Rodyklė 
 Ankstesnis 
 Kitas 
 Visas tekstas 
Diskusijos
Antradienis, 2015 m. sausio 13 d. - Strasbūras Atnaujinta informacija

5. Italijos pirmininkavimo ES Tarybai rezultatų apžvalga (diskusijos)
Kalbų vaizdo įrašas
PV
MPphoto
 

  Der Präsident. - Als nächster Punkt der Tagesordnung folgt die Aussprache über die Erklärungen des Rates und der Kommission zur Bilanz des italienischen Ratsvorsitzes (2014/2855(RSP)).

 
  
MPphoto
 

  Matteo Renzi, Presidente in carica del Consiglio. - Signor Presidente Schultz, onorevoli deputati al Parlamento europeo, faccio mie le parole che Lei Presidente ha rivolto a quest'Aula in occasione del ricordo di ciò che è avvenuto settant'anni fa ad Auschwitz e assicuro l'impegno del governo e del popolo italiano per combattere quella terribile infamia che ha caratterizzato l'Europa decenni orsono, mantenendo alta l'attenzione oggi per un debito che noi abbiamo nei confronti del passato ma anche per un grande investimento che dobbiamo fare sulle nuove generazioni.

Credo che il suo saluto, il suo speech, signor Presidente, ci consenta di entrare nel merito del bilancio del semestre di Presidenza italiana ricordando da dove noi eravamo partiti. Prendendo spunto dalla figura di Telemaco, anche in continuità con la Presidenza greca, c'eravamo chiesti se oggi queste istituzioni, questi politici, questi rappresentanti dei territori che compongono il grande sogno dell'Unione europea, fossero in grado di assumere il diritto a essere eredi.

Cosa vuol dire essere eredi? Vuol dire poter pensare che l'Europa per noi non è soltanto il ricordo: l'Europa è innanzitutto una speranza; si declina al futuro, non soltanto al passato. Ha il calore e il colore dell'opportunità prima ancora che della preoccupazione. Siamo stati in grado in questi sei mesi di essere all'altezza di questa sfida? Certo sono consapevole che la stampa, che gli operatori, che gli addetti ai lavori, prima di affrontare questo grande tema sottolineano ed evidenziano: "Però, prima parlaci dei risultati, raccontaci se sei soddisfatto di ciò che hai fatto in Europa per l'Italia!" È una domanda mal posta, signor Presidente! Perché chi fa politica non è mai soddisfatto, se è soddisfatto è bene che cambi mestiere! Anche perché non si guida un semestre pensando all'interesse del proprio paese, si guida un semestre pensando a come l'Europa può avere una chance per il futuro!

Noi italiani, di qualunque colore politico, sappiamo perfettamente che la nostra sfida non è qui, è a casa nostra. Non si tratta semplicemente di evocare il cliché delle riforme strutturali. Significa dire che l'Italia se vuole stare nella competizione globale deve cambiare e in questi sei mesi abbiamo fatto molto nel nostro paese, ciò che serve all'Italia lo fanno i cittadini italiani, non le istituzioni europee, e i cittadini italiani devono avere molta più consapevolezza del fatto che in questi anni noi abbiamo provveduto a dare all'Europa molte più risorse di quelle che abbiamo preso. Ogni anni l'Italia dà alle istituzioni europee circa 20 miliardi di euro ricevendone non più della metà.

L'Italia in questi anni a concorso a salvare non soltanto Stati amici, ma anche le banche, gli istituti di credito di altri paesi e lo ha fatto non per un atto di generosità ma perché crede nelle istituzioni europee. Lo ha fatto senza mettere un centesimo dei denari delle istituzioni europee a beneficio dei propri istituti di credito che, anzi, dopo gli stress test, sono stati costretti a aumenti di capitale. Lo ha fatto perché crede nell'Europa, l'Italia è un paese che non viene nelle istituzioni europee per chiedere un aiuto, viene per offrire una grande storia iniziata a Roma con la firma del Trattato, ma forse possiamo dire iniziata molto prima, iniziata nei valori che hanno fatto grande il nostro paese, che hanno fatto grande il nostro continente.

Noi abbiamo questa idea di Europa: l'idea di un grande luogo di speranza per le prossime generazioni e sappiamo che i nostri problemi li dobbiamo affrontare a casa nostra, come stiamo facendo con la riforma della Costituzione, della legge elettorale, della giustizia, della pubblica amministrazione, tutte realtà che in questi sei mesi il parlamento italiano ha mandato avanti.

Lo abbiamo fatto animati da una visione europea ed europeista, che ha tanti autorevoli rappresentanti nella storia del nostro paese – e mi permetterà signor Presidente, mi permetteranno i membri del Parlamento europeo di ricordarne uno per tutti, che è stato e ha rappresentato anche in questi sei mesi la guida per il nostro paese – vorrei che oggi da qui il Parlamento europeo portasse il proprio saluto al Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, convinto europeista che proprio in queste ore lascerà il proprio incarico avendo compiuto un lungo percorso di cambiamento e avendo affrontato le difficoltà in Italia con l'intelligenza, la saggezza che molti di voi gli hanno riconosciuto lavorandoci a fianco anche in quest'Aula negli anni passati.

Bene, in questo semestre l'Italia ha utilizzato due grandi obiettivi: il primo, quello di dare valore politico al vostro lavoro, signori parlamentari: il due luglio quando siamo venuti qui a cominciare il semestre non c'era ancora la nuova Commissione. Noi siamo stati coprotagonisti insieme a tutti gli altri governi, di una scelta che giudico storica: si è scelto di dare valore politico al risultato delle elezioni del 25 maggio. La designazione di Jean-Claude Juncker come Presidente della Commissione non nasce semplicemente dal riconoscimento di un risultato che di per sé non sarebbe stato sufficiente, perché il partito che ha presentato Jean-Claude non aveva ottenuto la maggioranza dei membri necessaria ad avere un voto di fiducia, ma di un accordo politico con P maiuscola in cui valorizzando la scelta popolare nei confronti del Presidente Juncker si è scelto di dare significato profondo al voto dei cittadini, legando alla Commissione Juncker un pacchetto di riforme, un progetto politico per i prossimi anni. È la prima volta che questo accade nella storia delle istituzioni europee, io credo che non dovrà essere l'ultima e che dovrà essere in qualche misura codificata dalla consuetudine politica, ma è un passo in avanti di grande significato.

Accanto a questo, l'Italia ha proposto un cambiamento del paradigma economico che ha caratterizzato questi anni nel nostro dibattito continentale. Io credo che, o l'Europa cambia marcia sull'economia oppure noi diventiamo il fanalino di coda di un mondo che cambia molto rapidamente. Il Presidente Juncker ha fatto proprio questo ragionamento, lo ha allargato con i membri del suo Collegio e trovo simbolico che oggi, nella riunione del Collegio, il Presidente Juncker presenterà la comunicazione sulla flessibilità e il fondo, architrave strategica degli investimenti, del piano per gli investimenti.

Sono due operazioni su cui il nostro giudizio è un giudizio positivo, riconosciamo che stiamo andando nella giusta direzione, a nostro giudizio si deve fare ancora di più e siamo pronti a fare la nostra parte. Siamo pronti ad essere generosi con il Fondo, siamo pronti a credere profondamente nell'investimento sulla flessibilità, anche perché se non ci fosse stata flessibilità tanti dei paesi da cui proveniamo e provenite non avrebbero oggi le condizioni economiche che hanno. Se non ci fosse stata la flessibilità la ricostruzione in Germania non sarebbe stata così semplice, se non ci fosse stata la flessibilità la politica sarebbe oggi cancellata da quest'Aula.

Ma quello che voglio dire è che in questi sei mesi ci pare di aver visto un cambiamento profondo nella direzione, ancora non nei fatti. Io ricordo il vertice di Ypres, era il giugno di quest'anno, ricordo la discussione molto dura con i miei amici e colleghi capi di governo, quando sottolineavamo l'importanza di investire sulla crescita, quando sottolineavamo l'importanza di investire in modo diverso sul rapporto tra economica e flessibilità. Quanto tempo sembra essere passato, eppure sono trascorsi solo sei mesi! Questi sono i due risultati che penso stiano insieme: investimento in politica con la politica, della Commissione che sceglie una direzione.

Naturalmente potrei a lungo discutere dei risultati, l'accordo sul clima e sull'energia, la politica di passaggio da Mare Nostrum a Triton, la transizione istituzionale svolta a dispetto degli auspici negativi in un clima di positiva cooperazione, i meccanismi automatici di lotta all'evasione, l'investimento su una diversa politica di cooperazione internazionale, la declassificazione, che tanto stava e sta a cuore a questo Parlamento, degli accordi negoziali per il TTIP, gli OGM, anche con alcune sconfitte, ritengo Presidente Schultz che sia una sconfitta che sul made in gli impegni che questo Parlamento, inteso come Istituzione – perché fu nell'aprile dello scorso anno – ma comunque questo Parlamento inteso come Istituzione ha assunto chiedendo al Consiglio e alla Commissione di farsi promotori non sono stati portati a risultato positivo. Sul made in è incomprensibile la resistenza che alcuni paesi stanno facendo.

Per comodità, abbiamo presentato questo documento, è un documento che presenta tutti i risultati di questo semestre e mi consentirete, allora, di passare immediatamente alla seconda e conclusiva parte del mio ragionamento. Di tornare cioè alla domanda di fondo: siamo riusciti in questi mesi a ridare un'anima all'Europa? È difficile affrontare questo dibattito in un momento in cui la discussione sul significato profondo dell'Europa vede oggi contrapposta una demagogia imbarazzante contro quell'idea di luoghi della speranza e della politica dell'Europa che, per esempio, Sua Santità Papa Francesco – che ha voluto portare il suo intervento in quest'Assise proprio durante questo semestre – ha spiegato con questa chiarezza e con questa bellezza: l'idea dell'Europa come un qualcosa che serve al mondo e dall'altro il tentativo di investire sulla demagogia, sulla paura, il tentativo di bloccare e rannicchiare i nostri valori dentro una piccola cornice e dentro una fortezza. Il luogo dell'Europa non è la fortezza è la piazza! Il luogo dell'Europa non è la trincea è il museo, è la scuola! La parola chiave dell'Europa non è conflitto e scontro ma dialogo e incontro!

Allora da questo punto di vista, mi permetta signor Presidente, di essere molto chiaro: noi in questa stessa sede abbiamo aperto il semestre ricordando una giovane donna, Miriam che stava in Sudan in catene per la sua fede religiosa e sono orgoglioso e ho i brividi nel dire che l'Europa è che in questi sei mesi abbiamo permesso a quella donna di tornare alla libertà e di portare il suo bambino nato in un carcere a vivere libero. Perché per noi Europa è innanzitutto libertà. Presidente mi permetta di dire che sono emozionato pensando a quando il 20 agosto ho avuto – a nome anche vostro – la drammatica bellezza e la difficile situazione di entrare in un campo profughi a Erbil; io me la ricordo la reazione di un giovane ventenne, di tanti giovani ventenni, quando a Srebrenica l'Europa di fronte al genocidio non ebbe il coraggio di aprire bocca e anzi persino i caschi blu assistettero attoniti e squallidi di fronte alla violenza e al genocidio.

Oggi abbiamo di fronte a noi tanti luoghi in cui si perpetrano situazioni di dolore, terrore e orrore. Credo che l'Europa debba essere lì e lo sanno bene, amici del Parlamento europeo, quei cittadini che sono scesi in piazza a Parigi. Lo sanno bene perché alcuni commentatori hanno detto: la foto storica è la foto dei leader, no non è la foto dei leader che camminano insieme, la foto storica è la foto di un popolo, innanzitutto il popolo francese, alla cui storia di lumi e cattedrali, di ragione e di bellezza, io pongo entrando a Strasburgo, in una sede europea ma anche in una città francese, un omaggio, l'omaggio di tutte le italiane e di tutti gli italiani dopo quello che è accaduto; ma è anche, me lo lasci dire signor Presidente, quell'idea profonda, quella straordinaria esperienza che abbiamo fatto sentendo i canti della Marsigliese mentre camminavamo. Vedendo le immagini di donne e uomini che non si rassegnavano all'idea del terrore e della paura e che dicevano con la loro presenza in quelle piazze, che l'Europa è più grande delle minacce, che i nostri valori sono più forti dei loro attentati e che ciascuno di noi, se vuol essere davvero fedele all'idea di Unione europea e di unità europea, oggi ha il compito di identificare un nemico.

Perché il nemico c'è! Guai a chi finge di non sapere che il nemico ci sia! Certo che c'è il nemico, ma a quelli che dicono che il nemico è la religione, li invito ad andare a rileggere un grandissimo discorso fatto dal presidente egiziano – tra i tanti appuntamenti di questo semestre vorrei sottolineare come il bilaterale che abbiamo fatto sia al Cairo che a Roma, con gli egiziani, sia uno dei punti fondamentali di svolta per il Mediterraneo – ma quel discorso che Al Sisi ha tenuto il primo giorno dell'anno in un'università al Cairo, in un'università dove ha spiegato che il nemico non è la religione, ma è quell'ideologia che punta ad uccidere anche l'idea stessa di religione che persone e leader Al Sisi cercano di portare avanti quotidianamente.

Il nemico c'è, è l'ideologia, è il fanatismo, ma il rischio grande che noi corriamo non è quello di non vedere il nemico, è quello di pensare che la paura ci possa fermare, ci possa immobilizzare, ci possa bloccare; e allora io credo che rinchiudersi, isolarsi, alzare i limiti, alzare muri, significhi non essere europei. Signor Presidente qualcuno in queste ore sta andando oltre, nel dibattito politico, ma anche in quello culturale, e arriva a dire che noi dobbiamo in nome della nostra sicurezza vivere impauriti e rannicchiati. Siamo arrivati a dire che la parola identità è in contrasto con la parola integrazione, da uomo di governo, da uomo italiano, lasciatemelo dire da uomo di sinistra, io voglio dire con forza che non lasceremo mai la parola identità a chi grida più forte, perché la parola identità è una parola bella che ci appartiene, che ci riguarda, la parola identità è una parola che esprime il senso profondo dell'essere europei.

Io sono fiero delle mie radici, io sono fiero delle strade in cui ho giocato a calcio, io sono fiero delle scuole dove sono cresciuto, io appartengo alla mia terra, sono orgoglioso di essere europeo, italiano, fiorentino, sono orgoglioso di ciò che rappresenta la mia piccola storia personale, perché la mia identità è un tratto fondamentale. Il contrario di identità non è integrazione, il contrario di identità è anonimato, il contrario di integrazione è disintegrazione, è rottura, è distruzione.

Allora, noi oggi dobbiamo avere la forza di dire con grande chiarezza, con grande determinazione, che quando all'interno delle istituzioni europee e fuori si pensa di difendere la nostra identità rinchiudendoci in fortezze in nome della sicurezza, dobbiamo sempre ridire a noi stessi che libertà e responsabilità sono le precondizioni della sicurezza, che non c'è sicurezza possibile senza libertà in Europa e che in questo mondo i nostri nemici non potendo ucciderci puntano a cambiare il nostro modo di vivere. Noi non possiamo consentire a nessuno di cambiare il nostro modo di vivere, se volete chiamatela con le parole che ritenete più opportune; volete chiamarla guerra? volete chiamarla conflitto? potete chiamarla come vi pare!

C'è una realtà vera, lo spauracchio della demagogia può portare un decimale di voto in più, ma se qui saremo classe dirigente, se noi qui saremo leader e uomini capaci di guidare le istituzioni, la sfida di oggi è far tornare l'Europa a fare il proprio mestiere e questo passaggio mi porta a dire una cosa molto semplice per chiudere: se stiamo vedendo tornare la politica oggi in Europa è perché in questi mesi e in questi anni noi abbiamo visto che il mondo reclama più Europa, non meno Europa; però dobbiamo dire la verità: questo tipo di Europa che abbiamo costruito in questi anni ha dato l'impressione di essere troppo spesso un modello basato soltanto sull'economia, sui parametri, sui vincoli, sull'austerità.

Credo, signor Presidente, che al termine di questi sei mesi possiamo dirci che quest'atteggiamento è stato un errore e che quel cambiamento che la Commissione Juncker sta portando in questi sei mesi è un cambiamento che probabilmente andava immaginato negli ultimi sei anni, non negli ultimi sei mesi. Oggi il mondo cambia, il mondo sta cercando di investire sul futuro, l'Europa no! Noi siamo stati a Brisbane, insieme al G20, e le parole di crescita, investimenti e innovazione sono parole che sono risuonate ovunque. Noi dobbiamo essere alla guida di questo fenomeno di cambiamento, non in fondo.

Lo saremo soltanto se l'Europa tornerà a guardarsi negli occhi con la consapevolezza di chi rappresenta una superpotenza non economica, una superpotenza valoriale, la stessa superpotenza di valori che certa parte della demagogia vorrebbe cancellare. Nel lasciare il testimone alla Presidenza della Lettonia ricordo a me stesso che quando questo Parlamento fu chiamato all'elezione diretta fu sotto la Presidenza italiana, era il 1975. Sotto la Presidenza italiana si fece l'accordo perché si passasse al voto diretto e all'elezione diretta dei parlamentari europei, fu un momento molto importante, molto bello, molto significativo. Quarant'anni fa la Lettonia non soltanto non faceva parte dell'Unione europea, ma stava in una storia totalmente diversa.

Oggi dimostriamo che l'Europa è in grado di cambiare, dobbiamo anche pensare però, che questo cambiamento deve innanzitutto farci guardare, da un lato, alla politica di vicinato in modo diverso e questo è il lascito che noi diamo innanzitutto alla nuova Presidenza, politica di vicinato significa attenzione diversa al Mediterraneo, significa attenzione diversa all'allargamento dell'Unione europea, perché noi non possiamo fare a meno di Albania, Serbia, Montenegro, e non possiamo permettere che questa discussione sull'allargamento sia dettata e viziata dalla paura. Certo riguarda anche il rapporto tra Ucraina e Russia che è stato un tema tra i più delicati di questo semestre e che io temo continuerà ad attraversare la stagione che stiamo vivendo.

Nel darvi appuntamento ai prossimi appuntamenti internazionali dell'Italia, a partire dall'EXPO, che il 1° maggio affronterà un grande tema, per chi crede nella politica: nutrire il pianeta, cambiare la vita degli uomini. Questo significa fare un grande investimento sullo stile di vita, ma anche di lotta alla fame. Io vorrei lasciarvi non con un pensiero su Telemaco ma con un pensiero su Ulisse, perché è difficile – leggere più di due libri è difficile per alcuni di voi, lo capisco – però ho imparato cosa fosse l'Europa non nei corridoi delle istituzioni, ho imparato cosa fosse l'Europa, signor Presidente, nello studiare la storia della mia città. Nella mia città c'è un grande personaggio che è Dante Alighieri, che quando mette in bocca una piccola orazione a Ulisse, fa un riferimento che trovo straordinariamente efficace oggi, nel momento in cui vorrebbero rintanarci in casa impauriti e sconvolti, dice Dante facendo parlare Ulisse: fatti non foste per viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza. Credo che sia un grande messaggio per ciascuno di noi, oggi.

Il Parlamento europeo è a un bivio, scelga se immaginare di vivere come dei bruti, inseguendo un messaggio demagogico che forse potrà portare qualche mezzo punto in più ma che non consentirà di governare l'Europa e, dall'altro, c'è la possibilità di seguire virtù e conoscenza, cioè di essere europei. E noi emozionati e responsabili crediamo che oggi l'Europa sia il vero luogo della sfida di domani.

Con questo spirito, ringrazio le istituzioni per la cooperazione e dico al Presidente del Parlamento europeo che sempre l'Italia, fedele al suo messaggio di civiltà, di valori e di ideali continuerà a lavorare per un'Europa che sia sempre più dei popoli e sempre meno della burocrazia.

 
  
MPphoto
 

  Jean-Claude Juncker, président de la Commission. - Monsieur le Président, Monsieur le Président du Conseil, cher Matteo Renzi, Mesdames et Messieurs, chers collègues, il y a de temps à autre des moments où il est difficile de passer d'un instant à l'autre. Vous avez, à très juste raison, évoqué, en ouvrant la séance d'aujourd'hui, la libération des camps nazis. Ceux qui sont nés longtemps après la guerre et ceux qui ont une connaissance livresque des événements dont vous parlez ne peuvent pas s'imaginer les douleurs et tragédies qui ont pu déferler sur l'Europe entre les années non seulement 1940 à 1945 mais aussi 1933 à 1945. Attention aux mauvais débuts, souvenons-nous de l'histoire et tirons-en les leçons qui conviennent.

Et puis nous sommes aujourd'hui réunis sur le territoire français. Comment pourrais-je oublier en ce moment le drame, la tragédie collective et individuelle qui vient de frapper la France au milieu de la semaine écoulée. Nous restons choqués, scandalisés, consternés, dégoûtés par ce qu'il vient de se passer à Paris. Oui, nous sommes tous Charlie mais, à travers le monde, il y a beaucoup de Charlie auxquels nous devons aujourd'hui penser. Cependant, comme nous sommes en France, je veux dire ici: "Vive la République et vive la France!".

(Applaudissements)

Nous sommes arrivés au terme de la Présidence italienne et à la veille de la Présidence lettone. C'est une circonstance qui invite à la réflexion.

Voilà le terme d'une Présidence italienne, une Présidence d'un État membre fondateur, et demain s'exprimera devant nous la première ministre lettone, d'un nouveau pays membre. Qui aurait cru en 1957 qu'en 2015 la Lettonie présiderait aux destinées de l'Europe? Qui aurait pu croire que demain nous entendrions le discours d'une première ministre lettone qui, en s'exprimant devant nous, symbolisera la réconciliation entre l'histoire et la géographie européenne et qui actera la fin du décret funeste d'après-guerre qui aurait voulu que l'Europe, à tout jamais, soit scindée en deux parties irréconciliables. Je dis aujourd'hui: "Vive l'Europe!" parce que demain, comme aujourd'hui, nous assisterons à un grand moment européen et nous pouvons être fiers de ce que nous avons réalisé au cours des décennies écoulées.

Nous voilà arrivés à la fin de la Présidence italienne à laquelle je voudrais rendre, mon cher ami, carissimo amico, tous les hommages possibles.

J'ai présidé dans ma vie ministérielle le Conseil à cinq reprises, dont deux fois le Conseil européen. Je connais ce sentiment de fin de Présidence. On est soulagé, on est heureux de remettre les clés à la Présidence suivante mais on est aussi frustré parce qu'on n'a pas pu faire tout ce dont on avait rêvé avant le début de la Présidence. Mais le gouvernement italien a fait beaucoup de choses. Il nous a notamment permis de nous mettre d'accord sur les budgets 2014 et 2015. Sur ce point, la coopération, la collaboration et la complicité entre la Présidence et la Commission furent totales et, avec l'autre branche de l'autorité budgétaire que vous êtes, Mesdames et Messieurs les parlementaires, nous avons pu faire ensemble du bon travail. Mais sans l'engagement, sans la volonté quotidienne de la Présidence italienne, ce résultat n'aurait pas été possible et si la Présidence italienne n'avait pas été capable de faire ce qu'elle a fait, nous nous trouverions aujourd'hui au milieu d'une crise budgétaire dont nous ressentirions les effets à chaque instant.

La Présidence italienne a su faire en sorte que nous puissions adopter toutes les décisions légales sur le mécanisme de résolution unique des défaillances bancaires, un pilier de l'Union bancaire. Ensuite, nous avons pu prendre appui sur la volonté de la Présidence italienne de nous faire avancer rapidement en matière d'investissement. Nous étions d'accord pendant la campagne électorale, au moment de l'investiture de la Commission par le Parlement, sur le fait qu'il faudrait que nous mettions en place un triangle vertueux: la consolidation budgétaire qui reste essentielle, les réformes structurelles qui sont importantes mais également une dimension de croissance et de création d'emplois qui a trouvé une première traduction concrète dans le plan d'investissement que j'ai eu l'honneur de présenter devant vous fin novembre.

Sans la volonté, sans l'encouragement du premier ministre italien, la Commission aurait eu du mal à avancer aussi rapidement qu'elle l'a fait en matière de relance de la croissance européenne, qui reste une dimension essentielle des volontés politiques réunies de l'Europe tout entière.

Nous adopterons – et Matteo Renzi vient de le dire – aujourd'hui, cet après-midi en collège, tous les textes légaux qui sont en relation avec la mise en place du Fonds d'investissement. Nous adopterons aujourd'hui une communication de la Commission sur la flexibilité du pacte de stabilité et de croissance, la flexibilité dans le pacte de stabilité et de croissance et non pas à côté et en parallèle. Sur ce point comme sur d'autres, nous devons à l'enthousiasme de la Présidence italienne beaucoup d'éléments inspirateurs de l'action de la Commission européenne.

Pour rendre un long discours plus compréhensible, je voudrais dire ici: "Oui, la Présidence italienne a fait, comme on le dit dans un français quelque peu approximatif, du bon boulot!". La Présidence italienne a été à la hauteur et je veux espérer que le gouvernement italien, lorsqu'il aura quitté la Présidence, se souviendra des inspirations nobles qui ont conduit son action pendant la Présidence et que l'Italie, grâce au génie de son peuple que je ne cesse d'admirer, restera européenne tout comme elle le fut pendant cette Présidence. Viva Italia!

 
  
MPphoto
 

  Manfred Weber, im Namen der PPE-Fraktion. – Herr Präsident, Herr Kommissionspräsident, Herr ausscheidender Ratspräsident, Herr Premierminister, liebe Kolleginnen und Kollegen! Italien ist ein Kernland der Europäischen Union, wirtschaftlich von großer Bedeutung, kulturell von großer Bedeutung, historisch von großer Bedeutung für unser gemeinsames europäisches Haus.

Deswegen, Herr Premierminister, waren auch die Erwartungen vorhanden, die Erwartungen waren groß an die italienische Präsidentschaft, als gestartet worden ist vor einem halben Jahr. Ich möchte zunächst danke sagen, auch im Namen auch der EVP-Fraktion, für die Themen, die geleistet worden sind. Die Ergebnisse, dass wir heute einen stabilen Haushalt für 2015 haben, das ist mit ein Erfolg der italienischen Präsidentschaft. Dafür danke schön – dies signalisiert Stabilität und Stärke.

Die italienische Präsidentschaft hat das Thema Migration auf die Tagesordnung gesetzt. Ich sage danke bei Ihrem Innenminister, Angelino Alfano, der das Thema mit angesprochen hat, es mit auf die Tagesordnung gesetzt hat und damit einen Beitrag geleistet hat, dass wir als Europäer spüren, dass wir in einer gemeinsamen Verantwortung sind. Und wir hatten die großen Themen Flexibilität und Investitionen, die in diesem halben Jahr angesprochen worden sind. Deswegen zunächst einmal danke für die Arbeit, danke auch den Ministern und den Fachleuten für die Gestaltung.

Ich möchte mich zudem bedanken für Ihre Aussagen zum Thema Dimension, die historische und demokratische Dimension des letzten halben Jahres zu erkennen. Ihre klare Aussage, dass wir dem Wähler die Entscheidung gegeben haben, wer Europa führen soll, dass Sie auch als Ratspräsident das in den letzten Monaten unterstützt haben, war ein wichtiges Zeichen. Dass heute Jean-Claude Juncker auf dem Platz sitzt, haben die Wähler entschieden, weil sie die EVP-Fraktion zur größten Fraktion gemacht haben. Diese Grundaussage, dass die Wähler das entscheidende Wort haben – danke dafür, dass Sie das noch einmal unterstrichen haben.

Jetzt für die Zukunft: Die Aufgaben enden natürlich nicht. Auch die Verantwortung Italiens endet nicht. Ich habe über den alten Streit – Flexibilität, Investitionen – gesprochen. Sie sind darauf eingegangen. Sie haben davon gesprochen, dass wir das Europa der Wirtschaft vielleicht nicht mehr als so entscheidend sehen sollen, sondern mehr das Europa der Werte sehen sollen. Ehrlich gesagt geht mir dabei durch den Kopf: Warum müssen wir immer die Konflikte aufbauen im Sinne von Unterschiede aufbauen, das eine tun und das andere nicht so stark tun? Ich glaube, wir sollten uns doch bewusst sein, dass es nur miteinander funktioniert! Wir werden die Werte Europas intern gegenüber dem Bürger nur begründen können, wenn wir auch wirtschaftlich stark bleiben, und vor allem nach außen werden wir sie nur vertreten können, wenn Europa eine starke Wirtschaft bleibt.

Deswegen, glaube ich, sollten wir nicht das Gegeneinander aufbauen, sondern miteinander unterstreichen, was uns wichtig ist. Wenn Sie über den EFSI, den Investitionspakt reden, den Jean-Claude Juncker mit seiner Kommission heute Nachmittag legislativ auf den Weg bringen wird, dann, ja, verweist der zuständige Vizepräsident Katainen immer auf die Investitionsseite, dass wir in Europa mehr investieren müssen. Aber er unterstreicht genauso, dass Teil des Investitionspaketes ist, dass wir Strukturreformen voranbringen und dass wir bei den Zusagen für die Budgets, bei der Stabilität unserer nationalen Haushalte mehr leisten müssen.

Wenn heute Nachmittag Flexibilität beschlossen wird, dann ist es unser gemeinsamer Wunsch klarzustellen, was Flexibilität heißt. Aber, Herr Premierminister Renzi, Sie haben im Europäischen Rat auch beschlossen, dass die Regeln – Sixpack, Twopack – unangetastet bleiben, dass sie so bleiben wie sie sind. Darin steht zum Beispiel, dass die Staaten sich bemühen sollen, bei der Gesamtverschuldung auf 60 % des Bruttoinlandsprodukts zu kommen. Ich glaube, dass beide Seiten richtig sind, dass wir Flexibilität interpretieren – und da hat die Kommission heute Nachmittag eine große Verantwortung, dass man klarstellt, was das bedeutet –, aber dass wir andererseits auch an das erinnern, was im Rat beschlossen worden ist, nämlich die Regeln nicht zu ändern. Mit Werten in Europa hat für mich übrigens auch viel zu tun, dass wir verlässlich sind und das, was wir den Menschen zusagen, auch umsetzen.

Meine sehr verehrten Damen und Herren, die heutige Woche hat einen anderen Ton, weil wir alle von Paris und von den Entwicklungen auf unserem Kontinent tief geprägt sind. Deswegen möchte ich zum Schluss noch einmal das unterstreichen, was uns als Europäer mit verbindet. Die Emotionen, die uns alle prägen, sollten uns nicht davon abhalten, einen guten Weg für unseren Kontinent zu gehen. Ich möchte vor allem deutlich machen, dass das, was das sogenannte Abendland ausmacht, nicht die Ideen sind, die von vielen radikalen Kräften in allen Ländern der Europäischen Union praktiziert werden. Abendland ist Solidarität, Abendland ist Subsidiarität, Abendland ist Aufklärung, d.h. Trennung von Staat und Religion, Glaubensfreiheit. Das sind die Punkte, die das Abendland ausmachen, und für die werden wir auch in Zukunft werben und kämpfen.

(Beifall)

 
  
MPphoto
 

  Gianni Pittella, a nome del gruppo S&D. – Signor Presidente, onorevoli colleghi, gentile Presidente Renzi, in quest'Aula lo scorso 2 luglio, nel discorso d'inaugurazione della Presidenza italiana lo ha ricordato qualche minuto fa, Lei disse che la grande sfida era quella di ritrovare l'anima dell'Unione europea. Domenica eravamo a Parigi, l'anima dell'Europa era lì, tra milioni di persone.

A chi vuole chiuderci in casa, a chi vuole alzare muri, instillare diffidenza, paura, noi abbiamo risposto domenica scendendo in strada, marciando uniti. L'attacco di Parigi non è semplicemente un attacco alla libertà di pensiero, di espressione, è un attacco alla sovranità europea – e sovranità europea significa che un popolo è libero di scegliere come vivere e che nessuno può imporci un modo di vivere che noi non vogliamo.

Attenzione quindi a non cadere nella trappola del terrorismo che vorrebbe trasformare le nostre società in fortezze sotto assedio: dopo l'11 settembre, l'America scelse di costruire più prigioni che college, non commettiamo lo stesso errore in Europa! Gli europei vogliono vivere in una società aperta, in cui libertà e sicurezza stiano assieme. Ritrovare l'anima dell'Europa non è quindi una formula retorica, vuol dire tornare ad occuparsi delle vite reali delle persone, delle loro ansie e delle loro speranze; vuol dire dare ai cittadini una vita libera e dignitosa e la prima libertà è quella dal bisogno. L'austerità cieca e sorda ha aumentato la disoccupazione, la precarietà e la povertà.

La Presidenza italiana ha posto le condizioni per rimettere l'Europa in marcia. A luglio, quando Lei parlò di investimenti da rilanciare, molti sorrisero, Presidente. Questo pomeriggio, come è stato ricordato dal Presidente Juncker e da Lei stesso, la Commissione approverà il regolamento del piano dei 300 miliardi. Abbiamo un piano per la crescita, con i punti di forza e anche con i punti di debolezza, sui quali il mio gruppo è impegnato a intervenire perché siano modificati. Nell'inaugurare il semestre Lei ha parlato anche di flessibilità, anche lì ci fu molta ironia: che è questa flessibilità di cui parla Renzi? Sembrava quasi una battaglia di Don Chisciotte! Renzi Don Chisciotte che viene qui e riesce a sgomitare e a togliere quel rigore con il quale è stato attuato il patto.

Oggi la Commissione presenta ufficialmente la comunicazione sulla flessibilità e io credo che conterrà elementi importanti di cui dobbiamo essere fieri. Grazie anche alla Presidenza italiana, siamo riusciti a fermare l'idea di chi voleva di fatto commissariare gli Stati membri, imponendo sanzioni se questi si fossero rifiutati di implementare le riforme decise da Bruxelles; quella che rischiava di essere una cattiva comunicazione si è trasformata in un ottimo punto di partenza.

Otteniamo una conquista importante, la regola d'oro dell'investimento, sembrava un sogno, una chimera: la regola d'oro sugli investimenti è una battaglia storica del nostro gruppo, il cofinanziamento degli investimenti europei anche di quelli previsti dal piano Juncker sarà scomputato dal patto di stabilità per quei paesi che non superano il limite del 3% del deficit. Anche il cofinanziamento dei Fondi strutturali, anche questo sembrava una chimera, un sogno, ed è un fatto! Un fatto rivoluzionario, certo! Andate a parlare con i cittadini, con le regioni, con gli attori privati, che non possono cofinanziare i Fondi europei. Sì, vogliamo ancora ottenere di più, ma questi sono fatti e risultati importanti. Mi permetta un'ultima citazione, Presidente Schultz, in un racconto di Borges: un bambino chiede a un uomo saggio se è capace di toccare le stelle e l'uomo saggio si china e tocca la terra! Ecco, senza rumore, con coraggio ma con realismo, questa Presidenza ha cominciato a cambiare l'Europa, dobbiamo andare avanti per il cambiamento con Lei, Presidente Renzi!

 
  
MPphoto
 

  Ryszard Antoni Legutko, on behalf of the ECR Group. – Mr President, Prime Minister Renzi, in June you asked how the EU would look if we were to take a selfie. I am just wondering how the Italian Presidency would look today if it were to take a selfie, and my answer is that there would not be much in it – although that is not surprising, because from the very beginning there was going to be a minimalist legislative agenda reflecting the post-election situation. However, your presidency has managed to broker some agreements between Parliament and the Council on legislation, so let me enumerate some of these.

First, money-laundering: the problem here is that the agreement reached on the fourth directive should not only address the burden on innocent people who have been tied up in red tape, but should also indicate how we are to tackle the billions of euros that go towards organised crime and terrorism.

Second, GMOs: this is a highly divisive issue, and the deal we are going to vote on soon reflects the fact that some governments are definitely pro-GMO, while others are more cautious.

Third, the 2015 budget: it is true that you secured agreement on the budget, but that agreement still leaves significant unpaid bills. I think you missed an opportunity to take responsibility for this unsustainable situation.

Fourth, migration in the Mediterranean: I think that is a plus for you.

Fifth, the Trans-Atlantic Trade and Investment Partnership (TTIP) talks. We are pleased that, under the Italian Presidency, the Council declassified negotiating directives and, given last week’s publication of the legal proposals by the Commission, it is fair to say that there is more transparency around the agreement, and people’s fears may be dispelled.

All in all, if I were to give you a grade, I would give you ‘fair’. I do not know if you would be happy with that. Probably not, but it is quite good, so congratulations anyway.

 
  
MPphoto
 

  Guy Verhofstadt, on behalf of the ALDE Group. – Mr President, first of all I would like to say to Mr Renzi that I was pleased with his pro-European intervention, because I am a little anxious about Italy when I see that in the latest opinion polls the three main opposition parties have around 40%. That is normal in a democracy, but these three main opposition parties are now parties against the euro and against more European integration. So my wish for you is that you succeed in your reforms in Italy in order to stop this anti-European movement in your country, because we certainly need Italy at the centre of the European Union.

I would also like to thank Sandro Gozi, who did the concrete work and was the link with Parliament. I remember also the enormous contribution made by Giorgio Napolitano here in this Parliament at the beginning of the year, showing the way for the future. I think when we look at the Italian Presidency, the most important feature of your presidency was to end this discussion, as Mr Weber has indicated, between fiscal discipline on the one side and growth and investment on the other. We need both. I think that can be the conclusion of this whole debate.

But that is only the start of this work, because we now need this Investment Plan. I have to tell you, Mr Renzi, that what we need now – and I hope for your support in the next Council – is for all Member States to enter the guarantee scheme of that Investment Plan. The participation of Member States will not count in the Stability Pact – that is certain, and we have known that from the beginning – so there is no reason why all Member States should not enter the guarantee scheme of the Investment Plan to make it a success. I think that it is absolutely unacceptable that some of the Member States are saying that this is not their business.

Secondly, we need real structural reforms – not only the announcement of structural reforms – in the near future. Finally, we need a package of legislation to open these key markets, but we shall discuss that with the Commission later.

I have only one disappointment with the Italian Presidency, and that is that the Telecoms Package has not been concluded. Let us be honest. We are talking here – everybody is talking – about investment, the digital world, Google… we need to have an answer to that. Are we not capable today, in 2015, of making an agreement with the Member States on the digital market and on the Telecoms Package, getting rid of the roaming charges, installing net neutrality? So that is my only disappointment, but I hope that in the next six months under the new Presidency, the Italians can push forward that absolute need for a digital market.

 
  
MPphoto
 

  Curzio Maltese, a nome del gruppo GUE/NGL. – Signor Presidente, onorevoli colleghi, domenica a Parigi milioni di cittadini hanno fatto finalmente battere il cuore dell'Europa ed è stata una consolazione nel dolore, vedere capi di governo sfilare in piazza, per una volta in nome di grandi valori invece che rinchiusi in vertici fumosi a discutere di decimali del 3%.

Sei mesi fa, Lei ci aveva illuso – una cosa che le riesce bene – spalancando un libro dei sogni con la ricetta magica per riavvicinare i cittadini europei a un'istituzione da Lei definita noiosa. Ha promesso di impegnare ambizione, energia, coraggio – doti che le riconosco – sono rimaste però parole! In sei mesi Lei ha messo molte energie nel cercare piccole scappatoie all'interno di trattati che vanno piuttosto riscritti o rottamati. O qualche pazzo crede davvero che l'Italia, col terzo debito pubblico del mondo, in presenza di recessione e deflazione, potrà mai applicare il fiscal compact? Non ha avuto l'ambizione di rivendicare un ruolo per l'area mediterranea diverso dal destino di periferia dell'Impero! Non ha avuto il coraggio di chiedere la fine dell'austerità che ha distrutto il ceto medio.

È stato un semestre poco europeo e molto italiano, Lei era molto impegnato a illustrare a italiani bizzarri cure omeopatiche come combattere la disoccupazione di massa rendendo più facile i licenziamenti o depenalizzando i reati fiscali per combattere l'evasione fiscale. Sei mesi fa il signor Verhofstadt ha detto che nel rapporto tra Italia e Europa si erano persi dieci anni dietro alle sciocchezze di Berlusconi, con oggi siamo a dieci anni più sei mesi!

 
  
MPphoto
 

  Rebecca Harms, im Namen der Verts/ALE-Fraktion. – Herr Präsident, sehr geehrte Kolleginnen und Kollegen, Herr Präsident Juncker, Herr Ministerpräsident Renzi! Ihre Ratspräsidentschaft war keine einfache, sie spielte in diesen Zeiten des Übergangs. Es wäre falsch gewesen, zu viel zu erwarten.

Ich hätte mich gefreut, wenn Sie etwas offener über die Probleme geredet hätten, die gerade auch in den letzten Tagen wieder zutage getreten sind; wir haben ja gestern sehr gut darüber geredet. Wir müssen alle zusammen den Bürgern Frankreichs dankbar sein, dass sie mit diesem marche républicaine der europäischen Politik quasi eine neue Chance gegeben haben, zwischen den politischen Lagern, aber auch zwischen der Politik und den Bürgern neu über die Werte und die Ziele zu verhandeln, über die wir seit langem reden. Gemessen an den Zielen Ihrer Ratspräsidentschaft ist es wichtig, jetzt neu darüber zu reden, wie aus Misstrauen wieder Vertrauen werden kann, und zwar nicht nur zwischen den verschiedenen Gruppen in unseren Gesellschaften, sondern tatsächlich auch zwischen Bürgern und Politik.

Ich hätte mich gefreut, wenn Sie in diesem Zusammenhang gesagt hätten, wie Sie das eigentlich sehen, was die Innenminister der Europäischen Union als Antworten auf die Herausforderung der Freiheit präsentiert haben. Nachdem ich gesehen habe, wie viele Daten in Frankreich über die Attentäter, die Mörder vorhanden waren, fühle ich mich eher verunsichert, wenn die neue Antwort die alte Antwort ist und mehr Daten angeblich mehr Sicherheit für Europa schaffen sollen. Über Integration, über Bildung, über all das werden und müssen wir reden. Aber auch als Grüne weiß ich, dass diese Sicherheitsherausforderung eine ernste Herausforderung ist. Trotzdem: Die bisherigen Antworten sind überhaupt nicht zufriedenstellend.

Sie hatten Flucht, Asyl, Einwanderung zu einer Priorität der italienischen Ratspräsidentschaft gemacht. Zurzeit würde ich sagen, dass diese Schrottdampfer, diese Schrotttanker, die immer mehr Menschen, verzweifelte Menschen, aus Asien und Afrika nach Europa transportieren, eigentlich das symbolisieren, was wir mit Dublin I, II und III angerichtet haben, und dass sie auch symbolisieren, dass Europa, obwohl wir wirtschaftlich nicht am Ende, sondern einer der reichsten Räume der Welt sind, bis heute nicht in der Lage gewesen ist, ein angemessenes Einwanderungsrecht zu schaffen.

Griechenland und der Euro – ein großes Thema der Verunsicherung. Ja, da ist ein bisschen geschraubt worden an der Euro-Stabilisierungspolitik und der Krisenpolitik. Aber ich will an dieser Stelle für meine Fraktion noch mal sagen, dass ich nicht glaube, dass der Euro stabil werden wird, ohne dass die politische Elite es wagt, an die politische und wirtschaftliche Integration der Europäischen Union zu gehen. Nicht Herr Tsipras ist das Problem in Griechenland oder für Griechenland, das Problem ist, dass wir bisher nicht in der Lage waren, Vertrauen für eine wirtschaftliche und politische Integration der Europäischen Union zu schaffen.

 
  
MPphoto
 

  Marco Zullo, a nome del gruppo EFDD. – Signor Presidente, onorevoli colleghi, Presidente Renzi, sei mesi fa in quest'Aula Lei disse: se l'Europa si facesse un selfie, avrebbe il volto della noia, il volto della stanchezza, il volto della rassegnazione. A noi questa sembra l'esatta descrizione del suo semestre italiano di Presidenza.

Oggi in quest'Aula mi sembra di vedere un prestigiatore che tira fuori il coniglio dal cilindro, qua si spera di stupire tutti estraendo dalla giacca la promessa di un accordo per garantire maggiore flessibilità ai bilanci nazionali, vedremo! Purtroppo, dalle prime indiscrezioni, ci sembra di capire che quest'accordo riguarda appena il minimo di quello che ci si aspettava, ovvero che solo con gli investimenti per cofinanziare opere già individuate e promosse dalla Commissione stessa. Un po' poco rispetto alle premesse di luglio scorso!

Ci lasci dire che questo ennesimo colpo di scena non ci ingannerà più, non riusciremo a distrarci dal fatto che il suo è stato il semestre delle occasioni perdute – e questo lo dico perché quando ci si mette alla guida di un'istituzione così importante, bisogna dare assolutamente il massimo, perché se si traina con forza si porta vantaggio a tutti, altrimenti non facciamo altro che perdere tempo! È stata un'occasione perduta, la nomina della sua pupilla Mogherini ad Alto rappresentante per gli affari esteri, ha insistito per un ruolo di facciata quando avremmo potuto e dovuto chiedere un portafoglio che poteva davvero fare la differenza. Mogherini che, tra l'altro, non ha ancora portato a casa i marò.

È stata un'occasione perduta la crescita dell'occupazione, da Lei tanto sbandierata come priorità del semestre, ma sulla quale invece non è stato in grado di proporre alcuna misura concreta e questo lo vediamo in Italia dove il 43% dei giovani è senza lavoro e la disoccupazione totale ha toccato il 13,4%. È stata un'occasione perduta la tutela delle nostre imprese, le chiedevano a gran voce di trovare finalmente un accordo in Consiglio per difendere il made in, accordo che con una norma questo Parlamento le ha servito su un piatto d'argento, ma Lei ha vergognosamente gettato la spugna.

Sono state occasioni perse: – l'accordo sull'efficienza energetica, siglato al ribasso, svenduto agli interessi di chissà quali poteri forti; – il regolamento sugli OGM che condanna i nostri agricoltori a mettersi nelle mani delle multinazionali del biotech; – le politiche sull'immigrazione, miseramente limitate ad un programma, Triton, la cui dotazione finanziaria è ancora una volta rimessa solo alla buona volontà dei singoli Stati; – la mancata trasparenza sul TTIP, un accordo che rischia di mettere ulteriormente in difficoltà le aziende europee; – il programma sull'agenda digitale che non prevede investimenti concreti per rendere la nostra economia più moderna e competitiva.

Per tornare all'immagine del selfie, a Lei tanto cara Presidente Renzi, mi duole dirle che nonostante lo smagliante sorriso che si ostina a sfoderare in primo piano, dietro noi non possiamo fare altro che vedere le macerie!

 
  
MPphoto
 

  Matteo Salvini (NI). - Signor Presidente, onorevoli colleghi, il semestre non è bocciato dalla Lega Nord, è bocciato da quest'Aula! Io vorrei che per dieci secondi i cittadini in tutt'Europa che ci stanno seguendo via TV e via Web non vedessero la mia bella o brutta faccia, ma grazie alle telecamere inquadrassero quest'Aula, girando: è il nulla, è il deserto, è la degna fine di sei mesi di chiacchiere, neanche gli uomini del partito di Renzi hanno perso qualche minuto del loro tempo per ascoltare il suo nulla, evidentemente quest'Aula deserta è la miglior risposta alle parole al vento di chi ci ha dato 80 pagine sei mesi fa. Abbiamo letto: Europa, un nuovo inizio!

Oggi ci dà altre pagine su quello che è stato fatto, cosa ci rimane in mano? Disoccupazione ai massimi storici; una moneta sbagliata come l'euro che nessuno rimette in discussione; sulla difesa delle imprese: zero; sulla difesa del made in Italy: zero; sulla difesa delle imprese europee dalle invasioni dei prodotti contraffatti dalla Cina: zero; cambiare la direttiva Bolkestein che sta mettendo a rischio migliaia di lavoratori del settore balneare: zero; difesa dell'agricoltura: zero; 4.000 aziende del riso a rischio perché siamo invasi dal riso che arriva dalla Cambogia: zero; aziende di frutta e verdura: zero, preferite fare gli accordi col Marocco, nel nome del dialogo chiudono le aziende e aiutiamo le multinazionali che vanno a investire in Nord Africa, geniale; ci occupiamo di problemi di mezzo mondo e ci sono due soldati europei da anni trattenuti in India, rimandati avanti e indietro: zero; immigrazione, avete cambiato i nomi ma non cambia il senso, potete chiamarlo Mare Nostrum, Triton, Pippo, Pluto o Paperino, è in corso un'invasione senza precedenti che mette a rischio l'incolumità di milioni di cittadini europei, su questo cosa avete fatto?: zero; la Russia, ma in un momento come questo invece di andare in giro a Parigi – giustamente come han fatto tante persone per bene – dialoghiamo con la Russia che deve essere un nemico contro l'estremismo islamico.

Di una cosa sono contento, di questo nulla, a pagina 11 del suo programma c'era l'intento di riavviare i negoziati per far entrare la Turchia in Europa, fortunatamente il suo nulla ci ha evitato anche il riavvio di questi negoziati. Grazie e in bocca al lupo ed evviva alla Lettonia che sicuramente saprà fare qualcosa di più rispetto alla drammatica Presidenza italiana.

 
  
MPphoto
 

  Herbert Reul (PPE). - Meine Herren Präsidenten! Der einzige, der ganz konkrete Ergebnisse von diesem halben Jahr vorgetragen hat, war der Kommissionspräsident. Er hat nämlich davon geredet, dass der Haushalt und dass die Bankenabwicklung konkret zum Ergebnis geführt wurden. Das stimmt. Ansonsten wurde viel über die europäischen Werte und über das Vertrauen der Bürger geredet und dann als Konsequenz, Herr Ratspräsident, gesagt, das Wichtigste wäre, dass man jetzt die ganze Politik umkehren müsse, und das müsse jetzt stattfinden, das würde heute in den Kommissionssitzungen stattfinden.

Ich hoffe, es findet nicht statt. Denn das, was bisher die Politik war, war doch eine Politik von Verlässlichkeit, von Stabilität und von Wachstum! Das war doch der Versuch, auch über gegebene Worte und gegebene Verabredungen, die wir gemeinsam getroffen haben – Sixpack, Twopacks – Schritt für Schritt voranzukommen. Wir sind da auch Schritt für Schritt vorangekommen, wenn ich das richtig sehe, wenn ich mir Spanien angucke, wenn ich mir Irland angucke. Es ist doch in vielen Staaten vorangekommen. In einigen ist es nicht so gut vorangekommen, das stimmt.

Aber da muss man doch die Frage stellen, woran das liegt. Ist die Antwort, dass man jetzt einfach alles über Bord wirft, dass man jetzt Investitionen anrechnen lässt, Stabilitätskriterien locker macht, dass man nur noch davon lebt, dass man Strukturreformen versprechen muss, sie aber gar nicht einhalten muss? Ich glaube nicht.

Das Vertrauen der Menschen wird davon abhängen, ob wir Ergebnisse liefern, ob wir Fortschritte liefern, ob die Menschen spüren, dass es wirklich vorangeht, dass wir Wachstum hinkriegen. Das hängt nicht von mehr Geld ab, das hängt auch nicht von mehr Programmen ab, sondern das hängt von Verlässlichkeit ab. Dazu gehört auch, dass das, was man einmal beschlossen hat, auch eingehalten wird. Das würde ich mir wünschen von der Kommission, vom Parlament und vom Rat und übrigens auch von den Mitgliedstaaten.

(Der Redner ist damit einverstanden, eine Frage nach dem Verfahren der „blauen Karte“ gemäß Artikel 162 Absatz 8 der Geschäftsordnung zu beantworten.)

 
  
  

PRESIDENZA DELL'ON. ANTONIO TAJANI
Vicepresidente

 
  
MPphoto
 

  Bill Etheridge (EFDD), blue-card question. – I wonder: would you agree with me that what we have seen from Mr Renzi today is a virtuoso performance with absolutely wild ideas and arrogance beyond words when describing the people who oppose him? Or maybe you agree with him that people like me – who are just poor brutes and who do not have the opportunity to have a democratic point of view – should maybe be quiet in the face of such civilised and learned people and not bother representing the people who voted for us?

 
  
MPphoto
 

  Herbert Reul (PPE), Antwort auf eine Frage nach dem Verfahren der „blauen Karte“. – Herr Kollege! Ich finde, diese Präsidentschaft hat ein paar Ergebnisse gebracht, die sind vorgetragen worden. Dann hat der Ratspräsident politische Forderungen vorgeschlagen, dass hier alles umgekehrt werden muss. Das teile ich überhaupt nicht. Das habe ich genauso präzise und klar gesagt. Das ist der Unterschied. Daraus würde ich aber nie eine allgemeine Beschimpfung von Politik und Politikern ableiten. Das bringt nämlich überhaupt nichts. Damit kommt man auch keinen Schritt vorwärts.

 
  
MPphoto
 

  Elisa Ferreira (S&D). - Senhor Presidente Juncker, Senhor Primeiro-Ministro Renzi, a Presidência italiana será lembrada por uma série de iniciativas, nomeadamente no que diz respeito ao fundo de resolução bancária ou ao branqueamento de capitais, mas será sobretudo lembrada por ter tido a coragem e a inteligência para colocar na agenda política algumas das questões essenciais para a sobrevivência do euro e do projeto europeu.

A conciliação entre a disciplina das contas públicas e a sobrevivência da economia e do emprego ou a necessidade de não matar o investimento estratégico só porque é preciso conter a despesa pública podem parecer assuntos triviais e, no entanto, não o são.

A Presidência italiana trouxe estes temas seriamente como temas de discussão das políticas fundamentais da Europa. A Comissão Europeia é nova, mudou, o Parlamento mudou, a Europa continua, no entanto, mergulhada na estagnação com riscos de deflação, com um desemprego assustador e com a perda de confiança dos cidadãos no projeto europeu.

É verdade, a Presidência italiana não trouxe ainda o choque de energia e vitalidade de que a Europa necessita urgentemente, mas talvez isso fosse impossível. Mas depois de anos de dogmatismo, de austeridade cega e empobrecedora e sem esperança, a nova Comissão Juncker e a Presidência italiana começaram a abrir os temas que interessam e a apontar na direção certa. Nada fica concluído, mas abriram-se as portas para o trabalho que temos de fazer, certamente a nível de cada país, mas certamente também a nível coletivo, agora que estão evidentes os limites e as lacunas da arquitetura europeia e, sobretudo, da moeda única.

A reflexão tem de continuar. Eu faço votos para que a Presidência letã não perca o momento, mas faço votos também de que a Itália, uma vez no Conselho, não perca o rumo. A Europa precisa da Itália, os cidadãos representados aqui nesta Casa precisam de reencontrar a esperança e de reencontrar sobretudo a alma da Europa. Obrigada à Presidência italiana e abre-se uma luz de esperança na nossa frente.

 
  
MPphoto
 

  Ivan Jakovčić (ALDE). - Gospodine predsjedniče, želim najprije čestitati Italiji na predsjedanju Europskim vijećem i želim iskoristiti ovu priliku, poštovani premijeru Renzi, da se zahvalim i na tome što je napokon lansirana Jadransko-jonska strategija Europske unije u uvjerenju da će zemlje koje su obuhvaćene ovom strategijom imati novu priliku. Četiri zemlje članice Europske unije, Italija, Hrvatska, Slovenija i Grčka, i četiri zemlje nečlanice, koje su sastavni dio ove Jadransko-jonske strategije, imaju razloga očekivati mnogo.

Ja vas pozivam, gospodine premijeru, da Italija, u ovih narednih godina stvaranja ove strategije, zaista ostane vjerna toj strategiji jer će biti vrlo teško bez snažnog uključivanja vaše države da ta strategija zaista i zaživi. Velika su očekivanja na Balkanu, na često nemirnom Balkanu, vezano za ovu strategiju i očekujem vaše aktivno sudjelovanje u realizaciji strategije.

 
  
MPphoto
 

  Eleonora Forenza (GUE/NGL). - Signor Presidente, onorevoli colleghi, io proporrei di abbandonare la metafora del selfie, si rischierebbe di vedere molto fumo della retorica dietro questo selfie e magari in controluce la scritta: lasciate ogni speranza o voi che entrate. Propongo di abbandonare questo gesto narcisistico e guardare negli occhi la generazione che è stata chiamata Erasmus, che è stata chiamata Telemaco e che si scoprirebbe essere la generazione con la disoccupazione giovanile più alta che l'Europa ricordi.

Voglio smontare una per una le parole che qui ho sentito nominare:

– crescita; crescita sarebbe il piano Juncker?

– flessibilità; flessibilità sarebbe il rispetto di tutti i trattati e i patti di stabilità come veniva ricordato in quest'Aula? Oppure la sottrazione di democrazia del TTIP? Oppure l'EXPO in cui lavoreranno migliaia di giovani senza retribuzione?

Credo che la speranza per l'Europa venga dalle migliaia di persone che hanno manifestato in Italia contro un ulteriore processo di precarizzazione, con lo sciopero sociale, con lo sciopero generale e venga dalla Grecia. Non si può parlare di Europa, ipotizzando che la Grecia venga espulsa dal nostro continente. Crediamo che in Grecia con la vittoria di Alexis Tsipras si possa riaprire la speranza di un'altra Europa possibile.

 
  
MPphoto
 

  Alain Lamassoure (PPE). - Monsieur le Président, Monsieur le Président du Conseil, en tant que Français, je voudrais vous remercier pour votre participation à la manifestation historique de Paris et pour les paroles sensibles et justes qu'elle vous a inspirées. Je voudrais également remercier Jean-Claude Juncker pour les mots sortis du plus profond de son cœur.

Monsieur le Président du Conseil, nous vous rejoignons quand vous dites, que pendant cette période de six mois, ce que vous avez fait de plus utile pour l'Europe, ce sont finalement les réformes réalisées en Italie même. D'autres gouvernements, dont celui de mon pays, pourraient s'inspirer de votre courage.

Le bilan européen proprement dit n'est pas tout à fait au niveau des ambitions verbales qui avaient été affichées à l'origine. J'évoquerai simplement deux résultats ambigus.

Premièrement, le budget. Oui, l'Union a un budget en 2015, mais l'arriéré des 25 milliards de factures non payées empêchera la Commission européenne de lancer toute nouvelle politique cette année.

Deuxièmement, le contrôle maritime en Méditerranée. Nous saluons la performance et le courage de la marine italienne avec l'opération Mare Nostrum. Triton lui a succédé, mais n'a pas d'argent et risque d'être moins efficace pour sauver les naufragés et maîtriser la pression migratoire.

Dans les deux cas, les problèmes de fond ont simplement été renvoyés à plus tard.

(L'orateur accepte de répondre à deux questions "carton bleu" (article 162, paragraphe 8, du règlement))

 
  
MPphoto
 

  David Coburn (EFDD), blue-card question. – Do you not agree with me, Mr Renzi, that the Italian Presidency will be remembered only for two things: the collapse of the euro and the potential exit of Greece and Italy and, of course, the LuxLeaks scandal, which has been dogging this presidency?

 
  
MPphoto
 

  Giulia Moi (EFDD), Domanda "cartellino blu". – Signor Presidente, onorevoli colleghi, ha detto che la Presidenza italiana l'ha ispirata, io vorrei sapere se l'ha ispirata anche per quanto riguarda le truffe e le ruberie che stanno venendo a galla, che la nostra classe politica ha portato avanti in tutti questi anni. L'EXPO a Milano, c'è la mafia, ci sono infiltrazioni di 'ndrangheta e per anni non hanno fatto niente e hanno nascosto tutto; il MOSE a Venezia, hanno rubato fondi pubblici per miliardi e non hanno mai detto nulla e sono tutti corrotti e nessuno è colpevole e tutti hanno patteggiato; a Roma, c'è la mafia capitale e tutto questo l'ha ispirata? Complimenti!

 
  
MPphoto
 

  Alain Lamassoure (PPE), réponse "carton bleu". – Je dirai aux deux intervenants qu'à la différence d'eux, je ne suis pas un fédéraliste européen. Par conséquent, je considère que ce qui a pu se passer en Grèce, au Luxembourg et dans d'autres pays européens pendant ces six mois ne dépendait pas de l'Union européenne ou de la Présidence italienne, mais de chacun des pays concernés.

De la même manière, je dirai que les reproches qui peuvent éventuellement être faits à la politique italienne ne doivent pas être adressés au Parlement européen, mais au premier ministre italien ici présent.

 
  
MPphoto
 

  Roberto Gualtieri (S&D). - Signor Presidente, onorevoli colleghi, credo che le parole con cui il Presidente Juncker ha oggi riconosciuto che le due importanti decisioni che il Collegio dei Commissari si accinge a varare, cioè il regolamento sul piano di investimenti e la comunicazione sulla flessibilità, sono state ispirate dalla Presidenza italiana, dovrebbero chiudere il dibattito sui risultati di questa Presidenza che solo vedo un'inguaribile provincialismo fazioso un po' autolesionista si ostina invece ad alimentare in Italia e in parte anche in quest'Aula.

Sono risultati concreti, di grande rilievo, che vanno ben oltre i tradizionali compiti di una Presidenza semestrale, sono risultati importanti nel merito. Comprendo il nervosismo del collega Weber, ma la comunicazione dimostrerà in modo inequivocabile che le regole contengono la flessibilità e il problema è che negli anni precedenti queste regole, cioè la flessibilità nelle regole, non sono state applicate con grandi danni non per le regole stesse, ma per l'economia del nostro continente. Sono risultati importanti soprattutto per il metodo, questa Presidenza ha insistito, ha investito sulla nascente dimensione politico parlamentare dell'Europa e se le strade e le piazze di Parigi ci hanno dimostrato che l'Europa non è solo procedura, credo che questa scommessa di una nascente Europa politica costituisca il lascito principale e più duraturo della Presidenza italiana.

(L'oratore accetta di rispondere a una domanda "cartellino blu" (articolo 149, paragrafo 8, del regolamento)).

 
  
MPphoto
 

  Mara Bizzotto (NI), Domanda "cartellino blu". – Signor Presidente, onorevoli colleghi, Lei parla di risultati concreti, io so che in Italia il debito pubblico è aumentato, la disoccupazione è aumentata, le imprese che chiudono sono aumentate. Lei li ha letti questi dati? Lei parla con i cittadini, con gli imprenditori? Perché quest'ottimismo che Lei e il nostro primo ministro Renzi esprime non si percepisce in Italia! La situazione sta solo peggiorando, quindi basta con queste annunciazioni e queste belle parole, perché in concreto i problemi ci sono e sono aumentati in questo semestre europeo.

 
  
MPphoto
 

  Roberto Gualtieri (S&D), Risposta a una domanda "cartellino blu". – Signor Presidente, onorevoli colleghi, vedo che siamo in pieno dibattito nazionale, comunque l'economia italiana versa in una situazione preoccupante anche per effetto di scelte sbagliate compiute per molti anni, comprese quelle compiute dai governi ai quali Lei e il suo partito per molti anni hanno dato la fiducia. In questo semestre sono state per la prima volta poste le basi per un cambiamento di rotta della politica europea.

Certo aspettarsi che una comunicazione approvata alle ore 13.00 abbia retrospettivamente i suoi risultati forse è un po' troppo per qualsiasi Presidenza, anche penso Superman non riuscirebbe a fare questo. Credo che con i risultati che oggi – con tutti i loro limiti – il Collegio dei Commissari varerà, noi poniamo le basi concretamente per un cambio di indirizzo della politica europea e questo è un fatto che non può non essere riconosciuto ed è uno straordinario successo politico.

 
  
MPphoto
 

  Fredrick Federley (ALDE). - Mr President, I must also thank Mr Renzi for what he has been able to achieve during the last six months. Mr Renzi, you came along with an ambitious agenda at a time when the financial crisis was still hitting hard on all of the Western world. You also came at a time when we have a new Parliament, when we have a new Commission. I would like to stake out two points where I actually feel that we – and especially the Presidency – could have done much more.


The first one is the digital single market, which my leader, Guy Verhofstadt, also mentioned. But the second one is maybe the biggest task that we have to address for the future, and that is the climate goals, where the Council actually lowered the ambitions which were set high by this House. I do hope that slowing down on the Green path for the future does not mean that we lose investments and pace for the future, because that task is something we have to keep up during the whole legislature to be able to tackle the tasks that we have to address in the future for business and especially for the citizens of Europe.

(The speaker agreed to take a blue-card question under Rule 162(8))

 
  
MPphoto
 

  Maria Grapini (S&D), Întrebare adresată conform procedurii „cartonaşului albastru”. – Ați subliniat foarte bine. Ați spus că dumneavoastră constatați că Comisia Europeană a scăzut anumite pretenții, v-ați legat doar de mediu - personal, cred că și alte pretenții pe care noi, ca Parlament, le-am susținut. Sunteți dispus să susțineți o rezoluție a grupului nostru pentru îmbunătățirea programului Comisiei?

 
  
MPphoto
 

  Fredrick Federley (ALDE), blue-card answer. – I am always in favour of taking steps forward when it comes to Green policies, because I am among those in this House who believe that the future lies on the Green path, which is beneficial for our industries and economies, as well as for jobs. However, we are not speaking about the Commission’s working programme at the moment; we are reviewing the Italian Presidency.

I think more could have been done, but actually much was also achieved if we take the circumstances into account: a new Parliament, a new Commission and also the devastating effects of the financial crisis that we are in. But that does not mean that we have an excuse not to do the right things on the Green path.

 
  
MPphoto
 

  Elisabetta Gardini (PPE). - Signor Presidente, onorevoli colleghi, devo dire che è evidente sotto gli occhi di tutti che nonostante la buona volontà che ci stiamo mettendo, caro Presidente, non c'è un grande entusiasmo, ci saremmo aspettati qualcosa di più concreto. Dopo tanti anni che si sta in Europa anche noi italiani abbiamo preso una buona abitudine di diventare concreti, perché qui siamo abituati a entrare nel merito e, allora, se abbiamo in qualche modo aperto un credito nel discorso di apertura, quando Lei con tantissime belle parole ci ha comunque trasportato verso l'Europa futura e futuribile, oggi questo slancio che Lei continua ad avere verso l'Europa che si ostina a declinare al futuro, è un pochino fuori tema.

Noi oggi qui siamo per fare un bilancio, quindi sicuramente ci sarà tutto in quelle carte, ma forse era più utile poterle aprire le carte qui in questo momento per avere un po' di dibattito tra di noi. Non è che abbiamo tantissime occasioni e questa del semestre italiano oggi si chiude e il bilancio non è dei più entusiasmanti. Ci saremmo aspettati ripeto qualcosa di più concreto, qualcosa di più concreto sui file che sono rimasti lì interrotti, sui quali noi continueremo a lavorare alacremente convinti che siano cose importanti per i nostri concittadini, ma ci saremmo aspettati qualcosa di più sull'economia e sullo sviluppo.

Lei ha accennato al made in, ha accennato a tante cose che non sono state concretizzate ma soprattutto non ha detto nulla e non ha dato qualche indirizzo su come gestire le emergenze di queste ultime ore della missione Tritone, nulla sull'atteggiamento che l'Europa dovrebbe avere verso l'ISIS che è diventato esempio e ricovero per tutti i terroristi islamici di tutto il mondo.

Neppure l'auspicio che le spese per la sicurezza vengano scorporate dal patto di stabilità, questa potrebbe essere una cosa che si potrebbe fare credo in poche ore. Dal Telemaco con cui avevamo cominciato a fare il viaggio sei mesi fa, penso che ci sia rimasta l'immagine di quel ragazzo un po' spaesato che vedeva la mamma tessere e disfare con lo sguardo puntato verso l'orizzonte aspettando nuove che tardavano tanti anni ad arrivare. Speriamo di fare meglio nei prossimi sei mesi!

(L'oratrice accetta di rispondere a una domanda "cartellino blu" (articolo 162, paragrafo 8, del regolamento))

 
  
MPphoto
 

  Mercedes Bresso (S&D), Domanda "cartellino blu". – Signor Presidente, onorevoli colleghi, volevo chiedere all'on. Gardini: noi qui non facciamo che dire che il nostro obiettivo principale è far tornare l'Europa alla crescita e la crescita sono investimenti. Ora, sono due risultati – quello non solo del piano Juncker, ma della possibilità attraverso la Goldenrule di poter attivare investimenti direttamente e indirettamente anche degli Stati – assolutamente essenziali. Non crede che questi siano risultati concreti? Gli altri ne hanno già citati altri e non ho tempo di farlo io, ma questi mi sembrano molto concreti e soprattutto nella linea assoluta di quello che noi in questi brevi mesi abbiamo chiesto, ma che Lei sicuramente ha chiesto in passato inutilmente.

 
  
MPphoto
 

  Elisabetta Gardini (PPE), Risposta a una domanda "cartellino blu". – Signor Presidente, onorevoli colleghi, credo che su questo troviamo una linea comune non credo che sia una cosa astrusa. Mi fa piacere che la Presidenza italiana – come ha detto prima il Presidente Junker – abbia collaborato e non ostacolato ma aiutato su questa strada ma era una strada che era già stata intrapresa per esempio per quanto riguarda il PPE, ancora nella primavera scorsa molto prima del semestre italiano, nel nostro congresso di Dublino. Di concreto, voglio dire, anche per come verrà declinato questo discorso in Italia non abbiamo saputo nulla. Va benissimo, ma ne ha parlato il Presidente non ne ha parlato il Presidente del Consiglio.

 
  
MPphoto
 

  Jörg Leichtfried (S&D). - Herr Präsident, Herr Premierminister! Sie sind in einer bewegten Zeit Ratsvorsitzender geworden. Es hat im wahrsten Sinne des Wortes der Wind geweht, und wenn der Wind weht – das weiß ich als Segler – dann gibt es immer zwei Arten von Leuten: Die einen ziehen sich in die heimischen Mauern zurück und die anderen setzen Segel und versuchen, irgendwohin zu kommen. Ich habe das Gefühl, Sie haben versucht, Segel zu setzen. Aber dieser Tanker Europäische Union ist halt trotzdem auch bei gutem Wind schwer zu steuern und darum geht auch nicht alles immer so, wie man will, und es erfordert vor allem harte Arbeit.

Diese harte Arbeit habe ich von der italienischen Ratspräsidentschaft erfahren. Ich war Chefverhandler für die sogenannten Gigaliner, diese Riesentrucks, die manche durch Europa fahren lassen wollen. Es ist mit harter Arbeit gelungen, ein vernünftiges Paket, eine vernünftige Lösung zu schaffen, womit jetzt alle zufrieden sind. Das ist gut so, das zeichnet Ihre Präsidentschaft aus, und da verstehe ich die Kolleginnen und Kollegen nicht, die sich an dieser Arbeit überhaupt nicht beteiligen, die immer gegen alles sind, die hier rechts hinten oben sitzen und Ihnen dann vorwerfen, dass nichts weitergeht. Kolleginnen und Kollegen, das ist einfach nur scheinheilig.

 
  
MPphoto
 

  Cecilia Wikström (ALDE). - Herr talman, kommissionsordförande Juncker, premiärminister Renzi! Jag skulle vilja ta tillfället i akt att tacka det italienska ordförandenskapet för ett mycket gott arbete på område efter område.

Efter de senaste dagarnas händelser i Frankrike känns det dock nästan lite futtigt att diskutera små saker som till exempel varumärkesregler, men kanske det är det som är styrkan i vår union – att vi samtidigt klarar att hantera stora viktiga frågor och lite mindre.

Som föredragande för reformen av de europeiska varumärkena har jag haft förmånen att arbeta med mycket skickliga diplomater och experter. Tack vare de stora framsteg som vi gjort, är jag övertygad om att vi snart kommer att lösa denna fråga.

Medborgarnas Europa förstärktes i sorgen som manifesterades av tre och en halv miljoner medborgare under helgen. De förväntar sig av oss att vi nu försvarar öppenhet – det öppna Europa där grundläggande rättigheter är en hörnsten. Därför är det nu så viktigt att det är detta vi slår fast och verkar för i allt vi gör.

 
  
MPphoto
 

  Luis de Grandes Pascual (PPE). - Señor Presidente, yo me uno sin problemas a los que han hecho elogios del éxito de la Presidencia italiana el día que rinde cuentas de su mandato. Creo que, en el ámbito económico, se puede decir que lo han hecho bastante satisfactoriamente y que ha habido datos y conductas que han permitido la reactivación y el crecimiento, y esa recuperación ya se percibe como sólida. Y en este punto, permítame, señor Presidente, que cite a España.

Además, ha sido en este tiempo en el que se ha establecido el plan Juncker, esperanza y eje central del futuro. En el ámbito de los transportes, quiero citar que se ha dado una solución y se ha alcanzado un buen acuerdo sobre el cielo único europeo. En política exterior, hay que destacar el lugar que sigue y seguirá ocupando la crisis ucraniana. Y los ataques terroristas de estos días nos demuestran que es necesario fortalecer el espacio de libertad, seguridad y justicia.

En concreto, consideramos que resulta prioritaria la puesta en marcha del registro de pasajeros PNR. Y queremos decir con toda solemnidad: para garantizar las libertades es inexcusable que se refuerce el papel de la seguridad. La seguridad no es un derecho fundamental, pero sí es un bien jurídico que resulta esencial para preservar la garantía y el ejercicio de las libertades.

 
  
MPphoto
 

  Olga Sehnalová (S&D). - Pane předsedající, Itálie se ujala předsednictví v období obměny evropských institucí. Během posledních šesti měsíců byl ustaven nový Parlament, zvolena nová Komise, nastoupili vedoucí představitelé Evropské unie. Předsednictví se s nelehkým přechodem mezi dvěma legislativními cykly vypořádalo důstojně, ať už prací v rámci vlastních priorit, ale také pokračováním v práci nedokončené.

Jako zpravodajka legislativního návrhu na zavedení veřejného systému tísňového volání eCall jsem měla příležitost osobně spolupracovat se zástupci italského předsednictví. Byla to spolupráce konstruktivní. Díky intenzivnímu nasazení italských kolegů se podařilo dosáhnout shody mezi členskými státy i Parlamentem. Výsledkem je podpora návrhu, který má pozitivní dopad na každodenní život občanů a přispěje k posílení bezpečnosti na evropských silnicích.

Proto bych chtěla využít této příležitosti, abych Vám, pane premiére, i Vašim kolegům upřímně za Vaši práci poděkovala.

 
  
MPphoto
 

  Mariya Gabriel (PPE). - Monsieur le Président, Monsieur le Premier ministre, Monsieur le Président de la Commission européenne, à l'issue de cette Présidence, je crois que nous pouvons vous féliciter d'une transition institutionnelle réussie entre deux Commissions d'une envergure démocratique différente. Mais cette transition a accru votre responsabilité politique. C'est pourquoi j'aimerais revenir sur quatre priorités.

Tout d'abord, je tiens à saluer l'adoption des conclusions sur la gestion des flux migratoires et le lancement du processus de Khartoum avec les pays de la Corne de l'Afrique. On peut ainsi constater une plus grande synergie entre la politique de migration et les politiques extérieures. C'est la direction à prendre pour instaurer une véritable diplomatie en matière de migration.

Néanmoins, je reste beaucoup plus réservée en ce qui concerne l'opération Triton et ses moyens pour atteindre l'objectif d'une politique solidaire et efficace. S'agissant de l'espace de liberté, de sécurité et de justice, je constate que les portes de l'espace Schengen sont encore restées fermées pour la Bulgarie et la Roumanie, malgré le respect des critères techniques. Le blocage politique ne doit plus durer.

Troisièmement, nous avons vu ce qui s'est passé avec South Stream. La politique de l'énergie doit être conçue aujourd'hui comme un instrument d'intégration régionale qui permettra aux États membres – dont la Bulgarie – de continuer à soutenir le projet européen tout en ouvrant les perspectives de bénéfices mutuels avec les pays du Sud et de l'Est de la Méditerranée. Je félicite à ce propos la Présidence italienne pour la conférence interministérielle tenue à Rome en novembre dernier avec les pays Euromed.

Enfin, je regrette que cette Présidence n'ait pas permis d'avancer sur le seul dossier législatif crédible en matière d'égalité hommes-femmes: la directive sur l'équilibre hommes-femmes parmi les administrateurs des sociétés. C'est une occasion manquée et j'espère qu'à l'avenir, cela ne sera plus le cas.

 
  
MPphoto
 

  Marc Tarabella (S&D). - Monsieur le Président, Monsieur le Président Renzi, comme l'a souligné le président Juncker, vous avez pu obtenir un accord sur les budgets 2014 et 2015. On a pu également souligner votre volonté de mettre en avant la relance et la croissance. Mais votre Présidence aurait pu être meilleure si vous n'aviez pas cumulé deux handicaps de calendrier.

Le premier, on le vit tous les cinq ans. C'est celui du renouvellement des institutions: l'installation du Parlement le 1er juillet, au début de votre Présidence, puis l'installation de la Commission, présidée par M. Juncker, le 1er novembre. Il est normal que la production législative en ait souffert.

Le deuxième handicap, c'est celui vécu par toutes les présidences de second semestre, qui commencent à travailler lorsque, tout doucement, on entre en été, avec deux mois qui ne sont pas deux mois d'arrêt de travail – en tout cas, le mois de juillet a une continuité –, mais qui sont un handicap. Aussi ma proposition est la suivante: ne pourrait-on pas réfléchir à faire commencer les présidences semestrielles le 1er février et le 1er août, de manière à mieux répartir les deux mois d'été qui sont nécessairement moins productifs?

 
  
MPphoto
 

  Massimiliano Salini (PPE). - Signor Presidente, onorevoli colleghi, io sono parlamentare per la prima volta e ascoltando questo dibattito ho avuto la sensazione che molte delle cose che sono state dette dopo il suo intervento sarebbero state dette comunque. Qualunque cosa avesse fatto durante la Presidenza italiana e questo a me dispiace perché rende il dibattito un po' deprimente e toglie efficacia anche ad alcune legittime critiche che potrebbero arricchire il nostro lavoro.

Io sono tra quelli che ritengono che la presenza di un piano di investimenti da più di 300 miliardi di euro sia un fatto e un fatto positivo, sarebbe stato peggio non averlo. Quindi parto da questo, molto umilmente. Mi metto nella disponibilità di fare anche alcuni ragionamenti di merito, quel piano è un piano che ha caratteristiche buone ma anche coni d'ombra, la leva finanziaria dall'1 al 20 è impegnativa. Ad esempio toglie diritto di ingresso in questo piano a molti investimenti che invece sarebbero strategici, ma che hanno poca capacità di generare profitto, faccio l'esempio degli investimenti in ambito ferroviario.

Gente che ha voglia di lavorare sul concreto dei problemi, gente che ha voglia di andare fino in fondo in questo grande tentativo, in questa grande avventura di costruire un'Europa che non sia l'oggetto di un dibattito o di un convegno, ma sia un luogo dove crescere e far famiglia e fare impresa, c'è. Io le assicuro che c'è. Tante volte è vero, quest'Aula è vuota, purtroppo spesso quelli che accusano quest'Aula di essere vuota qua non ci sono, però quello che io dico è che quelli che ci sono hanno voglia di lavorare e di studiare, sapendo che la nostra proposta è una proposta che ha radici chiare e le ripeto ancora una volta: sono radici giudaico cristiane che in questo momento sappiamo sono state messe sotto attacco. Non aspettiamo altri segnali!

(L'oratore accetta di rispondere a una domanda "cartellino blu" (articolo 162, paragrafo 8, del regolamento))

 
  
MPphoto
 

  Marco Valli (EFDD), Domanda "cartellino blu". – Signor Presidente, onorevoli colleghi, grazie per avermi dato la parola dopo il terzo cartellino blu che non ascoltava e che non ha visto, forse. Volevo chiederle, Salini, visto che Lei è nuovo però siede in un partito qua al Parlamento europeo che sostiene fortemente il patto di stabilità e crescita se quanto non raggiunto dal Presidente Renzi in questo semestre per modificare il patto di stabilità e crescita e poi il fiscal compact sarà poi sostenibile per gli italiani dal punto di vista fiscale? Questa è la mia domanda: voglio sapere se per Lei questo è sostenibile, perché gli italiani devono sapere che si impoveriranno nei prossimi anni.

 
  
MPphoto
 

  Massimiliano Salini (PPE), Risposta a una domanda "cartellino blu". – Signor Presidente, onorevoli colleghi, io sono convinto di una cosa, ho fatto anche l'amministratore locale, ho fatto il presidente della provincia e quindi il patto di stabilità l'ho vissuto sulla mia pelle. Non è vero che il patto di stabilità ci impedisce di esistere, impedisce di esistere a chi non ha proposte alternative per amministrare la cosa pubblica. Noi – e oggi pomeriggio sulla revisione del regolamento sul piano lo discuteremo – abbiamo chiesto non di evitarlo, il patto di stabilità, ma di rivederlo, di riconcepirlo, quindi le sue preoccupazioni sono anche le nostre ma con quid pluris "qualche proposta concreta".

 
  
MPphoto
 

  Nicola Danti (S&D). - Signor Presidente, onorevoli colleghi, signor Presidente del Consiglio, Presidente Juncker, il semestre di Presidenza italiana appena concluso ha segnato una prima svolta nelle priorità politiche dell'Europa. Se i temi di una flessibilità intelligente, degli investimenti e delle politiche di crescita sono prepotentemente entrati all'ordine del giorno dell'agenda politica europea, se nel Mediterraneo, assieme alle navi italiane oggi incrociano quelle di altri paesi europei, tutto ciò si deve sì al mutato quadro politico uscito dalle elezioni di maggio, ma soprattutto a una decisa azione della Presidenza italiana.

Tutti insieme dovremmo trasformare questa svolta politica in una fase costituente che ci consegni un'Unione più autorevole nel mondo, più attenta alle priorità sociali e a una crescita basata sull'economia reale. I fatti di questi giorni ci hanno dimostrato una volta di più come soltanto con più Europa potremo affrontare le sfide dei prossimi anni. Vorremmo signor Presidente che l'immagine che domenica tutti noi abbiamo visto, quella dei leader europei che marciano uniti, si traducesse oggi in un'azione politica. Citando Altiero Spinelli: la via da percorrere non è facile né sicura, ma deve essere percorsa!

 
  
MPphoto
 

  Boris Zala (S&D). - Mr President, colleagues, when assessing the Italian Presidency, we must not forget that the past six months were probably the most challenging from the perspective of foreign policy: from the Russian aggression in Ukraine to the rise of Islamic State (ISIS) in Iraq and Syria, which have fundamentally altered Europe’s strategic environment. Under Italy’s stewardship the EU responded well enough. We came together to agree on a robust sanctions package in response to Russia’s blatant violation of international law, and this in itself counts as a historic achievement for our common foreign policy.

In the southern neighbourhood, several EU Member States, including Italy, joined the international coalition against ISIS which halted its military advance and forced it to retreat. Italy also steered the EU’s response to the immigration crisis in the Mediterranean Sea – the Triton operation. For the moment, we should take some comfort from the fact that, in both the southern and eastern neighbourhoods, things look a little more stable than they did in the summer. We have averted the worst-case scenarios, and for that the Italian Presidency deserves credit.

 
  
 

Interventi su richiesta

 
  
MPphoto
 

  Marek Jurek (ECR). - Panie Przewodniczący! Od wczoraj usłyszeliśmy na tej sali (również w czasie dzisiejszej debaty) bardzo wiele pięknych słów na temat solidarności europejskiej, ale wtedy, kiedy nasi rolnicy potrzebowali solidarności, kiedy zostali dotknięci embargiem rosyjskim, nasza solidarność okazała się – mierząc skalą pomocy –dziesięcioprocentowa. Właśnie w takich sytuacjach, kiedy państwa, które przeciwstawiają się bezpieczeństwu naszych państw, próbują sondować naszą odporność, naszą solidarność w sposób najbardziej pokojowy, powinniśmy pokazywać, że jesteśmy przygotowani do podjęcia takich wyzwań. Dlatego w przyszłości, bilansując to półrocze, powinniśmy działać tak, żebyśmy byli gotowi okazywać zdolność do pomocy bezpieczeństwu naszych narodów, interesom naszych obywateli, a także lojalność wobec naszych przyjaciół.

 
  
MPphoto
 

  Silvia Costa (S&D). - Signor Presidente, onorevoli colleghi, Presidente Renzi, credo che la Presidenza italiana abbia avuto un ruolo fondamentale e politico nell'anno di cambio legislatura e della revisione anche della strategia Europa 2020, ossia di mettere al centro della nostra attenzione e del nostro lavoro una politica per gli investimenti che il Presidente Juncker ha riconfermato come componenti ispirate e non solo accompagnate dalla Presidenza italiana; inoltre l'ampliamento dell'interpretazione della flessibilità, ma vorrei aggiungere anche il triangolo importante: Ricerca, Educazione, Cultura e Audiovisivo. Questo è un tema che so molto a cuore del Presidente e devo riconoscere che abbiamo fatto un ottimo lavoro, lo dico anche da presidente della commissione per la cultura, con la Presidenza italiana, con il ministro della cultura, della gioventù, dello sport perché su questi temi c'è stato un grande lavoro.

Vorrei ricordare, da questo punto di vista, che un importante risultato è che l'educazione sarà una delle cinque priorità del piano d'investimenti e vorrei che su questo si mantenesse una grandissima attenzione e sull collegamento recepito dall'Unione nell'impostazione della Presidenza con l'ultimo Consiglio dei ministri sull'educazione e imprenditorialità: nuove competenze e nuove opportunità di lavoro devono essere molto centrali rispetto anche al vostro lavoro e ci interessa anche molto il rilancio dell'investimento nel patrimonio culturale europeo e nella possibilità che avrà di dare più opportunità non solo di lavoro, ma di turismo culturale e di nuovo anche sviluppo economico perché sia al centro della revisione della Strategia Europa 2020. Di questo ringrazio la Presidenza.

 
  
MPphoto
 

  Paloma López Bermejo (GUE/NGL). - Señor Presidente, en la Presidencia italiana se ha hablado mucho de la identidad. Una identidad europea. Esta identidad estaba compuesta por el modelo social europeo, basado, entre otras cuestiones, en el diálogo social y en la importancia de la negociación colectiva, con un equilibrio en las relaciones laborales a través del Derecho laboral. Y, sin embargo, al final de esta Presidencia hemos visto, una vez más, cómo se siguen planteando reformas que desmantelan las estructuras básicas de la protección social y laboral. También en Italia, como antes sucedió en España y en otros países.

No se ha trabajado para garantizar ni la recuperación económica ni el empleo. Tenemos pocas esperanzas en el plan Juncker. Hemos oído hablar de Ulises, un aventurero. Pero en La Odisea también existe Penélope, una mujer asediada que teje y desteje su red para preservar el patrimonio, precisamente, de Ulises. Ustedes y sus nefastas políticas están consiguiendo desmantelar el patrimonio social de Europa y de sus ciudadanos, y, con ello, poner las bases para la pérdida de la identidad europea a la que tanto se apela.

Menos mal que se abre una esperanza de cambio a través, precisamente, de Syriza, a la que deseamos grandes éxitos.

 
  
MPphoto
 

  Fabio Massimo Castaldo (EFDD). - Signor Presidente, onorevoli colleghi, Presidente Renzi, oggi abbiamo ascoltato un discorso surreale in un'atmosfera surreale. Lei ha parlato di un'Europa che cambia marcia, di un nuovo corso sulla flessibilità e sulla crescita, di una visione europea; ma quale visione e quale cambiamento Presidente? Quella degli irrealizzati eurobond e dei 21 miseri miliardi della Commissione Juncker? L'ennesimo cavallo di Troika, per distrarre e ingannare i cittadini europei? Quella in cui ci si è dimenticati di nuovo di proporre un reddito minimo e obbligatorio di cittadinanza per il continente? Di dignità, di vita, nel silenzio assordante della mancata Europa del sociale?

La vostra visione, sì, quella in cui la mia generazione in Italia e in molti altri paesi è spezzata a metà, tra sommersi e salvati, nel diluvio di una disoccupazione universale. Visto che le piace la letteratura, le dirò che la gioventù del Sud Europa sta Come d'autunno sugli alberi le foglie, Presidente! Non l'avete privata di un sogno nel cassetto, le avete rubato l'intera scrivania! Per loro e per tutti gli ultimi d'Europa, noi siamo qui, per abbattere insieme agli altri popoli del Mediterraneo quel nuovo orrido muro che sta esiliando a Nord la civiltà dello Stato sociale, condannando il Sud alla barbarie di un iperliberismo antisociale. Perché chi ha perduto un lavoro, chi chiude l'attività di generazioni, chi ha ottant'anni ed è ridotto a rubare nei supermercati, oggi non ha bisogno della nostra opinione, ha bisogno del nostro coraggio, esempio coerente e coraggioso, questa è l'Europa, questa è l'Italia.

 
  
MPphoto
 

  Mario Borghezio (NI). - Signor Presidente, onorevoli colleghi, il Presidente di turno Renzi aveva promesso un grande impegno per le piccole e medie imprese, in effetti l'impegno lo ha svolto per salvare dal fallimento l'industria di suo padre con i fondi pubblici mentre gli altri piccoli imprenditori italiani si suicidano, accorati e disperati insieme ai loro dipendenti. Noi riceviamo quotidianamente appelli, ne abbiamo anche qui uno sul tavolo, di imprenditori del nostro paese, piccoli imprenditori e lavoratori che vorrebbero salvare le loro imprese.

Ci domandiamo se il Presidente Renzi che oggi resta comunque il Presidente del Consiglio italiano voglia smettere di prendere in giro le gente e voglia impegnarsi a salvare seriamente i posti di lavoro, a risolvere il problema della disoccupazione giovanile, a fare per gli altri quello che ha fatto per l'azienda di suo padre che doveva fallire se non fosse stata l'azienda del Presidente del Consiglio e, protempore, di quest'Europa.

 
  
 

(Fine degli interventi su richiesta)

 
  
MPphoto
 

  Matteo Renzi, Presidente in carica del Consiglio. - Grazie Presidente Tajani, ci sono tre grandi questioni oggetto del nostro dibattito.

La prima riguarda il bilancio tecnicamente inteso: io sono grato ai membri del Parlamento europeo per aver sottolineato cose che io per primo non avevo elencato in misura puntuale, rimandando al testo conclusivo, ma fa piacere che ci siano stati dei riconoscimenti dalla riflessione su tutto e sul lavoro fatto sul bilancio alle questioni positive che sono state affrontate in questo semestre che paradossalmente sono venute dall'Aula e non da noi. Mi pare un fatto positivo.

Con la stessa franchezza devo dire che ha ragione Verhofstadt quando evidenzia alcuni fatti non positivi: noi non abbiamo chiuso non soltanto il made in che un tema sul quale continueremo a lavorare, ma che certo rappresenta per noi un elemento di oggettiva negatività ma anche il tema del dossier telecomunicazioni. Un dossier complicato, difficile, che ha visto molte, molte riunioni, 11 volte ci siamo riuniti con i gruppi di lavoro, oggetto di una discussione molto serrata nella cena di lavoro dei ministri nel Consiglio informale di settembre a Milano, le due bozze di testo che abbiamo proposto, alcuni aspetti hanno visto dei passi in avanti, la net neutrality, non il roaming purtroppo, su cui penso si siano registrate le divergenze maggiori.

Quindi, non c'è dubbio, ci sono anche tanti aspetti che non sono stati raggiunti come avremmo voluto, quella parte di dibattito che si è concentrata sui risultati del semestre è però una parte di dibattito che ci ha particolarmente colpito per l'attenzione data anche da colleghi di altre forze politiche o di altri paesi sui risultati oggettivi raggiunti.

C'è poi un secondo elemento che è il dibattito – come spesso avviene del paese di provenienza – l'occasione della fine e dell'inizio del semestre è sempre l'occasione per un dibattito anche politico – reso più complicato sicuramente in Italia perché la difficile transizione italiana ha visto succedersi alla guida del governo, governi politici di una parte e governi tecnici e poi governi politici di alleanze e di coalizione guidati in alcuni casi da componenti opposte. Però, trovo davvero strano che i deputati europei che rappresentano l'Italia evidenzino con questa grande cura certosina tutti gli aspetti negativi del nostro paese – lo dico a Lei Presidente Tajani che ha servito le istituzioni europee anche in altra veste, non solo nel Parlamento e che ben sa e conosce questo elemento anche se veniamo da famiglie politiche diverse.

Mi riferisco, per esempio, all'onorevole Maltese, che non è qui in sala, quando lui sostiene l'Italia ha il terzo debito pubblico al mondo: è vero! L'Italia ha un debito pubblico significativo, pensate due triliardi di euro! Eppure, nessuno sottolinea che l'Italia ha il primo risparmio privato al mondo, quattro triliardi di euro! E quando i deputati 5 Stelle vengono a evidenziare come le famiglie si stiano impoverendo, questo cozza, come talvolta accade, contro la realtà dei fatti e dei numeri. Pensate, in un tempo di crisi, le famiglie italiane hanno visto crescere i propri risparmi da 3,5 triliardi di euro a 3,9 (dal 2012 al 2014).

Perché è accaduto questo? È accaduto questo perché l'economia italiana – mi perdonerà il Parlamento se sono costretto a rispondere anche su questioni domestiche – vive una fase di terrore, di preoccupazione, i messaggi che arrivano sono messaggi improntati non semplicemente all'austerity – che è dibattito filosofico-culturale che potremmo a lungo tenere – ma al terrore e alla paura del futuro, a considerare il futuro come una minaccia. Quindi, arriviamo al paradosso che in questi mesi l'Italia ha visto aumentare i propri risparmi e i propri denari, le famiglie si stanno paradossalmente arricchendo perché hanno preoccupazione e paura.

È molto difficile convincervi della realtà, però la realtà piano piano si impone, lo dico all'onorevole Moi, deputata 5 Stelle, che sottolinea i gravi problemi della corruzione in Italia. Proprio nel 2014 il Parlamento italiano su proposta del governo ha scelto – pensate un po', ma forse non hanno fatto in tempo a dirglielo! – all'unanimità, sulla proposta del governo, di affidare a Raffaele Cantone il compito di guidare l'autority anticorruzione che ha consentito di commissariare il MOSE, esperienza alla quale l'on. Moi faceva riferimento, che ha consentito all'EXPO di chiudere la stagione delle illegalità e di aprire il grande tema dei contenuti, che ha consentito di intervenire con una legislazione che è inedita in Europa.

È difficile sottolineare gli aspetti positivi del proprio paese se si considera la tribuna europea come la tribuna nella quale andare a parlar male di noi stessi. Diverso è il caso dell'on. Salvini, al quale riconosco una coerenza di comportamento più che di contenuti – credo che abbia fatto molto bene egli ha sottolineare la difficoltà e anche il senso di amarezza che i cittadini provano quando vedono le Aule del Parlamento vuote. Io intanto sono molto contento che l'on. Salvini abbia trovato il suo banco all'interno del Parlamento europeo considerata la larga presenza sui mezzi di informazione italiana e la forse minore presenza all'interno delle istituzioni europee che serve ormai da 11 anni. Quando l'on. Salvini che è impegnato in una battaglia politica nazionale e che io rispetto, perché sta dall'altra parte, arriverà alla campagna elettorale – tra tre anni, tra quattro anni, quando sarà (tra tre anni, non vorrei allungare la legislatura!) – quando l'on. Salvini sarà in campagna elettorale, sarà facile per i cittadini italiani chiedergli: ok, chiederemo a Renzi che cosa ha fatto in Italia e chiederemo a Salvini cosa ha fatto in questi 15 al servizio dell'Europa!

Io però posso dire, oggi, qui, nell'andare poi a concludere rapidamente, che in questa giornata di oggi il gruppo politico che rappresenta il modello dell'on. Salvini ha ad esempio proposto la sospensione degli accordi di Schengen. Si tratta di un obiettivo che l'on. Marine Le Pen ha illustrato non in Aula, ma ha illustrato con grande attenzione all'interno della conferenza stampa. Vorrei citare che cosa diceva il ministro degli interni italiano, componente dello stesso partito della Lega Nord, guidata da Salvini che diceva esattamente questo: sospendere Schengen sarebbe la fine dell'Europa, credo – diceva in quel caso, Maroni – che l'Italia debba essere totalmente contraria alla chiusura dello spazio Schengen.

Questo accordo, questa considerazione, questa frase dell'on. Salvini che sta cercando di svoltare a sinistra ma non riuscirà a ottenere il risultato politico, dimostra con molta forza e con molta chiarezza una cosa molto semplice e cioè che c'è una distanza impressionante tra la demagogia e la realtà. C'è una distanza pazzesca tra chi investe su un'idea di politica in grado di entusiasmare e chi invece scommette sulla paura. E questo, mi consentirà Presidente, è anche il punto conclusivo che vorrei lasciare al dibattito europeo.

Mi spiego: oggi, in Italia, c'è un derby, è il derby tra chi vede le difficoltà ma si alza in piedi e prova a risolverle e prova a immaginare per il nostro paese un futuro grande almeno quanto la storia dalla quale proveniamo e, dall'altro, c'è chi, vedendo le difficoltà scommette sul fallimento, di chi scommette sulla paura, di chi scommette sul fatto che noi non ce la faremo. È un messaggio, forse, comodo a livello elettorale – anche se, voglio dire ai colleghi del UKIP che adesso non ci sono e che sono intervenuti prima urlando sul fatto che io avrei definito bruti coloro che sono elettori – rappresento il partito che ha preso più voti di tutti in Europa, il Partito Democratico 11 milioni e 200 mila persone e quindi non consideriamo bruti quelli che votano; consideriamo bruti coloro i quali negano la realtà dei fatti e la realtà dei fatti è che noi usciremo da questa situazione di crisi non investendo sulla paura, non scommettendo sul fallimento, ma cercando di far capire che l'unica soluzione possibile per i nostri figli è che l'Europa non sia un cimelio, non sia un luogo dei ricordi, non sia il museo delle cere, non sia un insieme di luoghi comuni e di frasi fatte!

L'Europa può avere un senso solo e soltanto se riuscirà a rimettere al centro la vita delle persone che hanno voglia di credere nel domani e che non hanno paura, e che non hanno la preoccupazione di considerare ciò che avviene nel mondo semplicemente una minaccia. Il mondo fa paura? Sì, io penso, credo e spero che sarà convinzione comune che l'Europa è più grande delle paure e delle minacce e l'Europa è molto più forte nei suoi valori di qualsiasi attacco possa esistere. Questa è la differenza tra noi e coloro i quali vogliono vivere come bruti, noi pensiamo che il futuro che ci aspetta dipenderà dall'impegno di ciascuno di noi e se saremo in grado di essere coerenti con la nostra storia, questo futuro è un futuro che vedrà le stelle dell'Europa guidare il cammino e la navigazione, anche nel nostro paese.

 
  
MPphoto
 

  Presidente. - Grazie alla Presidenza italiana per il lavoro che ha svolto durante questi mesi. Buona fortuna all'Italia, paese di cui ho l'onore di essere cittadino, paese fondatore dell'Unione.

Ora la parola al Presidente della Commissione europea Jean-Claude Junker.

 
  
MPphoto
 

  Jean-Claude Juncker, président de la Commission. - Monsieur le Président, en conclusion de ce débat, je voudrais, une fois de plus, rendre hommage à la qualité du travail du gouvernement italien, de la Présidence italienne et du président du Conseil, Matteo Renzi.

Pour le reste, je ne voudrais pas prolonger le débat italo-italien. Nous sommes, me semble-t-il, ici au Parlement européen, et comme je vous avais promis l'autre jour de ne jamais m'ingérer dans la politique intérieure d'un autre pays, je me tairai immédiatement.

 
  
MPphoto
 

  Presidente. - La discussione è chiusa.

Dichiarazioni scritte (articolo 162)

 
  
MPphoto
 
 

  Isabella Adinolfi (EFDD), per iscritto. Oggi si è concluso il semestre di presidenza italiano del Consiglio dell'Ue. Nonostante i grandi proclami, nessuno si è accorto dell'indirizzo impresso dall'Italia all'Ue. Doveva cambiare tutto ed invece, in una forma di gattopardismo 2.0, non è cambiato proprio nulla. Si citerà il piano di investimenti presentato da Juncker e gli sforzi fatti per e favorire la flessibilità, nonché la nomina di Federica Mogherini ad Alto Rappresentante. Si tratta di trufferie semantiche, risposte demagogiche, che hanno il solo scopo di gettare fumo negli occhi ai cittadini europei e distogliere l'attenzione dalle questioni veramente importanti. Nulla per esempio si è fatto in materia di armonizzazione fiscale ed anzi si continuano a tollerare evolute forme di concorrenza fiscale che danneggiano i contribuenti e nuocciono al progetto di integrazione europea. A tal proposito, emblematico è il caso della c.d. web tax. Era stato proprio Renzi a promettere solennemente che si sarebbe attivato in sede di Consiglio. Tuttavia, il semestre di presidenza italiano è terminato e nulla è cambiato. Renzi pifferaio magico ha colpito ancora. Peccato che a pagarne le conseguenze siano sempre e soltanto i cittadini. Mi auguro che la presidenza lettone faccia qualcosa di più. Non dovrebbe essere molto difficile

 
  
MPphoto
 
 

  Dominique Bilde (NI), par écrit. Cette présidence italienne qui devait se doter de "grandes ambitions" est arrivée à son terme ce 12 Janvier 2015 sans véritable avancées pour l'Europe. C'était à prévoir... Matteo Renzi déclarait pourtant en Juillet 2014 que l'Europe doit faire un "changement de visage permettant de retrouver son âme". On nous avait promis de desserrer l'étau de l'austérité en donnant plus de flexibilité aux États membres de la zone euro. On nous vantait aussi le grand plan de relance prévu par la Commission Juncker. Au printemps dernier, l'idée d'inclure les investissements publics dans le calcul des déficits a totalement disparue, succombant ainsi aux volontés allemandes. Il est bien évident que cette décision n'est pas de nature à favoriser la croissance, déjà mise à mal dans la zone euro. Oublié aussi le projet sur ma neutralité d'internet ou l'étiquetage sur l'origine des produits de même que les crédits supplémentaires en faveur de l'emploi des jeunes. La Présidence italienne aura tout de même réussit à mettre en place "l'opération Triton", nouvelle opération passoire ouvrant la porte à une immigration de masse incontrôlée au seul profit de réseaux mafieux de passeurs.

 
  
MPphoto
 
 

  Vilija Blinkevičiūtė (S&D), raštu. Šiandien Italijos premjeras Matteo Renzi pateikė savo šalies pirmininkavimo Europos Sąjungos Tarybai rezultatus ir perdavė pirmininkavimo vairą mūsų kaimynei Latvijai. Sutinku su premjeru, jog ekonominė krizė paliko gilų randą, tačiau Europa turi įveikti kitą didelį iššūkį – iš naujo atrasti pasitikėjimą savo piliečiais ir Europa. Aš manau, kad turime dar labiau kovoti su ekonomine recesija ir atsisakyti griežto taupymo politikos. Europa turi laikytis socialinės dimensijos principų, investuoti į žmogų, į jo protą ir į mūsų vaikų ateitį. Italijai nepavyko pasiekti džiuginančių rezultatų srityse, kurios tiesiogiai liečia mūsų žmonių gyvenimus. Tikiuosi, kad Latvija, perėmusi pirmininkavimą į savo rankas, sugebės tarp valstybių narių rasti bendrą sutarimą dėl Motinystės atostogų direktyvos ir mes jos neprarasime. Labai tikiuosi, kad bus atblokuota Kovos su diskriminacija direktyva, kurios laukia daugybė europiečių. Be to, turi būti sprendžiamas ir Moterų bendrovių valdybose direktyvos likimas, nes valstybės narės iki šiol dėl jos nesusitarė. Norėčiau paraginti Latviją, kad ji atsižvelgtų ir į dabartines aktualijas, nes be laisvės nebus ir piliečių saugumo bei jų teisių. Labai svarbu tęsti pradėtus darbus, t. y. užtikrinti Stabilumo ir augimo pakto įgyvendinimą, vykdyti Strategijos „Europa 2020“ vidurio peržiūrą, įgyvendinti valstybėse narės Europos semestrą, siekiant intensyvesnio ekonomikos atsigavimo ir augimo.

 
  
MPphoto
 
 

  Simona Bonafè (S&D), per iscritto. Il semestre italiano di Presidenza del Consiglio si è praticamente aperto in concomitanza con l´avvio della nuova legislatura del Parlamento europeo. La sfida che nel luglio scorso ci trovavamo di fronte era chiara: mostrare che le istituzioni europee potessero cambiare verso e liberarsi dal dogma dell´austerità, potessero reagire alla crisi economica e sociale con azioni concrete, con politiche attente alle necessità di cittadini e imprese e non solo agli equilibri di bilancio. Proprio oggi mentre il presidente Renzi interviene in Parlamento, la Commissione si riunisce per approvare la proposta di regolamento sul fondo per gli investimenti di 315 miliardi e le nuove linee guida al riguardo sulla flessibilità dei bilanci nazionali. Possiamo dire che l'Europa ha cambiato verso in soli sei mesi ? Credo piuttosto che con il nuovo Parlamento, la Commissione insediata a novembre e l'eccezionale contributo della Presidenza italiana abbiamo finalmente avviato le manovre per cambiare direzione. In Italia il Governo ha scelto il motto “Passo dopo passo”. Credo sia un messaggio che possa funzionare anche in Europa. La manovra è iniziata, ora occorre dare forza ai motori e per fare questo il Parlamento dovrà saper trasformare la pressione dei cittadini nel migliore dei carburanti.

 
  
MPphoto
 
 

  Nicola Caputo (S&D), per iscritto. Riguardo gli investimenti, l'Italia si è adoperata, fin dall'inizio del semestre, al fine di inserire questo tema al centro dell'azione politica dell'UE. L'acquisto di liquidità a prezzo contenuto sarà nei prossimi due anni una importante risorsa per il mercato, grazie all'azione della BCE, e al tal fine saranno strumento utile progetti efficaci e strategici.

All'ultimo ECOFIN della Presidenza italiana sono stati poi messi a punto i dettagli del "Fondo unico di risoluzione" che verrà capitalizzato nei prossimi 8 anni, tassando le banche europee per una somma pari all'1% dei depositi.

Sotto la Presidenza italiana si è dato definitivo impulso, inoltre, a una numerosa serie di fascicoli in materia ambientale, fino alla loro approvazione. Tra le tante: - la direttiva sulla libertà del divieto di coltivazione di OGM; - l'intesa sulle norme per l'eliminazione delle buste di plastica monouso; - la ratifica del prolungamento degli accordi di Kyoto sul clima.

Infine, sono stati portati avanti con successo durante il semestre italiano molti fascicoli in materia di elusione ed evasione fiscale: - la direttiva che regola l'imposizione fiscale sulla casa madre di una compagnia e le sue filiali in paesi differenti; - quella sullo scambio automatico di informazioni fiscali. Anche Austria e Lussemburgo hanno rinunciato al segreto bancario. Questo forse è il campo in cui l'Italia è riuscita meglio a giocare il suo ruolo di mediazione.

 
  
MPphoto
 
 

  Raffaele Fitto (PPE), per iscritto. Il presidente Renzi parla a un'Aula semivuota e questo è di per sé un giudizio eloquente e impietoso degli europarlamentari di tutti i paesi e di tutte le appartenenze politiche sul semestre italiano. Un'Aula vuota per un semestre vuoto, si potrebbe sintetizzare. Ma ciò che è politicamente più grave è il fatto che Renzi predichi bene dopo aver razzolato male. Anche oggi, infatti, ha detto la cosa giusta che noi sosteniamo da tempo: mettere in discussione i vincoli e l'austerità europea a favore di una stagione di maggiore flessibilità. Peccato però che in questo semestre l'Italia non abbia fatto nulla per invertire la rotta. Anzi, proprio in questi mesi, anche rispetto alla legge di stabilità, Renzi ha subito tutti i diktat di Bruxelles. Che ora ci faccia anche la predica sul superamento dei vincoli è un po’ troppo. Di più: lo stesso Presidente Juncker lo ha smentito in tempo reale ribadendo la tesi (per me assolutamente non condivisibile) di Berlino-Bruxelles: e cioè che l'unica flessibilità accettabile è quella già prevista negli attuali trattati. Un ultimo punto, per me e per tutta l’Italia rilevantissimo: è grave e deludente, anche oggi, il silenzio di Renzi sul caso dei marò.

 
  
MPphoto
 
 

  Doru-Claudian Frunzulică (S&D), in writing. – The Italian Presidency conducted its work during a period still affected by the ongoing economic crisis and its bad social effects. Last year there were European Parliament elections, when EU citizens proved to be united in their demand for a better Europe. The Italian presidency, taking into account the demands of European citizens, has successfully promoted an agenda for change. This agenda is focused on the need for increased growth and greater prospects for employment. It pushes for a public investment programme that can give an alternative to the unsuccessful politics of the troika and demonstrate how EU institutions can be closer to citizens. Let me thank the Italian Presidency for its outstanding activity, its accomplishments in achieving more flexibility, dealing with the challenges of immigration and strengthening a common foreign policy. I am especially thankful for the efforts that have been made for the accession of Romania (and Bulgaria) to the Schengen Area, which is of the utmost importance in order to show that we, Europeans, support dialogue, inclusion and solidarity both inside and outside the borders of Europe, especially after the abominable terrorist attacks in Paris.

 
  
MPphoto
 
 

  Enrique Guerrero Salom (S&D), por escrito. Muchos han sido los obstáculos superados en estos 6 meses por la Presidencia italiana: un presupuesto de la Unión para el 2015 que, aunque limitado, cumple las expectativas del Parlamento Europeo, velar por la transparencia y la integridad durante la 7ª ronda de negociaciones del TTIP con los Estados Unidos, el lanzamiento de iniciativas para una acción común más contundente y solidaria en temas como la migración y sentar las bases para una cooperación al desarrollo más eficiente y coherente ―logros que han tenido lugar en un marco político difícil―.

Ha sido una presidencia que ha puesto en marcha el camino para salir de la nefasta política de austeridad impulsando un paquete de estabilidad basado en la innovación, la inversión y el crecimiento. Han sido primeros pasos ―pero importantes en su conjunto―, y espero que con las siguientes presidencias podamos obtener acuerdos legislativos en temas claves para el crecimiento y el empleo, así como para un mercado digital único, una Unión energética sostenible y una política exterior común que refuerce la solidaridad y la ayuda humanitaria.

 
  
MPphoto
 
 

  Νότης Μαριάς (ECR), γραπτώς. Η Ιταλική Προεδρία αποτελεί μνημείο αποτυχίας αφού δεν τόλμησε καν να αμφισβητήσει στην πράξη την εφαρμογή της μερκελικής λιτότητας και της βίαιης δημοσιονομικής προσαρμογής η οποία έχει γεμίσει τον Ευρωπαϊκό Νότο με στρατιές ανέργων και φτωχών. Ταυτόχρονα απέτυχε στη διασφάλιση σοβαρών πόρων για τη δημιουργία νέων θέσεων εργασίας, στήριξε την πολιτική κοινωνικοποίησης των ζημιών των τραπεζών, δεν αμφισβήτησε τις περιφερειακές ανισότητες και εξακολούθησε να στηρίζει τις παράνομες πολιτικές της Τρόικας στην Ελλάδα. Είναι προφανές ότι και κατά τη διάρκεια της Ιταλικής Προεδρίας οι λαοί της Ευρώπης βίωσαν τα ίδια προβλήματα και τα ίδια τεράστια κοινωνικά αδιέξοδα. Οι νέοι της Ευρώπης συνέχισαν να αναζητούν εναγωνίως ευκαιρίες για νέες δουλειές. Δεν είδαν όμως κανένα πραγματικό αποτέλεσμα αφού η περίφημη ρευστότητα της Ευρωπαϊκής Κεντρικής Τράπεζας δεν έφτασε ποτέ στην πραγματική οικονομία. Οι μικρομεσαίες επιχειρήσεις συνέχισαν να πλήττονται από την υπερφορολόγηση, ενώ οι αγροτικοί πληθυσμοί της Νότιας Ευρώπης είδαν να αυξάνεται συνεχώς το κόστος παραγωγής και τα προϊόντα τους να μην μπορούν να πωληθούν σε καλές τιμές. Συμπερασματικά, η Ιταλική Προεδρία, ενώ δημιούργησε πολλές προσδοκίες με τις μεγάλες υποσχέσεις που έδωσε, τελικά με τις πράξεις της κατέληξε να υλοποιεί την ίδια αποτυχημένη συνταγή που υπηρετεί την γραφειοκρατία των Βρυξελλών και την Γερμανική Ευρώπη.

 
  
MPphoto
 
 

  Luigi Morgano (S&D), per iscritto. – Da più parti si è affermato che non si potevano ottenere grandi risultati, data la sfavorevole collocazione temporale del semestre di Presidenza italiana. Al contrario, il Presidente Renzi ha ricordato oggi numerosi successi di questo “semestre breve”. Nonostante una difficile transizione istituzionale, al centro dell’agenda europea sono tornati i temi dell’occupazione, degli investimenti infrastrutturali, della flessibilità. Si è ottenuto un rinnovato impegno per politiche volte alla crescita, sostenibile e inclusiva, testimoniato anche dal Piano Juncker, su cui come Socialisti e Democratici molto abbiamo insistito e insisteremo. Il lancio dell’operazione Triton segna il passaggio a una politica europea per l’immigrazione. La pubblicazione del mandato di negoziazione del TTIP, l’impegno per la trasparenza. Si è definita una posizione comune europea in vista della Conferenza di Lima, nonostante le resistenze di alcuni Stati Membri, anche con l’accordo quadro 2030 per il clima e l’energia. Risultati sempre perfettibili, certo. Ma importanti passi verso una rinnovata agenda politica e non solo economica dell’UE, non a caso riconosciuti anche da colleghi di altri paesi europei e autorevolmente dal Presidente Juncker. Questa è la vera richiesta dei cittadini europei uscita dalle urne a maggio: più politica, più cultura, più cittadinanza europee. Un’Europa – ribadiamolo – come “superpotenza dei valori”.

 
  
MPphoto
 
 

  Alessandra Mussolini (PPE), per iscritto. L'intervento del Presidente Renzi sul bilancio del semestre italiano è stato molto deludente. Sono stati citati interventi, come ad esempio quello sulla flessibilità, che già erano stati ampiamente programmati nei precedenti semestri. Assai grave poi è che non è stato minimamente sfiorato il tema drammatico dei nostri Marò in India e del ruolo che l'Italia doveva assumere per risolvere definitivamente questa assurda prigionia che dura ormai da tre anni. Potendo dare a Renzi un voto da uno a dieci sarebbe un bel quattro!

 
  
MPphoto
 
 

  Tonino Picula (S&D), napisan. Talijansko predsjedanje obilježila su brojna izvanredna događanja koja su svakako utjecala na rad i rezultate postignute u šest mjeseci predsjedanja. Tako je u poljoprivredi primjerice, talijansko predsjedanje značajnu pažnju moralo posvetiti saniranju posljedica ruskog embarga na uvoz poljoprivrednih proizvoda iz EU-a, potaknutim sankcijama koje je EU nametnula Rusiji. U području ribarstva postignut je važan dogovor o ribolovnim mogućnostima unutar EU voda kao i izvan EU voda za 2015. s ciljem očuvanja zaliha. Nadam se da će i zaštita malih ribara naći svoje mjesto na dnevnom redu u što skorijoj budućnosti. Iako je kriza u Ukrajini bila vanjskopolitička top tema talijanskog predsjedanja Vijećem ministara, Mogherini je u srpnju istaknula problem Libije i migracija kao glavne prioritete za Italiju. Italija je spriječila veliki broj tragedija s novom misijom spašavanja na moru, Mare Nostrum, koja je spasila desetke tisuća migranata ove godine. Operacija je zaustavljena, a zamijenila ju je operacija puno manjeg opsega, Triton. Pozivam stoga Latvijsko predsjedništvo da posebnu pažnju posveti jačanju zajedničkih migracijskih politika. Zaključno, talijanskim kolegama čestitam na obavljenom poslu a budućim predsjedavateljima želim puno uspjeha u njihovom radu i još uspješnije predsjedanje.

 
  
MPphoto
 
 

  Czesław Adam Siekierski (PPE), na piśmie. Włoska prezydencja w Radzie UE przypadła na okres związany z wyborami do Parlamentu Europejskiego oraz wyborem nowego składu Komisji Europejskiej. Nie był to jednak jedynie czas poświęcony na kwestie organizacyjne, choć przeważały sprawy natury technicznej związane z rozpoczęciem nowego cyklu instytucjonalnego. Mniejszy zakres prac w kontekście czysto legislacyjnym wiązał się jednak w przypadku ostatniego półrocza ze wzmożoną debatą na temat celów i programu działania UE na najbliższe lata, a także nad powołaniem funduszu inwestycji strategicznych. Państwo sprawujące swoją prezydencję w takim okresie posiada zatem szczególną możliwość włączenia się oraz wpływu na debatę programową Unii.

Hasłem tytułowym programu prezydencji było wezwanie do swoistego odrodzenia – „Fresh start”, które samo w sobie sugerowało chęć podjęcia ważnych tematów o zasięgu europejskim, a nie jedynie skupienie się na kwestiach organizacyjno-formalnych. Program ten bardzo dobrze współgrał z wytycznymi na obecną kadencję Komisji Europejskiej – „Nowy początek dla Europy”, co pomogło w wysłaniu mocnego sygnału do obywateli, że UE chce dokonać pozytywnych zmian i ambitnych usprawnień swojego funkcjonowania. Wśród spraw, które prezydencja włoska zdecydowała się podjąć były, między innymi, polityka antykryzysowa i powiązane z nią ożywienie wzrostu gospodarczego w oparciu o dalsze pogłębianie integracji rynku wewnętrznego, realizację reform strukturalnych oraz promowanie inwestycji.

 
  
MPphoto
 
 

  Monika Smolková (S&D), písomne Taliansko si dalo pre svoje predsedníctvo odvážne plány. Prioritu dostalo riešenie zamestnanosti mladých ľudí prostredníctvom účinného zavádzania systému záruky pre mladých, spolu s investovaním do vzdelávania, školení a mobility pracovnej sily. Tu si myslím, že talianske predsedníctvo nesklamalo a vytvorilo predpoklady pre pokračovanie pre ďalšie predsedníctva a vytvorenie vhodnej legislatívy v rámci EÚ. Ďalšou veľmi významnou prioritou bolo riešenie problémov azylovej a migračnej politiky v Európe . Tento problém si posúvame už dlhšie, ale doteraz sa žiadny štát v rámci predsedníctva nevenoval tejto problematike. Taliansko ako štát, ktorý najviac prijíma a zachraňuje migrantov z krajín, kde im hrozí hlad, bieda a mnohokrát si útekom z vlastnej krajiny zachraňujú zdravie a život, veľmi otvorene začalo hovoriť o problematike azylovej politiky a problematike migrantov. Problém juhu Európy musí byť problémom EÚ. Preto vytvorenie spoločnej azylovej a imigračnej politiky musí byť aj prioritou Komisie a všetkých členských štátov aj do budúcnosti.

 
  
MPphoto
 
 

  Tibor Szanyi (S&D). írásban. – Az olasz elnökség három fő prioritásának egyike volt, hogy új lendületet biztosítson az Európai Unió külpolitikájának. Magam is egyetértek e céllal, annak szükségességét a Közel-Keletet és az Ukrajnát érintő fejlemények is megmutatták. Ezek az események – bár határainkon kívül történtek –, de közvetlen hatással bírnak a szomszédos tagállamokra, és ezáltal az egész Európai Unióra. Az olasz elnökség helyesen ismerte fel a célt, de a lett elnökségnek még jelentős előrehaladást kell elérnie e téren. Ehhez pedig az Európai Parlament mellett a tagállamok támogatása is szükséges lesz. Ha ugyanis a legfontosabb külpolitikai történések kapcsán az Unió nem tud felmutatni egységes és hatékony intézkedéseket, akkor ezáltal az egész Unió gyengül. Magam részéről ezért is támogatom Mogherini asszony célját, hogy a közös fellépésekkel Európa mutassa meg globális szerepét. Köszönöm az olasz elnökség e téren tett intézkedéseit és kérem, hogy a lett elnökség mindezt a folyamatot gyorsítsa fel eszközei révén.

 
  
MPphoto
 
 

  Ulrike Trebesius (ECR), schriftlich. Die italienische Präsidentschaft ist vorbei und wir haben viele schöne Worte gehört, was Erfolge angeht. Leider kann ich mich den Gratulanten nicht anschließen, denn die italienische Präsidentschaft war unspektakulär. Das ist nachvollziehbar, denn Italien ist eines der größten ökonomischen Katastrophengebiete der Euro-Zone, und es ist von zentraler Bedeutung, dass die italienische Regierung sich zunächst der Lage zu Hause annimmt. Wie steht es um Italien? Die Jugendarbeitslosigkeit ist auf 44 % gestiegen, die Industrieleistung liegt 30 % unter ihrem Höchststand, die Banken sitzen auf über 180 Mrd. fauler Kredite, und die private Kreditvergabe liegt seit über zwei Jahren im negativen Bereich. Die Staatsquote liegt seit Jahren regelmäßig über 50 %. Vor sechs Jahren ist die Euro-Krise ausgebrochen, und erst jetzt werden die ersten Reformen vorsichtig auf den Weg gebracht. Trotzdem ist man in Italien bereits jetzt der „Austerität“ überdrüssig. Italiens Substanz geht verloren, seine jungen Menschen haben keine Perspektiven mehr, und nur noch Herr Draghi hält mit seiner Transferpolitik das Land über Wasser. Liebe Italiener, Sie haben bereits ein verlorenes Jahrzehnt hinter sich und können sich kein zweites erlauben. Treten Sie aus dem Euro aus, machen Sie eine Umschuldung, reformieren Sie ihren Staat, und geben Sie sich und ihren Kindern wieder eine Zukunftsperspektive!

 
  
MPphoto
 
 

  Marco Valli (EFDD), per iscritto. "Cambio l'Europa in 6 mesi", questa la promessa di Renzi all'apertura del semestre di Presidenza italiana. Poteva essere il semestre per cambiare rotta rispetto ad anni devastanti di austerità e recessione. Poteva essere l'occasione per costruire un fronte comune contro l'egemonia tedesca al fine di ridiscutere insostenibili vincoli di bilancio che si sono rivelati estremamente dannosi per l'economia. Ma l'occasione di dettare l'agenda europea nell'interesse di milioni di cittadini è stata vergognosamente sprecata, a unico vantaggio dei paesi del nord e dei poteri forti. Non solo non c'è stata una rinegoziazione del fiscal compact, ma Renzi non è nemmeno riuscito a chiudere dossier cruciali su cui mancava solo l'accordo del Consiglio. Come quello sul "made in", bloccato dalla Germania, che avrebbe concretamente aiutato le PMI italiane. O quello sulla tassa sulle transazioni finanziarie, osteggiato dalle lobbies, che avrebbe frenato la speculazione, liberando 35 miliardi all'anno per l'economia reale e la lotta alla povertà.

Renzi chiude lasciandoci solo l'imbarazzante piano Juncker "per gli investimenti". Un fondo da EUR 21 miliardi che dovrebbero trasformarsi per l'effetto di un misterioso moltiplicatore in 315 miliardi. Probabilmente il simbolo migliore di quello che sarà ricordato come il semestre del bluff mediatico e delle occasioni perse.

 
  
MPphoto
 
 

  Marco Zanni (EFDD), per iscritto. Oggi chiudiamo i sei mesi di Presidenza italiana dell'Unione europea, sei mesi di grandi ambizioni e aspettative, che si sono purtroppo risolti in un vero e proprio "nulla di fatto". In nessun ambito infatti l'Italia è riuscita a imporre una sua linea, e questo è fallimentare se si considera l'enorme patrimonio e forza politica di cui disponeva Renzi dopo le elezioni europee di maggio. In Europa i suoi slogan di luglio sono rimasti tali e nulla è stato fatto per cambiare il volto di un'Unione malata, a detta dello stesso Presidente del Consiglio. Questi "non risultati" sono il frutto della linea politica di Renzi e probabilmente dell'incapacità stessa di poter in qualche modo modificare le sorti dell'Unione europea, se non attraverso qualche azione particolarmente forte e incisiva. A questo punto assume ancor più valore la nostra iniziativa di chiedere agli italiani cosa ne pensino della moneta unica, che ci sta sicuramente portando più danni che benefici: se i politici italiani che avrebbero avuto possibilità di cambiare questa Europa non lo hanno fatto, non resta altro che affidarsi al popolo per decidere quali debbano essere le sorti di quello che era un sogno che ora rischia invece di diventare un incubo.

 
  
MPphoto
 
 

  Carlos Zorrinho (S&D), por escrito. A Presidência italiana da União Europeia criou expectativas elevadas. A intervenção inspiradora de Mateo Renzi no Parlamento Europeu e as prioridades definidas - Europa pelo Emprego e Crescimento Económico, Uma Europa mais próxima dos cidadãos: um espaço para a democracia, os direitos e a liberdade e um novo ímpeto para a política externa da União Europeia - geraram uma esperança que só parcialmente foi correspondida. Se, no plano das relações externas, foi notório um esforço de maior protagonismo da União Europeia nos múltiplos conflitos económicos e militares que assolam o mundo, no plano do crescimento e do emprego a Presidência italiana não conseguiu transformar as palavras em atos, certamente não por ausência de esforço, mas por ter continuado a prevalecer na Europa uma hegemonia punitiva de uns países em relação a outros, em vez de se ter evoluído para um patamar de cooperação e solidariedade que beneficiaria a todos.

 
  
MPphoto
 
 

  Milan Zver (PPE), pisno. Zahvaljujem se italijanskemu premierju Matteu Renziju za predstavitev dosežkov italijanskega predsedstva. Italija je predsedovanje prevzela julija 2014, na koncu mandatov evropskih institucij. Ni bilo lahko, a priznati je treba, da je italijansko predsedstvo pripomoglo h konsolidaciji in dokončnemu oblikovanju nove evropske institucionalne strukture, ki je predpogoj za funkcioniranje EU. Italija se lahko pohvali tudi z manjšimi koraki, kot je na primer kompromis o genetsko modificiranih organizmih (GMO) med Parlamentom, Svetom in Komisijo. Ta kompromis, na katerega smo čakali vse od leta 2010, bomo prav danes potrdili v Parlamentu. Italija je dosegla tudi nekaj drugih pomembnih ciljev na področju davčne politike, reševanju bank, migracijskih težav in evropskega proračuna, ne nazadnje tudi pri utrjevanju "duše" Evrope. Pri mnogih naloga pa Italija ni bila uspešna. Kakorkoli, pomembno delo sedaj čaka malo državo z velikim srcem - Latvijo, predvsem na področju zagotavljanja novih delovnih mest, večanja vloge EU v soseščini in svetu ter trajnemu zagotavljanju evropskih vrednot in kulture.

 
  
  

IN THE CHAIR: ADINA-IOANA VĂLEAN
Vice-President

 
Teisinė informacija - Privatumo politika