Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 12 febbraio 2015 - Strasburgo Edizione rivista

Lotta contro l'abuso sessuale di minori online (discussione)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. Le stime dell'Internet Center for missing and Exploited Children quantificano in 25 milioni di file il volume di materiale pedopornografico circolante in rete: in poco più di 10 anni, dall'ultima analisi del 2002, si registra una drammatica impennata di circa il 500%. Adolescenti, preadolescenti, ma anche bimbi e lattanti,vittime della navigazione più oscura, quella che spesso si annida e nasconde nel dark web ma anche tra le maglie dei social network.

Dobbiamo fare di più e ricorrere ad ogni misura e strategia per arginare questo infame fenomeno e sfruttare le capacità delle rete senza mettere a rischio la nostra sicurezza, ancor di più quella dei nostri bambini. La direttiva 2011/93/UE sulla lotta all'abuso e lo sfruttamento sessuale dei minori deve essere punto di partenza per un'azione coordinata e dura, preventiva e punitiva per reati di questo genere: task force internazionale, promozione degli "hashes" per identificare le immagini più pericolose circolanti online, avviare una seria riflessione a sostegno dell'etica e responsabilità dei colossi dei network, campagne di informazione per i più giovani sui pericoli della rete e per le famiglie per un'azione di controllo maggiore.

 
Note legali - Informativa sulla privacy