Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 15 dicembre 2015 - Strasburgo Edizione rivista

Verso un'Unione europea dell'energia (A8-0341/2015 - Marek Józef Gróbarczyk)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. – L'Unione europea per essere forte e sicura deve innanzitutto essere libera. Svincolarsi da qualunque dipendenza, soprattutto se labile o inaffidabile, in materia di forniture di gas ed energia e rendere indipendenti gli Stati membri e l'Unione stessa da pericolosi rischi di interruzioni di approvvigionamento a fini politici è una priorità cui l'Europa deve dare immediata risposta. Questo è solo uno dei motivi che mi ha portato ad apprezzare con grande slancio l'ottimo lavoro effettuato dal collega Flavio Zanonato, shadow rapporteur per il gruppo S&D nella relazione "sui progressi verso un'Unione europea dell'energia" che supporto favorevolmente, pur riservandomi di respingere le note pro-nucleare per consolidate e profonde convinzioni personali. Sicurezza, integrazione del mercato europeo dell'energia, decarbonizzazione, ricerca e competitività penso siano obiettivi ambiziosi ma irrinunciabili per una crescita dell'Europa responsabile, sostenibile, libera e lungimirante.

 
Note legali - Informativa sulla privacy