Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 17 dicembre 2014 - Strasburgo Edizione rivista

Settore dell'acciaio nell'Unione europea: proteggere lavoratori e industrie (RC-B8-0352/2014, B8-0351/2014, B8-0352/2014, B8-0353/2014, B8-0354/2014, B8-0355/2014, B8-0356/2014)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. — Dopo la discussione della scorsa tornata di novembre sulla crisi del settore dell'acciaio in Europa, abbiamo votato oggi un testo importante e politicamente molto significativo, che torna a ribadire la priorità che il comparto siderurgico rappresenta per l'economia reale europea. Rispetto al dibattito di tre settimane fa possiamo oggi prendere atto con grande soddisfazione dell'accordo raggiunto sulla vertenza AST-Terni. Speriamo che l'accordo sia per l'Europa l'occasione di realizzare concretamente quel Piano Acciaio presentato con enfasi dalla Commissione europea un anno fa. Serve un approccio coerente e organico per risollevare la produzione e dare coraggio al settore, a partire da nuovi strumenti normativi che modernizzino le regole della concorrenza, che rendano più rapidi gli interventi di sostegno sociale e per le ristrutturazioni, e che tutelino la competitività europea nonostante i doverosi e necessari impegni di riduzione delle emissioni di CO2.

 
Note legali - Informativa sulla privacy