Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 27 novembre 2014 - Strasburgo Edizione rivista

Malnutrizione infantile nei paesi in via di sviluppo (discussione)
MPphoto
 

  Enrico Gasbarra (S&D). - Signor Presidente, onorevoli colleghi, signor Commissario, proprio in quest'Aula, come hanno ricordato i colleghi, Papa Francesco ci ha ricordato che l'Europa ha una responsabilità particolare nella lotta alla povertà e alla fame nel mondo.

Il diritto all'alimentazione sarà garantito solo se ci preoccupiamo del suo soggetto reale, della persona che patisce gli effetti della fame e della denutrizione, e questo significa sul piano politico e legislativo garantire al massimo la coerenza tra le politiche interne e quelle esterne dell'Unione europea, tra l'impegno per la riduzione della povertà e la realizzazione delle scelte europee in politiche quali l'agricoltura, l'ambiente, la pesca e l'energia.

Signor Commissario, è con questo approccio globale che l'Europa potrà marcare veramente una svolta nelle politiche di lotta alla povertà e alla malnutrizione infantile e questa risoluzione ribadisce che l'Europa non potrà più tollerare che in alcuni paesi poveri, anche con la nostra complicità, ci siano serbatoi pieni e pance vuote a causa degli effetti perversi dell'aumento dei prezzi alimentari su scala globale e dello sfruttamento dei terreni.

 
Note legali - Informativa sulla privacy