Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 10 marzo 2015 - Strasburgo Edizione rivista

Fondi di investimento europei a lungo termine (A8-0021/2015 - Alain Lamassoure)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. – Mi rallegro con il collega Lamassoure per l'importante approvazione della relazione sul Fondo europeo per gli investimenti. Da qualche settimana l'Europa ha finalmente avviato una nuova strada, quella della crescita e di una nuova attenzione per l'economia reale. Il Fondo europeo per gli investimenti è solo un primo passo verso una piena ripresa ma è fondamentale che tutte le istituzioni europee – a partire dal Consiglio e dal contributo dei singoli Stati membri – facciano il possibile per dare concretezza al Piano Juncker e al nuovo quadro normativo previsto dal Fondo.

Il Parlamento europeo dovrà continuare a vigilare affinché il nuovo Piano si fondi sugli obiettivi di operare una vera modernizzazione, di rendere l'Europa allettante per gli investitori e di riattivare le capacità produttive ed industriali del nostro Continente.

Lei sa, signor Presidente, che molti settori attivi della ricerca e dell'economia della conoscenza hanno sollevato perplessità in merito al finanziamento parziale del nuovo Fondo con una quota importante proveniente dal programma Orizzonte 2020 e dallo Strumento per collegare l'Europa. Sarebbe quanto meno auspicabile assicurare che tali fondi, sebbene distolti dall'impegno di bilancio pluriennale di programmi così rilevanti, potessero quanto meno mantenere un'assegnazione diretta – nel quadro dei progetti del nuovo piano investimenti – al rinnovamento delle infrastrutture essenziali per la competitività e per la ricerca europea.

 
Note legali - Informativa sulla privacy