Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 6 ottobre 2015 - Strasburgo Edizione rivista

Possibile estensione della protezione delle indicazioni geografiche dell'Unione europea ai prodotti non agricoli (A8-0259/2015 - Virginie Rozière)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. – Ho accolto con particolare favore il lancio della consultazione pubblica riguardo alla possibile estensione della normativa sulle indicazioni geografiche anche ai prodotti non agricoli. Il Libro verde, pubblicato dalla Commissione nel luglio 2015, evidenzia come sia alto e acceso l'interesse dei paesi membri affinché anche i prodotti non agricoli, ma frutto della tradizione, della cultura e dell'artigianato locali, possano godere di una speciale evidenza e regolamentazione che ne tuteli le loro peculiarità ed eccezionalità. È questa una splendida occasione per dimostrare come l'Europa possa essere fonte di promozione, garanzia e valorizzazione dei prodotti e dei territori locali, e come la forza dell'Unione risieda proprio nel rispetto e valorizzazione delle diversità e delle sue unicità per rilanciare lo sviluppo economico, richiamare curiosità e turismo internazionale e offrire sempre maggiori garanzie sia ai produttori che ai consumatori. Mi rallegro pertanto con la collega Roziere per l'ottimo lavoro di sintesi realizzato nella sua relazione.

 
Note legali - Informativa sulla privacy