Indekss 
 Iepriekšējais 
 Nākošais 
 Pilns teksts 
Debates
Trešdiena, 2011. gada 14. decembris - Strasbūra Pārskatītā redakcija

7. Balsošanas laiks
Visu runu video
PV
 

Prima della votazione

 
  
MPphoto
 

  Leonardo Domenici (S&D). - Signor Presidente, ieri a Firenze è accaduto un fatto di estrema gravità, che suscita orrore e sgomento: un uomo di cinquant'anni armato ha fatto fuoco in due mercati della città di Firenze su cinque cittadini di origine senegalese. – due di essi sono morti e tre sono ora ricoverati in ospedale in gravi condizioni. L'omicida si è poi suicidato. Si tratta di un esponente dell'estrema destra razzista e xenofoba, che ha voluto uccidere persone a lui sconosciute, colpevoli soltanto di avere la pelle nera.

Firenze è la mia città, e prima di essere eletto al Parlamento europeo sono stato sindaco di Firenze per dieci anni. Firenze è una città civile e democratica, medaglia d'oro per la resistenza al nazifascismo. Eppure, proprio a Firenze è avvenuto questo abominevole crimine razzista, a dimostrazione del fatto che la follia nazifascista può manifestarsi ovunque e non si deve mai pensare di averla cancellata definitivamente.

Signor Presidente, le chiedo di esprimere il cordoglio del Parlamento europeo e di ribadire l'impegno di questa Assemblea contro ogni forma di intolleranza e di razzismo e per il rispetto della dignità e i diritti di ogni essere umano.

 
  
MPphoto
 

  Presidente. − Grazie, grazie onorevole Domenici, la ringrazio tantissimo e voglio ricordare che questa mattina in apertura di seduta il Presidente Buzek ha già detto parole molto forti, sia rispetto a quello che è avvenuto a Firenze, sia rispetto a quello che è avvenuto a Liegi. Noi dunque non possiamo che rinnovare i sentimenti e le parole di condanna durissima che ha già espresso il Presidente Buzek.

Ora procediamo alle votazioni.

 
Juridisks paziņojums - Privātuma politika