Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 11 marzo 2015 - Strasburgo Edizione rivista

Lotta contro l'abuso sessuale di minori online (RC-B8-0217/2015, B8-0217/2015, B8-0218/2015, B8-0219/2015, B8-0220/2015, B8-0226/2015, B8-0227/2015)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. – Esprimo piena condivisione ed appoggio alla risoluzione del Parlamento sulla lotta alla pedopornografia e all'abuso dei minori online. L'accesso alle moderne tecnologie rappresenta un potenziale ricco, informativo ed accessibile a tutti, ma dobbiamo porre in essere tutti gli strumenti che prevengano da rischi e trappole per i minori, che potrebbero troppo facilmente sottovalutarne i rischi connessi.

In linea con l'agenda UE per i diritti dell'infanzia adottata nel 2011, con la convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo e soprattutto con la direttiva 93 del 2011, l'Europa si confermi nel proprio ruolo di garante dei diritti dei cittadini e in particolare del benessere e della tutela dei bambini, esercitando ogni azione che permetta di garantire un accesso all' informazione dei più piccoli controllata, tutelandoli dalle tante potenziali minacce occulte connesse come l'adescamento sessuale, il bullismo, l'induzione allo sfruttamento, il traffico di immagini o video pedopornografici, minacce e mortificazioni a cui troppo facilmente possono essere esposti i bambini grazie all'ambiguità dell'anonimato, del dark web o dei linguaggi criptati.

L'Europa intervenga per circoscrivere i pericoli della rete per i minori, attraverso operazioni di maggiore controllo, cooperazione e scambio di informazioni transnazionali tra autorità nazionali di contrasto, Europol, e il Centro europeo per la criminalità informatica. Rafforziamo il coordinamento legislativo in modo da bloccare e segnalare immediatamente la messa on line di contenuti illeciti, promuovendo campagne di informazione efficaci per i minori, ma anche per le scuole e i genitori, adoperandoci affinché la direttiva 2011/93 venga finalmente effettivamente recepita da tutti gli Stati membri.

 
Note legali - Informativa sulla privacy