Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 26 novembre 2014 - Strasburgo Edizione rivista

Settore dell'acciaio nell'Unione europea: proteggere lavoratori e industrie (discussione)
MPphoto
 

  Enrico Gasbarra (S&D). - Signor Presidente, onorevoli colleghi, signora Commissario Bieńkowska, lei ha ricordato che si muoverà in relazione al piano europeo per l'acciaio e che l'acciaio ha ancora un futuro.

Bene, è cruciale però che quel piano, signora Commissario, non sia soltanto declamato ma sia dotato di strumenti immediatamente operativi e soprattutto sia prioritario e si muova su una linea coerente, finalizzata all'occupazione e all'innovazione energetico-ambientale in tutti i contesti internazionali in cui l'Unione è impegnata.

L'Europa deve fare di più e noi ci auguriamo, signora Commissario, che nello specifico lei faccia di più per sostenere davvero il futuro dell'acciaio, a partire dalle crisi che ci sono in Europa e in particolare in Italia, come hanno ricordato tutti i miei colleghi italiani, e ovviamente a partire dall'AST di Terni, che in queste ore si sta incontrando con il governo per risolvere la questione, spero. Noi vorremmo però sapere da lei se il suo impegno sarà coerente in questa linea e che spazio avranno l'acciaio e la siderurgia nel piano, per esempio, che oggi ha presentato Juncker per gli investimenti.

 
Note legali - Informativa sulla privacy