Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 8 ottobre 2015 - Strasburgo Edizione rivista

Pena di morte (B8-0998/2015, B8-0998/2015, B8-0999/2015, B8-1001/2015, B8-1005/2015, B8-1006/2015, B8-1007/2015, B8-1008/2015)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. – Do il mio pieno sostegno all'interrogazione posta alla Commissione dall'onorevole Valenciano sulla pena di morte perché offre a tutti noi l'occasione di riflettere ancora una volta, in occasione del 10 ottobre, tredicesima giornata mondiale contro la pena di morte, su quanto inaccettabile e distante sia dall'animo umano e dallo spirito europeo un metodo punitivo che promuove la cultura di morte e la violazione del diritto alla vita come risposta alla violenza.

La vita umana è sacra, ed è compito della politica tutelare il bene ed il rispetto della persona. Qualunque sia il reato commesso, "Una giusta e necessaria punizione non deve mai escludere la dimensione della speranza e l'obiettivo della riabilitazione" come lo stesso Papa Francesco ha ricordato a noi tutti solo qualche mese fa nell'Aula di Strasburgo, invocando la cancellazione della pena di morte.

 
Note legali - Informativa sulla privacy