Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 29 ottobre 2015 - Strasburgo Edizione rivista

Seguito dato alla risoluzione del Parlamento europeo del 12 marzo 2014 sulla sorveglianza elettronica di massa dei cittadini dell'UE (B8-1092/2015)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. – La tecnologia sia fonte di conoscenza e democratizzazione del sapere e non potenziale rischio per i cittadini che vi accedono. Deploro pertanto ogni uso sconsiderato e potenzialmente rischioso della rete per i cittadini e reclamo un'azione forte dell'Europa che impedisca qualsiasi impiego strumentale dei dati privati degli utenti della rete a fini commerciali o per qualsiasi altro tipo di speculazione.

La UE sia pronta a consolidare gli impegni assunti con la risoluzione del Parlamento europeo del 12 marzo 2014 in merito alla sorveglianza elettronica di massa e adotti tutte le misure in suo possesso per assicurare ai cittadini i diritti fondamentali anche nell'era digitale, prima tra tutte la libertà nella navigazione.

 
Note legali - Informativa sulla privacy