Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 15 aprile 2014 - Strasburgo Edizione rivista

Programma di ricerca e sviluppo a sostegno di una vita attiva e autonoma (A7-0076/2014 - Claude Turmes)
MPphoto
 
 

  Roberta Angelilli (PPE), per iscritto. - Una delle sfide che si troverà ad affrontare l´Europa nel prossimo futuro sarà quella di trovare soluzioni per far fronte al cambiamento demografico e favorire l´invecchiamento attivo e in buona salute. Le tecnologie dell´informazione e della comunicazione possono svolgere un ruolo importante per migliorare la qualità della vita delle persone anziane, nonché per accrescere l´efficacia dell´assistenza. E' opportuno pertanto ricercare soluzioni che garantiscano regole più uniformi e semplificate, allineando il più possibile le regole per la partecipazione al programma di sostegno a una vita attiva e autonoma (AAL) a quelle di Orizzonte 2020.

 
Note legali - Informativa sulla privacy