Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 19 gennaio 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Fattori esterni che rappresentano ostacoli all'imprenditoria femminile europea (A8-0369/2015 - Barbara Matera)
MPphoto
 
 

  Salvatore Cicu (PPE), per iscritto. ‒ Ho votato a favore del provvedimento poiché riconosco il valore dell'imprenditoria femminile quale contributo fondamentale alle sviluppo delle comunità locali e all'inclusione sociale.

Nel 2012 le donne rappresentavano soltanto il 31% del totale dei lavoratori autonomi dell'UE-28. Secondo le statistiche le donne ricorrono meno ai finanziamenti esterni, incontrano difficoltà ad accedere a finanziamenti sotto forma di partecipazione al capitale e tendono a scegliere forme di raccolta del capitale maggiormente onerosi. Sebbene la direttiva 2004/113/CE vieti espressamente ai servizi finanziari di effettuare discriminazioni nell'erogazione dei prestiti bancari, ritengo doveroso insistere sul problema della differenziazione di trattamento nell'accesso al credito per le imprenditrici da parte dei fornitori di servizi finanziari.

 
Avvertenza legale - Informativa sulla privacy