Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 19 gennaio 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Fattori esterni che rappresentano ostacoli all'imprenditoria femminile europea (A8-0369/2015 - Barbara Matera)
MPphoto
 
 

  Alessia Maria Mosca (S&D), per iscritto. ‒ Accogliamo con favore la proposta di relazione incentrata sulla valorizzazione e sullo stimolo dell'imprenditoria femminile.

Sappiamo bene, infatti, che la capacità di fare impresa, soprattutto impresa innovativa e impresa sociale, è una leva importante per azionare e sostenere la crescita in Europa. Tuttavia, le donne sono meno di un terzo del totale degli imprenditori europei e, in generale, la maggior parte delle donne non considera l'imprenditoria tra le proprie possibilità di carriera.

Si tratta, evidentemente, di un problema culturale, di cui l'Unione europea deve farsi carico e a cui deve cercare di porre rimedio: per questa ragione chiediamo uno sforzo ulteriore sia sul piano dei finanziamenti (una maggiore visibilità dei finanziamenti destinati all'attività imprenditoriale e un accesso facilitato al finanziamento delle imprenditrici nei settori innovativi e sostenibili in cui è maggiore la presenza degli uomini) sia in un senso più esteso, predisponendo un approccio olistico all'imprenditorialità femminile, volto a incoraggiare e sostenere le donne nella scelta di una carriera di imprenditrici, anche contribuendo alla creazione di un contesto che consenta alle donne di realizzare pienamente le proprie potenzialità assicurando la conciliazione tra vita professionale e personale, l'accesso alle strutture di cura per l'infanzia e a formazioni calibrate.

 
Avvertenza legale - Informativa sulla privacy