Go back to the Europarl portal

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (Selected)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
This document is not available in your language. Please choose another language version from the language bar.

 Index 
 Full text 
Discussioni
Lunedì 1 luglio 2013 - Strasburgo Edizione rivista

Contributo delle cooperative al superamento della crisi (breve presentazione)
MPphoto
 

  Franco Bonanini (NI). - Signor Presidente, onorevoli colleghi, verrei congratularmi con l'onorevole Toia, non per solidarietà fra italiani, ma perché ha svolto una relazione veramente completa e molto precisa.

Il modello cooperativo è un modello che, in questa difficile fase che stiamo vivendo, rimette al centro l'economia reale dopo anni di finalizzazione delle attività economiche, stimolando la diffusione di una microeconomia che rappresenta un'importante forma di economia sociale. Le cooperative sono spesso anche intimamente legate allo sviluppo e alle produzioni locali e gestiscono spesso servizi essenziali per i cittadini, svolgendo una funzione importante nel segno di uno sviluppo sostenibile e inclusivo improntato alla valorizzazione delle produzioni locali, delle culture di appartenenza e dei presidi umani in tempo di globalizzazione a volte sfrenata.

Io posso solo dare un consiglio, ossia occorre individuare un quadro normativo in grado di contrastare e individuare quei tentativi strumentali che intendono inserirsi nel mondo cooperativo senza rappresentarlo.

 
Legal notice - Privacy policy