Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Lunedì 15 dicembre 2014 - Strasburgo Edizione rivista

Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione (CITES) (discussione)
MPphoto
 

  Enrico Gasbarra (S&D). - Signore Presidente, onorevoli colleghi, con l'adesione alla Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e di fauna selvatiche minacciate di estensione, l'UE finalmente si dota di un importante strumento volto a proteggere la biodiversità. La partecipazione dell'UE come soggetto giuridico a questo sistema di protezione delle specie non può che ribadire la posizione di rilievo e di responsabilità che l'UE assume nella promozione della sostenibilità ambientale. Sono oltre 35 000 infatti le specie coperte dalle disposizioni della Convenzione.

Abbiamo ora finalmente un quadro giuridico ancora più certo, anche a vantaggio della sicurezza dei cittadini europei, che regola l'introduzione e l'importazione di flora e fauna protetta. Ci apprestiamo a ratificare quindi uno strumento che rafforzerà la coerenza e il peso negoziale dell'Unione europea in ambito internazionale, in particolare coerenza con il trattato di Lisbona per l'attribuzione alla Commissione europea di una competenza piena in ambito commerciale e ambientale. Un altro passo avanti verso un ruolo più forte dell'UE nel mondo per la sostenibilità e la responsabilità ambientale.

 
Note legali - Informativa sulla privacy