Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 18 settembre 2014 - Strasburgo Edizione rivista

Situazione in Iraq e in Siria e offensiva dell'ISIS inclusa la persecuzione delle minoranze (RC-B8-0109/2014, B8-0109/2014, B8-0110/2014, B8-0121/2014, B8-0130/2014, B8-0134/2014, B8-0137/2014, B8-0138/2014)
MPphoto
 
 

  Lara Comi (PPE), per iscritto. - Ho votato a favore di questa importantissima Risoluzione del Parlamento europeo sulla grave crisi irachena e siriana generata dalla grave offensiva da parte dell'IS.

L'UE afferma ancora una volta con forza la supremazia della democrazia, dei diritti umani e delle libertà fondamentali tra le quali, senza alcun dubbio, c'è la libertà religiosa che in Europa è assicurata. L'offensiva verso i cristiani e le minoranze etnico-religiose è inaccettabile. Sono convinta che gli Stati membri, e tutta la comunità internazionale, debbano fare ogni sforzo per sostenere le autorità irachene nella lotta contro il califfato, a tutela di tutti i civili, come pure migliorare la coordinazione delle azioni messe in campo per migliorarne l'efficacia. È necessario, infine, che gli Stati membri non sottovalutino il fenomeno dei combattenti europei che decidono di arruolarsi nell'IS e prendano senza indugio le misure più opportune.

 
Avvertenza legale - Informativa sulla privacy