Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Resoconto integrale delle discussioni
Mercoledì 15 aprile 2015 - Bruxelles Edizione rivista

Centesimo anniversario del genocidio armeno (RC-B8-0342/2015, B8-0342/2015, B8-0343/2015, B8-0344/2015, B8-0346/2015, B8-0347/2015, B8-0348/2015, B8-0349/2015)
MPphoto
 
 

  Lorenzo Cesa (PPE), per iscritto. ‒ Voto con convinzione a favore della risoluzione che ricorda il centenario del genocidio armeno e lo faccio richiamando le parole del Santo Padre che, senza mezzi termini, ha dichiarato il genocidio armeno il primo genocidio dell`epoca moderna. Nel 1915 sono stati massacrati, nell`allora Impero ottomano, circa un milione e mezzo di vittime innocenti armene, atrocità del genere non devono più ripetersi ed è per questo che è importante chiamare le cose con il loro nome.

Allo stesso tempo, però, mi unisco a coloro che riconoscono con piacere gli sforzi che la Turchia ha fatto e sta facendo per armonizzare le relazioni con l'Armenia, in uno spirito di riconciliazione che promuove la ricerca della verità e il rispetto reciproco. Le relazioni tra i due paesi devono normalizzarsi il prima possibile e noi, cittadini europei, dobbiamo fare del nostro meglio perché questo avvenga, non criminalizzando oggi la Turchia per ciò che è avvenuto in passato, ma aiutandola ad accettare il proprio passato, a rivederlo e a riconciliarsi dal profondo con il popolo armeno. Questa è la strada per entrare in Europa.

 
Note legali - Informativa sulla privacy