Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 8 settembre 2015 - Strasburgo Edizione rivista

Ricerca e innovazione nell'economia blu per creare occupazione e crescita (A8-0214/2015 - João Ferreira)
MPphoto
 
 

  Dario Tamburrano (EFDD), per iscritto. ‒ Ho votato contro questa relazione, nonostante vi siano vari punti su cui siamo d'accordo, tra i quali la necessità di garantire che lo sfruttamento delle risorse marine sia in equilibrio con i tassi di rigenerazione (e salvaguardia) degli ecosistemi, assicurandosi che il principio di precauzione e l'ecosystem approach siano il fulcro dell'economia blu.

Tuttavia, proprio per coerenza con tale principio, è per noi inconcepibile che tra i settori economici annoverati nella definizione di economia blu siano inclusi la prospezione e lo sfruttamento delle risorse minerali ed energetiche fossili offshore. Tali attività industriali hanno vita breve, non portano alla creazione di posti di lavoro a lungo termine e finiscono per distruggere in maniera irreversibile gli ecosistemi bentonici che diciamo di voler salvaguardare. Per noi deve esserci, anzi, una moratoria su tali attività, al fine di incentivare lo sviluppo e l'utilizzo di risorse energetiche rinnovabili sostenibili. Questa è una linea rossa, “non solo” per noi del M5S, “ma anche” per garantire la prosperità delle generazioni future.

 
Avvertenza legale - Informativa sulla privacy