Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 15 febbraio 2011 - Strasburgo Edizione GU

12. Approvazione di modifiche del trattato (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Presidente. – L’ordine del giorno reca la dichiarazione della Commissione in merito all’approvazione delle modifiche al trattato.

Desidero richiamare la vostra attenzione sul fatto che nel corso di questa discussione non è prevista la procedura catch the eye. Siamo tutti consapevoli dell’importanza cruciale di questa discussione e del valore che vi attribuiamo.

 
  
MPphoto
 

  José Manuel Barroso, Presidente della Commissione.(FR) Signor Presidente, onorevoli deputati, oggi la Commissione europea ha espresso il proprio parere favorevole in merito alla decisione del Consiglio europeo, presa in dicembre, di procedere ad una modifica limitata dell’articolo 136 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea.

Come sapete, l'obiettivo è permettere agli Stati membri della zona euro di istituire un meccanismo permanente volto a garantire la stabilità finanziaria dell'intera area. Nel 2013 questo meccanismo europeo di stabilità prenderà il posto degli attuali strumenti temporanei, quali il Fondo europeo di stabilità finanziaria e il Meccanismo europeo di stabilizzazione finanziaria, di cui tutti conosciamo l'utilità.

Questa decisione è imprescindibile per confermare la nostra determinazione a difendere la moneta unica e a garantire stabilità finanziaria in caso dovessimo porre rimedio a squilibri economici in alcuni Stati membri. Questo meccanismo è indispensabile per completare il quadro del trattato.

Sulla scorta di quanto affermato e come ho avuto modo di sottolineare nel corso dell’ultimo Consiglio europeo, ogni iniziativa, incluse quelle che rientrano nella sfera della competitività e della convergenza dell'economia europea – e mi riferisco a questi due elementi in quanto la decisione entra nel merito della convergenza delle nostre economie – deve rispettare il trattato, i principi e le regole stabiliti per l'Unione e le sue istituzioni.

La Commissione, pertanto, adotterà tutte le iniziative, legislative o di altra natura, necessarie a garantire la coerenza tra il futuro meccanismo per la stabilità e la governance economica dell’Unione in seno alla zona euro.

Il rispetto del trattato è, ovviamente, di importanza fondamentale e mi rassicura che il Consiglio europeo del 4 febbraio scorso lo abbia riconosciuto esplicitamente. I meccanismi per il consolidamento della competitività e della convergenza economica europea, validi non solo per i diciassette attuali membri della zona euro ma per tutti gli Stati membri dell’Unione, saranno istituiti nel pieno rispetto dei trattati, ovvero nel rispetto delle competenze dell’Unione e delle sue istituzioni e, in particolare, delle competenze del Parlamento e della Commissione che, nel parere appena adottato, ne reca esplicitamente menzione.

La questione oggetto della discussione odierna è di interesse europeo generale. È evidente che la tutela dell'euro non rientra solo negli interessi degli Stati membri della zona euro e per questo anche gli altri Stati membri potranno, qualora lo desiderassero, essere coinvolti nei lavori per l’introduzione del meccanismo permanente. Se necessario, questi Stati potranno decidere di partecipare alle operazioni che verranno attuate nel contesto del suddetto meccanismo, come è già accaduto in qualche caso nel contesto degli attuali meccanismi temporanei.

Stiamo fornendo oggi la nostra risposta globale alla crisi e l’istituzione del futuro meccanismo europeo per la stabilità ne è un punto chiave. è quindi necessario procedere rapidamente e in modo adeguato.

Urgenza non significa agire frettolosamente e non esclude il tempo per una riflessione condivisa: le decisioni delle prossime settimane, volte a mettere in pratica le lezioni tratte dalla crisi sono infatti fondamentali per il nostro futuro comune. È necessario essere molto chiari in merito alla direzione verso cui intendiamo indirizzare i nostri sforzi.

Concordiamo tutti sulla necessità di salire sul treno delle riforme al fine di preservare la stabilità finanziaria, incrementare la competitività e la convergenza delle nostre economie e sfruttare appieno il potenziale di crescita sostenibile che genera posti di lavoro.

Rimane ora da decidere su quale binario condurre questo treno e ritengo che il migliore modo possibile per guidare il convoglio europeo sia proprio quello dell’Unione europea. Le modalità per introdurre il meccanismo europeo di stabilità contribuirà notevolmente a fornire una risposta a questa domanda.

Per quanto attiene alla procedura, la Commissione ritiene siano state soddisfatte tutte le condizioni per procedere ad una revisione semplificata del trattato, ai sensi di quanto previsto dall’articolo 48, paragrafo 6 del trattato sull’Unione europea.

Sono consapevole che molti di voi sono dubbiosi rispetto alla natura altamente intergovernativa di questo meccanismo permanente e posso affermare che anche noi avremmo preferito progressi più rapidi e più radicati nel sistema dell'Unione. Tuttavia, è doveroso riconoscere che questo nuovo passo non riduce le attuali competenze dell’Unione e delle sue istituzioni e aumenta la nostra capacità comune di affrontare quelle sfide che non erano state esplicitamente previste dal trattato.

Vorrei ora soffermarmi su alcuni punti del contenuto evidenziati nel parere della Commissione che credo ci possano aiutare a dirigerci verso un'Unione che mostri una maggiore solidarietà, un'Unione più responsabile, più forte e più unita.

Il primo aspetto è la solidarietà, un valore fondamentale dell’Unione europea e desidero essere molto chiaro al riguardo. Nell’ambito delle discussioni sulle limitata proposta di modifica al trattato, la Commissione ha assicurato che questa non avrebbe in alcun modo danneggiato il meccanismo di solidarietà previsto dall'articolo 122 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea qualora vi fossero problemi o di possibili rischi per uno Stato membro. Contrariamente a quanto sostenuto da alcuni, l'articolo 122 non subirà alcuna modifica.

La solidarietà in ambito comunitario implica responsabilità; la prima non potrebbe prescindere dalla seconda in Europa, così come non vi potrebbe essere responsabilità senza solidarietà. Questo principio è valido soprattutto per la solidarietà e la responsabilità finanziare e rappresenta l’essenza dei meccanismi di stabilità transitori e del meccanismo permanente, per il quale le condizioni saranno molto severe. Dobbiamo essere molto chiari: tutti gli Stati membri sono chiamati a mostrare rispetto nei confronti di una politica finanziaria responsabile.

Solo attraverso un maggiore coordinamento e una migliore supervisione è possibile potenziare la solidarietà e la responsabilità nell’ambito dell’Unione europea e questo è l'insegnamento essenziale che abbiamo tratto dalla crisi. La governance economica dell’Unione nella zona euro sarà la base necessaria per il futuro meccanismo di stabilità.

Saremo chiamati a consolidarla, ovvero ad ampliarla e intensificarla al fine di garantire la stabilità della zona euro in particolare e dell'Unione in generale. Ampliare la governance economica non significa includere solamente le politiche di bilancio, ma anche le politiche economiche e le riforme strutturali ed è questo l’obiettivo generale del semestre europeo sul quale siamo giunti ad un accordo.

Il processo è stato avviato con la presentazione dell’analisi annuale della crescita redatta dalla Commissione, che afferma e mostra chiaramente come le politiche attualmente in atto non siano sufficienti. Siamo chiamati quindi a impegnarci in misura maggiore per rispondere alle sfide attuali, ad agire insieme e a non essere divisi. Dobbiamo lavorare per creare una convergenza maggiore evitando di aumentare le divergenze.

L’intensificazione della governance economica, ad esempio, è l’obiettivo principale del pacchetto di sei proposte presentato dalla Commissione. Sono consapevole che potremo contare sul forte sostegno di questa Camera e desidero ringraziarvi: vi assicuro che la Commissione sosterrà e agevolerà questo processo fino al suo completo svolgimento così da poter realizzare le nostre ambizioni.

Il futuro meccanismo europeo di stabilità si inquadrerà proprio in questo pacchetto di riforme così come avverrà, in un futuro più imminente, per il processo di consolidamento del Fondo europeo per la stabilità finanziaria. Credo fermamente che il nostro approccio sia il più adeguato e che ognuno abbia un ruolo; la Commissione svolgerà appieno il suo compito e intende, in particolare, partecipare attivamente ai lavori per l'introduzione del futuro meccanismo europeo per la stabilità.

Ovviamente non è sufficiente avere l'approccio adeguato, ma è necessario metterlo in atto e ritengo che sarà possibile procedere in tal senso solo rispettando alcune semplici e chiare regole di condotta. Mi riferisco alla legittimità democratica, sostenuta dal controllo del Parlamento europeo, e alla forza delle nostre istituzioni permanenti che agiscono con trasparenza, sono comuni ai 27 Stati membri e garantiscono coerenza in tutta l’Unione.

Mi riferisco al principio dell’uguaglianza degli Stati membri sancito dal trattato e al principio di concorrenza leale, secondo cui le azioni decise dagli Stati membri non possono modificare, danneggiare o incidere sull'efficienza della cooperazione a livello europeo.

Saremo quindi attenti ad assicurarci di non perdere nessun vagone, correndo il rischio di far deragliare l’intero treno; siamo chiamati ad investire in misura maggiore nella fiducia tra gli Stati membri e tra questi e le istituzioni europee.

Siamo un’Unione e dobbiamo agire come tale per emergere dalla crisi e costruire fondamenta solide per un’Europa più competitiva, prospera, stabile e inclusiva. Questo è lo spirito che deve accompagnare le nostre azioni e con cui ha agito la Commissione che continuerà sulla stessa linea. Ritengo che, a tal riguardo, possiamo contare sul vostro sostegno.

 
  
MPphoto
 

  Elmar Brok , a nome del gruppo PPE.(DE) Signor Presidente, Presidente Barroso, onorevoli deputati, siamo tutti consapevoli della necessità che il trattato garantisca certezza giuridica, elemento che il mio paese considera un'esigenza costituzionale e motivo alla base della discussione odierna sulla necessità di modificare il trattato stesso, al fine di garantire la stabilità a lungo termine della zona euro.

Vi sono molte altre possibilità che comportano modifiche di ampio respiro al trattato e che potrebbero incorporare appieno questo elemento nella politica comunitaria; in alternativa si potrebbe utilizzare una formulazione differente in un altro punto dell'articolo pertinente. D’altro canto esiste ovviamente il rischio di non poter attuare oltre la procedura semplificata, con la conseguente necessità di indire referendum; non saremmo in questo modo in grado di prendere una decisione in tempo, con problemi e ripercussioni sui mercati finanziari.

È importante spiegare che l’unione monetaria è un potere comunitario e dobbiamo assicurarci che il meccanismo di stabilità né il Patto per la competitività la mettano a repentaglio.

Il trattato presenta carenze che, purtroppo, possono essere risolte solo attraverso un approccio intergovernativo, alla luce delle circostanze già descritte. Vi sono, tuttavia, Stati membri che hanno concordato regolamenti congiunti, come nel caso della procedura di cooperazione rafforzata, ricorrendo alle istituzioni dell’Unione per svolgere il necessario lavoro. Dovrebbe essere possibile agire così anche in quest’ambito che riguarda la Commissione in particolare. Sarebbe sbagliato istituire strutture parallele che si allontanerebbero progressivamente, impedendo alla comunità di rimanere un insieme coeso a lungo termine: dobbiamo evitarlo a tutti i costi. Se non reagiamo in maniera responsabile e corretta nel corso delle prossime settimane, potremo iniziare a vedere i primi segni di spaccatura.

Deve essere chiaro che il metodo comunitario e quello intergovernativo non hanno la stessa importanza: quest'ultimo, infatti, rappresenta semplicemente un sostegno a cui ricorrere qualora il metodo comunitario non fosse disponibile per motivazioni relative al trattato. Dobbiamo assicurarci che, nel caso di un'eventuale modifica al trattato, la questione possa essere trasferita alla politica comunitaria senza problemi, così come è accaduto per Schengen e molti altri casi in passato.

Sono necessarie soluzioni radicali che forniscano strutture giuridiche chiare per fornire ai paesi che non sono inclusi la certezza di poterlo essere una volta soddisfatti i requisiti richiesti. È doveroso garantire che i paesi più piccoli siano posti su un piano paritario perché siamo consapevoli che le strutture comunitarie garantiscono non solo coesione ma anche capacità decisionale sul lungo periodo. Inoltre, dobbiamo ancora capire quali difficoltà potrebbe presentare l'approccio intergovernativo in caso si concluda il Patto per la competitività.

Vi sono, a tal riguardo, tre aree. La prima è il Patto di stabilità e crescita, che comprende la legislazione ordinaria e il metodo comunitario. Vi sono poi la modifica al trattato, che comporta il rischio di una spaccatura, e il Patto per la competitività che deve essere indubbiamente approfondito. Quest’Aula è chiamata a dimostrare di essere responsabile e il nostro gruppo deve agire nello stesso modo: siamo consapevoli dell'importanza della data del 24 marzo e del lunedì successivo. Non stiamo lavorando, credo, verso una soluzione ideale, ma, se agiamo responsabilmente, le altre istituzioni e il Consiglio, in particolare, dovrebbero procedere con lo stesso approccio.

La nostra idea è di accettare l’approccio intergovernativo solo in quanto soluzione transitoria e questo riguarda i poteri delle istituzioni e, nello specifico, della Commissione. Il Consiglio deve dimostrarsi aperto al dialogo nei prossimi giorni; questo dimostra che siamo pronti a discutere la questione al fine di superare i problemi di questa Assemblea perché i piccoli paesi e quelli che non sono parte della zona euro si sentono in una condizione di svantaggio derivante dal modo in cui è stato avviato il Patto per la competitività. Questi elementi rendono più difficile il nostro lavoro e desidero assicurare che vi sarà una maggioranza a favore di questo progetto entro il termine prefissata. Mi auguro che il Consiglio ci offra l’opportunità di raggiungere questa maggioranza nel corso delle nostre discussione.

 
  
MPphoto
 

  Roberto Gualtieri, a nome del gruppo S&D . Signor Presidente, onorevoli colleghi, siamo in un momento cruciale per il futuro dell'Unione europea. Dopo molti colpevoli ritardi, è divenuto evidente a tutti che l'Europa ha bisogno di una vera governance economica, che deve essere particolarmente stringente per i paesi che hanno adottato l'euro.

Salutiamo quindi positivamente l'istituzione di un meccanismo di stabilità permanente, che consideriamo un tassello importante nell'edificazione di un vero governo economico dell'Europa, anche se continuiamo a mantenere delle riserve giuridiche e politiche sulla procedura prescelta che riteniamo rischiosa e che non utilizza pienamente gli strumenti offerti dal Trattato. Sono lieto di sentire che tali riserve sono condivise anche da lei.

Ma il punto che ora ci sta maggiormente a cuore è un altro: come opererà concretamente il nuovo meccanismo? Contribuirà a rafforzare il governo economico dell'Unione europea o sarà un passo nella direzione di un nuovo "intergovernamentalismo", inevitabilmente discrezionale, una direzione in cui si è collocata anche l'infelice formulazione del patto per la competitività franco-tedesco? Insomma, su quali binari stiamo mettendo il treno? Chi ne sarà il capotreno?

Da una parte, infatti, il proposto emendamento all'articolo 136 delinea un meccanismo intergovernativo del tutto scollegato dall'Unione e dalle sue istituzioni; dall'altra, leggiamo nel parere della Commissione che il meccanismo dovrà necessariamente appoggiarsi sulla governance economica condotta dall'Unione e che la Commissione prenderà tutte le iniziative per garantire la coerenza tra il meccanismo di stabilità e tale governance economica.

Apprezziamo le intenzioni ma, poiché nella proposta di riforma dell'articolo 136 di tutto ciò non c'è alcuna traccia, riteniamo che sia questo il momento in cui definire chiaramente come il meccanismo opererà. Quale procedura verrà adottata per stabilire il meccanismo? Quale ruolo avrà la Commissione nella sua gestione e nella definizione delle condizionalità? Come sarà composto il segretariato? Cosa pensa il Consiglio europeo di ciò che ha appena dichiarato il Presidente Barroso sulla validità dei correnti meccanismi straordinari di solidarietà? Ci sarà un ruolo per il Parlamento europeo?

Solo una riformulazione dell'emendamento all'articolo 136 o – in alternativa – una chiara dichiarazione del Consiglio europeo su questi punti ritengo consentirà al Parlamento europeo di approvare un suo parere secondo il calendario auspicato dal Consiglio europeo.

(L’oratore accetta di rispondere a un’interrogazione presentata con la procedura del cartellino blu ai sensi dell’articolo 149, paragrafo 8 del regolamento)

 
  
MPphoto
 

  William (The Earl of) Dartmouth (EFD).(EN) Signor Presidente, vorrei chiedere all’onorevole Gualtieri se ha mai considerato che la cooperazione intergovernativa rappresenterebbe un percorso migliore per i popoli e i disoccupati d’Europa rispetto al superstato europeo che sostiene; ci ha mai pensato?

 
  
MPphoto
 

  Roberto Gualtieri (S&D). - Signor Presidente, onorevoli colleghi, caldeggio il rispetto dell'Unione europea e delle sue competenze come stabilite dai Trattati, che, ritengo, sia anche il modo migliore per assolvere la nostra funzione di rappresentanti diretti dei cittadini dell'Unione europea.

 
  
MPphoto
 

  Guy Verhofstadt, a nome del gruppo ALDE.(FR) Signor Presidente, possiamo ritenerci soddisfatti delle dichiarazioni del Presidente Barroso circa la modifica del trattato. Ovviamente spetta ora a noi redigere il nostro parere entro il 24 marzo, data dell’importante incontro con il Consiglio. Riusciremo a raggiungere una maggioranza a favore della procedura semplificata? Lo vedremo. Ritengo vi siano ancora alcune condizioni da soddisfare.

La prima è la necessità di garantire che la gestione del meccanismo spetti il più possibile alla Commissione e ho diverse argomentazioni a sostegno di questo punto. Sarete sicuramente a conoscenza del fatto che il 6 gennaio scorso il Meccanismo europeo per la stabilizzazione finanziaria (EFSM), gestito dalla Commissione, ha immesso nel mercato obbligazioni di durata quinquennale per un valore di 5 miliardi di euro. Il 25 gennaio il Fondo europeo di stabilità finanziaria, a carattere intergovernativo, ha adottato lo stesso approccio, ancora una volta con 5 miliardi di euro per cinque anni.

Le obbligazioni gestite dalla Commissione sono state emesse con un tasso del 2,5 per cento, mentre quelle gestite dal sistema intergovernativo sono state immesse nel mercato a 2,89 punti percentuali. Il Meccanismo europeo per la stabilizzazione finanziaria, gestito secondo il metodo comunitario, quindi, emette obbligazioni con un tasso di interesse inferiore rispetto al sistema intergovernativo. Ci tenevo a sottolineare questo aspetto per dimostrare che il metodo comunitario porta a risultati migliori rispetto al sistema intergovernativo.

In secondo luogo, è necessario interrogarci sulla possibilità di ricorrere all’utilizzo dell'emendamento all’articolo 136 per consolidare il pacchetto per la governance economica oggetto della discussione odierna. L’onorevole Wortmann-Kool e altri relatori hanno presentato sei proposte, ancora in attesa del consenso del Consiglio per permettere alla Commissione di avviare le procedure. Se si ricorresse all’articolo 136, che riguarda il meccanismo permanente di gestione delle crisi, la Commissione sarebbe automaticamente in grado di avviare questa procedura e il Consiglio non potrebbe opporsi con una votazione invertita di maggioranza qualificata; vi è quindi un vero e proprio automatismo nelle sanzioni. Questa seconda considerazione verrà forse ripresa nel nostro parere, come ho già avuto modo di riferire ai due relatori per la nostra commissione, l’onorevole Brok e l’onorevole Gualtieri.

Ho una terza e ultima considerazione: onorevole Brok e onorevole Gualtieri, in qualità di relatori dovrete ottenere dichiarazioni e garanzie da parte del Consiglio non solo in merito al pacchetto attuale, ma anche su tutti gli argomenti trattati in questi ultimi giorni, vale a dire il Patto per la competitività, il metodo intergovernativo, i diversi paesi che vi si oppongono e così via. Attualmente v’è una vera e propria spaccatura nel Consiglio e ritengo sia importante ottenere la garanzia che adotterà il metodo comunitario per il secondo pacchetto per la governance economica. Perché? Perché il metodo intergovernativo non sta funzionando. Immaginiamo per un momento che le norme per la concorrenza nell’Unione fossero gestite dal Consiglio! Quante volte sarebbero state inflitte sanzioni alle imprese che non le applicano? Una società o un’impresa privata non sarebbe mai sottoposta a sanzioni se non applica le norme in materia di concorrenza nell’Unione e lo stesso vale anche per queste norme. Mi rivolgo quindi ai due relatori affinché cerchino di ottenere garanzie in merito all’adozione del metodo comunitario nell’ambito del secondo pacchetto per la governance economica.

 
  
MPphoto
 

  Rebecca Harms, a nome del gruppo Verts/ALE(DE) Signor Presidente, onorevoli colleghi, è chiaro che il Parlamento europeo capisce le motivazioni per cui la modifica al trattato si basa sulla procedura semplificata. Stiamo affrontando una situazione di emergenza, ma è ovvio che questa Camera ritiene ingiusto che la procedura volta ad attuare il meccanismo di crisi porti alla fine del metodo comunitario e, in futuro, ad un'esclusione almeno parziale della Commissione e del Parlamento stesso.

Desidero chiarire il nostro approccio critico verso un maggiore intregovernativismo. Al momento sempre meno cittadini europei capiscono quali decisioni vengono prese nelle diverse situazioni: i tedeschi sono stati messi contro i greci e viceversa; gli irlandesi credono che il loro denaro sia utilizzato per salvare le banche tedesche. La mancata comprensione della situazione è dovuta al fatto che il Consiglio è come una scatola chiusa e le decisioni vengono prese all’ultimo minuto.

È necessaria maggiore trasparenza, altrimenti corriamo il rischio di perdere la fiducia dei nostri cittadini prima di quanto immaginiamo. Dovrete quindi essere pronti, se intendete presentare la procedura semplificata in questo momento, a rafforzare il ruolo del Parlamento in quanto rappresentante dei cittadini in seno al Consiglio e alla Commissione, facendo fede alle promesse formulate prima dell'entrata in vigore del trattato di Lisbona. Questo trattato e la richiesta di maggiore democrazia in Europa sono stati sostenuti non solo da lei, Presidente Barroso, ma anche da quanti erano al potere negli Stati membri e vorrei che ora fossero messi in pratica.

Basta osservare l’attuale situazione in Grecia, dove si intende privatizzare le spiagge per ripianare il debito pubblico e questo è solo l’ultimo aspetto del modo in cui la crisi è stata affrontata fino a questo momento. Una completa propensione ad una politica di austerità, caldamente promossa dalla Germania, porterà sempre più sull'orlo del tracollo questi paesi con disavanzi di bilancio. Dobbiamo valutare le azioni intraprese e discutere circa la struttura di questa politica per la crisi e di presunta solidarietà. In quale altro modo possiamo garantire che in tutta Europa siano compresi chiaramente i passi ancora da compiere in questa crisi?

A tal proposito, vorrei aggiungere un'altra considerazione: dobbiamo essere pronti a mostrare solidarietà nei confronti degli altri paesi in Europa. I fondi attualmente a disposizione non sono sufficienti e oggi a Bruxelles è stato deciso di offrire maggiore liquidità. A breve dovremo discutere nuovamente la questione e le eurobond per cui l’onorevole Verhofstadt ha fornito la giustificazione corretta. Dovremo anche discutere su come intendiamo modellare in futuro la politica dei redditi.

Sono spiacente di non aver rispettato il mio tempo di parola, ma abbiamo decisamente bisogno di più tempo per questa discussione così da giungere ad una conclusione e non adottare semplicemente un approccio difensivo.

(Il Presidente interrompe l’oratore)

 
  
MPphoto
 

  Ashley Fox, a nome del gruppo ECR.(EN) Signor Presidente, con il mio gruppo ci esprimiamo a favore della modifica al trattato perché vogliamo stabilità nella zona euro. Nonostante il Regno Unito non ne sia parte, e spero non lo sia mai, siamo fortemente interessati al successo dell’eurozona: la metà degli scambi commerciali del Regno Unito si svolge con paesi appartenenti alla zona euro e la City di Londra è la capitale finanziaria d'Europa. Il Regno Unito quindi si augura il meglio per la zona euro e spera che il meccanismo di stabilità proposto possa fornire il sostegno necessario a breve e lungo termine.

Mi auguro che questa Camera agisca responsabilmente e approvi il cambiamento proposto dal Consiglio, ma, per quanto riguarda il lungo termine, è necessario un cambiamento più radicale per permettere all'euro di sopravvivere e prosperare. Presidente Barroso, potrà avere quanta supervisione e sorveglianza desidera, quanta governance economica vuole, ma, nella pratica, per consentire a paesi quali Grecia, Irlanda e Portogallo di rimanere nella zona euro è necessaria maggiore competitività, alla pari di quella tedesca, e ritengo che la Commissione debba concentrare i propri sforzi proprio su questo aspetto.

 
  
MPphoto
 

  Lothar Bisky, a nome del gruppo GUE/NGL.(DE) Signor Presidente, onorevoli, il trattato di Lisbona è entrato in vigore solo da poco e, ciononostante, sarà modificato per la seconda volta nel giro di pochi mesi in virtù di quella che si ritiene essere una questione urgente. La modifica del trattato non seguirà il processo democratico stabilito dal trattato di Lisbona, ma al contrario sarà decisa attraverso una procedura rapida.

Abbiamo visto come questa procedura sia stata usata per permettere ai pacchetti di salvataggio per le banche, del valore di miliardi di euro, di scavalcare il Parlamento. Il Consiglio è ora nuovamente sotto pressione e molti capi di governo vogliono che la nuova modifica al trattato sia attuata ricorrendo all’uso della procedura rapida già testata. Il gruppo confederale della Sinistra unitaria europea/Sinistra verde nordica si oppone a questo approccio che minaccia di diventare un processo standard e richiede che le modifiche al trattato siano gestite utilizzando le procedure normali, compresa la convenzione, come stabilito nel trattato di Lisbona.

 
  
MPphoto
 

  William (The Earl of) Dartmouth, a nome del gruppo EFD.(EN) Signor Presidente, probabilmente dovrei cominciare da zero. Tutto iniziò come una pura e semplice unione doganale, senza tuttavia un adeguato consenso democratico; in seguito si è trasformata in una specie di unione monetaria, in quanto alcuni Stati membri sono stati abbastanza assennati da rimanerne fuori, ma ora è divenuta una unione di debito che, semplicemente, non funziona.

Basti guardare al tasso di interesse dei Bund tedeschi: se l'unione monetaria funzionasse, tutti i suoi membri, ovvero i paesi della zona euro, potrebbero chiedere in prestito denaro allo stesso tasso, quello dell'indicatore chiave, il Bund tedesco, ma così non accade nella realtà. Attualmente, il Portogallo paga il 4,8 per cento in più, l’Irlanda il 5,9 per cento e la Grecia 8,25 punti percentuali in più: come ha giustamente affermato l'onorevole Gualtieri, questo è un momento cruciale.

Non mi aspetto che il presidente del gruppo del PPE o del gruppo S&D, che sta scuotendo il capo mentre parlo, comprendano l'importanza cruciale della questione, ma credo che molto presto dovranno farlo. Il vostro problema, e sottolineo principalmente vostro, sarebbe risolto al meglio ricorrendo alla cooperazione intergovernativa. La governance economica è una trappola e, inoltre, non ha legittimità. Non mi sembra che qualcuno abbia menzionato, o lontanamente preso in considerazione, i contribuenti dello Stato nazione sottoposti a notevole pressione nel tentativo di costruire questo fragile e vano impero.

Ancora una volta, vorrei ricordare che gli Stati membri sono 27, di cui 11 sono contributori e 16 beneficiari ed esiste una faglia di Sant’Andrea tra quanti contribuiscono e gli altri. In particolar modo, suppongo che i contribuenti tedeschi non resisteranno a lungo a questa costosa sciarada.

Nel 1896, in un illuminato discorso sul bimetallismo, William Jennings Bryan affermò: "Non dobbiamo crocifiggere l'umanità su una croce d'oro". Mi preme ancor di più affermare oggi, dinanzi a voi e soprattutto al Presidente della Commissione che detiene il potere esecutivo, che non dobbiamo crocifiggere i contribuenti del Regno Unito e del resto d'Europa sulla croce della moneta unica.

 
  
MPphoto
 

  Bruno Gollnisch (NI).(FR) Signor Presidente, in primo luogo intendo precisare che la cosiddetta procedura semplificata per modificare il trattato in realtà è sleale e rappresenta uno scandalo.

Non v'è una discussione reale né, come al solito, una consultazione diretta dei cittadini e non si tratta certo di un argomento innocuo perché si intende rendere permanente il Fondo europeo per la stabilizzazione finanziaria. Cos'altro rappresenta questo Fondo, se non la possibilità di creare un debito europeo di cui dovranno farsi carico gli Stati membri, che sono già abbondantemente indebitati e potrebbero trovarsi nella situazione di dover ripianare il debito europeo prima di quello nazionale? In un certo modo, questa è la politica economica di Sapeur Camember, il protagonista di un noto scritto umoristico francese, un soldato a cui era stato affidato l’incarico di colmare una buca nel cortile della caserma e, per farlo, ne scavò un'altra esattamente affianco.

In cambio della partecipazione della Germania, avremo diritto a un patto, detto di competitività, i cui dettagli, secondo una nota del segretariato generale per gli affari europei del governo francese, non saranno resi pubblici. In realtà sono fin troppo noti: sarà una cura che prevede una vera e propria austerità, sorveglianza e un’accresciuta standardizzazione delle politiche di bilancio.

È una questione di estensione della convergenza, e cito, alle politiche che esercitano influenza sulla competitività anche se, in principio, ricadono nelle competenze nazionali. Questa rappresenta una trasposizione all’intera zona euro di tutte quelle politiche tedesche, tanto bramate dal Presidente Sarkozy e non è assolutamente accettabile; così come non sono accettabili un mercato europeo omogeneo di debito sovrano con un aumento del bilancio comunitario e l'istituzione di una tassa specifica per finanziarlo. È necessario, pertanto, agire diversamente.

 
  
MPphoto
 

  José Manuel Barroso, Presidente della Commissione.(FR) In primo luogo desidero ringraziare quanti sono intervenuti e in particolar modo i relatori, l'onorevole Brok e l'onorevole Gualtieri, per le loro considerazioni circa l'importanza del metodo comunitario e l’attenzione rivolta a quella che potrebbe trasformarsi in una deriva intergovernativa; non posso far altro che ringraziarli ancora una volta per questo.

In questo caso specifico, cerchiamo di essere assolutamente chiari: la Commissione ha fornito il proprio sostegno a questa revisione perché riteniamo che il suo obiettivo sia di affrontare una sfida per cui il trattato non aveva previsto competenze. Quest’ultimo, infatti, non aveva istituito un meccanismo di stabilità permanente e gli Stati membri hanno deciso all’unanimità di crearlo su base intergovernativa. Lo ripeto, la decisione degli Stati membri è stata unanime.

Non celo la mia volontà, che ho espresso molto chiaramente, di schierarmi dalla parte di quanti vogliono avanzare più rapidamente in questa direzione. Un passo intergovernativo può rappresentare un progresso, ma preferiremmo avanzare più rapidamente con una falcata comunitaria. Siamo tutti ben consapevoli che alcuni dei passi più importanti compiuti nella storia dell’integrazione europea sono nati da iniziative intergovernative, come Schengen o lo spazio di libertà e giustizia, ad esempio. La questione riguardante la responsabilità politica era quindi la seguente: dobbiamo sostenere o meno un approccio che, pur non essendo assolutamente in linea con le nostre preferenze, ovvero il metodo comunitario, porta comunque al rafforzamento della nostra abilità condivisa di rispondere alle sfide che non erano state trattate esplicitamente nel trattato? La nostra risposta è affermativa e ritengo che dobbiamo esserne a favore. Per questo motivo il parere della Commissione è positivo rispetto alla riforma del trattato.

Desidero tuttavia affermare con molta franchezza che la Commissione preferisce l’approccio comunitario e, tra l'altro, la discussione che si è tenuta nel corso dell'elaborazione di questa decisione si è incentrata proprio su questo punto. Taluni propendevano, e lo hanno addirittura proposto, per una modifica all’articolo 122 che avrebbe abolito una competenza esistente sin dai trattati di Roma e mi sono personalmente opposto. Ritengo che possiamo sviluppare ora questa nuova competenza insieme, anche se, in senso stretto, non ricade nel metodo comunitario. Al contempo, nel nostro parere affermiamo chiaramente che “la Commissione prenderà tutte le iniziative, legislative o di altra natura, necessarie per garantire la coerenza tra questo futuro meccanismo e la governance economica attuata dall'Unione, in particolare all'interno dell'area dell'euro, nel rispetto delle competenze che il trattato conferisce all'Unione e alle sue istituzioni". È una posizione perfettamente chiara e desidero condividere con voi questo obiettivo.

Nel corso della discussione odierna alcuni hanno parlato, ad esempio, dell'opposizione o delle differenze esistenti tra uno Stato membro e gli altri, tra il Regno Unito e la zona euro. Di solito preferisco non operare tale distinzione, ma esistono effettivamente alcune differenze e la principale è che il debito della zona euro è di gran lunga inferiore rispetto a quello del Regno Unito che, di contro, è più elevato rispetto all’intera zona euro. Il problema della zona euro, quindi, come alcuni di voi hanno già evidenziato, è un semplice problema di competitività relativa e stiamo quindi cercando di trovare una soluzione per la competitività e la convergenza, e sottolineo convergenza, nell’Unione.

Anche se in disaccordo con alcuni onorevoli deputati, ci dobbiamo dirigere verso una maggiore convergenza in seno alla zona euro e all’Unione per quanti intendono progredire, perché non solo i federalisti o gli integrazionisti desiderano una maggiore governance nell’Unione europea, ma lo vogliono anche i mercati e siamo tenuti ad ascoltare le loro richieste. Oggi chiedono all’Europa non solo di essere determinata nella tutela della zona euro, ma anche di fornire un sistema di governance più trasparente. Pertanto, è vero che l’approccio comunitario offre maggiori garanzie rispetto ad un approccio che è troppo spesso lasciato alla buona volontà dei leader.

(Applausi)

Stiamo attualmente lavorando in questa direzione anche su altri progetti e, in particolar modo, su questa iniziativa per la competitività e la convergenza, ma questo sarà oggetto di discussione un altro giorno. Ritengo, in ogni caso, che la Commissione abbia adottato una posizione giusta in materia, esprimendo un parere chiaro a favore di questa modifica limitata al trattato, richiedendo al contempo maggiore attenzione nell’evitare di creare meccanismi che, come ha affermato ad esempio l'onorevole Brok, possono portare a divisioni perché sono proprio le istituzioni comunitarie a rappresentare una garanzia per l'Unione nel suo complesso, perché la Commissione agisce per la zona euro e per quegli Stati membri che non ne sono parte.

Prestiamo quindi la debita attenzione a questo aspetto e cerchiamo di non creare ora, motivati dalla necessità di rispondere a sfide urgenti, questioni che potrebbero portare a problemi più importanti in futuro. Proviamo ad assicurare una governance più solida garantendo, al contempo, l'unione nello spirito che deve ovviamente essere quello comunitario, ovvero lo spirito di solidarietà e responsabilità.

 
  
MPphoto
 

  Manfred Weber (PPE).(DE) Signor Presidente, Presidente Barroso, l’imprescindibile modifica al trattato e il dibattito istituzionale che sta avendo luogo dimostrano che, a oltre anno dall'entrata in vigore del trattato di Lisbona, non possiamo più risolvere le sfide che il mondo ci propone solo ricorrendo al trattato nella sua forma attuale. La discussione di oggi dimostra proprio questo. Quando si parla del trattato attuale, si sente spesso dire che una discussione di più ampio respiro è inconcepibile e futile alla luce della situazione degli Stati membri e in particolare del Regno Unito e della Repubblica ceca. Proprio questa è la situazione di conflitto in cui ci troviamo attualmente: abbiamo bisogno di ulteriori elementi, ma non li riceveremo certo dagli Stati membri e spetta quindi al Parlamento europeo fornire una risposta.

Ascoltando l'opinione dei cittadini oggi, è evidente la loro consapevolezza della necessità di procedere subito all’introduzione di modifiche al trattato. Essi chiedono, ad esempio, quando sarà possibile avere i mercati sotto controllo nel prossimo futuro ed per questo abbiamo bisogno di un’Europa forte.

Dobbiamo tuttavia porci una domanda ancora più importante: quali vantaggi sta comportando il nostro progetto europeo alla fine dei conti? Per decenni è stato responsabile del mantenimento della pace e ha posto fine ai conflitti nel nostro continente. Questa mattina ho accolto un gruppo di visitatori di una scuola: per i giovani la guerra non rappresenta più un problema, per fortuna; non riescono nemmeno ad immaginare cosa significhi essere in guerra. Nel corso delle nostre discussioni, ci riferiamo alla minaccia della globalizzazione e sosteniamo la necessità dell'Europa di tenere sotto controllo il demonio della globalizzazione, ma questa è una discussione negativa. Se intendiamo conquistare non solo la mente, ma anche il cuore dei cittadini, dobbiamo compiere un passo in avanti in merito ai vantaggi che il progetto europeo sta apportando e parlare del quadro generale chiedendoci quali risultati sta ottenendo l’Europa e quali sono i suoi compiti.

Quando i paesi potenti del mondo si riuniranno, inclusi America, Giappone, Europa, Brasile, India e così via, chi si alzerà in piedi e chiederà se stanno prendendo in seria considerazione le questioni sociali? La Cina non lo farà e questo compito spetterà a noi. Chi si alzerà e affermerà che è necessario pensare alla questione ambientale? Gli americani no di certo e sarà nostro compito sollevare la questione. Chi dirà che vogliamo mantenere la pace del mondo e assicurarci che i conflitti non si tramutino in guerre? Saremo noi a doverlo fare sulla scorta della nostra esperienza che deriva dalla storia.

Basti pensare alla Tunisia, dove è chiaro che i cittadini desiderano lo stesso modello dell’Europa, il cui stile di vita esercita forte attrazione. Pertanto, quando discutiamo di questioni relative al trattato, quando parliamo del modo in cui il nostro continente funziona e del lavoro che siamo chiamati a svolgere, dobbiamo guardare al contesto generale così da parlare non solo alla mente ma anche al cuore dei cittadini in merito al nostro progetto. In questo modo riusciremo ad ottenere consenso a livello nazionale.

(L’oratore accetta di rispondere a un’interrogazione presentata con la procedura del cartellino blu ai sensi dell’articolo 149, paragrafo 8 del regolamento)

 
  
MPphoto
 

  Proinsias De Rossa (S&D).(EN) Signor Presidente, desidero ringraziare l’onorevole Weber per aver accettato di rispondere alla mia interrogazione a cui, spero, voglia rispondere anche il Presidente Barroso a cui è rivolta in primis.

Sono a favore delle intenzioni espresse in questa modifica al trattato e, come altri, nutro timori in merito al meccanismo. La procedura semplificata prevede che tutti e 27 i parlamenti nazionali si adeguino per lo meno all'adozione di questa modifica.

I parlamenti nazionali avranno sei mesi di tempo per decidere come procedere: stiamo parlando di adottare a marzo una decisione, una decisione del Consiglio presa a dicembre. Com’è possibile? Dovranno sicuramente aspettare giugno prima di prendere la decisione?

 
  
MPphoto
 

  Manfred Weber (PPE).(DE) Signor Presidente, da un lato è importante che gli Stati membri controllino i trattati e per questo le modifiche devono avvenire a questo livello; dall’altro ci troviamo dinanzi ad una questione implicita a molte di quelle che ho provato ad affrontare. Stiamo riflettendo attentamente sulla questione, stiamo impiegando e abbiamo a disposizione il tempo necessario per discuterne tutti i dettagli? Oppure le aspettative dei cittadini sono così elevate e l’urgenza imposta dalle sfide globali è così ingente da comportare la necessità di essere più veloci e agire con più rapidità? Non ritengo che la questione del tempo rappresenti un problema, ma dobbiamo fornire risposte e concentrare i nostri sforzi in questa direzione.

 
  
MPphoto
 

  Presidente. - Il prossimo oratore secondo l'ordine degli interventi è l'onorevole Schulz, da cui ho ricevuto una lettera. Se vi sono fraintendimenti sull’ordine degli interventi, potrò fornirle tutte le spiegazioni del caso dopo la nostra discussione.

 
  
MPphoto
 

  Martin Schulz (S&D).(DE) Signor Presidente, la lettera era indirizzata a lei e non alla Camera.

Le modifiche al trattato sono sempre complesse, comprese quelle semplificate. I punti su cui stiamo discutendo oggi evidenziano la difficile situazione in cui ci troviamo. La dicitura "procedura semplificata" cela un possibile fallimento della stessa in qualunque contesto e momento. Sappiamo che, nel caso in cui questo dovesse verificarsi, ci troveremmo a navigare in cattive acque. Dobbiamo pertanto chiederci, ancora una volta, in che modo possiamo agire per assicurarci che un simile fallimento non si verifichi e la nostra voce sta iniziando realmente ad essere ascoltata. Il successo o il fallimento della procedura di ratifica, o anche del progetto europeo in generale, dipenderanno dalla determinazione dei capi di governo nel prendere azioni coerenti e unite e sono state espresse molte valide considerazioni a tal proposito.

Vorrei aggiungere tre punti di fondamentale importanza. Oggi, ad un anno dall’inizio di questa grave crisi, vorrei chiedervi qual è il valore esterno della nostra valuta. La risposta è 1,35 dollari statunitensi: quando fu introdotto l'euro il valore si aggirava intorno a 1,17 dollari statunitensi ed è ora aumentato. Il valore di una valuta internazionale è misurato sulla base del suo valore esterno; nel corso dell’ultimo anno il valore esterno dell’euro è stato molto stabile, sebbene la struttura interna dell’euro non lo sia affatto a causa dell'atteggiamento esageratamente ambiguo dei capi di Stato e di governo che applicano due pesi e due misure.

Il problema non consiste nella capacità dell’Europa di agire in maniera coerente, dopo tutto gli strumenti sono in vigore. Il problema è che l’Europa non riesce a trovare un accordo su una procedura coerente e, nel constatarlo, dovremmo escludere i presenti: non sono stati né il Parlamento europeo né la Commissione, ma i governi degli Stati membri sovrani ad aver dato vita ad un’area monetaria forte, capace di intraprendere azioni esterne, ma loro stessi non sono pronti ad istituire uno strumento interno e autonomo necessario per creare una politica economica e sociale più robusta e una politica governativa forte che accompagni una valuta forte. Questo è il punto cruciale.

In secondo luogo, quanto accade in Europa rientra nell'ambito dei trattati, per il quale però non intendiamo creare strumenti che oltrapassino arbitrariamente i confini dei trattati; qualcuno ritiene possibile farlo ed è chiaro al Parlamento europeo che al cuore di questo processo ci deve essere l’istituzione inquadrata dai trattati, ovvero la Commissione. La legittimità democratica delle nostre azioni a livello europeo, in relazione diretta al Parlamento, è determinata dalla Commissione; le sue spiegazioni sono quindi giuste così come lo sono le parole dei relatori, onorevoli Brok e Gualtieri.

La mia terza considerazione riguarda il rischio che l'Europa sia forte quando agisce in maniera coerente in quanto è la più estesa area economica al mondo, con 500 milioni di cittadini, ma perda invece di importanza quando si divide in 27 parti singole. Sfortunatamente questa situazione è diventata chiara nel corso degli eventi che hanno interessato l’altra sponda del Mediterraneo: se l’Europa non assume una linea coerente, non ha alcun ruolo da svolgere e solo attraverso la coerenza e grazie al suo modello sociale ed economico potrà diventare il motore dell’economia globale e un partner influente sulla scena politica internazionale.

La questione di cui discutiamo nell’ambito di questa procedura semplificata riguarda se l’Europa avrà un unico futuro o se si dividerà in singoli Stati, perdendo quindi di importanza e di valore: è proprio questo il punto su cui stiamo discutendo oggi.

 
  
MPphoto
 

  Ivo Strejček (ECR). (CS) Signor Presidente, a prescindere dalle nostre relazioni con la moneta unica, è nell’interesse di ogni cittadino europeo che l’euro e la zona euro si sviluppino in maniera stabile, sia che lo usiamo o meno, perché le nostre economie vi sono ampiamente correlate.

Ciononostante, nel descrivere il meccanismo europeo di stabilità, il Presidente Barroso usa parole quali sorveglianza migliorata, estensione del coordinamento economico e delle politiche di bilancio e armonizzazione delle politiche sociali. Onorevoli deputati, questo apre la strada alla creazione di un’unione fiscale e la storia dell'economia ci insegna che questa struttura non è in grado di sopravvivere a lungo senza la creazione di un unione politica. La piccola modifica di cui stiamo discutendo oggi rappresenta un importante cambiamento per i singoli Stati membri dell’Unione; stiamo trasformando il futuro dell’UE da un punto di vista politico. L’onorevole Weber ha affermato che "i cittadini europei vogliono vedere un’Europa più forte", ma lo sapevamo già da tempo. Chiediamoci perché i cittadini europei per decenni hanno accettato e non deciso cosa accade nelle istituzioni europee.

 
  
MPphoto
 

  Joe Higgins (GUE/NGL).(EN) Signor Presidente, è stato proposto un nuovo meccanismo per la stabilità. Nel corso della campagna elettorale in Irlanda, quei partiti che probabilmente formeranno il nuovo governo promettono di avviare una rinegoziazione dell’attuale piano di austerità dell'Unione europea e del Fondo monetario internazionale, al fine di ridurne la rigidità. Sono pure speculazioni ed è ingiusto e anti democratico che agli irlandesi sia chiesto di votare per un ginepraio di congetture.

Volevo chiedere al Presidente della Commissione Barroso non di intervenire nella campagna elettorale irlandese, ma di rivendicare il diritto democratico dei cittadini irlandesi a riceve informazioni reali e vere.

Il Commissario Rehn ha affermato ieri che è possibile procedere ad una rinegoziazione del patto UE-FMI e ho quattro domande specifiche a riguardo: in primo luogo, è possibile procedere ad una rinegoziazione immediatamente dopo l'inizio di un nuovo mandato di governo in Irlanda e prima del meccanismo del 2013? In secondo luogo, questo comporterebbe riduzioni sostanziali nei selvaggi livelli di interesse richiesti? In terzo luogo, gli speculatori finanziari sarebbero costretti a farsi carico delle proprie perdite piuttosto che martoriare gli irlandesi? Infine, il Commissario comprende che solo una rinegoziazione che inverta i tagli e fornisca sostanziali investimenti pubblici a favore dell’occupazione potrà risolvere la nostra crisi in Irlanda, mentre ulteriori tagli e maggiore austerità potrebbero far naufragare la nostra società?

 
  
MPphoto
 

  Nicole Sinclaire (NI).(EN) Signor Presidente, siamo di nuovo allo stesso punto. Il progetto politico fallimentare dell’euro ci ha portati a modificare il trattato di Lisbona per due volte in un breve periodo. È opportuno ricordare che l’accettazione del trattato di Lisbona è stata forzata attraverso il referendum in Irlanda: gli irlandesi avevano espresso parere contrario, ma sono stati poi ingannati con la promessa di un’economia protetta. Ora l'Unione europea agisce come al solito quando si trova dinanzi ad un problema, ovvero non compie un passo indietro chiedendosi quali errori ha commesso. Al contrario, volete maggiore integrazione e far pagare agli Stati più piccoli le conseguenze più pesanti. Intendete imporre loro sanzioni se hanno maggiori difficoltà, peggiorando così la loro situazione e rendendoli più soggetti al vostro impero europeo.

Vorrei dire al Presidente Barroso che è vero, il Regno Unito ha problemi con il debito, ma di certo non aiuta il dover salvare paesi della zona euro come l'Irlanda, se dobbiamo prendere a prestito denaro per farlo.

 
  
MPphoto
 

  Kay Swinburne (ECR).(EN) Signor Presidente, la modifica al trattato non è una questione da affrontare con leggerezza, soprattutto alla luce del fatto che è stato necessario molto lavoro e lunghi negoziati per giungere al trattato di Lisbona. Questa Camera e il Consiglio devono quindi essere molto prudenti in merito al modo in cui intendiamo iniziare a modificare il trattato. Questo cambiamento è necessario per proteggere le economie più deboli della zona euro, pur sostenendo la posizione di quegli Stati membri che non sono parte dell’euro.

La modifica del trattato non risolverà il mancato rispetto da parte degli Stati membri dei loro accordi nell’ambito del Patto di stabilità e crescita, né risolverà i problemi di base degli ingenti disavanzi pubblici, né renderà l'Unione più competitiva a livello globale. È una semplice misura di tamponamento che ci dovrebbe fornire più tempo per mettere ordine nella zona euro e nei nostri spazi condivisi.

Ogni Stato membro deve esaminare la propria spesa pubblica e le politiche fiscali ed elaborare un programma realistico per conferire nuovo vigore alle nostre economie. Una linea di testo aggiunta in un accordo internazionale, sebbene necessaria, non sostituirà di certo una riforma reale e la necessaria prudenza. È quindi necessario elaborare una vera e propria strategia a favore della competitività globale.

 
  
MPphoto
 

  Maroš Šefčovič, Vicepresidente della Commissione. – (EN) Signor Presidente, desidero ringraziare quanti hanno preso parte a questa discussione e gli onorevoli deputati per il loro chiaro sostegno a favore dell'approccio comunitario, di un'Unione europea forte e di un ruolo adeguato nel futuro meccanismo oggetto della discussione odierna.

Il nostro parere è stato molto chiaro e abbiamo affermato il nostro pieno sostegno all'istituzione del Meccanismo europeo per la stabilizzazione, che consideriamo un tassello importante del mosaico di un'Europa più forte e più prospera dal punto di vista economico. Stiamo lavorando per aumentare la sorveglianza dei mercati finanziari, migliorare la governance economica e, a questo proposito, abbiamo presentato sei proposte legislative. Il primo semestre europeo si è aperto con la nostra analisi annuale della crescita e questo dovrebbe essere l'ultimo pezzo del mosaico.

Con questo elemento, la discussione odierna e quella che credo sarà una decisione positiva a marzo, stiamo inviando segnali positivi a quanti scommettono contro l’euro, perdendo però soldi: questo è un messaggio molto importante da inviare.

La decisione sulla questione sarà cruciale, ma sono consapevole che per questa Camera è altrettanto importante rispettare pienamente le competenze dell'Unione, nonché le prerogative e il ruolo delle istituzioni comunitarie. Ovviamente la Commissione si premurerà di dimostrare di agire sempre nel rispetto del diritto europeo.

Come affermiamo nel nostro parere, la Commissione è pronta ad utilizzare la sua esperienza nella gestione di questi meccanismi che devono essere pienamente coerenti con l’accresciuta governance economica, soprattutto per quanto riguarda il coordinamento e la sorveglianza delle politiche economiche e finanziare negli Stati membri e, in particolare, in quelli appartenenti alla zona euro.

Qualcuno nutre ancora timori in merito alla possibile creazione un'Europa a due livelli e ritengo che anche la posizione della Commissione in merito sia molto netta: anche se la responsabilità per la moneta unica rimane in primis degli Stati membri, è evidente che qualsiasi meccanismo di cooperazione futuro deve essere aperto anche agli altri Stati e che tutto il lavoro che stiamo svolgendo per aumentare la competitività e la convergenza deve andare nell’interesse di tutti e 27 gli Stati membri.

Il processo che stiamo attraversando, e nel quale i mercati finanziari hanno giocato un ruolo importante, per accelerare l’integrazione e la cooperazione europee nel campo della governance economica deve essere accolto con favore in quanto sta decisamente contribuendo a fortificare la nostra Unione.

Desidero ringraziare in particolare i due relatori, l’onorevole Brok e l’onorevole Gualtieri, per la loro fruttuosa cooperazione, per le idee che hanno presentato e per le consultazioni che la Commissione tiene regolarmente con loro. Il loro eccellente lavoro potrà condurre ad una relazione che questa Camera approverebbe in tempo, prima che il Consiglio Europeo si esprima in materia.

La mia ultima considerazione è rivolta all'onorevole Higgins, dall'Irlanda: ha citato correttamente le parole del Commissario Rehn, affermando che l'accordo era stato raggiunto con l'Irlanda, non con il governo ma con il paese. Ci aspettiamo che qualsiasi governo futuro si impegni a rispettare il Patto. Detto questo, è evidente che la Commissione abbia a cuore le difficoltà che l'Irlanda sta attualmente affrontando e si impegnerà al massimo a favore di un rapido ritorno alla crescita nel paese.

Le istituzioni europee, che siano l'UE, la Commissione, la Banca centrale europea o il Fondo monetario internazionale, hanno largamente contribuito alla stabilizzazione della situazione in Irlanda. Sono sicuro che tutti insieme ci impegneremo il più possibile per riportare crescita e prosperità in Irlanda.

 
  
  

PRESIDENZA DELL'ON. PITTELLA
Vicepresidente

Dichiarazioni scritte (articolo 149 del regolamento)

 
  
MPphoto
 
 

  Ilda Figueiredo (GUE/NGL), per iscritto.(PT) Questa discussione ha chiaramente dimostrato che la Commissione europea si impegna a proseguire lungo il cammino intrapreso in modo non democratico per ottenere l’approvazione del trattato di Lisbona. È opportuno ricordare che, in seguito al rifiuto della cosiddetta costituzione europea da parte dei cittadini di Francia e Paesi Bassi, i leader dell'Unione hanno cercato di evitare in qualunque modo ulteriori referendum. Persino in seguito al primo rifiuto dell'Irlanda hanno esercitato qualunque forma di pressione per assicurarsi, dopo qualche tempo, di poter indire un altro referendum.

Ora, a distanza di qualche mese dall’entrata in vigore del nuovo trattato, essi stanno ancora una volta cercando di apportare modifiche velocemente, senza alcun tipo di dibattito pubblico, per paura delle reazioni dei cittadini degli Stati membri e, in particolare, di quanti sono più esposti alle conseguenze di politiche sempre più neoliberali.

Ora, desiderano ricorrere alla cosiddetta "procedura semplificata" per mascherare la loro intenzione reale di modificare un elemento importante – il Fondo europeo per la stabilizzazione finanziaria – legato alla costituzionalizzazione, con il fine di trasformarlo in un fondo permanente, con le condizioni inammissibili contenute nel cosiddetto Patto per la competitività e le sue gravi conseguenze per le politiche sociali: svalutazione dei salari e delle pensioni e innalzamento dell’età pensionabile.

 
Note legali - Informativa sulla privacy