Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 16 aprile 2014 - Strasburgo Edizione rivista

Sorveglianza delle frontiere marittime esterne (A7-0461/2013 - Carlos Coelho)
MPphoto
 

  Roberta Angelilli (PPE). - Signor Presidente, onorevoli colleghi, nei prime tre mesi del 2014, in soli cento giorni quindi, sono sbarcati in Italia 20[nbsp ]000 migranti.

Sapete quanto costa l'emergenza umanitaria? Costa all'Italia 300[nbsp ]000 euro al giorno, oltre 9 milioni di euro al mese. Se il trend non cambia, l'Italia quest'anno rischia di spendere 110 milioni di euro per il controllo alle frontiere e le operazioni di soccorso e intanto Frontex, l'Agenzia europea, spende 34 milioni di euro l'anno in costi amministrativi e burocratici. Vi sembra giusto? E stendo un velo pietoso sul fatto che la sede di Frontex è a Varsavia, lontana 3[nbsp ]000 chilometri da Lampedusa, dove approdano quasi ogni giorno le carrette del mare.

Sono stata a Lampedusa, sono volontaria della Croce Rossa e sono orgogliosa dell'Italia che ha sempre fatto il suo dovere in maniera eccellente, salvando tante vite umane e per questo ringrazio le forze dell'ordine e gli operatori umanitari, ma è ora di dire basta. L'immigrazione non è un problema solo dell'Italia. Chiediamo subito una sede operativa, una base operativa di Frontex in Italia.

 
Note legali - Informativa sulla privacy