Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 12 marzo 2015 - Strasburgo Edizione rivista

Relazioni fra l'UE e la Lega degli Stati arabi e cooperazione nella lotta al terrorismo (RC-B8-0215/2008, B8-0215/2015, B8-0216/2015, B8-0221/2015, B8-0222/2015, B8-0223/2015, B8-0224/2015, B8-0225/2015)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. – Ho votato con convinzione l'importante risoluzione del Parlamento Europeo che prende atto della firma del memorandum d'intesa tra l'alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza Federica Mogherini e il segretario generale della Lega Araba Nabil Elaraby per la cooperazione e la lotta al terrorismo.

Lo abbiamo ascoltato anche dalle parole autorevoli del sovrano di Giordania, due giorni fa: l'Europa e gli Stati arabi devono comprendere la necessità di stringere nuove relazioni fondate sul dialogo e sulla reciproca cooperazione per la sicurezza e la stabilità dell'area mediterranea e del Medio Oriente. Mi preme sottolineare, come giustamente fa il testo della risoluzione, l'esigenza di rispettare sempre i diritti umani universali nell'ambito della lotta al terrorismo: le misure antiterrorismo non devono mai essere applicate abusivamente per reprimere il dissenso legittimo o per violare i diritti umani universali degli individui.

 
Note legali - Informativa sulla privacy