Go back to the Europarl portal

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (Selected)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
This document is not available in your language. Please choose another language version from the language bar.

 Index 
 Full text 
Discussioni
Giovedì 3 aprile 2014 - Bruxelles Edizione rivista

Dispositivi medici (A7-0324/2013 - Dagmar Roth-Behrendt)
MPphoto
 
 

  Franco Bonanini (NI), per iscritto. - Reputando necessario e attuale l'aggiornamento di un quadro normativo ormai superato nel settore, ritengo che si debba prioritariamente guardare all'essenziale obiettivo di aumentare il livello di sicurezza a beneficio di pazienti, consumatori e operatori sanitari. Combinare tale scopo a una maggior competitività dell'industria europea afferente è il compito non facile al quale le istituzioni europee sono chiamate a rispondere. Reputo particolarmente importanti le disposizioni riguardo l'eventuale ricondizionamento dei dispositivi monouso, a causa degli effetti che da questi si possono desumere sulla sicurezza dei pazienti. A tal fine, ritengo fondamentale che si debbano garantire le stesse condizioni e caratteristiche di sicurezza alle quali devono rispondere stessi dispositivi al termine del processo di fabbricazione. Coerentemente, chiunque sia responsabile del ricondizionamento, istituzione pubblica o privata, deve necessariamente essere considerato fabbricante ai sensi del regolamento, con medesimi oneri e responsabilità. Si deve ineluttabilmente sfuggire da una logica che possa rendere dispositivi ricondizionati economicamente vantaggiosi rispetto ad altri giunti sullo stesso mercato al termine del processo di fabbricazione, ma con caratteristiche e garanzie di sicurezza d'uso specifiche maggiori. Non possiamo evadere, difatti, alla responsabilità di garantire un medesimo ed elevato standard di sicurezza a tutti i dispositivi medici conseguenti all'elaborazione di questo nuovo quadro giuridico.

 
Legal notice - Privacy policy