Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 15 aprile 2014 - Strasburgo Edizione rivista

Diffusione in tutto il territorio dell'Unione europea di un servizio elettronico di chiamata di emergenza (eCall) interoperabile (A7-0482/2013 - Philippe De Backer)
MPphoto
 
 

  Roberta Angelilli (PPE), per iscritto. - L’adozione del sistema eCall è un segnale di sostegno concreto, da parte del Parlamento europeo, alla sicurezza stradale. Ogni anno potrebbero essere salvate in Europa circa 2.500 vite e potrebbe essere considerevolmente ridotta la gravità delle lesioni causate dagli incidenti. Spero vivamente che venga rispettato il termine di installazione su tutti i veicoli, previsto per ottobre 2015. Ovvio che il sistema eCall non può prevenire gli incidenti, né può ridurre il loro numero. Tuttavia, può mettere a disposizione procedure di intervento molto rapide, come allertare automaticamente i servizi di emergenza e indicare la posizione esatta per permettere ai soccorsi di raggiungere più rapidamente il luogo dell’incidente. E di conseguenza, salvare vite umane e ridurre la gravità delle lesioni.

 
Note legali - Informativa sulla privacy