Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 11 marzo 2015 - Strasburgo Edizione rivista

Semestre europeo per il coordinamento delle politiche economiche: analisi annuale della crescita 2015 (A8-0037/2015 - Dariusz Rosati)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. – La relazione del collega Rosati è un testo importante, che ho votato convintamente anche perché interviene in un momento decisivo per il rilancio economico dell'Unione europea. A pochi mesi dall'avvio della legislatura, le istituzioni europee stanno tentando di aprire una nuova strada – come suggerito dai governi progressisti dell'UE – che cessi la linea di rigore e austerità. Con questa relazione il Parlamento indica un quadro compiuto di priorità che dovranno accompagnare le recenti politiche economiche avviate.

Mi preme ricordare in questa sede alcuni punti essenziali del nuovo corso economico della UE: innanzitutto, il piano di investimenti per l'Europa, uno strumento importante per aumentare gli investimenti privati e pubblici, per attrarre investitori e ristabilire la fiducia. Ritengo anche io, come giustamente solleva la relazione, che il piano di investimenti per l'Europa dovrebbe incentrarsi in primo luogo sui progetti a valore aggiunto europeo che non sono ancora ammissibili al finanziamento bancario e soprattutto che esso sia orientato alla crescita ed alla sostenibilità. A questo proposito, auspico che gli Stati membri possano cogliere l'invito a contribuire al FEIS, integrando gli importi erogati dal bilancio UE e dalla BEI, al fine di orientare e incoraggiare il settore privato a investire.

 
Note legali - Informativa sulla privacy