Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 25 novembre 2015 - Strasburgo Edizione rivista

Prevenzione della radicalizzazione e del reclutamento di cittadini europei da parte di organizzazioni terroristiche (A8-0316/2015 - Rachida Dati)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. – I tragici fatti che hanno investito l'Europa negli ultimi giorni rendono ancora più urgente un'azione ferma e perentoria dell'Unione, una risposta che non si fermi alla pancia della reazione ma che preveda una strategia capace di guardare lontano, partendo da lontano: l'obiettivo deve essere quello di minare il consolidamento delle organizzazioni terroristiche alla base, isolando i detenuti radicalizzati nelle carceri, frenando il fenomeno del reclutamento di cittadini europei, chiedendo aiuto ai grandi operatori della rete affinché si responsabilizzino per un controllo sempre maggiore dei contenuti illeciti in Internet, mettendo in atto una decisa e strutturata attività di intelligence condivisa, ostacolando soprattutto ogni forma di riciclaggio e finanziamento occulto alle reti del terrorismo.

Do il mio sostegno alla relazione per una strategia a favore della prevenzione della radicalizzazione del terrorismo: questo è il momento della responsabilità e l'Europa può affrontarlo solo se si presenterà unita e solida, aperta al dialogo, ma vigile e costantemente supportata da un forte sistema di cooperazione e condivisione di informazioni e piani di azione.

 
Note legali - Informativa sulla privacy