Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 28 gennaio 2015 - Bruxelles Edizione rivista

Fondo europeo per gli investimenti strategici (discussione)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. Nelle ultime settimane l'Europa ha dato prova della volontà di imprimere una svolta alle rigide politiche di austerity che hanno caratterizzato le ultime legislature. Le diamo atto, Presidente Juncker, di una risposta alle istanze di equità, di sviluppo, di maggiore flessibilità che il Gruppo S&D ed alcuni Paesi, in prima fila il governo di Matteo Renzi in Italia, le hanno posto. Adesso ci confrontiamo con una proposta normativa concreta, quella sul nuovo Fondo europeo per gli investimenti, che insieme con l'annunciato programma di acquisto di titoli di Stato da parte della BCE, può costituire la premessa per una nuova stagione di crescita per l'economia reale.

A partire da questi nuovi strumenti, le istituzioni europee e gli Stati membri dovranno ora mostrare un impegno politico straordinario per stimolare la crescita e aumentare l'occupazione. Serve un'agenda ambiziosa su tante priorità lasciate troppo a lungo da parte: una vera politica industriale europea, l'Unione energetica, il mercato interno digitale, il sostegno all'economia sociale. La discussione sul nuovo regolamento del Fondo europeo di investimenti dimostrerà l'impegno del Parlamento ad avviare presto il nuovo quadro normativo; auspichiamo che anche la Commissione dia un segno di dinamismo.

 
Note legali - Informativa sulla privacy