Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 8 settembre 2015 - Strasburgo Edizione rivista

Ricerca e innovazione nell'economia blu per creare occupazione e crescita (A8-0214/2015 - João Ferreira)
MPphoto
 
 

  Isabella De Monte (S&D), per iscritto. ‒ Fin dall'antichità il mare è considerato fonte di risorse: il trasporto marittimo è stato un mezzo di trasposto importante per persone e merci fino alla fine del XIX secolo mentre la pesca è stata e rimane un'importante fonte alimentare ed economica per i popoli costieri. Negli ultimi cinquant'anni però è mutato profondamente il rapporto tra l'uomo e il mare. Molte delle principali sfide di tipo sociale con cui oggi si deve confrontata l'umanità possono trovare una risposta grazie a migliori conoscenze dell'ambiente marino e una migliore capacità di utilizzare, gestire e conservare le risorse dei nostri mari, dei nostri oceani e delle nostre regioni costiere. Ho votato a favore di questa relazione perché ritengo che l'istruzione, la formazione, la ricerca e lo sviluppo siano elementi essenziali per favorire un'economia blu sostenibile e che sfrutti nel migliore dei modi le risorse marine a disposizione.

 
Avvertenza legale - Informativa sulla privacy