Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 16 aprile 2014 - Strasburgo Edizione rivista

Miele (A7-0440/2013 - Julie Girling)
MPphoto
 
 

  Roberta Angelilli (PPE), per iscritto. - Il miele non è un prodotto composto. Per tale ragione è espressamente vietato aggiungere al miele ingredienti alimentari, additivi e qualsiasi altra sostanza. Ne consegue che il polline non è un ingrediente del miele, in quanto non viene intenzionalmente aggiunto al miele, ma è, al contrario, un costituente naturale. Classificare il polline come ingrediente significa prima di tutto incidere sulla reputazione e sull’identità vera e propria di questo prodotto, tutto naturale, con ripercussioni in termini economici e occupazionali sul settore degli apicoltori: aumento dei costi di produzione dovuto alle esigenze di test supplementari e oneri di etichettatura; forte calo dei consumi e nessun vantaggio per la difesa del polline autoctono.

 
Note legali - Informativa sulla privacy