Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 19 gennaio 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Ruolo del dialogo interculturale, della diversità culturale e dell'istruzione nella promozione dei valori fondamentali dell'UE (A8-0373/2015 - Julie Ward)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. – Il messaggio che il Parlamento europeo invia con l'approvazione della relazione della collega Julie Ward che ritengo importante sostenere, è il fermo richiamo al naturale e primo valore su cui si costruisce l'identità culturale dell'Unione: la garanzia del rispetto dei diritti e della dignità umana. Emarginazione, intolleranze, riemergere di fenomeni xenofobici: contro i grandi mali che minacciano oggi la nostra società, gli strumenti più potenti che abbiamo restano inclusione, equità e rispetto della persona che ritroviamo nel nostro DNA di europei, sanciti già nella Carta dei diritti fondamentali. Condivido l'idea che siano il dialogo, la cooperazione e l'istruzione i fattori cardine a supporto della diffusione e della condivisione dei nostri valori, per un sostegno concreto allo sviluppo di una società pluralistica e democratica e auspico inoltre che l'Europa possa pregiarsi presto di essere non solo promotrice ma anche capofila di un sentire comune dal forte carattere solidale e democratico, in cui le pari opportunità siano finalmente ritenute investimento e risorsa e non pericolo da ostacolare.

 
Note legali - Informativa sulla privacy