Passo ora appunto a tali priorità, iniziando dalla prima: la stabilità dell’Europa. Forse è positivo che le due Presidenze del Consiglio che si avvicenderanno nel 2011 tocchino a paesi non appartenenti all’area dell’euro ma desiderosi di entrarvi nell’immediato futuro.

In effetti sia l’Ungheria che la Polonia hanno i titoli per aderire; hanno quindi interesse a garantire la stabilità di tale moneta. Lo ripeto: l’unico metodo efficace per porre fine agli attacchi speculativi contro l’euro e irrobustire i fondamentali dell’economia europea è quello di rimettere ordine nelle nostre finanze pubbliche. Ciò comporta un coordinamento più stretto delle politiche fiscali e sociali dei nostri paesi, aspetto del resto giustamente previsto nel nuovo periodo di bilancio per il semestre europeo; e comporta pure maggiore flessibilità del mercato del lavoro e maggiore produttività.

Come la Presidenza ungherese del Consiglio, anche il gruppo del Partito popolare europeo (democratico cristiano) è fermamente convinto che il futuro di 500 milioni di europei esiga un’Europa più forte, più unita e più coerente; esige più Europa, e non certo meno Europa.

Primo ministro Orbán, ci occorre una governance economica europea; ci occorre un metodo maggiormente comunitario, e sono certo che lei intende operare per raggiungere tale obiettivo.

Signor Presidente in carica del Consiglio, lei ha indicato nell’elaborazione di una politica energetica comune una delle vostre più importanti priorità; mi sembra giustissimo. Il nostro Presidente, l’onorevole Buzek, ha fatto anch’egli, correttamente, di questo tema uno dei punti di forza della sua Presidenza. Concordo con lei in materia, ma la invito pure a considerare le conseguenze assai inquietanti che possono derivare dall’aumento dei prezzi di tutti i tipi di materie prime, che si è fatto sentire in maniera particolarmente aspra negli ultimi mesi. Abbiamo già constatato quali ripercussioni sociali tale aumento dei prezzi dei generi alimentari di base abbia avuto in parecchi paesi mediterranei, e soprattutto in quelli più poveri. Mi auguro che l’Europa affronti questo problema con grande fermezza e usi le maniere forti con gli speculatori.

Mi auguro pure che la Presidenza ungherese – pensavo che il gruppo dei Verdi intendesse fare silenzio, ma li sento chiacchierare; non è corretto, bisognerebbe stare zitti dall’inizio alla fine – appoggi la Commissione nell’opera di assistenza alla Tunisia, paese che sta attraversando un momento cruciale e va sostenuto nel cammino verso il cambiamento.

Presidente Orbán, lei sa bene che per riuscire nel suo mandato e aiutare l’Europa a superare l’attuale periodo di difficoltà, ha bisogno della fiducia del Parlamento. In dicembre, quando ci trovavamo in una situazione difficile in seno al Consiglio, lei ha avuto il coraggio di firmare le famose lettere dirette a noi che hanno veramente spinto il Parlamento ad approvare il suo bilancio. Grazie quindi per le sue iniziative di dicembre!

Già prima di gennaio lei ha coinvolto i gruppi politici nella definizione delle priorità della Presidenza, e ha scelto Enikö Győri, nostra valorosa ex collega, quale ministro degli Affari europei. Sono tutti segnali positivi che, ne sono certo, si accompagneranno a un impeccabile equilibrio tra le riforme che lei sta avviando e i valori europei che ciascuno di noi difende in quest’Aula.

 
  
MPphoto
 

  Martin Schulz, a nome del gruppo S&D.(DE) Signor Presidente, attualmente, mi sembra, ci troviamo in una situazione grave; i tempi sono difficili.

In primo luogo, Presidente Orbán, molti europei la conoscono di fama quale oppositore del regime comunista e sostenitore della libertà nel suo paese: per questo le portiamo rispetto.

Sono lieto di aver avuto ieri pomeriggio, insieme a lei, l’opportunità di parlare di un altro uomo di cui gli ungheresi possono essere fieri: alludo all’ex Primo ministro e ministro degli Esteri del suo paese che ha aperto il confine tra Ungheria e Austria, insieme ad Alois Mock, spianando la strada all’unità della Germania. Quest’uomo è il leader del mio partito, Gyula Horn. Rendiamo omaggio a un altro grande ungherese.

(Applausi)

Primo ministro Orbán, nella sua veste di Presidente in carica del Consiglio lei ha fatto un’ammissione, rispondendo alla domanda del Presidente Barroso. Ha dichiarato che, se la legge ungherese sui media non risulterà compatibile con le norme europee, la farà modificare: ottimo proposito. Con questa dichiarazione, però, lei ha riconosciuto che non siamo di fronte a un semplice dibattuto di politica interna ungherese, bensì a un dibattito europeo. È chiaro che questa legge riguarda norme e valori fondamentali dell’Unione europea, che è una comunità basata sullo Stato di diritto.

Vorrei soffermarmi su due aspetti della legge sui media. Essa istituisce un’autorità di controllo dei media, incaricata di verificare l’imparzialità delle informazioni diffuse dai media; inoltre, la legge prevede che i media abbiano l’obbligo di adottare un approccio imparziale. Lei dispone in parlamento di una maggioranza di due terzi, del tutto legittima, ricorrendo alla quale ha istituito un’autorità di controllo formata esclusivamente da membri del suo partito, del governo o dei circoli a esso più strettamente legati. Ciò significa che un’autorità di controllo, formata da membri di una sola parte dello spettro politico, sarà responsabile di controllare l’imparzialità dell’informazione: uno stato di cose siffatto non è accettabile in una comunità europea basata sullo Stato di diritto.

(Applausi)

In una democrazia, Presidente Orbán, i media controllano il potere; l’effetto di questa legge è che il potere controllerà i media. Anche questo è inaccettabile in una democrazia e proprio per tale motivo questa legge desta preoccupazioni tanto acute nei cittadini europei.

(Applausi)

Lei ha giustamente osservato che abbiamo numerosissimi problemi da risolvere. Siamo attanagliati da una grave crisi finanziaria e afflitti da difficoltà di bilancio; per l’Unione europea, un altro problema urgente è rappresentato dal rincaro dei generi alimentari, in particolare nelle regioni a noi limitrofe, ma in un futuro prevedibile anche nella stessa Unione europea. È un problema da risolvere in fretta. Inoltre dobbiamo concentrare i nostri sforzi sulla questione dell’occupazione negli Stati membri. Nel suo programma compaiono alcuni spunti su cui possiamo collaborare. Da questo punto di vista, lei è un autentico rappresentante del PPE.

Quando il Presidente francese Sarkozy è stato Presidente in carica del Consiglio, è venuto qui in Parlamento a pronunciare un discorso di sinistra; poi è tornato a casa e ha varato politiche di destra. Gli ho fatto notare che parlava come Karl Marx in esilio. Tutto quello che lei ha detto sembra assai attraente; se poi agirà conformemente alle sue parole, potremo dirci soddisfatti.

(Interruzioni)

A mio avviso, quindi, dobbiamo valutare – e senza dubbio valuteremo – i risultati della sua Presidenza sulla base del programma che lei ci presentato in questa sede. Presidente Orbán, lei ci ha ricordato che in patria dispone di una larga maggioranza. È una cosa positiva: abbiamo avuto a che fare con un certo numero di governi – alcuni espressione del suo stesso partito – che non sono riusciti a fare altro che starsene qui e telefonare a casa per chiedere se erano ancora in carica. Non possiamo permetterci di ripetere tale esperienza. Da questo punto di vista, la maggioranza dei due terzi di cui lei gode è un elemento preziosissimo, poiché le concede tempo a volontà; la obbliga anche, però, a utilizzare la sua posizione di forza per rafforzare l’Ungheria e la stessa Unione europea.

Vorrei porle una domanda. Qual è il significato del tappeto da lei donato, che è stato sistemato nell’edificio del Consiglio a Bruxelles e che raffigura l’Ungheria nei confini del 1848? Quale messaggio intende inviare, nel codice dei gesti politici europei? Dal momento che lei sembra amare i simboli risalenti al diciannovesimo secolo, le ricorderò il monito rivolto in quell’epoca dal filosofo Friedrich Nietzsche al popolo tedesco: “Una grande vittoria è un grande pericolo. Per la natura umana è più difficile sopportare la vittoria che la sconfitta. Anzi, sembra quasi più facile ottenere una vittoria che sopportarla in maniera tale che essa non si trasformi in una grave sconfitta”.

A mio avviso lei dovrebbe riflettere sul fatto che un’ampia maggioranza offre un forte sostegno, ma impone anche un grave obbligo. Naturalmente mi rivolgo a lei nella sua qualità di Presidente in carica del Consiglio dell’Unione europea e non in quanto Primo ministro. Il Presidente in carica del Consiglio deve fare ogni sforzo per fugare qualsiasi dubbio sulla volontà, da parte della Presidenza, di difendere i fondamentali valori democratici europei; sarebbe più opportuno da parte sua non attendere i risultati dell’indagine della Commissione. Presidente Barroso, vorrei sottolineare che dopo un divieto di transito agli autocarri imposto da una provincia austriaca la Commissione, colta da una violenta crisi di identità, ha immediatamente adottato misure contro l’Austria. Quando però viene messo a repentaglio uno dei principi fondamentali della democrazia europea, restate inerti e immobili.

(Applausi)

Dovete fare in modo che il Parlamento riceva al più presto i risultati dell’indagine, poiché in caso contrario questo dibattito imporrà un grave fardello alla Presidenza ungherese. Tutti desideriamo che la Presidenza sia coronata da successo e non vogliamo che il suo cammino venga bloccato. Lei, Presidente Orbán, può contribuire a salvare la situazione. Ritiri la legge e la sostituisca con una nuova e migliore; l’Ungheria merita una legge sui media equilibrata.

(Applausi)

 
  
MPphoto
 

  Guy Verhofstadt, a nome del gruppo ALDE.(EN) Signor Presidente, mi permetta in primo luogo di dichiarare esplicitamente al Primo ministro Orbán che il mio gruppo sostiene le priorità della Presidenza ungherese. Signor Primo ministro, al pari di lei, anche noi crediamo in un euro forte, e quindi sosteniamo senza riserve le priorità che lei ha posto a questa Presidenza. A mio avviso, nei sei mesi di questa Presidenza lei avrà una priorità fondamentale, ossia quella di istituire, al più presto possibile, un’autentica governance economica nell’ambito dell’Unione europea e dell’area dell’euro. Dobbiamo essere sinceri: il 2010 non è stato un anno esaltante né per l’euro, né per l’Unione europea. Ora è necessario varare, sotto la guida sua e del Presidente della Commissione, un pacchetto globale per la governance economica, ossia un’autentica unione economica e fiscale, poiché non ha senso dotarsi di un’unione monetaria e contemporaneamente rinunciare a un’unione economica e fiscale.

Non le chiedo di inventare idee nuove, bensì semplicemente di prendere il pacchetto presentato la settimana scorsa dal Presidente della Commissione e dal Commissario Rehn e di illustrarlo, con i suoi quattro pilastri, al Consiglio e ai suoi colleghi. Primo ministro Orbán, Presidente Barroso, a questo pacchetto manca un unico elemento, un unico pilastro: in nessun angolo del mondo esiste una moneta che non sia sostenuta da un mercato obbligazionario. In Europa, invece, abbiamo 27 mercato obbligazionari, 27 speculazioni e 27 spread; nell’area dell’euro ci sono comunque 17 mercati obbligazionari, 17 spread e 17 speculazioni. Attualmente i mercati non speculano contro l’euro, bensì sulle differenze che esistono nell’ambito dell’euro. L’unico metodo per risolvere questo problema è quello di istituire in Europa un vero mercato obbligazionario, del valore di 4 000 o 5 000 miliardi di euro, paragonabile a quelli esistenti in altre parti del mondo, con particolare riguardo ai paesi che godono della tripla A.

(Applausi)

Infine, Primo ministro Orbán, voglio ricordare l’elefante nella cristalleria; l’elefante che si aggira in questa bellissima cristalleria è naturalmente la legge ungherese sui media. Non mi soffermerò sulla legge in sé; citerò piuttosto l’esempio di uno dei miei autori preferiti, il grande scrittore ungherese Sándor Márai. Se avesse dovuto fare i conti con la politica linguistica del precedente governo slovacco e con la legge sui media vigente oggi in Ungheria, Márai, temo, non sarebbe mai esistito. Perché? Ebbene, Márai viveva a Kassa, città nota oggi con il nome di Košice; scriveva in ungherese, cosa che in Slovacchia, fino a poco tempo fa, gli avrebbe procurato non pochi problemi. Altro particolare importante, era un giornalista, professione che diventerà problematica nel prossimo futuro; infatti con la nuova legge, che impone ai media di fornire informazioni decorose ed equilibrate sulla vita pubblica, non sarebbero mai esistiti, sospetto, né Márai né i suoi libri. La sua opera più alta, Confessioni di un borghese, è assolutamente indecorosa e per molti aspetti niente affatto equilibrata, ma è un capolavoro della letteratura.

A mio avviso, lo scopo della governance dei media non dev’essere quello di garantire un’informazione decorosa ed equilibrata; dev’essere invece quello di promuovere il pluralismo e garantire lo sviluppo di qualsiasi iniziativa nel settore dei media.

(Applausi)

Spero che lei userà la sua maggioranza, quella maggioranza di due terzi che è il sogno di tutti i politici…

(Interruzione dell’onorevole Cohn-Bendit: “No! No!”)

Non il tuo – tu sei un’eccezione.

Spero che lei userà la sua maggioranza dei due terzi per garantire tale pluralismo e cambiare la legge al più presto possibile.

 
  
MPphoto
 

  Daniel Cohn-Bendit, a nome del gruppo Verts/ALE.(FR) Signor Presidente, mi permetta anzitutto di fare una premessa per dissipare qualsiasi ambiguità.

Il gruppo dei Verdi e io personalmente amiamo l’Ungheria. Ricordo di aver pianto nel 1954, quando l’Ungheria venne sconfitta nella finale della Coppa del mondo di calcio; ho partecipato alla mia prima dimostrazione nel 1956, tenendo per mano mio fratello, per protestare contro l’invasione sovietica di Budapest. Come ha ricordato l’onorevole Verhofstadt, numerosi intellettuali e scrittori ungheresi accompagnano da anni il nostro cammino politico e intellettuale.

Mi sono schierato a fianco del Primo ministro Orbán, quando ha lottato contro i comunisti tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta; mi sono schierato al suo fianco quando ha chiesto ai liberali europei di espellere Jörg Haider dal Partito liberale europeo. C’era una volta un Viktor Orbán che era, a mio avviso, un uomo politico degno di rispetto. Oggi, Primo ministro Orbán, lei si avvia a diventare un Chavez europeo, rappresentante di un populismo nazionalista che non comprende esattamente l’essenza e la struttura della democrazia.

Le ricordo un fatto semplicissimo, Primo ministro Orbán: un’informazione equilibrata non esiste. Crede forse che il Presidente Nixon giudicasse equilibrata l’informazione sul Watergate? Naturalmente no! O che al Presidente Bush sembrassero equilibrate le informazioni su Abu Ghraib? Naturalmente no! Si ricorda di una grande questione politica – l’affare Dreyfus in Francia – in cui il governo ha giudicato equilibrata l’informazione? Quanto poi alle indagini sulla vita e l’attività politica del Presidente del Consiglio italiano Berlusconi, pensa forse che costui stimi equilibrate le informazioni che lo riguardano? Naturalmente no! L’informazione deve disturbare la politica; disturba anche noi, e qualche volta può far male.

Ecco perché, Primo ministro Orbán, la vostra legge odierna non riflette i valori dell’Unione europea. Lei dice di volere un’Europa forte, ma un’Europa forte deve essere credibile. Se accettiamo una legge siffatta in Europa, come potremo andare a discutere con il Presidente Lukashenko? Come potremo discutere con la Cina? Tutti costoro vogliono un’informazione equilibrata.

Primo ministro Orbán, non sa che l’Europa si è formata combattendo i totalitarismi? E che la base della democrazia, la base della libertà, è appunto la libertà di espressione? Nessuna democrazia è mai morta per le troppe libertà; le democrazie sono morte quando si è cominciato a limitare le libertà, Primo ministro Orbán. Vent’anni fa lei lo sapeva benissimo; torni alla sua antica mentalità, che per di più è logica e corretta. Vede quindi che le mie osservazioni sono giuste.

Concludo toccando un ultimo punto, signor Primo ministro: se lei vuole battersi per i cristiani nel mondo, siamo al suo fianco, ma avrei pensato – e anzi ho pensato – che lei avrebbe salutato con entusiasmo la rivoluzione dei gelsomini che ha risvegliato la Tunisia. È la stessa rivoluzione di cui è stato protagonista lei, Primo Ministro Orbán: la liberazione da una dittatura. Lei però non ha speso una sola parola per i tunisini, e per questo la rimprovero.

Noi siamo al suo fianco per la causa dei cristiani nel mondo. Confido che lei sarà al nostro fianco quando si tratterà di combattere le dittature che esistono nel mondo, in Bielorussia o in Tunisia, in Algeria o in Egitto, in Cina o in Russia – dovunque si trovino. Sono questi i valori comuni dell’Europa, che noi dobbiamo difendere insieme.

(Applausi)

 
  
MPphoto
 

  Lajos Bokros, a nome del gruppo ECR.(HU) “Non so quale significato questa terra abbia per gli altri. / Per me è il luogo natale, piccola nazione stretta / tra le fiamme, il mondo dell’infanzia che sfuma lontano. / da lei sono cresciuto come il ramo tenero di un albero / e in lei spero di nuovo di sprofondare un giorno. / Qui sono a casa”. – così ha scritto Miklós Radnóti. L’Ungheria è a casa in Europa, ed è senza dubbio degna di detenere la Presidenza. Ma è di casa in Europa anche il governo ungherese? È degno della funzione che svolge? Non alludo unicamente alla legge sui media; nella cristalleria si agitano altri nove elefanti. Si lamentano costanti e grossolane violazioni del delicato sistema di controlli ed equilibri che caratterizza la democrazia.

Funzionari della pubblica amministrazione licenziati senza addurre motivi. Una crisi fiscale eccessiva e discriminante, che provoca distorsioni strutturali. Sostegno ai ricchi a danno dei poveri. Scioglimento del Consiglio di bilancio, proprio come in Venezuela. Limitazione e tra poco cancellazione dell’autonomia della banca centrale. Imposta speciale del 98 per cento sulle indennità di licenziamento, con effetto retroattivo. Nove emendamenti alla Costituzione nel giro di sette mesi. Limitazione dei poteri della Corte costituzionale. Nazionalizzazione del sistema pensionistico privato tramite un’opera di aperta estorsione, proprio come in Bolivia. Frode fiscale elevata a livello di politica di governo: distillazione della palinka. Un populismo che imperversa con la furia di chi voglia farsi strada a colpi d’ascia in un orto botanico. Distruzione del tessuto connettivo della società, della solidarietà. Ágnes Heller, János Kornai, Jenő Ranschburg – studiosi ungheresi di fama mondiale – hanno denunciato questa tendenza nei loro scritti. L’onorevole Verhofstadt ha affermato ieri che la Presidenza belga è stata coronata dal successo perché quel governo è riuscito a evitare che i problemi interni lo distraessero dalle questioni europee. Ora si profila un rischio esattamente opposto: il caos e il disastro diplomatico interno distrarranno il governo e l’opinione pubblica europea dall’Europa. Sarebbe una vera onta che io, come ungherese, mi rifiuto di accettare; non è ancora troppo tardi per cambiare direzione.

 
  
MPphoto
 

  Lothar Bisky, a nome del gruppo GUE/NGL.(DE) Signor Presidente, Primo ministro Orbán, vorrei formulare alcune sintetiche osservazioni in merito alla legge sui media. Molti oratori se ne sono già occupati, e non ripeterò le loro argomentazioni. Mi limiterò a mettere in rilievo un punto: non si tratta di un’interferenza negli affari ungheresi. Sono persuaso – ed è una convinzione cui sono giunto solo in età matura – che i media abbiano la responsabilità di controllare il potere e l’economia. Tale situazione deve permanere immutata; di conseguenza, i media non devono essere controllati da altri organismi di livello superiore, cosa che invece un’autorità di questo tipo renderebbe possibile.

Per tale motivo, a nostro parere la composizione dell’autorità preposta ai media è tutt’altro che ideale. Lei ha esplicitamente dichiarato di essere pronto a modificarla e mi auguro che si muova effettivamente in tale direzione. A parte questo – voglio affermarlo con chiarezza – si tratta di una questione ungherese. Naturalmente, vi sono altri Stati membri la cui legislazione in materia di media si potrebbe menzionare in questo contesto; non è un problema che riguardi solo l’Ungheria.

Quanto ai suoi progetti per la Presidenza del Consiglio, in primo luogo vorrei dichiarare in maniera netta e inequivocabile la mia soddisfazione per il fatto che lei abbia posto la promozione della diversità culturale tra i suoi obiettivi principali; mi sembra un punto assai importante. Attendo con interesse le iniziative che lei prenderà per migliorare l’integrazione, compresa l’integrazione delle minoranze; lei stesso ha fatto riferimento ai rom, e una strategia europea per una più efficace integrazione dei rom è essenziale.

In secondo luogo, sono lieto di constatare che lei si è impegnato a portare avanti i negoziati per l’allargamento e la politica riguardante i nostri vicini dell’est. Immettere nell’Unione europea una dose più abbondante di cultura dell’Europa orientale, accompagnata dalle esperienze storiche e sociali di quella regione, non può essere che un fatto positivo. Per molteplici ragioni che non intendo analizzare in questa sede, l’Unione europea è ancora, essenzialmente, un’istituzione dell’Europa occidentale. Sarei felice se la sua Presidenza del Consiglio riuscisse a far sentire in maniera più marcata l’influenza dell’Europa orientale.

In terzo luogo, sarà interessante vedere come lei saprà gestire l’imminente riorganizzazione della politica agricola e di coesione, nonché la preparazione della prospettiva pluriennale di bilancio dell’Unione europea. Il mio gruppo la invita a coinvolgere fino in fondo il Parlamento in tutto questo processo; ci attendiamo che lei mantenga la promessa di sostenere le piccole e medie imprese e di promuovere la protezione ambientale, l’uso sostenibile delle risorse e la sicurezza alimentare.

 
  
MPphoto
 

  Nigel Farage, a nome del gruppo EFD.(EN) Signor Presidente, do il benvenuto al Primo ministro Orbán. Dopo la farsa semestrale della presidenza belga, è confortante vedere il Primo ministro eletto di un paese degno di questo nome. Ho vivamente apprezzato la sua denuncia dell’insidiosa ideologia comunista, e ho notato con orgoglio che lei ha sottolineato come l’Ungheria sia stata il primo paese a prendere le armi contro l’Unione sovietica.

Vent’anni dopo aver riconquistato l’indipendenza e la democrazia, voi ora fate parte di una nuova unione politica che palesa crescenti analogie con l’antica Unione Sovietica. In effetti, nei prossimi sei mesi lei incontrerà folte schiere di comunisti, compreso il capo della Commissione, il vecchio Barroso che a suo tempo fu uno sfegatato sostenitore del Presidente Mao! Vedrà controlli e pianificazione politica centralizzata, ma soprattutto constaterà la bramosia di imporre l’unione politica alle popolazioni europee senza il loro consenso.

Si svegli, Primo ministro Orbán: consideri l’arroganza con cui deve scontrarsi questa mattina. Stanno cercando di insegnarle come deve governare il suo paese; li mandi al diavolo. Scenda in campo a battersi ancora una volta per la democrazia.

 
  
MPphoto
 

  Krisztina Morvai (NI) . – (HU) Signor Presidente, onorevoli colleghi, nel 1956 l’Ungheria ha dimostrato al mondo che è un dovere resistere all’oppressione e alla menzogna, anche quando l’impresa sembra disperata. A quell’epoca era questa la nostra missione storica; ancor oggi è la stessa. Nel mondo odierno, menzogna e oppressione si reggono su due pilastri; il primo è costituito dalla plutocrazia globale e dalle banche che privatizzano i profitti nazionalizzando perdite e costi che scaricano su pompieri, infermiere, insegnanti e pensionati, categorie destinate a pagare un prezzo sempre più pesante in termini di sofferenze.

L’altro pilastro è costituito dall’atteggiamento di coloro – penso in questo caso soprattutto ai politici che, anziché rappresentare gli interessi dei cittadini, agiscono costantemente da rappresentanti della plutocrazia globale e delle banche, persino all’interno dell’Unione europea – i quali dipingono questa situazione come naturale, o almeno inevitabile. La Presidenza ungherese e l’Ungheria, che è la mia patria, devono dimostrare che tutto questo è falso, che il re è nudo. Dobbiamo abbandonare questa mentalità ossessionata dal profitto e dal denaro, e dimostrare che è possibile invece adottare un approccio incentrato sulla persona umana e la giustizia, in cui ci si chiede non cosa possa giovare al profitto e al denaro, ma piuttosto cosa giovi ai cittadini e alla giustizia. Auguro la miglior fortuna all’Ungheria, la mia patria amante della libertà.

(L’oratore accetta di rispondere a una domanda “cartellino blu” ai sensi dell’articolo 149, paragrafo 8, del regolamento)

 
  
  

PRESIDENZA DELL’ON. KRATSA-TSAGAROPOULOU
Vicepresidente

 
  
MPphoto
 

  Hannes Swoboda (S&D) . – (DE) Signora Presidente, onorevole Morvai, abbiamo avuto un breve scambio di vedute già ieri; ora vorrei porle due domande. Non sorprende che, dalle sue posizioni di estrema destra, lei sostenga la Presidenza; se poi il Primo ministro Orbán gradisca tale appoggio, è un’altra faccenda. Lei sa che la rivoluzione ungherese ha avuto il sostegno di moltissimi cittadini e non solo della destra conservatrice, come ha rilevato l’onorevole Schulz? Si è accorta, onorevole Morvai, che la legge ungherese sui media non ha suscitato solamente le critiche dei socialdemocratici, ma anche quelle di numerosissimi cittadini, come lo scrittore György Konrád, che non hanno nulla a che fare con la socialdemocrazia? Ha notato questa circostanza?

 
  
MPphoto
 

  Krisztina Morvai (NI) . – (HU) Onorevole Swoboda, anche se in passato forse ho creduto che le espressioni “destra” e “sinistra” avessero un significato, i diciotto mesi che ho trascorso nell’Unione europea mi hanno fatto cambiare opinione. Voi di sinistra continuate a rappresentare gli interessi delle banche e della plutocrazia, senza alcun riguardo per le esigenze dei cittadini; avete completamente dimenticato i vostri antichi ideali. Oggi in quest’Aula è stato ricordato il vostro predecessore Karl Marx; ma ciò che egli ha detto sulla giustizia non trova più eco in questa sede. Siete voi gli oppressori più spietati dei lavoratori. Questo è un aspetto; l’altro aspetto è la legge sui media, che è una questione interna ungherese …

(Il Presidente interrompe l’oratore)

 
  
MPphoto
 

  Ádám Kósa (PPE) . – (HU) Signora Presidente, onorevoli colleghi, in primo luogo la ringrazio per avermi concesso l’opportunità di intervenire a nome della delegazione ungherese del Partito popolare europeo. Dal momento che sono un disabile, ho forse una sensibilità più acuta della media per le discriminazioni e la tendenza a usare due pesi e due misure; proprio per questo, ho seguito con preoccupazione la caccia alle streghe politica scatenatasi intorno alla legge ungherese, come abbiamo potuto constatare anche oggi in quest’Aula. L’unione civica ungherese Fidesz ha dimostrato in innumerevoli occasioni di operare nello spirito dei comuni valori europei, e anche la sua onorevole azione nel campo della libertà di stampa si ispira allo stesso spirito.

I valori europei recano con sé delle responsabilità: lo dimostrano anche i sei mesi della Presidenza ungherese che sta iniziando, e lo dimostrano pure i suoi obiettivi. Governance economica, politica energetica, e in effetti anche la strategia per i rom: tutte queste iniziative e strategie dimostrano l’esistenza di valori comuni, proprio come i nostri comuni obiettivi mirano a creare un’Europa forte. L’Europa in fondo non è solo una comunità di interessi, ma anche una comunità di valori, e in realtà ora voi dimostrate di disprezzare proprio questa costellazione di valori e obiettivi. Senza neppure attendere il parere della Commissione europea, formulate già dichiarazioni, accuse dettate dalla malafede e commenti infondati e poco equilibrati. Vi proponete forse in tale modo di indebolire la Presidenza ungherese? In realtà, così danneggiate l’Unione europea, l’intera Comunità europea.

Oggi dobbiamo affrontare la crisi più grave che mai abbiamo conosciuto, e voi ostentate un comportamento irresponsabile. Nella mia qualità di membro della delegazione del Partito popolare europeo, respingo tale atteggiamento. Incoraggio la Presidenza ungherese a continuare la propria opera nonostante le accuse e a proseguire con il programma “Un’Europa forte”. Apprezzo il titolo del programma; grazie all’unità, raggiungeremo traguardi ben più alti, e dobbiamo tendere costantemente al progresso.

 
  
MPphoto
 

  Csaba Sándor Tabajdi (S&D) . – (HU) Signora Presidente, signor Primo ministro, onorevoli colleghi, è nell’interesse dell’Unione europea e dell’Ungheria, oltre che di tutti i patrioti ungheresi a qualunque partito appartengano, che alla Presidenza ungherese arrida il successo. La cosa è ancor più importante se si considera che oggi l’Unione europea – compresa l’area dell’euro – si trova di fronte a sfide estremamente ardue. Signor Primo ministro, lei è un uomo deciso e determinato; la esorto a mettere queste doti al servizio dell’Europa, nella sua qualità di Presidente in carica del Consiglio, per rendere l’Europa ben più dinamica ed efficiente. Contemporaneamente, però, la invito a mantenere le regole della democrazia e a proteggere i valori del modello sociale europeo.

Purtroppo, come è emerso anche da questo dibattito, gli esordi della Presidenza ungherese sono turbolenti. Non avverte, signor Primo ministro, la scarsa fiducia che il suo governo riscuote in Europa? Agli occhi dei cittadini di molti Stati membri, a qualunque partito appartengano, le misure antidemocratiche del suo governo, il suo populismo economico, la legge sui media e l’acquiescenza nei confronti dell’estrema destra sembrano contraddire norme e valori dell’Unione europea. La Presidenza dell’Unione non la esonera dalle critiche; inoltre, lei deve dare l’esempio per quanto riguarda l’adesione ai valori fondamentali dell’Unione stessa.

La famosa frase di Attila József, “la mia collera è per voi, non contro di voi” si applica a questo caso, poiché quando si formulano critiche ben argomentate l’Unione europea non è in collera con il governo ungherese, è in collera per il governo ungherese; e soprattutto, queste critiche non sono dirette contro il popolo ungherese. Signor Primo ministro, come ungherese ed europeo mi auguro di poter attraversare i sei mesi di questa Presidenza con orgoglio e a testa alta.

 
  
MPphoto
 

  Alexander Graf Lambsdorff (ALDE) . – (DE) Signora Presidente, Primo ministro Orbán, in un articolo apparso ieri su un grande giornale tedesco, lei ha annoverato Otto Graf Lambsdorff tra suoi modelli ideali; ci siamo incontrati per l’ultima volta nel dicembre 2009, al suo funerale, cui lei ha partecipato privatamente – un gesto che noi abbiamo molto apprezzato. Le chiedo ora di onorare la sua memoria rispettando, seguendo e difendendo, con tutte le misure che adotterà, i principi dello Stato costituzionale liberale.

Alla critiche rivolte alla legge sui media lei ha opposto due argomenti: ha affermato che si tratterebbe di una campagna diretta contro l’Ungheria e personalmente contro di lei, e poi ha definito tale campagna vaga e non specifica. Dichiaro in maniera netta, a nome del gruppo dell’Alleanza dei democratici e dei liberali per l’Europa, che questa non è affatto una campagna; se in uno Stato membro dell’Unione europea vengono toccate e messe in questione le libertà fondamentali, allora siamo di fronte a un problema europeo.

Alla Commissione e al Presidente Barroso vorrei far rilevare che una valutazione giuridica deve essere compiuta dal Commissario, signora Kroes. La Commissione non è però un semplice ufficio notarile; è anche un organismo politico. La valutazione deve assumere forma politica e deve avvenire rapidamente.

Il suo secondo argomento riguarda il carattere vago e non specifico delle critiche. Quindi, Primo ministro Orbán, vorrei avanzare alcune osservazioni specifiche: la calunnia, la diffamazione e l’incitamento all’odio sono punti dalla legge in Germania come in altre democrazie; il diritto penale serve appunto a questo. In tali casi, quindi, lasciate che il diritto penale faccia la sua parte. Dovete migliorare la protezione giuridica all’articolo 163, modificare la composizione e i poteri dell’autorità di controllo sui media agli articoli 123 e 183, insieme a molti altri aspetti; vi sono parecchi punti specifici. Vi consiglio di rinviare l’applicazione della legge fino a quando la Commissione non avrà compiuto la sua valutazione, cosa che deve avvenire il più rapidamente possibile.

 
  
MPphoto
 

  Judith Sargentini (Verts/ALE) . – (NL) Signora Presidente, il Parlamento europeo e gli Stati membri applicano due metri di giudizio differenti. Quando si tratta di paesi che desiderano aderire all’Unione europea, parliamo all’infinito di diritti civili e libertà di stampa, ma questi concetti sembrano perdere ogni valore per i membri che fanno già parte del club. I criteri di Copenaghen rappresentano un dovere sacro per tutti noi, o solo per i nuovi arrivati?

Gli Stati membri chiudono gli occhi di fronte all’operato altrui. Se io non ficco il naso nei vostri affari, allora neppure voi potrete ficcare il naso nei miei! Anche l’Ungheria chiede a tutti gli altri di non ficcare il naso nei suoi affari: singolare atteggiamento per chi detiene la Presidenza dell’Unione europea. Il suo compito, Primo ministro Orbán, è quello di guidare l’Unione europea e quindi di incoraggiare gli Stati membri a occuparsi, in qualche misura, degli affari degli altri; in questo campo non ci si può tirare indietro.

Passiamo ora al nostro Parlamento, l’Assemblea che ha il dovere di preservare l’elevato standard dei valori europei; stiamo fallendo nel nostro compito! Signora Presidente, ancora una volta è stato un piacere per me poter proclamare la verità ed esporre in questa sede il mio equilibrato parere.

 
  
MPphoto
 

  Jacek Olgierd Kurski (ECR) . – (PL) Signora Presidente, è una buona notizia il fatto che un governo, il quale in patria gode di un consenso così cospicuo, assuma la Presidenza dell’Unione europea. Il governo ungherese può vantare un consenso tanto ampio, in quanto agisce nell’interesse del popolo d’Ungheria e sta ricostruendo il paese dopo la fallimentare esperienza dei governi socialisti soffocati dagli scandali. Non è invece una buona notizia il fatto che l’Ungheria abbia dovuto subire attacchi sleali e puramente ideologici proprio all’esordio della sua Presidenza. L’intera questione della legge sui media dimostra la natura ipocrita di questi attacchi. In Polonia esiste un’identica autorità per i media, dominata dal partito di governo e responsabile della cacciata dai media pubblici polacchi di dozzine di gionalisti di tendenze conservatrici; ma nessuno in Europa difende queste persone, e l’onorevole Schulz meno di tutti. Ecco i termini concreti della questione.

La bizzarra lettera pubblicata una settimana fa, che attacca gli ungheresi ed è firmata dagli ex Presidenti della Repubblica ceca e dell’Ungheria, oltre che dal direttore del quotidiano polacco Gazeta Wyborcza, svela tutta l’ipocrisia di quest’attacco. Si tratta della stessa Gazeta Wyborcza che fa confiscare le proprietà di coloro che professano opinioni differenti; in realtà, l’attacco sferrato oggi contro l’Ungheria è una pura e semplice vendetta nei confronti di chi ha attuato con successo una politica conservatrice. Primo ministro Orbán, mi auguro che la sua Presidenza dell’Unione europea abbia altrettanto successo ...

(Il Presidente interrompe l’oratore)

 
  
MPphoto
 

  Jaroslav Paška (EFD) . – (SK) Signora Presidente, dal 1° gennaio la Presidenza dell’Unione europea è passata al governo ungherese, che ci ha ricordato la circostanza per mezzo di quello che potremmo definire un tappeto culturale. Non mi soffermerò qui sulla mappa raffigurata nel tappeto, signor Primo ministro, ma solo sulla cultura che lei ha recato a Bruxelles.

Simboli venerati, ritratti di personaggi di cui il suo popolo è giustamente orgoglioso, giacciono sul pavimento di un luogo pubblico, calpestati e insudiciati dai cittadini di tutta Europa. Le sembra cultura questa? È forse una degna imagine della fiera Ungheria?

Non so che cosa abbia indotto i diplomatici ungheresi a svilire in tal modo i simboli della loro storia; avrebbero potuto degnamente collocarli sui pannelli e sulle pareti di questa stessa Aula. Ha notato dove sono posti in quest’Aula i simboli che veneriamo? Si trovano al posto d’onore, sul tavolo del Presidente.

Non ignoro, signor Primo ministro, che molti problemi affliggono il suo paese, ma sono fermamente convinto che il fiero popolo ungherese non meriti, da parte del suo stesso governo, una tale mancanza di rispetto nei confronti dei maggiori personaggi e simboli della nazione.

 
  
MPphoto
 

  Csanád Szegedi (NI) . – (HU) Signora Presidente, signor Primo ministro, onorevoli colleghi, volevo dedicare il mio intervento essenzialmente alla Presidenza ungherese, ma gli oratori che mi hanno preceduto hanno risvegliato la mia collera, e quindi ora devo cedere in qualche misura alla provocazione e soffermarmi sulla legge ungherese sui media. In parole povere, in Ungheria il Movimento Jobbik per un’Ungheria migliore ha criticato anch’esso la legge linguistica; anche noi la disapproviamo. È stupefacente però constatare quanto sia folta la massa dei voltagabbana e degli ipocriti. Dov’erano coloro che ora si atteggiano a difensori dei diritti, dov’eravate quando la legge linguistica è stata introdotta in Slovacchia? Dov’era l’onorevole Cohn-Bendit quando gli ungheresi della Voivodina subivano il terrore degli estremisti serbi? Dov’era l’onorevole Schulz quando in Voivodina e in Transilvania si profanavano le tombe degli ungheresi? Mi sembra che qui si usino due pesi e due misure; non posso quindi accettare le critiche che vi permettete di formulare nei confronti del governo ungherese e della Presidenza ungherese.

A differenza del MSZMP o MSZP con le sue vane agitazioni, lo Jobbik ha sempre avanzato proposte concrete. Sì, dobbiamo sollevare il problema della legge linguistica in Slovacchia; e poi il problema dell’abrogazione dei decreti Beneš; e poi quello dell’autonomia territoriale dei siculi; e poi quello di arginare e stroncare la criminalità rom in Ungheria e in tutta Europa; e sarebbe anche ottima cosa se il governo ungherese potesse dedicarsi con altrettanto impegno al compito interno di applicare la volontà di milioni di elettori e spedire finalmente dietro le sbarre l’ex dittatore Ferenc Gyurcsány. I problemi reali sono questi e le auguro il miglior successo per la sua Presidenza.

 
  
MPphoto
 

  Werner Langen (PPE) . – (DE) Signora Presidente, Primo ministro Orbán, due ardui compiti la attendono. Il primo è quello di rimediare a otto anni di malgoverno socialista, ridare all’Ungheria stabilità e dinamismo sul piano politico ed economico e ridurre i livelli del debito; gli elettori le hanno conferito un chiaro mandato in questo senso.

Il secondo compito è quello di guidare l’Europa, nella sua qualità di Presidente in carica del Consiglio, in questo difficile periodo, facendo ogni sforzo per risolvere la crisi economica e finanziaria. Lei potrà contare sull’attivo sostegno del Parlamento e del mio gruppo. Constatiamo con soddisfazione che lei oggi non ci ha presentato un elenco di pii desideri – come hanno fatto invece, negli ultimi anni, parecchi Presidenti in carica del Consiglio socialisti – ma ha indicato chiaramente le sue priorità.

In terzo luogo, siamo lieti che l’Ungheria appartenga all’Unione europea fin dal 2004 e che il partito al governo nel paese aderisca al gruppo del Partito popolare europeo (democratico cristiano). La campagna scatenata intorno alla nuova legge sui media – che comporta tra l’altro la richiesta di ritiro del diritto di voto ai sensi dell’articolo 7, ed è stata avviata qui in Parlamento e non da lei, bensì dai partiti che hanno perso le elezioni del 2010 e sedevano qui, e anzi sono ancora seduti proprio qui di fronte, almeno quelli che non sono andati di corsa dai giornalisti – è un’intollerabile esempio di ipocrisia. La valutazione dimostrerà che la legislazione sui media vigente in Ungheria non è diversa da quella di molti altri Stati.

Quanto all’onorevole Schulz, che ha invocato il ritiro della legge, mi limito a dire che egli evidentemente non ha letto la legge introdotta col voto della maggioranza nel Land della Renania settentrionale-Westfalia, ove è al potere un governo statale formato da socialisti e verdi. Tale legge prevede l’istituzione di un’autorità sui media, prevede sanzioni e prevede disposizioni sulla diversità di opinioni; è esattamente questo il vostro approccio. Tale atteggiamento ipocrita non deve conquistare la maggioranza nella nostra Assemblea.

(Applausi)

(L’oratore accetta di rispondere a una domanda “cartellino blu” ai sensi dell’articolo 149, paragrafo 8, del regolamento)

 
  
MPphoto
 

  Rebecca Harms (Verts/ALE) . – (DE) Signora Presidente, onorevole Langen, la legge statale sui media della Renania settentrionale-Westfalia affida forse la responsabilità di vigilare sui media a un solo partito? L’organo di vigilanza sui media della Renania Settentrionale-Westfalia verrà forse utilizzato dal governo per nove anni? In Renania Settentrionale-Westfalia è forse un solo partito a decidere se l’informazione è equilibrata oppure no? Se le cose stanno così, allora la situazione è uguale a quella dell’Ungheria. Non credo che lei voglia questo; vorrei anche chiedere perché il Cancelliere, signora Merkel, critica la legislazione ungherese, dal momento che ella fa parte …

(Il Presidente interrompe l’oratore)

 
  
MPphoto
 

  Werner Langen (PPE) . – (DE) Signora Presidente, sono sicuro che mi concederà cinque minuti.

(Il Presidente interrompe l’oratore)

In primo luogo, la signora Merkel ha chiesto se la legge rispettasse le norme europee sotto ogni punto di vista e il Primo ministro Orbán ha accettato di modificare le disposizioni della legge, se necessario, conformemente alla valutazione della Commissione. Mi sembra un approccio corretto, onesto, aperto ed equo nei confronti di tutti gli interessati.

La mia seconda osservazione riguarda la legge statale sui media vigente in Renania settentrionale-Westfalia. Ai programmi radiofonici è vietato, ai sensi del paragrafo 31, presentare un’unica opinione od occuparsi di un unico partito, gruppo, lobby, denominazione religiosa o filosofia.

(Interruzioni)

La legge inoltre stabilisce che il capo di Stato della Renania settentrionale-Westfalia può impartire istruzioni all’autorità statale di controllo sui media e comminare ammende fino a 500 000 euro.

 
  
MPphoto
 

  Monika Flašíková Beňová (S&D) . – (SK) Signora Presidente, vorrei rivolgermi al capo del governo ungherese: benvenuto al Parlamento europeo, Primo ministro Orbán.

L’Ungheria ha assunto la Presidenza in un momento certamente non facile, e il programma che lei ci ha presentato è certamente fitto di sfide importanti. Lei ha chiesto ripetutamente al Parlamento europeo di aiutarla a realizzare questo programma e mi creda, Primo ministro Orbán, noi siamo pronti a sostenere gli elementi validi ed europei del suo programma.

Il suo intervento conteneva anche un appello a favore di un’Europa forte, e devo confessare che non mi è del tutto chiaro dove cominci il suo europeismo e quali ne siano i limiti; non riesco infatti a spiegarmi perché il suo governo abbia dato inizio alla Presidenza con la presentazione di un’unità territoriale inesistente, invece di illustrare – in qualità di paese che detiene la Presidenza – una nuova visione dell’Europa.

Per concludere, Primo ministro Orbán, mi auguro che in lei continui a svilupparsi rigoglioso il buon europeista, e che ci sia spazio in lei per un saldo spirito ungherese.

 
  
MPphoto
 

  Adina-Ioana Vălean (ALDE) . – (EN) Signora Presidente, da molto tempo ormai la nostra Unione segue il metodo di fissare un obiettivo dopo l’altro, ma nessuno si volta indietro per controllare se questi obiettivi vengono veramente raggiunti o sono attuati adeguatamente. Crescita, occupazione, un’Unione vicina ai cittadini: sembrano tutti destinati a diventare obiettivi eterni. A questo punto dovremmo veramente ammettere il fallimento almeno di alcune delle nostre politiche e di alcune delle soluzioni onnicomprensive che troppo spesso tendiamo a privilegiare.

Per stimolare la crescita economica dell’Unione dovremmo forse cominciare a pensare in maniera originale ed eterodossa, e accettare il variegato panorama di interessi e specificità dei nostri 27 Stati membri.

Con l’approvazione della Presidenza, la Commissione propone un semplice coordinamento delle nostre politiche economiche. Tale approccio potrebbe rivelarsi una trappola proprio per il tipo di crescita economica che stiamo perseguendo, basato su politiche e obiettivi di natura esclusivamente macroeconomica. Se il nostro mercato unico è sempre incompleto, la burocrazia soffoca aziende e imprenditori e il mercato del lavoro è in preda alla confusione, la crescita dell’Unione europea rischia di assomigliare a quella di una balena in una vasca piena di barracuda: perché così funziona il mercato globale nell’odierno contesto di crisi.

Per quanto riguarda gli altri obiettivi eterni indicati nel programma della Presidenza, come la realizzazione di una politica energetica comune, il nostro compito attuale deve essere quello di individuare esigenze ed interessi comuni a tutti gli Stati membri. Non sono affatto persuasa che spendere miliardi di euro in giganteschi progetti infrastrutturali sia la soluzione migliore.

Il Primo ministro Orbán ha accennato anche all’allargamento; mi auguro che egli non intenda in tal modo riferirsi all’approccio ungherese, che concede la cittadinanza a tutte le persone di etnia ungherese nei paesi vicini. L’allargamento dell’Unione europea in un contesto di euroscetticismo e crisi economica è veramente una prospettiva realistica?

Per concludere, auguro buona fortuna a tutti noi.

 
  
MPphoto
 

  Peter van Dalen (ECR) . – (NL) Signora Presidente, la Presidenza ungherese è partita con il piede sbagliato. L’esempio che il governo ungherese offre all’Unione europea con la nuova legge sui media non è certo positivo. Tale legge concede poteri estesissimi a un organo di controllo sui media, e ciò getta un’ombra inquietante sugli esordi della Presidenza ungherese; la legge, però, è solo uno degli elementi di una serie di preoccupanti sviluppi che si registrano in Ungheria.

Dove domina un unico partito politico, le altre voci ammutoliscono. Rochefoucauld, scrittore francese del diciassettesimo secolo, aveva già osservato in proposito che “ben pochi sono così saggi da preferire un rimprovero utile a un’adulazione subdola e traditrice”. Suggerisco alla Presidenza – sia in quanto Presidenza dell’Unione, sia in quanto governo ungherese – di meditare seriamente sul monito di Rochefoucauld.

 
  
MPphoto
 

  Mario Mauro (PPE). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, Signor Presidente Orban, benvenuto a Strasburgo dove – come ha detto il collega Cohn-Bendit – tutti amano l'Ungheria ma, lei lo avrà capito, non tutti amano il governo ungherese.

Noi, invece, amiamo l'Ungheria, stimiamo il governo ungherese e, dirò di più, spudoratamente facciamo il tifo per il suo partito. Perché facciamo il tifo per il partito Fides? Perché questo partito è stato uno dei fattori determinanti per il ritorno dell'Ungheria, dopo una lunga e terribile dittatura, alla vita democratica.

Facciamo il tifo per Fides perché in questi anni, in tutti questi anni, ha perseguito gli stessi valori di democrazia e di libertà, sia quando è stato al governo, sia quando è stato all'opposizione e facciamo il tifo per Fides perché oggi è Fides la vera alternativa alla deriva populista che sembra investire tanti paesi dell'Unione europea.

Facciamo poi il tifo per Fides perché, attraverso le priorità che lei ha indicato, Fides ci fa comprendere che la battaglia per un'Europa unita e libera non è ancora finita. Noi scommettiamo su di lei, Presidente Orban, e facciamo il tifo per lei, perché fare il tifo per Orban vuol dire fare il tifo per l'Ungheria e fare il tifo per tutta l'Europa.

 
  
MPphoto
 

  Edit Herczog (S&D) . – (HU) Signora Presidente, onorevoli colleghi, sin dall’istituzione dell’Unione europea una delle questioni e delle sfide più importanti è stata quella della sicurezza energetica. Per molto tempo abbiamo nutrito la convinzione che il problema fondamentale fosse quello di ridurre la dipendenza dalle fonti energetiche. La crisi economica ha però dimostrato che la questione più importante è l’accessibilità anche economica. Quest’anno in Ungheria, per la prima volta, sono morte assiderate più persone in appartamenti non riscaldati che nelle strade. Qualche giorno fa gli abitanti di un edificio residenziale hanno chiesto che venisse spento il riscaldamento, poiché non potevano più permetterselo. Onorevoli colleghi, è essenziale da parte nostra affrontare il tema della sicurezza energetica in quanto effetto della crisi economica, inquadrandolo nel dato di fondo delle nostre obsolete infrastrutture energetiche.

Il compito più importante della Presidenza ungherese, in occasione del vertice energetico, sarà quello di gettare le basi delle nuove infrastrutture per quanto riguarda non solo il gas, ma anche le linee elettriche. Non si tratta, da parte nostra, di ammodernare le reti del passato, bensì di procurare investitori e disponibilità non incerte di capitale per le reti energetiche intelligenti del futuro. Alla Presidenza ungherese spetta il compito di convincere tutti gli Stati membri a sostenere all’unanimità l’incremento della sicurezza nello smaltimento delle scorie nucleari. Dobbiamo garantire che tutte queste operazioni si mantengano nei limiti dell’accessibilità economica. Signor Presidente, non possiamo affrontare questo nodo di problemi con scomposta indifferenza; dobbiamo piuttosto munirci di idee chiare, coscienza limpida e visione lucida. Saremo al suo fianco nel tentativo di risolvere tali questioni.

 
  
MPphoto
 

  Marielle De Sarnez (ALDE) . – (FR) Signora Presidente, i popoli d’Europa stanno attraversando una crisi grave e destabilizzante. Proprio in momenti come questo, mi sembra, dobbiamo riallacciarci ai valori fondamentali su cui si basa l’Europa.

Il primo di questi valori è la lotta contro tutte le forme di nazionalismo. Mi consenta di esprimerle la mia preoccupazione per il fatto che lei, dopo aver offerto la nazionalità ungherese alle popolazioni magiare, prospetti ora la possibilità di concedere loro il diritto di voto, in violazione di tutte le convenzioni internazionali.

Il secondo valore europeo è la difesa della democrazia e delle libertà. Ora, da quando lei è entrato in carica è stata adottata una serie di misure tali da suscitare la nostra preoccupazione, e in merito alle quali ora lei può fornirci spiegazioni e risposte. I poteri della corte costituzionale sono stati limitati, l’indipendenza della banca centrale è stata compromessa – in contraddizione con il trattato di adesione – e lei si accinge ora a portare i cittadini al voto su una legge riguardante i media che – con il pretesto di recepire una direttiva europea – distrugge in realtà la libertà di stampa, come ha recentemente dimostrato l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE).

Lei sostiene che la vostra legge è simile a quelle di altri Stati membri, ma anche se in alcuni di essi – e penso in particolare al mio paese – ci sono sicuramente ancora progressi da fare, in quale altro Stato membro dell’Unione un organo d’informazione rischia un’ammenda di 700 000 euro per aver violato la morale? Il problema è ora al vaglio della Commissione europea, che dovrà manifestarci il suo parere sul nodo centrale – al di là dei meri aspetti giuridici – ossia se questa legge violi la libertà di espressione. In tal caso, la Commissione europea dispone degli strumenti per far rispettare i diritti fondamentali; è questo il segnale di fermezza che noi ora attendiamo.

 
  
MPphoto
 

  Jean-Pierre Audy (PPE) . – (FR) Signora Presidente, signor Primo ministro, l’Ungheria è un paese europeo, e ama il Parlamento europeo. L’Ungheria ha scelto come Presidente della Repubblica uno dei nostri migliori ex colleghi, Pál Schmitt, e lei stesso ha avuto la saggezza di nominare tra i suoi ministri una nostra ottima collega, l’onorevole Győri, alla quale rendo omaggio.

La democrazia funziona; lei è stato eletto; benissimo! L’Europa funziona; una sua legge viene messa in discussione e lei risponde “la cambierò”. Criticato sul terreno dell’applicazione dei valori, lei ha dichiarato che, in sede di riforma della Costituzione – che è ancora l’antica Costituzione comunista – lei adotterà per intero la Carta dei diritti fondamentali; benissimo! La politica funziona; se qualcuno ne dubitava, abbiamo un’Europa politica; ecco una buona notizia!

Lei deve affrontare sfide economiche e sta riportando l’economia ungherese sulla strada giusta, Presidente Orbán; lei è probabilmente il Primo ministro di cui abbiamo bisogno in questo momento. Non è però la prima volta che compie quest’impresa; lo ha già fatto nel 1998, e anche allora era Primo ministro.

Per concludere, richiamerò la sua attenzione sulla Croazia: lei desidera l’adesione di quel paese, e anche noi siamo favorevoli. Le rammento le resistenze di alcuni settori dell’opinione pubblica europea e le suggerisco di intraprendere una vasta campagna di comunicazione, per dimostrare ai cittadini europei che la Croazia soddisfa tutti i criteri per l’adesione, in quanto abbiamo abbandonato la politica delle adesioni in blocco seguita dopo il crollo del muro di Berlino.

 
  
MPphoto
 

  Juan Fernando López Aguilar (S&D) . – (ES) Signora Presidente, Primo ministro Orbán, a nome dei socialisti spagnoli saluto la Presidenza ungherese, terza del trio di Presidenze che inaugura la nuova dinamica sancita dal trattato di Lisbona. Occorre quindi coerenza rispetto al piano comune elaborato dai tre paesi – Spagna, Belgio e Ungheria – ma anche, aspetto ancor più importante, coerenza con i principi, i valori e gli obiettivi sanciti dallo stesso trattato di Lisbona, poiché la priorità assoluta è l’applicazione e il compimento del trattato.

Alcuni di questi principi e valori comuni sono sanciti nell’articolo 2 del trattato di Lisbona: rispetto per le libertà, protezione delle minoranze e pluralismo, compreso il pluralismo dell’informazione. Condivido quindi la preoccupazione, da lei manifestata, che obiettivi così importanti per la Presidenza ungherese rischino di essere distorti da peculiarità o dibattiti nazionali anziché influenzati dai fattori che ci uniscono.

La legge ungherese sui media non si può e non si deve assolutamente interpretare come una questione di mercato interno, nel quadro del recepimento nazionale della direttiva sui servizi audiovisivi. Si tratta di un dibattito che non riguarda solo il mercato interno o l’Ungheria, ma si riflette sui diritti fondamentali e sull’intera Unione; mi annovero perciò tra coloro i quali ritengono che l’unica via d’uscita da questa crisi sia un’integrazione più stretta, non la concorrenza tra nazionalismi.

La Presidenza verrà giudicata sulla base della sua volontà di porsi all’avanguardia nella realizzazione dei valori e degli obiettivi del trattato di Lisbona, mantenendosi fedele agli impegni presi nell’aderire all’Unione europea.

(L’oratore accetta di rispondere a una domanda “cartellino blu” ai sensi dell’articolo 149, paragrafo 8, del regolamento)

 
  
MPphoto
 

  Alejo Vidal-Quadras (PPE) . – (ES) Signora Presidente, ho seguito con grande attenzione l’intervento dell’onorevole López Aguilar, e vorrei ricordargli che il governo spagnolo – guidato dal suo stesso partito – sta attualmente preparando l’istituzione di un consiglio di Stato sui media e una legge sulle disparità di trattamento e sulla discriminazione, destinata a incombere su qualsiasi possibile avversario politico come una spada di Damocle, che potrebbe incidere sul contenuto dell’informazione.

Quindi, onorevole López Aguilar, prima di criticare gli altri – non intendo entrare nei dettagli della legge ungherese – rifletta che non è corretto usare due pesi e due misure; non dimentichi di essere stato ministro della Giustizia.

 
  
MPphoto
 

  Juan Fernando López Aguilar (S&D) . – (ES) Signora Presidente, non è la prima volta che sentiamo formulare, in quest’Aula, paragoni del tutto fuori luogo tra una legge che ha destato preoccupazioni nell’Unione europea e anche tra alcuni eminenti rappresentanti della sua stessa tendenza politica, onorevole Vidal-Quadras, e altre leggi che rispettano il diritto alla libertà di espressione, alla libera formazione dell’opinione pubblica in una società pluralistica e, naturalmente, al pluralismo nei media. Queste ultime leggi istituiscono consigli sui servizi audiovisivi che non hanno in alcun modo la funzione di interferire con il pluralismo dei media, né, assolutamente, quella di predeterminare i contenuti dei media.

È il caso della Spagna e di parecchi altri esempi additati in quest’Aula, che non hanno nulla a che vedere con il tema che tanta inquietudine ha destato nel corso della discussione odierna.

 
  
MPphoto
 

  Jacek Saryusz-Wolski (PPE) . – (EN) Signora Presidente, alla Presidenza ungherese si offre un’occasione unica per tradurre in realtà la sicurezza energetica in Europa. Vi saranno due Presidenze consecutive – quella polacca e quella ungherese – dotate della forte volontà politica di sfruttare tutte le opportunità disponibili. I problemi cui ci siamo trovati di fronte sinora sono un consolidamento o un monopolio dell’approvvigionamento e del transito, l’assenza di un mercato unico interconnesso e una particolare vulnerabilità del fianco orientale dell’Unione.

Ci attendiamo che la Presidenza ungherese utilizzi la geometria dell’Unione per dare vita a un triangolo: un asse o corridoio nord-sud dal Baltico all’Adriatico, con porti energetici in Polonia e Croazia, integrato dal gasdotto del Mar Caspio destinato a rifornire direttamente l’Unione europea, in modo separato e indipendente, a partire da Azerbaigian e Turkmenistan. Il corridoio meridionale dovrebbe ovviamente includere il progetto Nabucco.

Quindi una nuova fonte di sicurezza energetica per l’Europa rappresenta la sfida finale per la Presidenza ungherese. Tre sono gli obiettivi essenziali: costruire interconnettori, garantire finanziamenti adeguati e promuovere la dimensione esterna della politica energetica dell’Unione europea. L’energia rappresenta infatti un bene pubblico per l’Unione ed è necessario europeizzarla; la politica deve fondarsi sulla solidarietà e la nostra volontà politica deve garantirne l’attuazione.

 
  
MPphoto
 

  Glenis Willmott (S&D) . – (EN) Signora Presidente, in un momento come questo dovremmo occuparci di governance economica, diritti del lavoro e ambiente – tutti temi ai primi posti della nostra agenda; dovremmo celebrare il meraviglioso traguardo raggiunto dall’Ungheria che, per la prima volta, ha l’onore di detenere la Presidenza. Mi amareggia quindi constatare che il popolo ungherese – che ha combattuto l’oppressione ed è stato protagonista di una lunga lotta per la democrazia – veda ora quella stessa democrazia messa a repentaglio dalla nuova legge sui media e dalle politiche protezionistiche utilizzate per attaccare le imprese straniere. Tutto questo getta un’oscura ombra su un periodo che dovrebbe essere fonte di legittimo orgoglio per il popolo ungherese.

È un momento critico per i cittadini e dobbiamo portare avanti il nostro programma di riforme; ma contemporaneamente dobbiamo vigilare affinché l’Europa non sprofondi nuovamente nei giorni più bui del suo passato. Dobbiamo continuare a smascherare e combattere qualsiasi forma di censura di Stato e di politica protezionistica; dobbiamo tendere la mano al popolo ungherese, ma non possiamo compromettere la nostra futura democrazia.

 
  
MPphoto
 

  Lívia Járóka (PPE) . – (HU) Signora Presidente, signor Primo ministro, onorevoli colleghi, il varo di una strategia europea per i rom è stato proposto dal Parlamento europeo per la prima volta all’inizio del 2008, e nei tre anni trascorsi da allora una folta serie di azioni e documenti dell’Unione europea ha dimostrato l’importanza della lotta contro la segregazione e la povertà che attanagliano i 12 milioni di rom che vivono in Europa. Nella mia qualità di militante di Fidesz e unica deputata rom al Parlamento europeo, sono orgogliosa che il nuovo governo ungherese sia stato la prima presidenza del Consiglio ad assumersi senza riserve l’impegno e la missione di trovare una soluzione a livello europeo.

L’inclusione sociale dei rom è una delle sfide più ardue che si pongono all’Europa di oggi, e insieme una delle opportunità più promettenti per le nostre società minacciate dall’invecchiamento. In effetti, l’integrazione dei rom non è solo un dovere dal punto di vista dei diritti umani, ma anche una necessità economica. In qualità di relatrice del Parlamento europeo su questo tema, mi auguro di cuore che, sulla base della relazione del Parlamento e dell’imminente comunicazione della Commissione, la Presidenza ungherese riesca a elaborare una strategia dallo spirito veramente comunitario, che definisca il gruppo di destinazione sulla base di criteri economici piuttosto che etnici, porti avanti l’attuazione delle direttive sulle pari opportunità, tenga conto della natura territoriale della segregazione e mitighi gli svantaggi dei cittadini che vivono in microregioni.

Signor Primo ministro, questo processo riguarda temi ben più vasti della strategia europea per i rom: sono in gioco la fiducia reciproca e la capacità dell’Europa di costruire una comunità di valori e superare le sfide che ci attendono. Le auguro la miglior fortuna in queste difficilissime imprese. Taves bahtalo!

 
  
MPphoto
 

  Jörg Leichtfried (S&D) . – (DE) Signora Presidente, onorevoli colleghi, in Europa la stampa non ha affatto l’obbligo di adottare un approccio equilibrato; in Europa vige la libertà di stampa. Se in Europa viene istituito un organismo incaricato di introdurre un cosiddetto equilibrio comminando sanzioni inapplicabili, eliminando la protezione delle fonti e diffondendo un’atmosfera di paura, mi attendo che la Commissione, nella sua qualità di custode del diritto europeo, reagisca. Non deve però reagire in maniera esitante, indecisa e difensiva; deve intraprendere un’azione rapida, convinta ed efficace. Finora non lo ha fatto.

Primo ministro Orbán, le argomentazioni aggressive e irragionevoli con cui i suoi alleati sono insorti in sua difesa non mi convincono affatto. Noi la giudicavamo un liberale. Posso immaginare che talvolta si tratti di una posizione scomoda; ma vorrei chiederle se si sente a suo agio, ora che la sua immagine è quella di un leader che allontana il suo paese dalla democrazia per condurlo verso il totalitarismo.

(Interruzioni)

Che effetto le fa sentirsi difendere da quei signori seduti lì, Primo ministro Orbán? Questo vorrei chiederle.

 
  
MPphoto
 

  Paulo Rangel (PPE) . – (PT) Signora Presidente, vorrei in primo luogo osservare che oggi, nel dibattito sulla Presidenza ungherese – senza nulla togliere alla nostra facoltà di discutere tutti gli argomenti previsti – il Parlamento dovrebbe concentrarsi sui problemi dell’Unione europea, cosa che non stiamo facendo. Inoltre, per concentrarsi sui problemi dell’Unione è necessaria un’attenta lettura per verificare l’eventuale accordo con le priorità della Presidenza ungherese; non è il caso di discutere nodi o problemi interni dell’Ungheria, che si possono semmai risolvere nel quadro di un sano e normale rapporto tra la Commissione e il governo e il parlamento ungheresi.

A parte l’ovvia priorità che la Presidenza ungherese intende attribuire alle questioni economiche e finanziarie più urgenti, esprimo la mia soddisfazione per la natura lucida e ambiziosa del piano ungherese rivolto al prossimo semestre. Esso infatti privilegia tre punti che si riveleranno essenziali per il futuro dell’Europa: la produzione alimentare, che sta scivolando in una fase di grave crisi globale; l’energia, elemento cruciale di sicurezza e sostenibilità economica; e l’acqua, cui raramente si è accennato in questa sede, ma che in realtà costituisce la prossima sfida che gli europei dovranno affrontare, dopo quella dell’alimentazione.

Le auguro di riuscire a realizzare i suoi obiettivi.

 
  
MPphoto
 

  Kristian Vigenin (S&D) . – (BG) Signora Presidente, signor Primo ministro, nel 2011, per la prima volta, l’Unione europea verrà guidata da due paesi dell’Europa centrale e orientale, l’Ungheria e la Polonia. Questi due paesi hanno recato un contributo notevolissimo allo sviluppo della democrazia, all’integrazione dell’Europa, e a mio avviso i meriti che si sono conquistati non dovrebbero andare sprecati come sta avvenendo oggi.

Primo ministro Orbán, la scongiuro di liberarsi dall’ombra che grava sulla sua Presidenza; in tal caso, alla fine del semestre, potremo concludere che lei avrà realizzato le sue priorità. Vorrei che concentrassimo la nostra attenzione appunto su tali priorità, e non su risoluzioni e iniziative del parlamento ungherese che non rispettano i principi fondamentali della democrazia.

Lei potrà contare sul pieno appoggio dei socialdemocratici, per portare a compimento i negoziati con la Croazia nel corso della sua Presidenza.

Nel suo intervento non ho udito alcun accenno a una revisione della politica di vicinato. Mi auguro che lei dia prova del necessario spirito d’iniziativa e che in questo periodo riesca a ricondurre la Bielorussia sulla strada dello sviluppo democratico.

Mi permetto di dissentire dall’onorevole Cohn-Bendit. Non credo affatto che il Primo ministro Orbán si possa paragonare al Presidente Chávez; in Europa ci sono altri capi di governo assai più adatti a tale ruolo.

 
  
MPphoto
 

  Ernst Strasser (PPE) . – (DE) Signora Presidente, Primo ministro Orbán, è vero che il suo paese ha patito gravi sofferenze e che l’Ungheria, lei stesso e il suo partito avete recato un contributo decisivo alla causa della pace e dell’unità europea. Da buon vicino e da austriaco, desidero dichiararlo esplicitamente, con autentico rispetto, in questo momento per voi storico.

Creare occupazione, promuovere la crescita e migliorare la sicurezza: ecco le priorità della sua Presidenza, che noi siamo felici di sostenere. Tra le altre priorità ricordiamo il rafforzamento del mercato interno, lo sviluppo della politica energetica, la strategia per la regione del Danubio e la conclusione dei negoziati con la Croazia; in tutti questi settori siamo fermamente intenzionati a sostenerla.

Desidero rivolgerle un ringraziamento particolare per aver difeso la libertà di religione. Il cristianesimo è una delle fondamenta del pensiero e dell’azione europei, e noi rispettiamo profondamente il fatto che lei abbia riformato la legislazione ungherese sui media, introdotta dai comunisti ancora nel 1986; è stata un’iniziativa importante e assai saggia. A nostro avviso molte delle opinioni formulate in tale contesto, anche in questa stessa Aula, sono completamente errate. Spesso queste voci sembrano riecheggiare le ingiuste sanzioni inflitte al governo austriaco nel 2000. Mi sembra che oggi lei debba sopportare lo stesso iniquo trattamento che il governo austriaco dovette subire allora.

La ringrazio per l’opera che ha svolto finora e auguro il miglior successo alla Presidenza ungherese.

(Applausi)

 
  
MPphoto
 

  Victor Boştinaru (S&D) . – (RO) Signora Presidente, signor Primo ministro, da cittadino europeo e da socialista sono veramente lieto che lei si sia impegnato ad attuare una strategia per la regione del Danubio e una strategia per i rom a livello europeo; da cittadino romeno, apprezzo il sostegno che la sua Presidenza intende offrire al mio paese e alla Bulgaria per l’adesione allo spazio di Schengen.

L’esordio della Presidenza ungherese è stato però oscurato dagli infuocati dibattiti su una legge vergognosa che intacca i valori fondamentali dell’Unione. Questa legge sembra scritta sotto l’influenza politica di Horthy o Kádár, di Antonescu o Ceauşescu; essa macchia la credibilità e il prestigio dell’Ungheria in quanto Stato membro dell’Unione europea e costituisce un’umiliazione per il popolo ungherese, universalmente ammirato per il suo attaccamento alla libertà. Questa legge è stata aspramente criticata dai due principali governi dell’Unione europea, quello tedesco e quello francese, che appartengono entrambi alla sua famiglia politica. L’hanno criticata pure alcuni colleghi del gruppo PPE, che non mi sembra rischino l’espulsione dal gruppo.

Non possiamo accettare che questa tendenza continui.

 
  
MPphoto
 

  Wim van de Camp (PPE) . – (NL) Signora Presidente, grazie al dibattito sulla legge ungherese sui medi, ora in Europa tutti sanno chi detiene in questo momento la Presidenza dell’Unione europea; in passato non sempre è stato così. Mi sembra uno sviluppo positivo il fatto che il Primo ministro abbia sottoposto la legge alla Commissione europea; attendiamo ora con fiducia il parere della Commissione.

Passiamo alle quattro priorità della Presidenza ungherese. Crescita e posti di lavoro. In primo luogo, gli oneri amministrativi che gravano sulle piccole e medie imprese; quale azione specifica intende avviare in proposito? L’agenda digitale: la Cina non starà ad aspettare che l’Europa annulli le distanze. La seconda priorità è un’Europa più forte. Attualmente in Europa abbiamo l’acqua alla gola, e non parlo dell’innalzamento del livello del mare, bensì del livello dei fiumi: il Reno, il Po e la Mosella. Le sarò grato se vorrà considerare con attenzione anche questo problema.

Ancora, un’Europa vicina ai cittadini: quali iniziative prenderemo su Schengen, la Romania e la Bulgaria, e l’adesione della Croazia?

Infine, signora Presidente, l’Ungheria ha imposto una imposta d’emergenza sulle imprese degli altri paesi. Questa imposta è incompatibile con il mercato interno; quando verrà abolita?

 
  
  

PRESIDENZA DELL’ON. BUZEK
Presidente

 
  
MPphoto
 

  László Tőkés (PPE) . – (HU) Signor Presidente, per quanto riguarda la legge sui media mi permetta di tracciare il seguente parallelo: nel 1956, la maggioranza dei partiti comunisti occidentali, insieme a un vasto numero di intellettuali della sinistra liberale occidentale, condannò i rivoluzionari ungheresi, difendendo contro di loro i bolscevichi sovietici. Mutatis mutandis, anche oggi sta accadendo qualcosa di simile. Molti dei nostri colleghi occidentali, socialisti e liberali, si schierano con un partito di ex comunisti e pseudoliberali contro la vera forza che ha promosso il cambiamento di regime, i seguaci dello scomparso József Antall, i combattenti per la libertà di Viktor Orbán. Ciò emerge chiaramente nel contesto della legge sui media. Onorevoli colleghi, evitiamo di confondere gli antichi paladini ed eredi del passato, gli ex comunisti, con una sinistra vera e credibile; le due cose non coincidono affatto. Ai suoi tempi, anche Albert Camus dovette riconoscere l’autentica natura dello stalinismo sovietico, e si schierò dalla parte della rivoluzione ungherese.

 
  
MPphoto
 

  Hannes Swoboda (S&D) . – (DE) Signor Presidente, primo ministro Orbán, concordo con lei su tre punti. Il primo è la questione della Croazia; noi adottiamo l’identico approccio e speriamo di riuscire a individuare una soluzione insieme al suo ministro degli Esteri. Il secondo concerne l’importanza dell’integrazione dei rom, e il terzo riguarda il significato europeo della rivoluzione ungherese.

Io sono austriaco, e sono nato nei pressi del confine con l’Ungheria. Allora mi rendevo conto di quel che stava avvenendo, anche se mi trovavo, evidentemente, dalla parte migliore della frontiera; fui incaricato di insegnare il tedesco a due compagni di classe. Conosco benissimo il significato della rivoluzione; ma si trattò di una rivoluzione contro la smania di potere, contro il monopolio del potere; era una rivoluzione che voleva portare la libertà, compresa la libertà di stampa.

Primo ministro Orbán, la prego, rifletta ancora e si chieda se questa legge rispetta veramente il significato, lo spirito e gli obiettivi della rivoluzione ungherese. Se la paragona a quegli obiettivi, riuscirà a redigere una legge migliore. La invito perciò ancora una volta a meditare la possibilità di redigere una legge migliore, conforme alla rivoluzione ungherese e allo spirito di quella rivoluzione.

(Applausi)

 
  
MPphoto
 

  Ivo Vajgl (ALDE) . – (SL) Signor Presidente, vorrei rivolgere qualche parola di incoraggiamento e sostegno alla Presidenza ungherese e all’Ungheria, paese che ha ottimi rapporti di vicinato con la Slovenia e con il quale abbiamo molte cose in comune. Vorrei inoltre sostenere le principali priorità della sua Presidenza come lei ce le ha esposte oggi, Primo ministro Orbán.

L’Ungheria può contribuire in misura notevole a consolidare ulteriormente la stabilità della regione in cui tutti viviamo, e in particolare a far sì che la regione intera aderisca a valori moderni e guardi al futuro.

Proprio per questo vorrei darle un suggerimento che lei forse non gradirà: a mio avviso sarebbe opportuno, da parte sua, lasciare che il trattato del Trianon resti relegato nel passato. Non lo usi come pretesto per molestare i vicini o riaprire vecchie ferite; ognuno deve imparare a convivere con la propria storia.

 
  
MPphoto
 

  Emilie Turunen (Verts/ALE) . – (DA) Signor Presidente, vorrei soffermarmi su una questione cui questa mattina la nostra Assemblea ha già dedicato grande attenzione: la legge ungherese sui media. Questo tema, Primo ministro Orbán, non riguarda l’Ungheria o la politica interna ungherese; stiamo parlando invece dei diritti fondamentali dell’Unione europea e della nostra credibilità agli occhi del resto del mondo. La libertà di stampa sarà a rischio in tutta l’Unione, se l’Ungheria istituisce un’autorità per i media di nomina politica che avrà il potere di infliggere multe pesantissime.

Primo ministro Orbán, io appartengo a una generazione di giovani europei che forse ha dato per scontata la libertà di stampa, ma oggi devo constatare che essa non è un dato acquisito. Sono lieta che lei abbia promesso di rivedere la legge, qualora essa contrasti con la legislazione e i trattati dell’Unione europea; sono convinta che, anche in questa fase, lei possa tornare in patria per compiere le modifiche in questione. È un suo dovere nei confronti di coloro che si sono battuti per i diritti fondamentali e la libertà di stampa; ed è un dovere che lei ha anche nei confronti della mia generazione, che non ha mai conosciuto realtà differenti. Sono convinta che il nostro dovere sia quello di costruire la democrazia in Europa, non di distruggerla.

 
  
MPphoto
 

  Othmar Karas (PPE) . – (DE) Signor Presidente, rafforzare l’Europa significa anche rafforzare la Commissione ed estendere la rete di sicurezza, sia dal punto di vista finanziario, sia da quello dei contenuti; significa rafforzare la democrazia europea, ossia l’Europa comunitaria. Il processo di rafforzamento dell’Europa comincia a casa; ci aiuti a europeizzare la politica interna e a scongiurare che l’Europa venga indebolita dal nazionalismo.

Se desideriamo rafforzare l’Europa, Primo ministro Orbán, dobbiamo irrobustire i nostri tratti comuni e ridurre i punti deboli. I nostri punti di forza comprendono lo stesso sistema giuridico, gli stessi valori, le stesse libertà, il metodo comunitario, il mercato interno con le quattro libertà e la moneta unica. I partiti sono unicamente uno strumento della democrazia e non il contrario. I nostri punti deboli sono invece il nazionalismo, l’egoismo, la polarizzazione e il protezionismo. Sfruttiamo questi sei mesi per rafforzare l’Europa e l’Europa comunitaria.

 
  
MPphoto
 

  Maroš Šefčovič, Vicepresidente della Commissione.(EN) Signor Presidente, desidero in primo luogo ringraziare il Primo ministro Orbán che ci ha presentato un programma assai ambizioso. Ringrazio anche gli onorevoli deputati per l’avvincente dibattito e per l’intenso scambio di vedute.

A mio avviso il dibattito democratico è il metodo migliore per trovare le soluzioni più adatte all’Europa. C’è però una condizione: gli interlocutori devono avere un obiettivo comune. A mio avviso abbiamo un obbiettivo siffatto, poiché la maggioranza di noi, in quest’Aula, auspica un’Europa più forte. Il motto scelto dalla Presidenza ungherese è quindi assai valido e opportuno. A nome della Commissione desidero perciò sottolineare che dobbiamo sostenere gli obiettivi della Presidenza ungherese.

Come è chiaramente emerso dal dibattito, questo semestre dovrà affrontare una serie di ardui compiti. Dobbiamo introdurre la governance economica, individuare soluzioni per la crisi del debito sovrano e applicare assai più rapidamente la strategia Europa 2020; per ricordare solo alcuni degli obiettivi in campo economico. Apprezziamo vivamente, in ogni caso, l’attenzione che la Presidenza ungherese intende dedicare alla ricerca di una soluzione migliore per l’integrazione dei rom e alla strategia per la regione del Danubio.

Vorrei soffermarmi sulla questione di un’integrazione più efficace dei rom nell’Unione europea. Come sapete, abbiamo avviato un vastissimo programma di sensibilizzazione e promozione del dialogo coordinato, negli Stati membri, sulle opportunità offerte dai fondi dell’Unione europea. Dopo l’Ungheria nel 2009 e la Romania nel 2010, quest’anno al centro del programma saranno Slovacchia e Bulgaria. Spero che, insieme a lei e alla Presidenza ungherese, ad aprile saremo in grado di presentare il nuovo quadro dell’Unione europea per le strategie nazionali di integrazione dei rom.

Vorrei soffermarmi sulle osservazioni dell’onorevole Cohn-Bendit, perché stimo importantissimo, in questo momento, dimostrare esplicitamente che l’Unione europea è schierata dalla parte della Tunisia e del suo popolo. In particolare, desidero rendere omaggio all’intrepida abnegazione di cui i tutti i tunisini hanno dato prova negli ultimi giorni. Sono certo che l’Unione sosterrà la volontà di pace e democrazia del popolo tunisino.

Il nuovo governo unitario dovrà veramente rappresentare le aspirazioni della società tunisina; dovrà condurre il paese in un processo di transizione pacifica e democratica e organizzare nuove elezioni. Assicuro al Parlamento che siamo pronti a fornire immediata assistenza per preparare e organizzare il processo elettorale e coadiuvare costantemente un’autentica transizione democratica. In caso di richiesta, siamo pronti anche a offrire alle autorità tunisine l’assistenza indispensabile in caso di necessità urgenti.

Per rispondere a chi chiede alla Commissione di agire immediatamente in merito alla legge sui media, informo gli onorevoli deputati che le nostre discussioni a livello politico e di esperti con le autorità ungheresi continuano intense. La Commissione questa settimana invierà una lettera di chiarimenti a Budapest per chiedere ulteriori spiegazioni. Ribadisco che stiamo agendo con rapidità estrema, considerata la complessità della questione. Devo poi ripetere quanto ha già osservato il Presidente Barroso: giudichiamo assai incoraggiante l’impegno politico del Primo ministro Orbán a correggere la legge, se necessario.

Nutriamo piena fiducia che l’Ungheria adotterà tutte le misure necessarie a garantire che l’applicazione della nuova legge sui media avvenga nel pieno rispetto dei valori europei in materia di libertà dei media e della pertinente legislazione dell’Unione europea, oltre che della Convenzione europea dei diritti dell’uomo. A tale proposito la Commissione agirà in piena conformità del proprio ruolo di custode dei trattati.

Concludo affermando la nostra piena fiducia nell’entusiastico impegno della Presidenza ungherese. Abbiamo constatato la serietà con cui le autorità ungheresi si sono preparate al loro compito, per svolgere con grande energia il lavoro della Presidenza in questo importante semestre. Insieme, ne siamo convinti, potremo portare avanti il progetto europeo; e sono certo che il Parlamento europeo sosterrà tale opera, svolgendo il suo ruolo in uno spirito di leale cooperazione. Nel corso di questo semestre sarà ovviamente necessario compiere progressi decisivi nelle nostre priorità principali.

Auguro ogni successo alla Presidenza per i prossimi sei mesi. Siamo ansiosi di lavorare insieme per il bene dell’Europa.

(Applausi)

 
  
MPphoto
 

  Viktor Orbán, Presidente in carica del Consiglio.(HU) Signor Presidente, in primo luogo desidero ringraziare i deputati che ci hanno onorato dei loro interventi nel corso del prezioso e stimolante dibattito odierno; un dibattito troppo denso di spunti per rispondere alle argomentazioni proposte in una breve replica di un minuto. Rispetterò il limite di tempo, ma non posso rinunciare a rispondere ad alcune domande.

Per prima cosa indosserò le vesti di Primo ministro ungherese. Permettetemi di esprimere sorpresa per la circostanza che un così gran numero di persone serie e rispettabili, come quanti sono intervenuti, abbiano commesso errori di fatto. Sarebbe inopportuno e imbarazzante, non solo per voi ma anche per me, se io dovessi fare l’elenco completo di tutti gli errori di fatto che gli intervenuti – a cominciare dall’onorevole Schulz – hanno commesso riferendosi alla legge ungherese sui media e alla democrazia nel nostro paese. Solo per dare un’dea chiara dell’entità dei vostri errori di fatto, permettetemi un unico esempio: la legge ungherese sui media non può punire l’informazione poco equilibrata, né infliggere per questo sanzioni pecuniarie. Quindi, contro che cosa protestate? E l’elenco potrebbe continuare a lungo. Esprimo quindi il mio rammarico nel vedervi così malamente ingannati e fuorviati; mi rendo conto ora che, nel corso di questa discussione, non potrò neppure sperare in un trattamento equo, e dovrò invece confidare che il Parlamento europeo sia in grado di formarsi un’opinione imparziale e obiettiva, che peraltro personalmente sarò lieto di accettare; proseguirò poi conformemente alla procedura stabilita.

Vi faccio presente, nondimeno, che giudico validissima l’osservazione formulata dall’onorevole Schulz: la Presidenza ungherese sarà giudicata non sulla base del programma presentato, ma su quella dei risultati ottenuti. Mi limito a suggerirvi di applicare lo stesso criterio alla legge ungherese sui media, che ora è in vigore da qualche settimana. Sarò lieto di inviarvi estratti in tedesco dei quotidiani ungheresi, e potrete constatare che gli infuocati discorsi dell’onorevole Cohn-Bendit sono solo un innocente cinguettare di bimbi, rispetto a ciò che viene pubblicando la stampa ungherese. Questo per quanto riguarda la correttezza dei dati di fatto.

D’altra parte, vorrei ricordare ai critici della legge sui media che ormai viviamo nel ventunesimo secolo. Come potete pensare che in Ungheria – o in qualsiasi altro paese europeo – sia possibile sopprimere la libertà di opinione nell’era di Internet? Nel corso della campagna elettorale in Ungheria, abbiamo vinto le elezioni in gran parte grazie a Internet e Facebook, che sono privi di controlli di sorta. Come potete pensare che, nel ventunesimo secolo, sia possibile limitare il libero flusso delle opinioni? Constato con sconcerto che vivete ancora, in larga misura, immersi nel passato.

Analogamente, vorrei mettere in rilievo un altro punto di qualche interesse: la legge sui media che voi criticate ha abrogato la legge sulla stampa adottata nel 1986, durante il regime comunista, la quale – fino all’entrata in vigore della nuova legge – consentiva di far chiudere un giornale semplicemente eliminandolo dal registro. Nel corso degli ultimi vent’anni nessuno si è mai lamentato di questa disposizione, che pure era estremamente antidemocratica. Suggerisco quindi di continuare questo dibattito nello spirito della ragione e di argomentazioni razionali.

Inoltre, onorevoli deputati, vorrei comunicarvi che, contrariamente all’opinione espressa da alcuni in questa sede, l’Ungheria si accinge a ricostruire lo Stato di diritto. Vi faccio notare – anche se questo tema, all’epoca, non è mai stato al centro dei vostri dibattiti – che negli anni passati i servizi segreti ungheresi sono stati utilizzati a scopi politici; su queste vicende sono in corso procedimenti giudiziari. In Ungheria, la polizia ha avuto l’ordine di usare la violenza contro pacifiche dimostrazioni di massa; su queste vicende sono in corso procedimenti penali. In Ungheria, l’informazione di interesse pubblico è stata falsificata; da questo deriva l’attuale condizione della nostra economia. Oggi in Ungheria lo Stato di diritto viene ripristinato, dopo una politica che lo stava smantellando ma che, per qualche motivo, non ha mai suscitato le vostre critiche. Seguendo il dibattito dedicato alla legge sui media, ho dovuto, purtroppo, concludere che le vostre obiezioni non riguardano tanto questa legge, quanto piuttosto il fatto che, con una manifestazione di solidarietà senza precedenti in Europa, il popolo ungherese ha concesso una maggioranza dei due terzi a una forza politica del paese. Si tratta, senza dubbio, di un fenomeno stimolante e interessante che, ne sono convinto, si potrà utilizzare a vantaggio di tutta Europa.

Dal momento che l’onorevole Lambsdorff ha formulato anch’egli un’osservazione di carattere personale, consentitemi di rispondere anche a lui. Onorevole Lambsdorff, le parlo da europeo a europeo, da ungherese a tedesco: la vostra legge sui media non è minimamente più democratica della corrispondente legge ungherese, e se lei contesta tale affermazione, lo faccia per favore in un dibattito obiettivo. E non accetterò che nessuno – tedesco o di altra nazionalità – metta in dubbio l’impegno democratico del popolo ungherese solo perché abbiamo vissuto per quarant’anni in un regime dittatoriale.

Naturalmente la legge sui media si può e si deve criticare – lo accetto come un dato naturale – ma non si può insultare una nazione. Affermo nettamente che mettere in dubbio l’impegno democratico del popolo ungherese e del governo ungherese significa insultare il popolo ungherese… (interruzioni, applausi). Permettetemi di ricordare l’affermazione che accusava l’Ungheria di avviarsi a diventare una dittatura; ero presente e l’ho sentito con le mie orecchie. Contro che cosa protestate? Ero presente e l’ho sentito con le mie orecchie! Mi avete minacciato, accusando l’Ungheria di avviarsi sulla strada della dittatura. Cosa sono queste parole se non un insulto al popolo ungherese? Io – devo dirlo chiaramente – sarò sempre pronto a levarmi in difesa della mia patria, l’Ungheria. Qui non si tratta di leggi sui media!

Passando ora ai problemi europei, indosserò, se me lo consentite, le mie altre vesti. Giudico assai importante il tema del mercato obbligazionario, cui ha fatto riferimento l’onorevole Verhofstadt, e aggiungo che la Presidenza ungherese ritiene necessaria e inevitabile, nel lungo periodo, la formazione di un mercato obbligazionario. Sosteniamo quindi le politiche europee che conducono in questa direzione l’Ungheria, gli Stati membri dell’UE che fanno parte dell’area dell’euro e l’intera Unione europea. Sottolineo comunque un particolare: dobbiamo convincere i nostri governi, i governi nazionali, che non devono utilizzare la formazione di un mercato obbligazionario europeo come pretesto per lesinare sulle riforme strutturali. Dobbiamo perciò dapprima intraprendere le necessarie riforme strutturali, e in seguito, a mio avviso, sarà possibile introdurre il mercato obbligazionario.

Per quanto riguarda il problema della Tunisia, sottolineo che siamo in costante consultazione con l’Alto rappresentante per la politica estera; sosteniamo tutte le spinte e i movimenti democratici anche al di fuori d’Europa, e insieme con l’Alto rappresentante lo dimostreremo in maniera adeguatamente decisa. Non dobbiamo però contrapporre tale questione alle tendenze globali di persecuzione dei cristiani; in realtà occorre affrontare entrambi i problemi.

Infine, onorevoli deputati, molti oratori hanno manifestato preoccupazione per il turbolento esordio della Presidenza ungherese, che potrebbe nuocere alla nostra Presidenza dell’Unione europea. Consentitemi di farvi notare che tutto questo dipende interamente da voi. Da parte nostra siamo pronti – e io personalmente sono pronto – a seguire e incoraggiare entrambi i fili conduttori di questo dibattito nel corso della Presidenza ungherese. Se quindi nel corso della nostra Presidenza riterrete opportuno discutere sia le politiche ungheresi che quelle comunitarie, dichiaro subito che siamo pronti ad affrontare tale dibattito, e che la situazione non ci imbarazza affatto. Ovviamente non ci entusiasma neppure; non ci entusiasma che le critiche rivolte all’Ungheria si mescolino alle questioni di politica europea, ma la cosa non ci sembra innaturale. Anche l’Europa è governata democraticamente, e noi partecipiamo a dibattiti democratici.

Non ho mai pensato che la Presidenza ungherese potesse assumere l’aspetto di una marcia trionfale, o di un concorso di bellezza in cui le modelle sfilano in passerella e il pubblico applaude. Non ho mai nutrito tale illusione! So benissimo che ci attendono ardue discussioni politiche. Vi sono preparato, qualunque sia il tema, e vi posso garantire che l’Ungheria e la Presidenza ungherese hanno forza sufficiente per condurre in porto la discussione sui temi ungheresi e su quelli europei con serietà ed energia adeguate; nessun attacco in materia di politica interna o affari ungheresi ci distoglierà dal perseguire priorità e programmi europei, e dal condurre al successo la Presidenza. Il mio obiettivo è quello di trasformare questo semestre, che si presenta come uno dei più difficili finora vissuti dall’Unione europea, in uno dei suoi più lusinghieri successi. Vi ringrazio per avermi onorato della vostra attenzione.

 
  
MPphoto
 

  Presidente . – Ai sensi del regolamento, gli interventi per fatto personale si possono effettuare alla fine della discussione. L’onorevole Schulz ha chiesto di poter intervenire in tal senso.

(Mormorii di dissenso)

Onorevoli colleghi, stiamo seguendo il regolamento che abbiamo adottato insieme.

 
  
MPphoto
 

  Martin Schulz (S&D) . – (DE) Signor Presidente, Primo ministro Orbán, lei mi ha chiamato in causa personalmente, e si è rivolto direttamente anche ad alcuni altri deputati di quest’Assemblea. Vorrei condividere con lei alcune riflessioni, che la potranno accompagnare nei prossimi sei mesi, relative ai commenti sul popolo ungherese e a lei stesso come rappresentante del popolo ungherese. L’onorevole Cohn-Bendit ha descritto nella sua biografia il rapporto che lo lega al popolo ungherese. Il mio gruppo annovera alcuni deputati al Parlamento europeo che sono stati rinchiusi nelle carceri comuniste; nel mio gruppo c’è anche un deputato, l’onorevole Martínez Martínez, che in Spagna ha subito torture per la sua opposizione al regime franchista. Abbiamo tutti un dovere – lei e tutti noi che sediamo in quest’Aula – cioè quello di difendere la democrazia, per esempio anche contro coloro che oggi stanno rumoreggiando.

Chi critica una legge non insulta certo il popolo ungherese. Di una cosa può essere sicuro: i deputati della sinistra di quest’Assemblea, e il mio gruppo in particolare, le garantiscono che valori come libertà, democrazia e giustizia sono i nostri valori comuni. Se riteniamo che una legge non rispetti tali valori, allora critichiamo la legge, ma ciò non significa affatto che stiamo criticando il popolo ungherese.

(Applausi)

Se facciamo tesoro di questa esperienza, primo ministro Orbán, riusciremo a ottenere un risultato che è indispensabile per noi e per lei. Non possiamo portare l’Europa al successo se la smembriamo. Il progetto europeo avrà successo solo se gli Stati membri, nella loro sovranità, e l’Unione, nella sua dimensione comunitaria, sapranno collaborare. Non contrapponga i due elementi. Nei prossimi sei mesi lei ricoprirà il ruolo di Presidente in carica del Consiglio; vogliamo che lei si unisca a noi nella difesa dei valori europei, non che contrapponga l’Ungheria all’Unione europea.

(Applausi)

 
  
MPphoto
 

  Presidente . – La ringrazio, onorevole Schulz. Signor Primo ministro, grazie per il suo intervento e la sua partecipazione. Onorevole Cohn-Bendit, desidera anche lei intervenire per fatto personale?

 
  
MPphoto
 

  Daniel Cohn-Bendit (Verts/ALE) . – (FR) Signor Presidente, onorevoli colleghi, nella storia vi sono momenti – posso dirvelo in qualsiasi lingua – in cui certi limiti non si possono proprio superare.

Primo ministro Orbán, lei è giustamente orgoglioso del popolo ungherese, ma la democrazia ci rivolge un monito, da Tocqueville a tutti i teorici della democrazia: “la verità non è sempre dalla parte della maggioranza”.

(Il Presidente interrompe l’oratore)

 
  
MPphoto
 

  Presidente . – Onorevole Cohn-Bendit, deve trattarsi di un intervento per fatto personale.

 
  
MPphoto
 

  Daniel Cohn-Bendit (Verts/ALE) . – (FR) Volete fare silenzio lassù? Quando il Primo ministro Orbán afferma in Aula …

(Rumori in Aula)

State mobilitando l’estrema destra? Fate bene.

Quando egli afferma in Aula che noi avremmo offeso il popolo ungherese, il suo è populismo nazionalistico; ossia vuole evitare di discutere il contenuto degli interventi, ma preferisce contrapporre gli interlocutori. Ciò è indegno dell’Unione europea, Primo ministro Orbán. Lei ci ha invitato a cena; ma ora ho perso l’appetito e non verrò a cena con lei. Il suo comportamento è stato indegno!

 
  
MPphoto
 

  Gerard Batten (EFD) . – (EN) Signor Presidente, prendo la parola ai sensi del medesimo articolo, qualunque sia, appena utilizzato dall’onorevole Cohn-Bendit. Vorrei qualche spiegazione, e lei è assai più esperto di me per quanto riguarda il regolamento. L’unico articolo che, a quanto mi risulta, riguarda gli interventi per fatto personale è il 151, il quale stabilisce che gli oratori devono limitarsi a respingere affermazioni fatte nel corso della discussione con riferimento alla loro persona. In base a quale articolo è stato concesso all’onorevole Schulz di intervenire? E in base a quale articolo è stato concesso all’onorevole Cohn-Bendit di intervenire in queste circostanze? I deputati al Parlamento europeo sono tutti uguali, o alcuni sono più uguali degli altri?

(Applausi)

 
  
MPphoto
 

  Presidente . – Onorevoli colleghi, il Primo ministro Orbán, in effetti, si è rivolto direttamente all’onorevole Schulz – sono questi i fatti – per lamentare una possibile offesa alla nazione ungherese. Sono state queste le sue parole.

I temi sollevati in Aula sono stati chiariti; manteniamo la dignità. La Presidenza ungherese ci ha offerto un’importante presentazione; abbiamo adottato il programma della Presidenza ungherese, lo abbiamo approvato e abbiamo ascoltato alcuni interventi assai concreti sulle iniziative che l’Ungheria si appresta a svolgere nel corso dei prossimi sei mesi. È stata una seduta estremamente importante per tutti noi; dimostriamo la nostra approvazione ancora una volta, e separiamoci con calma per attendere alle nostre rispettive occupazioni dopo il dibattito, poiché si è trattato di un dibattito di austera importanza. Ai sensi del regolamento, ho dato la parola ai colleghi che hanno chiesto di parlare per fatto personale. Ringrazio il Primo ministro Orbán per il suo discorso, per aver partecipato alla seduta e per aver presentato il programma della Presidenza ungherese.

Dichiarazioni scritte (articolo 149 del regolamento)

 
  
MPphoto
 
 

  Dominique Baudis (PPE), per iscritto.(FR) Per i prossimi sei mesi lei terrà la Presidenza del Consiglio, e numerose sfide la attendono. Lei ha indicato come massima priorità l’uscita dalla crisi. Sono convinto che, nel corso della sua Presidenza, istituzioni e Stati membri continueranno una proficua collaborazione. Abbiamo il dovere di rendere permanenti i meccanismi di solidarietà e stabilizzazione che hanno già dato buona prova.

Per realizzare i nostri obiettivi, dovremo dedicarci anche alla riforma del sistema finanziario internazionale. In Europa siamo stati i precursori della regolamentazione e della vigilanza dei mercati finanziari. La presidenza francese del G20 è un’opportunità che non dobbiamo lasciarci sfuggire; l’Europa unita deve dare l’esempio ai suoi partner stranieri.

La politica europea di vicinato è uno strumento essenziale della politica estera dell’Unione, che ci consente di mantenere relazioni stabili con i nostri vicini. Il partenariato orientale, che costituisce una delle nostre priorità, non va comunque promosso a spese del partenariato mediterraneo; l’Unione per il Mediterraneo, il cui impeto si va indebolendo, è altrettanto meritevole della nostra attenzione, e l’Europa continua a sostenerla con decisione. Quali iniziative intende prendere per rinvigorirla?

 
  
MPphoto
 
 

  Ivo Belet (PPE), per iscritto. – (NL) È un segno positivo il fatto che il Primo ministro ungherese si sia inequivocabilmente dichiarato disposto a rettificare la nuova legge sui media, se l’Unione europea dovesse richiederlo. La Commissione europea va ora posta in grado di operare in completa indipendenza; è l’unico modo per non lasciarsi invischiare nelle schermaglie tra partiti politici. Il pluralismo dei media e la libertà di stampa sono fondamentali valori europei; tutti gli Stati membri dell’Unione europea, non solo l’Ungheria, si sono formalmente impegnati a rispettarli. Tale principio è sancito dal trattato dell’Unione europea e il Consiglio d’Europa prevede in merito accordi formali. Confidiamo che il governo ungherese non lascerà spazio, in proposito, alla minima ambiguità.

 
  
MPphoto
 
 

  Vilija Blinkevičiūtė (S&D), per iscritto.(LT) Invio il mio saluto all’Ungheria, che ha appena iniziato la sua prima Presidenza dell’Unione europea. L’Ungheria, che prende il timone della Presidenza succedendo al Belgio, antico Stato membro, inizia questo compito in un momento alquanto burrascoso, poiché non tutti gli Stati membri stanno sperimentando una ripresa economica altrettanto positiva dalla crisi economica e finanziaria. Inoltre, per superare la crisi sarà necessario uno sforzo ancor più intenso, e quindi approvo le priorità indicate dall’Ungheria in materia di stabilizzazione economica europea, allargamento dell’Unione europea, energia e integrazione dei rom. Vorrei richiamare l’attenzione sulla necessità di rivedere urgentemente la direttiva sul congedo parentale, respinta dagli Stati membri, senza parlare poi delle incerte prospettive della direttiva antidiscriminazione, ancora bloccata in seno al Consiglio. Si tratta di leggi assai importanti per i cittadini europei, il cui futuro è quindi necessario decidere al più presto. Ancora, esorto il paese che detiene la Presidenza a prestare maggiore attenzione alla modernizzazione dell’istruzione superiore, che ha ripercussioni sull’occupazione giovanile. Mi rallegro che l’Ungheria abbia inserito la lotta alla povertà infantile tra le priorità del suo programma, ma esorto il paese che detiene la Presidenza ad adottare misure concrete in questo settore, e a cooperare con la Commissione europea per avviare una strategia o un intervento legislativo sulla povertà infantile. Auguro quindi all’Ungheria, per i sei mesi della Presidenza, un successo che comporti il miglioramento della situazione dei cittadini europei e ne tuteli diritti e libertà.

 
  
MPphoto
 
 

  Proinsias De Rossa (S&D), per iscritto.(EN) La legge sui media adottata dal parlamento ungherese contrasta palesemente con l’articolo 11 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, che garantisce la libertà di espressione e la libertà di ricevere o di comunicare informazioni. L’organismo di vigilanza istituito da questa legge ungherese ha il compito di garantire che l’informazione giornalistica sia “equilibrata”; ciò potrebbe gravemente ostacolare la libertà di stampa e aprire la strada a sentenze arbitrarie. Inoltre, l’organismo di vigilanza è composto da membri eletti dell’unico partito al governo. Tale composizione non assicura certo l’obiettività delle decisioni dell’organismo, né la sua indipendenza, come autorità, dal governo ungherese. Esorto la Commissione europea a effettuare immediatamente un esame giuridico della legge in questione e, se necessario, ad agire per far sì che l’Ungheria modifichi la legge, conformandola ai valori fondamentali su cui si basa l’Unione europea.

 
  
MPphoto
 
 

  Ilda Figueiredo (GUE/NGL), per iscritto.(PT) Purtroppo, il Primo ministro Orbán ha avviato questo dibattito nel peggior modo possibile: ha iniziato il suo intervento con una filippica anticomunista, ha cercato di distogliere l’attenzione dalle sue gravi responsabilità per il peggioramento della situazione economica ungherese e per lo spaventoso aumento della disoccupazione e della povertà che attualmente colpisce il paese; d’altra parte, si è ben guardato dall’ammettere le violazioni della democrazia, della libertà di espressione, dei diritti sindacali e degli altri diritti sociali e del lavoro, insieme alle violazioni della libertà di stampa e dei diritti umani fondamentali.

Osserviamo con grande preoccupazione l’attuale evoluzione dell’Unione europea. La Presidenza ungherese non ha offerto alcuna risposta credibile a questi problemi, che affliggono anche altri paesi dell’Unione. Al contrario, il Presidente Orbán ha riaffermato posizioni autoritarie, insistendo sulla liberalizzazione dei mercati finanziari e sulle riforme strutturali necessarie per realizzare pienamente gli obiettivi del capitalismo al cui servizio opera la stessa Unione europea.

 
  
MPphoto
 
 

  Lidia Joanna Geringer de Oedenberg (S&D), per iscritto.(PL) Nel 2011 lavoreremo a molti temi importanti, tra cui la direttiva sui diritti dei consumatori, la legislazione nel settore dei servizi finanziari e della proprietà intellettuale e i preparativi per la futura prospettiva finanziaria 2014-2020. Alla luce di tale situazione, mi auguro che la Presidenza ungherese e quella polacca, che la seguirà immediatamente, contribuiscano alla realizzazione di questi progetti specifici, trasformando la nostra antica amicizia in una proficua cooperazione nel quadro dell’Unione europea.

Malauguratamente, l’esordio della Presidenza ungherese è stato pesantemente guastato e oscurato dalla controversa legge sui media recentemente adottata nel paese. Dopo la lettera inviata a Bruxelles da una folta schiera di intellettuali europei, le istituzioni europee non potevano ignorare la questione. In base alle informazioni attualmente disponibili, sembra che alcuni articoli della legge ungherese – per esempio quelli riguardanti le procedure di nomina e scioglimento dell’Autorità nazionale sui media e le telecomunicazioni, ma anche quelli concernenti la sfera di competenze dell’organismo – siano tali da sollevare dubbi sull’indipendenza dei media del paese.

L’energica reazione del mio gruppo politico, il gruppo dell’Alleanza progressista dei socialisti e democratici al Parlamento europeo, non va peraltro intesa come una critica diretta alla nazione ungherese, bensì allo Stato che detiene la Presidenza dell’Unione europea. Il problema è urgente; è interesse dell’Ungheria e dell’intera Unione europea risolverlo senza indugio, per concentrarci immediatamente sui gravi e urgenti problemi con cui tutta l’Unione deve confrontarsi.

 
  
MPphoto
 
 

  Robert Goebbels (S&D), per iscritto.(FR) Il Primo ministro Orbán si proclama democratico; un democratico degno di rispetto deve accettare le critiche dirette al suo operato politico. Quando il Primo ministro ungherese interpreta qualsiasi critica alla sua politica come un attacco al popolo ungherese, commette un grave errore. Questo tentativo, pregno di nazionalismo, di sequestrare il dibattito, dimostra che le sue credenziali di democratico sono sospette.

 
  
MPphoto
 
 

  Kinga Göncz (S&D), per iscritto.(HU) Non si può negare che l’esordio della Presidenza ungherese sia stato turbolento. Mi auguravo che un convincente intervento introduttivo del Primo ministro ungherese a Strasburgo servisse a dissipare i timori; devo constatare con rammarico che non è stato affatto così. Il Primo ministro Orbán non si è presentato ai gruppi del nostro Parlamento come un leader politico europeo intenzionato a coagulare il consenso e a cercare un compromesso, bensì come un “combattente”, che riecheggiando motivi di nazionalismo populista si è vantato di “proteggere il popolo ungherese” da “attacchi”. In realtà, i deputati al Parlamento europeo non hanno insultato né il popolo né il Parlamento ungheresi; molte voci di aspra critica si sono invece levate contro le inquietanti misure adottate da Fidesz, tra le quali la legge sui media. Sono stati per lo più gli oratori euroscettici e di estrema destra a ricorrere a toni offensivi, scagliandosi, in una significativa alleanza, contro coloro che hanno criticato il governo ungherese. Noto con rammarico che gli attacchi sferrati dal governo in materia di Stato di diritto possono mettere a repentaglio l’attuazione del programma della Presidenza ungherese. Il corso che prenderanno gli eventi dopo un esordio così tempestoso non dipenderà – contrariamente al monito del Primo ministro Orbán – dal Parlamento europeo, bensì dalla volontà e dalla capacità di Fidesz e del suo leader di elaborare una politica rispettosa dei valori europei sia all’interno che sulla scena europea. In realtà il Primo ministro non può alternare due vesti – quella casalinga di capo del governo, e quella da indossare in Europa, come Presidente in carica del Consiglio – ma deve averne una sola: quella del politico che tiene costantemente presenti i principi e i valori da noi condivisi, ovunque si trovi.

 
  
MPphoto
 
 

  Zita Gurmai (S&D), per iscritto.(EN) Sono orgogliosa che il mio paese detenga attualmente la Presidenza del Consiglio. Il punto su cui vorrei soffermarmi non è lo scarso impegno democratico del governo Orbán, ma invece la totale assenza delle tematiche di genere dalle priorità della Presidenza.

C’è un solo riferimento degno di nota al problema; in un momento in cui le donne europee sono minacciate dai contraccolpi di una crisi economica devastante, la disoccupazione femminile cresce a ritmi vertiginosi e i governi conservatori tagliano i servizi sociali introducendo sistemi fiscali svantaggiosi, non è davvero molto. L’inclusione sociale, le sfide demografiche, eccetera: tutti argomenti importanti, ma le donne hanno bisogno di una valutazione separata perché hanno esigenze e problemi diversi da quelli degli uomini, nel mercato del lavoro, per quanto riguarda i sistemi pensionistici, sanitari e fiscali, e così via.

Chiedo all’Ungheria di non aver paura di usare l’influenza della Presidenza del Consiglio a rotazione a favore delle donne. Occorre far sì che il Consiglio adotti la direttiva sul congedo parentale così come il Parlamento l’ha votata; promuovere i diritti connessi alla salute sessuale e riproduttiva (a cominciare naturalmente dall’Ungheria); lavorare a un’attuazione della strategia Europa 2020 che tenga conto delle tematiche di genere; e svolgere opera di lobby per un bilancio dell’Unione europea sensibile alle tematiche di genere.

 
  
MPphoto
 
 

  Ivailo Kalfin (S&D), per iscritto. (BG) Mi congratulo con il Primo ministro Orbán per l’inizio della Presidenza ungherese dell’Unione europea. Le auguriamo tutti il miglior successo per la Presidenza; è comprensibile che tale desiderio sia particolarmente acuto nei nuovi Stati membri. Una delle priorità dichiarate della Presidenza ungherese è l’allargamento dello spazio di Schengen; questo tema riveste eccezionale importanza per i socialisti bulgari e per tutti i cittadini bulgari. Sin dal giorno dell’adesione all’Unione europea, il 1° gennaio 2007, le autorità bulgare si sono battute per rendere la Bulgaria affidabile come frontiera esterna dell’Unione europea; ora, all’inizio del 2011, tale missione è stata assolta quasi completamente. Mi attendo che la Presidenza ungherese faccia approvare una risoluzione del Consiglio europeo a favore dell’ingresso di Bulgaria e Romania nello spazio di Schengen entro la metà del 2011. Quando gli ultimi requisiti tecnici ancora in gioco saranno stati soddisfatti – cosa che avverrà nel giro di qualche settimana – il Consiglio europeo dovrà decidere di ammettere Bulgaria e Romania nello spazio di Schengen senza imporre ulteriori condizioni politiche.

 
  
MPphoto
 
 

  Tunne Kelam (PPE), per iscritto.(EN) Esorto la Presidenza ungherese a esaminare i problemi della libertà di circolazione nel settore dell’istruzione e del mercato del lavoro. Oggi il riconoscimento reciproco delle qualifiche ottenute negli istituti d’istruzione dei diversi Stati membri, così come delle esperienze maturate nei differenti mercati del lavoro, deve scontrarsi con numerosi ostacoli.

La situazione attuale: mentre la Commissione sta valutando i progressi nel campo dell’istruzione, invito la Presidenza ungherese ad assicurarsi che il problema venga affrontato seriamente anche in sede di Consiglio. Occorre convincere gli Stati membri ad accettare procedure semplificate per il riconoscimento dei titoli di studio, indipendentemente dal paese in cui sono stati ottenuti.

Mi rallegro per la volontà della Presidenza ungherese di stimolare la formazione di un sistema integrato di gasdotti europei che ponga fine all’isolamento di alcuni Stati membri, tra cui l’Estonia, la Lettonia e la Lituania.

Vorrei ricordare alla nuova Presidenza che il Parlamento europeo ha adottato due importanti documenti sulla sicurezza e la solidarietà energetica, che ora il Consiglio dovrà applicare. Spero che il Consiglio europeo di febbraio si accordi su una nuova strategia energetica europea, in cui dovrebbe rientrare anche un piano per la rete di connessioni energetiche del Mar Baltico.

 
  
MPphoto
 
 

  Krzysztof Lisek (PPE), per iscritto.(PL) sostengo senza riserve le priorità della Presidenza ungherese per il loro carattere europeo, che riflette gli interessi dell’intera Unione. Rappresento il paese che subentrerà nella Presidenza all’Ungheria, e vorrei dichiarare esplicitamente che siamo pronti a cooperare strettamente con la Presidenza ungherese. Una cooperazione valida agevolerà fluidi avvicendamenti della Presidenza nell’ambito del trio polacco-cipriota-danese.

Sono particolarmente lieto che l’Ungheria abbia dichiarato il proprio impegno a favore dello sviluppo del partenariato orientale e della politica europea di vicinato. Analogamente, esprimo la mia soddisfazione nel constatare che l’allargamento dell’Unione costituisce una delle priorità della Presidenza ungherese. Il fatto che Ungheria e Polonia sostengano posizioni tanto simili in materia di allargamento dell’Unione europea dovrebbe rappresentare un elemento di continuità, nel corso della Presidenza polacca, per quanto riguarda questo problema. Mi auguro che il Vertice del partenariato orientale previsto per maggio non si limiti a riassumere l’attuazione di queste iniziative nei due anni di esistenza del partenariato, ma produca risultati tangibili nei settori del commercio, dell’energia e dell’esenzione dal visto.

Analogamente alla Presidenza ungherese, anche la Polonia stima necessario elaborare un approccio comune in tema di libertà e giustizia, rendendo più rigorosa la protezione dei dati personali e promuovendo i diritti civili e i valori comuni in tutta l’Unione europea. Tra le priorità figura l’uso sostenibile delle risorse: questo tema si riallaccia agli obiettivi delle precedenti Presidenze spagnola e belga, e riflette altresì l’esteso impegno della Commissione in questo settore. È essenziale che le misure previste tengano conto della diversità di condizioni e potenziali che si registra negli Stati membri.

 
  
MPphoto
 
 

  Petru Constantin Luhan (PPE), per iscritto.(RO) Mi congratulo con l’Ungheria per il suo programma che privilegia la crescita economica e la posizione dell’Europa a livello globale. Uno dei temi principali che figurano nel programma della Presidenza riguarda l’allargamento dello spazio di Schengen, con l’ammissione di Romania e Bulgaria. L’adesione allo spazio di Schengen è un impegno che la Romania si è assunta con pieno senso di responsabilità. Abbiamo compiuto un notevole sforzo per rendere sicura la frontiera esterna dell’Unione europea e – come confermano le relazioni sull’adesione del mio paese allo spazio di Schengen – la Romania è pronta ad applicare l’acquis di Schengen; essa va quindi valutata in maniera equa, seguendo gli stessi criteri utilizzati per gli Stati ammessi nello spazio di Schengen prima di noi. Su questo punto confido nel sostegno della Presidenza ungherese.

 
  
MPphoto
 
 

  Marian-Jean Marinescu (PPE), per iscritto.(RO) La ringrazio per essersi dichiarato favorevole all’allargamento dello spazio di Schengen a Bulgaria e Romania. Le sue osservazioni sui notevolissimi sforzi compiuti sono esatte; la Romania ha dato prova di grande impegno, sia in termini finanziari che dal punto di vista umano. I sistemi messi a punto con l’ausilio del gruppo franco-tedesco EADS sono i più avanzati dell’intera Unione europea. Sono fermamente convinto, per esempio, che la frontiera marittima della Romania sia protetta assai meglio delle frontiere analoghe di altri Stati membri dello spazio di Schengen.

Tutte le relazioni di valutazione sulla Romania sono positive; il paese ha soddisfatto tutti i requisiti dell’acquis di Schengen. È normale attendersi una risposta conforme alle normative dell’Unione, e in questo processo è necessario il sostegno della Presidenza ungherese.

Un altro punto importante del programma della Presidenza riguarda la promozione della strategia per la regione del Danubio. Questa strategia è un progetto comune all’interno del quale tutti i partner devono rispettare gli impegni assunti per garantirne il funzionamento e riuscire a realizzare gli obiettivi previsti. Occorre varare un programma per l’applicazione delle priorità strategiche che non implichi incrementi delle assegnazioni di fondi dalle linee di bilancio. Le risorse stanziate si devono integrare sia con il contributo degli Stati interessati, sia con la possibilità di ridistribuire fondi inutilizzati provenienti da altri segmenti.

 
  
MPphoto
 
 

  Cristian Dan Preda (PPE), per iscritto.(RO) Mi compiaccio che la Presidenza ungherese del Consiglio dell’Unione europea abbia inserito nel suo programma semestrale il sostegno all’ingresso di Romania e Bulgaria nello spazio di Schengen, in quanto concreto risultato di integrazione europea per i cittadini dell’Unione. Secondo il documento presentato dal Primo ministro Orbán, la Presidenza ungherese afferma: “desideriamo ammettere questi due Stati membri nello spazio di Schengen non appena essi avranno soddisfatto tutte le condizioni necessarie”. Tale dichiarazione giunge nel momento in cui le discussioni sull’ingresso nello spazio di Schengen dei due paesi – che hanno aderito all’Unione europea nel 2007 – sembra spostarsi dal piano strettamente tecnico a quello politico. Si parla di rinviare tale ingresso, benché i requisiti tecnici siano stati pienamente soddisfatti; per tale motivo, giudico necessario compiere uno sforzo per ricostruire un clima di fiducia. Il dialogo rimane quindi uno strumento indispensabile, in assenza del quale i cittadini europei della Bulgaria e della Romania continueranno a sentirsi esclusi e discriminati. Vogliamo veramente creare cittadini di seconda classe?

 
  
MPphoto
 
 

  Joanna Senyszyn (S&D), per iscritto.(PL) Lo sport è una delle priorità della Presidenza ungherese: ecco una notizia molto importante per il mondo dello sport e, soprattutto, per i milioni di europei che praticano sport e attività fisiche ricreative a livello di base. Nonostante il nuovo quadro giuridico, si sono registrati scarsi progressi verso il miglioramento delle condizioni di finanziamento per le iniziative sportive in Europa. Lo sport amatoriale viene trascurato nel dibattito pubblico e nella ricerca sociale, e il suo ruolo di prevenzione delle malattie e miglioramento delle condizioni e della qualità della vita dei cittadini europei è sottovalutato. Un regolare esercizio fisico è benefico da quattro punti di vista: vi sono benefici per la salute, benefici sociali, benefici economici e benefici politici. Lo sport amatoriale consente di realizzare numerosi obiettivi politici, tra cui la promozione della salute e della cultura, l’integrazione sociale, la lotta alla discriminazione, la riduzione della criminalità e la lotta alla tossicodipendenza. Lo sport contribuisce anche ridurre i costi dell’assistenza sanitaria.

Richiamo perciò l’attenzione della Presidenza ungherese sulla dichiarazione scritta del Parlamento europeo 0062/2010 su un maggiore sostegno dell’Unione europea a favore degli sport di base, di cui sono coautrice. Tale dichiarazione testimonia del nostro impegno a favore dello sport e del miglioramento della qualità della vita dei cittadini europei. In essa, invitiamo a dedicare la necessaria attenzione agli sport di base nella prossima comunicazione sullo sport e a garantire un finanziamento sufficiente del programma dell’Unione europea per lo sport. Un maggiore sostegno comunitario allo sport amatoriale incoraggerà altresì milioni di cittadini europei a condurre uno stile di vita più sano.

 
  
MPphoto
 
 

  Czesław Adam Siekierski (PPE), per iscritto.(PL) Il motto centrale della Presidenza nel suo complesso è “Un’Europa forte”. La crisi, e le decisioni prese finora a livello di Stati membri, hanno dimostrato che per superare le sfide che oggi ci attendono occorre più Europa, non meno Europa. Combattere la crisi, risolvere il problema del debito pubblico degli Stati membri e dare continuità alle misure miranti a garantire la stabilità dell’area dell’euro e rafforzare la governance economica: ecco le priorità che si impongono. La Presidenza ungherese conta sul “tocco umano”, e soprattutto sulla crescita dei livelli di occupazione. L’Europa vuol raggiungere la crescita sostenibile, che si può ottenere con gli strumenti della creazione di posti di lavoro e dell’inclusione sociale. Pensando alla necessità di migliorare la sicurezza degli approvvigionamenti di gas, dovremmo muoverci al più presto verso la creazione di una politica energetica comune. È quindi da apprezzare l’aspetto regionale che è dato scorgere nel programma di attività. Rientrano in questo quadro, tra l’altro, la strategia per la regione del Danubio, la strategia sui rom e i temi relativi al partenariato orientale. Vi sono poi i progetti per l’allargamento dello spazio di Schengen con l’inclusione di Romania e Bulgaria; si tratta di una questione di vitale importanza, poiché tutti gli Stati membri dovrebbero godere dei medesimi diritti. Si discute della possibile conclusione dei negoziati per l’adesione della Croazia durante la Presidenza ungherese. Una politica di allargamento responsabile deve recare stabilità, pace e coesione al continente europeo. Il lavoro intrapreso dalla Presidenza belga ha avuto come punto di riferimento l’Europa, nel senso più pieno del termine. Ciò non significa che l’approccio nazionale – che probabilmente verrà scelto dall’Ungheria – non possa armonizzarsi o debba addirittura contrastare con l’approccio comunitario.

 
  
MPphoto
 
 

  Csaba Sógor (PPE), per iscritto.(HU) A proposito della Presidenza ungherese, molti hanno criticato il tappeto che è stato usato come immagine della Presidenza, specialmente nella parte che raffigura una mappa degli eventi del 1848. La mappa riproduce gli eventi del 1848, e tra l’altro vuol simboleggiare il fatto che, già nel 1848, l’Ungheria si batteva per la libertà dei popoli europei (compresa la libertà di stampa). Come ungherese originario della Transilvania, oggi io sono cittadino romeno, e da cittadino di questo paese vorrei formulare alcuni commenti sul processo di allargamento dello spazio di Schengen. I dodici Stati membri più recenti hanno partecipato alla costruzione di un’Europa comune nella speranza di guadagnare gli stessi diritti e doveri degli Stati membri più antichi. Anche la Romania era convinta – dopo aver soddisfatto i criteri tecnici relativi – di poter entrare a far parte dello spazio di Schengen, che è un’area priva di confini interni, alla data prevista. Ora però corre voce che alcuni Stati membri intendano imporre ulteriori condizioni alla Romania, in aggiunta ai criteri già previsti. Chiedo alla Presidenza ungherese di fare ogni sforzo per garantire il rispetto delle norme comuni, e di ricordare a coloro che esprimono disaccordo le incalcolabili conseguenze negative di una tale decisione, poiché conservare la credibilità dell’Unione europea è nell’interesse di noi tutti, di tutti i 27 governi. Infine, una riflessione finale sul tappeto: il tappeto è un oggetto utile che ci rende un servizio, utile anche per pulirsi i piedi. Ciò significa che il motto della Presidenza ungherese, “Un’Europa forte”, rappresenta un servizio. Noi, le minoranze della Romania, della Slovacchia e dell’Europa, saremo partner in questo servizio.

 
  
MPphoto
 
 

  Michèle Striffler (PPE), per iscritto.(FR) La Presidenza ungherese giunge in un momento cruciale per l’Europa, mentre alcuni Stati membri sono ancora alle prese con una grave crisi economica e sociale. La stabilità dell’euro deve costituire una delle priorità della Presidenza ungherese, e non dubito che il Consiglio farà ogni sforzo per combattere la speculazione monetaria e compirà notevoli progressi nella governance economica europea.

In secondo luogo, mi auguro che la Presidenza ungherese si impegni al massimo per definire – insieme alle altre istituzioni europee – un’autentica strategia europea per l’inclusione dei rom. L’applicazione di una strategia di tal genere mi sta particolarmente a cuore, e mi auguro che la Presidenza ungherese affronti il problema.

Esprimo infine solidarietà al governo ungherese per la controversia che ha infiammato i primi giorni della sua Presidenza, e in particolare per la legge sui media. Nessuno dubita che l’Ungheria sia una democrazia, e il Primo ministro Orbán si è dichiarato pronto a modificare la legge, se la Commissione dovesse registrare qualsiasi incompatibilità con il diritto europeo. Invito tutti a comportarsi in maniera responsabile e a porre fine a questa inutile polemica.

 
  
MPphoto
 
 

  Nuno Teixeira (PPE), per iscritto.(PT) Mentre l’Ungheria assume la Presidenza dell’Unione europea, la crisi economica e finanziaria non accenna a placarsi. I temi fondamentali del programma dell’ultimo paese del trio di Presidenze, di cui hanno fatto parte anche Spagna e Belgio, sono la ripresa economica, l’integrazione dei rom, una strategia energetica, il processo di allargamento e il coinvolgimento dell’opinione pubblica nel progetto europeo. Dal punto di vista della ripresa economica, il programma giudica essenziali l’istituzionalizzazione del meccanismo di stabilizzazione finanziaria nonché il semestre europeo. A mio avviso il rafforzamento della cooperazione e del coordinamento a livello economico è uno strumento importantissimo per promuovere la competitività e l’innovazione europee, e quindi per prevenire e/o prevedere le crisi future. Sarà adottata la nuova strategia per i trasporti 2011-2020, insieme alle modifiche alla direttiva sulla rete dei trasporti che si renderanno necessarie per garantire il mercato interno e la coesione sociale, economica e territoriale. Si discuteranno anche altri argomenti, come il trasporto su strada, la navigazione sui fiumi dell’Unione europea e l’applicazione del sistema Galileo. Ancora una volta, la politica regionale appare il perno dell’intera strategia ungherese, in grado di fornire risposte integrate alla crisi economica e agli squilibri regionali. La distribuzione del quadro finanziario pluriennale per il periodo successivo al 2014 sembra essere, per la Presidenza ungherese, il tema centrale del dibattito.

 
  
MPphoto
 
 

  Silvia-Adriana Ţicău (S&D), per iscritto. (RO) La Presidenza ungherese del Consiglio dell’Unione europea si è posta come obiettivo di fondo il rafforzamento degli aspetti istituzionali, economici, sociali e politici dell’Unione europea. La Presidenza ungherese del Consiglio si è impegnata pure ad adottare e applicare la strategia dell’Unione per la regione del Danubio; quest’elemento sarà particolarmente importante per tutti gli Stati che si affacciano sul Danubio e contribuirà a consolidare il processo di integrazione europea nella regione dei Balcani occidentali.

Attendiamo con interesse la pubblicazione del “Libro bianco sulla politica europea dei trasporti per il 2011-2020”, un settore fondamentale per lo sviluppo economico e la coesione sociale ed economica dell’Unione.

Dal momento che sono già iniziati i dibattiti sulla futura prospettiva finanziaria, invitiamo la Presidenza ungherese ad affrettare le discussioni in sede di Consiglio relative a tale documento, in modo che il processo di revisione delle reti di trasporto transeuropee possa tenere conto del risultato di tali discussioni.

Dato che, tra gli abitanti dell’Unione europea, una persona su sei è esposta al rischio di povertà, invitiamo il Consiglio ad annoverare la riduzione della povertà tra le priorità principali, adottando in tal senso misure specifiche.

Apprezzo pure l’intenzione della Presidenza ungherese di elaborare un accordo politico sull’istituzione di un quadro europeo per l’integrazione dei rom, nonché l’intenzione della Presidenza di attuare la strategia europea sulla disabilità.

 
  
MPphoto
 
 

  Rafał Trzaskowski (PPE), per iscritto.(PL) Un’Europa forte, l’istituzione di un’efficace governance economica nell’Unione europea, il riavvicinamento con i paesi limitrofi all’Unione: sosteniamo la Presidenza ungherese nel suo lavoro in vista di tali priorità. Per noi, è altrettanto importante che la Presidenza ungherese intenda collaborare da vicino con il Parlamento europeo. Vorrei mettere in luce anche un altro punto, da deputato che si occupa di questioni istituzionali e insieme da rappresentante del paese che prenderà il timone dell’Unione europea avvicendandosi all’Ungheria. La Presidenza ungherese è estremamente importante, non solo per le sue priorità, che coincidono con quelle della Polonia, ma anche perché è ancora una Presidenza di transizione. Il trattato di Lisbona ha indebolito il ruolo della Presidenza, ma tale ruolo non è stato ancora pienamente delineato; questa è l’ultima occasione per farlo. La gamma di strumenti di cui in seguito potranno disporre i polacchi dipenderà dal posto che la Presidenza ungherese riuscirà a ritagliarsi in quel rompicapo istituzionale che è l’Unione europea. Per questa ragione, seguirò con interesse ancor più vivo il lavoro di questa Presidenza.

 
  
MPphoto
 
 

  Angelika Werthmann (NI), per iscritto.(DE) L’Ungheria prende il posto del Belgio alla Presidenza del Consiglio. Questi due Stati membri non potrebbero essere più differenti: l’uno è la sintesi del tradizionale Stato europeo, l’altro è un paese che sta cercando ancora di trovare un posto in Europa. Mi auguro che la Presidenza ungherese segua la rotta tracciata dal Belgio, fermamente indirizzata verso gli interessi generali dell’Europa. La Presidenza ungherese ha presentato un’articolata ed esauriente lista di priorità; come mezzo per avvicinare l’Europa ai cittadini, l’Ungheria si è prefissa l’obiettivo di dare attuazione alla Carta dei diritti fondamentali. Circostanza interessante, se si considera che attualmente l’Ungheria è sotto il fuoco delle critiche internazionali per la sua nuova legge sui media, che contrasta palesemente con l’articolo 11 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea. Come membro a pieno titolo della Commissione per i bilanci, sono particolarmente interessata agli sviluppi che riguardano l’irrigidimento della vigilanza finanziaria e il meccanismo permanente di gestione delle crisi. Il Belgio ha dato il buon esempio, dedicando un’attenzione particolare ai temi sociali; speriamo che l’Ungheria ne segua le tracce.

 
  
  

PRESIDENZA DELL’ON. WALLIS
Vicepresidente

 

6. Turno di votazioni
Video degli interventi
MPphoto
 

  Presidente. – L’ordine del giorno reca le votazioni.

(Per i risultati e ulteriori dettagli sulla votazione: vedasi processo verbale)

 

6.1. Diritti dei pazienti relativi all'assistenza sanitaria transfrontaliera (A7-0307/2010, Françoise Grossetête) (votazione)

6.2. Accordi volontari di partenariato FLEGT (votazione)

6.3. Accordo UE-Camerun sulle normative nel settore forestale (A7-0371/2010, Yannick Jadot) (votazione)

6.4. Accordo UE-Repubblica del Congo sulle normative nel settore forestale (A7-0370/2010, Yannick Jadot) (votazione)

6.5. Accordo di partenariato interinale tra la CE e gli Stati del Pacifico (votazione)

6.6. Accordo di partenariato interinale CE/Stati del Pacifico (A7-0365/2010, David Martin) (votazione)

6.7. Adozione internazionale nell'Unione europea (votazione)

6.8. Accordo di stabilizzazione e di associazione tra la CE e la Serbia (B7-0021/2011) (votazione)
  

Prima della votazione sull’emendamento n. 4:

 
  
MPphoto
 

  Ulrike Lunacek (Verts/ALE).(EN) Signora Presidente, vorrei presentare un emendamento orale a questo emendamento n. 4, a nome mio e dell’onorevole Brantner, cassando l’ultima parte. La dicitura sarebbe: “Invita la Serbia ad avviare un dialogo con il Kosovo astenendosi da ulteriori riferimenti a nuovi negoziati sullo status di quest’ultimo”.

Spero di poter contare sul vostro sostegno in merito.

 
  
MPphoto
 

  Bernd Posselt (PPE).(DE) Signora Presidente, in questo contesto vorrei segnalare che voteremo a favore di questo punto.

 
  
 

(L’emendamento orale è accolto)

Prima della votazione sull’emendamento n. 8:

 
  
MPphoto
 

  Jelko Kacin (ALDE).(EN) Signora Presidente, data l’importanza dei diritti umani, vorrei che si tenesse una votazione per appello nominale sull’emendamento n. 8, che riguarda la decisione sorprendente e infausta del governo serbo di non partecipare alla cerimonia di consegna del Premio Nobel per la pace a Oslo. Al tempo stesso, l’emendamento elogia la decisione del mediatore serbo di presenziare alla cerimonia in rappresentanza del popolo serbo. Il messaggio è rivolto alla Serbia e a tutti i paesi candidati futuri: sui diritti umani non si accettano negoziazioni.

Al fine di ottenere un più ampio sostegno a questo emendamento, vorrei anche sottoporre un emendamento orale brevissimo – principalmente di compromesso – preparato in origine dall’onorevole Koppa. Vorrei aggiungere il termine “iniziale” tra “la decisione” e “del governo”, in modo che la dicitura sia “deplora la decisione iniziale del governo di non partecipare alla cerimonia di consegna del Premio Nobel per la pace a Oslo, il 10 dicembre, pur elogiando l’iniziativa del mediatore di presenziare alla cerimonia, essendo questa una decisione responsabile e lodevole”.

Esorto tutti i miei colleghi a sostenere questo emendamento.

 
  
 

(L’emendamento orale non è accolto)

(Il Presidente accoglie la richiesta di votazione per appello nominale)

 

6.9. Accordo di stabilizzazione e associazione CE-Serbia (A7-0362/2010, Jelko Kacin) (votazione)

6.10. Iniziativa europea sulla malattia di Alzheimer e le altre forme di demenza (A7-0366/2010, Marisa Matias) (votazione)

6.11. Inalatori per l'asma (votazione)

6.12. Situazione a Haiti un anno dopo il terremoto: aiuto umanitario e ricostruzione (B7-0023/2011) (votazione)

6.13. Violazione della libertà di espressione e discriminazione sulla base dell’orientamento sessuale in Lituania (votazione)
MPphoto
 

  Presidente. – Con questo si conclude il turno di votazioni.

 

7. Dichiarazioni di voto
Video degli interventi
MPphoto
 

  Presidente. – Passiamo adesso alle dichiarazioni di voto.

 
  
  

Dichiarazioni di voto orali

 
  
  

Raccomandazione per la seconda lettura: relazione Grossetête (A7-0307/2010)

 
  
MPphoto
 

  Jens Rohde (ALDE).(DA) Signora Presidente, abbiamo raggiunto oggi un compromesso epocale con questa direttiva sui diritti dei pazienti. Da quando siedo in Parlamento, questo è l’accordo più rilevante che abbiamo concluso. È stato siglato un compromesso storico tra due parti che, per troppo tempo, sono state estremamente distanti: il Parlamento, da una parte, e il Consiglio, dall’altra. Grazie al nostro alacre lavoro, siamo riusciti a sancire un accordo che va a beneficio dei pazienti, che li preserva da tempi d’attesa irragionevolmente lunghi e, al tempo stesso, abbiamo trovato un equilibrio in grado di garantire il controllo della situazione da parte degli Stati membri, sia da un punto di vista medico, che da un punto di vista finanziario.

L’esito raggiunto oggi è ottimo e recherà beneficio ai pazienti e agli Stati membri. Credo di potermi congratulare innanzi tutto con i negoziatori e poi, aspetto ancor più saliente, di potermi felicitare, naturalmente, con i cittadini europei per il testo approvato oggi.

 
  
MPphoto
 

  Clemente Mastella (PPE). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, sino ad oggi troppe sono state le incertezze o le questioni relative all’accessibilità delle cure e dei rimborsi in materia di assistenza sanitaria transfrontaliera. La direttiva da noi oggi approvata permetterà finalmente a tutti i pazienti di poter beneficiare, sull'intero territorio europeo, di un certo numero di diritti e di prestazioni sanitarie.

Non si tratta affatto di incoraggiare le cure transfrontaliere in quanto tali, ma di renderle possibili, sicure e di elevata qualità nei casi in cui esse si rivelino utili o necessarie. Abbiamo infatti bisogno di migliori informazioni e di maggiore chiarezza sul contenuto delle disposizioni applicabili alle cure prestate in uno Stato membro diverso da quello di affiliazione.

La situazione attuale non è soddisfacente: questa direttiva sarà una preziosa opportunità per tutti i pazienti europei, un’opportunità basata sulla necessità e non sulle possibilità economiche, sulla scelta informata e non sull’obbligo.

 
  
MPphoto
 

  Andres Perello Rodriguez (S&D).(ES) Signora Presidente, la delegazione spagnola del gruppo dell’Alleanza progressista di Socialisti e Democratici al Parlamento europeo ha votato a favore del testo, come il resto del gruppo, ma non vorrei abbandonare l’Aula prima di aver esplicitato la mia preoccupazione relativa all’introduzione, nella direttiva, del tema del trapianto di organi. Questo argomento è stato inserito, contro il parere della commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare, in seguito all’ostinata determinazione del Consiglio, che ha voluto includere i trapianti in questa direttiva.

Spero che questa integrazione non comprometta l’efficacia della solida legislazione adottata da quest’Aula, ovvero la direttiva sui trapianti o il piano d’azione adottato recentemente e quasi all’unanimità. Vorrei precisare che vigileremo per garantire che l’inclusione del tema dei trapianti non pregiudichi l’eccellente opera condotta da organismi di successo, come l’organizzazione nazionale dei trapianti spagnola, e naturalmente non mini l’aspirazione a salvare 20 000 vite, oggetto sia della direttiva sui trapianti sia del piano d’azione che, ripeto, abbiamo adottato in questa sede.

Vorrei pertanto precisare questo punto e ribadire che continueremo a garantire che si ottemperi alla direttiva in materia.

 
  
MPphoto
 

  Morten Messerschmidt (EFD).(DA) Signora Presidente, siamo di nuovo qui, oggi, a discutere di un tema sottoposto alla nostra approvazione da istituzioni non elette, ovvero la Corte europea di giustizia che, con una serie di sentenze, ha esercitato pressioni sulle istituzioni elette, affinché formulassero la direttiva oggetto della votazione odierna.

Migliorare le opportunità di ricevere cure mediche adeguate è allettante per i cittadini europei, ma i problemi che questa direttiva genererà evidentemente superano i benefici in essa contenuti. Come ci comporteremo ad esempio se il sistema sanitario di un determinato paese sarà così sotto pressione da non riuscire a gestire le proprie liste d’attesa? Come agiremo se i medici inizieranno a inviare i pazienti in massa verso un particolare paese, certamente previa autorizzazione, ma comunque, come ci comporteremo? Potrebbe essere la Danimarca, il mio paese di provenienza, la Germania, i Paesi Bassi o un altro Stato dell’Unione europea con un sistema sanitario notoriamente di alto livello. dire Questo significa che i cittadini del paese in questione si troveranno in fondo alla lista, mentre non devono essere sfavoriti, avendo contribuito con le loro tasse alla creazione di un sistema sanitario di tutto rispetto.

Vorrei pertanto ribadire che gli inconvenienti e i potenziali effetti nefasti che può causare questa direttiva nei sistemi sanitari nazionali superano palesemente i benefici menzionati dagli onorevoli colleghi.

 
  
MPphoto
 

  Jim Higgins (PPE).(EN) Signora Presidente, l’onorevole Messerschmidt ha ragione: la Corte di giustizia ha rimandato la questione al Parlamento, ma ne sono lieto e voglio congratularmi con l’onorevole Grossetête per l’eccellente relazione presentata, poiché questa direttiva permetterà ai pazienti di ricevere informazioni complete e trasparenti quando si rivolgono all’estero per fruire di cure sanitarie. Questo aspetto emerge molto chiaramente.

I pazienti con una malattia rara potranno beneficiare delle diagnosi e delle competenze presenti in altri paesi, nel caso in cui un trattamento non sia disponibile nel loro Stato membro. La direttiva si propone di offrire ai malati la possibilità di scegliere secondo le proprie necessità e non in virtù dei propri mezzi, affinché tale scelta si compia dopo aver ottenuto le dovute informazioni e senza alcuna costrizione. La direttiva è estremamente proficua, oltre che foriera di forme di cooperazione tra Stati membri.

Sono lieta che venga così bandito completamente il turismo sanitario, di cui si potrebbe fare un uso errato. A mio avviso, si tratta di un altro progresso nella giusta direzione, verso il rafforzamento della cooperazione tra Stati membri che genererà una maggiore coesione nell’Unione. Penso che oggi sia una bella giornata per i pazienti d’Europa.

 
  
MPphoto
 

  Constance Le Grip (PPE).(FR) Signora Presidente, voterò a favore della relazione della mia collega, onorevole Grossetête, sulla direttiva in materia di accesso all’assistenza sanitaria transfrontaliera.

In effetti, sono lieta del passo in avanti rappresentato da questo testo per la mobilità dei malati in Europa. Dopo molti anni di incertezze, segnatamente di incertezze giuridiche, e un lavoro considerevole da parte del Parlamento europeo, questo testo costituisce una semplificazione, un chiarimento e una regolamentazione delle condizioni per godere dell’assistenza sanitaria in uno Stato europeo diverso dal proprio paese di residenza per i cittadini europei, sia in termini di accesso alle cure, sia in termini di rimborsi. Penso, in particolare, a tutti i pazienti che soffrono di una malattia rara e che potranno avere finalmente accesso a trattamenti specifici adeguati, adatti alle loro necessità.

Questa direttiva è un provvedimento europeo concreto nella direzione dell’Europa dei cittadini, in grado di garantire nuovi diritti al cittadino europeo e, in tal senso, si tratta di una misura cruciale per la mobilità degli individui all’interno dell’Unione.

 
  
MPphoto
 

  Adam Bielan (ECR).(PL) Signora Presidente, ho votato a favore della direttiva presentata dall’onorevole Grossetête, affinché il principio di assistenza sanitaria transfrontaliera nell’Unione europea sia finalmente messo in pratica dopo tanti anni di negoziati. La formulazione attuale della direttiva è un buon compromesso, basato principalmente sulla tutela dei diritti dei pazienti, ma anche della spesa sanitaria degli Stati membri.

Per i cittadini di paesi quali la Polonia, l’opportunità di ricevere assistenza sanitaria all’estero significa godere di pari opportunità in materia di accesso a cure sanitarie moderne. I pazienti sono spesso privati dell’accesso a cure mediche rapide e appropriate a causa del sovraffollamento degli ospedali e delle lunghe liste d’attesa per alcune procedure sanitarie fondamentali, ma in alcuni casi tempo è un fattore decisivo. La direttiva permetterà ai cittadini di decidere da soli se aspettare mesi per ottenere un determinato trattamento nel proprio paese o se scegliere di riceverlo altrove. Sarà più agevole decidere quale cura scegliere, con la consapevolezza del fatto che, se si sceglie un altro paese dell’Unione europea, i costi della procedura saranno rimborsati in parte o in toto.

La semplificazione delle norme che regolamentano i trattamenti all’estero può anche essere considerata, ovviamente, come uno stimolo del mercato, in termini di accesso generale ai servizi sanitari. Queste soluzioni contribuiranno ad aumentare la competitività dei servizi sanitari e, di conseguenza, avranno un impatto significativo su un rapido miglioramento di tali servizi.

 
  
MPphoto
 

  Mairead McGuinness (PPE).(EN) Signora Presidente, mi compiaccio di questa direttiva sull’assistenza sanitaria, ma sono prudente, poiché il diavolo sta nei dettagli.

È molto importante che i nostri cittadini sappiano che questa direttiva non entrerà in vigore prima di 30 mesi. Nel frattempo, i cittadini possono comunque attraversare la frontiera per fruire dell’assistenza sanitaria in un altro Stato membro e ottenere un rimborso delle spese relative alle cure ricevute. È fuor di dubbio, quindi, che già oggi, i cittadini stanno attraversando i confini per curarsi: è un aspetto di fondamentale importanza.

A quanti desiderano conoscere i dettagli di questa complessa direttiva, comunico che ho stilato una pagina di domande e risposte, disponibile sul mio sito web. Esorto i cittadini interessati a leggerla, navigando in Internet o cercandola altrove: se non ho posto le domande opportune, li invito a suggerirmene altre, perché dobbiamo diffondere informazioni circa questo provvedimento tanto efficace verso un’assistenza sanitaria transfrontaliera per tutti.

 
  
MPphoto
 

  Jarosław Kalinowski (PPE).(PL) Signora Presidente, la società europea sta diventando sempre più mobile. Studiamo, lavoriamo, ci divertiamo e viaggiamo oltre i confini del nostro paese. I cittadini che vivono nell’Unione europea devono godere del diritto di beneficiare di cure sanitarie d’urgenza gratuite in qualsiasi luogo dell’Unione europea. È ovvio che si deve mettere in atto una serie misure per prevenire il cosiddetto turismo sanitario e, al tempo stesso, agevolare i pazienti che hanno maggiormente bisogno, affinché possano beneficiare di queste nuove opportunità. Penso principalmente alla cura di malattie rare e poco diffuse presso centri specializzati, spesso situati oltre i confini del paese di residenza del paziente. Non possiamo però interferire con le politiche sanitarie degli Stati membri: si tratta di una competenza nazionale e gli Stati membri sono liberi di decidere in materia. Questa direttiva muove un primo passo in questa direzione e, naturalmente, ho espresso voto favorevole.

 
  
MPphoto
 

  Anneli Jäätteenmäki (ALDE).(FI) Signora Presidente, è giunto il momento di stabilire regole comuni europee per proteggere i nostri cittadini e i nostri pazienti. La redazione di una direttiva distinta sull’argomento, senza inserire questo tema nella direttiva Servizi, è un’eccellente iniziativa: durante l’elaborazione della direttiva sull’assistenza sanitaria, ci siamo accorti di quanti aspetti fossero stati completamente trascurati o non definiti al momento dell’adozione della direttiva Servizi.

Il diritto dei pazienti a ricevere assistenza sanitaria transfrontaliera obbligherà gli Stati membri dell’Unione europea a garantire che non ci siano liste d’attesa nel proprio paese.

È necessario un sistema di autorizzazione preventiva senza il quale molti Stati membri potrebbero incontrare difficoltà nel controllo della spesa sanitaria, nella pianificazione e nella stima dei dati futuri, con il rischio che il fattore decisivo diventi la ricchezza, anziché bisogno effettivo.

Non sono comunque tantissimi i cittadini europei coinvolti da questa direttiva; la maggior parte desidera ricevere assistenza sanitaria vicino casa e nella propria lingua. Abbiamo comunque bisogno di un sistema organizzato in questo modo: se c’è una lista d’attesa, sarà possibile farsi curare in un altro paese.

 
  
MPphoto
 

  Marian Harkin (ALDE).(EN) Signora Presidente, anche io sono molto contenta dell’accordo raggiunto oggi che, penso, garantirà ai pazienti un accesso equo e adeguato a cure mediche transfrontaliere.

Come è già stato affermato da molti oratori, l’attuale proposta è stata presentata proprio perché una cittadina del vostro stesso paese, del sud dell’Inghilterra, ha sfidato il sistema e la Corte di giustizia le ha dato ragione.

Quanto cerchiamo di fare oggi e che abbiamo fatto insieme al Consiglio, è garantire il rispetto dei diritti delle persone, contemplandoli nella normativa assieme alle necessità dei cittadini: è sicuramente questo l’aspetto che sta a cuore a questo Parlamento.

Vi sono ancora alcune questioni da dirimere. Ritengo fondamentale il riconoscimento reciproco, tra Stati membri, delle prescrizioni, poiché non si tratta soltanto di prestare cure sanitarie, ma anche di regolamentare il periodo successivo al trattamento del paziente; abbiamo comunque ancora del tempo per definire questo dettaglio.

Vorrei concludere affermando che, con l’attuale crisi finanziaria, molti cittadini si chiedono: l’Europa funziona? Opera a vantaggio dei cittadini? È una domanda aperta, ma ritengo che oggi possiamo affermare con ragionevole certezza che l’Europa sta funzionando.

 
  
MPphoto
 

  Gerard Batten (EFD).(EN) Signora Presidente, ho votato contro questo provvedimento sui diritti dei pazienti all’assistenza sanitaria transfrontaliera, poiché non farebbe altro che gravare i contribuenti britannici e il servizio sanitario nazionale di un altro imponente fardello.

Il sistema sanitario nazionale viene già sfruttato come fosse internazionale ed è soggetto a un uso smodato e diffuso da parte di cittadini non britannici, con un costo di centinaia di milioni, se non miliardi, di sterline ogni anno. Il fardello grava principalmente sui miei elettori di Londra. Questo provvedimento porterà al servizio sanitario nazionale un ulteriore carico di lavoro per prestare cure a cittadini europei che non hanno mai pagato le tasse nel Regno Unito e si riveleranno inapplicabili le supposte modalità di recupero retroattivo dei costi dallo Stato membro del paziente.

È giusto che, nel Regno Unito, un cittadino straniero riceva cure urgenti, se necessarie, ma i cittadini stranieri non dovrebbero essere accettati nel Regno Unito, se sprovvisti di un’adeguata assicurazione sanitaria e di viaggio. Una simile politica è corretta e giustificata, ma è inapplicabile, finché il Regno Unito sarà membro dell’Unione europea. È questa un’ulteriore motivazione, se ancora ce ne fosse bisogno, per uscire dall’Unione europea.

 
  
MPphoto
 

  Hannu Takkula (ALDE).(FI) Signora Presidente, questo compromesso storico tra il Parlamento e il Consiglio è un eccellente risultato. Questa normativa sull’assistenza sanitaria transfrontaliera potrebbe eliminare le liste d’attesa che si sono create in molti Stati membri ed essere un’opportunità per lo scambio delle buone prassi. A tal proposito, è importante garantire la definizione degli interessi o i diritti dei pazienti. È altrettanto cruciale ricordare la centralità della sicurezza dei pazienti quando ci occupiamo di cooperazione transfrontaliera, e la necessità di assicurare, al tempo stesso, adeguati standard di assistenza e cure sanitarie ovunque.

Accolgo con entusiasmo la relazione dell’onorevole Grossetête: spero che promuova la sanità pubblica in Europa e che, di conseguenza, si possano salvare molte vite, accelerando la guarigione dei malati.

 
  
MPphoto
 

  Paul Rübig (PPE).(DE) Signora Presidente, credo sia importante non approfittare dei sistemi fiscali nazionali per remare contro il mercato interno. Questo aspetto è particolarmente saliente nel caso dei servizi transfrontalieri, laddove è necessario un equo trattamento. Attualmente, l’Ungheria offre un esempio negativo in materia, poiché si applicano limiti di prezzo con effetto retroattivo come forma di tassazione contro la crisi. Questa misura non è accettabile e avrà un gravi ripercussioni sui settori finanziario, assicurativo, imprenditoriale ed energetico. Spero che, nell’ambito dei servizi sanitari, non si verifichi un fenomeno simile in futuro.

Vorrei chiedere all’onorevole Orbán di riesaminare queste norme, perché sono in netta contrapposizione con l’idea di mercato interno.

 
  
MPphoto
 
 

  Syed Kamall (ECR).(EN) Signora Presidente, buon anno nuovo. È un piacere averla alla Presidenza di quest’Aula.

Uno degli aspetti su cui concordiamo in generale, in questo Parlamento – benché ci siano eccezioni degne di nota – è la nostra fede in un mercato unico che funzioni.

Quando i miei elettori mi scrivono: “ Non viene erogato un servizio di qualità nella mia circoscrizione e vorrei andare in un altro Stato membro dell’Unione europea per ottenere un servizio sanitario migliore”, non hanno certezze sul loro status giuridico. Per questo motivo io e tanti altri colleghi siamo lieti della votazione odierna sul diritto dei pazienti all’assistenza sanitaria transfrontaliera. Spero che i pazienti di quei territori con un servizio sanitario è di scarsa qualità, in virtù dei propri diritti e grazie a questa direttiva, lascino il loro paese e vadano in un altro Stato membro, esercitando così pressioni sui sistemi sanitari affinché migliorino i servizi erogati, rispondendo alle necessità dei pazienti.

Dobbiamo tuttavia garantire che venga semplificata la procedura mediante la quale gli Stati membri possono recuperare la spesa relativa alla fruizione di servizi all’estero da parte di cittadini comunitari. Una volta risolti questi problemi, questa dovrebbe essere una direttiva di cui potremo andare fieri.

 
  
  

Raccomandazioni Jadot (A7-0371/2010) e (A7-0370/2010)

 
  
MPphoto
 
 

  Joe Higgins (GUE/NGL).(GA) Signora Presidente, mi sono espresso a favore della risoluzione relativa alla conclusione di un accordo volontario di partenariato tra l’Unione europea e rispettivamente la Repubblica del Camerun e Repubblica del Congo sull’applicazione delle normative nel settore forestale, sulla governance e sul commercio del legname e dei suoi derivati importati nell’Unione europea. Per mantenere l’equilibrio dei nostri ecosistemi è fondamentale proteggere le foreste tropicali e tutelare le popolazioni indigene, che attualmente soffrono a causa dello sfruttamento industriale dell’ambiente da parte delle grandi multinazionali, nonché dell’abbattimento delle foreste dalle quali dipende il loro sostentamento.

Per questo motivo propongo un emendamento che stabilisca che le foreste e l’industria forestale divengano patrimonio pubblico e siano gestite democraticamente dalla forza lavoro dell’industria e dalle popolazioni indigene che abitano le foreste.

 
  
  

Raccomandazione Martin (A7-0365/2010)

 
  
MPphoto
 

  Morten Messerschmidt (EFD).(DA) Signora Presidente, il libero scambio è davvero l’unico modo per ottenere la prosperità. Lo ha dimostrato il mercato unico di cui fanno parte gli Stati membri dell’Unione europea e questo vale indubbiamente anche per i paesi in via di sviluppo. Si tratta dell’unica iniziativa di sviluppo che possiamo e dobbiamo diffondere nel mondo.

Uno sguardo a come le altre grandi regioni agiscono, concludendo accordi ed instaurando partenariati strategici, è sufficiente per capire che si stanno muovendo sempre più rapidamente. Disponiamo di ampi spazi di libero scambio, tra America settentrionale ed America meridionale, tra i paesi ASEAN, l’Asia e il Mercosur, solo per citarne alcuni. L’Unione europea, in questo senso, è l’unica ad essere rimasta indietro e a trovarsi quasi paralizzata di fronte alle sfide della globalizzazione.

Sebbene sia favorevole alla relazione oggetto della votazione odierna, desidero precisare che un accordo di partenariato economico interinale con le Isole Figi e la Papua Nuova Guinea è un risultato tutt’altro che eccezionale, considerando le aspettative createsi a seguito dei lunghi negoziati che l’hanno preceduto. Che ne è della Cina? O degli Stati Uniti, o dell’India, o di quanti ci stanno attualmente portando via il lavoro? Siamo forse di fronte ad una nuova sconfitta dell’Unione europea che si ripercuoterà sui suoi lavoratori?

 
  
MPphoto
 

  Syed Kamall (ECR).(EN) Affermare che le società più prospere sono le più libere e le società più libere sono le più prospere è un’ovvietà che ci obbliga a riconoscere l’importanza del libero scambio. Sfortunatamente il dibattito multilaterale ed internazionale sul libero scambio si è arenato a Doha, spingendo l’Unione europea a seguire l’esempio degli Stati Uniti e di altri paesi che concludono sempre più accordi bilaterali.

È possibile estendere i vantaggi del libero scambio a molti cittadini dei paesi più poveri, senza per questo ignorare i problemi che si troveranno ad affrontare durante la transizione, in particolare nell’adattarsi alla maggiore concorrenza. In ultima analisi che dovremmo concentrarci sul consumatore e non sugli interessi del produttore. Molti consumatori nei paesi in via di sviluppo mi chiedono perché, rispetto all’Occidente, non godono dello stesso accesso a beni e servizi. Un modo per aiutarli è indubbiamente il libero scambio, che emancipa il consumatore, offrendogli una maggiore possibilità di scelta. Mi auguro che si continui su questa strada.

 
  
MPphoto
 
 

  Nirj Deva (ECR).(EN) Signora Presidente, a lungo il Pacifico è stato la Cenerentola delle iniziative per lo sviluppo dell’Unione europea oltreoceano. Accolgo dunque con favore le iniziative intraprese dalle Isole Figi e dalla Papua Nuova Guinea per la creazione di un accordo di partenariato economico, che non soltanto permetterà all’Unione di commerciare più liberamente con questi Stati, ma promuoverà anche la conclusione di accordi commerciali intra-regionali tra questi paesi.

Uno dei benefici del presente accordo deriva dalle norme di origine per il settore della pesca, che creano le condizioni necessarie affinché i cittadini dell’area del Pacifico possano finalmente produrre un reale valore aggiunto nell’ambito dell’industria ittica nazionale. Attualmente, infatti, alcuni di questi paesi importano prodotti ittici pur disponendo di acque ricche di pesce; grazie al risultato conseguito potranno invece trasformare il proprio pescato, aggiungervi valore ed esportarlo nell’Unione europea. È questa la strada che porta allo sviluppo e alla riduzione della povertà.

 
  
  

Proposta di risoluzione (B7-0029/2011)

 
  
MPphoto
 

  Barbara Matera (PPE). - Signora Presidente, oggi ho espresso il mio voto a favore dell'interrogazione orale sull'adozione internazionale nell'Unione europea.

L'adozione internazionale risulta essere la procedura più consona ad offrire l'opportunità di dare una famiglia permanente a quei bambini per i quali non può essere trovata una famiglia idonea nel loro Stato di origine. La cooperazione fra le autorità competenti negli Stati membri in materia di adozioni internazionali risulta importante per garantire che l'adozione si svolga nell'interesse del minore, nel rispetto dei suoi diritti fondamentali e che siano evitate la vendita e la tratta dei minori.

Occorre inoltre provvedere alla semplificazione della procedura di adozione internazionale, troppo spesso vi è un eccesso di burocrazia che disincentiva le famiglie a ricorrere all'adozione. Suscita preoccupazione, infine, il caso della Romania, unico paese dell'Unione europea ad aver impedito per legge le adozioni internazionali. Ad oggi vi sono circa 70 000 orfani nel paese, di cui 40 000 in orfanotrofio e 30 000 ospiti di assistenti maternali.

La Commissione europea dovrebbe far luce sul caso della Romania, in modo tale che questi bambini abbandonati possano essere accolti in nuclei familiari tramite l'adozione internazionale.

 
  
MPphoto
 

  Andrea Češková (ECR). (CS) Signora Presidente, dovendo assolvere i miei impegni genitoriali, non mi è stato possibile prendere parte alla discussione tenutasi lunedì, evidentemente molto interessante. Desidero pertanto dichiarare all’Assemblea il mio appoggio, che riflette il mio voto. Mi auguro che in seguito alla presente risoluzione si arrivi alla riduzione delle procedure burocratiche relative all’adozione internazionale. È auspicabile che la presente risoluzione si traduca anche in un monitoraggio più efficace del percorso di adozione, nonché in un contributo alla lotta alla tratta dei minori.

 
  
MPphoto
 

  Mairead McGuinness (PPE).(EN) Signora Presidente, è possibile che molti tra i deputati non siano al corrente del conflitto verbale, tanto dannoso quanto indesiderato, attualmente in corso in ambito di adozione. Se davvero la nostra priorità sono i diritti del minore, come peraltro è stato dichiarato in quest’Aula e nella risoluzione, allora stiamo facendo la cosa giusta per tutti i bambini, a prescindere dallo Stato membro di provenienza.

È fondamentale non accanirsi contro uno Stato in particolare, riconoscendo invece che in ogni paese vi sono bambini abbandonati o trascurati dal tradizionale nucleo familiare di appartenenza e che necessitano quindi di altre forme di cura. Sì, vi sono molte famiglie pronte ad accogliere i bambini con amore, ma, pur riconoscendo la necessità di snellire le procedure burocratiche, non si può per questo ridurre anche i controlli.

Desidero concludere sottolineando che spesso i genitori che vengono considerati idonei per l’adozione sono sottoposti a controlli di gran lunga più rigorosi rispetto alle coppie che danno alla luce un figlio naturale.

 
  
MPphoto
 

  Licia Ronzulli (PPE). – Signora Presidente, il mio pensiero in questo momento va alle migliaia di coppie che in tutto il mondo quotidianamente affrontano le difficoltà necessarie ad ottenere l'affidamento di un bambino.

L'adozione è un valore, è una vera e propria manifestazione d'amore che apre le porte ad una nuova famiglia per un bambino che, purtroppo, non può più contare sull'affetto dei suoi cari. Chi porta dentro di sé la ferita dell'abbandono ha diritto a crescere in un ambiente felice, insieme a persone in grado di offrirgli una nuova vita.

È quindi nostro dovere aiutare gli orfani, affinché un futuro sereno non sia più un'utopia. Oggi, con l'adozione di questa risoluzione comune, deve partire un segnale forte e immediato. È necessario promuovere politiche comunitarie volte a superare le situazioni di difficoltà familiare. La lentezza burocratica e le lungaggini legislative non possono e non devono fermare il sogno e il desiderio di un bambino di avere una famiglia e un futuro felice.

 
  
MPphoto
 

  Diane Dodds (NI).(EN) Signora Presidente, accolgo con favore la proposta di risoluzione relativa all’adozione internazionale oggetto della votazione odierna. Nella mia circoscrizione elettorale molti hanno affrontato o stanno affrontando il processo di adozione, ed è sempre un piacere vedere la gioia dipinta sui volti di genitori e bambini alla conclusione di tale percorso, che tuttavia è spesso molto lungo e può durare anche anni. Come si osserva nella proposta, si tratta di un processo caratterizzato da un’eccessiva burocrazia ed è giusto che il Parlamento si attivi per consentire lo snellimento delle procedure.

È fondamentale porre sempre l’accento sulla sicurezza e sulle necessità dei minori, spesso in condizioni di grave difficoltà. Bisogna senza dubbio adottare ogni misura necessaria affinché il minore non si trovi in una situazione di vulnerabilità, ma spesso le difficoltà che i genitori adottivi, pronti ad accogliere amorevolmente il bambino, devono affrontare sono davvero eccessive e li spingono persino ad abbandonare il processo di adozione, a discapito proprio e del minore.

 
  
MPphoto
 

  Cristiana Muscardini (PPE). – Signora Presidente, in Europa, da molti anni affrontiamo il problema dell'adozione internazionale, e finalmente la risoluzione odierna viene a cercare di dare uno spiraglio in una situazione sempre più complessa e difficile.

L'arrivo di nuovi paesi, invece di incentivare l'adozione internazionale, ha reso sempre più difficile da parte di molte coppie il poter accedere ad avere presso di sé bambini a cui ridare una famiglia dopo tante sofferenze e privazioni nel loro paese.

E mentre da un lato sempre più burocrazia impedisce l'adozione di bambini, dall'altro aumentano i traffici di organi e la prostituzione minorile. Per questo noi siamo favorevoli a questa proposta di risoluzione e crediamo che sia necessario dare un'accelerazione alle pratiche di adozione internazionale e fare sì che ci sia, finalmente, una adozione europea per dare futuro a tanti bambini bisognosi.

 
  
MPphoto
 

  Julie Girling (ECR).(EN) Signora Presidente, desidero esprimerle tutta l’approvazione e la gratitudine di questa parte dell’Aula, per aver presieduto la seduta odierna in modo tanto efficiente.

Ci troviamo di fronte ad una questione di grande rilevanza. Naturalmente l’adozione internazionale è molto importante ed è fondamentale affrontare la questione nel modo corretto. Accolgo con favore la presente risoluzione, formulata in modo intelligente e chiaro, come molte altre risoluzioni oggetto delle nostre votazioni in Parlamento. Desidero tuttavia sottolineare che, in base alla mia esperienza di contatto e assistenza agli elettori – tutt’ora in corso – non è sufficiente esprimere tutto questo in una risoluzione.

Il Parlamento europeo non si può certo definire una punta di eccellenza quando si tratta di semplificare le cose o di garantire un corretto funzionamento delle organizzazioni con cui interagiscono i cittadini. Mi appello affinché le parole della presente risoluzione si traducano in azioni concrete, volte ad una reale semplificazione, ad uno snellimento delle procedure e ad un effettivo miglioramento. In caso contrario si tratterebbe di uno sforzo inutile, che potrebbe perfino sortire l’effetto contrario.

 
  
MPphoto
 
 

  Hannu Takkula (ALDE).(FI) Signora Presidente, desidero unirmi agli onorevoli colleghi nell’esprimere la mia soddisfazione circa la presente risoluzione. Ho avuto occasione di seguire personalmente da vicino alcuni casi di adozione internazionale ed ho notato che le procedure burocratiche sono effettivamente eccessive; è pertanto giusto snellirle, rendendo così l’intero processo più rapido e trasparente.

È nell’interesse di tutti che l’adozione escluda qualsiasi pratica contraria all’etica o legata alla tratta di minori e di esseri umani in generale. È fondamentale garantire che il minore non diventi un mezzo per perseguire scopi illeciti e che l’adozione sia invece il modo per trovare una famiglia amorevole e una casa, dove sarà trattato come un individuo unico e prezioso. Ogni bambino ha diritto ad un padre ed una madre e per questo qualsiasi decisione in ambito di adozione deve considerare la situazione della famiglia nella sua totalità.

Si tratta di questioni estremamente delicate. Alcuni studi hanno dimostrato che il genotipo culturale di ciascuno di noi si trova nel nostro DNA, ma è necessario garantire al bambino una famiglia amorevole ed un ambiente culturale in cui possa crescere e diventare una persona equilibrata ed un buon cittadino.

 
  
  

Proposta di risoluzione (B7-0021/2011)

 
  
MPphoto
 

  Morten Messerschmidt (EFD).(DA) Signora Presidente, la Serbia è forse il paese europeo che più volte è stato occupato nel millennio appena trascorso, prima dalla Turchia, poi dalla Germania e infine dalla Russia. Abbiamo ora l’opportunità di trasformare quei giorni bui del passato, remoto e recente, in un radioso futuro.

Indubbiamente, visti da Belgrado, né la NATO con il massacro compiuto nella capitale, né l’Unione europea che ha appoggiato la lacerazione del paese con la conseguente separazione di una sua regione chiave, il Kosovo, rappresentano una prospettiva di alleanza allettante. Cionondimeno sono alleati e amici e tutti ne sono perfettamente consapevoli. È quindi fondamentale instaurare una relazione basata sulla razionalità, così da lasciare il passato alle spalle e guardare al futuro. Per questo motivo il mio partito è favorevole alla prosecuzione del dialogo.

 
  
MPphoto
 

  Miroslav Mikolášik (PPE). (SK) Signora Presidente, l’accordo di stabilizzazione e associazione tra le Comunità europee e la Serbia pone le fondamenta per una relazione salda e duratura, basata sulla reciprocità e gli interessi comuni. Contribuisce altresì alla stabilizzazione politica, economica ed istituzionale della Serbia e dei Balcani in generale.

L’accordo rappresenta una nuova opportunità di trasformazione per la Serbia, che potrà così prosperare attraverso l’intero processo di ristrutturazione e modernizzazione economica. Ritengo tuttavia che la Serbia debba continuare a rafforzare democrazia e stato di diritto, moltiplicando gli sforzi per riformare l’amministrazione pubblica e i tribunali, applicando i principi di giustizia ed operando al contempo un consolidamento strutturale a livello giuridico e amministrativo.

Requisito fondamentale per la piena integrazione della Serbia nell’Unione europea è, a mio avviso, la risoluzione dei gravi casi di violazione dei diritti umani, nonché la questione della collaborazione con il tribunale penale internazionale per la ex - Jugoslavia.

 
  
MPphoto
 

  Daniel Hannan (ECR).(EN) Signora Presidente, desidero ringraziare il suo staff e gli interpreti per la pazienza dimostrata durante questa sessione insolitamente lunga.

Di fronte alla scelta tra democrazia e sovranazionalismo, l’Unione europea opta sempre per quest’ultimo E la politica adottata per i Balcani occidentali ne è un esempio lampante. Stiamo mantenendo protettorati a tutti gli effetti in Bosnia, Kosovo e perfino in Macedonia, all’unico scopo di prevenire la formazione di confini etnografici là dove la popolazione locale li riterrebbe opportuni.

Se gli elementi che accomunano la popolazione locale non sono sufficienti perché al suo interno si accettino scelte di governo di un gruppo etnico o di un altro, difficilmente si raggiungerà una democrazia effettiva. Affinché si realizzi un governo per il popolo e del popolo, è necessario che il popolo sia un’entità in cui tutti si riconoscono, in termini di identità e di alleanza.

In altre parole, la democrazia richiede la presenza di un “demos”, un’unità con cui identificarsi quando si usa il termine “noi”. Certo, non è facile. La lealtà può essere molteplice e le popolazioni possono essere frammentate, ma di fronte ad una sostanziale equità dovremmo sempre propendere per l’autodeterminazione nazionale. Senza “demos” la democrazia si riduce a “kratos”, il potere di un sistema che, per legge, deve attenersi a ciò che non osa chiedere in nome del patriottismo civico.

 
  
MPphoto
 
 

  Nirj Deva (ECR).(EN) Signora Presidente, questa è davvero una bella notizia. Se si pensa a quanto la Serbia sia stata lontana dallo stato di diritto e dalle norme internazionali, o a cosa fosse il paese vent’anni fa, ritengo doveroso riconoscere e apprezzare gli sforzi dell’amministrazione serba e i progressi compiuti nel renderla un paese soggetto allo stato di diritto, che ora sembra essere alla base perfino dei rapporti con il Kosovo e con la Corte penale internazionale.

Le riforme della giustizia si basano sui precedenti e sulle migliori pratiche a livello internazionale. Il servizio civile indipendente che si sta costituendo è di ottima qualità e ci si aspetta lo stesso livello di efficienza anche dal suo futuro operato. Vige inoltre il totale rispetto dei criteri di Copenhagen. Per tutti questi aspetti, un paese che ha attraversato un conflitto così terribile sta ora emergendo come una nazione perfettamente idonea a divenire un partner affidabile per gli altri Stati membri dell’Unione europea. Desidero quindi estendere le mie congratulazioni alla Serbia.

 
  
  

Raccomandazione Kacin (A7-0362/2010)

 
  
MPphoto
 
 

  Adam Bielan (ECR).(PL) Signora Presidente, desidero aggiungere una cosa circa la questione della Serbia. L’accordo dell’Unione europea con questo paese oggetto della votazione odierna è una pietra miliare sulla via che conduce all’adesione paese della Serbia all’Unione. Dodici Stati membri hanno già ratificato il trattato che mira a spalancare le porte dell’Unione alla Serbia; approvo pienamente l’accordo e mi appello ai restanti Stati membri, affinché lo ratifichino al più presto. Naturalmente l’integrazione della Serbia nelle strutture europee richiede la sua piena collaborazione con il tribunale penale internazionale per la ex Jugoslavia e segnatamente per quanto riguarda le responsabilità dei crimini di guerra. È necessario mantenere un dialogo continuo con il Kosovo e adottare ogni misura possibile al fine di prevenire qualsiasi forma di discriminazione nei confronti dei rom. Desidero in ultima istanza esprimere la mia soddisfazione ed il mio appoggio per tutte le misure che mirano a rafforzare democrazia e protezione dei diritti dell’uomo in Serbia, in altre parole, le misure volte a portare stabilità nel paese a livello politico, economico e sociale.

 
  
  

Relazione Matias (A7-0366/2010)

 
  
MPphoto
 

  Clemente Mastella (PPE). – Signora Presidente, ho votato a favore di questa relazione perché ritengo che la comunicazione alla Commissione relativa a un'iniziativa europea sulla malattia di Alzheimer e le altre forme di demenza rappresenti – e lo dico per esperienza, perché mio papà era malato di Alzheimer e mia nonna anche, spero di terminare il filone genetico – un passo in avanti in vista di una necessaria integrazione tra le diverse politiche sanitarie esistenti in Europa al fine di contrastare le citate malattie.

Intendiamo rinnovare, quindi, tutto il nostro impegno a combattere la frammentazione degli interventi, le divergenze tra le risposte esistenti nello spazio europeo e la disparità imperante nelle condizioni di accesso e di trattamento. Intendiamo invece promuovere la diagnosi precoce e la qualità della vita, migliorare la conoscenza epidemiologica della patologia e coordinare le ricerche in corso, favorendo la solidarietà tra Stati membri attraverso la condivisione di buone prassi.

Con la presente relazione chiediamo infine un miglior coordinamento tra gli Stati membri ed una risposta più efficace e solidale in vista della prevenzione e del trattamento delle varie forme di demenza, in particolare l'Alzheimer, a tutto vantaggio dei pazienti e di coloro che li circondano, siano essi professionisti del settore sanitario, fornitori di servizi o familiari.

Un'eventuale strategia europea in tal senso potrà funzionare soltanto a condizione – e termino – che i singoli paesi attribuiscano carattere prioritario alla definizione di piani d'azione nazionali.

 
  
MPphoto
 

  Seán Kelly (PPE).(GA) Signora Presidente, mi sono espresso a favore della presente relazione e sono lieto che sia stata approvata quasi all’unanimità. Ammetto di non avere avuto la possibilità di intervenire al riguardo, pur avendo seguito l’intera discussione in Parlamento. Desidero pertanto utilizzare il minuto a mia disposizione per sollevare alcune questioni.

La più importante è la pressante necessità di scoprire la causa di questa malattia attraverso la ricerca scientifica. Quanto vi contribuiscono le abitudini alimentari, lo stress quotidiano, il patrimonio genetico? E per quale motivo la popolazione femminile è doppiamente più colpita dal morbo di Alzheimer rispetto a quella maschile?

Sono interrogativi importanti, che non possono trovare risposta senza l’apporto della ricerca. Mi appello alla Commissione affinché affidi ad un centro medico illustre il compito di condurre tale ricerca e trovare le risposte che cerchiamo.

 
  
MPphoto
 

  Jarosław Kalinowski (PPE).(PL) Signora Presidente, il morbo di Alzheimer è una malattia per cui il genere umano non ha ancora trovato una cura. La ricerca ha registrato un preoccupante aumento del numero di casi di Alzheimer ed il progressivo invecchiamento della popolazione europea si ripercuoterà drasticamente su questi dati nel prossimo futuro. La demenza diventa un pesante fardello non soltanto per chi è affetto dal morbo, ma anche per i familiari e gli amici del malato, spesso costretti a dedicare la propria vita esclusivamente alla cura dei propri cari. Abbiamo un forte bisogno di relazioni come questa, che sottolineano il problema e avanzano proposte di iniziative volte al miglioramento della qualità della nostra salute e della nostra vita. È evidente che un’azione congiunta da parte degli Stati membri, nonché la creazione di programmi di prevenzione e l’assistenza alle famiglie colpite siano progetti che meritano il nostro pieno sostegno. Abbiamo il dovere di fare tutto il possibile per aiutare quanti soffrono e, guardando al futuro, ridurre al minimo il numero degli individui che contraggono la malattia.

 
  
MPphoto
 
 

  Jim Higgins (PPE).(EN) Signora Presidente, apprezzo particolarmente l’ampia prospettiva con cui la relazione affronta la problematica in questione. La molteplicità di aspetti è senz’altro la principale caratteristica del morbo di Alzheimer.; si è parlato infatti di prevenzione, diagnosi, terapia e cura. La realtà è che, tra le malattie, le più temute sono cancro e Alzheimer. Abbiamo compiuto enormi passi avanti in termini di diagnosi delle cause, prevenzione e gestione delle cure per il cancro e i risultati conseguiti sono innegabili.

Sebbene il morbo di Alzheimer sia stato scoperto nel 1906, si è verificata una circostanza particolare in tutte le forme di demenza: non ne conosciamo ancora la causa, né sappiamo curarla. La presente relazione è comunque apprezzabile. Siamo di fronte ad una serie di sfide, prima fra tutte la ricerca delle cause scatenanti di tali patologie per individuare un metodo di prevenzione, nonché l’introduzione di una cura definitiva.

 
  
  

Proposta di risoluzione (B7-0023/2011)

 
  
MPphoto
 

  Syed Kamall (ECR).(EN) Signora Presidente, quanti tra noi hanno visitato Haiti o hanno assistito alla terribile devastazione che si è abbattuta sull’isola non potranno che convenire sull’opportunità della decisione delle ONG e della comunità internazionale di intervenire congiuntamente e affrontare il disastro in loco, con ricoveri, derrate alimentari, coperte e così via.

Vi invito ora a considerare la situazione attuale ad un anno dalla catastrofe. La relazione enumera alcuni problemi, tra cui il fatto che per evacuare tonnellate di macerie gli Haitiani dispongono unicamente di pale, picconi e carriole, strumenti chiaramente inadeguati rispetto alla portata del disastro. La risoluzione denuncia inoltre la grave crisi di alloggi ad Haiti e sottolinea la mancanza di un sistema fondiario, facendo appello alla Commissione, affinché si compia uno sforzo significativo per risolvere il problema, nello spirito del consenso europeo sull'aiuto umanitario e in collaborazione con le autorità haitiane.

Il grande assente tra gli argomenti trattati è il ruolo del settore privato. Se riusciremo a risolvere alcuni dei problemi esistenti nel lungo termine, accanto all’azione immediata di ONG e organizzazioni umanitarie, è necessario ripensare ad un ruolo delle imprese, perché possano attivarsi, appunto, nel lungo termine.

 
  
MPphoto
 

  Nirj Deva (ECR).(EN) Signora Presidente, ad un anno dal terremoto che ha colpito Haiti solo il 5 per cento delle macerie è stato rimosso, si contano un milione di senzatetto, 230 000 morti, 300 000 feriti e soltanto il 15 per cento delle ricollocazioni in aree potenzialmente abitabili è stato portato a termine.

Perché? Perché soltanto il 5 per cento delle macerie è stato rimosso? Durante un terremoto crollano intere muri. Chi sarebbe in grado di sollevarli? Le ONG con i loro badili, forse? I Commissari europei armati di secchi? Certo che no! Soltanto con macchinari e attrezzature adeguate è possibile farlo e questi macchinari possono essere messi a disposizione solo da aeronautica, marina ed esercito. Ma quando questi corpi hanno offerto il loro aiuto, le sinistre di questo Parlamento e del mondo intero hanno intimato loro di andarsene. E l’hanno fatto! E così nell’arco di un anno nulla è cambiato.

È politicamente sconvolgente che ci si rifiuti di assumersi la responsabilità della situazione attuale, ma io punto fermamente il dito contro la sinistra di questo Parlamento e della comunità internazionale.

 
  
MPphoto
 
 

  Hannu Takkula (ALDE).(FI) Signora Presidente, desidero intervenire brevemente sulla situazione di Haiti. È importante riconoscere che il grado di coordinamento è stato insufficiente, anche in base ai rilievi di aggiornamento tuttora in atto. È necessario migliorare quest’aspetto, come dimostra l’estrema lentezza dei progressi.

È vero che la situazione si è gradualmente politicizzata, come ha sottolineato l’onorevole Deva e questo non va a beneficio di nessuno. Oggi più che un anno fa Haiti ha bisogno di aiuto e di assistenza primaria. Gli aiuti devono assolutamente arrivare alla giusta destinazione.

Se si guarda allo specifico, le organizzazioni umanitarie hanno sicuramente svolto un buon lavoro. Dal punto di vista del contributo europeo, molte organizzazioni umanitarie cristiane hanno fatto moltissimo per quanto riguarda i bisogni essenziali, aiutando la popolazione di Haiti a sopravvivere. Dobbiamo riconoscere questi sforzi e sostenerli per ciò che sono, ma la crisi ad Haiti richiede un intervento di più ampia portata e un maggiore coordinamento, da parte dell’Europa e naturalmente da parte delle Nazioni Unite.

 
  
  

Proposta di risoluzione (B7-0031/2011)

 
  
MPphoto
 

  Peter van Dalen (ECR).(NL) Signora Presidente, la Lituania è uno Stato sovrano. Il parlamento nazionale ha discusso nuove proposte circa le espressioni di sessualità nei media o in pubblico. La democrazia lituana è in fermento: il capo dello Stato ha già posto il veto a iniziative simili in altre due occasioni, mentre è iniziato un dibattito politico la cui conclusione, allo stato attuale, non può essere prevista.

Eppure la maggioranza del Parlamento europeo non ha esitato a entrare nel merito. A quanto sembra, i membri di quest’Assemblea sono, per la maggior parte, dotati di un senso illuminato della moralità, che conferisce loro una facoltà superiore di distinguere tra accettabile e inaccettabile. Risulta chiaro fin d’ora se la legge verrà approvata e quale configurazione assumerà: l’onniveggenza degli alti sacerdoti di questo Parlamento è interamente concentrata sulla Lituania. Non posso sostenere nella maniera più assoluta una simile arroganza.

 
  
MPphoto
 

  Miroslav Mikolášik (PPE). (SK) Signora Presidente, il diritto di legiferare spetta al legislatore di ciascun paese e, essendo proprio di uno Stato sovrano, non può essere sottoposto a interferenze esterne, un principio applicabile anche alla Lituania.

Per quanto riguarda l’Unione europea, va anche precisato che la definizione di matrimonio e di famiglia afferisce al diritto familiare dei singoli Stati membri, che non può essere oggetto di intromissioni da parte dell’UE. Pertanto, la tutela di un’istituzione come la famiglia, deputata a crescere le nuove generazioni e prepararle alla vita, non può essere condannata o considerata discriminante.

Quanto alla protezione dei minori dagli effetti nocivi dell’informazione pubblica, lo stesso Parlamento europeo ha stabilito di recente che i vari tipi di pubblicità diffusisi attraverso i nuovi mezzi di comunicazione negli ultimi anni sono diventati un fenomeno sociale; tra i suoi effetti si annoverano la trasmissione di informazioni deliberatamente ingannevoli e fuorvianti nonché il rischio di un abuso di potere, per cui lo Stato deve trovare una risposta adeguata.

Gli studi condotti dimostrano che i minori necessitano di una particolare tutela da certe informazioni, che possono incidere profondamente sullo sviluppo dell’individuo. Lo dico in quanto medico.

 
  
MPphoto
 

  Vytautas Landsbergis (PPE).(EN) Signora Presidente, ecco le mie considerazioni sulla risoluzione di condanna della Lituania: non è accaduto nulla e nel testo approvato manca il punto di vista più importante. Avevo proposto, senza risultati, il seguente emendamento orale al preambolo: “considerando che l’intervento del Parlamento europeo su iter dei parlamenti nazionali al primo stadio dei lavori, in merito a una qualunque proposta di legge, è contrario ai principi fondamentali di sovranità e sussidiarietà degli Stati membri e, pertanto, rivela il legame sempre più stretto del Parlamento europeo con pratiche di epoca sovietica”.

A fornire il pretesto per questa risoluzione è stata soltanto una bozza di emendamento, sottoposta da un deputato del parlamento nazionale; sottolineo una bozza di emendamento. Ciononostante, il testo appena approvato usa insistentemente e irragionevolmente il plurale, riferendosi per ben sei volte alla presunta inclusione di diversi emendamenti deprecabili.

Anche il titolo della risoluzione contiene un’assurdità: l’espressione “sulla violazione”. Non vi è stata nessuna violazione, ma soltanto la proposta di un deputato; il parlamento non ha assunto nessuna decisione tacciabile di violazione. Affermazioni di questo genere rispecchiano un pessimo lavoro di stesura dei testi, per non parlare dell’irresponsabilità dei colleghi che hanno redatto e sottoposto all’Assemblea questo documento, per cui sarebbe stata necessaria almeno una formulazione più intelligente, se non l’archiviazione tout court. Ho dunque votato contro l’intera proposta.

 
  
MPphoto
 

  Daniel Hannan (ECR).(EN) Signora Presidente, gli Stati membri dell’Unione europea hanno intrapreso, ormai da decenni, un percorso ampio e positivo verso l’affermazione dei principi di parità di fronte alla legge, privacy e libertà individuale. Spero dunque che nessuno degli Stati membri si abbandoni a tendenze retrograde sul tema dell’uguaglianza indipendentemente dall’orientamento sessuale. Non credo che ciò accadrà. Come ci hanno ricordato l’onorevole Landsbergis e, prima ancora, l’onorevole van Dalen, questa discussione ha perso di vista un punto: parliamo di una proposta, non di una risoluzione legislativa.

Come ricorderete, l’argomento è stato oggetto di discussioni nel Regno Unito. Abbiamo avuto i nostri scontri sulla “Section 28” e, all’epoca, ero tra i pochi del mio partito a essere contrario. Osteggiavo la proposta fin dalla sua prima versione, quando era nota come “Section 27”, perché mi sembrava del tutto infelice trasformare la legge in un mezzo per esprimere approvazione o contrarietà. Con questa iniziativa abbiamo dotato lo Stato di uno strumento straordinariamente potente, che è stato poi utilizzato per vietare l’uso delle armi, la caccia eccetera.

Ad ogni modo, il punto è che non faccio parte degli organi legislativi lituani. I membri di quest’Assemblea possono nutrire le opinioni più contrastanti sulla legge in materia di aborto in Polonia o sulle disposizioni relative all’eutanasia nei Paesi Bassi. Si tratta di questioni delicate per i nostri elettori, che dovrebbero essere disciplinate adeguatamente attraverso i meccanismi nazionali di ciascuno Stato membro. Dovremmo avere l’umiltà di riconoscere il diritto alla democrazia e alla sovranità parlamentare di tutti i 27 Stati membri.

 
  
  

Dichiarazioni di voto scritte

 
  
  

Raccomandazione per la seconda lettura: relazione Grossetête (A7-0307/2010)

 
  
MPphoto
 
 

  Laima Liucija Andrikienė (PPE), per iscritto. (LT) Ho votato a favore del testo, che rafforza i diritti dei pazienti relativi all’assistenza sanitaria transfrontaliera. Va ricordato che vi sono oggigiorno troppe incertezze su questioni quali l’accessibilità delle cure, i rimborsi nonché la responsabilità per l’osservazione clinica post-trattamento nel settore delle cure transfrontaliere. La direttiva in esame dovrà permettere a tutti i pazienti, e non soltanto ai più informati o ai più fortunati, di beneficiare di un certo numero di diritti già riconosciuti dalla Corte di giustizia dell’Unione europea in materia di assistenza sanitaria. Occorre inoltre sottolineare che non si tratta affatto di incoraggiare le cure transfrontaliere in quanto tali, ma di renderle possibili, sicure e di elevata qualità nei casi in cui si rivelino utili o necessarie. I cittadini dell’Unione europea devono godere di migliori informazioni e maggiore chiarezza sul contenuto delle disposizioni applicabili alle cure prestate in uno Stato membro diverso da quello di affiliazione. Inoltre, pur convenendo sulla necessità di contrastare il “turismo sanitario”, credo che la tutela dei diritti dei pazienti presupponga la creazione di un sistema di autorizzazione preventiva, che risulti flessibile dal punto di vista dei pazienti ma che, al contempo, dal lato dei responsabili della gestione sanitaria, preveda un meccanismo di preavviso per i costi derivanti dai trasferimenti verso istituzioni sanitarie di altri Stati membri.

 
  
MPphoto
 
 

  Antonello Antinoro (PPE), per iscritto. − Questa raccomandazione al Consiglio era fondamentale per assicurare ai pazienti un livello di certezza giuridica il più elevato possibile per esercitare i diritti in termini concreti, come indicato dalla Corte di giustizia europea.

Questo orientamento, comunque, non interferisce con le competenze esclusive degli Stati membri nella gestione dei sistemi sanitari interni e nelle scelte di politica sanitaria nazionale come disposto dal trattato. I punti principali, infatti, sono stati: le malattie rare; gli standard qualitativi e le norme di sicurezza; le procedure di rimborso e di autorizzazione preventiva e i pagamenti anticipati; il ruolo dei punti di contatto come "sportello unico"; l'esclusiva competenza degli Stati Membri in materia di "paniere dei servizi sanitari" e di scelte di natura etica in campo sanitario; e-health e cooperazione tra Stati membri.

Inoltre si sono chiariti i diritti dei pazienti enunciati dalla Corte di giustizia europea ed il miglioramento della certezza giuridica globale in materia di assistenza sanitaria transfrontaliera, agevolare l’accesso all’assistenza sanitaria transfrontaliera e il suo rimborso, secondo criteri sicuri e di qualità, promuovere la cooperazione in materia di assistenza sanitaria tra gli Stati membri.

 
  
MPphoto
 
 

  Liam Aylward (ALDE), per iscritto. (GA) Ho espresso voto favorevole perché concordo sul fatto che oggigiorno vi siano troppe incertezze su questioni quali l’accessibilità delle cure, i rimborsi nonché la responsabilità per l’osservazione clinica post-trattamento nel settore delle cure transfrontaliere.

Sebbene sia fondamentale non accrescere la pressione sui sistemi sanitari nazionali o non aggravare le disuguaglianze al loro interno, i pazienti devono avere la facoltà e la libertà di ricorrere a cure mediche transfrontaliere, ricevendo tutte le informazioni circa i relativi diritti. Occorre eliminare l’incertezza giuridica che circonda l’ammissibilità all’assistenza sanitaria e i rimborsi, fornendo ai pazienti indicazioni chiare e precise sui tempi e sulle condizioni di copertura delle cure ricevute in un altro Stato membro.

Accolgo con favore la proposta, avanzata nella relazione, di istituire punti di contatto nazionali in tutti gli Stati membri, affinché i pazienti siano informati dei trattamenti disponibili nonché delle modalità di presentazione di una richiesta di cure transfrontaliere, di un reclamo o di un ricorso.

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. (LT) Ho votato a favore di questo importante documento. I cittadini dell’Unione europea si attendono che gli Stati membri garantiscano servizi sanitari sicuri, qualitativamente elevati ed efficienti. Poiché la competenza in materia di assistenza sanitaria spetta agli Stati stessi, i livelli di accessibilità e qualità potrebbero variare leggermente. Non sempre i pazienti possono ottenere cure adeguate nel proprio paese, in chiara violazione delle libertà sancite dal trattato sull’Unione europea. Resta inoltre irrisolto il problema del riconoscimento delle prescrizioni all’interno dell’UE europea, che pone gravi difficoltà ai viaggiatori. Non credo che la libera circolazione dei pazienti e il diritto di essere curati in un altro Stato membro favoriscano il turismo sanitario. Ritengo anzi che tali disposizioni possano inviare un segnale positivo agli Stati membri affinché predispongano riforme appropriate nel settore della sanità, assicurando che i servizi offerti siano quanto più diversificati e validi possibile e che, pertanto, i pazienti possano essere curati in un altro Stato membro se necessario.

 
  
MPphoto
 
 

  Regina Bastos (PPE), per iscritto. (PT) La direttiva concernente l’applicazione dei diritti dei pazienti relativi all’assistenza sanitaria transfrontaliera rappresenta un progresso fondamentale verso la mobilità dei pazienti all’interno dell’Unione europea. Il documento si prefigge di semplificare e sostenere l’accesso a servizi sanitari transfrontalieri di elevata qualità, nonché il diritto dei pazienti a essere rimborsati dallo Stato membro di appartenenza, promuovendo così anche la cooperazione tra paesi. Vengono altresì introdotti chiari vantaggi per i pazienti (soprattutto nel caso di patologie rare e complesse), che avranno la possibilità di ricevere diagnosi e cure nello Stato membro più adatto alle rispettive esigenze. Tale mobilità consentirà inoltre ai pazienti di evitare le liste di attesa nazionali nel rispetto della legge, ricorrendo ai servizi sanitari offerti in altri paesi dell’UE. La direttiva in esame permetterà a tutti i pazienti di beneficiare di un certo numero di diritti già riconosciuti dalla Corte di giustizia dell’Unione europea in materia di assistenza sanitaria. Si tratta indubbiamente di un passo avanti nel processo di integrazione europea e nel consolidamento della solidarietà, nel contesto di un’Europa incentrata sui cittadini. Per tutti questi motivi, ho espresso voto favorevole.

 
  
MPphoto
 
 

  George Becali (NI), per iscritto. (RO) Ho votato a favore della relazione, e desidero ringraziare la relatrice per il lavoro svolto e le proposte avanzate. Condivido l’idea che i pazienti debbano compiere una scelta basata sulla necessità e non sulle possibilità economiche, sulla scelta informata e non sull’obbligo. La facoltà di ricorrere alla mobilità dei pazienti, aggirando le liste di attesa nazionali, è una questione della massima urgenza per i cittadini europei, con particolare riguardo a quelli provenienti dai nuovi Stati membri, fra cui la Romania. Sono altresì favorevole alla proposta di istituire un sistema di autorizzazione preventiva che risulti flessibile dal punto di vista dei pazienti.

 
  
MPphoto
 
 

  Jean-Luc Bennahmias (ALDE), per iscritto.(FR) Sebbene un numero sempre più elevato di cittadini europei ricorra all’assistenza sanitaria prestata in uno Stato membro diverso dal proprio, spesso manca loro la consapevolezza dei diritti riconosciuti in questo settore. I pazienti devono seguire un iter lungo e macchinoso per ottenere il rimborso delle cure ricevute all’estero, oltre a incontrare difficoltà nel reperire le informazioni necessarie.

In questa prima tornata del 2011 abbiamo adottato una direttiva intesa a chiarire i diritti dei pazienti europei che ricorrono a servizi sanitari esteri. Il testo, approvato ad ampia maggioranza, stabilisce che i cittadini saranno rimborsati per le cure ricevute in un altro Stato membro. Si tratta di una notizia positiva per i pazienti che si trovano in lunga lista di attesa e faticano a ottenere i trattamenti necessari nel proprio paese.

Favorire la mobilità al fine di migliorare i servizi sanitari per i pazienti europei: è questo il nostro obiettivo! Verrà inoltre inaugurata una stretta collaborazione sulle patologie rare, allo scopo di migliorare le cure per i pazienti bisognosi di assistenza sanitaria specializzata.

 
  
MPphoto
 
 

  Vilija Blinkevičiūtė (S&D), per iscritto. (LT) Ho votato a favore della relazione perché la proposta di direttiva in esame intende conferire a tutti i pazienti il diritto e l’opportunità di ottenere, con la massima rapidità, cure mediche essenziali in un altro Stato membro. Inoltre, il documento enuncia chiaramente i casi in cui il ricorso a tale assistenza è ammesso, mentre allo stato attuale le regole concernenti il rimborso delle cure non sono sempre chiare e comprensibili. Desidero sottolineare che la direttiva deve riguardare tutti i pazienti, non soltanto i più informati o i più fortunati, e garantirne la sicurezza. Il Parlamento aveva espresso parere positivo già in prima lettura, ma purtroppo il Consiglio non ha tenuto conto di tutti gli emendamenti proposti dall’Assemblea, tralasciando ad esempio la questione fondamentale del trattamento di patologie rare. Malgrado il suo atteggiamento, i 25 milioni di europei che soffrono di malattie rare dovrebbero avere la possibilità di ricevere cure mediche in un altro Stato membro. Condivido peraltro la seguente proposta del Parlamento: onde evitare discriminazioni contro i cittadini con un reddito modesto, il ricovero nello Stato membro in cui l’assistenza è fornita dovrebbe essere a carico dello Stato membro di origine, eliminando l’obbligo preliminare di apertura di un conto, oppure tutti i costi sostenuti dal paziente dovrebbero, perlomeno, essere rimborsati immediatamente. È altresì essenziale che ciascuno Stato membro istituisca punti di contatto nazionali per fornire ai pazienti tutte le informazioni necessarie circa la disponibilità dell’assistenza sanitaria, le procedure e la documentazione richiesta.

 
  
MPphoto
 
 

  Jan Březina (PPE), per iscritto. (CS) Ho votato a favore della relazione Grossetête perché elimina l’incertezza, che persiste da molti anni, circa il rimborso dei costi e il relativo problema dell’accessibilità dell’assistenza sanitaria transfrontaliera. Mentre finora i vantaggi delle cure mediche transfrontaliere erano una prerogativa dei pazienti meglio informati o più motivati, adesso questa possibilità è aperta a tutti. Convengo sulla necessità di subordinare il rimborso dei costi al rilascio di un’autorizzazione preventiva nei casi precisamente descritti e giustificati, qualora le cure richiedano un ricovero di almeno una notte o apparecchiature altamente specializzate e dispendiose, oppure quando sussista un rischio particolare per i pazienti o la popolazione. Ritengo che, nei suddetti casi, l’autorizzazione preventiva contribuisca a prevenire un turismo sanitario eccessivo.

L’espansione di tale fenomeno si ripercuote negativamente su diversi sistemi sanitari europei. Tuttavia, se un paziente si trova ad attendere tempi irragionevolmente lunghi nel proprio paese, non sorprende che voglia recarsi in uno Stato dove potrebbe ricevere cure più tempestive e, forse, valide; d’altro canto, nei paesi che maggiormente accolgono cittadini stranieri bisognosi di cure mediche o interventi, esiste il rischio che questi ultimi scavalchino i pazienti nazionali.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria Da Graça Carvalho (PPE), per iscritto. (PT) La direttiva in esame definisce norme volte ad agevolare l’accesso a un’assistenza sanitaria transfrontaliera sicura e di qualità, promuovendo una migliore cooperazione in ambito sanitario tra Stati membri, nel pieno rispetto delle giurisdizioni nazionali. Il testo contempla valori comuni fondamentali come l’universalità, l’accessibilità di servizi sanitari di buon livello, la parità e la solidarietà. Ne derivano chiari vantaggi per i pazienti, soprattutto quelli che soffrono di patologie croniche e rare, poiché potranno rivolgersi a centri di eccellenza nel settore che li riguarda. Questa direttiva costituisce un altro esempio dei modi in cui l’Unione può mettersi al servizio dei cittadini, consentendo loro di scegliere l’istituzione sanitaria più adatta indipendentemente dallo Stato membro in cui ha sede.

 
  
MPphoto
 
 

  Carlos Coelho (PPE), per iscritto. (PT) Gli Stati membri hanno il dovere di offrire ai propri cittadini i servizi sanitari sicuri, qualitativamente elevati ed efficienti di cui hanno bisogno. La direttiva in esame non può, pertanto, minare la libertà dello Stato membro di scegliere la forma di assistenza sanitaria che reputa più adeguata. Viviamo in uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia, all’interno del quale i cittadini europei possono circolare liberamente. È dunque essenziale definire norme chiare nel settore dell’assistenza sanitaria transfrontaliera, con particolare riguardo ai costi delle cure ricevute in un altro Stato membro. In conformità alla giurisprudenza della Corte di giustizia dell’Unione europea, la direttiva garantisce maggiore sicurezza ai cittadini dell’UE, consentendo loro di sottoporsi ai trattamenti necessari in un altro Stato membro e di essere rimborsati entro il massimale previsto dai rispettivi sistemi sanitari. È altresì indispensabile creare un sistema di autorizzazione preventiva per l’assistenza ospedaliera che sia flessibile e permetta ai pazienti di accedere a cure sicure e di qualità. L’atto rappresenta un primo, fondamentale passo verso la mobilità dei pazienti nell’UE: la presenza di norme minime comuni è, difatti, preferibile alle singole pronunce in sede giudiziale.

 
  
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. − Valuto positivamente l'adozione della Direttiva volta a introdurre nuove regole in materia di assistenza sanitaria transfrontaliera. Con la nuova normativa, l'Europa compie un passo importante, non solo nel senso di un'agevolazione dell'assistenza sanitaria, specie nelle regioni di confine, e di un ampliamento delle opportunità di cura per i cittadini dell'UE, ma anche di un generale avanzamento nel settore sanitario, grazie agli incentivi alla ricerca provenienti dalla cooperazione tra gli Stati. In particolare, approvo l'introduzione di norme volte a rafforzare la cooperazione in materia di patologie rare, così da consentire a coloro che ne soffrono di poter beneficiare dei vantaggi derivanti da una più stretta collaborazione sanitaria tra gli Stati membri. Inoltre, la norma che vincola il rimborso alla condizione che il trattamento e i costi siano coperti dai rispettivi sistemi sanitari, nonché la previsione di un'autorizzazione preventiva per i trattamenti che comportano un ricovero, rappresentano clausole di salvaguardia, volte ad assicurare la stabilità dei sistemi sanitari nazionali. La Direttiva consente pertanto di procedere in maniera significativa lungo la via del miglioramento dei servizi sanitari, realizzando il giusto compromesso tra le esigenze degli Stati che dell'erogazione di tali servizi sono responsabili e quelle dei cittadini che ne sono i principali beneficiari.

 
  
MPphoto
 
 

  Corina Creţu (S&D), per iscritto. (RO) Il progetto di risoluzione legislativa sulla posizione del Consiglio in prima lettura in vista dell’adozione della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio concernente l’applicazione dei diritti dei pazienti relativi all’assistenza sanitaria transfrontaliera rappresenta un documento importante, e la sua approvazione costituirà un progresso significativo sul piano sociale. La possibilità di ricevere cure mediche in qualunque Stato membro dell’UE costringerà i paesi in cui il sistema sanitario versa in condizioni precarie a rivedere le rispettive priorità e dedicare a questo settore l’attenzione che merita.

Allo stesso modo, si presenta l’opportunità di innescare una concorrenza diretta tra i vari sistemi, spingendoli ad evolversi e a prestare la dovuta attenzione alle aspettative ed esigenze dei pazienti.

Nel contempo, la direttiva incoraggerà la creazione di centri di eccellenza medica a livello transfrontaliero, che diventeranno anche luoghi di istruzione e formazione specializzata per studenti e medici.

 
  
MPphoto
 
 

  Vasilica Viorica Dăncilă (S&D), per iscritto. (RO) Ritengo utile che la direttiva concernente l’applicazione dei diritti dei pazienti relativi all’assistenza sanitaria transfrontaliera introduca l’obbligo di redigere un elenco di condizioni e criteri specifici in base al quale un’autorità nazionale dovrà giustificare l’eventuale rifiuto di autorizzare il trattamento di un paziente in una struttura estera. Tali condizioni devono altresì tener conto del potenziale rischio per il paziente stesso o il pubblico, qualora vengano presentate diverse richieste dello stesso tipo. Mi auguro che la direttiva ottenga anche l’approvazione del Consiglio ed entri in vigore quanto prima, nell’interesse dei pazienti.

 
  
MPphoto
 
 

  Proinsias De Rossa (S&D), per iscritto. (EN) Sono favorevole a questa proposta circa l’assistenza sanitaria transfrontaliera. Le cure mediche non dovrebbero mai essere considerate alla stregua di un servizio commerciale. Questa iniziativa mira ad assicurare che non vi siano ostacoli superflui all’ottenimento di cure mediche in uno Stato membro diverso dal proprio; intende altresì attuare gli orientamenti che la Corte di giustizia dell’Unione europea ha espresso nelle proprie sentenze, proponendosi di fare maggiore chiarezza sul diritto del paziente a essere rimborsato dallo Stato di origine. È importare non solo garantire servizi sanitari transfrontalieri sicuri, qualitativamente elevati, accessibili ed efficienti, ma anche assicurare il giusto equilibrio tra il diritto dei pazienti dell’UE a rivolgersi a istituzioni sanitarie estere, da un lato, e le capacità dei sistemi sanitari nazionali nonché le relative priorità, dall’altro. La direttiva farà luce sul rimborso dei costi per le cure ricevute in un altro Stato membro, garantendo il buon funzionamento e l’equilibrio finanziario dei sistemi sanitari di ciascun paese. È essenziale che gli Stati membri dispongano l’istituzione di un sistema di autorizzazione preventiva ben definito per la copertura dei costi derivanti da trattamenti ospedalieri o specializzati.

 
  
MPphoto
 
 

  Marielle De Sarnez (ALDE), per iscritto.(FR) Proponendo un sistema che assegna priorità alle esigenze dei pazienti, inviamo un segnale forte ai nostri concittadini. Il Parlamento europeo ha mantenuto una posizione compatta e ferma su questo atto di riconoscimento dei bisogni dei pazienti europei, che rappresenta un primo passo verso il rafforzamento del diritto ad accedere a un’assistenza sanitaria di qualità nel nostro continente. Secondo le nuove norme, i cittadini europei potranno essere rimborsati per le cure ricevute in un altro Stato membro a condizione che lo stesso trattamento sia normalmente rimborsabile, per tipologia e per costi, nel paese di origine del paziente. Le autorità potranno invitare i pazienti a richiedere un’autorizzazione preventiva qualora il trattamento preveda un ricovero di almeno una notte o cure specializzate; qualunque rifiuto dovrà essere motivato con chiarezza. Il ricorso all’assistenza sanitaria transfrontaliera potrebbe giovare, in particolar modo, ai pazienti costretti ad affrontare lunghe liste di attesa o impossibilitati a ottenere cure specializzate. Adesso occorre garantire che l’attuazione della direttiva venga seguita adeguatamente e produca risultati concreti sull’assistenza sanitaria, nell’interesse dei pazienti europei.

 
  
MPphoto
 
 

  Anne Delvaux (PPE), per iscritto.(FR) Il tema dell’assistenza sanitaria transfrontaliera è da tempo al centro di negoziati. La questione ha scatenato un’ondata di proteste quando, in una precedente versione del testo, si profilò il rischio di un’assistenza sanitaria a due velocità, intesa a promuovere il turismo sanitario per i pazienti con maggiori possibilità economiche e a danneggiare gli Stati membri che non avrebbero potuto pianificare i propri servizi sanitari sulla base di una domanda correlata alla qualità offerta. Il testo adottato lo scorso mercoledì è più consensuale e consente ai pazienti europei di ricevere cure che non sono disponibili nei rispettivi paesi o per cui le liste di attesa sono molto lunghe. I costi derivanti dalle cure in un altro Stato membro saranno rimborsati nel paese in cui il paziente risiede, ma non potranno superare l’importo richiesto per un trattamento analogo. I pazienti dovranno inoltre richiedere un’autorizzazione preventiva per talune cure specializzate o per ricoveri di almeno una notte; ogni rifiuto dovrà essere motivato. Si tratta di un ulteriore progresso verso la realizzazione di un’Europa della sanità, e non possiamo che esserne soddisfatti.

 
  
MPphoto
 
 

  Robert Dušek (S&D), per iscritto.(CS) Il tema dell’accessibilità all’assistenza sanitaria transfrontaliera è caratterizzato da una disinformazione generalizzata e da un atteggiamento di rifiuto a priori. Nel quadro delle libertà fondamentali sancite dall’UE, ogni cittadino dovrebbe avere la possibilità, in via di principio, di ricorrere ai servizi di sanitari di un altro Stato membro qualora la terapia o le cure siano di qualità più elevata o più rapide e laddove il cittadino stesso si faccia carico dei relativi costi. Consentire ai pazienti di accedere ai servizi sanitari di un altro Stato membro è pertanto una priorità. Questa discussione si protrae da anni senza compiere progressi significativi: è ammesso ricevere cure mediche in un altro paese dell’UE solo in casi di emergenza, il che rende impossibile la pianificazione dei trattamenti.

Permane l’obbligo di iscrizione al regime nazionale di assicurazione malattia, che può essere richiesta, ovviamente, soltanto dai cittadini dell’Unione europea con residenza permanente nello Stato in questione. Questa disposizione è semplicemente assurda, visto che i cittadini possono avere soltanto un recapito permanente, che sarà nel paese in cui risiedono, e non possono pertanto aderire al regime di due o più paesi dell’UE. Con questo provvedimento di legge impediamo dunque ai cittadini dell’UE di investire ancor più nella propria salute e nelle cure necessarie, qualora lo desiderino. Tuttavia, la raccomandazione costituisce perlomeno un piccolo passo nella giusta direzione; ho dunque espresso voto favorevole.

 
  
MPphoto
 
 

  José Manuel Fernandes (PPE), per iscritto. (PT) La proposta in esame chiarisce e semplifica l’accesso all’assistenza sanitaria transfrontaliera nonché l’esercizio del diritto di rimborso nei confronti dello Stato membro di affiliazione, consentendo così a tutti i pazienti dell’UE di beneficiare dei servizi sanitari offerti in un altro Stato membro. In realtà, tali diritti sono già riconosciuti dalla Corte di giustizia dell’Unione europea; questo atto rappresenta un passo avanti nel processo di integrazione europea e verso il consolidamento della solidarietà, nella misura in cui si riducono le liste di attesa, migliora la qualità dell’assistenza sanitaria e si impartisce uno slancio alla ricerca scientifica. Le patologie rare sono una priorità, e adesso è possibile effettuare la diagnosi e ricevere le cure necessarie nello Stato membro più adatto allo scopo. Questa direttiva si rivolge a tutti i cittadini europei che necessitano di assistenza sanitaria. Sbaglia dunque il Ministro della sanità portoghese quando afferma che queste disposizioni giovano soltanto ai cittadini con un grado di istruzione più elevato o con maggiori possibilità economiche: questa è la situazione che si crea attualmente, in assenza della direttiva. Il Portogallo, dotato di un eccellente sistema sanitario, non può restare ai margini di un progetto tanto importante; il paese deve cogliere l’opportunità offerta dalla direttiva per attuare altri interventi di modernizzazione e fornire un’assistenza sanitaria competitiva ai cittadini europei interessati.

 
  
MPphoto
 
 

  Carlo Fidanza (PPE), per iscritto. − Accolgo con favore la nuova normativa che regola il diritto dei pazienti alle cure mediche in un altro paese dell'UE. Il lavoro del PPE, in stretta collaborazione con gli altri gruppi politici, è stato ancora una volta fondamentale: l'approvazione della relazione della collega francese Grossetête arriva dopo lunghi negoziati con il Consiglio e consente di compiere un passo in avanti significativo in un settore in cui le normative vigenti non erano sufficienti. Le nuove norme, che riguardano solo coloro i quali scelgono di farsi curare all'estero, stabiliscono che i cittadini dell'UE possono essere rimborsati per l'assistenza medica che ricevono in un altro Stato membro, a condizione che fosse prevista nel loro paese di appartenenza la copertura del trattamento e dei relativi costi. Tutto ciò assume particolare valenza se si pensa al fatto che la ricerca di cure sanitarie all'estero potrebbe avvantaggiare soprattutto i pazienti inseriti in lunghe liste d'attesa, o quelli che non sono in grado di trovare cure specialistiche.

 
  
MPphoto
 
 

  Ilda Figueiredo (GUE/NGL), per iscritto. (PT) Abbiamo votato contro la direttiva concernente l’applicazione dei diritti dei pazienti relativi all’assistenza sanitaria transfrontaliera, malgrado gli emendamenti al testo iniziale. La versione finale, frutto di un compromesso con la maggioranza del Consiglio, prevede un periodo di trenta mesi per il recepimento da parte degli Stati membri.

Il nostro voto contrario è dovuto all’applicazione del principio della libera circolazione ai servizi sanitari, che non tiene conto delle loro specificità né della necessità di garantire un servizio sanitario pubblico teso a rispondere innanzi tutto alle esigenze dei cittadini del paese.

Dovremmo tener presente che questa proposta della Commissione è stata presentata in seguito ai fatti del 2007. All’epoca il Parlamento europeo si oppose all’inclusione dei servizi sanitari nella sfera di applicazione della direttiva sui servizi nel mercato interno in seguito all’opposizione dei lavoratori e del pubblico, che consentì di stralciare il provvedimento da quella infelice versione della direttiva Bolkestein.

Ciononostante, la decisione finale del Parlamento, che abbiamo sempre osteggiato, comprende una serie di concessioni che permettono agli Stati membri di utilizzare, se lo desiderano, determinati meccanismi per proteggere i propri servizi pubblici.

Pertanto, anche se questo potrebbe complicare l’accesso ai servizi sanitari, in particolare per i cittadini che non possono ricorrere alla sanità privata o sostenere i costi di un soggiorno all’estero, le conseguenze pratiche della sua attuazione continueranno a dipendere dalle disposizioni del parlamento e del governo portoghesi.

 
  
MPphoto
 
 

  Lorenzo Fontana (EFD), per iscritto. − Il diritto all'assistenza sanitaria per i cittadini che si trovano all'estero deve necessariamente compiere dei progressi rispetto alla situazione attuale. Auspico che non si materializzi il timore di una eccessiva ingerenza della legislazione comunitaria rispetto a quella degli Stati membri, tuttavia ritengo positivo che i cittadini possano acquisire il diritto alle cure mediche in uno Stato membro ed essere rimborsati fino al massimale previsto dal regime nazionale. Per queste ragioni, ritengo di appoggiare la raccomandazione della collega.

 
  
MPphoto
 
 

  Pat the Cope Gallagher (ALDE), per iscritto. (GA) Sostengo il diritto dei pazienti a ricorrere, ove necessario, ai servizi sanitari di un paese dell’UE diverso da quello di provenienza. Ogni cittadino irlandese, anzi ogni cittadino europeo, ha il diritto di recarsi in un altro Stato dell’Unione per ricevere le cure mediche necessarie. Non sono favorevole al “turismo sanitario”, bensì a un sistema che aiuti i pensionati residenti all’estero e i cittadini affetti da patologie rare.

 
  
MPphoto
 
 

  Elisabetta Gardini (PPE), per iscritto. − Durante le discussioni precedenti, in sede di commissione parlamentare, più volte è stato ribadito che la presente direttiva non vuole incoraggiare il "turismo sanitario", ma solo stabilire regole chiare sull’assistenza sanitaria transfrontaliera.

È importante che il ricorso a cure mediche in un altro Stato membro diverso da quello di appartenenza sia vincolato a una necessità comprovata e oggettiva in modo tale da evitare che i sistemi sanitari nazionali siano sovraccaricati di oneri finanziari eccessivi che ne comprometterebbero necessariamente l’efficienza. Un passo in avanti è stato fatto per quanto riguarda le malattie rare: i pazienti avranno un accesso più agevole a cure altamente specializzate e la possibilità di richiedere una consultazione specialistica in un altro Stato membro.

Ritengo in tal senso rilevante che vengano istituiti dei punti di contatto nazionali per garantire ai pazienti informazioni esaustive sui trattamenti disponibili in altri Paesi e sulle modalità di accesso e rimborso delle cure transfrontaliere. Mi preme infine sottolineare che in nessun caso deve essere messa in discussione l’esclusiva competenza degli Stati in materia di "paniere delle cure" e di scelte etiche in campo sanitario.

 
  
MPphoto
 
 

  Lidia Joanna Geringer de Oedenberg (S&D), per iscritto.(PL) La direttiva concernente l’applicazione dei diritti dei pazienti relativi all’assistenza sanitaria transfrontaliera costituisce un nuovo, indispensabile strumento normativo, che può migliorare in misura significativa la situazione dei pazienti nell’Unione europea. Oggigiorno i pazienti che desiderino ricorrere ai servizi medici di un paese diverso dal proprio incontrano numerosi ostacoli amministrativi e finanziari, al punto che soltanto i più abbienti possono permettersi il lusso di essere curati all’estero. In risposta a questi problemi, la proposta di direttiva consente di snellire al massimo le procedure amministrative, ad esempio limitando l’obbligo di autorizzazione preventiva del trattamento da parte dell’istituzione sanitaria nazionale e assicurando un migliore scambio di informazioni sui servizi medici offerti in altri paesi attraverso l’istituzione di punti di contatto nazionali. Ciò non equivale a promuovere il “turismo sanitario”, come affermano alcuni, bensì a garantire il diritto a un’assistenza affidabile e di qualità ove necessario. Credo inoltre che, nel lungo periodo, la direttiva possa contribuire a ravvicinare il livello dei servizi medici offerti nei singoli Stati membri.

Il bene dei pazienti dovrebbe essere il primo dei nostri pensieri nell’esaminare questo progetto di direttiva. Al legislatore spetta il compito di ridurre al minimo le formalità collegate all’accesso ai servizi sanitari e offrire ai cittadini che lo richiedano un’ampia scelta di cure mediche. Appoggio dunque caldamente la proposta di direttiva concernente l’applicazione dei diritti dei pazienti relativi all’assistenza sanitaria transfrontaliera; auspico inoltre che i negoziati, in corso da ormai sette anni, conducano a un’intesa con il Consiglio.

 
  
MPphoto
 
 

  Robert Goebbels (S&D), per iscritto.(FR) Ho infine deciso di votare per la direttiva sull’assistenza sanitaria transfrontaliera. Il compromesso tra il Parlamento e il Consiglio è accettabile, soprattutto perché riconosce il diritto degli Stati ad adottare misure volte a preservare l’equilibrio finanziario dei propri sistemi previdenziali, anche grazie al sistema di autorizzazione preventiva per il rimborso delle cure ospedaliere ricevute in un altro Stato membro. Si eviterà così ogni forma di turismo sanitario.

La precedente Commissione sbagliava a considerare l’assistenza sanitaria alla stregua di un qualunque servizio commerciale, così come alcuni membri di quest’Assemblea commettono un errore quando annunciano la creazione di un’Europa della sanità. Le cure migliori non saranno mai accessibili al cittadino comune, ma dipenderanno dai contatti e, in particolare, da un portafoglio rigonfio: purtroppo la realtà dei fatti è questa, e la direttiva non può eluderla.

 
  
MPphoto
 
 

  Louis Grech (S&D), per iscritto. (EN) Accolgo con favore la relazione dell’onorevole Grossetête sull’adozione della direttiva concernente l’applicazione dei diritti dei pazienti relativi all’assistenza sanitaria transfrontaliera. La votazione odierna rappresenta un altro passo verso la codificazione dei diritti dei pazienti nella legislazione dell’UE. È indispensabile che, dopo l’entrata in vigore della direttiva, i pazienti non siano lasciati da soli a sostenere gli oneri economici di cure mediche transfrontaliere e che i rimborsi vengano effettuati tempestivamente e senza intoppi. Qualità, parità, solidarietà e universalità dell’assistenza sanitaria devono restare i principi guida durante le fasi di recepimento e attuazione negli Stati membri; i governi dovrebbero altresì stabilire scadenze pubbliche ed elaborare piani di azione per seguire e garantire l’attuazione.

Infine, per conferire piena efficacia alla direttiva, la Commissione deve osservare e controllare il coordinamento tra lo Stato membro di affiliazione e quello dove si effettua il trattamento, assicurando che si eviti qualunque disuguaglianza e disparità nell’accesso dei pazienti ai servizi sanitari transfrontalieri.

 
  
MPphoto
 
 

  Nathalie Griesbeck (ALDE), per iscritto.(FR) Il fatto che io provenga dalla sola regione francese confinante con tre Stati membri dell’UE e che rappresenti dunque una circoscrizione elettorale particolarmente interessata dalle questioni transfrontaliere mi rende molto sensibile a tali problematiche. In effetti, i confini rappresentano fin troppo spesso un ostacolo nella vita quotidiana dei cittadini. L’Europa si fonda sul principio della libera circolazione delle persone, che deve applicarsi anche ai pazienti; il tema dell’assistenza sanitaria transfrontaliera assume, in questa prospettiva, un’importanza fondamentale. Ho dunque votato a favore della relazione sui diritti dei pazienti relativi all’assistenza sanitaria transfrontaliera, un testo che consentirà ai cittadini di ricorrere più agevolmente ai servizi sanitari di un altro Stato membro. Esso chiarisce soprattutto le norme applicabili; inoltre, i pazienti potranno beneficeranno di una maggiore informazione (in particolare attraverso i punti di contatto) circa i loro diritti e il rimborso delle cure. Si tratta pertanto di un passo determinante e molto concreto, che conferirà un effettivo valore aggiunto alla costruzione di un’Europa sociale e di una vera Europa della sanità.

 
  
MPphoto
 
 

  Mathieu Grosch (PPE), per iscritto. (DE) Accolgo con favore la direttiva concernente i diritti dei pazienti relativi all’assistenza sanitaria transfrontaliera. L’offerta di servizi sanitari caratterizzati dalla massima tempestività e da un chiaro orientamento al paziente, che siano accessibili anche ai cittadini di altri Stati membri, costituisce un presupposto fondamentale per ravvicinare ancor più l’Europa. L’assistenza sanitaria transfrontaliera è all’ordine del giorno in zone di confine come quella da cui provengo; guardo dunque con soddisfazione alla maggiore accessibilità di servizi sanitari affidabili e qualitativamente elevati nonché alla semplificazione del rimborso dei costi. In particolare, condivido l’idea di creare un valore aggiunto per i pazienti in lista di attesa. Le nuove disposizioni consentiranno loro di essere curati più rapidamente in un altro Stato membro, anziché attendere tempi molto lunghi nel proprio. Da un lato, è vero che l’introduzione di norme sul rifiuto dell’autorizzazione preventiva è una scelta ragionevole e contribuisce a una maggiore chiarezza. Dall’altro, alcuni problemi legati alla sanità transfrontaliera restano irrisolti; mi riferisco in particolare ai pendolari abituali tra paesi, che dopo il pensionamento si vedranno negato o limitato l’accesso a servizi per loro importanti nel paese in cui lavoravano.

 
  
MPphoto
 
 

  Sylvie Guillaume (S&D), per iscritto.(FR) Ho espresso parere favorevole al testo, grazie al quale si evita che l’assistenza sanitaria diventi l’ennesimo bene commerciale. Desidero inoltre ringraziare la Presidenza spagnola per questa iniziativa e per il sostegno offerto alla reistituzione del sistema di autorizzazione preventiva per le cure specializzate a livello transfrontaliero.

Se è vero che l’Unione europea promuove la mobilità dei cittadini e ha il dovere di legiferare sui servizi sanitari, occorre comunque assicurare che la sanità resti un bene pubblico, accessibile a tutti in condizioni ottimali, evitando che si trasformi in una fonte di reddito e un ambito di concorrenza tra i sistemi sanitari e previdenziali nazionali.

 
  
MPphoto
 
 

  Małgorzata Handzlik (PPE), per iscritto.(PL) La direttiva concernente l’applicazione dei diritti dei pazienti relativi all’assistenza sanitaria transfrontaliera rappresenta un passo indispensabile verso l’abolizione delle barriere che i pazienti hanno finora incontrato negli Stati membri dell’Unione europea. Il suo obiettivo principale è semplificare l’accesso dei pazienti al sistema sanitario di altri paesi dell’UE e, in particolare, ai servizi che non sono rapidamente disponibili nei rispettivi Stati. È una novità positiva soprattutto per i cittadini che abitano in zone di confine e, ancora di più, per quanti soffrono di patologie rare e necessitano di cure specializzate non disponibili nel proprio paese. Guardo altresì con favore alle disposizioni che conferiscono determinati vantaggi ai pazienti, come il reciproco riconoscimento delle prescrizioni, l’abolizione dell’obbligo di iscrizione al regime di assicurazione malattia estero e l’accesso alle cartelle cliniche. Ugualmente essenziale è la proposta di istituire punti di contatto nazionali, che avranno il compito di informare i pazienti in merito ai loro diritti.

I pazienti dovrebbero ricevere informazioni esaustive sulle procedure per l’accesso ai servizi sanitari esteri, nonché sull’iter per ottenere il rimborso delle relative spese, che varierà a seconda dei costi nel paese in cui il paziente stesso è assicurato. Credo che le soluzioni proposte agevoleranno l’accesso a servizi sanitari sicuri e qualitativamente elevati in tutta l’Unione europea.

 
  
MPphoto
 
 

  Ian Hudghton (Verts/ALE), per iscritto. (EN) Alcuni anni fa votai per l’esclusione dell’assistenza sanitaria dall’ambito di applicazione della direttiva sui servizi; inoltre, mi sono pronunciato a sfavore della direttiva sull’assistenza sanitaria transfrontaliera in prima lettura. All’epoca esisteva l’evidente tendenza, in seno alla Commissione, a trattare i servizi sanitari come un bene commerciale. Questo approccio non rispecchia la mia idea di sanità, perché i pazienti non possono essere considerati alla stregua di consumatori paganti. Il Consiglio ha tuttavia apportato profondi miglioramenti al progetto di direttiva, conferendogli una base giuridica diversa dalla mera disciplina del mercato interno. Ho dunque votato a favore della relazione, nell’auspicio che rafforzi i diritti dei pazienti in tutta Europa.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. (LT) Ho espresso voto favorevole alla relazione, che intende rafforzare i diritti dei pazienti relativi all’assistenza sanitaria transfrontaliera. È deprecabile che vi siano oggigiorno troppe incertezze su questioni quali l’accessibilità delle cure, i rimborsi nonché la responsabilità per l’osservazione clinica post-trattamento nel settore delle cure transfrontaliere. La direttiva in esame dovrà permettere a tutti i pazienti, e non soltanto ai più informati o ai più fortunati, di beneficiare di un certo numero di diritti già riconosciuti dalla Corte di giustizia dell’Unione europea in materia di assistenza sanitaria. Non si tratta affatto di incoraggiare le cure transfrontaliere in quanto tali ma di renderle possibili, sicure e di elevata qualità nei casi in cui si rivelino utili o necessarie. La direttiva deve essere un’opportunità per i pazienti, un’opportunità basata sulla necessità e non sulle possibilità economiche, sulla scelta informata e non sull’obbligo. Condivido peraltro la seguente proposta del Parlamento: onde evitare discriminazioni contro i cittadini con un reddito più modesto, il ricovero nello Stato membro in cui l’assistenza è fornita dovrebbe essere a carico dello Stato membro di origine, eliminando l’obbligo preliminare di apertura di un conto da parte del cittadino, oppure tutti i costi sostenuti dal paziente dovrebbero, perlomeno, essere rimborsati immediatamente. È altresì essenziale che ciascuno Stato membro istituisca punti di contatto nazionali per fornire ai pazienti tutte le informazioni necessarie circa la disponibilità dell’assistenza sanitaria, le procedure e la documentazione richiesta.

 
  
MPphoto
 
 

  Filip Kaczmarek (PPE), per iscritto.(PL) Ho espresso parere favorevole all’adozione della relazione Grossetête per una serie di ragioni fondamentali. La direttiva concernente l’applicazione dei diritti dei pazienti relativi all’assistenza sanitaria contiene molti elementi positivi: elimina gli ostacoli alla prestazione di cure mediche, assicura pari accesso a tutti i servizi sanitari all’interno dell’UE, pone fine alle discriminazioni contro i pazienti e introduce il reciproco riconoscimento delle prescrizioni, oltre a ridurre i tempi di attesa per una visita medica e ad abolire l’obbligo di iscrizione all’assicurazione malattia estera. Altri pregi di questo documento sono l’accesso a un’ampia scelta di servizi sanitari per i cittadini affetti da patologie rare nonché l’aumento della percentuale rimborsabile per i disabili.

La direttiva contribuisce inoltre a prevenire il turismo sanitario, stabilendo che i costi del trattamento saranno rimborsati entro il livello garantito nel paese che offre la copertura assicurativa; qualora le spese sostenute siano inferiori a tale cifra, verrà rimborsato l’intero importo.

La questione dell’autorizzazione ha dato luogo a un intenso dibattito; il consenso preventivo dell’assicurazione malattia nazionale sarà necessario soltanto in caso di cure ospedaliere o procedure mediche particolarmente dispendiose, e non per un qualunque trattamento, posto che quest’ultimo rientri nel novero dei servizi garantiti. Se uno Stato membro non ha autorizzato l’effettuazione di cure specializzate su un paziente a livello nazionale, la direttiva non sancisce il diritto del paziente a ricevere tale trattamento all’estero oppure a ottenerne il rimborso; un’importante eccezione è rappresentata dai cittadini affetti da patologie rare.

 
  
MPphoto
 
 

  Sandra Kalniete (PPE) , per iscritto. (LV) La direttiva concernente il diritto dei cittadini dell’Unione europea a ricevere cure mediche in uno dei 27 Stati membri rappresenta un significativo miglioramento dell’assistenza sanitaria nell’UE. La sua adozione giunge in un momento particolarmente opportuno, considerando la notevole mobilità dei lavoratori all’interno dell’Unione. Quando la direttiva entrerà in vigore, i pazienti potranno ottenere informazioni esaustive sulle nuove norme, imparando così a conoscere le opportunità loro offerte e a sfruttarle appieno. I cittadini potranno ricevere le prime cure in un qualunque Stato membro, mentre ai medici non è consentito rifiutarsi di intervenire. Il testo stabilisce inoltre che, in futuro, i pazienti potranno scegliere lo Stato membro in cui desiderano essere sottoposti a trattamenti pianificati.

I pazienti dovranno però ottenere un’autorizzazione preventiva da parte del proprio Stato di origine, poiché il rimborso verrà determinato secondo i costi correnti nel paese di residenza. Ad ogni modo, si tratta di un passo nella giusta direzione, che promuoverà la disponibilità di servizi sanitari. Va ricordato che i cittadini hanno diritto a ricevere cure mediche in uno Stato membro qualora tali cure non siano offerte nel rispettivo paese di residenza, una possibilità che assume particolare importanza nel caso delle patologie rare. Io e il mio gruppo siamo dunque favorevoli alla direttiva, che costituisce un’iniziativa essenziale del Parlamento e avrà effetti positivi sulla vita dei cittadini europei.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Egregio Presidente, cari colleghi, ho sostenuto la raccomandazione della collega Grossetête perché si tratta di una proposta di direttiva a favore dei cittadini europei. La nuova regolamentazione in tema di cure mediche stabilisce, infatti, che i cittadini possono essere rimborsati per l'assistenza medica ricevuta in un altro Stato membro, a condizione che il trattamento e i costi sarebbero stati normalmente coperti nel loro paese. Si tratta di un risultato raggiunto a vantaggio dei pazienti e che accorcerà notevolmente i tempi di attesa, talvolta eccessivamente lunghi. La nostra società è sempre più mobile, e credo sia giusto favorire, più di ieri, la mobilità dei cittadini nell'Unione Europea, anche in un settore di vitale importanza, quale quello dell'assistenza sanitaria. Ritengo, inoltre, importante sottolineare le nuove norme in tema di lotta alle malattie rare, che puntano ad un rafforzamento delle misure di cooperazione tra i vari Stati membri, al fine di garantire pienamente ai pazienti europei il loro diritto ad essere curati.

 
  
MPphoto
 
 

  Elżbieta Katarzyna Łukacijewska (PPE), per iscritto.(PL) Considero un successo la direttiva concernente l’applicazione dei diritti dei pazienti relativi all’assistenza sanitaria transfrontaliera, e ho dunque espresso parere favorevole. Poiché la salute è uno dei beni più preziosi a noi concessi, vorrei che gli europei godessero di servizi sanitari di massimo livello. La direttiva offre opportunità e speranze ai pazienti, spingendo altresì i sistemi sanitari nazionali ad attuare nuove riforme e aprendo gli ospedali e le cliniche d’Europa anche ai pazienti polacchi. Il testo corrobora l’idea che l’Europa sia davvero un progetto in fase di realizzazione e che la nostra priorità stia nel migliorare e promuovere la cooperazione degli Stati membri nel settore della tutela sanitaria.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. (EN) Ho votato a favore della relazione perché è stato precisato che, all’estero, i pazienti britannici potranno ricevere soltanto le cure mediche pubbliche alle quali avrebbero diritto in patria. Mi compiaccio che siano stati respinti gli emendamenti con cui si cercava di rendere idonei al rimborso anche tutti i metodi di trattamento sufficientemente testati dalla medicina internazionale o ugualmente efficaci. Un uso incontrollato dell’assistenza sanitaria transfrontaliera avrebbe imposto oneri enormi al sistema britannico.

 
  
MPphoto
 
 

  Jiří Maštálka (GUE/NGL), per iscritto. (CS) Il documento in esame si ricollega a una discussione che impegnò il Parlamento europeo nella precedente legislatura. La proposta originaria della Commissione conteneva pecche e rischi che avrebbero potuto ripercuotersi negativamente sulla tutela dei consumatori, e dunque dei cittadini. Accolgo con favore il compromesso introdotto dall’emendamento n. 107, principalmente perché rafforza le garanzie per i pazienti nel settore dell’assistenza sanitaria transfrontaliera, sottolineando altresì la tendenza virtuosa verso una maggiore informazione del paziente. Il mio ultimo apprezzamento (ma non per questo meno importante) riguarda la responsabilità degli Stati membri nell’offerta di servizi sanitari sicuri, qualitativamente elevati, efficienti ed accessibili sul proprio territorio, responsabilità che viene rimarcata nell’emendamento. Ritengo inoltre essenziale che si definiscano le condizioni alle quali uno Stato membro può rifiutare l’autorizzazione preventiva. L’emendamento compie inoltre progressi soddisfacenti sul tema dell’interoperabilità, sostenendo la cooperazione nei settori della prevenzione e della diagnostica.

 
  
MPphoto
 
 

  Véronique Mathieu (PPE), per iscritto.(FR) Come possiamo garantire il diritto fondamentale di tutti i cittadini europei a circolare liberamente nell’Unione senza offrire loro l’opportunità di essere curati agevolmente in uno Stato membro diverso dal proprio? L’adozione di questo progetto di direttiva consentirà finalmente l’inclusione in un testo di legge della mobilità dei pazienti, uno degli aspetti intrinseci nella mobilità dei cittadini. Desidero congratularmi con la nostra relatrice per aver raggiunto un accordo con il Consiglio su un testo così importante, la cui adozione è stata rimandata troppo a lungo. Mi auguro che, nel lungo periodo, il recepimento nelle legislazioni nazionali permetterà ai cittadini europei di accedere realmente a servizi sanitari di qualità a livello transfrontaliero.

 
  
MPphoto
 
 

  Nuno Melo (PPE), per iscritto. (PT) Oggigiorno questioni come l’accessibilità dell’assistenza sanitaria, i rimborsi nonché la responsabilità per l’osservazione clinica post-trattamento in relazione alle cure transfrontaliere sono oggetto di incertezza per la maggior parte dei cittadini europei. L’obiettivo della direttiva in esame è permettere a tutti i pazienti, e non soltanto ai più informati o ai più fortunati, di beneficiare di un certo numero di diritti già riconosciuti dalla Corte di giustizia dell’Unione europea in materia di assistenza sanitaria. Il testo non sottrae però competenze di sanità agli Stati membri né interviene sulla libera circolazione dei prestatori di servizi, concentrandosi solo sui pazienti e sulla loro mobilità all’interno dell’Unione.

 
  
MPphoto
 
 

  Andreas Mölzer (NI), per iscritto. (DE) Se le liste di attesa per un intervento chirurgico sono sature nel paese del paziente, questi sarà enormemente sollevato dalla prospettiva che i costi di un eventuale trattamento all’estero siano rimborsati dall’assicurazione malattia nazionale. Le nuove norme consentiranno ai cittadini affetti da patologie croniche di muoversi all’interno dell’Unione europea, ma saranno utili soltanto se riusciranno anche a prevenire il turismo sanitario; tale fenomeno eserciterebbe infatti una pressione ancora maggiore sui regimi di assicurazione malattia, che versano già in condizioni difficili. Oltre al rischio di sovraccarico per alcuni settori medici nei paesi con elevati standard sanitari, potrebbero insorgere costi spropositati per gli Stati membri dell’UE più poveri, che hanno investito risorse inferiori nella sanità. Non va dunque dimenticato che il meccanismo per cui i sistemi previdenziali dei paesi dell’UE dovrebbero rimborsarsi fra loro non funziona e che negli anni si sono accumulati debiti per milioni di euro. In teoria, gli Stati membri possono escludere determinati trattamenti se esiste il timore che l’afflusso di pazienti stranieri comprometta il funzionamento del sistema sanitario nazionale; in realtà, questa ipotesi è di difficile realizzazione. Non siamo neppure riusciti a risolvere i problemi esistenti riguardo ai rimborsi, mentre è poco probabile che le misure di prevenzione del turismo sanitario si rivelino efficaci. Ho votato contro la proposta di risoluzione per evitare un’impennata dei costi connessi alla previdenza sociale.

 
  
MPphoto
 
 

  Rareş-Lucian Niculescu (PPE), per iscritto. (RO) Ho espresso parere favorevole alla relazione presentata dall’onorevole Grossetête; permettere l’accesso all’assistenza sanitaria transfrontaliera è infatti un chiaro progresso per tutti i cittadini europei. Molti non dispongono di cure adeguate alla propria patologia nello Stato membro di residenza: occorre dunque offrire loro l’opportunità di ricevere tali cure in un qualunque paese dell’Unione europea, ottenendo il rimborso dei relativi costi.

 
  
MPphoto
 
 

  Wojciech Michał Olejniczak (S&D), per iscritto. – (PL) Il 19 gennaio 2011 il Parlamento europeo ha adottato la direttiva concernente l’applicazione dei diritti dei pazienti relativi all’assistenza sanitaria transfrontaliera, che intende snellire le norme sulle cure ricevute all’estero. Sono lieto di constatare il ruolo essenziale svolto dal Parlamento, nella sua qualità di colegislatore, affinché le disposizioni fossero chiare e agevolassero i pazienti, fra le altre cose, nel rimborso dei costi sostenuti per i servizi sanitari di un altro paese. La normativa sull’assistenza sanitaria transfrontaliera riveste un’importanza ancora più fondamentale per il suo impatto su ogni singolo cittadino dell’Unione europea. La direttiva garantisce il reciproco riconoscimento delle prescrizioni e un accesso più agevole alle informazioni sulle cure offerte all’estero; essa accresce inoltre le opportunità di trattamento per i cittadini affetti da patologie rare, potenziando il diritto delle persone con disabilità a ottenere rimborsi più consistenti per i costi sostenuti. Il Parlamento europeo ha altresì contribuito all’istituzione di punti di contatto nazionali in ciascuno Stato membro, che forniranno informazioni su tutti gli aspetti dei servizi sanitari esteri e agiranno in stretta collaborazione fra loro. Vorrei infine ricordare l’urgenza di questa direttiva: la legislazione in vigore in materia di assistenza sanitaria transfrontaliera è confusa ed eccessivamente complessa, e necessita dunque di uno snellimento nell’interesse di tutti gli Stati membri dell’UE.

 
  
MPphoto
 
 

  Alfredo Pallone (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore della raccomandazione in vista dell'adozione della direttiva del Parlamento e del Consiglio sull'applicazione dei diritti dei pazienti relativi all'assistenza sanitaria transfrontaliera perché ritengo indispensabile dover garantire in tutta l'Unione un'assistenza sanitaria adeguata ad alti criteri di qualità e sicurezza della salute dei cittadini. Con l'approvazione della direttiva il paziente dovrà richiedere un'autorizzazione preventiva per beneficiare dell'assistenza sanitaria di un altro Stato membro, questo per garantire la qualità e la sicurezza delle cure e dei servizi sanitari, potrà richiedere un rimborso delle cure sulla base della spesa prevista per la stessa cura nel suo paese d'origine e sarà inoltre tutelato, assistito e rimborsato per tutti i casi inerenti malattie rare, le cui cure verranno favorite dalla cooperazione nella ricerca tra gli Stati.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria do Céu Patrão Neves (PPE), per iscritto. (PT) Ogni Stato membro ha il compito di garantire ai propri cittadini l’assistenza sanitaria. La presente direttiva stabilisce norme volte ad agevolare l’accesso a un’assistenza sanitaria transfrontaliera sicura e di qualità e promuove la cooperazione tra gli Stati membri in materia di assistenza sanitaria, nel pieno rispetto delle giurisdizioni nazionali.

L’assistenza sanitaria altamente specializzata si è evoluta in modo asimmetrico, nella misura in cui sono sorti centri di eccellenza per patologie rare o croniche in paesi in determinati paesi non perché tali patologie vi siano comuni, ma perché richiedono un elevato grado di specializzazione. La correzione di tale squilibrio è indubbiamente uno dei presupposti per promuovere la libera circolazione nel settore.

La direttiva in esame è un altro esempio di come l’Europa possa mettersi al servizio dei suoi cittadini: promuove infatti la solidarietà fra popoli e crea vantaggi per i pazienti, in particolare quanti soffrono di patologie rare o croniche e trarrebbero beneficio dall’essere curati presso centri specializzati.

Per tutte le suddette ragioni ho votato a favore della relazione.

 
  
MPphoto
 
 

  Aldo Patriciello (PPE), per iscritto. − La direttiva consentirà a tutti i pazienti di beneficiare di diritti già riconosciuti dalla Corte di giustizia europea, lasciando i regimi previdenziali nella piena competenza degli Stati membri (riguarda i pazienti e la loro mobilità all'interno dell'UE e non la libera circolazione di chi presta servizio).

Sono favorevole al superamento dell'attuale quadro poco soddisfacente in materia sanitaria, determinato dalla divisione fra giurisprudenza e regimi nazionali. Voglio ricordare che il Parlamento europeo, in prima e in seconda lettura, si è espresso in questo senso, codificando la giurisprudenza della Corte pro cure transfrontaliere (un cittadino europeo ha diritto ad essere curato in un altro paese come se fosse nel proprio) e condividendo con il Consiglio la volontà di lottare contro il "turismo sanitario".

La proposta prevede un'apposita clausola di salvaguardia e un sistema di autorizzazione preventiva che risulti flessibile dal punto di vista dei pazienti ma che, al contempo, preveda la segnalazione di eventuali costi eccezionali. Intende poi rafforzare i diritti del paziente attraverso l'informazione e la cooperazione fra gli Stati membri.

Lo Stato membro di affiliazione deve fare in modo che i propri cittadini abbiano accesso alle informazioni. La proposta di seconda lettura va oltre, anticipando fin d’ora le possibilità della sanità elettronica.

 
  
MPphoto
 
 

  Rovana Plumb (S&D), per iscritto. (RO) Ho espresso voto favorevole alla relazione, che offre sostegno ai cittadini europei definendo norme chiare sui diritti dei pazienti relativi all’assistenza transfrontaliera e assicurando loro l’opportunità di prendere decisioni basate sulla necessita e non sulle possibilità economiche, sulla scelta informata e non sull’obbligo. La direttiva enuncia i seguenti principi: i cittadini potranno ricevere in un altro Stato membro, senza preventiva autorizzazione, tutte le cure non ospedaliere cui hanno diritto nel proprio Stato membro, ed essere rimborsati fino al massimale di rimborso previsto dal proprio regime. Anche l’informazione rappresenta un elemento chiave e ogni Stato membro sarà tenuto a istituire centri informativi (punti di contatto nazionali) presso cui il paziente potrà prendere conoscenza delle cure disponibili, degli adempimenti da assolvere e delle procedure di reclamo e di ricorso.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. (PT) Facendo seguito ai pronunciamenti della Corte di giustizia dell’Unione europea, la direttiva in esame intende chiarire e rafforzare il diritto dei pazienti a servizi sanitari transfrontalieri sicuri e qualitativamente elevati, promuovendo la mobilità dei pazienti all’interno dell’Unione e potenziando la collaborazione e la solidarietà fra Stati membri in questo settore. Il testo rappresenta dunque un significativo passo in avanti nel processo di integrazione europea, e ho pertanto espresso voto favorevole.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. (EN) Le norme oggi adottate rappresentano un importante progresso nel campo dei diritti dei pazienti nell’UE. I verdi ritengono che il compromesso finale approvato in questa sede raggiunga il giusto equilibrio tra la garanzia dei diritti relativi all’assistenza transfrontaliera e la qualità dei servizi sanitari offerti a livello nazionale. I pazienti potranno ricevere cure ospedaliere in un altro Stato membro ottenendo un rimborso pari a quello che spetterebbe loro nel rispettivo Stato di provenienza. Tale diritto non deve tuttavia compromettere il corretto funzionamento dei sistemi sanitari nazionali. I verdi credono che il compromesso finale consenta agli Stati membri di creare un sistema di autorizzazione preventiva ragionevole per il rimborso dei costi derivanti dalle cure; questo Parlamento è inoltre riuscito a limitare l’elenco dei casi in cui è ammesso il rifiuto della richiesta di assistenza sanitaria transfrontaliera. Va rilevato che gli Stati membri non potranno più negare il rimborso dei corsi se è stata concessa un’autorizzazione preventiva, un aspetto che ci stava molto a cuore.

 
  
MPphoto
 
 

  Marie-Thérèse Sanchez-Schmid (PPE), per iscritto.(FR) La direttiva concernente l’assistenza sanitaria transfrontaliera su cui voteremo domani rappresenta una rivoluzione, che accolgo con grande favore. La competenza dell’Unione europea in materia di sanità è una questione molto delicata. È senz’altro giusto che ciascuno Stato membro definisca il proprio sistema previdenziale e sanitario secondo le rispettive peculiarità culturali. Tuttavia, perché dovremmo promuovere l’integrazione europea e garantire la libera circolazione se non vi aggiungiamo l’opportunità di accedere ai servizi sanitari ovunque nell’UE? Il Parlamento lotta da ormai tre anni per creare certezza giuridica sul tema dell’assistenza sanitaria transfrontaliera e chiarire le condizioni di rimborso. Stiamo per compiere un passo fondamentale, e ringrazio la collega, onorevole Grossetête, per il lavoro svolto. Questo è un momento storico: stiamo costruendo l’Europa della sanità, un’Europa in cui l’assistenza sanitaria transfrontaliera non sarà più un rischio ma un’opportunità. Facciamo in modo che tali obiettivi diventino una realtà, affinché tutti i cittadini europei possano usufruire di servizi sanitari qualitativamente elevati. È questo il prezzo da pagare per la sanità.

 
  
MPphoto
 
 

  Daciana Octavia Sârbu (S&D), per iscritto. (EN) Oggi ho votato a favore della chiarezza giuridica e della mobilità dei pazienti laddove sia necessario ricorrere ai servizi sanitari di un altro paese. Nella migliore delle ipotesi, nessun paziente dovrebbe trovarsi costretto a lasciare il proprio paese per essere curato; se necessario, occorre però informare gli interessati dei servizi e dei rimborsi a cui hanno diritto. È altresì fondamentale che i servizi sanitari degli Stati membri conoscano i propri obblighi, riservandosi il diritto di operare scelte e gestire la propria offerta come ritengono più appropriato.

La relazione affronta questi due punti fondamentali, insieme con una serie di altre questioni essenziali, fra cui il trattamento di patologie rare e le reti di riferimento europee per lo scambio delle migliori prassi. Il tema dell’assistenza sanitaria transfrontaliera si è talvolta rivelato spinoso, e porgo i miei ringraziamenti alla relatrice e ai relatori ombra per l’impegno profuso su questo fronte.

 
  
MPphoto
 
 

  Peter Skinner (S&D), per iscritto. (EN) Sono favorevole alla relazione, che affronta alcuni dei problemi ignorati dai governi. La direttiva in esame non prescrive le modalità di gestione del sistema sanitario da parte degli Stati membri, come sostengono alcuni. La relazione ha il sostegno del Regno Unito, principalmente perché pone rimedio a molti dei problemi connessi a documenti precedenti. La direttiva concernete i diritti dei pazienti consentirà di rafforzare prerogative che sono già state riconosciute; in particolare, i pazienti impossibilitati a ricevere cure adeguate nel Regno Unito potranno adesso recarsi in un altro paese dell’UE, conformemente a disposizioni che già esistono. Il fatto che, con ogni probabilità, continueranno a essere in pochi a esercitare tale diritto dipende dal tipo di assistenza, perlopiù familiare, prestata ai malati; la vicinanza svolge dunque un ruolo essenziale.

Il Regno Unito dovrebbe sostenere i costi laddove sussistano motivazioni fondate per il ricorso a servizi sanitari esteri. Non si spicca dunque un assegno in bianco per il turismo sanitario, ma si affermano diritti già esistenti nel Regno Unito nell’interesse dei cittadini.

 
  
MPphoto
 
 

  Bart Staes (Verts/ALE), per iscritto. (NL) La direttiva concernente l’assistenza sanitaria transfrontaliera conferisce al paziente un inequivocabile diritto a ricevere cure mediche all’estero, ottenendo un rimborso corrispondente ai costi nel rispettivo paese di provenienza. Si crea così maggiore certezza giuridica per i cittadini che abitano nelle zone di confine, per i viaggiatori in visita in un altro paese, per i pazienti affetti da patologie rare o costretti ad affrontare lunghe liste di attesa. Al fine di preservare la qualità dei servizi e garantire un equo accesso all’assistenza sanitaria, gli Stati membri possono tuttavia esigere che i pazienti ottengano un’autorizzazione preventiva per la cura richiesta; tale autorizzazione sarà un presupposto necessario in caso di ricoveri e trattamenti molto dispendiosi o rischiosi.

Sarà inoltre possibile rifiutare il rimborso dei costi in un numero preciso e molto limitato di circostanze, ad esempio qualora una cura equivalente sia disponibile anche nel paese di provenienza del paziente; gli Stati membri potranno inoltre intervenire laddove si riscontri un ricorso eccessivo a tale possibilità. La direttiva mantiene dunque il giusto equilibrio tra il diritto dei pazienti a un’assistenza sanitaria di qualità, da un lato, e la prerogativa degli Stati membri di finanziare il proprio sistema previdenziale e gestire la propria sanità. Spero inoltre che il desiderio dei pazienti di ricevere cure mediche all’estero non accresca inutilmente la pressione sui servizi di un determinato Stato che, per la qualità offerta, sono già la scelta preferita dalla maggioranza dei cittadini del paese.

 
  
MPphoto
 
 

  Michèle Striffler (PPE), per iscritto.(FR) Anche i pazienti hanno il diritto di beneficiare della libera circolazione: proprio per questo motivo ho votato a favore della relazione concernente l’applicazione dei diritti dei pazienti relativi all’assistenza sanitaria. In Alsazia, come in altre regioni di confine, il tema dell’assistenza sanitaria transfrontaliera riveste un’importanza fondamentale laddove, ad esempio, i servizi offerti all’estero siano più vicini all’abitazione del paziente di quelli garantiti nello Stato membro di residenza.

La presente relazione consentirà a tutti i cittadini europei di ottenere informazioni sull’assistenza sanitaria transfrontaliera nonché sui loro diritti in materia, attraverso i punti di contatto nazionali che saranno istituiti in ogni Stato membro. L’adozione di questo testo rappresenta il punto di partenza verso un’autentica Europa della sanità, nell'interesse di 500 milioni di cittadini.

 
  
MPphoto
 
 

  Nuno Teixeira (PPE), per iscritto. (PT) Per raggiungere l’obiettivo di un mercato interno basato sulla libera circolazione tra gli Stati membri è necessario adottare determinate misure. La libera circolazione di persone e servizi fa emergere la questione delle cure mediche che il cittadino di uno Stato membro può ricevere in un altro. La Corte di giustizia ha riconosciuto i diritti dei pazienti, soprattutto in relazione all’accessibilità dell’assistenza sanitaria, stabilendo che tale assistenza deve essere sicura e di qualità e che i cittadini dovrebbero essere rimborsati. La necessità di una maggiore certezza giuridica in questo settore richiede anche l’impegno degli Stati membri a collaborare fra loro, in particolare riconoscendo le prescrizioni mediche rilasciate in un altro Stato membro e garantendo un servizio di qualità sul proprio territorio. Desidero sottolineare che la Commissione è tenuta ad adottare tutte le misure necessarie affinché le prescrizioni e i foglietti informativi dei medicinali risultino di più immediata comprensione, con una chiara indicazione del principio attivo e del dosaggio; i pazienti ne trarranno evidenti benefici. Data la specificità della materia, occorre una direttiva distinta da quella sui servizi. Ho espresso voto favorevole alla relazione dell’onorevole Grossetête, mia collega in seno al gruppo del Partito popolare europeo (Democratico cristiano), perché giudico essenziale il diritto all’assistenza sanitaria transfrontaliera.

 
  
MPphoto
 
 

  Róża Gräfin von Thun und Hohenstein (PPE), per iscritto.(PL) La direttiva concernente l’applicazione dei diritti dei pazienti relativi all’assistenza transfrontaliera costituisce un documento fondamentale per i cittadini dell’UE; ho dunque seguito con grande attenzione il lavoro svolto in proposito. Noto con piacere che la direttiva riconosce ai pazienti il diritto di scegliere il luogo in cui ricevere le cure necessarie. In questo modo si rafforza il mercato comune, il tema di cui più mi occupo in seno al Parlamento europeo, e si introducono aggiustamenti che tengono conto della libertà di viaggiare e lavorare in qualunque Stato membro. Il testo in esame, che potrebbe definirsi lo Schengen della sanità, disciplina aspetti quale il reciproco riconoscimento delle prescrizioni, il superamento della discriminazione dei pazienti sulla base del paese d’origine e l’eliminazione dell’obbligo di aderire al regime di assicurazione malattia estero.

I farmaci e i prodotti medicinali contraffatti pongono un altro problema essenziale sul fronte del mercato comune. La direttiva mette in risalto la gravità del fenomeno, soprattutto in relazione all’assistenza sanitaria transfrontaliera, e lo stesso può dirsi del turismo sanitario. Il testo affronta il problema disponendo che i costi delle cure vengano rimborsati entro il massimale garantito nel paese di origine oppure, laddove i costi del trattamento o della procedura siano inferiori, che vengano rimborsati le spese effettivamente sostenute. Le soluzioni introdotte contribuiranno a migliorare la situazione dei pazienti nell’Unione europea e rafforzeranno il mercato unico; ho pertanto votato a favore della direttiva.

 
  
MPphoto
 
 

  Thomas Ulmer (PPE), per iscritto. (DE) È con grande soddisfazione che esprimo voto favorevole alla relazione. A seguito dell’accordo in seconda lettura con il Consiglio, questo documento potenzierà in misura significativa la libera circolazione dei pazienti all’interno dell’Unione. Attualmente le cure ambulatoriali non pongono problemi ai cittadini dell’UE, mentre è diventato molto più semplice ottenere un ricovero ospedaliero. È proprio in ambiti come questo che l’Europa può generare un consistente valore aggiunto, favorendo la graduale trasformazione del settore sanitario da un insieme di servizi isolati in un’unica entità.

 
  
MPphoto
 
 

  Viktor Uspaskich (ALDE), per iscritto. (LT) È indispensabile che i nostri cittadini possano beneficiare di servizi sanitari qualitativamente elevati sia nel rispettivo paese di origine sia all’estero. Noto con piacere che la relazione fa riferimento anche alla mobilità dei pazienti nell’Unione europea. I cittadini lituani che vivono e lavorano in un altro paese devono avere la possibilità di ricorrere ai servizi sanitari locali, ove necessario, senza pagare somme stratosferiche o restare per mesi in una situazione di incertezza. L’informazione svolge un ruolo fondamentale. Condivido la proposta della relatrice secondo cui tutti gli Stati membri dovrebbero istituire punti di contatto nazionali allo scopo di fornire indicazioni sulla disponibilità delle cure e sulle procedure amministrative. Può tuttavia accadere che un paese non offra l’assistenza richiesta per una certa patologia; in quel caso il paziente deve dunque ricorrere alle cure offerte in un altro Stato. Occorre vigilare affinché i servi sanitari transfrontalieri o il cosiddetto “turismo sanitario” (come osserva la relatrice in questo caso) non indeboliscano i sistemi sanitari nazionali, ma si raggiunga un perfetto equilibrio. Grazie ai costi contenuti e alla buona raggiungibilità, la Lituania sta diventando una meta particolarmente interessante per i cittadini di altri paesi dell’UE che desiderino ricevere cure mediche o sottoporsi a interventi chirurgici per cifre più contenute. Se non verrà controllato rigorosamente, il “turismo sanitario” potrebbe provocare un esubero di servizi o costi logistici superflui, soprattutto nei nuovi Stati membri come la Lituania.

 
  
MPphoto
 
 

  Derek Vaughan (S&D), per iscritto. (EN) L’impostazione dei servizi sanitari differisce profondamente da uno Stato membro dell’UE all’altro; appoggio dunque la direttiva in esame, che delinea un approccio coerente al finanziamento dell’assistenza sanitaria transfrontaliera.

Sebbene tale tipo di assistenza riguardi solo una percentuale trascurabile dei cittadini dell’Unione, chiarendo i diritti riconosciuti ai pazienti in questo ambito attraverso un solo atto legislativo si assicura un’adeguata tutela finanziaria a quanti desiderino ricorrere ai servizi sanitari di un altro Stato membro. È indispensabile che le persone provenienti da una regione di confine o i cittadini di uno Stato membro più piccolo affetti da patologie rare godano di un sostegno finanziario qualora debbano rivolgersi ai servizi sanitari di un altro paese dell’UE.

Le disposizioni in esame consentiranno ai pazienti di essere rimborsati per le cure che ricevono entro il massimale previsto dal rispettivo sistema sanitario nazionale per un trattamento analogo. La direttiva concernente l’assistenza sanitaria transfrontaliera dispone inoltre l’istituzione di punti di contatto nazionali, allo scopo di fornire informazioni sufficienti ai cittadini che vogliano recarsi all’estero per essere curati.

 
  
MPphoto
 
 

  Marie-Christine Vergiat (GUE/NGL), per iscritto.(FR) Il 19 gennaio il Parlamento europeo ha adottato la direttiva concernente i diritti dei pazienti relativi all’assistenza sanitaria transfrontaliera.

Non posso che sostenere l’accessibilità dei servizi sanitari per tutti i cittadini dell’Unione, indipendentemente dallo Stato di residenza. Tuttavia, non è questo il principale obiettivo della relazione, che si prefigge anzitutto il consolidamento del mercato interno, prima ancora dell’accessibilità universale dell’assistenza sanitaria.

Il testo afferma che il ricorso ai servizi sanitari di un altro paese potrebbe giovare, in particolar modo, ai pazienti costretti ad affrontare lunghe liste di attesa o impossibilitati a ottenere cure specializzate.

Il primo diritto del paziente è quello di essere curato in maniera tempestiva e appropriata, senza alcun ostacolo, nel suo luogo di residenza. È ignobile che venga presentata come un diritto la necessità di intraprendere un viaggio all’estero, affrontandone i costi, per ricevere un trattamento adeguato.

Anziché sostenere i sistemi sanitari pubblici per garantire pari accesso a un’assistenza sanitaria di qualità, si invitano i pazienti a scegliere il trattamento che preferiscono su scala europea, come si fa con una qualunque merce soggetta alla libera circolazione nell’UE.

Non posso condividere una simile idea di sanità.

 
  
  

Proposta di risoluzione (B7-0028/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  Laima Liucija Andrikienė (PPE), per iscritto. (LT) Sono favorevole alla risoluzione relativa ai progetti di accordo volontario di partenariato con la Repubblica del Camerun e la Repubblica del Congo sull’applicazione delle normative nel settore forestale, sulla governance e sul commercio del legname e dei suoi derivati importati nell'Unione europea. Va sottolineato che questi accordi volontari sul commercio di legname non possono indebolire l’obiettivo generale dell’Unione europea in materia di lotta contro i cambiamenti climatici e devono assicurare un uso sostenibile delle foreste. Mi auguro che le partnership in oggetto possano agevolare, piuttosto che ostacolare, l’idea di arrestare congiuntamente il commercio di legname tagliato illegalmente e possano contribuire a fermare la deforestazione e il degrado delle foreste, le relative emissioni di carbonio e la perdita di biodiversità a livello globale.

Sostengo quindi l’idea di invitare la Commissione a verificare che la politica europea sia coerente, a prestare la massima attenzione per garantire che gli accordi volontari di partenariato non favoriscano l’espansione delle attività industriali di disboscamento in ambienti forestali intatti e a collaborare, in futuro, con tutti i governi firmatari degli accordi per monitorare la situazione ed intervenire al fine di eliminare le ripercussioni negative sulla flora e sulla fauna, sia dirette che indirette, del disboscamento effettuato a fini commerciali.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria Da Graça Carvalho (PPE), per iscritto. (PT) Accolgo con favore gli accordi volontari di partenariato per ciò che essi rappresentano in termini di lotta contro il commercio illegale di legname nell’Unione europea. Desidero sottolineare la loro importanza nel combattere la deforestazione e il degrado delle foreste, le relative emissioni di carbonio e la perdita di biodiversità a livello globale. Le relazioni in oggetto promuovono contemporaneamente la crescita economica, lo sviluppo umano e le fonti alimentari sostenibili. Invito la Commissione ad assicurarsi che la politica europea sia coerente e possa quindi dare un contributo efficace agli impegni internazionali che si sono assunte tutte le parti firmatarie degli accordi.

 
  
MPphoto
 
 

  Marielle De Sarnez (ALDE), per iscritto.(FR) Secondo le Nazioni Unite dal 20 al 40 per cento della produzione mondiale di legname proviene da disboscamenti illegali. Inoltre la deforestazione aumenta al ritmo di 13 milioni di ettari all’anno ed è responsabile del 20 per cento circa delle emissioni globali di CO2. Gli accordi volontari di partenariato che il Parlamento ha appena adottato contribuiranno a combattere il commercio di legname tagliato illegalmente migliorando la tracciabilità del prodotto proveniente dalla Repubblica del Congo e dal Camerun grazie all’introduzione di procedure di revisione contabile indipendenti e di buone politiche di governance nel settore forestale. Più in generale questi accordi ricordano quali sono le responsabilità che gravano sull’Unione europea nella negoziazione di convenzioni commerciali. La Commissione europea deve portare avanti una politica commerciale coerente e garantire che gli accordi commerciali non conducano alla deforestazione su vasta scala e soddisfino nel contempo le richieste in materia di libero commercio di legname e di produzione di biocarburanti. Per questo motivo il Parlamento insiste sulla necessità che la Commissione europea presenti una relazione sullo stato di attuazione delle disposizioni degli accordi.

 
  
MPphoto
 
 

  Edite Estrela (S&D), per iscritto. (PT) Ho votato a favore della proposta di risoluzione relativa agli accordi volontari di partenariato sull’applicazione delle normative nel settore forestale, sulla governance e sul commercio del legname dato che la negoziazione di queste partnership ci consentirà di definire buone prassi per i negoziati futuri con i paesi fornitori di legno perseguendo l’obiettivo di porre fine al disboscamento illegale e assicurando al contempo la tutela e l’uso sostenibile delle risorse forestali a livello mondiale.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. (PT) Il disboscamento illegale non è altro che il saccheggio delle risorse naturali dei paesi fornitori di legno, di solito paesi in via di sviluppo, e rappresenta un chiaro attacco alla biodiversità, alla qualità della vita e alle prospettive future della popolazione. Se gli accordi come quelli raggiunti con la Repubblica del Congo e la Repubblica del Camerun si riveleranno efficaci nella lotta contro questo flagello essi potrebbero rappresentare una buona base per altre partnership analoghe in futuro. Sono lieto che l’Europa si preoccupi di tutelare le risorse naturali di altri paesi ma desidero sottolineare che, a prescindere dal quadro normativo previsto dagli accordi, qualsiasi passo avanti nella lotta contro il commercio illegale di legname dipende in larga misura dai governi e dalle istituzioni dei paesi produttori di legname senza il cui coinvolgimento e impegno reale qualsiasi strumento con essi concordato sarà inutile. Questo modello comporta quindi anche un invito alle controparti comunitarie di tali paesi ad assumersi le proprie responsabilità e a comprendere che è necessario tutelare gli interessi delle loro generazioni future e agire nell’interesse di tutti, evitando di inseguire guadagni immediati.

 
  
MPphoto
 
 

  José Manuel Fernandes (PPE), per iscritto. (PT) L’Unione europea sta cercando di combattere il disboscamento illegale e, al contempo, di preservare le risorse forestali promuovendone l’uso sostenibile a livello globale.

Accolgo quindi favorevolmente la firma delle partnership con il Camerun e la Repubblica del Congo volte a migliorare la governance delle foreste e a riformare, se necessario, le normative esistenti per garantire che le attività del settore forestale siano trasparenti e i diritti della popolazione locale vengano rispettati senza ripercussioni negative sull’ambiente.

Gli accordi in oggetto sono essenziali per eliminare il fenomeno del disboscamento illegale ponendo fine alla deforestazione e al degrado delle foreste, alle relative emissioni di carbonio e alla perdita di biodiversità a livello globale. A tal fine vorrei sottolineare l’importanza della richiesta alla Commissione di elaborare e presentare regolarmente al Parlamento europeo una relazione sullo stato di attuazione delle varie disposizioni di tutti gli accordi attuali e futuri.

 
  
MPphoto
 
 

  João Ferreira (GUE/NGL), per iscritto. (PT) La risoluzione sottolinea giustamente che lo sfruttamento industriale su vasta scala delle foreste tropicali è insostenibile in quanto provoca il degrado e la distruzione di ecosistemi molto importanti sia dal punto di vista funzionale che in termini dei beni naturali da tutelare. Crediamo inoltre che sia giusto e opportuno che la risoluzione sottolinei i limiti e le contraddizioni degli accordi volontari di partenariato sull’applicazione delle normative nel settore forestale, sulla governance e sul commercio del legname anche se ciò non sarà sufficiente ad affrontare le cause del problema del disboscamento illegale e non sostenibile. In particolare è importante ricordare che il problema è riconducibile anche all’estrema debolezza delle economie di questi paesi e all’elevato livello di povertà delle popolazioni e che a volte questa attività costituisce l’unica fonte di reddito per molte famiglie. Tutto ciò porta inevitabilmente alla conclusione riportata nell’emendamento da noi proposto e purtroppo respinto in base alla quale si potrebbe porre fine al fenomeno del disboscamento illegale e non sostenibile solamente affrontando la terribile situazione sociale ed economica di questi paesi ed invertendo il modello economico attuale basato sulla forte dipendenza dallo sfruttamento e dall’esportazione di un numero limitato di materie prime verso i paesi industrializzati. Questo modello favorisce rapporti di dipendenza neocoloniale e promuove il saccheggio delle risorse dai paesi in via di sviluppo e la loro sottomissione.

 
  
MPphoto
 
 

  Jarosław Kalinowski (PPE), per iscritto.(PL) Desidero intervenire ancora una volta al cospetto del Parlamento europeo per ricordare a tutti l’importanza delle foreste per il clima, per la gestione delle risorse idriche, per l’agricoltura e per la cultura del paese o della regione in questione, specialmente nelle aree rurali. Il valore di mercato dei prodotti di legno è notevole e dobbiamo pertanto essere assolutamente certi che il legname proveniente dal Camerun, dalla Repubblica del Congo o da qualsiasi altro paese terzo sia stato abbattuto, trasportato e immesso sul mercato legalmente, nel rispetto delle esigenze delle comunità locali e delle normative in materia di gestione forestale. Avviare una collaborazione con questi paesi si tradurrà in una migliore gestione delle foreste e in una maggiore credibilità e competitività per i paesi che esportano a livello internazionale.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. (EN) Accolgo con favore questa risoluzione che accompagna le procedure di autorizzazione degli accordi volontari di partenariato con il Camerun e il Congo in materia di diritto forestale e di commercio di legname. La risoluzione sottolinea giustamente l’importanza vitale di assicurare finanziamenti sufficienti, un adeguato monitoraggio e il coinvolgimento delle organizzazioni non governative e della società civile affinché gli accordi volontari di partenariato possano raggiungere i loro obiettivi.

 
  
MPphoto
 
 

  Jean-Luc Mélenchon (GUE/NGL), per iscritto.(FR) Nella lotta contro il saccheggio della biodiversità la questione della distruzione delle foreste ha un posto di tutto rilievo dato che il fenomeno deriva essenzialmente dalla logica produttivistica della globalizzazione odierna ed è quindi ancora perfettamente legale. L’applicazione di accordi volontari di partenariato bilaterale per combattere lo sfruttamento illegale delle foreste è un passo avanti molto limitato verso l’istituzione del meccanismo necessario a penalizzare tutti i reati ecologici. Questi accordi, ancora molto rudimentali, meritano tuttavia di essere incoraggiati e soprattutto migliorati.

 
  
MPphoto
 
 

  Nuno Melo (PPE), per iscritto. (PT) Il disboscamento dei paesi africani, spesso illegale, ha un forte impatto sulla tutela delle risorse naturali dei paesi produttori e rappresenta un attacco alla biodiversità, alla qualità di vita e alle prospettive future della popolazione.

La firma di questo tipo di accordo con la Repubblica del Congo e con il Camerun potrebbe contribuire a invertire questa tendenza se gli accordi saranno efficaci e riusciranno a porre fine al disboscamento illegale nei paesi africani in oggetto. È lodevole che l’Unione europea utilizzi questo tipo di convenzione per tutelare le risorse naturali di altri paesi; tuttavia, affinché tali iniziative abbiano successo, è molto importante che anche i governi e le istituzioni degli Stati produttori contribuiscano a questa battaglia.

 
  
MPphoto
 
 

  Andreas Mölzer (NI), per iscritto. (DE) Non possiamo aspettarci che gli accordi di partenariato per l’utilizzo sostenibile a livello mondiale delle risorse forestali facciano miracoli. Sarà possibile opporsi efficacemente al disboscamento illegale solamente rendendo i sistemi locali più resistenti alla corruzione, chiudendo le porte di servizio attualmente utilizzate per aggirare i regolamenti esistenti ed infine imponendo sanzioni elevate per il mancato rispetto dei regolamenti. Quanto ai danni ambientali causati dalle attività svolte nel settore forestale è importante non dimenticare quelli causati dal trasporto. Anche se non ci si può attendere miracoli dall’accordo, esso rappresenta un passo nella direzione giusta, motivo per cui ho votato a favore della relazione in oggetto.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria do Céu Patrão Neves (PPE), per iscritto. (PT) Ho votato a favore della proposta di risoluzione relativa agli accordi volontari di partenariato sull’applicazione delle normative nel settore forestale, sulla governance e sul commercio del legname e dei suoi derivati importati nell’Unione europea e l’ho fatto poiché ritengo che la negoziazione di queste partnership ci consentirà di ottenere le linee guida sulle migliori prassi che potrebbero costituire un precedente per i negoziati in corso di altri accordi di partenariato con i paesi produttori di legname.

In questo contesto sono lieta che l’Unione europea abbia ammesso la propria parte di responsabilità nell’eliminazione del fenomeno del disboscamento illegale e del relativo commercio e abbia intensificato gli sforzi volti alla tutela e all’uso sostenibile delle risorse forestali a livello mondiale. Mi rallegro del fatto che gli impegni assunti dalle parti in causa, volti a migliorare la governance delle foreste, siano trasparenti e rispettino i diritti delle popolazioni locali tenendo conto, al contempo, della necessità di salvaguardare la biodiversità delle foreste, il clima e lo sviluppo umano sostenibile.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. (PT) Ho votato a favore di questa proposta di risoluzione sugli accordi volontari di partenariato con il Camerun e la Repubblica del Congo. Mi preme sottolineare che, nel negoziare accordi futuri di questo tipo, occorrerà prevedere misure che salvaguardino gli obiettivi di eliminare il fenomeno del disboscamento illegale, di assicurare la tutela e l’uso sostenibile delle risorse forestali e di rispettare i diritti delle popolazioni locali.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. (EN) A seguito di un esame approfondito effettuato assieme a diverse organizzazioni non governative abbiamo deciso di sostenere la firma dei due accordi volontari di partenariato. In commissione le raccomandazioni dei Verdi sono state adottate all’unanimità ma ciononostante nella motivazione abbiamo chiesto alla Commissione di fornire qualche spiegazione più approfondita su taluni aspetti. Per dar voce alle nostre ulteriori preoccupazioni abbiamo quindi presentato un’interrogazione orale con discussione sostenuta da tutti i gruppi politici. Tale interrogazione sottolinea la necessità che la Commissione si accerti che vengano rispettati alcuni criteri non soltanto durante la fase di firma ma anche durante quella – più importante – di attuazione degli accordi. Chiediamo, per esempio, alla Commissione di presentare, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore di ogni accordo volontario di partenariato, una relazione sulle misure adottate per garantire che il dialogo tra le parti interessate e la società civile, comprese le popolazioni locali e indigene, continui e si protragga durante la fase di esecuzione. Il testo sottolinea anche il rischio di uno sfruttamento su vasta scala delle foreste e l’impatto diretto e indiretto del taglio di legname a fini commerciali sulla fauna e sulla flora, sulla biodiversità, sulla deforestazione, sul degrado delle foreste e sulle popolazioni locali e indigene. Abbiamo anche cercato di evidenziare che sarà fondamentale garantire la libertà di espressione e il rispetto dei diritti umani in modo da consentire ai paesi firmatari degli accordi volontari di partenariato di essere ascoltati qualora presentino reclami.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Gli accordi volontari di partenariato FLEGT rappresentano il modello europeo, in fase di assestamento, volto a combattere l’illegalità nel commercio internazionale di legname.

Nelle partnership approvate con la Repubblica del Camerun e del Congo sono presenti orientamenti per buone prassi, che possono rappresentare un importante precedente per altri negoziati in corso con i paesi produttori di legname. Alla base del testo approvato rimane centrale l’idea di arrestare congiuntamente il commercio del legname tagliato illegalmente e dei prodotti da esso derivati, contribuendo attivamente a bloccare la deforestazione e il degrado delle foreste, le relative emissioni di carbonio e la perdita di biodiversità a livello globale. Questo, al contempo, promuoverebbe una crescita economica ed uno sviluppo umano sostenibile, nel pieno rispetto delle popolazioni indigene e locali.

Per quanto gli Stati godano della sovranità sulle foreste che si trovano nel loro territorio, l’ambiente è un patrimonio comune dell’umanità e deve essere protetto, salvaguardato e, ove possibile, ripristinato al fine ultimo di mantenere la biodiversità globale e le funzioni dell’ecosistema, proteggendo il sistema climatico mondiale dai cambiamenti in atto.

 
  
MPphoto
 
 

  Bart Staes (Verts/ALE), per iscritto. (NL) Nell’ambito del progetto sull’applicazione delle normative nel settore forestale, sulla governance e sul commercio del legname, i paesi esportatori di legno tropicale hanno cominciato a stringere accordi volontari di partenariato con l’Unione europea al fine di garantire la tracciabilità e la legalità del legname. Gli accordi prevedono procedure di verifica indipendenti che consentiranno ai paesi di definire lo standard per la gestione e lo sfruttamento delle foreste. Non posso che rallegrarmi del fatto che la Commissione abbia stretto una convenzione con il Camerun e con la Repubblica del Congo in quanto ciò costituisce una buona base per avviare eventuali partenariati volontari in futuro, per esempio con alcuni paesi asiatici e con la Repubblica democratica del Congo.

Un altro aspetto importante per il gruppo dei Verdi/Alleanza libera europea è l’impegno assunto dalla Commissione di presentare, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore di ogni partnership, una relazione sulle misure adottate per attivare e mantenere un dialogo costante tra le parti interessate e le comunità civili, comprese le popolazioni locali e indigene. Lo sfruttamento eccessivo delle foreste minaccia non soltanto la popolazione locale ma anche la fauna, la flora e la biodiversità; gli accordi ridurranno il fenomeno della deforestazione su vasta scala che comporta ad un aumento del riscaldamento globale.

 
  
  

Raccomandazione Jadot (A7–0371/2010)

 
  
MPphoto
 
 

  Luís Paulo Alves (S&D), per iscritto.(PT) Condivido l’obiettivo di fornire un quadro legislativo per individuare e assicurare la tracciabilità dei prodotti del legno stabilendo procedure di verifica governativa indipendenti che certifichino che tutti i prodotti del legno esportati dalla Repubblica del Camerun ai mercati europei sono stati ottenuti, raccolti, trasportati ed esportati legalmente, in modo da porre le basi di una gestione e un utilizzo legale di questo prodotto da parte dell’industria del settore in Camerun e da rafforzare l’applicazione delle normative e della governance nel settore forestale. Credo inoltre che questo accordo sia della massima importanza in quanto il paese è il principale esportatore africano di legname in Europa ed ha gravi problemi a diversi livelli di governance quali il degrado ambientale e la corruzione. Bisognerà inoltre assicurarsi che gli impegni internazionali assunti dall’Unione europea e dal Camerun siano rispettati in termini di ambiente, di adozione di un sistema di vigilanza da parte della società civile e di un maggior coinvolgimento delle comunità locali ed indigene tale da consentire a queste ultime di godere dei diritti fondamentali.

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. (LT) Ho votato a favore di questa raccomandazione. Il Camerun, un paese dove il 40 per cento del territorio è coperto da boschi, è il maggior esportatore africano di legno duro in Europa e vende all’Unione europea l’80 per cento del legname tagliato. Il settore presenta tuttavia gravi problemi di governance che causano degrado ambientale, disuguaglianze, povertà e corruzione. Alcune indagini condotte da organizzazioni non governative hanno dimostrato che, ad oggi, il 20 per cento del legname congolese importato sul mercato europeo è di origine illegale sia per quanto concerne la produzione che la vendita, la trasformazione e l’esportazione. Il presente accordo volontario di partenariato tra l’Unione europea e il Camerun è un buon esempio di come l’acquisto responsabile di legname possa influire positivamente sulla qualità dell’ambiente di paesi terzi e del mondo in generale, contenendo l’inquinamento e combattendo i cambiamenti climatici, la povertà e la corruzione. Credo che il principio di acquisto responsabile possa contribuire a ridurre sostanzialmente il volume del commercio scorretto e illegale e a tutelare le foreste e la biodiversità.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria Da Graça Carvalho (PPE), per iscritto. (PT) Accolgo con favore gli impegni assunti dall’Unione europea e dalla Repubblica del Camerun volti a migliorare la governance delle foreste e ad avviare, se necessario, una riforma della normativa esistente in modo da garantire che le attività del settore forestale siano trasparenti, rispettino i diritti delle popolazioni locali e non abbiano ripercussioni negative sull’ambiente.

Le foreste costituiscono un patrimonio comune dell’umanità mondiale e devono essere protette, salvaguardate e, ove possibile, ripristinate al fine ultimo di mantenere la biodiversità globale e le funzioni dell’ecosistema proteggendo il sistema climatico. È inoltre essenziale che i governi partner africani e quelli dei paesi terzi elaborino piani per la gestione delle risorse e per l’uso del territorio individuando al contempo gli aiuti da richiedere ai partner esteri e alle organizzazioni internazionali per il poter perseguire questi obiettivi.

 
  
MPphoto
 
 

  George Sabin Cutaş (S&D), per iscritto. (RO) Ho votato a favore della stipula di un accordo volontario di partenariato tra l’Unione europea e la Repubblica del Camerun sull’applicazione delle normative nel settore forestale in quanto ritengo che la convenzione in oggetto possa fornire un quadro giuridico per una gestione legale dello sfruttamento del legname in Camerun e della sua esportazione nell’Unione europea. L’accordo è finalizzato ad eliminare la corruzione generata dal commercio illegale di questo prodotto e a sviluppare un insieme di pratiche di buona governance nel settore.

Il coinvolgimento della società civile nella conclusione dell’accordo rappresenta un aspetto positivo da salvaguardare per garantire un controllo esterno sui progressi del processo di eliminazione delle frodi e di sviluppo di un commercio sostenibile.

 
  
MPphoto
 
 

  Edite Estrela (S&D), per iscritto. (PT) Ho votato a favore della raccomandazione sull’accordo volontario di partenariato tra l’Unione europea e la Repubblica del Camerun poiché esso introduce politiche e riforme legislative che consentiranno al settore del legno in Camerun di incoraggiare pratiche di buona governance e trasparenza al fine di combattere le frodi e il commercio illegale di legname.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. (PT) La stipula di un accordo volontario di partenariato tra l’Unione europea e la Repubblica del Camerun sull’applicazione delle normative nel settore forestale sulla governance e sul commercio relativa ai prodotti del legno importati nell’Unione europea (FLEGT) è di fondamentale importanza date le ripercussioni negative per l’ambiente che necessariamente accompagnano il commercio illegale di questo prodotto. La convenzione dovrebbe consentire di individuare la provenienza del legname e incoraggiare l’introduzione di procedure di verifica indipendenti che possano dimostrarla. Mi auguro che l’impegno assunto del Camerun nei confronti del FLEGT possa ridurre realmente le risorse del traffico illegale portando quindi all’istituzione di un sistema efficace e trasparente di verifica della legalità del legname.

 
  
MPphoto
 
 

  José Manuel Fernandes (PPE), per iscritto. (PT) L’Unione europea sta cercando di combattere il disboscamento illegale e al contempo di preservare le risorse forestali promuovendone l’uso sostenibile a livello globale.

Accolgo quindi favorevolmente la firma degli accordi volontari di partenariato con il Camerun e con la Repubblica del Congo volti a migliorare la governance delle foreste e a riformare, se necessario, le normative esistenti per garantire che le attività del settore forestale siano trasparenti e i diritti della popolazione locale vengano rispettati senza ripercussioni negative sull’ambiente.

Gli accordi in oggetto sono essenziali per sradicare il fenomeno del disboscamento illegale e porre fine alla deforestazione, al degrado delle foreste, alle emissioni di carbonio e alla perdita di biodiversità a livello globale. A tal fine vorrei sottolineare l’importanza della richiesta alla Commissione di elaborare e presentare regolarmente al Parlamento europeo una relazione sullo stato di attuazione delle varie disposizioni per tutti gli accordi attuali e futuri.

 
  
MPphoto
 
 

  João Ferreira (GUE/NGL), per iscritto. (PT) Anche se gli obiettivi fissati nel presente accordo, finalizzato alla tracciabilità e alla certificazione dei prodotti del legno provenienti dalla Repubblica del Camerun, sono apparentemente lodevoli, la misura non fornisce a nostro avviso una risposta adeguata al problema della distruzione delle foreste e alla minaccia all’integrità di risorse di immenso valore sotto il profilo ecologico e quello della tutela ambientale che sono vitali per l’esistenza e lo stile di vita delle comunità locali e delle popolazioni indigene. Il relatore stesso si è reso conto della debolezza dell’accordo e ha formulato una lunga lista di aspetti che lo preoccupano e che l’accordo non affronta in modo esplicito. Più in particolare la convenzione non esclude la possibilità che il disboscamento industriale su vasta scala aumenti il degrado delle foreste e la deforestazione, anche in relazione alla foresta vergine che ancora presenta alti livelli di biodiversità. Il relatore riconosce che l’accordo agevolerà l’importazione del legname proveniente dal Camerun nell’Unione europea e che tale aspetto potrebbe entrare in conflitto con l’obiettivo dell’Unione in materia di lotta contro i cambiamenti climatici. È un dato di fatto che le comunità locali e le popolazioni indigene non siano state coinvolte direttamente nella discussione sull’accordo e anche che manchino i finanziamenti mirati, il supporto tecnico e le risorse umane necessarie all’attuazione dell’accordo. Questi sono alcuni dei motivi per i quali ci siamo astenuti.

 
  
MPphoto
 
 

  Lorenzo Fontana (EFD), per iscritto. − Signor Presidente, onorevoli Colleghi, il fatto che il Camerun rappresenti il maggiore esportatore africano di legname duro destinato all’Europa implica la necessità di regolamentare il flusso delle merci attraverso l’accordo di partenariato che votiamo in data odierna. La corruzione e l’illegalità che attanagliano il commercio del paese africano devono essere per forza fronteggiate attraverso l’elaborazione di un sistema di accertamento della legalità e verifiche indipendenti del sistema intero. Sebbene permangano le perplessità circa l’effettiva efficacia di questo accordo, ritengo sia giusto appoggiare la raccomandazione del collega Jadot.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. (LT) Ho accordato il mio sostegno al documento perché l’obiettivo dell’accordo volontario di partenariato tra l’Unione europea e il Camerun è quello di fornire un quadro normativo entro il quale individuare e garantire la tracciabilità del legname e di introdurre procedure di verifica governative e indipendenti per certificare che tutto il legname esportato dal Camerun e diretto ai mercati europei sia stato ottenuto, abbattuto, trasportato ed esportato legalmente in modo da fornire una base giuridica per la gestione e lo sfruttamento delle foreste camerunesi e rafforzare l’applicazione delle norme forestali e di governance. A mio parere, dobbiamo porre fine al commercio illegale di legname e alla corruzione istituendo un sistema efficace e trasparente di vigilanza sulla legalità di questo prodotto e dei suoi derivati. L’accordo volontario di partenariato tra il Camerun e l’Unione europea, stipulato in base alle norme dell’Organizzazione mondiale del commercio, prevede una serie di riforme politiche e di regolamentazione che garantiranno all’industria del legno di quel paese una buona governance e una maggiore trasparenza. La convenzione introduce una procedura innovativa per combattere le frodi e le pratiche illegali nel commercio del legno e fornisce una definizione di commercio legale di tale prodotto, un meccanismo di controllo della legalità e verifiche indipendenti del sistema nel suo complesso finalizzate ad assicurare un commercio più sostenibile del legname. Va sottolineato che questi accordi volontari in materia di commercio di questo prodotto non devono ostacolare l’obiettivo generale dell’Unione europea in termini di lotta ai cambiamenti climatici ma garantire un utilizzo sostenibile delle risorse forestali, porre fine alla deforestazione, al degrado forestale, alle relative emissioni di carbonio e alla perdita di biodiversità a livello globale.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Egregio Presidente, cari colleghi, il progetto di risoluzione in questione prevede l’importante accordo di partenariato tra l’Unione europea e la Repubblica del Camerun. Scopo precipuo di questa collaborazione è quello di definire un quadro giuridico finalizzato ad assicurare la tracciabilità del legname, ad istituire procedure che certifichino le quantità di legname esportato dal Camerun nei Paesi europei e a controllare che tali passaggi avvengano nel rispetto delle norme giuridiche e, soprattutto, nel rispetto dell’ambiente. Il Camerun è il maggiore esportatore africano di legname destinato al mercato europeo, difatti quest’ultimo acquista dal Camerun l’80% della sua produzione. Tale circostanza deve farci riflettere sulla necessità di adottare in questo settore di mercato sistemi e procedure di controllo, onde evitare che le attività dello stesso vengano svolte secondo il ricorso a procedure illegali. Ho deciso di sostenere questa raccomandazione poiché sono convinto della necessità di sviluppare accordi con paesi terzi all’Europa, sottolineando però che tali cooperazioni devono essere rispettose delle normative poste a tutelare dell’ambiente ed essere sottoposte a stringenti controlli, al fine di permettere a tali attività di divenire vero motivo di sviluppo e crescita.

 
  
MPphoto
 
 

  Jean-Luc Mélenchon (GUE/NGL), per iscritto.(FR) Nella lotta contro il saccheggio della biodiversità la questione della distruzione delle foreste ha un posto di tutto rilievo dato che il fenomeno deriva essenzialmente dalla logica produttivistica della globalizzazione odierna ed è quindi ancora perfettamente legale. L’applicazione dell’accordo volontario di partenariato bilaterale tra l’UE e il Camerun volto a combattere lo sfruttamento illegale delle foreste è un passo avanti molto limitato verso l’istituzione del meccanismo necessario a penalizzare tutti i reati ecologici.

L’indipendenza delle decisioni relative alla concessione e alla verifica delle licenze di esportazione dovrebbe essere garantita da servizi pubblici e la promozione del commercio del legno, nonché dello sviluppo delle industrie forestali, dovrebbe essere limitata a ciò che è ecologicamente sostenibile. L’assenza di tali misure è particolarmente deplorevole. Andrebbero inoltre espresse forti riserve sull’affidabilità del sistema di controllo in quanto le autorità del Camerun non ottemperano ai propri doveri.

 
  
MPphoto
 
 

  Nuno Melo (PPE), per iscritto. (PT) Il disboscamento dei paesi africani, spesso illegale, ha un forte impatto sulla tutela delle risorse naturali dei paesi produttori e rappresenta un attacco alla biodiversità, alla qualità di vita e alle prospettive future della popolazione.

Mi auguro che l’accordo negoziato con il Camerun serva a combattere realmente tale fenomeno illegale nel paese, contribuendo così a migliorare le condizioni della popolazione, il cui sostentamento si basa su questo settore economico oltre a migliorare la situazione della biodiversità e a proteggere le risorse naturali del Camerun.

 
  
MPphoto
 
 

  Andreas Mölzer (NI), per iscritto. (DE) Anche se l’accordo di partenariato con il Camerun nel settore forestale è lodevole e che, essendo stato introdotto durante l’Anno internazionale delle foreste, costituisce anche un modo molto conveniente per l’Unione europea di migliorare la propria immagine, dubito che esso valga la carta su cui è scritto. La corruzione è una realtà di fatto in Camerun: nella classifica mondiale di Transparency International il paese, nel 2010, copriva la centoquarantaseiesima posizione. Le organizzazioni ambientaliste sostengono che il governo del Camerun è a conoscenza delle violazioni ambientali commesse dall’industria forestale ma la corruzione impedisce il monitoraggio e l’incriminazione delle società responsabili. Sembra che società straniere controllino più del 60 per cento delle attività di estrazione e lavorazione del legno e tre quarti delle esportazioni di legname. Anche se non ci si può attendere miracoli dall’accordo, esso rappresenta un passo nella direzione giusta, motivo per cui ho votato a favore della relazione in oggetto.

 
  
MPphoto
 
 

  Franz Obermayr (NI), per iscritto. (DE) Il quaranta per cento della superficie del Camerun è coperta da boschi, almeno per il momento dato che il Camerun è il maggiore esportatore africano di legno tropicale e in nessun altro paese è in atto un disboscamento così esteso. Secondo le stime degli esperti se il disboscamento dovesse continuare ai ritmi attuali puntando al massimo rendimento, tra 10 o 15 anni le specie arboree più importanti dal punto di vista ecologico scomparirebbero dal bacino del Congo mettendo a repentaglio, in ultima analisi, il polmone verde dell’Africa, di vitale importanza per il clima mondiale, oltre alla flora e alla fauna del Camerun. Al fine di salvaguardare le foreste tropicali del paese è essenziale combattere la corruzione e le tangenti (a livello di funzionari e anche delle comunità che affittano le foreste demaniali), introdurre efficaci azioni penali, avere una silvicoltura sostenibile che preveda la corrispondenza tra quantitativo abbattuto e ricrescita e introdurre migliori corsi di formazione al fine di evitare che il terreno venga danneggiato durante il taglio. Ma soprattutto occorre che le imprese europee si assumano le proprie responsabilità, dato che circa l’80 per cento del legname tagliato è destinato all’Europa e che l’Unione europea intervenga in questo senso, adottando misure dirette e decisive. Ho pertanto votato a favore di questa relazione che si sta muovendo nella direzione giusta.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria do Céu Patrão Neves (PPE), per iscritto. (PT) Voto a favore della firma dell’accordo volontario di partenariato tra l’Unione europea e la Repubblica del Camerun volto a rafforzare la governance delle foreste, la promozione dei prodotti del legno del Camerun e l’aumento della competitività del paese sul mercato internazionale.

Queste finalità devono rispettare gli obiettivi e gli impegni dell’accordo sull’applicazione delle normative nel settore forestale, sulla governance e sul commercio del legname rafforzando i diritti di proprietà fondiaria e accesso comuni, garantendo la partecipazione effettiva della società civile, e in particolare delle popolazioni indigene, nel processo decisionale in materia di gestione forestale, aumentando la trasparenza e riducendo la corruzione. Tali obiettivi non verranno raggiunti senza il coinvolgimento reale ed efficace delle autorità della Repubblica del Camerun.

Sono d’accordo con il relatore quando sottolinea che il Parlamento europeo, in virtù delle nuove competenze conferitegli dal trattato di Lisbona, dovrà monitorare le varie fasi di negoziazione e di attuazione dei partenariati volontari e quindi chiede alla Commissione di fornire al Parlamento, tra gli altri documenti, anche un’indagine sull’impatto sociale, economico e ambientale degli accordi in modo da consentirgli di valutarne l’attuazione.

 
  
MPphoto
 
 

  Aldo Patriciello (PPE), per iscritto. − L’accordo volontario di partenariato tra l’Unione europea e la Repubblica del Camerun (“AVP Camerun–UE” concluso il 6 maggio 2010) ha l’obiettivo di definire un quadro legislativo mirato a stabilire e assicurare la tracciabilità del legname, istituire procedure di verifica governative e indipendenti atte a certificare che tutte le quantità di legname esportato dal Camerun ai mercati europei abbiano seguito un iter legale, nonché rafforzare l’applicazione delle normative forestali e della governance.

Nella maggior parte dei casi, i criteri derivanti dalle definizioni degli AVP sono stati osservati. Il Camerun è, per il 40 per cento, coperto di foreste, è il maggiore esportatore africano di legname duro destinato all’Europa (80 per cento del legname segato all’UE). Tuttavia accusa seri problemi di governance (corruzione), con conseguente degrado dell’ambiente.

Risulta pertanto urgente istituire procedure per combattere il commercio fraudolento del legname onde poter analizzare e monitorare meglio i flussi commerciali. L’accordo volontario di partenariato UE–Camerun prevede una serie di riforme politiche e regolamentari e sarà effettivo non appena saranno attuate le modifiche legislative promesse e sarà istituito il sistema di verifica della legalità.

Per tutti questi motivi mi esprimo a favore della proposta consentendo al Parlamento di seguire la posizione del Consiglio.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. (PT) L’accordo volontario di partenariato tra il Camerun e l’Unione europea prevede una serie di riforme politiche e legislative che consentiranno al settore del legname in Camerun di avviare prassi di buona governance e di assicurare una maggiore trasparenza. È importante garantire che il legname e i suoi derivati provenienti da questo paese vengano immessi sui mercati nella più completa legalità e che le riforme attuate assicurino il rispetto dei diritti delle comunità locali e indigene e abbiano un reale impatto a livello di lotta contro la corruzione e di rafforzamento del ruolo della società civile locale. Ho pertanto votato a favore della firma della convenzione in oggetto e mi auguro che gli impegni e gli obiettivi dell’accordo sull’applicazione delle normative nel settore forestale, sulla governance e sul commercio del legname vengano pienamente rispettati nel corso della sua attuazione.

 
  
MPphoto
 
 

  Csanád Szegedi (NI), per iscritto. (HU) Ho ritenuto che la relazione relativa alla stipula di un accordo volontario di partenariato tra il Camerun e l’Unione europea dovesse essere sostenuta nella votazione. Credo infatti che sia molto importante che il Camerun, il più grande esportatore africano di legno in Europa, applichi norme rigorose sulle attività di questo settore. Non dobbiamo permettere che proseguano gli abusi e la distruzione dell’ambiente: occorre invece mettere in atto un sistema di controllo efficace e trasparente. Sono convinto che i politici europei siano tenuti a prestare particolare attenzione alla tutela ambientale e a sostenere tutti gli sforzi volti ad assistere e a tutelare il benessere del nostro ambiente; ritengo inoltre che debbano farlo non solo in Europa ma su scala globale.

 
  
  

Raccomandazione Jadot (A7–0370/2010)

 
  
MPphoto
 
 

  Luís Paulo Alves (S&D), per iscritto. (PT) Concordo con l’obiettivo di definire un quadro legislativo volto a stabilire e ad assicurare la tracciabilità del legname, ad istituire procedure di verifica governative indipendenti atte a certificare che tutte le quantità di legname esportato dal Camerun nei mercati europei siano state ottenute, abbattute, trasportate ed esportate legalmente onde garantire uno sfruttamento legale delle foreste del paese nonché a rafforzare l’applicazione delle normative forestali e della governance Questo accordo è fondamentale dato che il paese esporta legname e prodotti derivati per un ​​valore di oltre 250 milioni di euro l’anno e più di metà di tale legname è destinato all’Unione europea. Mi trovo d’accordo anche sulla necessità di garantire che gli impegni internazionali che la Repubblica del Congo si è assunta in termini di diritti umani e ambientali siano rispettati.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria Da Graça Carvalho (PPE), per iscritto. (PT) Mi rallegro degli impegni assunti dall’Unione europea e dalla Repubblica del Congo con l’accordo volontario di partenariato volto a migliorare la governance delle foreste e a riformare la normativa esistente in materia. È necessario garantire che le attività del settore forestale siano trasparenti, rispettino i diritti della popolazione e non si ripercuotano negativamente sull’ambiente. Desidero sottolineare il ruolo delle organizzazioni indipendenti nazionali della società civile e degli osservatori indipendenti esterni nel monitoraggio della corretta applicazione delle partnership da parte di tutte le parti in causa.

 
  
MPphoto
 
 

  Edite Estrela (S&D), per iscritto. (PT) Ho votato a favore della raccomandazione sull’accordo volontario di partenariato tra l’Unione europea e la Repubblica del Congo poiché esso introduce politiche e riforme legislative che consentiranno al settore del legno congolese di incoraggiare pratiche di buona governance e trasparenza al fine di combattere la frode e il commercio illegale di legname.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. (PT) Il commercio illegale di legname è un problema che si ripercuote gravemente sui paesi produttori, compresa la Repubblica del Congo, e mette in pericolo gli ecosistemi, lo stile di vita e le stesse economie dei paesi in via di sviluppo. Purtroppo l’Unione europea continua a importare legame illegale e quindi le misure volte a ostacolare il suo ingresso nell’UE vanno accolte favorevolmente. In questo senso un accordo di collaborazione volto a individuare la provenienza e la legalità del legname che raggiungere i paesi dell’Unione è chiaramente una misura positiva. Come avviene per altri beni, il consumatore dovrebbe poter risalire alla provenienza del legname e assicurarsi che il prodotto soddisfi i requisiti di legge ad esso applicabili.

 
  
MPphoto
 
 

  José Manuel Fernandes (PPE), per iscritto. (PT) L’Unione europea sta lottando contro il disboscamento illegale e cercando nel contempo di preservare le risorse forestali promuovendone l’uso sostenibile a livello globale.

Accolgo quindi favorevolmente la firma dell’accordo volontario di partenariato con la Repubblica del Congo volto a migliorare la governance delle foreste e a rivedere, se necessario, le normative esistenti per garantire che le attività del settore forestale siano trasparenti e i diritti della popolazione locale vengano rispettati senza ripercussioni negative sull’ambiente.

Tali accordi sono essenziali per sradicare il fenomeno del disboscamento illegale ponendo fine alla deforestazione, al degrado delle foreste, alle relative emissioni di carbonio e alla perdita di biodiversità a livello globale. A tal fine vorrei sottolineare l’importanza della richiesta posta alla Commissione di elaborare e presentare regolarmente al Parlamento europeo una relazione sullo stato di attuazione delle varie disposizioni di tutti gli accordi attuali e futuri.

 
  
MPphoto
 
 

  João Ferreira (GUE/NGL), per iscritto. (PT) L’accordo in oggetto mira a garantire la tracciabilità e la certificazione dei prodotti del legno provenienti dalla Repubblica del Congo, obiettivi apparentemente lodevoli ma che non rappresentano a nostro avviso una risposta adeguata al problema della distruzione delle foreste e alla minaccia all’integrità di risorse di immenso valore sotto il profilo ecologico e quello della tutela ambientale che sono vitali per l’esistenza e lo stile di vita delle comunità locali e delle popolazioni indigene. Le preoccupazioni espresse dal relatore stesso servono a dimostrare la debolezza della convenzione e giustificano la nostra astensione. In particolare, l’accordo non è di per sé sufficiente a garantire che la deforestazione e il degrado su vasta scala di foreste intatte saranno combattuti, anzi potrebbe addirittura favorirli in assenza di misure supplementari o complementari in quanto volto a incoraggiare l’importazione di prodotti del legno dalla Repubblica del Congo all’Unione europea. La misura potrebbe entrare in chiaro conflitto con gli obiettivi dichiarati dall’UE in materia di lotta ai cambiamenti climatici e di tutela della biodiversità. Va inoltre sottolineata, come ha fatto il relatore, la mancanza di finanziamenti mirati, del supporto tecnico e delle risorse umane necessarie per attuare l’accordo.

 
  
MPphoto
 
 

  Lorenzo Fontana (EFD), per iscritto. − Signor Presidente, onorevoli Colleghi, analogamente a quanto stabilito per il Camerun, e con il rammarico che il Trattato di Lisbona non conferisca al Parlamento Europeo il potere di modifica, ma ne richieda soltanto il consenso, ritengo di appoggiare la raccomandazione del collega Jadot. Il Congo esporta oltre 250 milioni annuali di legnami e derivati, la metà finiscono nel mercato comunitario. Sebbene, come nella situazione del Camerun, permangano dubbi sull’effettiva applicazione dell’accordo che votiamo, ritengo di appoggiarla, in quanto rappresenta un primo passo verso la lotta alla frode e all’illegalità nel commercio del legno.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. (LT) Ho appoggiato questo documento poiché l’obiettivo dell’accordo volontario di partenariato tra l’Unione europea e il Congo è quello di fornire un quadro normativo entro il quale individuare e garantire la tracciabilità del legname e di mettere a punto procedure di verifica governative e indipendenti per certificare che tutto il legame esportato dal Congo ai mercati europei sia stato ottenuto, abbattuto, trasportato ed esportato legalmente. Ritengo si debba porre fine al commercio illegale di legname e alla corruzione e istituire un sistema efficace e trasparente per il monitoraggio della legalità di questo prodotto e dei suoi derivati. Il Congo esporta più di 250 milioni di euro di legname e prodotti derivati, metà dei quali diretti all’Unione europea. Attualmente il 20 per cento del legname congolese importato sul mercato europeo è di origine illegale, sia a livello di produzione che di vendita, trasformazione ed esportazione. Le guerre che si sono succedute tra il 1993 e il 1999 non hanno migliorato la situazione e hanno aperto le porte alla piaga della corruzione. Vi era quindi l’urgente necessità di stabilire procedure per combattere il commercio illegale di legname analizzandone e sorvegliandone in modo più efficace i modelli commerciali spesso complessi. Va sottolineato che questi accordi volontari sul commercio di legname non devono essere in contrasto con l’obiettivo generale dell’Unione europea in termini di lotta ai cambiamenti climatici ma garantire un utilizzo sostenibile delle risorse forestali, porre fine alla deforestazione, al degrado forestale, alle relative emissioni di carbonio e alla perdita di biodiversità a livello globale.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Egregio Presidente, cari colleghi, come ben sappiamo gran parte del legname utilizzato dall'Unione europea proviene dalla Repubblica del Congo. In questo Paese, secondo quanto si apprende dagli studi effettuati dalle ONG che lavorano sul territorio, almeno il 20% del legname è di origine illegale. La missione di questa raccomandazione sul progetto di decisione relativo all’applicazione delle normative nel settore forestale, è quella di far sì che anche nel Congo, così come già richiesto per il Camerun, l'Unione europea possa agire in modo da evitare che il mercato del legname subisca ingerenze illegali e, in quanto tali, inaccettabili. Ciò può avvenire, così come proposto dalla stessa raccomandazione, attraverso l'adozione di misure che consentano all'UE di assicurarsi che le riforme politiche, avviate attraverso gli accordi di partenariato, contribuiscano effettivamente ad una economia pulita, sia dal punto di vista giuridico che ambientale, al fine di salvaguardare il Paese dalla criminalità e dal cattivo uso delle risorse di cui beneficia.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. (EN) Ho votato a favore della relazione in oggetto. Il Congo esporta più di 250 milioni di euro di legname e prodotti derivati, metà dei quali diretti all’Unione europea; alcune indagini condotte da organizzazioni non governative hanno dimostrato che, ad oggi, il 20 per cento del legname congolese importato sul mercato europeo è di origine illegale, sia a livello di produzione che di vendita, trasformazione ed esportazione. Le guerre che si sono succedute tra 1993 e il 1999 non hanno migliorato la situazione e hanno aperto le porte alla piaga della corruzione. Vi era quindi l’urgente necessità di stabilire procedure per combattere il commercio illegale di legname analizzandone e sorvegliandone in modo più efficace i modelli commerciali spesso complessi. Il presente accordo volontario di partenariato dovrebbe contribuire a fronteggiare la corruzione e a ridurre significativamente il commercio illegale di legname.

 
  
MPphoto
 
 

  Jean-Luc Mélenchon (GUE/NGL), per iscritto.(FR) Nella lotta contro il saccheggio della biodiversità la questione della distruzione delle foreste ha un posto di tutto rilievo dato che il fenomeno deriva essenzialmente dalla logica produttivistica della globalizzazione odierna ed è quindi ancora perfettamente legale. L’applicazione dell’accordo volontario di partenariato bilaterale tra l’UE e il Congo per combattere lo sfruttamento illegale delle foreste è un passo avanti molto limitato verso l’istituzione del meccanismo necessario a penalizzare tutti i reati ecologici. L’indipendenza delle decisioni relative alla concessione e alla verifica delle licenze di esportazione dovrebbe essere garantita da servizi pubblici e bisognerebbe fornire aiuti per combattere lo sfruttamento legalizzato improprio delle foreste. L’assenza di tali misure è particolarmente deplorevole.

 
  
MPphoto
 
 

  Nuno Melo (PPE), per iscritto. (PT) Il disboscamento dei paesi africani, spesso illegale, ha un forte impatto sulla tutela delle risorse naturali dei paesi produttori e rappresenta un attacco alla biodiversità, alla qualità di vita e alle prospettive future della popolazione. Mi auguro che l’accordo negoziato con la Repubblica del Congo serva a combattere realmente tale fenomeno illegale nel paese, contribuendo così a migliorare le condizioni delle popolazioni il cui sostentamento si basa su questo settore economico oltre a migliorare la situazione della biodiversità e a proteggere le risorse naturali congolesi.

 
  
MPphoto
 
 

  Andreas Mölzer (NI), per iscritto. (DE) Questo tipo di accordo avrà significato solo quando potremo essere certi che le società straniere non sfrutteranno più quelle locali, prive di competenze in materia forestale e ambientale, e quando la Repubblica del Congo porrà un freno alla corruzione. L’obiettivo deve essere quello di istituire un settore forestale che agisca responsabilmente e pianifichi per le generazioni future. Finché la popolazione locale continuerà a non essere consapevole di questi problemi qualsiasi misura continuerà ad essere fittizia.

Fino a quando il mancato rispetto delle norme sul taglio non verrà sanzionato concretamente l’accordo dell’Unione europea rimarrà del tutto inefficace. Anche in caso di “abbattimento selettivo” è importante ricordare quanti alberi verranno persi durante il processo di trasporto, per esempio, per la costruzione strade di uscita dalle foreste. Anche se non ci si può attendere miracoli dall’accordo, esso rappresenta un passo nella direzione giusta, motivo per cui ho votato a favore della relazione in oggetto.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria do Céu Patrão Neves (PPE), per iscritto. (PT) Ho votato favorevolmente anche sull’accordo volontario di partenariato tra l’Unione europea e la Repubblica del Congo relativo all’applicazione delle normative nel settore forestale, sulla governance e sul commercio del legname e dei suoi derivati importati nell’Unione europea. Accolgo con favore l’obiettivo di creare un quadro legislativo che renda possibile, tra l’altro, identificare i prodotti del legno, garantirne la tracciabilità, stabilire procedure di verifica governativa indipendenti attestanti che tutti i prodotti del legno esportati dalla Repubblica del Congo ai mercati europei siano stati ottenuti, abbattuti, trasportati ed esportati legalmente in modo da gettare le basi di una gestione e uno sfruttamento legale nel settore del legname congolese, e rafforzare l’applicazione della normativa forestale e della governance.

In relazione all’accordo volontario di partenariato tra l’UE e il Congo stipulato il 9 maggio 2009 desidero sottolineare l’osservanza dei criteri derivanti dalle definizioni di tale partnership, compresi quelli applicabili al processo di negoziato che ha portato a un accordo innovativo volto a combattere efficacemente le pratiche di cattiva governance all’origine del commercio illegale di legname e della corruzione e a ad istituire un sistema efficace e trasparente di vigilanza sulla legalità di questo prodotto e dei suoi derivati.

 
  
MPphoto
 
 

  Aldo Patriciello (PPE), per iscritto. − L’accordo volontario di partenariato tra l’Unione europea e la Repubblica del Congo (“AVP Congo-UE”) ha l’obiettivo di definire un quadro legislativo mirato ad assicurare la tracciabilità del legname, istituire procedure di verifica governative e indipendenti atte a certificare che tutte le quantità di legname esportato dal Congo ai mercati europei sono state commercializzate in modo legale, onde rafforzare l’applicazione delle normative forestali e della governance.

Le inchieste delle ONG hanno evidenziato che il 20 per cento del legname congolese importato sul mercato europeo è di origine illegale, nelle diverse fasi. Cari colleghi, è per questi motivi che risulta urgente istituire procedure atte a combattere il commercio fraudolento del legname.

L’accordo volontario di partenariato tra UE–Congo prevede una serie di riforme politiche e regolamentari che consentiranno al settore forestale del Congo di attuare una governance corretta e maggiore trasparenza. Occorre provvedere a che le riforme politiche e legislative avviate contribuiscano a ridurre la povertà e a migliorare in modo tangibile le condizioni di vita delle popolazioni.

L’accordo sarà effettivo non appena saranno attuate le modifiche legislative promesse e sarà istituito il sistema di verifica della legalità. Per tutti gli aspetti esposti mi attengo alla proposta del relatore di seguire la posizione del Consiglio.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. (PT) L’accordo volontario di partenariato tra l’UE e il Congo prevede una serie di riforme politiche e legislative che consentiranno al settore del legname della Repubblica del Congo di istituire pratiche di buona governance e una maggiore trasparenza. È importante assicurare che tutto il legname e i suoi derivati ​​provenienti dalla Repubblica del Congo entrino nei mercati europei nella completa legalità e che tutte le riforme applicate garantiscano il rispetto dei diritti delle comunità indigene e locali, contribuiscano a migliorare le condizioni di vita della popolazione e a tutelare l’ambiente e siano efficaci a livello di lotta contro la corruzione e di rafforzamento delle capacità della società civile locale.

Ho pertanto votato a favore della firma di questo accordo e mi auguro che gli impegni e gli obiettivi della convenzione sull’applicazione delle normative nel settore forestale, sulla governance e sul commercio del legname e dei suoi derivati vengano rispettati completamente nel corso della sua applicazione.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Mi schiero a favore di questa risoluzione perché ritengo sia necessario cercare di risolvere il grave problema della deforestazione e del degrado, rimanendo una priorità il mantenimento dell’integrità delle foreste.

La Commissione e il Consiglio devono impegnarsi per aumentare gli sforzi a favore del rispetto dei diritti umani nella Repubblica Democratica del Congo. Un altro fenomeno su cui bisogna intervenire preventivamente è quello della corruzione, che deve essere ridotto in maniera rilevante. Infatti, per garantire un contenimento di quest’ultima, bisogna sostenere le misure volte a garantire l’indipendenza del sistema giudiziario locale e la creazione di nuove procedure giuridiche.

È vitale poi aggiornare i testi di legge allo scopo di migliorare la giustizia sociale e il rispetto dei diritti delle comunità locali e autoctone. Vorrei terminare affermando che bisogna sostenere l’istituzione di un sistema di verifica sulla legalità del legname attraverso risorse tecniche e finanziarie.

 
  
  

Raccomandazioni Jadot (A7–0371/2010) e (A7–0370/2010)

 
  
MPphoto
 
 

  Elisabeth Köstinger (PPE), per iscritto.(DE) Il consenso del Parlamento europeo sugli accordi volontari di partenariato tra l’Unione europea e la Repubblica del Camerun e quella del Congo rappresenta un passo importante nella lotta contro il disboscamento e il commercio illegale di legname. Un sistema di certificazione che assicuri una chiara tracciabilità porterà beneficio non solo all’economia e, in particolare, all’industria del legno europea ma anche all’economia e all’industria del settore in Camerun e in Congo. Sono quindi decisamente favorevole a questi due accordi.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. (EN) Nel contesto della convenzione sull’applicazione delle normative nel settore forestale, sulla governance e sul commercio (FLEGT) i paesi esportatori di legno duro tropicale hanno iniziato a firmare accordi volontari di partenariato con l’Unione europea finalizzati a garantire la tracciabilità e la legittimità del legname e delle procedure di verifica. L’obiettivo dei due accordi volontari di partenariato FLEGT con la Repubblica del Congo e il Camerun è quello di fornire un quadro legislativo volto a individuare e a garantire la tracciabilità del legname, a mettere in atto procedure di verifica indipendente per la certificazione di tutte le esportazioni di questo prodotto dal paese partner al mercato europeo in modo da fornire le basi per la gestione e lo sfruttamento legale delle foreste congolesi e camerunesi e a rafforzare l’applicazione delle norme forestali e della governance. Un accordo analogo era già stato firmato tra l’UE e il Ghana nel 2009. A seguito dell’introduzione del trattato di Lisbona il Parlamento europeo ha assunto potere di codecisione e deve quindi accordare il proprio consenso formale ai due accordi volontari con il Camerun e la Repubblica del Congo. Nell’immediato futuro è prevista la stipula di altri accordi con alcuni paesi asiatici e anche con la Repubblica democratica del Congo.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − Ho votato a favore di queste risoluzioni perché ritengo sia importante preservare le foreste naturali, il cui sfruttamento ne favorisce il degrado e la deforestazione, nonché la distruzione dell’ambiente su scala mondiale.

È quindi necessaria una riforma del quadro forestale per ottenere un accordo volontario di partenariato, conforme agli obiettivi del piano d’azione FLEGT ed assicurandosi che i criteri sociali ed ambientali vengano applicati. Bisogna aggiornare i testi giuridici per migliorare la giustizia sociale, al fine di rispettare i diritti delle comunità locali e autoctone, assicurando così alla comunità i principi di partecipazione diretta all’elaborazione dei nuovi testi regolamentari e alla fase di applicazione dell’accordo di trasparenza.

La Commissione deve interessarsi al rispetto dei diritti delle comunità locali, le quali sono le prime vittime delle alterazioni climatiche e ambientali.

 
  
MPphoto
 
 

  Marie-Christine Vergiat (GUE/NGL), per iscritto.(FR) Il Parlamento europeo ha votato a favore di diversi accordi per combattere il commercio illegale di legname tra Unione europea e Congo e Unione europea e Camerun.

Tali accordi internazionali sono volti a garantire la tracciabilità del legname esportato nell’UE al fine di lottare contro la deforestazione e preservare la biodiversità salvaguardando al contempo i diritti delle popolazioni indigene.

Il relatore, l’onorevole Jadot del gruppo dei Verdi/Alleanza libera europea, ha incluso una serie di emendamenti presentati dal gruppo confederale della Sinistra unitaria europea/Sinistra verde nordica.

Queste relazioni devono ancora essere applicate e occorrerà accertarsi che la Commissione tenga realmente conto del punto di vista del Parlamento europeo.

Esse tuttavia potranno fornire sostegno a tutti coloro che cercano di avere un rapporto di tipo diverso con i paesi del sud e specialmente con quelli dell’Africa subsahariana.

 
  
MPphoto
 
 

  Angelika Werthmann (NI), per iscritto. (DE) Ho votato a favore della firma degli accordi volontari di partenariato tra l’Unione europea e la Repubblica del Camerun e quella del Congo. Quest’anno, il 2011, è l’Anno internazionale delle foreste e avere foreste sane è essenziale per mantenere la biodiversità locale in quanto esse contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi climatici che ci siamo prefissati poiché fungono da fonti naturali di CO2. La vegetazione e i boschi vengono distrutti in tutto il mondo, anche nell’Africa centrale: alcune immagini satellitari dimostrano che negli ultimi 30 anni sono andati persi circa 25 000 km² di foreste e di vegetazione africane. Questi nuovi accordi di partenariato promuoveranno la gestione responsabile del settore forestale in questi due paesi della quale l’Unione europea è indirettamente responsabile in virtù del legname che importa. L’UE ora si assume questa responsabilità e l’introduzione di sistemi di tracciabilità e di verifica della legalità per i prodotti del legno servirà anche a garantire la necessaria trasparenza.

 
  
  

Proposta di risoluzione (B7–0022/2011)

 
  
MPphoto
 
 

  John Attard-Montalto (S&D), per iscritto. (EN) La risoluzione in oggetto riguarda i visti di lavoro anche se è molto improbabile che i cittadini degli Stati del Pacifico scelgano Malta, invece del resto dell’Unione europea, per cercarvi un impiego. Per questo motivo ho votato a favore del testo originale proposto.

 
  
MPphoto
 
 

  Alain Cadec (PPE), per iscritto.(FR) La risoluzione illustra le perplessità del Parlamento circa l’accordo di partenariato economico interinale mettendo in risalto gli obiettivi della convenzione (sviluppo, rafforzamento dei legami commerciali tra l’UE e il Pacifico) e sottolineando i problemi sollevati dalla deroga alle norme d’origine per i prodotti della pesca trasformati. Ciononostante, in linea con il mio rifiuto ad accettare l’accordo, ho votato contro la risoluzione che non mi sembra evidenzi a sufficienza i problemi sollevati dalla deroga alle norme d’origine per i prodotti della pesca trasformati, con particolare riferimento al tonno.

Attendo con ansia che la Commissione europea ci fornisca la valutazione d’impatto prevista per l’accordo con un’analisi delle conseguenze del medesimo sull’occupazione dell’Unione europea e del Pacifico, nonché sul settore europeo della pesca e della trasformazione dei prodotti ittici. È impossibile verificare la provenienza del tonno trasformato immesso sul mercato europeo. Seguirò i negoziati sull’accordo definitivo di partenariato tra l’UE e gli Stati del Pacifico e mi assicurerò che non contenga alcuna deroga alle norme d’origine per i prodotti della pesca trasformati che provengono dalla Papua Nuova Guinea.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria Da Graça Carvalho (PPE), per iscritto. (PT) Accolgo favorevolmente gli sforzi compiuti per approfondire le relazioni commerciali tra il Pacifico e l’Unione europea aventi l’obiettivo di sostenere l’integrazione regionale e promuovere il progressivo inserimento delle economie dei paesi dell’Africa, dei Caraibi e del Pacifico (ACP) nell’economia mondiale.

L’Unione ha un ruolo importante nel promuovere lo sviluppo sostenibile, sociale ed economico dei paesi ACP e nel cercare di perseguire l’obiettivo generale di eliminare la povertà in tali paesi. Le relazioni commerciali tra questa regione e l’Unione europea deve, pertanto, incoraggiare e incrementare gli scambi, lo sviluppo sostenibile e l’integrazione regionale, contribuendo al contempo a diversificare l’economia e a ridurre la povertà.

La politica commerciale sta divenendo più importante che mai per i paesi in via di sviluppo nel contesto dell’attuale crisi economica e finanziaria; chiedo quindi che si avviino prima possibile i negoziati con tutti e 14 i paesi ACP del Pacifico per un ampio accordo di partenariato economico.

 
  
MPphoto
 
 

  Ole Christensen, Dan Jørgensen, Christel Schaldemose e Britta Thomsen (S&D), per iscritto. (DA) In riferimento all’emendamento n. 6, paragrafo 23, comma 3, riteniamo che spetti sempre al singolo Stato membro decidere se rilasciare un visto a un cittadino proveniente da un paese terzo. Nel caso di un visto di lavoro, l’attività lavorativa dovrebbe essere svolta alle medesime condizioni previste per un cittadino comunitario dello Stato membro in questione. Vorremmo anche una definizione più precisa dei termini “badanti o professioni analoghe”.

 
  
MPphoto
 
 

  Corina Creţu (S&D), per iscritto. (RO) L’attuale crisi economica e finanziaria evidenzia che la politica commerciale è più importante che mai per i paesi in via di sviluppo. È la specificità della regione, legata alla pesca e alle industrie del settore, a fornire un buon potenziale per la futura crescita delle esportazioni, sempre che le attività di pesca siano condotte in modo ecologicamente sostenibile.

Quanto all’Aiuto al commercio, l’obiettivo è quello di migliorare la capacità di capitalizzazione delle nuove opportunità commerciali da parte dei paesi in via di sviluppo.

 
  
MPphoto
 
 

  George Sabin Cutaş (S&D), per iscritto. (RO) Ho votato a favore della risoluzione sull’accordo di partenariato interinale tra la Comunità europea e gli Stati del Pacifico in considerazione del fatto che essa rappresenta un passo avanti verso la negoziazione di una nuova e più ampia partnership.

La Commissione europea deve tuttavia tenere presente che l’accordo futuro dovrà essere negoziato con un numero maggiore di Stati per evitare di diventare una fonte di divisione all’interno della regione. La convenzione, inoltre, non dovrebbe consentire alle imprese di paesi terzi di godere dei benefici di un’esenzione dai dazi doganali dell’UE a discapito delle industrie, dei lavoratori e dei redditi locali.

 
  
MPphoto
 
 

  Edite Estrela (S&D), per iscritto. (PT) Ho votato a favore della risoluzione perché credo che l’accordo di partenariato sosterrà l’integrazione regionale e promuoverà il progressivo inserimento delle economie dei paesi dell’Africa, dei Caraibi e del Pacifico nell’economia globale rafforzando nel contempo la sostenibilità sociale e lo sviluppo economico di questi paesi e contribuendo in tal modo all’eliminazione della povertà.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. (PT) Credo che l’accordo di partenariato economico interinale con l’Unione europea, sebbene sia stato firmato solamente dalla Papua Nuova Guinea e dalla Repubblica di Figi, meriti il 舃​nostro sostegno perché permette l’apertura dei mercati europei ai prodotti locali e la contemporanea apertura dei mercati di quei paesi ai prodotti europei. Mi auguro che le relazioni commerciali tra gli Stati del Pacifico e l’Unione europea cresca e si rafforzi pur nel rispetto delle specificità delle diverse aree e tenendo conto delle particolari esigenze dei meno abbienti. Questo meccanismo commerciale dovrebbe quindi essere utilizzato tenendo conto delle esigenze di sviluppo dei paesi che hanno firmato l’accordo e andrebbe utilizzato come uno strumento atto a promuovere tali esigenze. L’eventuale accordo generale non dovrebbe trascurare le questioni chiave elencate nella risoluzione: mi riferisco ai negoziati sui diritti di proprietà intellettuale, alla trasparenza degli appalti pubblici e alla concessione di visti di lavoro.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. (EN) La mia risoluzione, che accompagna il consenso all’accordo di partenariato interinale tra l’Unione europea e gli Stati del Pacifico, sottolinea che il Parlamento, pur accogliendo favorevolmente la convenzione che riguarda solo le isole Figi e la Papua Nuova Guinea, è convinto che qualsiasi iniziativa volta a concludere un accordo globale dovrà essere allargata a tutti e 14 gli Stati insulari del Pacifico poiché ciò sarebbe importante per la solidarietà, la coesione e l’integrazione della regione.

 
  
MPphoto
 
 

  Nuno Melo (PPE), per iscritto. (PT) L’obiettivo degli accordi di partenariato economico tra l’UE e gli Stati del Pacifico deve essere quello di incrementare il commercio, lo sviluppo sostenibile e l’integrazione regionale, promuovendo nel contempo la diversificazione economica e riducendo la povertà. L’accordo, anche se attualmente firmato solo dalla Papua Nuova Guinea e dalla Repubblica di Figi, costituisce un passo importante per lo sviluppo economico futuro di questa regione, formata da 14 paesi, ed è fondamentale per l’espansione del commercio internazionale.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria do Céu Patrão Neves (PPE), per iscritto. (PT) La convinzione diffusa che la promozione delle relazioni commerciali tra questa regione e l’UE dovrebbe incoraggiare e incrementare gli scambi, lo sviluppo sostenibile e l’integrazione regionale promuovendo contemporaneamente la diversificazione economica e la riduzione della povertà è un elemento particolarmente importante di questa risoluzione del Parlamento europeo sul partenariato interinale tra l’Unione e gli Stati del Pacifico. Gli obiettivi di sviluppo del Millennio saranno raggiunti tramite l’accordo in oggetto.

Questo aspetto, assieme alla creazione di un vero mercato regionale, sarà alla base del successo di questa partnership economica così come di qualsiasi altro accordo più ampio in futuro. L’integrazione regionale e la cooperazione sono essenziali per lo sviluppo sociale ed economico degli Stati del Pacifico.

Ho votato a favore poiché ritengo che l’accordo in oggetto possa contribuire allo sviluppo economico di queste regioni e condivido la convinzione espressa nella risoluzione che tale sviluppo dovrebbe essere accompagnato da politiche in materia di sostenibilità ambientale e di inclusione. Spetta al Parlamento europeo monitorare l’applicazione del presente accordo nell’ambito delle competenze che gli ha attribuito il trattato di Lisbona.

 
  
MPphoto
 
 

  Maurice Ponga (PPE), per iscritto.(FR) Accolgo con favore la decisione del Parlamento europeo di approvare l’accordo interinale tra l’Unione europea e gli Stati del Pacifico. Tale accordo riflette l’impegno assunto dall’Unione europea in questa parte del mondo e manda un forte segnale politico agli Stati della regione cosa di cui sono lieto. La risoluzione politica che accompagna la decisione di approvare la convenzione fornisce l’opportunità di sottolineare le nostre richieste. Vogliamo stabilire un rapporto equilibrato e leale con gli Stati del Pacifico, un rapporto che permetta lo sviluppo di questi paesi insulari pur tutelando gli interessi dei nostri cittadini. Anche se l’accordo interinale contiene disposizioni specifiche in materia di norme d’origine per i prodotti della pesca è stato importante gestire la deroga. Di fatto, al fine di assicurare che tale deroga, che dovrebbe consentire di creare posti di lavoro e ricchezza, comporti un beneficio reale per le popolazioni locali e non danneggi le industrie europee per la trasformazione e l’inscatolamento dei prodotti della pesca si è dovuta condurre rapidamente una valutazione del suo impatto e prevederne la sospensione, se necessario. Ora abbiamo la garanzia che l’accordo sarà equo e che sarà possibile adottare eventuali misure a tutela dei nostri interessi.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. (PT) Ho votato a favore della risoluzione sul partenariato interinale tra l’Unione europea gli Stati del Pacifico nella speranza che questo accordo – attualmente limitato a due paesi, la Papua Nuova Guinea e la Repubblica di Figi – possa preparare il terreno per una partnership più ampia contribuendo a promuovere lo sviluppo sociale ed economico sostenibile della regione del Pacifico, a ridurre la povertà e a rafforzare l’integrazione regionale e la cooperazione, in linea con gli obiettivi di sviluppo del Millennio.

 
  
MPphoto
 
 

  Licia Ronzulli (PPE), per iscritto. − L’accordo di partenariato interinale fra Papua Nuova Guinea, Isole Fiji e la Comunità europea è stato siglato il 14 dicembre 2007.

Questi sono stati gli unici paesi della regione del Pacifico a siglare l’accordo, in quanto i più attivi nell’intrattenere rapporti commerciali con l’UE, ma soprattutto interessati a proteggere le proprie produzioni di zucchero e della pesca del tonno. L’accordo inoltre dovrebbe garantire guadagni supplementari a questi paesi grazie ad una nuova regolamentazione della franchigia e dei dazi doganali.

Da un migliore accesso al mercato europeo questi paesi godranno inoltre di nuove opportunità d’investimenti, con ricadute positive anche nell’occupazione. L’accordo di partenariato economico prevede in un secondo momento l’istituzione di una commissione ad hoc per monitorare la sua attuazione e verificare ad intervalli regolari i suoi effetti sulla società e sull’economia locali.

 
  
MPphoto
 
 

  Tokia Saïfi (PPE), per iscritto.(FR) La risoluzione illustra i dubbi del Parlamento circa l’accordo di partenariato economico interinale mettendo in risalto gli obiettivi della convenzione (sviluppo, rafforzamento dei legami commerciali tra l’UE e il Pacifico) e sottolineando i problemi sollevati dalla deroga alle norme d’origine per i prodotti della pesca trasformati. Ecco perché ho ​​votato a favore di questa risoluzione e ho ​​sostenuto gli emendamenti presentati dai Verdi, del tutto in linea con le nostre preoccupazioni. Attendo con ansia che la Commissione europea ci fornisca la valutazione d’impatto prevista per l’accordo e seguirò da vicino i negoziati per il partenariato definitivo.

 
  
MPphoto
 
 

  Derek Vaughan (S&D), per iscritto. (EN) Ho sostenuto l’accordo di partenariato economico con la Papua Nuova Guinea e le Figi poiché ritengo importante sviluppare forti legami con i paesi esportatori della regione del Pacifico. Nonostante le preoccupazioni espresse da alcuni deputati credo sia necessario avviare una cooperazione più stretta con questi paesi in quanto ciò consentirebbe all’Unione europea di monitorare le catture di tonno e di altri pesci inscatolati in Papua Nuova Guinea. Questa industria ha creato centinaia di posti di lavoro per la popolazione locale di questo paese povero.

 
  
  

Raccomandazione Martin (A7-0365/2010)

 
  
MPphoto
 
 

  Luís Paulo Alves (S&D), per iscritto. (PT) Ho espresso voto favorevole alla presente risoluzione poiché ritengo che aiuti a stabilire con la Repubblica delle Isole Figi e con la Papua Nuova Guinea nuovi accordi commerciali che siano compatibili con le norme dell’Organizzazione mondiale del commercio. Gli accordi di partenariato economico interinali (APE) sono accordi sul commercio di beni volti a prevenire la sospensione dell’attività commerciale tra gli Stati ACP e l’Europa. Sebbene gli accordi interinali si possano considerare come un primo passo del processo, in termini giuridici, rappresentano accordi internazionali totalmente indipendenti che non implicano necessariamente la stesura di APE completi. Accolgo con favore le raccomandazioni in merito alla firma di accordi definitivi, alla creazione di fondi europei non derivanti dal Fondo europeo di sviluppo per il finanziamento di tali accordi, alla necessità di stabilire una commissione parlamentare che controlli l’applicazione dell’accordo e una clausola di revisione che preveda una valutazione d’impatto globale dopo tre o cinque anni.

 
  
MPphoto
 
 

  Bastiaan Belder (EFD), per iscritto. (NL) Gli accordi di partenariato economico devono promuovere l’attività commerciale tra l’Unione europea e la Papua Nuova Guinea e le Figi, nonché contribuire al commercio, allo sviluppo, alla crescita sostenibile e alla riduzione della povertà. L’integrazione regionale è fondamentale per lo sviluppo di questi paesi; la Commissione dovrebbe pertanto spiegare come tali accordi interinali vi contribuiscano. È importante firmare un accordo finale con i paesi della regione. L’allentamento delle norme di origine offre alla Papua Nuova Guinea notevoli opportunità per promuovere l’economia locale.

È importante, tuttavia, assicurarsi che i paesi più poveri non siano utilizzati come paesi di transito per prodotti provenienti da paesi non qualificati al regime di accesso speciale. Gli interessi dell’economia locale sono fondamentali. La Commissione deve controllare l’attuazione degli accordi e prendere i dovuti provvedimenti qualora gli studi di settore rivelassero gravi alterazioni nel mercato.

 
  
MPphoto
 
 

  Alain Cadec (PPE), per iscritto.(FR) Il presente accordo offre condizioni preferenziali di accesso al mercato europeo ai beni provenienti dalla regione del Pacifico. Sono favorevole allo sviluppo della regione, ma ritengo inaccettabile la deroga alle norme di origine per i prodotti della pesca trasformati, che genera una concorrenza sleale per l’industria conserviera europea e che in realtà non porta benefici alle popolazioni locali.

Le importazioni di tonno dalla Papua Nuova Guinea sono raddoppiate negli ultimi due anni e temiamo che questa tendenza aumenterà in futuro. In qualità di vicepresidente della commissione per la pesca, ho deciso di votare contro l’accordo poiché non tiene in considerazione il parere adottato da questa commissione per abolire la deroga alle norme di origine per i prodotti della pesca trasformati, alla fine dei negoziati sull’accordo di partenariato interinale.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. (PT) Sebbene solo un numero limitato di paesi abbia accettato l’accordo di partenariato economico interinale (APE), questo accordo dimostra l’impegno dell’Europa a sostenere lo sviluppo dei paesi del Pacifico attraverso un meccanismo che va oltre i procedimenti relativi agli aiuti, nel tentativo di mobilizzare le economie locali e nella speranza di creare nuove attività e posti di lavoro e incentivare la circolazione di persone e beni. In linea di principio concordo con questo strumento, ma non posso ignorare i miei dubbi sull’impatto che l’APE potrebbe avere sull’industria della pesca. Vorrei che la Commissione trattasse con particolare attenzione questo tema e ritengo giustificata, come richiesto dal relatore, la presentazione al Parlamento da parte della Commissione di una relazione sulla pesca nel Pacifico e sulla gestione degli stock ittici.

 
  
MPphoto
 
 

  José Manuel Fernandes (PPE), per iscritto. (PT) Concordo con la proposta di decisione del Consiglio sulla conclusione di un accordo di partenariato economico interinale tra la Comunità europea e due Stati del Pacifico (la Papua Nuova Guinea e la Repubblica delle Isole Figi) per i seguenti motivi: 1. i due paesi rappresentano le maggiori economie della regione e in passato hanno firmato accordi di partenariato economico con l’Unione europea; 2. nonostante i benefici potenziali che l’espansione del partenariato ad altri paesi della regione comporterebbe, sinora non è stato possibile farlo; 3. se intendiamo convertire l’accordo interinale in questione in un accordo completo, l’Assemblea deve rivalutarlo; 4. le Isole Figi si sono impegnate nei confronti dell’Unione europea in materia di diritti dell’uomo, principi democratici e stato di diritto; 5. nonostante le critiche pronunciate da alcuni membri della società civile e da alcuni politici nella regione, il partenariato può comunque contribuire allo sviluppo strategico dei due paesi.

 
  
MPphoto
 
 

  João Ferreira (GUE/NGL), per iscritto. (PT) Abbiamo a lungo criticato la sottoscrizione degli accordi di partenariato con i paesi dell’Africa, dei Caraibi e del Pacifico (ACP). Indipendentemente dall’obiettivo e dal modo in cui sono stati presentati, gli accordi mirano al raggiungimento del libero mercato, con tutte le conseguenze negative che questo comporta. Recentemente, durante l’ultima Assemblea parlamentare paritetica ACP-UE che ha avuto luogo nel dicembre del 2010, il Consiglio dei paesi ACP ha espresso preoccupazioni sul mancato rispetto da parte della Commissione europea delle obiezioni relative alla tutela delle economie di questi paesi. È sorta anche una contraddizione tra la tanto celebrata flessibilità della Commissione e la posizione inflessibile mantenuta nel corso dei negoziati tecnici. Durante l’accordo di partenariato economico interinale con le Isole Figi e la Papua Nuova Guinea, l’Unione europea è stata oggetto di forti critiche da parte dei membri della società civile e dei politici della regione del Pacifico a causa delle pressioni esercitate su questi due paesi per spingerli a firmare l’accordo, sotto la minaccia di perdere il l’accesso preferenziale ai mercati europei. I critici sostengono inoltre che la solidarietà tra gli Stati del Pacifico è notevolmente diminuita dalla firma dell’accordo, che ha condotto alla disgregazione dei singoli gruppi regionali a causa delle pressioni esercitate per spingerli a firmare gli accordi interinali.

 
  
MPphoto
 
 

  Pat the Cope Gallagher (ALDE), per iscritto. (GA) Niente è più importante della salute dei bambini e della tutela dei loro diritti e del loro benessere. I bambini devono avere il diritto a una vita in famiglia e dobbiamo assicurarci che non debbano passare periodi troppo lunghi negli orfanotrofi.

 
  
MPphoto
 
 

  Bruno Gollnisch (NI), per iscritto.(FR) L’accordo tra Unione europea e Stati del Pacifico garantisce alla Papua Nuova Guinea una deroga generale alle norme di origine per i prodotti della pesca, in particolare per il tonno. Questa clausola implica che i beni provenienti dal paese siano considerati papuani e, di conseguenza, esenti da qualsiasi dazio o quota doganale, anche se il pescatore, le zone di pesca e le fabbriche di trasformazione del pesce non sono papuane.

Ora, chi trae profitto da una situazione del genere sono i cinesi, gli australiani, i tailandesi e qualsiasi flotta di pescherecci che scarica il proprio pescato nei porti della Papua Nuova Guinea. Si tratta delle imprese conserviere originarie dei paesi sopraccitati e che si sono stabilite in Papua Nuova Guinea, ma che offrono impiego a cittadini stranieri a condizioni discutibili. È chiaramente il settore europeo dell’industria e in particolare quello francese, a sentire il peso di tale concorrenza sleale e illecita.

All’interno dell’Unione europea, le importazioni di tonno dalla Papua Nuova Guinea sono aumentate del 76 per cento tra il 2008 e il 2009; nello stesso periodo solo in Francia, sono aumentate del 1 500 per cento. I perversi effetti economici e sociali della deroga sono ben noti e i timori per gli stock ittici della regione sono fondati. Per questo ho espresso voto contrario all’accordo.

 
  
MPphoto
 
 

  Jarosław Kalinowski (PPE), per iscritto.(PL) Gli Stati del Pacifico formano una zona unica, costituita principalmente da isole che sono, in prevalenza, etnicamente diverse, con una cultura che differisce notevolmente da quella europea e con diverse priorità politiche ed economiche. Concludere un accordo con questi Stati manifesta la nostra intenzione di facilitare la libera circolazione di beni e servizi che dovrebbero apportare vantaggi commerciali per entrambe le parti. Nella lotta per la liberalizzazione del mercato, dobbiamo comunque assicurarci di non venire considerati come intrusi che puntano solo all’accesso alle risorse, indebolendo la solidarietà regionale, come vogliono farci credere i critici. Concludiamo accordi, apriamo i mercati e promuoviamo la competitività, ma dobbiamo fare in modo che le nostre azioni siano sempre guidate dal buon senso e dai benefici reciproci, in particolare, quando corriamo in aiuto di regioni quali gli Stati del Pacifico, spesso colpite da catastrofi naturali.

 
  
MPphoto
 
 

  Elisabeth Köstinger (PPE), per iscritto.(DE) L’accordo di partenariato interinale tra la Comunità europea e due paesi ACP, ovvero la Papua Nuova Guinea e le Figi, deve essere visto come un passo verso un accordo completo. L’accordo di partenariato interinale riguarda tutti i temi importanti di un accordo commerciale, ma dovrebbe anche affrontare i diritti di proprietà intellettuale e gli sviluppi nel settore degli appalti pubblici. Sostengo l’accordo, ma al contempo sono consapevole del suo possibile impatto sul settore della pesca. A questo proposito, mi aspetto che la Commissione svolga un’inchiesta, come richiesto nel paragrafo 15 della risoluzione adottata dal Parlamento.

 
  
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. − Egregio Presidente, cari colleghi, l’iniziativa oggi approvata da questo Parlamento ha creato un accordo che alimenterà sicuramente il commercio tra l’Unione Europea e alcuni Stati della regione del Pacifico. Nello specifico, l’accordo di partenariato interinale è stato concluso con la Papua Nuova Guinea e la Repubblica delle Isole Figi, che cercano di raggiungere l’obiettivo di proteggere le loro industrie dello zucchero e del tonno. Si tratta, a mio avviso, di un passo in avanti in tema di sviluppo e di prosperità, capace di fornire un vero valore aggiunto - grazie anche alle norme di origine - all’attività di pesca e alle esportazioni di queste regioni. Mi preme sottolineare, inoltre, che l’accordo potrebbe avere importanti ripercussioni sulle relazioni con altri Stati della regione del Pacifico, tra cui l’Australia e la Nuova Zelanda.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. (EN) Sono lieto che il Parlamento abbia espresso il suo pieno sostegno alla raccomandazione da me presentata per la conclusione dell’APE interinale UE-Pacifico. L’accordo interinale fra la Papua Nuova Guinea, la Repubblica delle Isole Figi e la Comunità europea è stato siglato il 14 dicembre 2007. Questi due paesi sono stati gli unici membri della regione del Pacifico a siglare l’accordo, poiché gli altri membri del gruppo regionale del Pacifico, avendo volumi più scarsi di scambi commerciali con l'UE, hanno scelto di non siglare un accordo.. Le Isole Figi e la Papua Nuova Guinea hanno concluso l’accordo soprattutto nella speranza di proteggere le loro industrie dello zucchero e del tonno, che nell’ambito del sistema di preferenze generalizzate sarebbero state seriamente compromesse. L'accordo interinale riguarda le norme d'origine e i problemi di accesso al mercato. In merito alle norme di origine, l'accordo riguarda le norme di origine nel settore della pesca, del tessile e dell'agricoltura, determinando opportunità in materia di investimenti e occupazione. Per quanto riguarda l'accesso al mercato, verrebbe garantito un accesso in franchigia di dazi doganali e di contingenti che offrirebbe opportunità di investimento e di occupazione. Le questioni relative al commercio e allo sviluppo devono essere trattate in un più ampio quadro regionale.

 
  
MPphoto
 
 

  Jean-Luc Mélenchon (GUE/NGL), per iscritto.(FR) L’accordo di partenariato interinale firmato da Unione europea, Papua Nuova Guinea e Isole Figi è il risultato di una vergognosa pressione. Tale accordo prevede, per la Papua Nuova Guinea e le Isole Figi, la graduale abolizione dei dazi doganali a livelli insostenibili per i due Stati, il divieto di qualsiasi restrizione quantitativa all’esportazione e all’importazione e l’abolizione di tutti i sussidi per l’esportazione di prodotti agricoli verso gli Stati del Pacifico. Contiene una clausola di revisione a tempo per concludere positivamente i negoziati attualmente in corso per un accordo di partenariato economico completo (APE). Tali accordi sono un’ulteriore riprova del neocolonialismo dell’Unione europea. Ho per questo espresso voto contrario.

 
  
MPphoto
 
 

  Nuno Melo (PPE), per iscritto. (PT) Gli obiettivi degli accordi di partenariato economico tra l’Unione europea e gli Stati del Pacifico devono essere l’aumento del commercio, lo sviluppo sostenibile, l’integrazione regionale, la promozione della diversificazione economica e la riduzione della povertà. Sebbene attualmente solo la Papua Nuova Guinea e la Repubblica delle Isole Figi lo abbiano firmato, l’accordo costituisce comunque un passo avanti significativo verso il futuro sviluppo economico della regione, composta da 14 Stati, ed è fondamentale per lo sviluppo del commercio internazionale. Rappresenta il primo passo verso l’estensione dell’accordo ad altri paesi della regione, che darebbe una spinta significativa alle loro economie e al benessere delle loro popolazioni.

 
  
MPphoto
 
 

  Alfredo Pallone (PPE), per iscritto. – Ho votato a favore dell’accordo di partenariato interinale tra UE e Stati del Pacifico perché ritengo importante che l’Europa abbia accordi di partenariato commerciale con i paesi terzi in grado di esportare prodotti di difficile accesso per i paesi europei. Lo sviluppo del commercio internazionale è seguito logicamente da accordi che facilitino gli scambi e rendano la rete commerciale sempre più accessibile. I negoziati per i nuovi accordi di partenariato economico (APE) sono stati avviati nel 2002 con l’intento di istituire e rafforzare i processi di integrazione regionale nell’ambito degli Stati ACP. L’accordo in questione riguarda le norme d’origine nel settore della pesca, del tessile e dell’agricoltura, determinando opportunità in materia di investimenti e occupazione, e riguarda l’accesso al mercato, con una franchigia di dazi doganali che offrirebbero opportunità di investimento e di occupazione. L’accordo interinale ha inoltre determinato una riduzione del margine di manovra politica dei governi in termini di competenze normative.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria do Céu Patrão Neves (PPE), per iscritto. (PT) Ho votato a favore della raccomandazione sulla conclusione dell’accordo di partenariato interinale tra la comunità europea e gli Stati del Pacifico per i seguenti motivi. Le Isole Figi e la Papua Nuova Guinea hanno concluso l’accordo soprattutto nella speranza di proteggere le loro industrie dello zucchero e del tonno. L’accordo interinale riguarda le norme di origine nel settore della pesca, del tessile e dell’agricoltura, stabilendo deroghe che potrebbero minacciare la competitività di alcune industrie dell’Unione europea. In merito al settore delle conserve di tonno, la deroga accordata ha fatto sì che questo paese divenisse un autentico "centro di distribuzione" per la trasformazione di enormi quantità di tonno di qualsiasi origine (Filippine, Thailandia, Cina, Stati Uniti, Australia ecc.) sbarcato nei suoi porti per esservi trasformato in stabilimenti installati in tutta fretta da operatori dei paesi interessati, al solo fine di beneficiare dell'esenzione totale dai dazi doganali accordata dall'UE ai sensi del predetto accordo provvisorio. Questa pratica ha arrecoto danno al settore delle conserve di tonno europeo che si lamenta ora della concorrenza sleale.

Mi unisco quindi al relatore nella sua richiesta di presentare al Parlamento una relazione sugli aspetti specifici del settore della pesca negli Stati del Pacifico per valutare l’impatto reale che queste misure potrebbero avere sul mercato dell’Unione europea.

 
  
MPphoto
 
 

  Aldo Patriciello (PPE), per iscritto. – Nel 2002 sono stati avviati negoziati per nuovi accordi di partenariato economico (APE) tra Stati ACP ed UE in sostituzione del precedente regime unilaterale di preferenze commerciali in favore degli ACP.

Considerato che le questioni di interesse specifico sono state oggetto di singola negoziazione nazionale e appurata l’impossibilità di concludere nell’immediato accordi di partenariato, si è stabilito di concludere entro la fine del 2007 accordi interinali che si concentrassero sullo scambio di merci (mirano ad evitare l’interruzione degli scambi commerciali e possono anche non rappresentare necessariamente il preludio a un APE completo).

Nell’ambito del Pacifico tali accordi sono stati siglati solo dalle Isole Figi e Papua Nuova Guinea. L’accordo riguarda le norme d’origine nel settore della pesca, nel settore tessile e dell’agricoltura, determinando opportunità in materia di investimento e occupazione. La Commissione europea spera di concludere un accordo di partenariato economico globale con il gruppo regionale del Pacifico, tant’è che le trattative sono in corso.

Ho ritenuto opportuno attenermi alla posizione del Consiglio in favore dell’accordo di partenariato interinale, perché ritengo prioritario garantirsi l’approvvigionamento di risorse, vista soprattutto la loro scarsità ed il deperimento ambientale. È inoltre essenziale tenere ancora in vita, anche se sotto altra forma, i decennali accordi con i paesi ACP.

 
  
MPphoto
 
 

  Maurice Ponga (PPE), per iscritto.(FR) Accolgo con favore la decisione del Parlamento europeo di approvare l’accordo interinale tra la Comunità europea e gli Stati del Pacifico, che rispecchia l’impegno dell’Unione europea nei confronti di questa regione del mondo e lancia un forte segnale politico agli Stati che vi appartengono. Ne sono lieto. La risoluzione politica che accompagna la decisione di approvare l’accordo ci offre l’opportunità di esporre le nostre richieste. Vogliamo stabilire una relazione equilibrata e giusta con gli Stati del Pacifico, che permetta lo sviluppo degli Stati insulari, ma che al contempo tuteli gli interessi dei nostri cittadini. Se l’accordo interinale prevede disposizioni specifiche sulle norme di origine dei prodotti della pesca, è importante amministrare la deroga.

Per assicurarci che la deroga, che dovrebbe creare occupazione e ricchezza, porti benefici alle popolazioni locali senza danneggiare le industrie europee di trasformazione e conservazione dei prodotti della pesca, è fondamentale fornire quanto prima una valutazione del suo impatto e prevedere, qualora necessario, una sua sospensione. Le garanzie esistono per assicurare che l’accordo sia equo e che, se necessarie, saranno prese le adeguate misure per proteggere i nostri interessi.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. (PT) Ho espresso voto favorevole alla relazione poiché ritengo che la promozione di relazioni commerciali tra gli Stati del Pacifico e l’Unione europea può promuovere lo sviluppo sociale ed economico della regione, ridurre la povertà e rafforzare l’integrazione e la cooperazione regionali, in conformità con gli obiettivi di sviluppo del Millennio. Condivido, comunque, le preoccupazioni espresse dal relatore sulle deroghe alle norme di origine e sul loro impatto negativo, che deve essere propriamente valutato dalla Commissione, sulle industrie europee di trasformazione e conservazione del pesce.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. (EN) I verdi sono sempre stati e continuano a essere contrari agli accordi di partenariato economico (APE) con qualsiasi paese ACP. Non leggiamo quindi il valore aggiunto dell’accordo di partenariato economico interinale con questi due Stati del Pacifico.

In questo caso specifico, noi verdi temiamo un’ulteriore dis-integrazione di questa ampia regione, di per sé già ampiamente distribuita su tutto l’Oceano Pacifico, come conseguenza dei regimi commerciali preferenziali con l’Unione europea stabiliti nell’APE interinale. Inoltre, il prevedibile e illimitato aumento delle esportazioni tradizionali, ovvero di materie prime come rame, zucchero, copra, pesce e olio di palma (biocarburanti), è totalmente in conflitto con lo sviluppo sostenibile. Noi verdi abbiamo quindi sostenuto la richiesta (vana) dei ministri per il Commercio nel Pacifico di riesaminare i punti critici dell’APE interinale, ovvero, la definizione di “praticamente tutti gli scambi”, il divieto di applicare dazi sull’esportazione e fragili salvaguardie per l’industria nascente e la clausola della nazione più favorita (NPF).

Per quanto riguarda l’approvvigionamento su scala mondiale, una soluzione alternativa poteva essere quella di limitare la disposizione al pescato entro le 200 miglia della zona economica esclusiva (ZEE), anziché in tutte le acque. Da ultimo, ma non per importanza, le Figi non possiedono un regime democratico. A questo proposito, il nostro relatore ombra, l’onorevole Bové, ha presentato 11 emendamenti.

 
  
MPphoto
 
 

  Tokia Saïfi (PPE), per iscritto.(FR) L’accordo di partenariato economico interinale tra la Comunità europea e gli Stati del Pacifico fornisce ai beni provenienti dalla regione del Pacifico condizioni preferenziali di accesso al mercato europeo. Sono favorevole allo sviluppo della regione, ma ritengo inaccettabile la deroga alle norme di origine per i prodotti trasformati della pesca, in quanto permette che i prodotti lavorati in stabilimenti situati nel territorio di detto Stato a partire da materie prime non originarie siano esenti da dazi doganali. Tale deroga si sta rivelando un incentivo per la pesca nell’area tropicale senza alcun riguardo per la gestione degli stock ittici. Le preferenze commerciali non riguardano solo le zone di pesca della Papua Nuova Guinea ed è quindi difficile controllare l’origine del pescato, in netto contrasto con l’impegno assunto dall’Unione europea di fermare la pesca illegale, non dichiarata e irregolare. Mi preoccupa anche la tracciabilità dei prodotti da importare in Europa dalla zona in questione. Con il mio voto contrario, ho voluto manifestare la mia disapprovazione per questa clausola che, a mio parere, non dovrebbe più figurare in nessun futuro accordo commerciale.

 
  
  

Proposta di risoluzione (RC-B7-0029/2010)

 
  
MPphoto
 
 

  Laima Liucija Andrikienė (PPE), per iscritto. (LT) Ho votato a favore di questa risoluzione sull’adozione internazionale nell’Unione europea, che si impegna per il benessere di tutti i bambini e riconosce il diritto dei minori orfani o abbandonati di avere una famiglia e di ricevere protezione. Appoggio gli inviti a esaminare la possibilità di coordinare una strategia con misure relative all’adozione internazionale, conformemente alle convenzioni internazionali, pur sottolineando che, tenendo a mente gli interessi del bambino e ove possibile, occorre dare priorità all’adozione di un minore nel suo paese di origine.

È molto importante sviluppare un quadro per garantire la trasparenza e coordinare le azioni, in modo da prevenire la tratta dei minori a fini di adozione illegale. Al contempo, dobbiamo migliorare, semplificare e agevolare le adozioni internazionali ed eliminare gli inutili intralci burocratici, pur salvaguardando i diritti dei minori provenienti da paesi terzi.

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. (LT) La protezione dei diritti dei minori sancita nel trattato di Lisbona è uno degli obiettivi dell’Unione europea cui si dovrà dedicare maggiore attenzione dopo l’entrata in vigore della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea. La politica dell’Unione deve essere finalizzata a garantire e dare attuazione ai diritti dei minori alla protezione e alle cure necessarie per il loro benessere. Ho espresso voto favorevole a questa risoluzione nella convinzione che esista la necessità di migliorare la politica di protezione dei diritti dei minori. Il numero di bambini abbandonati e in istituto, molto elevato in alcuni Stati membri, è fonte di preoccupazione; inoltre, le violazioni dei diritti dei bambini, le violenze, la tratta dei minori, l’induzione alla prostituzione, il lavoro illegale e altre attività illecite restano un grande problema nell’Unione europea. Concordo sulla necessità di esaminare il funzionamento dei sistemi nazionali a livello europeo, in modo da chiarire le questioni riguardanti la tutela dei diritti dei minori e, se necessario, adottare misure volte a garantire una maggiore efficacia nella protezione dei bambini abbandonati dando loro la possibilità di avere una famiglia e di essere al sicuro.

 
  
MPphoto
 
 

  George Becali (NI), per iscritto. (RO) Ho votato a favore di questa risoluzione perché il problema dei minori abbandonati si è costantemente aggravato nell’Unione europea. È importante tutelare il diritto alle adozioni internazionali per evitare che i bambini siano costretti a vivere in orfanotrofio. La Commissione ha il dovere di informarci circa le misure di recente o prossima attuazione a livello europeo per tutelare i minori adottati da cittadini europei. Le adozioni devono essere conformi alla legislazione nazionale e alle convenzioni internazionali. Invito la Commissione a spiegarci in che modo tali procedure garantiranno la tutela costante degli interessi dei minori.

 
  
MPphoto
 
 

  Mara Bizzotto (EFD), per iscritto. – Ho sostenuto con un voto favorevole la risoluzione comune sulle adozioni internazionali, perché credo fermamente che un coordinamento europeo delle strategie e degli strumenti in tema di adozione permetterebbe non solo il miglioramento della procedura in sé ma garantirebbe una maggiore tutela dei bambini orfani e abbandonati e del loro diritto di avere una famiglia. Dalla sinergia tra organismi internazionali, istituzioni comunitarie e Stati membri discenderebbe una circolo virtuso in cui alla centralità dei bisogni del bambino, si affiancherebbe la garanzia dei servizi di informazione, preparazione e sostegno delle famiglie adottanti. Ritengo infine che un maggior coordinamento possa garantire all´adottato un maggior certezza in tema di correttezza delle procedure di acquisizione e mutuo riconoscimento dei documenti, prevenendo il fenomeno della tratta dei minori.

 
  
MPphoto
 
 

  Vilija Blinkevičiūtė (S&D), per iscritto. (LT) Ho votato a favore della risoluzione sull’adozione internazionale nell’Unione europea. La protezione dei diritti dei minori è uno degli obiettivi più importanti dell’Unione europea: è nostro dovere tutelare il benessere e gli interessi di tutti i bambini. Attualmente sono in vigore numerose convenzioni sulla tutela dei minori e sulle responsabilità dei genitori, quali la convenzione europea del 1967 sull’adozione dei minori che intende armonizzare la legislazione degli Stati membri sull’adozione. Tutti gli Stati membri sono inoltre firmatari della convenzione del 1993 sulla protezione dei minori e la cooperazione in materia di adozione internazionale (la convenzione dell’Aia). Nonostante la materia sia di competenza degli Stati membri, ritengo esista la necessità di esaminare la possibilità di coordinare, a livello europeo, una strategia con misure relative all’adozione internazionale. È essenziale tenere in debita considerazione le convenzioni internazionali al momento di elaborare tale strategia. Dobbiamo puntare a migliorare i servizi di informazione, la preparazione per l’adozione internazionale, il trattamento delle procedure di candidatura all’adozione internazionale e i servizi post-adozione, tenendo presente che tutte le convenzioni internazionali in materia di protezione dei diritti del bambino riconoscono il diritto dei minori orfani o abbandonati di avere una famiglia e di ricevere protezione. Le istituzioni e gli Stati membri dell’Unione devono impegnarsi attivamente nella lotta alla tratta dei minori a scopo di adozione.

 
  
MPphoto
 
 

  Sebastian Valentin Bodu (PPE), per iscritto. (RO) La Romania è forse lo Stato europeo che ha permesso i peggiori abusi rispetto alle adozioni internazionali negli anni Novanta, subito dopo la caduta del comunismo. Questo è stato di certo dovuto dalla mancanza di esperienza di un paese che emergeva da buio periodo durato quasi cinquanta anni, ma anche dalle azioni di quanti erano pronti a sfruttarne le debolezze. Si sono quindi perse le tracce di circa un migliaio di minori coinvolti nelle adozioni internazionali. Con l’appoggio dell’Unione europea, durante la fase di adesione il paese ha adottato emendamenti di vasta portata rispetto alla legislazione in materia di adozioni, nonostante la forte pressione internazionale a non ricorrere a una misura drastica come l’abbandono dell’adozione internazionale. Date le circostanze e alla luce della triste esperienza romena rispetto alle adozioni internazionali, la riluttanza ad accettare l’istituzione di un ente come l’Agenzia europea per le adozioni, che determinerebbe la creazione di un vero e proprio mercato europeo delle adozioni, appare senz’altro comprensibile.

Qualsiasi risoluzione sulle adozioni internazionali deve avere come unico obiettivo la sicurezza dei minori, a prescindere dagli interessi degli Stati o degli adottanti. Inoltre, le adozioni nazionali devono avere la precedenza in tutti i sistemi legali presenti e futuri, indipendentemente da qualsiasi risoluzione o decisione.

 
  
MPphoto
 
 

  Corina Creţu (S&D), per iscritto. (RO) Ho votato a favore della risoluzione del Parlamento europeo sulle adozioni internazionali nell’Unione europea sulla scorta dell’esperienza romena in questo ambito. È necessario condurre un’analisi di tutti i sistemi nazionali di adozione per individuarne i punti di forza e le debolezza e raccomandare le migliori pratiche per l’adozione applicate dagli Stati membri. Si compierebbero grandi progressi se si riuscissero a coordinare a livello europeo le politiche e le strategie relative allo strumento di adozione internazionale, al fine di migliorare l’assistenza nei servizi di informazione, la preparazione per l’adozione internazionale, il trattamento delle procedure di candidatura all’adozione internazionale e i servizi post-adozione. Il diritto dei minori orfani o abbandonati di avere una famiglia e di ricevere protezione deve diventare realtà.

 
  
MPphoto
 
 

  Edite Estrela (S&D), per iscritto. (PT) Ho votato a favore della risoluzione sulle adozioni internazionali nell’Unione europea. Nonostante la materia sia di competenza degli Stati membri, ritengo che la tutela dei diritti dei minori debba essere uno degli obiettivi dell’Unione. In tale contesto, desidero ribadire la necessità di esaminare un possibile coordinamento, a livello europeo, delle strategie relative allo strumento di adozione internazionale e i servizi post-adozione, tenendo presente che tutte le convenzioni internazionali in materia di protezione dei diritti del bambino riconoscono il diritto dei minori orfani o abbandonati di avere una famiglia e di ricevere protezione.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. (PT) L’adozione di minori è una questione particolarmente delicata. La dignità umana e, in questo caso, l’attenzione particolare da dedicare agli interessi del minore, impongono l’osservanza e il rispetto delle convenzioni internazionali in materia nonché un esame delle migliori pratiche e uno scambio di esperienze tra gli Stati membri. L’Unione europea potrà monitorare questi tentativi e contribuire ad affrontare la piaga della tratta dei minori, che interessa prevalentemente i paesi più poveri e le fasce più deboli della società.

 
  
MPphoto
 
 

  José Manuel Fernandes (PPE), per iscritto. (PT) L’Unione europea si è sempre battuta per la protezione dei diritti dei minori e la difesa dei loro interessi. Questa risoluzione invita ad esaminare la possibilità di coordinare, a livello europeo, le strategie relative allo strumento di adozione internazionale, conformemente alle convenzioni internazionali, al fine di migliorare l’assistenza nei servizi di informazione, la preparazione per l’adozione internazionale, il trattamento delle procedure di candidatura all’adozione internazionale e i servizi post-adozione, tenendo presente che tutte le convenzioni internazionali in materia di protezione dei diritti del bambino riconoscono il diritto dei minori orfani o abbandonati di avere una famiglia e ricevere protezione. Ho espresso voto favorevole perché ritengo che, nonostante la materia rientri nelle competenze degli Stati membri, esista la necessità di un livello minimo di convergenza europea, a condizione che gli interessi dei minori siano sempre rispettati.

 
  
MPphoto
 
 

  Ilda Figueiredo (GUE/NGL), per iscritto. (PT) Siamo tutti concordi sulla necessità di difendere il benessere dei minori e tutelarne i diritti, come sottolineato in questa risoluzione del Parlamento europeo. Le dichiarazioni di carattere generale sono però insufficienti: è necessario individuare le cause che determinano lo sfruttamento dei minori in caso di adozione internazionale.

Le cause principali dell’abbandono dei minori sono la povertà, sistemi inadeguati di assistenza sociale, la mancanza di reti di infrastrutture sociali sufficienti e di servizi pubblici adeguati nonché i conflitti e le operazioni militari.

 
  
MPphoto
 
 

  Louis Grech (S&D), per iscritto. – (EN) Per affrontare il sempre più grave problema dell’abbandono di minori, le istituzioni europee e gli Stati membri devono rivestire un ruolo più attivo nel miglioramento degli strumenti di adozione internazionale, agevolando e coordinando le procedure a livello europeo, senza mettere a rischio la sicurezza dei diritti dei minori e rispettando tutte le convenzioni internazionali in materia di protezione dei diritti del bambino. L’Unione europea e gli Stati membri devono garantire un esame più attento dei casi di adozione internazionale al fine di prevenire lo sfruttamento, gli abusi, il rapimento e la tratta dei minori; gli Stati membri devono dal canto loro cercare un equilibrio tra gli elevati standard e le garanzie internazionali al fine di salvaguardare i diritti del bambino, la riduzione della burocrazia e l’agevolazione delle procedure di adozione. Gli Stati membri dovrebbero inoltre approntare normative più trasparenti sulle procedure di adozione internazionale e intrattenere un costante scambio di informazioni sulle condizioni e l’ambiente in cui si trovano i bambini adottati. In conclusione, l’obiettivo primario delle procedure di adozione internazionale deve essere sempre l’interesse del minore, con particolare attenzione ai bambini con necessità specifiche, al fine di tutelare i diritti dei minori e delle famiglie.

 
  
MPphoto
 
 

  Sylvie Guillaume (S&D), per iscritto.(FR) Ho votato a favore di questa risoluzione comune che ci consente di tutelare il diritto dei genitori di adottare un bambino proveniente da un altro Stato membro e di proteggere i minori durante e dopo l’adozione. Si rende necessario sviluppare un quadro di normative specifiche sull’adozione internazionale, al fine di evitare abusi quali per esempio la tratta dei minori.

 
  
MPphoto
 
 

  Ian Hudghton (Verts/ALE), per iscritto. (EN) I nostri ordinamenti giuridici nazionali disciplinano ciascuno in maniera diversa l’adozione e altre materie legate all’infanzia. Problemi come la tratta degli esseri umani e lo sfruttamento sessuale dei minori hanno una dimensione internazionale e per questo si rende necessario intervenire a livello europeo. Non dobbiamo mai dimenticare che gli interessi del bambino hanno la massima importanza e, in virtù di tale considerazione, ho espresso voto favorevole a questa risoluzione.

 
  
MPphoto
 
 

  Juozas Imbrasas (EFD), per iscritto. (LT) Ho votato a favore di questa importante risoluzione sull’adozione internazionale nell’Unione europea perché la tutela dei diritti dei minori è uno degli obiettivi dell’Unione. Attualmente sono in vigore numerose convenzioni in materia di tutela dei minori e di responsabilità dei genitori. Ritengo necessario esaminare la possibilità di coordinare, a livello europeo, le questioni relative all’adozione internazionale, al fine di migliorare l’assistenza nei servizi di informazione, la preparazione per l’adozione internazionale, il trattamento delle procedure di candidatura all’adozione internazionale e i servizi post-adozione. È molto importante istituire un sistema che garantisca la trasparenza e ponga fine alla tratta dei minori a fini di adozione. Desidero sottolineare che, ove possibile e a tutela degli interessi del bambino, occorre incoraggiare principalmente l’adozione di un minore nel suo paese di origine.

 
  
MPphoto
 
 

  David Martin (S&D), per iscritto. (EN) Accolgo con favore questa risoluzione che invita ad esaminare la possibilità di coordinare, a livello europeo, le strategie relative allo strumento di adozione internazionale, conformemente alle convenzioni internazionali, al fine di migliorare l’assistenza nei servizi di informazione, la preparazione per l’adozione internazionale, il trattamento delle procedure di candidatura all’adozione internazionale e i servizi post-adozione, tenendo presente che tutte le convezioni internazionali in materia di protezione dei diritti del bambino riconoscono il diritto dei minori orfani o abbandonati di avere una famiglia e di ricevere protezione.

 
  
MPphoto
 
 

  Véronique Mathieu (PPE), per iscritto.(FR) Il numero di bambini abbandonati negli ultimi anni è in costante aumento, come si può osservare in tutti gli Stati membri. Questi bambini, oltre ad essere vittime di conflitti ed esclusione sociale, sfruttati da reti criminali e in tutti i tipi di traffici, sono vittime di un sistema di adozione internazionale carente. In gran parte dei casi, le vittime sono bambine, facile preda per giri di prostituzione e altre forme di schiavitù moderna. Una delle misure che possiamo adottare rispetto a questa desolante situazione è agevolare le procedure di adozione internazionale, che andrebbero disciplinate mediante una normativa apposita, per garantire a tutti i bambini il diritto di essere adottati.

Nonostante la responsabilità in materia spetti ancora agli Stati membri, va ricordato che la tutela degli interessi del bambino è un principio fondamentale dell’Unione europea ed è sancita dalla Carta dei diritti fondamentali. In mancanza di una normativa europea in materia, l’Unione deve fare quanto in suo potere per agevolare queste adozioni, in particolare permettendo nei mesi a venire il mutuo riconoscimento dei documenti di stato civile e delle decisioni di adozione.

 
  
MPphoto
 
 

  Nuno Melo (PPE), per iscritto. (PT) L’adozione di minori è una questione che è sempre stata a cuore all’Unione europea e deve essere gestita con la massima cautela. I bambini rappresentano il futuro della società e devono essere trattati con la massima dignità. Si deve tenere conto dei loro interessi e questo richiede il rispetto delle convenzioni internazionali in materia. L’Unione europea è quindi chiamata a compiere tutti gli sforzi per affrontare la piaga della tratta di minori, che colpisce principalmente i bambini dei paesi più poveri e delle fasce sociali più deboli.

 
  
MPphoto
 
 

  Andreas Mölzer (NI), per iscritto. (DE) I bambini sono l’anello più debole della società: tutelarne i diritti e garantirne il rispetto devono essere una priorità dell’Unione europea. Ciononostante, i bambini sono ancora vittima della tratta di esseri umani e dello sfruttamento all’interno dell’Unione europea, spesso per via della mancanza di normative in materia di adozione. Nonostante l’adozione sia un mezzo efficace per garantire che i bambini non crescano in orfanotrofio, è essenziale attuare severi controlli, soprattutto delle organizzazioni internazionali, al fine di prevenire abusi. Ho deciso di astenermi perché questa risoluzione non prevede misure sufficienti a garantire la tutela dei bambini dallo sfruttamento in conseguenza dell’adozione.

 
  
MPphoto
 
 

  Alfredo Pallone (PPE), per iscritto. – Il tema delle adozioni è sempre molto delicato e merita un'attenzione particolare, in quanto sono i bambini e il loro futuro di cui si decide. L'adozione si rivela spesso uno strumento utile per sottrarre i bambini abbandonati oppure orfani ad un'infanzia infelice, trascorsa negli orfanotrofi, senza affetto e cure di cui ogni bambino dovrebbe godere. Non dare la possibilità ad un bambino innocente di essere amato e guidato nel suo percorso da genitori amorevoli e presenti sarebbe un gesto crudele e privo di giustizia, ragion per cui ho votato a favore della risoluzione, credendo fermamente nel potere delle adozioni come mezzo per regalare una vita migliore a bambini che diventeranno il futuro del mondo. A livello Europeo, è necessario creare una strategia coordinata, sorretta da procedure trasparenti ed efficaci, di sostegno post-adozione e un meccanismo di controllo che supervisioni le attività di ogni Stato membro. Adottare un bambino significa garantirgli un futuro migliore, protetto e pieno di speranza, ritengo pertanto fondamentale attuare un'azione pratica di legislazione in materia per fronteggiare le differenze internazionali.

 
  
MPphoto
 
 

  Georgios Papanikolaou (PPE), per iscritto. (EL) Ho votato a favore della risoluzione comune sull’adozione internazionale nell’Unione europea, finalizzata a migliorare il sistema di adozione tra Stati membri e a istituire garanzie affinché l’adozione avvenga negli interessi del minore e nel rispetto assoluto dei suoi diritti fondamentali. Desideriamo sottolineare la necessità di inserire nella risoluzione i punti seguenti: creare una strategia europea per le adozioni che stabilisca le normative per tutti i paesi, dai più poveri ai più sviluppati, e che consenta il monitoraggio della crescita dei bambini che hanno trovato una famiglia mediante adozione internazionale attraverso relazioni periodiche curate dalle autorità nazionali competenti con il paese di origine; semplificare le procedure di adozione ed eliminare gli intralci burocratici; ridurre il periodo di tempo che i bambini trascorrono in istituti e orfanotrofi; dare priorità alle adozioni nazionali; fermare i gruppi criminali coinvolti nello sfruttamento e nella tratta di minori a fini di adozione.

 
  
MPphoto
 
 

  Maria do Céu Patrão Neves (PPE), per iscritto. (PT) Ho votato a favore della risoluzione del Parlamento europeo sull’adozione internazionale nell’Unione europea, un’iniziativa che realizza l’obiettivo dell’Unione sancito nell’articolo 3 del trattato di Lisbona per “la tutela dei diritti del minore”.

Lo sviluppo economico degli Stati membri dell’Unione non impedisce che vi siano ancora gravi carenze sul piano dei diritti dei minori, nello specifico il problema della precarietà dell’infanzia (in particolare dei bambini abbandonati e in istituto) e delle violenze contro i minori. Altre carenze sono relative alla tratta dei minori ai fini di adozione, alla prostituzione, al lavoro illegale, al matrimonio forzato e all’accattonaggio per strada o per qualsiasi altro scopo illegale, ancora di grande gravità nell’Unione europea.

Questo quadro definisce l’importanza dell’iniziativa, nell’ambito della quale si invita la Commissione a esaminare la possibilità di coordinare, a livello europeo, le strategie relative allo strumento di adozione internazionale. Si rende necessaria una strategia conforme alle convenzioni internazionali per migliorare l’assistenza nei servizi di informazione, la preparazione e il trattamento delle procedure di candidatura e i servizi post-adozione. Si deve assegnare importanza alla tutela dei diritti dei minori e riconoscere il diritto dei bambini orfani o abbandonati di avere una famiglia e di ricevere protezione.

 
  
MPphoto
 
 

  Rovana Plumb (S&D), per iscritto. (RO) L’interruzione delle adozioni internazionali era un prerequisito per l’ingresso della Romania nell’Unione europea. Nel 2001, la Romania ha deciso di attuare una moratoria sulle adozioni internazionali dopo che l’onorevole Nicholson, relatrice del Parlamento europeo per la Romania, condannò le attività di tratta di minori accusando lo Stato romeno di trascurare i propri bambini. Ritengo necessario dare priorità, nella maggior misura possibile e a tutela degli interessi del bambino, all’adozione del minore nel paese di origine o, in alternativa, a soluzioni di affido in famiglia o in strutture di accoglienza, oppure trovando una famiglia attraverso l’adozione internazionale, conformemente alla legislazione nazionale e alle convenzioni internazionali pertinenti. La collocazione in un istituto deve essere utilizzata soltanto come soluzione temporanea. Nel contempo è importante sviluppare un quadro metodologico a livello europeo per valutare lo sviluppo di un minore adottato nella nuova famiglia mediante periodiche relazioni post-adozione redatte dai servizi sociali del paese dove vive il minore e inviate alle autorità competenti del paese di origine. Tale meccanismo deve essere attuato mediante l’azione coordinata degli Stati membri e della Commissione europea, in cooperazione con la Conferenza dell’Aia, il Consiglio d’Europa e le organizzazioni per i minori che si impegnano a prevenire la tratta dei minori a fini di adozione.

 
  
MPphoto
 
 

  Paulo Rangel (PPE), per iscritto. (PT) L’adozione è una questione particolarmente delicata che merita la completa attenzione degli Stati membri dell’Unione europea. Nonostante si siano compiuti considerevoli progressi a seguito della convenzione dell’Aia sulla protezione dei minori e grazie alla cooperazione in materia di adozione internazionale, la precarietà dell’infanzia, le violazioni dei diritti dei bambini, la violenza e la tratta dei minori a fini di adozione, la prostituzione, il lavoro illegale, il matrimonio forzato e l’accattonaggio per strada o per qualsiasi altro scopo illegale, restano un problema nell’Unione europea.

Si deve compiere ogni sforzo possibile per tutelare il diritto dei minori a una vita famigliare. Per raggiungere questo obiettivo, è importante esaminare la possibilità di coordinare, a livello europeo, le strategie relative allo strumento di adozione internazionale, conformemente alle convenzioni internazionali, al fine di migliorare l’assistenza nei servizi di informazione, la preparazione e il trattamento delle procedure di candidatura e i servizi post-adozione.

 
  
MPphoto
 
 

  Raül Romeva i Rueda (Verts/ALE), per iscritto. (EN) Noi del gruppo Verts/ALE abbiamo deciso di astenerci dalla votazione. Nella proposta di risoluzione comune, a seguito dei negoziati tra gruppi politici, sono stati modificati gli aspetti negativi della risoluzione del PPE. La risoluzione è stata tuttavia avviata dagli italiani in risposta a una necessità nazionale molto specifica e in relazione a una materia che non rientra nelle competenze europee. Siamo riusciti a rendere la risoluzione un semplice invito a “esaminare la possibilità di coordinare, a livello europeo, le strategie relative allo strumento di adozione internazionale”, senza alcun riferimento a specifici problemi nazionali. Ci stiamo già occupando della questione all’interno della commissione giuridica e della commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni e questa risoluzione non era quindi necessaria.

 
  
MPphoto
 
 

  Nuno Teixeira (PPE), per iscritto. (PT) Il diritto di un minore di vivere in un ambiente famigliare sano e positivo per il suo sviluppo armonioso è il concetto fondamentale alla base di questa risoluzione. Il crescente numero di bambini che vive in orfanotrofi e le violazioni dei loro diritti, in particolare la tratta di esseri umani, l’adozione e il lavoro illegali e la prostituzione, sono una realtà nell’Unione europea e questo ha determinato una presa di posizione netta per cercare di modificare la situazione. Al contempo, occorre sottolineare il crescente numero di adozioni internazionali illegali che coinvolgono paesi terzi non rispettosi delle condizioni stabilite dalla convenzione dell’Aia. L’istituzionalizzazione dei diritti dei minori nell’Unione di cui all’articolo 3 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea, come uno degli obiettivi dell’Unione, e all’articolo 24 della Carta dei diritti fondamentali, spiana la strada al coordinamento delle politiche e delle strategie tra Stati membri, in conformità con gli strumenti internazionali già in vigore. È urgente la creazione di un meccanismo a livello europeo che illustri il funzionamento dei diversi sistemi nazionali in materia. Un meccanismo trasparente ed efficace per il monitoraggio delle adozioni, nella fase preparatoria e in quella successiva, e il coinvolgimento delle organizzazioni internazionali non solo promuovono i diritti dei minori, ma consentono la crescita armoniosa dei bambini.

 
  
MPphoto
 
 

  Oreste Rossi (EFD), per iscritto. – Con le nuove migrazioni il problema dei bambini abbandonati che andava via via risolvendosi diventa sempre più grave e importante.

È indispensabile che si trovi un quadro normativo che tenga conto della protezione dei minori, della responsabilità parentale e della sburocratizzazione delle pratiche, che armonizzi le leggi degli stati membri rispettando la Convenzione del 1993 sulla protezione dei minori e sulla cooperazione in materia di adozione internazionale ed il trattato di Lisbona.

Voglio citare come caso da considerare negativo la gestione che viene fatta dalla Germania nelle pratiche di adozione e in particolare nell'affidamento di minori quando siano in gioco coppie con un partner tedesco e l'altro di un differente paese dell'Unione. È evidente che il fine ultimo del legislatore deve essere quello di garantire ai bambini il diritto alla protezione e alle cure necessarie per il loro benessere cercando di evitare che siano costretti a vivere in orfanotrofi.

 
  
MPphoto
 
 

  Artur Zasada (PPE), per iscritto.(PL) L’adozione internazionale deve essere consentita per il bene del minore, ma esclusivamente in caso non vi siano altre opportunità di adozione nello Stato membro di provenienza. Di norma, un bambino deve crescere nel paese del quale è cittadino.

Anche in Polonia si registrano adozioni estere, che normalmente interessano bambini con poche speranze di essere adottati in patria per via di numerose malattie. Nel 2006, per esempio, 202 famiglie straniere hanno deciso di prendersi cura di 311 nostri bambini: 214 bambini polacchi sono stati adottati in Italia, 25 in Francia, 22 negli Stati Uniti 20 nei Paesi Bassi, 15 in Svezia, 7 in Germania, 6 in Svizzera e 2 sono stati adottati rispettivamente da una famiglia belga e da una famiglia canadese. Il problema dei bambini orfani è praticamente inesistente nell’Europa occidentale: da qui l’elevato interesse per la possibilità di adottare minori provenienti dai paesi dell’Europa centrale e orientale.

Ritengo che la Commissione europea debba: 1) informare il Parlamento in merito alle misure già attuate o di futura attuazione a livello europeo finalizzate ad evitare che l’adozione internazionale si trasformi in un fronte per la tratta di minori; 2) rispondere alla domanda su come si intende evitare che i bambini vengano adottati solo per seguire una moda. Gli europei mostrano un crescente interesse per l’adozione di bambini africani, seguendo l’esempio di attori famosi, ma questa non sembra una base né seria né adeguata per una scelta di adozione.

 
  
  

Proposta di risoluzione (B7-0021/2010)

 
  
MPphoto
 
 

  Laima Liucija Andrikienė (PPE), per iscritto. (LT) Concordo con questa risoluzione sul processo d’integrazione europea della Serbia, nella quale si riafferma che il futuro del paese è nell’Unione europea e lo si incoraggia a proseguire nel suo impegno per il raggiungimento di questo traguardo. La Serbia ha compiuto progressi nel processo di riforma, ma sono necessarie ulteriori riforme per conformarsi ai criteri di Copenaghen. La questione del Kosovo è di primaria importanza e sostengo pertanto l’invito rivolto al governo serbo a smantellare le strutture parallele serbe in Kosovo che minano il processo di decentramento e impediscono la piena integrazione della comunità serba nelle istituzioni kosovare.

L’Unione europea deve far comprende con chiarezza al governo serbo che ci aspettiamo un atteggiamento costruttivo da parte del paese nei confronti delle imminenti elezioni politiche in Kosovo. Concordo con l’opinione espressa nella risoluzione, secondo la quale la partecipazione dei serbi kosovari al processo elettorale è un elemento indispensabile per evitare l’emarginazione della comunità serba in Kosovo.

 
  
MPphoto
 
 

  Zigmantas Balčytis (S&D), per iscritto. – (LT) Ho votato a favore di questa risoluzione. Il processo di allargamento dell’Unione europea si basa sul rispetto degli standard e delle norme comunitarie sul piano politico, giuridico e tecnico. Già nel 2003, si promise ai paesi dei Balcani occidentali che avrebbero potuto aderire all’Unione quando avessero soddisfatto i criteri stabiliti. L’obiettivo dell’Unione è assicurare la stabilità a lungo termine e lo sviluppo sostenibile della regione. Poiché la rapidità dell’integrazione dei paesi appartenenti alla regione è eterogenea, ogni Stato deve profondere il massimo impegno, realizzare le riforme necessarie e adottare le misure atte a garantire la sicurezza e la stabilità nazionali e della regione nel suo insieme. La Serbia sta compiendo significativi progressi in molti ambiti e vi è stata una cooperazione positiva e costruttiva con l’Unione europea. L’abolizione dell’obbligo di visto disposta nel 2009 dimostra ai cittadini serbi che l’Unione europea giudica positivamente le riforme intraprese nel paese. Concordo con le osservazioni espresse nella risoluzione, secondo le quali si deve proseguire nel cammino delle riforme riguardanti la protezione dei diritti dei cittadini e delle minoranze, il pluralismo dei media, l’indipendenza della magistratura, il sistema penitenziario e numerosi altri ambiti. Gli sforzi per rispettare lo stato di diritto, che assicurerebbero il democratico funzionamento delle istituzioni statali e la protezione efficace dei diritti umani e delle libertà, devono restare una priorità fondamentale delle autorità serbe.

 
  
MPphoto
 
 

  Sebastian Valentin Bodu (PPE), per iscritto. (RO) Il voto sull’accordo di stabilizzazione e di associazione ha rappresentato un incoraggiamento per la Serbia. Mi auguro che il processo di ratificazione venga accelerato dal voto di approvazione espresso oggi dal Parlamento europeo. Desidero sottolineare che una questione messa in luce nella relazione sull’accordo di stabilizzazione e associazione è relativa al mancato riconoscimento da parte della Serbia delle autorità del Kosovo e al mantenimento di strutture parallele. Dal canto suo, la Romania non ha riconosciuto l’indipendenza del Kosovo, dichiarata unilateralmente e in violazione del diritto internazionale. La Serbia è un ottimo vicino per la Romania, come confermano i nostri legami storici centenari, e il mio paese comprende e appoggia i paesi amici. Ovviamente il futuro della Serbia è nell’Unione europea e la cooperazione del paese con il Tribunale penale internazione per l’ex Jugoslavia è una dimostrazione dell’impegno di Belgrado verso i valori europei, la democrazia e i diritti umani.

È chiaro che la Serbia dovrà seguire lo stesso percorso intrapreso da tutti gli Stati membri per aderire all’Unione europea, ma deve ricevere pari trattamento. Recenti sviluppi hanno dimostrato che la Serbia ha compreso le aspettative della Comunità europea. Sono stati compiuti notevoli progressi, ma l’Unione europea deve gestire con attenzione alcuni aspetti della storia recente di Belgrado che pesano notevolmente sul popolo serbo.

 
  
MPphoto
 
 

  Vasilica Viorica Dăncilă (S&D), per iscritto. (RO) L’Unione europea è fondata su principi quali la riconciliazione e la coesistenza pacifica e persegue queste finalità per migliorare le relazioni tra i popoli della regione. Considerato questo, ritengo che il futuro della Serbia sia nell’Unione europea e che il paese debba intensificare gli sforzi per conseguire questo obiettivo.

 
  
MPphoto
 
 

  Edite Estrela (S&D), per iscritto. (PT) Ho votato a favore di questa risoluzione perché riconosco che la Serbia si trova nella posizione adatta per svolgere un ruolo importante per garantire la sicurezza e la stabilità nella regione dei Balcani. Il futuro della Serbia è inevitabilmente nell’Unione europea e ritengo che il paese debba proseguire nel cammino per raggiungere questo traguardo. I progressi già compiuti nel processo di riforma sono degni di lode.

 
  
MPphoto
 
 

  Diogo Feio (PPE), per iscritto. (PT) Chiunque si soffermi a osservare una cartina dell’Unione europea comprende immediatamente che i Balcani occidentali sono destinati a farne parte. Ritengo che l’adesione di questi paesi diventerà realtà. Il cammino della Serbia verso questo traguardo è stato particolarmente difficile dopo lo scioglimento dell'ex Jugoslavia a seguito del crollo del potere sovietico. Il coinvolgimento come aggressore in guerre fratricide e il terribile impatto di queste ultime sui paesi vicini e sulla comunità internazionale nel suo insieme hanno determinato gravi conseguenze per il paese e per il popolo serbo. La secessione del Kosovo, questione estremamente controversa, ha riacceso le tensioni nella regione e continua a rappresentare un importante fattore di potenziale instabilità. Mi auguro che la Serbia perseveri nella sua scelta di unirsi all’Unione europea e mi congratulo con il popolo serbo e i suoi leader per i progressi registrati.

 
  
MPphoto
 
 

  José Manuel Fernandes (PPE), per iscritto. (PT) Il futuro della Serbia è nell’Unione europea. Accolgo con favore la richiesta di adesione della Serbia all’Unione europea, presentata il 22 dicembre 2009, e la decisione del Consiglio del 25 ottobre 2010 di invitare la Commissione a esaminarla.

Desidero congratularmi con il paese per i progressi compiuti nel processo di riforma e vorrei sottolineare che lo sviluppo della cooperazione regionale rimane una priorità essenziale per l’Unione europea ed è visto come un catalizzatore per la riconciliazione, il buon vicinato e i contatti tra i cittadini nel Balcani occidentali. Invito pertanto la Serbia a seguire un approccio costruttivo per una cooperazione regionale più inclusiva.

Vorrei puntualizzare che la piena cooperazione con il Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia (ICTY) costituisce una condizione fondamentale affinché la Serbia possa proseguire lungo il cammino verso l’adesione all’Unione europea. Va sottolineato che la Serbia continua a reagire adeguatamente alle richieste di aiuto dell’ICTY. Invito il governo serbo a continuare a operare in stretta collaborazione con il Tribunale, trasmettendo rapidamente tutti i documenti richiesti e ultimando tempestivamente le cause deferite dall’ICTY.

 
  
MPphoto
 
 

  Ilda Figueiredo (GUE/NGL), per iscritto. (PT) Abbiamo votato contro questa risoluzione principalmente per le richieste rivolte alla Serbia e per l’inaccettabile posizione dell’Unione europea in merito al Kosovo. Il Parlamento sollecita per esempio il governo serbo a smantellare le strutture parallele in Kosovo perché “minano il processo di decentramento e impediscono la piena integrazione della comunità serba nelle istituzioni kosovare”, oltre a chiedere che il paese continui a cooperare con il Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia. Una pressione del genere sulla Serbia è inaccettabile ed è ulteriormente aggravate dalla mancanza di misure in relazione al Kosovo, nonostante le denunce pubbliche sul traffico di organi in cui sarebbero coinvolti gli attuali leader kosovari.

È inaccettabile che il Parlamento eserciti pressioni sulla Serbia al fine di “avviare un dialogo con il Kosovo astenendosi da ulteriori riferimenti a nuovi negoziati sullo status di quest’ultimo”.

Il “processo d’integrazione europea della Serbia” mette in luce un aspetto che noi segnaliamo da tempo. Oggi è chiaro che la guerra guidata dalla NATO e dalle maggiori potenze europee, la Germania in testa, era finalizzata a smantellare la Jugoslavia e a dividerne il territorio in paesi che potessero tutelare gli interessi dei grandi gruppi economici dell’Unione europea.

 
  
MPphoto
 
 

  Bruno Gollnisch (NI), per iscritto.(FR) Non ho votato a favore di questa risoluzione sul processo di integrazione europea della Serbia, non perché sia contrario al processo in sé, ma per via delle ambiguità del testo sulla questione del Kosovo.

Si cita la risoluzione congiunta UE-Serbia adottata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, ma non si precisa che questa non può essere considerata un riconoscimento ufficiale dell’indipendenza del Kosovo da parte della Serbia o degli Stati membri dell’Unione che non l’hanno ancora riconosciuta.

Non si fa alcuna menzione neppure dell’agghiacciante relazione del Consiglio d’Europa sul traffico di organi prelevati ai prigionieri serbi ad opera dall’esercito di liberazione del Kosovo (UCK), che coinvolge l’attuale Primo ministro kosovaro, mentre la resa degli ultimi due latitanti serbi al Tribunale penale internazionale è considerata una condizione essenziale per l’accesso della Serbia all’Unione europea.

Come è accaduto durante i vari conflitti che hanno segnato lo scioglimento dell’ex Jugoslavia, si attribuisce il male e si chiede pentimento esclusivamente a una delle parti coinvolte. Sul lungo periodo, la situazione si farà sempre più difficile, anche se il governo serbo, accecato dall’allettante prospettiva dell’adesione all’Unione europea, sembra disposto ad accettarla.

 
  
MPphoto
 
 

  Ian Hudghton